Access parte prima

2,383 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
5 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,383
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
100
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
5
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Access parte prima

  1. 1. AccessParte p ri m a 1
  2. 2. Esempio di gestione didatabase con MS Access 2
  3. 3. Cosa è Access?Access e’ un DBMS che permette diprogettare e utilizzare DB relazionaliUn DB Access e’ basato sui concetti ditabella e relazioni tra tabelle 3
  4. 4. Elementi fondamentaliTabelleQueryMaschereReport 4
  5. 5. TabelleI luoghi dove il DataBase memorizza idati vengono chiamati tabelle.In una singola base di dati, vi sonogeneralmente numerose tabelle.Ogni tabella raccoglie dati simili, aventicioè tutti la medesima struttura. 5
  6. 6. QueryL’analisi dei dati viene fatta effettuandodelle domande a cui il DataBaseproduce delle risposte, detteinterrogazioni o Query. 6
  7. 7. Query (2)Le domande che si possono esprimerenelle query possono essere domande diricerca, ordinamento, calcolo, modifica,cancellazione …Le risposte a queste domande sononuove tabelle, eventualmente anchevuote o contententi una unica riga. 7
  8. 8. Query (3)Le Query vengono espresse attraversoappositi linguaggi, detti linguaggid’interrogazione.SQL e’ i linguaggio d’interrogazione piu’comune.Access permette di esprimere le queryanche in modo grafico. 8
  9. 9. Le maschereLe maschere disegnano le interfaccegrafiche con cui gli utenti interagisconoper inserire i dati nelle tabelle,modificarli, effettuare delle query, etc. 9
  10. 10. Le maschere (2)Maschere di immissione, per popolare la basedi datiMaschere di interrogazione, per velocizzare ilprocesso di esecuzione di una Query.Maschere di stampa, per inviare i dati ad unastampante.Maschere di comando, per collegare le variemaschere tra di loro. 10
  11. 11. I ReportI report costituiscono il modo con cui irisultati calcolati dalle Query possonoessere formattati in modo da poteressere stampati in modo leggibile. 11
  12. 12. Tabelle in dettaglio attributirecord Ogni riga identifica un record. I record devono essere unici all’interno della tabella 12
  13. 13. Unicità dei Recordi casi di righe identiche devono esseregestiti in qualche modo: aggiungendo campi specifici al soggetto della tabella che rendano unico il record (e.g., codice fiscale per persone, codice ISBN per libri) aggiungendo identificatori appositamente definiti 13
  14. 14. Chiave primaria Ogni tabella deve avere una chiave primaria, ossia un attributo o un insieme di attributi che identifichino univocamente un record 14
  15. 15. DB di esempio DATABASE DI CINEMA 15
  16. 16. DB di esempio CREAZIONE TABELLA 16
  17. 17. DB di esempionome attributo,tipo attributo(numerico, testo,data, ...)proprieta’ attributoscelta chiaveprimaria 17
  18. 18. DB di esempioSCELTACHIAVEPRIMARIA 18
  19. 19. DB di esempio TIPI DI DATI IN ACCESS 19
  20. 20. DB di esempioTesto Utilizzare per il testo o le combinazioni di testo e numeri, ad esempio gli indirizzi, o per numeri che non richiedono calcoli, ad esempio i numeri telefonici, i numeri di serie o i codici di avviamento postale. Memorizza fino a 255 caratteri. La proprietà Dimensione campo definisce il numero massimo di caratteri che possono essere digitati. 20
  21. 21. DB di esempioMemo Utilizzare per testo lungo e numeri, ad esempio note o descrizioni. Memorizza fino a 65.536 caratteri. 21
  22. 22. DB di esempioNumerico Utilizzare per i dati numerici da inserire in calcoli matematici, ad eccezione dei calcoli con valuta. In tal caso, utilizzare il tipo di dati Valuta. Memorizza 1, 2, 4 o 8 byte e 16 byte solo per lID replica (GUID). La proprietà Dimensione campo definisce il tipo numerico specifico. 22
  23. 23. DB di esempioData/Ora Utilizzare per la data e lora. Memorizza 8 byte.Valuta Utilizzare per i valori di valuta e per evitare gli arrotondamenti per difetto nei calcoli. Memorizza 8 byte. 23
  24. 24. DB di esempioContatore Utilizzare per i numeri univoci sequenziali (con incremento di una unità alla volta) o per i numeri assegnati in modo casuale inseriti automaticamente quando si aggiunge un record. Memorizza 4 byte e 16 byte solo per lID replica (GUID). 24
  25. 25. DB di esempio Sì/No Utilizzare per i dati ai quali può essere assegnato solo uno di due valori, ad esempio Sì/No, Vero/Falso, On/Off. I valori Null non sono consentiti. Memorizza 1 bit. 25
  26. 26. DB di esempio Oggetto OLE Utilizzare per gli oggetti OLE, ad esempio documenti di Microsoft Word, fogli di calcolo di Microsoft Excel, immagini, effetti sonori o altri dati binari creati in altri programmi tramite il protocollo OLE. Memorizza fino a 1 GB (se lo spazio disponibile sul disco è sufficiente). 26
  27. 27. DB di esempioCollegamento ipertestuale: URL o e-mail..Ricerca guidata: per selezionare il tipodi attributi di altre tabelle 27
  28. 28. DB di esempioINSERIREDATI IN UNATABELLA quando abbiamo finito di definire la tabella la chiudiamo e le assegnamo un nome per l’inserimento dati clicchiamo due volte sul nome della tabella 28
  29. 29. DB di esempioUna volta definite le varie tabelle, bisognaarricchire il database tramite ilcollegamento tra le stesse 29
  30. 30. DB di esempio ATTENZIONE ALLE ANOMALIE I problemi di ridondanza che si verificano quando si cerca di raggruppare troppe informazioni in una singola tabella sono detti anomalie:1. ridondanza:informazioni ripetute in modo non necessario2. anomalie di aggiornamento3. anomalie di cancellazione 30
  31. 31. DB di esempioCome porre rimedio alle anomalie? regola di buon senso: cercare di mantenere tabelle piccole. un’alternativa consiste nel dividere le informazioni in tabelle diverse e poi legare le tabelle tramite relazioni 31
  32. 32. DB di esempioAccess fornisce la posssibilita’ di crearerelazioni tra tabelle in modo da collegare idati provenienti da diverse tabelle.Due tipi di relazione che si possono crearedirettamente in Access: 1a1 1 a molti 32
  33. 33. DB di esempio RELAZIONE 1:1 a ogni record di una tabella corrisponde un solo record dell’altra 33
  34. 34. DB di esempio RELAZIONE 1:N a un record della tabella (tabella primaria) possono corrispondere piu’ record dell’altra. sono le relazioni piu’ comuni 34
  35. 35. DB di esempio RELAZIONE N:N 35
  36. 36. DB di esempio RELAZIONE N:N in Access la modelliamo come una concatenazione tra due relazioni 1 a molti e l’aggiunta di una tabella di giunzione La chiave primaria della tabella di giunzione e’ l’unione delle chiavi primarie delle tabelle che mette in relazione 36
  37. 37. DB di esempioLe query: creazione guidata strumento utile per accedere alle informazioni contenute nel database in modo efficace Le istruzioni che compongono la query sono scritte in una variante del linguaggio SQL (Structured Query Language) 37
  38. 38. DB di esempioLe query: creazione guidata Access fornisce 3 modi per creare query: 1. creazione guidata (wizard) che permette di selezionare attributi da una tabella 2. creazione tramite visualizzazione della struttura 3. creazione diretta con comandi SQL 38
  39. 39. DB di esempio 39
  40. 40. DB di esempio I criteri nelle query 40
  41. 41. DB di esempioLe maschere: creazione guidata Le maschere (o form) sono uno strumento utile come interfaccia al database possono servire come comodo ausilio all’inserimento dati o per la consultazione dei risultati ottenuti da query analizzeremo solo la modalita’ di design automatica 41
  42. 42. DB di esempioLe maschere: creazione guidata 42
  43. 43. DB di esempioLe maschere: creazione guidata 43
  44. 44. DB di esempioLe maschere: creazione guidata 44
  45. 45. DB di esempioMaschere con sottomaschere per inserire automaticamente dati relativi a due tabelle collegate 45
  46. 46. DB di esempioMaschere con sottomaschere 46

×