La settimana kotiomkin 5 5-11-5-13

  • 35 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
35
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 11Settimana 5.05.2013 – 11.05.2012
  • 2. 2
  • 3. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 33Intercettazioni
  • 4. 45 maggio 2013• Per le comunicazioni in Africa il pentagono siaffida a satelliti cinesi, grazie ai quali abbiamoprime immagini della fuga di Geddafi (LucaKlobas)• Papa Francesco: “Prego per i bambini vittimedi abusi”. Sì, ma loro mica ti han detto grazie(Teo Guadalupi)• Neri, froci, italiani dadozione e terroni.Mancano solo i metrosexual e questo governoè uguale alla nazionale di Prandelli. (AndreaVasumi)L’editoraleE’ valsa la pena essere stati omosessuali per un giorno. Abbiamo guadagnato unsottosegretario in meno e un po’ di civiltà in più. In queste settimane, perdifendere quel briciolo di dignità che ci è rimasto siamo stati anche un po’ negri,un po’ in coma farmacologico, un filino di sinistra, vagamente rottamatori. Neltotale embargo alla decenza, abbiamo tappato il naso per annusare quattropensieri rabberciati di leghisti in disarmo, espressi in forma di rutto. Ci siamopersino permessi il lusso di applaudire chi, a 17 anni di distanza dall’ultimodisastro di alleanza, ha sottolineato che forse, ma forse forse, mettere laCostituzione nelle mani del padre di decine di veline sfidava la tolleranza di queinon pochi che hanno pagato 2 euro per poter scegliere un capo del governo.Italiani, popolo di negri, omosessuali, rottamatori; tutto bello, sì, ma chi lo spiegaadesso alla Pubblica Amministrazione che per colpa nostra a lei tocca MicaelaBiancofiore?
  • 5. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 55
  • 6. 66 maggio 2013Tutto Andreotti• Muore Giulio Andreotti . Non tutti igobbi festeggiano, oggi (AndreaSambucco)• è morto andreotti, ora tocca allasperanza (Alessio Tagliento)• Giulio Andreotti è morto a 94 anni. Nonera longevità, è che perfino Dio,chiamandolo a sè, aveva paura dicompromettersi. (@Antonellotwitt)• E morto Andreotti. Duncan MacLeod,ora puoi chiedere la tua ricompensa(Francesco de Collibus)• è prematuramente venuto a mancare#giulioandreottti (paolo labati)• Ma come morte naturale? nonbisognava usare un paletto di frassino?(Marco Guernieri)• Andreotti si ricongiunge con Cossiga.Se Dante scrivesse la commedia ora,sarebbe tutta un OMISSIS. (Francescode Collibus)• In suo onore, verranno osservati 60anni di silenzi. (andrea vasumi)• Morte Andreotti. La vedova Borsellino:"Paolo vieni, ti ho portato una cosa".(Massimo Bozza)• È morto Andreotti. Il governo lettaera troppo anche per lui (TeoGuadalupi)• E morto un amico. "firmato" unamico (Massimo Bozza)• È morto Giulio Andreotti. I funeralisi terranno domani, a Ustica.(Antonio Losito)• E morto Andreotti, aveva 94 annimai scontati. (michele de pirro)• Morto Andreotti. Ma nonpreoccupatevi, sta giàmigliorando. (Angelo Calarco)• È morto Andreotti.• E morto Andreotti. Era prescritto.(Stefano Gorno)• La vita logora chi non ce lha(Massimo Pica)
  • 7. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 77
  • 8. 8L’editorialeSono successe molte cose oggi, ma ilmondo si è paralizzato intorno a una morte,non dico gioiendone, ma quasi tirando unsospiro di sollievo che sputa sul re che nonc’è più. Di fronte allo sberleffo Andreotti erasilenzioso da vivo, rimarrà silenzioso ancheoggi; costringendoci a ricordare che ilsilenzio è dei potenti. Lo ascoltai un giornoda Dario Fo che è dei potenti bisbigliare,per costringere il popolo al silenzionell’ascolto e della sudditanza. Andreottiera un maestro della voce fioca, un uomosolo al comando che non si è mai unto lemani, pur sporcandosele del sangue deisuoi nemici. Andreotti era silenzioso da vivoe quel silenzio ha delle anime sullacoscienza. Andreotti sapeva dare al silenzioun suono torbido, minaccioso, violento.Ridere oggi della sua gobba è una risatache ci libera della maledizione della suaimmortalità ma non gli toglie il potere cheha sempre avuto e di cui, dopo quasi 40,dovrà finalmente rispondere ad Aldo Moro.
  • 9. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 99
  • 10. 107 maggio
  • 11. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 1111• Operaio Ilva cade da ponteggio.Proprietario dello stabilimentoesprime un desiderio. (MassimoBozza)• Il governo in ritiro in una abbazia.Vogliamo fare unipotesi su cosadeciderà il governo sullIMU per laChiesa Cattolica? (Teo Guadalupi)• E uscito un nuovo porno di SaraTommasi. Devessere martedì.(Gianluca Neri)• A Andreotti, in pochi secondi, èpassata tutta la nostra vita davanti.(Annalisa Arione, Teo Guadalupi,• Il premier invita i suoi ministri aritirarsi in una abbazia. Letta permille. (Massimo Bozza)• Letta: lo spostamento dellaBiancofiore? Aveva bisogno di piùluce. (Luca Klobas)• Vedrete, tra qualche annoriabiliteranno pure Andreotti:"Quando cera lui, le autobombearrivavano in orario". (AntonelloTaurino)• Giovanardi: "Andreotti non è morto.E solo cedimento strutturale".(Massimo Bozza)• Letta porta i ministri in abbazia per"fare spogliatoio". Io starei attentoalle saponette. (Carlo Turati)• USA, Cleveland. Tre ragazze rapiteda un aguzzino quanderanoadolescenti: "Ci siamo liberateapprofittando della sua assenza: luiè in Italia a cambiare lacostituzione". (Alessio Tagliento)• È morto Andreotti. Non verràsepolto: verrà insabbiato. (Andrea
  • 12. 12Gianluca Neri)• Niente diretta televisiva per ilfunerale di Andreotti. Paura delbestemmione, eh? (Luca Klobas)• Contrappasso: la Juve vince loscudetto, e muore una gobba.(Francesco De Collibus)Vasumi)• Casini e Cicchitto agli esteri. Ma chepoi ci restino. (Carlo Turati)• Funerali di Andreotti in forma privata.Basterà una Renault 4. (AlessioTagliento)L’editorialeC’è una frase molto bella che ho riletto oggi, sentendola dentro, riscritta dal figlio di CarloDalla Chiesa. E’ la stessa frase che hanno scritto, senza scriverla, il figlio di Ambrosoli, ilfiglio di Pecorelli, i figli di Ustica, i figli di Moro, i figli di un decennio di sangue e misteri. Infondo, i figli di mio padre e mia madre, di tuo padre e tua madre, i figli di chi ha visto queglianni, senza capacitarsi mai dei debiti dello stato verso ogni altro potere, occulto, poi menoocculto, poi infine trasparente per tutti, ma non per la giustizia. Andreotti è uno dei tanti cuiil tempo ha dato ragione, ma solo perché il tempo regala l’oblio della prescrizione, nondell’assoluzione. A lui, come agli altri che si sono fatti beffe dell’evidenza, trincerandosidietro omissis e impedimenti, porti delle nebbie e compromessi non dicibili, la morte haregalato gli sberleffi della piazza. E, come ho letto altrove, lui di questi sberleffi avrebbesorriso, perché il senso dell’umorismo non gli mancava. Lo stesso maleducato sensodell’umorismo dei potenti che gli fece rispondere, a chi gli domandava perché non fosseandato al funerale del papà di Nando Dalla Chiesa: “Perché preferisco andare aibattesimi”.
  • 13. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 13138 maggioL’editorialeOggi si chiude una fase di battute. Non sentiremo più battute come: “L’Italia si regge su trepoteri: politico, esecutivo e poi c’è Berlusconi che fa il cazzo che vuole.” Da oggi sappiamoche il legittimo impedimento non è quella formula bizzarra che si frappone tra una personae la verità. Da oggi possiamo sperare che un conflitto di attribuzione non sia più unaparentesi rosa tra le parole “4 anni" e "in galera”. Da oggi, da oggi alle 8 di sera, mentre ilmondo continua a sorridere di noi, il piccolo nostro mondo un po’ è cambiato. Chi esulta,chi maledice, chi nemmeno lo sa: questa è l’Italia dei tifosi che si è svegliata alle otto disera. Ma a me, sinceramente, pare che la giornata si chiuda con un pareggio, unbruttissimo pareggio anzi perché, se è vero che una condanna sanziona la supremaziadella legge sull’arroganza del potere; il potere ha già risposto con la vittoria degli sconfitti.Un ministro della giustizia che si è battuto per banalizzare il conflitto di interessi, unsottosegretario che ha governato un porto di nebbie con la perizia di una pilotina, unpresidente di Cassazione che ha indagato e assolto su Ustica e logge. Tre sconfitte chenon bastano a pareggiare la normalità di una giustizia uguale per tutti.Ma io sono contentougualmente che Berlusconi sia stato condannato. Perché, come ha ululato il condannato:“Con una sentenza che mi vuole condannare a 4 anni di carcere con l’interdizione daipubblici uffici si verifica un attacco ai miei diritti politici". E’ vero, signore, e questo attaccofinalmente si chiama LEGGE.
  • 14. 14• Su tutti i campi di Serie A un minutodi omertà per Andreotti. (PedriniCantastori• Buttare giù una torre con una nave ècome dare dei dilettanti ai terroristidell’11 settembre. (Stefano Gorno,Gnomiz)• Amato: “Oggi i politici si formano suTwitter”. Berlusconi: “Macché: ioconsiglio Youporn”. (Massimo Bozza)• Berlusconi vede nero. Prima, almassimo, mulatto. (Andrea Vasumi)• Formigoni presidente dellacommissione agricoltura. Porcobio.(Paolo Labati)• Genova: nave abbatte torre. E’ scaccomatto. (Carlo Turati)• Cercasi segretario di partito per il PD:si a perditempo e fancazzisti. (LucaKlobas)• Amanda ha paura a tornare in italia.Anche l’Italia ha paura che torniAmanda. (Rita Pelusio)• Alex ferguson lascia il ManchesterUnited esattamente dove lo avevatrovato. A Manchester. (Massimo Pica)
  • 15. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 1515• 9 maggio• Grillo: "In un altro paese, Berlusconisarebbe in galera" No: in un altropaese, Berlusconi non sarebbediventato Berlusconi. (Andrea Vasumi)• Grillo: "In un altro paese, Berlusconisarebbe in galera." Va bene, alloraportiamocelo, in quel paese. (CarloTurati)• Magnini ha rivisto una sua ex che nonrivedeva da anni: una medaglia.(Francesco De Collibus)• Fabio Volo diventerà padre. Speriamoche almeno questo lo abbia fatto lui.(Massimo Pica)• Fabio Volo diventerà padre. Speriamoche almeno questo lo abbia fatto lui.(Massimo Pica)• Filippo Magnini: spunta il cugino. Orasappiamo cosa fa Federica Pellegriniquando non si allena. (AntonioGaluzzi)•• Napolitano e Letta in via Caetani perl’omaggio a Moro, a 35 anni dallamorte:Letta – Era qui la Renault 4 colcorpo di Moro?Napolitano – Sì. Letta – Che culo atrovare parcheggio, eh? (AlessioTagliento• Il regista Zhang Yimou rischia unamulta perchè ha sette figli. In Cinapossono condannarti, quando sono introppi a chiamarti papi. (FrancoBocchio, Gnomiz)• Ad attendere Berlusconi un posto buioe umido. E stavolta non è la figa.(Stefano Gorno, Gnomiz)• Chioggia : si rompe il cazzo mentrescopa. La gente non è mai contenta.(Massimo Pica)• Mentana: troppe offese su twitter: etutte da parte di mia moglie. (LucaKlobas)• Missoni. Domani indossate maglioniridicoli. È il modo migliore perricordarlo. (Massimo Pica)• Nuovo lutto nel mondo della moda:Roberto Cavalli sta benissimo.(Massimo Bozza)• Missoni. Domani indossate maglioniridicoli. È il modo migliore perricordarlo. (Massimo Pica)• E morto Ottavio Missoni. Ora ilproblema è vestirlo di nero.(Francesco De Collibus)
  • 16. 16
  • 17. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 171710 maggioL’editorialeOggi, volevo scrivere senza mezzi termini per chi nella sua lingua non conosce mezzeparole. Avrei voluto scrivere che hai avuto un’occasione per parlare e hai scelto di urlare.Che ogni volta che ti accorgi che il tuo pensiero è solo proporzionale ai tuoi decibel, urlipiù forte. Avrei voluto farti sapere che da adesso in poi, per ogni volta che mi dirai “Pezzodi merda”, ti risponderò “Pezzo di merda”. Che ogni volta che mi circonderai di vaffanculo,ti abbraccerò di vaffanculo, ti coccolerò di vaffanculo, ti soffocherò di vaffanculo. Sarò iltuo amante di vaffanculo così presente, così attento che alla fine rimpiangerai di nonessere stato solo un pezzo di merda. Volevo scrivere che non ti calpesterò mai, perchécalpestarti non mi porterà alcuna fortuna; che non ti ascolterò mai, perché ho orecchietroppo delicate per i tuoi cori da prefica; che eon ti seguirò, non ti guarderò, non avrai mainé me, né la mia gente, né la mia diaria, nè le mie caramelle e che né l’una né le altre tifarò contare. Questo, più o meno, avrei voluto scrivere. Ma poi ho pensato allanaturalezza con cui Letta abbraccia Alfano, alla normalità con cui Monti vota Palma, concui si irride la giustizia e la si insulta. Ho pensato a quanto sia avvilente un governo laicoche si denuda nello spogliatoio di un’abbazia. Ho pensato a quanto veramente cittadinisiano i tuoi cittadini, anche quelli che fanno di tutti per farsi detestare dai cittadini qui fuori;e quanto poco onorevoli i loro onorevoli. E ho capito che certa rabbia ce l’ho dentroanch’io. Non credo tu abbia ragione e non credo che insultando riotterrai l’attenzione chehai perso; non credo che tu sia nel giusto a mischiare nei tuoi insulti i tuoi cittadini con 4spicci in tasca e gente che in un qualunque altro paese democratico sarebbe in galera.Cerca solo di ricordare che facendo così le chiavi di quella galera rischi di buttarle viaanche tu. Ma con il potere marcio che giorno dopo giorno ti sta digerendo, fuori, nondentro quella cella.• Grillo: "Letta di professione fa il nipotedi suo zio", cosa normale in un paesedove molti di professione fanno i figlidi puttana (Carlo Turati)• Fuga di Ammoniaca sulla stazionespaziale: gli astronauti escono con lepattine (De Collibus)• Cercasi giovane segretario chetraghetti il Pd verso il rinnovamento. Inomi in lizza sono Roberto Speranza,34 anni, Justin Bieber, 19 anni e la1. Torre di Genova, pochi istanti prima: "scolta, la scala quaranta ha pocheregole essenziali. Per esempio, se tientra il jolly rosso puoi sostituirlo aqualunque carta, se ti entra il jollynero..." (Carlo Turati)2. La Finocchiaro usa la scorta per farsiimbustare la spesa. Berlusconi:"Vergogna! Io quando compro isenatori me li insacchetto da solo"(Massimo Bozza)
  • 18. 18Peppa Pig, 8. (Alessio Tagliento)• Dopo 4 tappe si ritira il primo ciclistacinese al giro: come al solito, costanopoco, ma durano un cazzo (CarloTurati)• Sabato il pdl in piazza a sostegno diBerlusconi: è bello vedere che igiovani hanno ancora degliideali...(Teo Guadalupi)3. Letta: "In abbazia per conoscerci". Malo vedi che nemmeno tu sai chi cazzocè in sto governo? (Carlo Turati)4. Grillo: "Letta? Fa il nipote diprofessione!" Beh, dopo Ruby, è unlavoro che rende...(Andrea Vasumi)
  • 19. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 191911 maggio• Epifani traghetterà il PD. Versonuovi entusiasmanti scogli.(Francesco De Collibus)• A Venezia la domenica a piedifinisce sempre con qualcuno cheannega. (Daniele Ceva)• Il Pdl lancia la campagna "Tutticon Silvio". Pessimo modo percombattere il sovraffollamentodelle carceri. (Andrea Vasumi)• Brescia, sabato Berlusconiparteciperà alla manifestazionePdl in Piazza Duomo. E vietatoportarsi i Duomi da casa.(Massimo Bozza)• Torna al cinema il famoso film "lacasa". Gli incassi varieranno severrà contata come prima o comeseconda. (Marco Guernieri)• Ottavio Missoni non è morto! Si èinfeltrito. (Andrea Vasumi• Vela, morte atroce per Simpson: laventiquattresima stagione. (FrancescoDe Collibus)• Fu quando mi regalarono un maglionecon tre maniche che finalmente capii ilsignificato de "...la sinistra che avanza".(Luca Klobas)• Gli scienziati hanno creato un maialegeneticamente modificato: attualmente èsotto processo in almeno 4 tribunali.(Carlo Turati)
  • 20. 20Berlusconi su Grillo: "La presenza diquesto signore in politica è un anomaliaspero che possa essere un fenomenoche si chiude".Grillo su Berlusconi: "La presenza diquesto signore in politica è un anomaliaspero che possa essere un fenomenoche si chiude"Idea: perché non vi togliete entrambi dalcazzo? (Carlo Turati)
  • 21. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 2121L’editorialeStrana settimana di normalità italiana, questa, sospesa tra due morti: Andreotti di lunedì,la decenza della democrazia di sabato. Due funerali, in un periodo di lutti. Uno cosìnormale da stupire nella sua ovvietà, l’altro tanto ovvio da stupire nella sua normalità. Sipuò morire a 94 anni, una volta sola e per sempre, o ogni giorno con monotona ripetitività.Quella di oggi, a Brescia, è una nenia che ascoltiamo da 19 anni, la dimostrazione che sipuò vivere in un ossimoro permanente: potere e lamento di impotenza, conditi in un’unicagrande insalata di impunità. Dice Epifani: “Chi è li mette una mina” e non ha tutti i torti,perché sono solo duecento metri e 39 anni a separare i due volti di questo ossimoro: unapiazza piena di comparse dista solo 200 metri e 15.135 giorni da una piazza calda dicadaveri. Questo è Brescia oggi, un porto delle nebbie, dove la memoria è costretta aprescrivere i ricordi. Un sabato molto italiano, insomma, dove le forze dell’ordine dividonola rabbia dalla presa per il culo. Un fine settimana molto normale in cui il confine tramonito, rabbia e desiderata e nei verbi che decideremo di usare attorno a una mina. Dauna metafora guerrigliera, “Chi oggi è lì mette una mina” a una che ribolle in molte pancedeluse, ma stanche: “Chi è lì oggi, per favore, quella mina la disinneschi, una volta pertutte”. Per favore.• E ufficiale, a Brescia lemanifestazioni saranno 2: "Io sto conSilvio" e "Io sono stata con Silvio"(Carlo Turati)Brescia, manifestazione anti PM.• Epifani: Chi oggi è lì mette unamina. No, chi oggi è lì metta unamina (Stefano Gorno)• Brescia, manifestazione del Pdlpiena zeppa di comparse. Come ladirigenza del Pd (Massimo Bozza)• Manifestazione Pdl di Brescia,italiani pagati 10 euro per fare lecomparse.• Certi lavori gli extracomunitari non livogliono più fare (Massimo Bozza)• Berlusconi vuole i processi a Bresciae fa le manifestazioni a Brescia.Come riuscire a far stare sul cazzouna bella città...(Teo Guadalupi)• Tragedia a Genova, tragedia aMilano, tragedia a Napoli-ma il TG1delle 13 decide di aprire con lacronaca nera: "Roma: al vialassemblea del PD" (EnricoVeronica)• Ghanese impazzisce con il piccone efa due vittime: un italiano di 40 annie lo ius soli (Francesco De Collibus)• Il PDL scende in piazza. Molticelerini si sono offerti volontari (TeoGuadalupi)• Il PDL scende in piazza emanifesta...inferiorità (AndreaVasumi)
  • 22. 22QUELLE IENE DELLE DONNEAlessandra FaiellaLa misoginia sta tornando di moda: alle Iene, un tempo programma "progressista" epoliticamente corretto, nella puntata del 5 maggio, un associazione di padri separatiaccusa le ex mogli delle peggiori nefandezze, prima fra tutte quella di ridurli sul lastrico(anche se la Caritas attesta che le vittime della povertà sono soprattutto donne single euomini sì, ma extracomunitari). I padri separati, alle Iene, negano tutte le statistiche sullemolestie pedofile, da parte dei padri separati, e sulle violenze contro le ex mogli. Tuttofalso, tutte menzogne suggerite allIstat dal club delle prime mogli. La generalizzazionecontro tutte le ex, e di conseguenza contro tutto il genere femminile è evidente, lodiomisogino è palpabile. Del resto, adesso Le Iene è presentato da Teo Mammuccari,conduttore da sempre simpatico come un avviso di sfratto, noto per la sua solidarietà conil genere femminile: le ragazze seminude che posizionava sotto tavoli di vetro, già prontein posizione "fellatio", ne sono state fulgido esempio. Che esistano ex mogli perfide evampire succhiatrici di sangue siamo tutti daccordo. Io non ne conosco, ma sicuramenteesistono. Io conosco una valanga di ex mogli disperate che non ricevono un euro dal loroex marito, ex marito quasi sempre più ricco di loro, che spesso intraprende lotte allultimosangue a suon di avvocati. Nonostante questo, cioè il fatto che io non ne conosca,sonocerta che esistano ex mogli stronze. Che le ingiustizie, o meglio i reati, ai danni delle exmogli siano un falso, questo invece non lo credo. Lodio misogino è di moda. Non solo alleIene. Qualcuno, in Italia, sta arrivando a negare che la violenza contro le donne siaunesagerazione, forse anche una menzogna. I dati Istat parlano chiaro, un femminicidioogni tre giorni in Italia. Ma sono tutte balle, si sa, anche lolocausto non è mai esistito, è undelirio inventato dalle sette ebraiche assetate di potere. In questi giorni è accaduto ancheche su Amazon, dopo le proteste, hanno ritirato dal commercio un manichino-zombie, confattezze femminili. Bisogna puntualizzare che sono in catalogo anche zombie maschi, soloche questi sembrano davvero dei "non -morti" con tanto di facce cadaveriche chesembrano Dario Argento un po meno impressionante. Invece i manichini donna sonomolto più realistici e somiglianti a donne vere con tanto di capelli fluenti e senoprosperoso. Bene, ma che cosa se ne fa uno di questo manichino? Perché qualcuno locompra? Semplice: per sparargli addosso e quando gli spari il fantoccio sanguina. Guardaa caso il manichino -donna, viene subìto soprannominato "The ex". Fantastico! "Beh - haobiettato qualcuno - ma allorigine non si chiamava "The ex", era solo un manichino su cuisparare". Ma certo che cè di male? Alla mattina quando non sai che cazzo fare ti alzi escarichi la tua Uzi su un manichino femmina così realistico che si mette a sanguinare. Sepoi ti immagini che sia la tua ex, lo sfogo è completo. Tutto normale, che cè di strano? Lamisogina impazza, le femministe hanno rotto le palle, e con loro tutto il genere femminile,che tornino nel tinello dedite al culto del Fornet. Le donne stressano, troppa libertà le starovinando, adesso si permettono anche di guadagnare più dei mariti e pure di lasciarliquando non li amano più. Vergogna! Se poi qualcuno per vendetta spara a un manichino èil minimo, e se spara alla ex in carne ed ossa, beh, il passo è breve. Le donne provocano,e se qualcuno le fa fuori, si vede che se lo meritano cazzo! Alcuni uomini, pochini a dire ilvero, cominciano ad interrogarsi se non ci sia qualche seme di psicopatologia nel generemaschile. Gli altri tacciono, continuando tranquilli a tagliarsi le unghie dei piedi coltronchesino davanti alla tv, sfregiando con i monconi di unghia volanti, le piante delsalotto. Se in Italia, venisse ucciso un maschio ogni tre giorni, se un uomo su tre tra i 16 ei 70 anni fosse stato vittima nella sua vita dellaggressione di una donna, se sei milioni 743mila uomini avessero subito violenza fisica e sessuale da parte di donne, come dicono gliultimi dati Istat (a proposito del genere femminile ovviamente), se quasi 700 mila uomini,
  • 23. LA SETTIMANA KOTIOMKIN 1 – 5.05/11.05.2013 2323avessero subito violenze ripetute dalla partner e nel 62,4% dei casi i figli avesseroassistito a uno o piu episodi di violenza; se, continuamente, gli uomini fossero vittime dimolestie, stalking, palpeggi vari, se tutto questo fosse per assurdo la condizione maschilein Italia, succederebbe il finimondo. Giornali, tv pubbliche e private, riviste, blog e socialnetwork, tutti urlerebbero (giustamente) allo scandalo. Bruno Vespa avrebbe erezionicontinue come non gli capita dai tempi di Cogne, persino il Papa scenderebbe in piazzacon la kefiah (non so perché ma me o vedo così). Le donne stesse si martirizzerebbero,anche quelle innocenti espierebbero i loro sensi di colpa con un surplus di lavoridomestici, si prenderebbero a schiaffi da sole, andrebbero in massa a messa o a fareterapia di gruppo, infine si darebbero allo shopping compulsivo, ma quello già lo fanno.Se….. Invece la questione continua a riguardare la violenza di massa sulle donne da partedi uomini, una violenza di massa di segno opposto non esiste. Eppure di fronte a tutto ciò,gli uomini, anche quelli sani, anche quelli non violenti dormono.Gli altri, i malati, se sisvegliano è anche peggio. E di fronte a tutto ciò io continuo ancora a sentire questa frase:"Sì, ma le donne usano la violenza verbale". Verissimo. Infatti mi associo anchio: "Mavaffanculo!"ALESSANDRA FAIELLA per @Kotiomkin (12.05.2013)