Elena Codeluppi- La prospettiva relazionale della creatività.

  • 530 views
Uploaded on

Elena Codeluppi- La prospettiva relazionale della creatività. …

Elena Codeluppi- La prospettiva relazionale della creatività.

Opera Research Unit

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
530
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. La prospettiva relazionale della creatività Knowcamp, 8 ottobre 2011 Elena Codeluppi, collaboratrice Unità di Ricerca OperaUniversità di Modena e Reggio EmiliaCentro di Ricerca GIUnODip. Comunicazione e Economia
  • 2. OPERA: la ricerca operativa al servizio di istituzionipubbliche e private • OPERA sviluppa ricerca sui temi:  Creatività  Innovazione  Social media • OPERA promuove le sue ricerche rispetto al mondo imprenditoriale, alla comunità scientifica e alle istituzioni attraverso:  Pubblicazioni  Workshop, seminari, conferenze  Corsi universitari 2
  • 3. La creatività: un processo sociale da favorire • La creatività non è più concepita solo come una dote innata, ma come un processo sociale influenzato dal contesto sociale, culturale ed economico • Occorre passare da realtà caratterizzate dalla presenza di pochi geni individuali ad altre contraddistinte da una classe creativa più diffusa • Importanza di sviluppare appropriate politiche creative-led finalizzate allo sviluppo e al supporto di distretti creativi 3
  • 4. Come sviluppare politiche pubbliche efficaci • Le politiche pubbliche non devono essere finalizzate a costruire “da zero”, ma a sviluppare le scene creative già presenti sul territorio (authenticity) • Occorre intraprendere azioni opportune per riconoscere e comprendere i “fermenti” della scena culturale locale, attraverso un attento processo di mappatura e monitoraggio • L’obiettivo da raggiungere sul territorio è di potenziare la dimensione relazionale 4
  • 5. I confini dell’azienda: l’innovazione come risultato dellasinergia tra azienda e territorio • L’azienda in grado di valorizzare i propri talenti creativi e di attrarne di nuovi registra i maggiori tassi di innovazione e di crescita economica • Occorre presidiare efficacemente tre tipi di processi:  La contaminazione interna tra i membri di un’organizzazione (scambi di idee, conoscenze, informazioni)  Le relazioni con soggetti esterni (ri-definizione dei confini organizzativi)  Il dialogo attivo con il territorio 5
  • 6. L’importanza di promuovere e favorire il cambiamento apartire dall’organizzazione interna Le nuove tecnologie permettono di:  Costruire una memoria scritta delle conoscenze sviluppate dalla comunità  Decodificare su una piattaforma condivisa le conoscenze tacite sia individuali che di gruppo  Costruire mappe complesse della conoscenze  Aggiornare in tempo reale i membri dell’organizzazione  Tracciare i flussi comunicativi tra i membri dell’organizzazione 6