Rosa in coltivazione fuori suolo

2,162 views
1,979 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,162
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Rosa in coltivazione fuori suolo

  1. 1. Rosa in coltivazione fuori suolo Aspetti agronomici
  2. 2. Vivaistica della rosanella coltivazione fuori suolo
  3. 3. scelta del materiale di impianto Molta cura deve essere riservata alla scelta del materiale di impianto (cultivar, tipo di piantina, portinnesto) che deve essere uniforme, sano e vigoroso, in modo da entrare rapidamente in produzione.
  4. 4.  Per la coltura in sacchi di lana di roccia o fibra di cocco, si richiedono piante di taglia ridotta, di pochi mesi di età; può trattarsi di piantine proveniente da talee autoradicate, con un solo nodo, da piante micropropagate, o da mininnesto. Quest’ultimo è un innesto per approssimazione su portinnesto Rosa Indica Mayor, radicato su letto caldo con nebulizzazione.
  5. 5.  Per la coltura in canaletta con perlite o pomice vengono impiegate le piante tradizionali su talee radicate di Rosa Indica Mayor, della lunghezza di 25 cm. Si possono utilizzare piante di 3 o 4 mesi con gemma dormiente o piante completamente formate di un anno. Si può effettuare anche un innesto su talee di Rosa Indica Mayor, messe direttamente a radicare nel contenitore di coltivazione.
  6. 6. I PORTAINNESTINelle zone mediterranee a clima temperato, per tradizione e usanze del posto, si è sempre utilizzata essenzialmente lIndica Major. due porta innesti sani e vigorosi: SELEZIONE PATRUCCO® VERA INDICA MAYOR® SELEZIONE PATRUCCO® KXF1®
  7. 7. Autoplant Autoplant è un sistema veloce per avere subito le piante con innesto a gemma senza stress da trapianto Le piante vengono innestate presso la vostra serra, anticipando così la produzione. Consegna 12 mesi su 12 Garanzia di attecchimento al 100%
  8. 8. Patplant : la nuova pianta sana, prontaa produrre, innestata a gemma su VeraIndica Major
  9. 9.  E’ importante anche accertarsi della sanità del materiale di propagazione, soprattutto nei riguardi di Agrobacterium tumefaciens e dei diversi virus, che possono essere trasmessi anche la portinnesto .
  10. 10. temperature Per la produzione autunno invernale in serra è necessario mantenere temperature minime adeguate alla specie ed alle cultivar, normalmente si adottano valori decrescenti, da 14-15 °C (germogliamento) a 10-12 °C (fioritura).
  11. 11. ombreggiamento Nel periodo estivo temperature superiori a 30°C risultano negative per la qualità dei fiori recisi, soprattutto in alcune cultivar poco resistenti alle alte temperature (Dallas) pertanto si deve ricorrere ad un ombreggiamento (50-70%) della serra con efficiente ventilazione.
  12. 12. U.R. Per mantenere l’U.R. ottimale 70- 80% è necessario ricorrere all’umidificazione dell’ambiente nel periodo primaverile –estivo con irrigazioni umettanti a pioggia di breve durata.
  13. 13. Vantaggi della coltura fuori suolo dellarosa: Mentre in Olanda la coltura fuori suolo si era affermata gia negli anni ’80, in Italia è iniziata negli anni ’90, con motivazioni simili a quelle delle altre colture: stanchezza dei terreni a seguito di monocoltura e difficoltà del rinnovo degli impianti per la disinfezione non sempre efficace. Le esperienze di coltivazione maturate nell’ambiente pugliese hanno messo in evidenza i seguenti vantaggi della coltura fuori suolo della rosa: Produzioni superiori in quantità (35-50%) e qualità (25-35%) Riduzione dell’impiego di fitofarmaci (15-35%); Riduzione del fabbisogno di manodopera (15-35%).
  14. 14. Contenitori e substrati In Olanda e nel centro d’Europa la coltura f.s. della rosa si è sviluppata soprattutto in moduli di lana di roccia; in Italia, invece, dopo alcune esperienze iniziali di impiante f.s. si sono orientati su substrati disponibili in loco e con minoro costo (pomice, altre rocce vulcaniche, argilla espansa frantumata, perlite) Negli ultimi anni è stata introdotta anche la fibra di cocco con risultati vantaggiosi.
  15. 15. perlite
  16. 16. vermiculite
  17. 17. Fibra di cocco
  18. 18. Vasi: si utilizzano vasi di P.E. nero, da 30 a 32 cm di diametro con volume di 25 litri, in cui vengono disposte due piante (circa 12 l di substrato per pianta) I vasi sono distribuiti in file binate su terreno livellato e pacciamato con film di PE bianco lungo i canali di scolo, con pendenza dell’0,5 % ed il recupero della soluzione drenata. Le distanze tra il centro delle bine sono circa 1,5- 1,6 metri per consentire lo svolgimento delle operazioni colturali, per consenire lo svolgimento delle operazioni colturali. Complessivamente si raggiungono densità di 6-7 piante per mq di serra.
  19. 19. Cassette: delle dimensioni di 0,5 x 0,4 x 0,4 m;
  20. 20. Canalette: si utilizzano canalette prefabbricate in polipropilene scatolato di colore nero con altezza di 30 cm, larghezza di 40 cm, posizionate su terreno livellato e pacciamato con pendenza 0,5 %per consentire l’evacuazione del drenato. Queste hanno una lunghezza variabile da 20 a35 m, sono dotate di un canale di sgrondo laterale, ove la soluzione in eccesso arriva attraverso fori praticati alla base della parete.
  21. 21.  Le canalette sono distanziate tra loro di 1,4 – 1,6 m e vengono appoggiate su una lastra di polistirolo inclinata lateralmente per ottenere il recupero della soluzione drenata. Con l’impiego delle canalette si realizza un notevole risparmio nell’impianto rispetto all’uso dei vasi. Sui due lati della canaletta, sono disposte le piante alla distanza di 15-20 cm, corrispondenti a densità di 6-7 piante per mq. Il volume di substrato a disposizione di ciascuna pianta risulta circa 10 litri. Si possono impiegare anche canalette più strette di 30 cm , per impianti a fila singola.
  22. 22. Sacchetti di PE Foto 1 - Coltivazione di rosa in sacchetto Agripan 100 con Sistema monofilare AgriSystem - Toscana
  23. 23.  Foto 2 - Coltivazione di rosa in sacchetto Agripan 100 con Sistema monofilare AgriSystem - Toscana
  24. 24. Foto 3 - Coltivazione di rosa in sacchetto Agripan 100 con Sistema monofilare AgriSystem -Liguria
  25. 25.  Foto 4 - Coltivazione di rosa in sacchetto Agripan 100 con Sistema monofilare AgriSystem - Toscana
  26. 26. Sacchetti di PE Foto 5 - Coltivazione di rosa in sacchetto Agripan 100 con Sistema monofilare AgriSystem - Francia Il sacchetto è posizionato verticalmente per sfruttare meglio lo spessore del substrato.
  27. 27.  Foto 6 - Coltivazione di rosa in sacchetto Agripan 100 con Sistema bifilare AgriSystem - Francia Il sacchetto è posizionato verticalmente per sfruttare meglio lo spessore del substrato.
  28. 28.  Foto 7 - Riempimento di vasi con perlite espansa sfusa Agrilit 3 per la coltivazione della rosa - Liguria
  29. 29.  Foto 8 - Coltivazione di rose in vaso con perlite espansa sfusa
  30. 30.  Foto 9 - Coltivazione di rosa in canalette con perlite espansa sfusa Agrilit 3 - Lazio
  31. 31.  Foto 10: Coltivazione di rosa in canalette con perlite espansa sfusa Agrilit 3 - Sicilia
  32. 32. L’utilizzazione di substrati diversi: lapillo romano 6-8 mm e perlite di 4-6 mm non hanno evidenziato differenze marcate di produzione, il substrato più conveniente risulterebbe il lapillo romano per il minor costo e la facile reperibilità. Motivazioni analoghe hanno portato all’impiego di pomice e di tufi vulcanici.
  33. 33. pomice
  34. 34.  Pomici e Lapilli sono il prodotto di eruzioni vulcaniche esplosive formatesi a seguito di una violenta espansione dei gas dissolti in lave di composizione chimica acida; il rapido raffreddamento della roccia, ha impedito la cristallizzazione della stessa, intrappolando all’interno i gas e generando dei minerali alveolari espansi in maniera più o meno accentuata. In fase di solidificazione infatti, i vapori presenti nel magma, improvvisamente rilasciati, hanno provocato il rigonfiamento dell intera massa del magma ed è durante questa rapida fase di raffreddamento che si sono determinate le differenze nella struttura fisica dei vari inerti vulcanici: il magma che ha originato la POMICE era costituito da minerali di composizione chimica tale da permettere ai gas disciolti all’interno di espandersi molto rapidamente, così da formare una sorta di schiuma. Il rapido raffreddamento successivo della lava ha determinato il repentino solidificarsi della parte liquida intorno alle bolle di gas generando l’aspetto di schiuma vetrosa della pomice. L’interno della roccia infatti è costituita da un’enorme quantità di canalicoli di diametro medio molto piccolo intercomunicanti fra loro e con l’esterno.
  35. 35. LAPILLO VULCANICO 2) PESO SPECIFICO Composizione: LAPILLO ALVEOLARE A CELLULE APERTE. Sostanzialmente si tratta di minerale magmatico effusivo (vulcanite del periodo Pleistocene) calcinato ad alta temperatura TIPI DISPONIBILI DENSITA’ APPARENTE Materiale a umidità di cava SABBIA 0 – 3 mm 850 - 910 Kg/m 3 GRANIGLIA 2 – 4 mm 660 - 760 Kg/m 3 GRANIGLIA 3 - 8 mm 660 - 760 Kg/m 3 GRANIGLIA 6 - 14 mm 550 - 650 Kg/m 3 GRANIGLIA 12 – 20 mm 480 - 550 Kg/m 3
  36. 36. Caratteristiche fisico-chimiche: peso specifico: da 800 – 950 Kg/m 3 (in funzione della granulometria) granulometria: granulato 3/5, 3/10, 10/14 mm ghiaia 14/40 mm ritenzione idrica: dal 6 al 10 % in volume acqua disponibile: dal 4 al 7 % in volume pH: 7 C.S.C.: circa 18 meq/ 100 mg Esente da calcare attivo
  37. 37. Sacchi: si utilizzano sia le lastre di lana di roccia a lunga durata adatte per la rosa , sia i sacchi con fibra di cocco. Le prime hanno la lunghezza di 0,9m, altezza di 7,5 cm, la larghezza di 20 o 30 cm , a seconda che si prevedano 1 o 2 file di piante su ogni modulo.
  38. 38. lana di roccia Le piantine di rosa allevate in cubetto di lana di roccia (10x 10x 7,5 cm) vengono poi appoggiate sulle lastre alla distanza di 15 cm, con singolo gocciolatore, fino a realizzare quattro file per aiuola, considerando passaggi di 80-100 cm, si raggiungono densità di 6-8 pianto /mq. La lana di roccia si adatta molto bene agli impianti a ciclo chiuso, ma non ha incontrato grandi simpatie per i costi elevati e difficoltà di smaltimento del substrato.
  39. 39. fibra di cocco Recentemente si sta diffondendo l’impiego dei sacchi con fibra di cocco (60/80 x 40 x 10 cm), con volume di 24-32 litri, in grado di ospitare 8 piante per sacco ( minitalee o miniinnesti radicati in Jiffy) alimentate con due soli gocciolatori. I sacchi sono forati inferiormente e vengono disposti in fila sopra le canalette metalliche o di polipropilene, alte 60-80 cm, per agevolare la raccolta. Rispetto ai due metodi precedenti (vasi e canalette) , i sacchi presentano il vantaggio di un più facile rinnovo della coltura, in quanto più leggeri e maneggevoli. La fibra di cocco ha già dato prova di sufficiente durata (5 anni) ed inoltre presenta minori problemi di smaltimento al termine della coltura.
  40. 40. Soluzione nutritiva La composizione della soluzione nutritiva standard adatta per la coltivazione della rosa f.s.: soluzione madre per 100 litri è di seguito riportata.
  41. 41. Vasca 1 Vasca 2 Nitrato 15,5%N, Kg 7,56 Nitrato di 13%N, Kg 2,78di calcio 19% Ca potassio 46% K2O Nitrato 35% N Kg 0,44 Fosfato 34% Kg 1,70di ammonio monopotassico K2O, 52% P2O5 Nitrato 13%N, Kg ------ Solfato di 54% Kg 1,31di potassio 46% K2O -- potassio K2O, 18 S Chelato DTPA Kg 0,23 Nitrato di 11 N, 9 Kg ------di ferro 6% Fe magnesio MgO Solfato di 16,7 Kg 1,85 magnesio MgO , 13% S Solfato di 32% Mn g 8,45 manganese Solfato di 25% Cu g 1,9 rame Solfato di 23% Zn g 10,1 Zn Borace 11%B g 19,0 Molibdato 40%Mo g 1,21 di Sodio
  42. 42.  Considerando una coltura a C.A. (Ciclo Aperto), i sali richiesti per ottenere 100 l di soluzione madre 100 volte concentrata possono essere diversi, una possibile combinazione per acque piovane prive di elementi minerali viene riportata in tabella. Il pH ottimale è compreso tra 5,5 e 6,5 , la CE ottimale è di 1,5 dS/m; l’aggiunta di silicio alla soluzione standard , indurrebbe la tolleranza all’oidio.
  43. 43.  Possono essere adottate 2 o 3 vasche per la soluzione concentrata, con diluizione mediante i miscelatori o dosatori, oppure con pompe volumetriche ad impulsi. La distribuzione della soluzione nutritiva avviene mediante l’impianto a goccia con 5- 7 gocciolatori a metro lineare di canaletta della portata di 2 litri/ora, oppure 4 gocciolatori ogni due sacchi da 60-80 cm nel caso della fibra di cocco.
  44. 44.  La distribuzione avviene mediante centralina che consente la gestione automatica del turno e della durata degli interventi, eventualmente corretti in base alla luce ed alla temperatura . Per esempio la frequenza può variare da 2-3 e 9-12 interventi al giorno (inverno- estate) con durata compresa tra 4 e6 minuti (130-200 cc a pianta).
  45. 45.  Il pH ottimale della soluzione distribuita è compreso tra 5,5 e 6,0, nel drenato non deve essere superiore a valori di 6,5. La conducibilità elettrica ottimale della soluzione di partenza risulta di 1,5 dS/m se si è impiegata acqua molto buone o in torno a 2 dS/m, se si è impiagata acqua di media qualità. L’impiego di acque con EC >1 dS/m presenta maggiori difficoltà di gestione della soluzione nutritiva, soprattutto se si stratta di impianti a ciclo chiuso.
  46. 46.  Nel caso di substrato a base di perlite, si consigliano valori di CE di 1,8 – 2,5 dS/m nella soluzione di partenza ed un massimo di 3,0 dS/m nella soluzione drenata . Con la fibra di cocco la CE della soluzione drenata dovrebbe rimanere tra 2,5 e 2,8 dS/m.
  47. 47.  La percentuale di drenaggio che deve essere assicurata per evitare l’innalzamento della CE nel substrato è del 15-20% in inverno e del 30% in estate; il controllo della percentuale della soluzione drenata è importante per limitare i consumi dei Sali e le dispersioni dell’ambiente. Nel caso di impianti a riciclo (ciclo chiuso) si trovano applicate percentuali di drenaggio sino al 50%, allo scopo di migliorare la crescita e la qualità della produzione.
  48. 48.  Il maggior assorbimento degli elementi nutritivi (N) è stato rilevato da Cabrera nella fase di accrescimento iniziale dei nuovi germogli e nella fase di ingrossamento dei boccioli fiorali, risulta quindi evidente che l’assorbimento da parte delle piante non è costante e nel caso di impianti con riciclo della soluzione drenata (ciclo chiuso) si verificano nel tempo variazione di composizione della soluzione nutritiva anche quando si mantenga costante la conducibilità elettrica. In questi casi è necessario controllare periodicamente la composizione della soluzione e provvedere al suo riequilibrio.
  49. 49.  Esperienze condotte nel Nord Italia hanno evidenziato , con rosa fuori suolo a ciclo chiuso, consumi idrici di 0,28 litri per pianta per giorno, predisponendo una aletta pacciamante sulla canaletta di coltivazione.
  50. 50. Allevamento e potatura Le piante vengono allevate in modo da entrare in produzion e in tempi brevi, con impianto a febbraio la prima raccolta può iniziare a maggio, per ottenere questi risultati, i primi germogli emessi vengono piegati prima dell’ingrossamento del bocciolo fiorale, in modo da anticipare l’emissione dei secchioni su cui si realizza la produzione.
  51. 51.  La potatura si effettua contestualmente alla raccolta, regolando l’altezza di taglio in base al vigore delle piante. Nel caso di piante deboli si può effettuare una potatura corta, in modo da stimolare l’emissione dei nuovi secchioni. Quando questa operazione non dà più risultati , le piante sono esaurite e devono essere sostituite dopo 5-6 anni (in media).
  52. 52.  Per contenere la vegetazione lungo le file di coltivazione, nel sistema di allevamento tradizionale, si usano sostegni metallici, due tre fili distanziati di 40-50 cm.
  53. 53.  Nelle più recenti colture F.S. si pratica prevalentemente un sistema di allevamento detto alla “giapponese” o a “corona” con impalcatura bassa a 20-30 cm, che non necessita di sostegni verticali, ma solo di un filo metallico laterale, che serve per trattenere in basso i rami non produttivi, che vengono piegati o lasciati vegetare per alimentare le riserve della pianta, il cosiddetto “polmone”, tra un flusso di fioritura ed un altro. La pianta è stimolata ad emettere rami basali che forniscono steli di buona qualità.
  54. 54. Produzione Le rese della rosa coltivata con impianti fuori suolo rilevate hanno raggiunto 100-130 steli per mq per anno rispetto a 60-80 steli del sistema tradizionale su terreno. Nel caso delle minirose si raggiungono produzioni di 300 steli per mq. Dal punto di vista qualitativo la produzione della rosa fuori suolo si caratterizza per un’alta percentuale di extra sino al 90-95 % del totale degli steli raccolti. Comunque la scelta della cultivar avviene sulla base dell’adattamento all’ambiente di coltivazione e all’esigenze del mercato.
  55. 55. Difesa I problemi fitosanitari che si ritrovano nella coltivazione delle rosa fuori suolo sono inferiori a quelli presenti nelle normali coltivazioni a terra. Tuttavia non potrà essere trascurata la difesa dai principali parassiti animali e vegetali soprattutto afidi, acari, tripidi, oidio e peronospora. La regolazione delle condizioni climatiche è fondamentale per il controllo di questo parassiti: in particolare si debbono evitare condensazione di umidità e sbalzi di temperatura.

×