Your SlideShare is downloading. ×
Disc Jockey kruger
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Disc Jockey kruger

368

Published on

Kruger Agostinelli, disc jockey storico degli anni 70

Kruger Agostinelli, disc jockey storico degli anni 70

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
368
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Kruger Agostinelli88 Kruger Agostinelli, marchigiano, inizia la sua avventura dietro la consolle di tanti locali, soprattutto marchigiani, nel 1974 al “Krakatoa”. Il suo mondo è la musica a 360°: giornalista musicale, titolare di un negozio di dischi, dj e capogruppo Aid nella regione Marche. “Ho tanti bei ricordi: le mie serate al “Papa- gajo” di Senigallia, le serate in cui ho fatto ballare personaggi storici della disco music
  • 2. quali Grace Jones e James Brown ed alcuni amici e colleghi quali Ronnie Jones e Claudio Casalini”. Ha concluso la sua carriera al “Piranha Club” nel 1981: “Volevo chiudere all’apice, senza vivere il tramonto della carriera. Mi piaceva l’idea che ci si ricordasse di me quando ancora davo il massimo”. “Ho sempre pensato – mi dice – che i dj che lavora- vano negli anni 70 avessero più carattere e perso- nalità di quelli che avevano iniziato nel decennio successivo. Tra noi c’era un rapporto particolare: ricordo ad esempio di quando Paul Micioni, un ami- co e collega romano, mi portò un mix che sarebbe diventato intramontabile “Don’t let me be misun- derstood” di Leroy Gomez e Santa Esmeralda”. Kruger ha aperto un sito, visitabile digitando 89 www.kruger.it“volevo chiudere all’apice, senza vivere il tramonto della carriera. Mi piaceva l’idea che ci si ricordasse di me quando ancora davo il massimo”

×