Your SlideShare is downloading. ×

Osservazioni Complete

220
views

Published on

Osservazioni di Legambiente Tradate relative al PGT di Tradate

Osservazioni di Legambiente Tradate relative al PGT di Tradate


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
220
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Sede  :Via  IV  Novembre,  20  -­‐  Tradate   Rif.:  Antonella  Poretti-­‐  3382240375         Spett.le               Comune  Tradate     Piazza  Mazzini,6   .  Sig.a  Sindaco   .  Ufficio  Edilizia  Privata/Tributi      Geom  Leonardo  Vella     Oggetto:    Osservazioni   e   proposte   al   provvedimento   di   VAS   relativo   al   Piano   di   Governo  del  Territorio  del  Comune  di  Tradate.     In   relazione   al   Piano   di   Governo   del   Territorio,   ai   sensi   e   per   gli   effetti   della   legge   regionale   11   Marzo   2005   n°12,   l’associazione   Legambiente   Tradate   presenta   in   carta   libera   le   seguenti   osservazioni  e  suggerimenti  sulla  Valutazione  Ambientale  Strategica/Documento  di  Piano  e  chiede   risposta  scritta.   Questo  scritto  non  è  esaustivo,  ma  semplicemente  indicativo  delle  criticità  della  VAS/DdP  secondo   la  nostra  Associazione.   Riteniamo   che   gli   indirizzi   proposti   siano   stati   in   parte   disattesi   dal   DdP   in   questione   e   che   nel   piano,   oltre   all’enunciazione   degli   indirizzi   generali,   non   si   evidenziano   scelte   veramente   innovative  ed  europee  nel  proporre  un  disegno  ecologico  e  sostenibile  della  Tradate  del  futuro.   Tale   Documento,   pur   riconoscendo   una   situazione   edificatoria   eccessiva   dovuta   al   vigente   PRG,   non   evidenzia   una   scelta   chiara   e   netta   riguardo   nuove   edificazioni,lasciando   spazio   ad   ulteriori   possibilità  all’interno  dell’ambito  urbano.    Il  tutto  in  aperta  contraddizione  sia  con  le  indicazioni  provenienti  dal  Documento  di  Scoping,  sia   con   la   valutazione   degli   indicatori   statistici   di   sviluppo   demografico,   sia   con   l’analisi   socio-­‐ economica.   Attualmente   molti   edifici   residenziali   risultano   liberi.   Inoltre,   ampie   costruzioni,   industriali,   artigianali   e   commerciali   sono   dismesse   o   sottoutilizzate,   mentre   la   popolazione   di   Tradate  è  pressoché  stabilizzata.   Lo   strumento   quindi   appare   complessivamente   inidoneo   a   orientare   in   senso   logico   l’evoluzione   urbanistica   di   un   territorio   già   oggi   alquanto   compromesso   e   soggetto   a   parecchie   pressioni:   il   “tessuto  urbano”  della  città  di  Tradate  è  molto  denso  e  segnato  dalla  concentrazione  di  arterie  di   traffico  esistenti  e  in  progetto.     La   mancanza   di   un   corretto   dimensionamento   abitativo   nel   Documento   di   Piano1   rende   tale   strumento   non   coerente   con   gli   obiettivi   di   minimizzazione   del   consumo   di   suolo   -­‐quindi   di   sostenibilità   ambientale-­‐   essendo   frutto   di   una   scelta   politica   non   fondata   sui   principi   di   logicità                                                                                                                   1 Tale questione è affrontata dettagliatamente nella scheda 2
  • 2. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. Richiamiamo  in  proposito  la  recente  sentenza  del  TAR  di  Brescia  relativa  al  Comune  di  Soncino  per   la   previsione   d’incrementi   di   unità   abitative   non   supportati   da   valutazione   di   tendenza   e   di   presente  domanda  insediativa,  per  cui  dichiarato  illogico.   Anche   nell’elaborazione   degli   stessi   Ambiti   di   Trasformazione   emerge   un   approccio   quasi   esclusivamente  di  tipo  edificatorio,  dove  prevalgono  le  trasformazioni  di  uso  verso  il  residenziale   privato  o  il  commerciale,  con  il  mantenimento  delle  cospique  volumetrie  delle  aree  dismesse.     Rammentiamo   che   Legambiente   Tradate   nel   Maggio   2009   ha   presentato   la   petizione   popolare   “ZERO   CONSUMO   DI   SUOLO,   SALVIAMO   IL   FUTURO“   con   800   firme   di   cittadini   tradatesi,   i   quali   hanno  esplicitato  il  proprio  pensiero  ed  effettuato  un’inequivocabile  richiesta.  Il  PGT  deve  essere   partecipato   e   condiviso,   per   cui   è   doveroso   tener   conto   di   questa   espressione   popolare   documentata.   Inoltre   nell'ottobre   2010   con   185   firme   i   residenti   del   quartiere   Pineta   hanno   manifestatamente   dichiarato   la   loro   contrarietà   alle   trasformazione   di   un   intero   bosco   in   una   nuova  zona  residenziale  in  Via  Broggi.   Legambiente   chiede   che   i   criteri   e   la   definizione   quantitativa   della   crescita   complessiva   di   piano   siano  realmente  volti  al  contenimento  del  consumo  di  suolo  e  chiaramente  definiti  nel  documento   di  piano  che  deve  esplicitare  tutte  le  politiche  insediative  del  PGT  (e  non  solo  riportare  la  somma   degli  abitanti),  non  solo  quelle  inerenti  gli  ambiti  di  trasformazione,  ma  anche  quelle  che  saranno   poi  governate  da  PdR  e  PdS.  Si  ricorda  che  il  DdP  è  gerarchicamente  superiore  ai  successivi  Piani   del  PGT  ed  è  l’unico  soggetto  a  VAS.   Mancano  inoltre  indicazioni  sulla  segnalazione  di  suoli  liberi  per  garantirsi  le  aree  necessarie  alla   piantumazione  prevista  dalla  Legge  10/2013  “  Norme  per  lo  sviluppo  degli  spazi  verdi  urbani”.  Una   di  queste  aree  potrebbe  ad  esempio  essere  l'ex  piattaforma  ecologica  di  Via  Colmbini  (AT8).   Con   la   presente   chiediamo   che   il   piano   sia   modificato,   dando   il   dovuto   peso   al   principio   di   un   effettivo   consumo   di   suolo   pari   a   zero   e   rivedendo   completamente   le   scelte   non   ancora   completamente   attuate   di   PRG,   strumento   che   il   PGT   deve   sostituire   e   non   aggiornare,   introducendo   norme   per   la   tutela   e   salvaguardia   degli   ultimi   spazi   verdi   in   area   urbana   ed   introducendo  una  consistente  riduzione  degli  indici  edificatori  per  tutte  le  zone  omogenee  come   più  avanti  esplicitato.   Anche   eventuali   strumenti   di   perequazione,   compensazione   e   incentivazione   dovranno   essere   usati  per  permettere  di  migliorare  le  aree  verdi,  la  vivibilità  e  i  servizi  in  ambito  urbano,  all’interno   di  un  calcolo  complessivo  dei  diritti  generati  coerente  con  i  bisogni  e  non  sopradimensionato.     Per  precisare  le  nostre  affermazioni  e  le  nostre  richieste  alleghiamo  le  seguenti  schede:   SCHEDA  N.°1:  “Riqualificazione  ecologica  della  città”   SCHEDA  N.°  2  “Consumo  di  suolo  zero   SCHEDA  N.°  3  “Ambiti  di  Trasformazione”.   Distinti  saluti   La  presidente   LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 2/11  
  • 3. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. SCHEDA  n.°  1  -­‐  Riqualificazione  ecologica  della  città     Nel  Documento  di  Scoping  l’Amministrazione  ha  espresso  la  volontà  politica  di  una  riqualificazione   urbanistica,  ma  nel  Piano  non  si  riscontrano  significative  azioni  in  tal  senso.   Per  riqualificazione  ecologica  della  città  intendiamo  quel  processo  di  riorganizzazione  urbana  che   abbia  come  obiettivo  una  migliore  qualità  della  vita  per  i  cittadini.     Andrebbe  rimarcato  nel  Piano  che  la  Città  di  Tradate  possiede  un'importante  peculiarità:  una  gran   parte  del  tessuto  urbano  è  felicemente  inserito  in  ambiti  fortemente  alberati.  Giardini,  ville,  grandi   viali   alberati,   parchi   pubblici   e   parchi   privati   concorrono   a   poter   definire   Tradate   al   pari   di   una   “città  giardino”.   L’evoluzione   urbanistica   degli   ultimi   anni   ha   in   parte   cancellato   e   distrutto   questa   immagine   creando   quartieri   dormitorio,   grandi   centri   commerciali   vissuti   come   “non   luoghi”,   oltre   che   cementificato  alcuni  dei  boschi  e  parchi  storici  della  città.   La   riqualificazione   urbanistica   che   noi   chiediamo   è   l’operazione   di   diffondere   insieme   ad   una   migliore  qualità  abitativa,  una  alta  qualità  ambientale  a  tutte  le  zone  residenziali,  con  l’obiettivo  di   ricreare   una   continuità   “verde”   che   ricolleghi   tra   loro   i   due   ambiti   ad   alta   valenza   ecologica   del   Parco  Pineta  e  dei  PLIS  dell’Olona-­‐  3  Castagni.   Risulta   ora   evidente   come,   di   fronte   ad   una   dimostrata   inutilità   di   nuovi   insediamenti   abitativi,   qualunque  nuova  edificazione  in  area  sensibile,  prefigurandosi  come  ulteriore  frammentazione  di   tale   connessione   ideale,   andrebbe   analizzata,   minimizzata   e   mitigata   con   adeguato   piano   di   compensazione  ambientale.     Ad  esempio  avrebbe  potuto  essere  introdotto  già  nel  DdP  un  principio  per  la  salvaguardia  di  aree   verdi   a   notevole   valenza   ecologica   all’interno   dell’edificato   (aree   ad   edificazione   diffusa   con   giardini   e   parchi,   boschi   di   città),   oppure   i   due   grandi   corridoi   ecologici   indicati   nel   PTR   per   la   connettività   ambientale   tra   Parco   Pineta   di   Appiano   Gentile/Tradate   e   il   Parco   Tre   Castagni/vari   PLIS  richiederebbero  una  definizione  territoriale  più  specifica.     1)  REC   All’interno   del   DdP   viene   presentata   la   Rete   Ecologica   Comunale.   Si   richiede   una   definizione   più   accurata  dei  vari  ambiti  seguendo  la  simbologia  già  adottata  dalla  Regione.   Compito   della   REC   è   definire,   su   una   scala   di   maggior   dettaglio   rispetto   alla   RER,   tutte   quelle   aree   dotate  di  permeabilità  ecologica  atte  alla  diffusione  della  biodiversità.   Si   richiede   che   tutte   le   zone   verdi   individuate   all’interno   della   REC,   ma   non   inserite   nella   RER,   vengano  definite  come  “elementi  di  secondo  livello  della  rete  ecologica”.   Inoltre   si   richiede   che   venga   individuata   all’interno   del   tessuto   urbano   una   macroarea,   caratterizzata  da  un'elevata  concentrazione  di  giardini,  parchi,  boschi  e  prati  di  città,  quindi  da  una   buona  permeabilità  ecologica,  per  una  sua  definizione  di  fascia  tampone  della  REC.  Quest'area  può   indicativamente  estendersi  dal  Parco  Citterio,  passando  per  i  Castelli  Melzi  e  Pavoni,  quindi  seguire   la  Vignalunga  per  poi  attraversare  i  parchi  delle  ville  del  centro  di  Abbiate,  fino  alla  Villa  Mayer.   LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 3/11  
  • 4. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. In  tal  modo  tutte  le  aree  verdi,  agricole  e  boschive,  che  circondano  il  perimetro  urbanizzato  o  che,   all’interno  del  perimetro  stesso,  possiedono  valenza  ambientale,  andrebbero  a  confluire  nella  REC.   Esse  potrebbero  ricondursi  ad  uno  o  più  dei  4  livelli  di  protezione:   i. Parco  Regionale  Pineta   ii. Parco  PLIS  3  castagni   iii. Aree  incluse  nella  RER   iv. Aree   escluse   dai   casi   precedenti   (esempio   zona   di   rispetto   Parco   Pineta,   Torrente   Fontanile,  giardini  e  parchi  urbani)  ma  incluse  nella  REC.   Una  volta  definita  accuratamente  la  REC  devono  essere  forniti  nel  documento  di  Piano  i  progetti  di   valorizzazione,  rinaturalizzazione  e  nel  Piano  delle  regole  le  norme  di  salvaguardia  specifiche.     2)  PARCO  PLIS  3  CASTAGNI.     Si   propone   d’inserire   nel   costituendo   parco,   oltre   alle   aree   già   previste,   anche   le   rimanenti   aree   contigue  già  segnalate  dalla  RER.  Nello  specifico  ci  riferiamo  a  una  vasta  area  verde  confinante  con   Locate  a  Sud  e  con  la  Statale  Varesina.   Tale  area  assume  un  ruolo  ecologico  fondamentale  poiché,  oltre  che  essere  già  inclusa  nella  RER,  si   prefigura  come  elemento  di  connessione  tra  Parco  Pineta  e  Parchi  PLIS  dell’Olona,  così  come  viene   rimarcato  nella  RER  stessa.     3)  VERDE  PUBBLICO  E  PRIVATO   Occorre   inserire   nel   Documento   di   Piano   un   principio   di   tutela   del   verde   pubblico   e   privato,   demandando  al  Piano  delle  Regole  le  specifiche  norme  che  regolino  gli  abbattimenti,  i  ripristini  e  le   dotazioni   minime   di   alberature.   Può   essere   utile   raccogliere   tali   norme   all’interno   del   Regolamento  del  Verde  della  città  di  Tradate  ed  allegare  tale  documento  al  PGT  .     4)  VARESINA  BIS   In   riferimento   a   tale   opera   prevista   dalla   Regione,   nel   documento   di   Piano   e   nella   VAS   non   vengono   sufficientemente   rimarcati   i   pesanti   ed   insostenibili   impatti   negativi   sul   territorio   appartenente  alla  RER  e  che  andrà  ad  essere  soggetto  a  tutela  come  PLIS  -­‐3  castagni.   Occorre   inoltre   richiedere   e   prevedere,   nel   caso   di   una   sua   imposta   realizzazione,   una   serie   di   opere  di  mitigazione  e  compensazione  che  vanno  ben  oltre  quelle  attualmente  previste.       5)  MOBILITÀ   Nel   DdP   sono   presenti   alcune   affermazioni   troppo   generiche   rispetto   alla   mobilità   lenta.   Chiediamo   che   nel   Piano   dei   Servizi   sia   presente   un   progetto   generale   della   mobilità   lenta   con   obiettivi   e   scadenze   precise   per   la   nostra   città,   rilanciando   l’uso   della   bicicletta   su   piste   ciclabili   sicure,  con  dotazioni  di  rastrelliere  e  custodia  presso  le  Stazioni  ferroviarie.   Contemporaneamente   occorrerà   disincentivare   l’uso   dell’automobile   creando   zone   a   30   Km/ora   per  tutto  il  centro,  riprogettando  Piazza  Mazzini  come  luogo  di  incontro  e  socializzazione,  ma  non   di  transito  automobilistico.   LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 4/11  
  • 5. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. Nel   DdP   mancano   completamente   progetti   speciali   che   prevedano   azioni   concrete   per   abbattere   i   valori  di  inquinamento  dell'aria  che  risultano,  già  da  tempo,  fuori  limite  (relazione  analisi  ARPA  per   Tradate).   LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 5/11  
  • 6. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. SCHEDA  n.°  2  -­‐  Consumo  di  suolo  zero     Estrapoliamo  alcuni  dati  dal  Documento  di  Piano  stesso:    popolazione  attuale  18.400abitanti    metri  cubi  edificati  residenziali  4.180.000    metri  cubi  pro  capite  227       Segnaliamo   che   quest’ultimo   dato,   solo   parzialmente   spiegabile   con   le   tendenze   evolutive   dei   nuclei  famigliari,  è  evidentemente  falsato  dalla  presenza  di  centinaia  di  appartamenti  vuoti  e  non   può  essere  accettato  come  base  di  calcoli  e  previsioni  abitative.     Un  dato  più  realistico  per  poter  effettuare  elaborazioni  di  progetto  si  ottiene  ricavando  dal  d.d.P.   che  l’alloggio  modale  di  Tradate  è  formato  da  4  locali,  quindi  80-­‐100  mq,  in  cubatura  240-­‐300  mc.   Ipotizzando  una  famiglia  media  di  2-­‐3  persone  si  ottengono  da  80  a  150  mc  per  abitante.   Si  può  assumere  il  valore  massimo  di  150  mc/ab,  valore  già  adottato  in  moltissime  altre  città  (in   alcune  anche  100  mc/ab).   Facciamo   osservare   che   a   pag   25   del   DdP   2   vi   è   un   evidente   errore   di   calcolo,   in   quanto   si   riconferma  il  valore  di  240  mc/ab.  Tale  valore  è  errato  perché  non  viene  suddiviso  per  il  numero  di   abitanti   per   appartamento.   Se   dividiamo   la   cubatura   totale   per   il   numero   di   abitanti   (4.180.000/150)  otteniamo  il  numero  di  abitanti  potenziali  teorici  già  attualmente  insediabili  pari  a   27.867  (quasi  10.000  ab  in  più  degli  attuali!).   Ciò  significa  che  la  volumetria  complessiva  di  Tradate  può  far  fronte  agli  incrementi  demografici   dei  prossimi  anni,  come  ribadito  a  pag.  26  punto  4  del  Documento,  ove  si  ipotizza  un  orizzonte  fino   al  2018.   Se   si   pensa   a   una   crescita   demografica   di   230   ab   all’anno   (dal   piano   1.144   ab   teorici   in   più   in   5   anni)  l’edificato  esistente  è  sufficiente  per  un  orizzonte  temporale  ben  più  ampio.  In  altre  parole   disponiamo  di  unità  abitative  circa  10  volte  superiore  al  fabbisogno  previsto  dal  PGT  per  i  prossimi   5  anni.  E’  evidente  che  questi  dati  vanno  elaborati  in  modo  più  approfondito,  ma  essi  forniscono   già  un  sufficiente  quadro  fondamentale  per  orientare  i  criteri  di  scelta  edificatoria.     Alla   volumetria   esistente   occorre   sommare   ancora   29.300   mc   degli   Ambiti   di   Trasformazione   proposti  nel  Documento  (i  quali  vengono  forniti  senza  che  siano  definiti  caso  per  caso),  oltre  i  Piani   Attuativi  da  realizzare  e  quelli  in  corso  di  attuazione  del  vigente  PRG,  per  un  totale  di  395.000  mc.   Occorre   quindi   aggiungere   agli   abitanti   teorici   già   calcolati   una   nuova   quantità   ottenuta   dividendo   la  nuova  volumetria  sempre  per  150  (non  per  227,  dato  errato),  ottenendo  un  valore  pari  a  2.630   ulteriori  nuovi  abitanti.     Questi   sono   gli   elementi   fondamentali   di   progetto   che   vorremmo   diventassero   la   base   per   elaborare   delle   scelte   precise   all’interno   del   DdP,   scelte   che   solo   successivamente   andrebbero   sviluppate  nel  Piano  delle  Regole.   LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 6/11  
  • 7. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. Di  fronte  alla  pesantezza  di  questi  dati,  ci  domandiamo  come  può  muoversi  un  PGT  che  si  prefigga   il  contenimento  del  consumo  di  suolo  e  la  riqualificazione  urbana.     Legambiente  Tradate  ritiene  che  la  rappresentazione  del  Tessuto  Urbano  Consolidato  nelle  tavole   del  DdP  sia  indifferenziata  e  non  tenga  conto  delle  peculiarità  degli  ambienti  urbani.     Per  contribuire  all'auspicata  differenziazione  degli  ambiti  urbani,  proponiamo  quanto  segue.   A)  INDIVIDUAZIONE  DI  UNA  NUOVA  ZONA  OMOGENEA  PER  PRESERVARE  LE  AREE  VERDI  URBANE   Coerentemente  a  quanto  già  affermato  nella  scheda  1  in  merito  alle  fasce  tampone  della  REC,  si   ritiene  fondamentale  l'individuazione  di  una  nuova  zona  omogenea  (da  denominarsi  ad  esempio   "aree  urbane  a  verde")  che  comprenda  la  precedente  VP,  con  l’aggiunta  di  tutte  le  aree  dotate  di   giardini,  parchi,  boschi  e  prati  di  città,  ovvero  tutte  quelle  aree  dotate  di  una  buona  permeabilità   ecologica.     Dovranno   essere   inoltre   vincolati   tutti   quegli   spazi   liberi   inseriti   nel   tessuto   urbano   (piccoli   giardini,   cortili,   aree   incolte,   ....),   al   fine   di   mantenerne   la   porosità   residua.   Si   ritiene   infatti   fondamentale   preservare,   ovunque   ancora   ce   ne   siano,   le   "isole"   di   non   edificato   in   ambiente   urbano.   In   tali   zone   non   dovrebbero   essere   previste   nuove   edificazioni,   se   non   interventi   di   recupero   dell'esistente  che  non  comportino  ulteriore  consumo  di  suolo.     B)  PIANI  DI  LOTTIZZAZIONE  PREVISTI  DAL  VIGENTE  PRG   Tutti   i   Piani   di   Lottizzazione   legati   al   vigente   PRG,   non   dotati   di   convenzione,   dovrebbero   decadere.     Tutte  le  aree  che  ne  hanno  i  requisiti  dovrebbero  poi  essere  comprese  nelle  categorie  di  "massima   tutela"   definita   al   punto   precedente,   come   Bosco   di   via   Broggi,   Bosco   tra   via   Leoncavallo   e   via   Monte  Chiaro  (Prato  Lungo),  prato  tra  Via  Roma  e  Via  Albini,  ....  ).     Si  ritiene  inoltre  auspicabile  la  rinegoziazione  dei  piani  convenzionati,  ma  non  ancora  sviluppati,  al   fine   di   ridurre   al   massimo   il   consumo   di   suolo   e   preservare   aree   di   elevato   pregio   ambientale   e   storico-­‐culturale   (in   particolare   la   villa   Mayer   e   i   terreni   tra   Via   Rossini   e   Via   Edison   in   Località   Ceppine).       C)  CENTRI  STORICI   Per  i  centri  storici  si  ribadisce  il  principio  di  voler  conservare  gli  attuali  volumi  edificatori,  oltre  al   mantenimento  degli  spazi  liberi  che  li  circondano,  conferendo  valore  e  unità  al  nucleo.  In  tal  senso,   nei  centri  storici,  dovrebbero  essere  osservate  con  massimo  riguardo  le  indicazioni  fornite  al  punto   A  in  merito  alle  aree  libere  e  alla  porosità  urbana  residua.     D)  REVISIONE  DEGLI  INDICI  EDIFICATORI  DEL  VECCHIO  PRG   A  tutte  le  rimanenti  aree  destinate  alla  residenza  devono  essere  applicati  nuovi  indici  fortemente   ridimensionati,  onde  evitare  nuove  edificazioni  su  terreni  liberi.     LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 7/11  
  • 8. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. A  tal  fine  è  molto  significativo  un  estratto  della  sentenza  del  Consiglio  di  Stato  della  Puglia  che  è   stato   chiamato   a   pronunciarsi   sul   passaggio   ,   in   occasione   del   nuovo   PGT,   di   un’area   da   edificabile   a  verde  privato,  riportato  in  calce  al  presente  documentoi.     Il   contenimento   di   nuove   edificazioni   deve   corrispondere   ad   un   forte   rilancio   della   riqualificazione   dell’esistente  spesso  di  bassa  qualità,  sia  dal  punto  di  vista  della  qualità  della  vita  delle  abitazioni,   sia   dal   punto   di   vista   delle   soluzioni   energetiche,   sia   per   quanto   riguarda   gli   spazi   comuni   di   aggregazione.     Il  PGT  deve  fornire  tutti  gli  elementi  possibili  per  stimolare  l’avvio  di  questa  trasformazione.     E)  PROPOSTE  DI  NUOVE  TRASFORMAZIONI   Andrebbero,  a  nostro  giudizio,  stralciate  dal  DdP  -­‐  parte  2  le  pagine  da  14  a  16  che  prefigurano  la   possibilità  di  ulteriori  ambiti  di  trasformazione  per  oltre  25  ettari  di  territorio  in  ambito  urbano.   Per  quanto  riguarda  in  particolare  le  richieste  di  cambiamento  di  destinazione  d'uso  da  agricolo  a   residenziale,  esprimiamo  la  nostra  netta  contrarietà.   Più  in  generale  la  motivazione  di  questo  rifiuto  risiede  nel  principio  di  "zero  consumo  di  suolo".       LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 8/11  
  • 9. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. SCHEDA  N.°  3  -­‐  Ambiti  di  Trasformazione     La  previsione  di  9  Ambiti  di  Trasformazione  determina  di  fatto  ulteriori  29.300  mc  di  edificazione   su  suolo  libero  e  non.   Nelle   schede   relative   a   ciascun   ambito   non   sono   riportati   gli   indici   edificatori   (da   indicare   obbligatoriamente)   impedendo,   di   fatto,   una   completa   analisi   sull’impatto   ambientale   di   ogni   piano.   Per  quanto  riguarda  i  casi  di  trasformazione  da  produttivo  a  residenziale  è  auspicabile  la  riduzione   della  volumetria  per  creare  aree  verdi.     A.T.  01  -­‐  Via  XI  febbraio  (Cascina  Reale).     Tale   ambito   è   in   zona   agricola   e   adiacente   al   Fontanile   di   Tradate,   fondamentale   corridoio   ecologico.  Inoltre  ha  le  criticità  dovute  alla  sua  vicinanza  con  la  struttura  ospedaliera.   Di   conseguenza   l’intervento   è   molto   delicato   e   vanno   garantiti   i   caratteri   dell’antico   complesso   agricolo,   la   scarpata   del   T.   Fontanile,   le   barriere   acustiche,   la   permeabilità   del   suolo   e   le   fasce   arboree.   Anche   il   viale   d’accesso   e   relativo   parcheggio   dovranno   prevedere   adeguate   mascherature  a  verde.     A.T.  02  –  Via  Campilunghi.     I  terreni  in  questione  sono  vergini,  al  limite  della  zona  agricola  e  del  futuro  Parco  Tre  Castagni.   Per   tutto   quanto   illustrato   nelle   pagine   precedenti,   vista   la   non   necessità   di   nuove   unità   abitative,   Legambiente  Tradate  non  concorda  con  questa  scelta  e  chiede  che  le  opere  pubbliche  necessarie   per   quell’area   vengano   effettuate   con   risorse   interne   al   comune,   senza   avanzare   ulteriori   progetti   di  cementificazione  di  aree  verdi.     Questa  proposta  si  configura  come  consumo  di  suolo  e  non  appare  come  una  scelta  virtuosa  per   l’Amministrazione,  dopo  gli  enunciati  di  rispetto  e  tutela  dell’ambiente,  inseriti  più  volte  nel  PGT.   Chiediamo   che   questa   area   venga   riconosciuta   come   fascia   tampone   nella   REC   ed   inserita   nella   nuova   zona   omogenea   proposta   a   zero   consumo   di   suolo   (da   denominarsi   ad   esempio   “aree   urbane  a  verde”).     A.T.  03  –  Via  Brandenera/Rossini/Turati  (Ceppine  scuola  materna).   Ribadiamo   che   non   serve   ampliare   il   centro   abitato,   oltretutto   tale   Ambito   è   sito   al   limite   della   zona  agricola  e  della  zona  della  futura  area  protetta.   E’   opportuno,   inoltre,   conservare   l’attuale   vegetazione   presente   e   aumentarla,   perché   essa   fornisce  già  un’ottima  fascia  di  verde  a  confine  tra  l’abitato  e  la  zona  agricola,  come  tale  va  inserita   nel  PLIS  proposto  e  in  zona  omogenea  “aree  urbane  a  verde”.   Le   opere   pubbliche   che   si   ritengono   necessarie   per   quell’area,   non   essendo   ingenti,   dovrebbero   essere   effettuate   gradualmente   con   risorse   interne   al   comune,   senza   avanzare   ulteriori   progetti   edificatori.     A.T.  04  –  Via  Cascinetta  -­‐  Località  San  Bernardo  (ex  fonderia).   LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 9/11  
  • 10. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE. Si  richiede  di  vincolare  tale  area  a  zona  agricola,  in  quanto  è  in  un  paesaggio  pregiato  di  campagna   ed  è  adiacente  al  futuro  Parco  Tre  Castagni  e  al  Fontanile  di  Tradate.   Dopo   la   bonifica   delle   coperture   in   amianto   (già   obbligatoria   secondo   le   norme   giuridiche)   e   dopo   un  piano  di  bonifica  dei  suoli  (ed  eventuale  bonifica  Tab.a  e  Tab.b)  si  richiede  di  traslare  i  diritti   edificatori  in  area  centrale.   Come   opere   necessarie   si   propone   la   creazione   di   stagni   di   fitodepurazione   per   l’intera   località   Cascina   San   Bernardo,   attualmente   priva   di   rete   fognaria   e   non   dotata   di   alcun   sistemai   di   trattamenti  delle  acque  reflue.     A.T.  05  –  Via  San  Michele  –  Via  Sabotino  –  Via  Pasubio  (in  centro  Abbiate  Guazzone).     E’   ragionevole   la   trasformazione   da   zona   di   sede   di   attività   produttiva   industriale   a   zona   prevalentemente   residenziale,   previa   bonifica   e   nel   rispetto   di   quanto   esposto   all'inizio   della   Scheda  3  a  proposito  della  riduzione  di  volumetria.       A.T.  06  –  Via  V.  Veneto  –  Via  Manzoni  (Nardi).   Si  ritiene  che  tale  AT  debba  essere  sottoposto  ad  un  ulteriore  processo  partecipato  che  coinvolga   la  popolazione  abbiatese  ed  i  vari  portatori  di  interesse,  tutti  coinvolti  da  scelte  urbanistiche  che   condizionano  pesantemente  il  centro  storico  di  Abbiate.     A.T.  06  BIS  –  Via  Marone.   Tale   intervento   è   consumo   di   suolo   ad   uso   residenziale   non   giustificato   dalla   presunta   realizzazione   di   una   nuova   strada,   che   può   essere   realizzata   con   fondi   pubblici   a   seguito   di   acquisto  bonario  o  esproprio  del  terreno.     A.T.  07  –  Via  Europa.   Si  approva  la  trasformazione  purché  sia  garantita  una  consistente  parte  produttiva  dell’area.     Il  nostro  territorio  è  saturo  di  attività  commerciali,  mentre  necessita  di  attività  produttive.     A.T.  08  –  Via  Colombini  (ex  discarica).   Il   DdP   prevede   la   trasformazione   dell’ex   piazzola   per   la   raccolta   differenziata,   previa   bonifica,   in   zona  produttiva.   Riteniamo   che,   nel   settore   produttivo,   prima   di   procedere   all'introduzione   di   nuove   zone   produttive  al  di  fuori  di  quelle  industriali  attuali,  occorre  effettuare  un’indagine  sul  fabbisogno  e   sulle  disponibilità  di  tali  aree  dimesse  o  sottoutilizzate  ed  inserire  i  dati  nel  PGT.   Nel   caso   in   cui   non   si   riscontrasse   un   reale   bisogno   di   nuove   aree   produttive,   considerato   che   l'area   in   esame   confina   con   il   Parco   3   Castagni   ed   è   di   proprietà   pubblica,   si   ritiene   che   essa   potrebbe  assumere  il  ruolo  di  ”porta  d’ingresso  del  nuovo  parco”,  con  lavori  di  rinaturalizzazione,   percorso  vita,  ambiente  per  sportivi,  …  ecc.   In   questa   prospettiva,   appare   come   luogo   idoneo   per   la   piantumazione   di   nuovi   alberi   ai   sensi   della  Legge  10/2013,  così  come  già  indicato  all'inizio  del  documento.     LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 10/11  
  • 11. OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PROVVEDIMENTO DI VAS RELATIVO AL PGT DEL COMUNE DI TRADATE.                                                                                                                 i   “…Anche   in   questo   caso,   infatti,   la   destinazione   a   verde   privato   non   richiede   motivazione   specifica.   E,   infatti,   opportunamente   deve   farsi   ricorso   a   quella   giurisprudenza   che   ha   evidenziato   come   all’interno   della   pianificazione   urbanistica   possano   trovare   spazio   anche   esigenze   di   tutela   ambientale   ed   ecologica,   tra   le   quali  spicca  proprio  la  necessità  di  evitare  l'ulteriore  edificazione  e  di  mantenere  un  equilibrato  rapporto  tra   aree   edificate   e   spazi   liberi.   Infatti,   l’urbanistica   e   il   correlativo   esercizio   del   potere   di   pianificazione,   non   possono   essere   intesi,   sul   piano   giuridico,   solo   come   un   coordinamento   delle   potenzialità   edificatorie   connesse   al   diritto   di   proprietà,   ma   devono   essere   ricostruiti   come   intervento   degli   enti   esponenziali   sul   proprio  territorio,  in  funzione  dello  sviluppo  complessivo  e  armonico  del  medesimo;  uno  sviluppo  che  tenga   conto  sia  delle  potenzialità  edificatorie  dei  suoli,  non  in  astratto,  ma  in  relazione  alle  effettive  esigenze  di   abitazione   della   comunità   ed   alle   concrete   vocazioni   dei   luoghi,   sia   dei   valori   ambientali   e   paesaggistici,   delle   esigenze   di   tutela   della   salute   e   quindi   della   vita   salubre   degli   abitanti,   delle   esigenze   economico-­‐ sociali   della   comunità   radicata   sul   territorio,   sia,   in   definitiva,   del   modello   di   sviluppo   che   s'intende   imprimere  ai  luoghi  stessi,  in  considerazione  della  loro  storia,  tradizione,  ubicazione  e  di  una  riflessione  de   futuro   sulla   propria   stessa   essenza,   svolta   per   autorappresentazione   ed   autodeterminazione   dalla   comunità   medesima,  con  le  decisioni  dei  propri  organi  elettivi  e,  prima  ancora,  con  la  partecipazione  dei  cittadini  al   procedimento  pianificatorio  (da  ultimo,  Consiglio  di  Stato,  sez.  IV,  10  maggio  2012  n.  2710).   Non  è  dato  quindi  riscontrare  alcuna  tipizzazione  abnorme  o  extra  ordinem  nella  vicenda  de  qua,  atteso  che   il  verde  privato  viene  a  svolgere  una  funzione  di  riequilibrio  del  tessuto  edificatorio,  del  tutto  compresa  nelle   potestà  pianificatorie  dell’ente  comunale,  ….”       LEGAMBIENTE TRADATE - OTTOBRE 2013 PAGINA 11/11