Product Development Centre; Maranello

405 views
232 views

Published on

Architect : Massimiliano Fuksas
Designation : Product Development Centre; Maranello, Modena, Italy.

Published in: Design
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
405
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Product Development Centre; Maranello

  1. 1. Progetti Massimiliano Fuksas Product Development Centre text by Donatello D’Angelo Località Location via Abetone Inferiore 4, Maranello, Modena, Italy Cliente Client Ferrari S.p.A. Progetto Design Massimiliano Fuksas Gruppo di lavoro Project team Doriana O. Mandrelli (interior design and creative direction), Giorgio Martocchia (project manager), Fabio Cibinel e Dario Binarelli (preliminary project), Adele Savinio (definitive project), Defne Dilber Stolfi (building supervision), Gianluca Brancaleone, Nicola Cabiati, Andrea Marazzi (model makers) Strutture Structural engineering Studio Sarti Impianti Technical engineering Al Engineering Realizzazione Realization 2001-2004 Superficie complessiva Built area 17.000 m2 Costo totale Total cost € 14.000.000 Thomas Jantscher Impresa di costruzione General contractor COGEI Costruzioni S.p.A. Pietro Savorelli Projects 44 1 1
  2. 2. Progetti Centro Sviluppo Prodotto “Sono convinto che l’architettura possa contribuire a fabbricare un nuovo paesaggio, un paesaggio urbano. E’ per questo che non parlo mai di scala perché la scala è in relazione all’essere umano, un oggetto o un edificio sono grandi perché noi siamo piccoli o viceversa, l’orizzonte è molto più interessante perché è dinamico, perché saliamo con la nostra visione oppure scendiamo, si muove con noi, e questa è un’immagine completamente diversa di vedere le cose” (Massimiliano Fuksas, Frames, Barcellona 2001) L’associazione del mito Ferrari a quello di Fuksas, avrebbe naturalmente e banalmente, direi, ricondotto a forme architettoniche fantastiche, avveniristiche e soprattutto aerodinamiche. Il percorso compositivo scelto da Fuksas per la realizzazione del nuovo Centro Sviluppo Prodotto all’interno del complesso produttivo di Maranello, rifugge dall’eccesso, dalle banali e scontate visione futuristiche, abbandona la costruzione della metafora basata sulla velocità affidandosi più semplicemente alla suggestione spaziale. L’emozione che suscita la Ferrari in tutte le sue forme, è stata magicamente interpretata in forme architettoniche, in suggestioni spaziali, appunto, nella creazione di una nuova dimensione garantita dalla sospensione dei volumi, dagli spazi luminosi e trasparenti, dalla sovversioni prospettiche. La poetica dell’architetto romano trova in questa architettura una sintesi pacata ed equilibrata. Lo scopo era quello di dare forma ad un sogno, e questo è stato concretizzato non solo in una architettura, ma in un micro-cosmo, in un nuovo, paesaggio. Tenendo come punto di partenza il concetto di orizzonte in contrap- 1 Vista notturna dell’edificio 2 Planimetria generale. Il nuovo edificio è situato dietro la nuova Galleria del Vento di Renzo Piano e di fronte la nuova Meccanica e la nuova Verniciatura di Marco Visconti 3 Spaccato assonometrico che mette in evidenza la sospensione dell’ultimo livello che poggia sulla struttra del vano scala e su pochi ed esili pilastri 4 Il Centro Sviluppo Prodotto visto dall’ingresso del complesso produttivo “I am convinced that architecture can contribute to create a new landscape, an urban landscape. That is why I never speak about scale, because scale is related to the human being, an object or a building is big because we are small or vice versa; the horizon is much more interesting, because it is dynamic, we ascend or descend with our vision, it moves with us, and this is a completely different way to see things” (Massimiliano Fuksas, Frames, Barcelona 2001) It would be natural to suppose that the association between the myth of Ferrari and that of Fuksas be banally related to fantastic, futuristic and above all aerodynamic architectural forms. The compositive itinerary chosen by Fuksas for the realization of the new Product Development Center at the Maranello plant avoids all excesses, banalities and foregone futuristic visions, abandoning the idea of building a metaphor based on speed, preferring to rely on spatial effects. The emotions associated with Ferrari in all its forms have been magically interpreted in architectural forms, in spatial suggestions, precisely through the creation of a new dimension, through the suspension of the volumes, the luminous and transparent spaces, the inversion of perspectives. The poetic quality distinguishing the Roman architect is here reflected by a placid and equilibrated synthesis. The objective was to give form to a dream, and this has been concretized not only in an architecture, but in a microcosm, in a new landscape. Taking inspiration on the concept of horizon as opposed to that of scale, Fuksas has created a building based on new points of view, on new horizons, 1 Nocturnal view of the building 2 General plan. The new building is located behind the new Wind Tunnel designed by Renzo Piano and in front of the new Mechanic and the new Paint plant by Marco Visconti 3 Axonometric cutaway view that shows the suspension of the last floor, that rests on the structure of the staircase and on a few slender pillars 4 The building seen from the entrance of the manufacturing complex 3 46 Pietro Savorelli Projects Product Development Centre 2 4
  3. 3. Pietro Savorelli Pietro Savorelli 48 5 8 Projects Product Development Centre 0 10 20m 0 10 6 Sezioni longitudinale e trasversale 7 Prospetti est e nord 8 Spigolo dell’ultimo livello 9 Pianta piano terra 10 Pianta primo piano 11 Pianta secondo piano 5 Fascinating view from below, where the suspension of the top floor and its marked projection guaranteed by a structure with reticular diagonal beans, imposing but inconspicuous, becomes evident. The suspension from the ground is, on the contrary, underscored by the deep ditch surrounding the building Progetti Centro Sviluppo Prodotto 5 Suggestiva vista dal basso dove si può notare la sospensione dell’ultimo livello e il suo forte aggetto garantito da una struttura a travi reticolari diagonali, imponenti ma ben dissimulate. La sospensione dal terreno è invece accentuata dal profondo fossato che circonda l’edificio 6 Longitudinal and transversal sections 7 Eastern and northern front views 8 The corner of the last floor 9 Plan of the ground floor 10 Plan of the first floor 11 Plan of the second floor 30m 6 7 9 10 11
  4. 4. Progetti Centro Sviluppo Prodotto posizione al concetto di scala, Fuksas crea un edificio costruito su nuovi punti di vista, su nuovi orizzonti, dinamici, appunto, che fanno sì che l’architettura sia cinetica, capace di mettere ordine in quello che Fuksas chiama caos sublime. Il progetto, rappresenta lo sviluppo di una nuova poetica della leggerezza. Così come per le Torri Gemelle Viennesi, con il quale il Centro Sviluppo Prodotto sembra avere molte affinità compositive, Fuksas abbandona le immaginifiche, fantastiche visioni nebulose fluttuanti, approdando alla purezza, a forme lineari che sembrano quasi dettate da Mies Van der Rohe. La leggerezza si avverte per contrasto. La massa vetrosa imponente e grave, sembra fluttuare sul terreno grazie al grande fossato che la circonda. Il volume ag- gettante, sovvertendo le regole della gravità, sembra magicamente volare. Così come magicamente sembra volare il fruitore che ha la senzazione di librarsi sospeso sulla superficie d’acqua percorrendo le passerelle del primo livello. Il cuore dell’edificio, racchiude un mondo parallelo. I percorsi, la lastra d’acqua continua sul tetto del primo livello, la luce che su di essa si riflette, le scale alla Escher, le scatole vetrose e le lastre colorate che fragili sembrano sorreggere la massa sovrastante, creano un vero e proprio nuovo paesaggio, più che artificiale, straniante. Percorrere questi spazi significa alienarsi, perdere la cognizione spaziale, smarrirsi in un nuovo e sognante mondo parallelo, che è la personale sintesi che Fuksas ha dato al sogno Ferrari. 12 Vista dal primo piano. In evidenza il sistema di collegamento verticale della corte centrale, le piante di bambù e il piano terra ricoperto da ciottoli bianchi, il tutto a creare una dimensione bioclimatica 13 Il grande specchio d’acqua che ricopre il tetto del primo piano dynamic horizons that renders the architecture kinetic, capable of establishing order in what Fuksas calls sublime chaos. The project represents a new interpretation on the theme of lightness; as in the Twin Towers of Vienna that appears to have much in common with the Product Development Center, Fuksas abandons imaginative, fantastic nebulous and fluctuating visions, opting for a purity and linear forms that almost seem inspired by Mies Van der Rohe. The lightness is perceived by contrast. The glazed, imposing and weighty mass seems to float on the ground thanks to the large ditch surrounding it. The projecting volume, subverting the rules of gravity, seems to fly as if by magic. And so does the visitor, who gets a sensation of being poised, suspended on the water surface when walking across the footbridges on the first floor. The heart of the building encloses a parallel world. The itineraries, the water surface on the roof of the first floor and the light reflected by it, the Escher-type stairs, the glazed boxes and colored sheets that seem to support the mass above in spite of their fragility, truly create a new landscape, that is alienating rather than artificial. Crossing these spaces means to feel alienated, losing the cognition of space, getting lost in a new and dreamy parallel world, a personal synthesis of the Ferrari dream as conceived by Fuksas. 12 View of the first floor. Notice the vertical connection system of the central court, the bamboo plants and the ground floor covered by white cobbles, all aimed at creating a bioclimatic dimension 13 The large water surface covering the roof of the first floor Pietro Savorelli 50 Pietro Savorelli Projects Product Development Centre 12 13
  5. 5. Pietro Savorelli Progetti Centro Sviluppo Prodotto 14 La stanza gialla che, come per quella rossa sono riservate alle riunioni, grazie al pavimento colorato sono garantiscono un discreto richiamo al marchio Ferrari 15 Uno dei percorsi interni. Sullo sfondo una vetrata rossa, altro richiamo al colore Ferrari 16 -17 Particolare del sistema di climatizzazione degli uffici in estate ed in inverno 18 L’imponente struttura che attraversa tutti i piani e che contiene la distribuzione verticale, ovvero le scale e gli ascensori 19 Uno dei percorsi vetrati. Sulla sinistra la stanza gialla, sulla destra un abiente schermato da una lastra di vetro color rosso 14 16 14 The yellow room; like the red room, it is intended for meetings. The colored floor provides a discrete reference to the Ferrari brand 15 One of the interior passages. A red glazing, another reference to the Ferrari color, is visible in the background 16 -17 Detail of the air conditioning system of the offices, which guarantees ideal temperatures both in summer and in winter 18 The impressive structure that cuts through all the floors, providing vertical connections in the form of stairs and lifts 19 One of the glazed passages. The yellow room is visible to the left, while an area screened by a red glass pane may be glimpsed to the right 15 Pietro Savorelli 17 Pietro Savorelli Projects Product Development Centre 52 0 50 100cm 18
  6. 6. Progetti Centro Sviluppo Prodotto Informazioni Information Facciate e porte esterne Focchi Glass façade system and dors Pareti vetrate piano d’acqua CIMA Glass walling at water basin level Sistema di oscuramento Sun shading Controsoffittature False ceilings Icom Engineering Pavimentazione in legno Wood elements Tamburini & Lardosi Pavimentazione in pietra Slate flooring Marmi & Marmi Ascensori Elevators KONE Ascensori Impianto di climatizzazione Air-conditioning system Marchi Impianti Impianto elettrico Electric system Mordenti Impianti Pannelli in cartongesso e soffittature piano d’acqua Gypsium panels and ceiling at first floor Isoltecnic Pannelli impacchettabili Sliding panels Oddicini Industrie Pavimenti sopraelevati Raised flooring Sadi Pavimenti in resina Resin flooring Sogechim Pareti mobili e porte interne Partition walls and doors Methis – Coopsette Porte antincendio Fire-fighting system doors Novoferm Schievano Rivestimento in ceramica Ceramic wall covering Pietro Savorelli 3F Filippi Strutture d’acciaio Steel structure Projects Product Development Centre Casalini & Co. Elementi d’illuminazione Lighting elements 19 Pancaldi Copertura Roofing 54 Pellini Marazzi Arredi uffici e pareti Akustikwall Office forniture and Akustikwall partitions Fantoni Verde Landscaping Azienda Agricola Lanzi

×