0
La Sacra Scuola del Marketing  “Non-Convenzionale” 10 principi fondamentali
NinjaMarketing Concept <ul><li>Perché i Ninja? </li></ul><ul><li>NINJA  VS.  SAMURAI </li></ul><ul><li>UTILIZZAVANO   TECN...
Le Tecniche: qualche definizione…
Il word-of-mouth <ul><li>Il passaparola  è la trasmissione di informazioni, considerazioni, opinioni su un prodotto o su u...
Passaparola Vs Pubblicità <ul><li>Solitamente le persone sono più  propense a fidarsi di una comunicazione che avviene att...
L’effetto “Buzz”  <ul><li>Un’operazione di word-of-mouth ben riuscita genera  l’effetto buzz  (ronzio), una forma altament...
Viral Marketing <ul><li>Il marketing virale è finalizzato alla realizzazione di prodotti, servizi o comunicazioni commerci...
Guerrilla <ul><li>Deriva il proprio approccio dal termine militare &quot;guerrilla”:  guerra condotta con mezzi non-conven...
1
1.  Dal  Brand DNA  al  Viral DNA Progetta la natura virale del tuo brand, prima di ogni cosa.
Il prodotto  (o la comunicazione)  è  “straordinario”? Il PRODOTTO IDEALE è quello che non ha bisogno di pubblicità!!!
Brand Building  vs  Momentum
Un brand sempre  in movimento *La  quantità di moto , detta anche  impulso  o semplicemente “ momento”  misura la  capacit...
Quale deve essere  il ruolo del “Buzz”   all’interno del Media Mix?
Dal “Buzz” come  parte del Media Mix…
Al “Buzz” come  DNA di tutte le attività di mktg!
Che risultati si aspettano i clienti?
Viralità=esponenzialità? <ul><li>re </li></ul>
La “reattività” alle azioni  è indice di viralità! Reattività agli   stimoli: Blogosfera relation Seeding Ufficio Stampa A...
2
2.  Dai  Target  alle  Persone Non ci sono target da colpire,  ma persone con cui risuonare.
I mercati sono conversazioni <ul><li>Il  Cluetrain Manifesto  ci ha insegnato che: </li></ul><ul><li>I  mercati sono conve...
Dalla “guerra”  alla “collaborazione” <ul><li>Il linguaggio del marketing </li></ul><ul><li>finora si è basato su </li></u...
3
3.  Dagli  Stili di Vita  ai  Momenti di Vita Esci dall’ufficio ed entra nelle tribù  e nei loro momenti di vita.
Come segmentare il target?
I “momenti di vita” <ul><li>In alcuni momenti della nostra vita  diventiamo un medesimo target  che condivide uno “spazio ...
I “momenti di vita” <ul><li>Ogni “spazio sociale” è caratterizzato da determinati: </li></ul><ul><ul><li>codici simbolici ...
4
4.  Dalla  Brand Awareness  alla  Brand Affinity Non puoi piacere a tutti.  Scegli e alimenta le tue affinità.
Il valore della comunicazione
Innovatori che “influenzano” <ul><li>Al contrario della pubblicità classica, il marketing non-convenzionale punta a  comun...
Non-convenzionale vs Tradizionale <ul><li>Il Marketing Non-Convenzionale punta a  coinvolgere alcuni INFLUENZATORI/UNTORI ...
Qual è il vantaggio  di un approccio non-convenzionale?
Il flusso “convenzionale”
Il flusso “non-convenzionale”
5
5.  Dall’ Advertising  all’ Advertainment  Non cercare di persuadere, ma diverti  e stimola la conversazione.
Advertising Vs Advertainment <ul><li>Il marketing non-convenzionale non punta a “persuadere”, bensì ad “intrattenere”.  </...
6
6.  Dalla  Brand Image  alla  Brand Reputation Non costruirti un’immagine,  conquistati una buona reputazione.
Una definizione di brand <ul><li>“ Una marca è costituita dall’ insieme dei discorsi tenuti su di essa  dalla totalità dei...
7
7.  Dal  Media Planning  al  Media Hunting Cambia il tuo media planner  con un &quot;cool hunter&quot; della comunicazione.
Il Media Hunter  <ul><li>E’ un “ cool hunter” della comunicazione </li></ul><ul><li>Sempre connesso con i blog di tutto il...
8
8.  Dal  Broadcasting  al  Narrowcasting Non ci sono solo i mezzi di massa,  pensa a quanto è lunga la coda.
La lunga coda:  mass-media  vs.  mini-media
Internet ha modificato  i meccanismi di distribuzione <ul><li>Il nostro intrattenimento non è più legato al mondo fisico, ...
Uno strumento di analisi dei Trend (e delle neo-tribù)…
La mappa “Radar Trend” having being emotion techno
La mappa “Radar Trend” <ul><li>E’ una mappa di tipo cognitivo, un sistema planare senza direzionalità    logica del cespu...
9
9.  Dal  Market Position  al  Sense Providing Non cercare un posizionamento sul mercato,  ma il tuo senso nella società.
Il Caso Camper <ul><li>Antonio Fluxà ha fondato l’azienda di scarpe  nel 1877 sull’isola di Mallorca   </li></ul><ul><li>S...
Camper’s Way Camper non segue le mode ed è orgogliosa di essere guidata dall’amore per il design.  Il direttore creativo S...
L’orgoglio delle tradizioni
Camper’s Way NIKE Just do it  -  Ci fa credere che siamo tutti atleti, o almeno frequentatori assidui della palestra, che ...
La filosofia di Camper <ul><li>“ Mettendo in mostra il MEDITERRANEO e i suoi caratteri più veri possiamo  rafforzare l’ori...
I claim di Camper <ul><li>“ Walk … don’t run!” </li></ul><ul><li>“ A little better, never perfect” </li></ul><ul><li>“ Fol...
10
10.  Dal  Fare Comunicazione   all'  Essere la Comunicazione! Quello a cui devi sempre aspirare  è la coerenza dall'inizio...
Il Caso Chevrolet <ul><li>Nel marzo 2006 Chevrolet GM lancia una campagna  user generated  per promuovere il SUV Tahoe </l...
I Risultati <ul><li>La campagna è durata  quattro  settimane: </li></ul><ul><li>- ha raccolto  30000  iscrizioni  </li></u...
La risposta Chevrolet <ul><li>Chevrolet ha affermato di aspettarsi anche una risposta negativa da parte dei consumatori… <...
Dice il saggio… <ul><ul><li>“ Una cattiva reputazione si diffonderà ovunque, ma una buona reputazione andrà ancora più lon...
Alex Giordano  e  Mirko Pallera NinjaMarketing   -  la via del marketing non-convenzionale [email_address] Questo material...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

La Sacra Scuola del Marketing Non-Convenzionale

21,125

Published on

I 10 principi fondamentali del Marketing Non-Convenzionale, scritti in questa forma da Alex Giordano e Mirko Pallera di NinjaMarketing.it

Published in: Business
1 Comment
92 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
21,125
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
19
Actions
Shares
0
Downloads
166
Comments
1
Likes
92
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Transcript of "La Sacra Scuola del Marketing Non-Convenzionale "

    1. 1. La Sacra Scuola del Marketing “Non-Convenzionale” 10 principi fondamentali
    2. 2. NinjaMarketing Concept <ul><li>Perché i Ninja? </li></ul><ul><li>NINJA VS. SAMURAI </li></ul><ul><li>UTILIZZAVANO TECNICHE SEGRETE e ARMI NON-CONVENZIONALI </li></ul><ul><li>PROFONDA CONOSCENZA DELLA NATURA e DEL TERRITORIO </li></ul>
    3. 3. Le Tecniche: qualche definizione…
    4. 4. Il word-of-mouth <ul><li>Il passaparola è la trasmissione di informazioni, considerazioni, opinioni su un prodotto o su un brand che avviene da persona a persona in modo informale. </li></ul><ul><li>Word-of-mouse : tipicamente considerata una forma di comunicazione verbale, il passaparola è oggi potenziato dal web (blog, forum e email, IM, social media, ecc…). </li></ul>
    5. 5. Passaparola Vs Pubblicità <ul><li>Solitamente le persone sono più propense a fidarsi di una comunicazione che avviene attraverso il passaparola rispetto a forme di persuasione più tradizionali, come la pubblicità classica o azioni di marketing convenzionali </li></ul><ul><li>Forte credibilità derivata dall’alto valore percepito della fonte , ritenuta attendibile non avendo un interesse diretto alla vendita. </li></ul>
    6. 6. L’effetto “Buzz” <ul><li>Un’operazione di word-of-mouth ben riuscita genera l’effetto buzz (ronzio), una forma altamente intensa ed interattiva di passaparola. </li></ul>
    7. 7. Viral Marketing <ul><li>Il marketing virale è finalizzato alla realizzazione di prodotti, servizi o comunicazioni commerciali che abbiano in sé la propensione a diffondersi spontaneamente fra le persone come virus. </li></ul><ul><li>Il marketing virale: </li></ul><ul><li>1) Progetta il Viral-DNA del prodotto/servizio/comunicazione </li></ul><ul><li>2) Identifica le persone potenzialmente interessate ad esso </li></ul><ul><li>3) Lo inserisce nei network sociali di riferimento ( seeding ) </li></ul><ul><li>4) Ne agevola la diffusione incoraggiandone la condivisione e le conversazioni su di esso. con altre persone </li></ul>
    8. 8. Guerrilla <ul><li>Deriva il proprio approccio dal termine militare &quot;guerrilla”: guerra condotta con mezzi non-convenzionali da truppe irregolari , che possono contare su poche risorse contro un nemico preponderante </li></ul><ul><li>Nel Marketing: l’organizzazione di attività dal forte impatto creativo che sorprendano il pubblico </li></ul><ul><li>Le tecniche di &quot;guerrilla marketing&quot; utilizzano strumenti diversi da quelli tradizionali (spesso attesi, scontati e costosi), mettendo in campo azioni non-convenzionali per ottenere il massimo risultato con il minimo di risorse impiegate. </li></ul>
    9. 9. 1
    10. 10. 1. Dal Brand DNA al Viral DNA Progetta la natura virale del tuo brand, prima di ogni cosa.
    11. 11. Il prodotto (o la comunicazione) è “straordinario”? Il PRODOTTO IDEALE è quello che non ha bisogno di pubblicità!!!
    12. 12. Brand Building vs Momentum
    13. 13. Un brand sempre in movimento *La quantità di moto , detta anche impulso o semplicemente “ momento” misura la capacità di un corpo di modificare il movimento di altri corpi con cui interagisce dinamicamente Momentum=massa x velocità <ul><li>Idee come moneta </li></ul><ul><li>Le idee trovano il medium </li></ul><ul><li>Idea Obsolescence </li></ul><ul><li>Conversazioni </li></ul><ul><li>Sorpresa </li></ul><ul><li>Tutto è branding </li></ul><ul><li>Investimenti come moneta </li></ul><ul><li>Il medium determina l’idea </li></ul><ul><li>Idea Extension </li></ul><ul><li>Pubblicità </li></ul><ul><li>Ripetizione </li></ul><ul><li>Branding e retail </li></ul>BRAND MOMENTUM* (nuove regole) BRAND BUILDING (vecchie regole)
    14. 14. Quale deve essere il ruolo del “Buzz” all’interno del Media Mix?
    15. 15. Dal “Buzz” come parte del Media Mix…
    16. 16. Al “Buzz” come DNA di tutte le attività di mktg!
    17. 17. Che risultati si aspettano i clienti?
    18. 18. Viralità=esponenzialità? <ul><li>re </li></ul>
    19. 19. La “reattività” alle azioni è indice di viralità! Reattività agli stimoli: Blogosfera relation Seeding Ufficio Stampa Advertising
    20. 20. 2
    21. 21. 2. Dai Target alle Persone Non ci sono target da colpire, ma persone con cui risuonare.
    22. 22. I mercati sono conversazioni <ul><li>Il Cluetrain Manifesto ci ha insegnato che: </li></ul><ul><li>I mercati sono conversazioni </li></ul><ul><li>2. I mercati sono fatti di esseri umani, non di segmenti demografici </li></ul><ul><li>3. Le conversazioni tra esseri umani si svolgono con voce umana . </li></ul>
    23. 23. Dalla “guerra” alla “collaborazione” <ul><li>Il linguaggio del marketing </li></ul><ul><li>finora si è basato su </li></ul><ul><li>terminologie militari </li></ul><ul><li>La “cooperazione online” va </li></ul><ul><li>oltre i due classici pilastri </li></ul><ul><li>dell’economia: l’azienda produttrice </li></ul><ul><li>e il mercato di consumatori. </li></ul><ul><li>Es: Linux, Wikipedia, le recensioni </li></ul><ul><li>di Amazon, YouTube </li></ul><ul><li>media) </li></ul>
    24. 24. 3
    25. 25. 3. Dagli Stili di Vita ai Momenti di Vita Esci dall’ufficio ed entra nelle tribù e nei loro momenti di vita.
    26. 26. Come segmentare il target?
    27. 27. I “momenti di vita” <ul><li>In alcuni momenti della nostra vita diventiamo un medesimo target che condivide uno “spazio sociale”, un ambiente. </li></ul><ul><li>Gli “spazi sociali” possono essere fisici o virtuali (Internet). </li></ul><ul><li>Lo “spazio sociale” è caratterizzato da due dimensioni: il luogo e il momento (situazione). </li></ul>
    28. 28. I “momenti di vita” <ul><li>Ogni “spazio sociale” è caratterizzato da determinati: </li></ul><ul><ul><li>codici simbolici </li></ul></ul><ul><ul><li>regole sociali </li></ul></ul><ul><ul><li>e particolari “ attitudini al consumo ”. </li></ul></ul><ul><li>Approccio etnografico/analisi qualitative per: </li></ul><ul><ul><li>capire il “senso” che le persone attribuiscono all’azione </li></ul></ul><ul><ul><li>identificare i potenziali touchpoints (reali e virtuali) fra pubblico e brand. </li></ul></ul>
    29. 29. 4
    30. 30. 4. Dalla Brand Awareness alla Brand Affinity Non puoi piacere a tutti. Scegli e alimenta le tue affinità.
    31. 31. Il valore della comunicazione
    32. 32. Innovatori che “influenzano” <ul><li>Al contrario della pubblicità classica, il marketing non-convenzionale punta a comunicare ad una nicchia di innovatori/influenzatori . </li></ul><ul><li>Innovatori ed adottatori precoci sono persone disposte a diffondere idee e novità , anche rispetto a nuovi prodotti e servizi. </li></ul><ul><li>Le persone che compongono la maggioranza precoce e tardiva prestano ascolto a questi “influencers”. </li></ul>
    33. 33. Non-convenzionale vs Tradizionale <ul><li>Il Marketing Non-Convenzionale punta a coinvolgere alcuni INFLUENZATORI/UNTORI . Sono loro che diffonderanno la comunicazione agli altri!!! </li></ul>
    34. 34. Qual è il vantaggio di un approccio non-convenzionale?
    35. 35. Il flusso “convenzionale”
    36. 36. Il flusso “non-convenzionale”
    37. 37. 5
    38. 38. 5. Dall’ Advertising all’ Advertainment Non cercare di persuadere, ma diverti e stimola la conversazione.
    39. 39. Advertising Vs Advertainment <ul><li>Il marketing non-convenzionale non punta a “persuadere”, bensì ad “intrattenere”. </li></ul><ul><li>Per questo spesso la strategia si basa sulla creazione di un “cavallo di troia” del messaggio pubblicitario. </li></ul><ul><li>In questo modo la comunicazione riesce a catturare l’attenzione del target, divertendolo e coinvolgendolo in una relazione, che poi permetterà al brand di veicolare il messaggio pubblicitario. </li></ul><ul><li>L’advertainment stimola il passaparola! </li></ul>
    40. 40. 6
    41. 41. 6. Dalla Brand Image alla Brand Reputation Non costruirti un’immagine, conquistati una buona reputazione.
    42. 42. Una definizione di brand <ul><li>“ Una marca è costituita dall’ insieme dei discorsi tenuti su di essa dalla totalità dei soggetti (individuali e collettivi) coinvolti nella sua generazione” </li></ul><ul><li>(A. Semprini) </li></ul>
    43. 43. 7
    44. 44. 7. Dal Media Planning al Media Hunting Cambia il tuo media planner con un &quot;cool hunter&quot; della comunicazione.
    45. 45. Il Media Hunter <ul><li>E’ un “ cool hunter” della comunicazione </li></ul><ul><li>Sempre connesso con i blog di tutto il mondo </li></ul><ul><li>Non ragiona per formati standard ma crea i formati </li></ul><ul><li>Non conosce solo le grandi concessionarie ma scopre ogni giorno nuovi mini-media </li></ul><ul><li>Non lo spaventa realizzare progetti complessi e trova i partner adatti </li></ul><ul><li>Sa cogliere le “occasioni” al volo! (non solo quelle di prezzo). </li></ul>
    46. 46. 8
    47. 47. 8. Dal Broadcasting al Narrowcasting Non ci sono solo i mezzi di massa, pensa a quanto è lunga la coda.
    48. 48. La lunga coda: mass-media vs. mini-media
    49. 49. Internet ha modificato i meccanismi di distribuzione <ul><li>Il nostro intrattenimento non è più legato al mondo fisico, è diventato virtuale </li></ul><ul><li>In un mercato basato sulla “Lunga Coda” ciascuno può avere un pubblico </li></ul><ul><li>La “Lunga Coda” permette una fioritura di generi, stili, media differenti che si rivolgono a nicchie di pubblico, piccole, ma molto dense (e non affollate da messaggi pubblicitari!). </li></ul>
    50. 50. Uno strumento di analisi dei Trend (e delle neo-tribù)…
    51. 51. La mappa “Radar Trend” having being emotion techno
    52. 52. La mappa “Radar Trend” <ul><li>E’ una mappa di tipo cognitivo, un sistema planare senza direzionalità  logica del cespuglio. </li></ul><ul><li>Le polarità della mappa: </li></ul><ul><ul><li>Essere : la spiritualità, i valori dell’anima, la trasparenza e la semplicità volontaria. </li></ul></ul><ul><ul><li>Emozione : i valori dell’autenticità e dei sentimenti esibiti con coraggio, un’area carica di valori caldi e passionali. </li></ul></ul><ul><ul><li>Avere : i valori del possesso e dell’identità attraverso l’esibizione. </li></ul></ul><ul><ul><li>Tecnologia : l’irruzione dell'innovazione tecnologica e scientifica come valori guida del cambiamento. </li></ul></ul>
    53. 53. 9
    54. 54. 9. Dal Market Position al Sense Providing Non cercare un posizionamento sul mercato, ma il tuo senso nella società.
    55. 55. Il Caso Camper <ul><li>Antonio Fluxà ha fondato l’azienda di scarpe nel 1877 sull’isola di Mallorca </li></ul><ul><li>Suo nipote Lorenzo ha intrapreso un percorso di modernizzazione durante gli anni ‘70 </li></ul><ul><li>Camper significa “contadino” in catalano, e le sue origini sono fermamente radicato nella Spagna rurale </li></ul><ul><li>Camper è ancora un’azienda famigliare che è diventata un “global” brand </li></ul><ul><li>Nel 2004, Camper ha venduto 3 milioni di paia di scarpe, con revenue per oltre 180 millioni di dollari. </li></ul>
    56. 56. Camper’s Way Camper non segue le mode ed è orgogliosa di essere guidata dall’amore per il design. Il direttore creativo Shubhankar Ray ha creato uno stile non-convenzionale che si basa sul concetto di: “ THE WALKING SOCIETY” (TWS)
    57. 57. L’orgoglio delle tradizioni
    58. 58. Camper’s Way NIKE Just do it - Ci fa credere che siamo tutti atleti, o almeno frequentatori assidui della palestra, che amano mettere alla prova la propria resistenza fisica, superare i propri limiti e sudare. CAMPER Walk don’t Run - Camper ci invita a riflettere sull’ambiente che ci circonda, su ciò che mangiamo e sulle scarpe che indossiamo.
    59. 59. La filosofia di Camper <ul><li>“ Mettendo in mostra il MEDITERRANEO e i suoi caratteri più veri possiamo rafforzare l’origine geografica di Camper, l’autenticità del suo retaggio e la sua vera identità. È importante per Camper restare fedele alle proprie radici e alla propria indole, per differenziare il brand e proporre un’alternativa al modello di globalizzazione e consumo di matrice anglo-americana, per il quale tutti sono sexy e cool, e devono aspirare a qualcosa.” </li></ul><ul><li>Shubhankar Ray </li></ul>Autore del libro: The dis-ease of consumption – Capitalism is a thief
    60. 60. I claim di Camper <ul><li>“ Walk … don’t run!” </li></ul><ul><li>“ A little better, never perfect” </li></ul><ul><li>“ Followers, not clients” </li></ul><ul><li>“ NO los compres, si NO los necessitas” </li></ul>Martì Guixé www.guixe.com
    61. 61. 10
    62. 62. 10. Dal Fare Comunicazione all' Essere la Comunicazione! Quello a cui devi sempre aspirare è la coerenza dall'inizio alla fine.
    63. 63. Il Caso Chevrolet <ul><li>Nel marzo 2006 Chevrolet GM lancia una campagna user generated per promuovere il SUV Tahoe </li></ul><ul><li>Viene indetto il contest “ Build your own commercial” nell’ambito dello show televisivo “The Apprentice” </li></ul><ul><li>I clienti sono stati invitati a realizzare dei video partendo da una serie di clip e di colonne sonore da scegliere sul sito del Suv Tahoe ( www.chevrolet.com/tahoe ) e da arricchire con pay-off ideati liberamente. </li></ul>
    64. 64. I Risultati <ul><li>La campagna è durata quattro settimane: </li></ul><ul><li>- ha raccolto 30000 iscrizioni </li></ul><ul><li>- coinvolto 5 milioni di persone </li></ul><ul><li>- alimentato un dibattito sull’eco-compatibilità dei SUV </li></ul><ul><li>Di fatto tutti i video realizzati per la campagna che circolano su YouTube e Google Video imputano al SUV Tahoe la responsabilità del riscaldamento del globo. </li></ul>
    65. 65. La risposta Chevrolet <ul><li>Chevrolet ha affermato di aspettarsi anche una risposta negativa da parte dei consumatori… </li></ul><ul><li>“ Per un brand la cosa migliore è andare SEMPRE al cuore del dibattito, piuttosto che restarne ai margini” </li></ul><ul><li>(Direttore Marketing Tahoe) </li></ul><ul><li>È fondamentale “assumere una posizione trasparente, aprendosi al dibattito con i propri clienti” </li></ul><ul><li>(Ed Peper, Direttore Generale Chevy GM) </li></ul>
    66. 66. Dice il saggio… <ul><ul><li>“ Una cattiva reputazione si diffonderà ovunque, ma una buona reputazione andrà ancora più lontano” </li></ul></ul><ul><li>(Nichiren, monaco buddista) </li></ul>
    67. 67. Alex Giordano e Mirko Pallera NinjaMarketing - la via del marketing non-convenzionale [email_address] Questo materiale è pubblicato con licenza “Creative Commons” ( www. creativecommons.org) . S iamo contenti se questo materiale viene liberamente diffuso, lo siamo ancora di più se ne citate anche la fonte. Credits: mandala by nowikonik.com
    1. A particular slide catching your eye?

      Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

    ×