VARESINA BIS   INCUBO      OOPPORTUNITA’?
• SS 233 – Variante tra Origgio e Tradate (tav. S-9b) Opera in legge  obiettivo, con progetto preliminare Società Pedemont...
• La Tabella A allegata alle NDA del PTC prevede:  SS 233 – Variante tra Tradate e LonateCeppino  (tav. S-9a) progetto pre...
CI SONO DUE APPROCCI PER ANALIZZARE UN PROBLEMA…..                                         Il primo……Vedere il mondo      ...
• Il secondo…quello dell’aquila…ovveroIMPARIAMO AD OSSERVARE DALL’ALTO
In provincia di Varese ci          spostiamo, ogni giorno….•   70,8% con l’auto•   8,9% con il trasporto pubblico urbano• ...
Quattro anni fa scrivevo, a proposito della Varese Como…• Ogni nuovo intervento stradale inserito in una  situazione forte...
Due terribili verità:1) la vera emergenza del nord Milano  non è il traffico ma l’inquinamento   (CO2, PM10, Ozono) dell’a...
• LA SOLUZIONE:• ABBANDONARE IL SOGNO DEL TUTTI IN AUTO• INVESTIRE INTELLIGENZE E RISORSE PER  RILANCIARE IL MEZZO PUBBLIC...
• Mezzi pubblici• I mezzi di trasporto di Monaco sono efficientissimi e la  rete è capillare. La metropolitana (in tedesco...
Agli italiani piace andare in macchina. Sempre e comunque, nulla liscoraggia: le lunghe attese nel traffico, gli alti cost...
IL VERO PROBLEMA è QUINDI: SIAMO DISPOSTI A SACRIFICARE GLI ULTIMI SPAZIRESIDUI DI VERDE DEL NORD MILANO PER LA FALSA   IL...
Progettare il territorio partendo dalla   consapevolezza che è un bene     fondamentale ed è FINITO!
I DATI EMERSI dall’Ersaf Lombardia parlano chiaro: le aree antropizzate siespandono a discapito di quelle agricole a una v...
Varesina bis, siete sicuri che volete questo futuro?                                    | Stampa | Invia | Scrivi         ...
- La Varesina Bis come ogni strada provinciale farà nascere speculazioni sui terreni limitrofi.      Storicamente non cè u...
- Più strade generano più traffico. Sono impazzito. No è una interessante teoria che si chiama traffico indotto.          ...
Continua Leeming…     Il traffico indotto può venire generato anche da precedenti utenti del         trasporto pubblico ch...
Roma. - (Adnkronos) - L80,5% del totale deglispostamenti compiuti in Italia e su ruote.Fra i mezzi motorizzati, poi, la ri...
Le pressioni si possono orientare… Ad oggi sussistono forti pressioni siaper aumentare il numero delle strade   che per au...
I NOSTRI                               POLMONI:                Parco pinetaPlis olona             Omino verde
MARZO 2012-Varese news•   La Varesina Bis si può accorciare, come chiesto dal comune di Tradate. Lo hanno comunicato i ver...
Non deve essere questa la Tradate del              futuro
È meglio sognarla cosi…
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Tradate Varesina Bis: dati e analisi
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Tradate Varesina Bis: dati e analisi

2,362 views
2,181 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,362
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tradate Varesina Bis: dati e analisi

  1. 1. VARESINA BIS INCUBO OOPPORTUNITA’?
  2. 2. • SS 233 – Variante tra Origgio e Tradate (tav. S-9b) Opera in legge obiettivo, con progetto preliminare Società Pedemontana SPA Approvato dal CIPE; (livello di vincolo: conformativo dei suoli, art. 12 NDA) TRB_TRD– Collegamento tra la località Torba e la SS233 con proseguimento in Comune di Tradate (tav. S-30), proposta di PTCP.Vi sono poi altre misure strategiche per la mobilità, che interessano marginalmente il territorio di Tradate, ma che condizioneranno con le loro scelte future la mobilità di transito lungo il territorio comunale. In particolare: il sistema di tangenziali tra GazzadaSchianno, la località Ponte di Vedano, la località Folla di Malnate sino al valico del Gaggiolo, il peduncolo di Vedano, l’Autostrada Varese-Como, la variante tra Origgio e Saronno fino alla SP 233, l’autostrada Pedemontana, il collegamento tra la SP 12 e la SP 20 tra Cairate e Castelseprio.
  3. 3. • La Tabella A allegata alle NDA del PTC prevede: SS 233 – Variante tra Tradate e LonateCeppino (tav. S-9a) progetto preliminare approvato provincia di Varese come recepito da regione lombardia (livello di vincolo: conformativo dei suoli, art. 12 NDA), profondità del corridoio di salvaguardia: 30 m dall’asse.
  4. 4. CI SONO DUE APPROCCI PER ANALIZZARE UN PROBLEMA….. Il primo……Vedere il mondo dalla parte delle formiche….
  5. 5. • Il secondo…quello dell’aquila…ovveroIMPARIAMO AD OSSERVARE DALL’ALTO
  6. 6. In provincia di Varese ci spostiamo, ogni giorno….• 70,8% con l’auto• 8,9% con il trasporto pubblico urbano• 4,3% con il treno• 4,1% con autobus extraurbano• 12% in moto, bici, piedi• Dati VAS PTCP Varese
  7. 7. Quattro anni fa scrivevo, a proposito della Varese Como…• Ogni nuovo intervento stradale inserito in una situazione fortemente urbanizzata genera ulteriore caos. Nelle migliore delle ipotesi, se anche la soluzione dovesse temporaneamente velocizzare il traffico oltre al danno della scomparsa di aree verdi e dell’ulteriore cementificazione di altre aree prospicienti (nuove lottizzazioni attratte dall’autostrada veloce, autogrill, nuove zone industriali e commerciali) SI ARRIVEREBBE in pochi anni all’intasamento della strada con la richiesta del futuro sindaco di…una nuova autostrada!
  8. 8. Due terribili verità:1) la vera emergenza del nord Milano non è il traffico ma l’inquinamento (CO2, PM10, Ozono) dell’aria da traffico 2) in un territorio fortemente urbanizzato ogni nuova strada non è mai l’ultima operazione , perché saràINEVITABILMENTE seguita da ulteriori interventi cementificatori
  9. 9. • LA SOLUZIONE:• ABBANDONARE IL SOGNO DEL TUTTI IN AUTO• INVESTIRE INTELLIGENZE E RISORSE PER RILANCIARE IL MEZZO PUBBLICO• NON è UTOPIA, è Ciò CHE ESISTE DA TEMPO NEL NORD EUROPA
  10. 10. • Mezzi pubblici• I mezzi di trasporto di Monaco sono efficientissimi e la rete è capillare. La metropolitana (in tedesco U- bahn, ovvero unter-bahn: "strada sotterranea") è il fiore allocchiello dei trasporti pubblici di Monaco e copre lintera area metropolitana. Le aree periferiche sono raggiunte invece dalla S-bahn (ovvero Schnell- Bhan, "strada veloce"): si tratta di treni che una volta usciti dal centro escono in superficie e raggiungono anche i sobborghi più lontani, compreso laeroporto (S1 ed S8). I trasporti pubblici includono inoltre tram e bus che sono altrettanto efficienti
  11. 11. Agli italiani piace andare in macchina. Sempre e comunque, nulla liscoraggia: le lunghe attese nel traffico, gli alti costi del carburante, i dannicausati allambiente. Andare a piedi, in bicicletta o prendere i mezzi pubblicinon è in, è scomodo o semplicemente non si pensa alle conseguenzedelluso esagerato dellautomobile. Il risultato è che le città del Bel Paesesoffocano nel traffico e per linquinamento, il trasporto pubblico è pocousato e quindi, di conseguenza, poco sviluppato. Da dove si dovrebbeiniziare? Dalleducazione.Ma chi dovrebbe educare? La classe politica. In questo caso gliamministratori locali che dovrebbero potenziare (al massimo) il trasportopubblico e sfavorire (la massimo) luso delle quattro ruote. I risultati siottengono solo limitando luso delle automobili e al tempo stesso dandovalide alternative ai cittadini migliorando il trasporto pubblico. Quello cheappunto succede in molte metropoli del Nord Europa. Lesempio mi è sottogli occhi tutti i giorni. Vivo a Monaco di Baviera dove apprezzo tantissimometropolitana, bus, tram. Un trasporto pubblico che rende la mia vitamigliore, che non mi stressa. Sono cresciuto a Roma. Lì spostarmi era unincubo: traffico, stress…
  12. 12. IL VERO PROBLEMA è QUINDI: SIAMO DISPOSTI A SACRIFICARE GLI ULTIMI SPAZIRESIDUI DI VERDE DEL NORD MILANO PER LA FALSA ILLUSIONE DI UNA MOBILITà AUTO VELOCE?
  13. 13. Progettare il territorio partendo dalla consapevolezza che è un bene fondamentale ed è FINITO!
  14. 14. I DATI EMERSI dall’Ersaf Lombardia parlano chiaro: le aree antropizzate siespandono a discapito di quelle agricole a una velocità tale da preoccuparela Direzione Agricoltura, che chiama a raccolta Province e ComuniQuesti sono i dati per la provincia di Varese: dal 2000 al 2007Aree agricole -3,9% siamo al 15,3% sul totAree boscate -1,5% siamo al 46,3%Aree antropizzate +4,7% siamo al 28,7%
  15. 15. Varesina bis, siete sicuri che volete questo futuro? | Stampa | Invia | Scrivi Caro Direttore, ricevo una mail dagli amici di Legambiente Tradate che mi informa che Sabato 10 novembre ci sarà un incontro pubblico in Villa Truffini a Tradate per parlare dellimminente arrivo della Varesina Bis. Le ragioni per preoccuparsi ci sono eccome e ne vorrei elencarne alcune. Invito tutti i mieiconcittadini ma anche i lettori di VareseNews a porsi le mie stesse domande e riflettere prima di etichettare questi ragionamenti come frutto dei soliti "ambientalisti perditempo":- La Varesina Bis avrà il compito di fluidificare il traffico sulla Varesina. Fluidificare significa evitare che si formino code o rallentamenti. Posso dire che da quando in Tradate hanno rimpiazzato alcuni incroci semaforici con delle rotatorie le code in questi tratti di strada si sono ridotte in modo sensibile. Quindi per fluidificare il traffico non occorre costruire altre strade, occorreeliminare alcuni meccanismi di regolamentazione della circolazione che forse andavano bene con il traffico veicolare di 50 anni fa ma che ora risultano inefficienti se non peggiorativi. Il miglioramento quindi di una strada già presente non solo risolverebbe alcuni nodi critici ma consentirebbe un risparmio notevole nelle casse di bilancio dei comuni interessati. Possibile chela spendingreview si debba applicare solo ai servizi sociali e mai agli appalti di costruzione strade (che vedo sempre floridi e ben foraggiati).
  16. 16. - La Varesina Bis come ogni strada provinciale farà nascere speculazioni sui terreni limitrofi. Storicamente non cè una provinciale che non abbia avallato la costruzione di complessi industriali, capannoni e centri commerciali intorno alla sua sede stradale. Siccome a Tradate di centri commerciali ce ne hanno già regalato uno nuovo di zecca faremmo volentieri a meno di altri eco-mostri di cemento. Tra laltro volevo anche far notare che lattuale centro "La Fornace" risulta incompiuto e sovradimensionato per una cittadina come Tradate. Laprova è che al suo interno molti piani risultano ancora vuoti e non affittati da attività commerciali.Un gran bel deserto che nulla a che vedere con la vivace, sana e genuina attività del centro storicodi Tradate, dove sopravvivono ancora negozi guidati da commercianti che offrono servizi e qualità che nessun grande centro della distribuzione potrà mai replicare. - La Varesina Bis avalla un concetto pericoloso: che linvestimento preferenziale è sempre e solo rivolto alla costruzione di nuove strade. Siete mai transitati in Tradate intorno alla rotatoria dellaereo Aermacchi? Avete notato un piccolo cantiere stradale ormai dismesso? Ebbene quella sarebbe dovuta essere la pista ciclabile per promuovere la mobilità lenta in Tradate. Siete mai andati da Tradate a LonateCeppino per via Albisetti? Avete notato un medesimocantiere abbandonato da circa 8 mesi. Altra pista ciclabile. Altro progetto fermo. Notevoli sono gli appalti per usare mezzi alternativi ma ben altre sono le capacità di intenti dei nostri amministratori. I permessi edificatori di nuove palazzine vengono rilasciati a tempi di record...le piste ciclabili hanno una genesi decennale.
  17. 17. - Più strade generano più traffico. Sono impazzito. No è una interessante teoria che si chiama traffico indotto. Mi farò aiutare dal suo teorizzatore, un ingegnere del traffico, J.J.Leeming: Autostrade e circonvallazioni generano traffico, cioè producono del traffico addizionale, nei seguenti modi: a) inducendo le persone a effettuare spostamenti che non avrebbero altrimenti intrapreso rendendo il nuovo percorso più conveniente del vecchio; b) facendo deviare le persone dal loro percorso precedente e spesso più diretto per usufruire dei vantaggi in termini di tempo della nuova strada; c) facendo affluire per shopping e visite alle città bypassate dalle circonvallazioni più persone di quando il traffico di attraversamento scoraggiava questo genere di spostamenti.Un esempio di traffico indotto è stata la costruzione di una circonvallazione intorno a Londra, la M25, tra la fine degli anni ottanta e linizio dei novanta. Nel breve periodo (quasi dallapertura), la circonvallazione si trovò ad essere estremamente trafficata e spesso congestionata (dato che i progettisti avevano sottostimato il livellodella domanda, che era in parte indotta, e per questo la strada non aveva la capacità sufficiente a soddisfarla).Nel lungo periodo, cioè nel giro di qualche anno, si svilupparono nuove aree residenziali e lavorative nei pressi della M25, contribuendo a cambiare le scelte abitative e occupazionali, che andarono ad incrementare ulteriormente la domanda. - Zonizzazione. Io sulla Varesina Bis non ne ho mai sentito nemmeno accennare. Questo principio è uno strumento dellurbanistica che consente di suddividere il territorio di ciascun comune in aree specifiche ed omogenee alle quali viene attribuita una funzione specifica con attribuzione di vincoli e limiti.Perchè sui territori scelti per la Varesina Bis non si è mai parlato di zonizzazione? Una risposta che mi verrebbe spontanea è perchè questi territori sono occupati ancora da boschi e campi che aspettano di essere urbanizzati. Chi dice il contrario sa di mentire. Quindi cari cittadini dei comuni interessati che futuro volete per voi e per i vostri figli? Volete decine di provinciali bis-ter-quater che non portano a nulla e per vedere un pò di alberi e di boschi andrete in Svizzera? Siete sicuri che volete questo futuro? 7/11/2012 Felice Griffi
  18. 18. Continua Leeming… Il traffico indotto può venire generato anche da precedenti utenti del trasporto pubblico che decidono di passare allutilizzo dellauto. Nel lungo periodo gli schemi di utilizzo del territorio vengono alterati - per esempio si costruiscono nuovi insediamenti lungo la nuova strada, aumentando la domanda di trasporto. Vengono anche influenzate le scelte abitative e lavorative delle persone a causa della nuova strada (e benché questa sia una conseguenza prevista dalleconomia urbana, costituisce traffico indotto, di solito perché la gente è disponibile ad andare più lontano per recarsi al lavoro in conseguenza della costruzione di una nuova strada, aumentando il livello complessivi di veicoli/chilometropercorsi). Alla fine, il traffico indotto può di nuovo portare la capacità stradale al collasso, in un circolo vizioso.
  19. 19. Roma. - (Adnkronos) - L80,5% del totale deglispostamenti compiuti in Italia e su ruote.Fra i mezzi motorizzati, poi, la ricerca Isfortmette in evidenza la netta preferenza accordatadagli italiani allautomobile. Infatti glispostamenti in auto sono aumentati dell1,9%rispetto allo scorso anno, arrivando a sfiorare iltetto dell84% (83,8% per lesattezza) sul totaledegli spostamenti avvenuti con un mezzomotorizzato.In diminuzione, invece, il numero deglispostamenti che avvengono utilizzando mezzipubblici, moto e ciclomotori. Luso dei mezzipubblici, infatti, e calato dell1,6% rispetto alloscorso anno, passando dal 13,1% all11,5%.
  20. 20. Le pressioni si possono orientare… Ad oggi sussistono forti pressioni siaper aumentare il numero delle strade che per aumentare la diffusione el’efficienza del mezzo pubblico e delle piste ciclabili TEST: a parità di investimento quale delle due genera più speculazione? Esempio piano delle cave…
  21. 21. I NOSTRI POLMONI: Parco pinetaPlis olona Omino verde
  22. 22. MARZO 2012-Varese news• La Varesina Bis si può accorciare, come chiesto dal comune di Tradate. Lo hanno comunicato i vertici di Pedemontana al sindaco Stefano Candiani che mercoledì sera in Regione Lombardia ha incontrato i tecnici che si stanno occupando del progetto. L’attesa opera connessa alla Pedemontana, che andrà da Uboldo a Tradate, intersecando l’autostrada all’altezza di Cislago, è sempre più vicina.• Tanto vicina che è anche stato comunicato l’affidamento dell’appalto a una società che si occuperà della progettazione esecutiva e della costruzione dell’opera. Il cantiere dovrebbe iniziare, salvo intoppi, nei prossimi 24 mesi. Nella zona di Uboldo sono anche già arrivate le prime lettere di avviso per gli espropri dei terreni.•• L’incontro in Regione con il comune di Tradatesarebbe dovuto avvenire la scorsa settimana, ma era poi stato rinviato. Sul tavolo c’era la richiesta del sindaco Candianidi accorciare il tracciato della Varesina Bis, facendolo terminare nella zona industriale e non arrivare fino a via Albisetti, la strada che porta a LonateCeppino: «Questo perché con quel che si risparmia tanto vale chiedere di mettere in sicurezza l’attuale Varesina– spiega il primo cittadino -. È inutile attraversare il Parco dei tre castagni se poi non si arriva con il tracciato almeno fino a Venegono».• La proposta ha stupito i vertici di Pedemonantana: «Sì, non se lo aspettavano, di solito i comuni chiedono di allungare i tracciati – conclude Candiani -. Siamo rimasti d’accordo che dovremo presentare una richiesta ufficiale e il tracciato sarà discusso in fase di progettazione esecutiva. Ma la società è sembrata molto favorevole alla proposta. Intanto è un buon passo avanti il fatto che sia stato tutto appaltato, ora dovremmo avere tempi certi».•
  23. 23. Non deve essere questa la Tradate del futuro
  24. 24. È meglio sognarla cosi…

×