Web Research


“I giovani europei (15-24) e la cannabis:
    analisi sulle opinioni riguardo la
 percezione del rischio, l...
Introduzione

Droga e problemi legati alla droga sono motivo di grande preoccupazione per i
cittadini e una grave minaccia...
Riferimenti teorici e ipotesi di ricerca

La Commissione europea ha esaminato l'importanza dei fenomeni connessi
con la dr...
Formulazione delle ipotesi
Nella mia ricerca sono partito dai dati forniti dall' Unione Europea riguardo alle
opinioni dei...
Individuazione delle Fonti ufficiali utilizzate,
       dei tipi di dati analizzati e dell’universo di
                   ...
Tabelle e dati salienti
Per ciò che riguarda la percezione dei rischi per la salute, derivati dal consumo di
cannabis poss...
Per quanto riguarda invece la difficoltà di accesso al consumo di cannabis solo in 4 paesi
risulterebbe problematico (very...
Anche sulle opinioni sul fatto che la cannabis debba continuare ad essere proibita (o al
contrario regolamentato il suo us...
Commenti e verifica ipotesi
Analizzando con attenzione le tabelle proposte possiamo andare a verificare le
ipotesi prefiss...
Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons
   “Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

I giovani europei (15-24) e la cannabis: la percezione del rischio, le politiche in atto e la possibilità di accesso

1,840 views
1,735 views

Published on

Nella mia ricerca sono partito dai dati forniti dall' Unione Europea riguardo alle opinioni dei giovani europei (di età compresa tra i 15 e i 24 anni) sul fenomeno “droga”; ho notato che riguardo alla cannabis (rispetto a cocaina, eroina ed ecstasy) emergevano informazioni, a mio avviso, più salienti riguardo alle diversità tra un paese europeo e l'altro; quindi ho estrapolato i dati circa ciò che mi interessava analizzare (tralasciando le tavole che riguardavano le opinioni su altri tipi di sostanze stupefacenti) per valutare le contingenze tra 3 variabili che ho ritenuto interessanti:
• la percezione dei giovani europei nei confronti dei rischi per la salute, dovuti al consumo di cannabis;
• il grado di facilità con cui i giovani europei dichiarano di aver accesso al consumo di cannabis;
• l'attitudine dei giovani europei nei confronti della situazione attuale di proibizione del consumo Vs una possibile regolamentazione/legalizzazione,
sempre per quanto riguarda la cannabis.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,840
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I giovani europei (15-24) e la cannabis: la percezione del rischio, le politiche in atto e la possibilità di accesso

  1. 1. Web Research “I giovani europei (15-24) e la cannabis: analisi sulle opinioni riguardo la percezione del rischio, le politiche in atto e la possibilità di accesso” Paolo Ratto Mail: paolojul@hotmail.it Blog: http://paoloratto.blogspot.com Follow me on: Facebook, Twitter, Friendfeed, Slideshare
  2. 2. Introduzione Droga e problemi legati alla droga sono motivo di grande preoccupazione per i cittadini e una grave minaccia per la sicurezza e la salute della società europea. L'uso di droghe, soprattutto tra i giovani, è storicamente a livelli elevati e si collega ad altri fenomeni come la criminalità, indissolubilmente legata alla sua diffusione, e ad altri problemi sociali a cui di volta in volta viene accostata. È quindi di assoluta importanza seguire costantemente l'evolversi del fenomeno. Lo scenario europeo relativo alla cannabis si è evoluto notevolmente nell’ultimo ventennio, così come si è evoluto il dibattito su come reagire in modo efficace alla diffusione del consumo di questa sostanza. All’inizio e a metà degli anni Novanta alcuni paesi denunciavano una percentuale di prevalenza elevata, mentre a livello europeo si registravano ancora livelli piuttosto bassi rispetto agli standard odierni. In quasi tutti gli Stati il consumo di cannabis è aumentato negli anni Novanta e all'inizio del nuovo millennio, determinando un quadro generale europeo meno diversificato, anche se continuano a rimanere delle differenze tra un paese e l'altro. Negli ultimi anni, inoltre, si è assistito a una maggiore comprensione delle implicazioni per la salute pubblica del consumo prolungato e diffuso di questa sostanza e all’aumento del numero di richieste di trattamento per problemi connessi al consumo di cannabis. Si può supporre che l’Europa si stia dirigendo verso una nuova fase, visto che i dati attuali indicano una stabilizzazione o perfino una tendenza al ribasso. I livelli di consumo rimangono comunque alti rispetto agli standard storici e il dibattito europeo sull'argomento non ha ancora trovato una risposta efficace alla diffusione del consumo di questa sostanza.
  3. 3. Riferimenti teorici e ipotesi di ricerca La Commissione europea ha esaminato l'importanza dei fenomeni connessi con la droga negli Stati membri dell'Unione per diversi anni. Soltanto poco più di quindici anni fa la capacità di monitorare il problema degli stupefacenti in Europa era estremamente limitata. Gli approcci nazionali a questo fenomeno erano alquanto diversificati, mentre a livello europeo si registrava una carenza di informazioni attendibili e comparabili sulle droghe, le tossicodipendenze e le loro conseguenze. In sostanza, era impossibile parlare in modo fondato di modelli e tendenze di consumo di stupefacenti nell’Unione europea. Per far fronte a questo limite, nel 1993 è stato istituito l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), una delle agenzie decentrate dell’Unione europea. L’Osservatorio è il punto di convergenza e la fonte di informazioni di ogni tipo sulle droghe e sulle tossicodipendenze in Europa. L’OEDT raccoglie, analizza e divulga informazioni obiettive, affidabili e comparabili sulle droghe e sulle tossicodipendenze. In quest’ottica, fornisce al pubblico un quadro teorico e pratico del fenomeno della droga a livello europeo. Ogni anno viene pubblicata una relazione annuale molto dettagliata, accompagnata da un bollettino statistico che mette a disposizione tutti i dati raccolti sul fenomeno. La Commissione europea, inoltre, cerca di monitorare costantemente ciò che avviene attraverso alcune indagini dell'Eurobarometro, organismo della che effettua studi e analisi dell’opinione pubblica, anch'esse messe a disposizione di tutti. Nel 2002 e nel 2004, le indagini sono state condotte tra i giovani della vecchia UE-15. Gli argomenti trattati andavano dal consumo e dal coinvolgimento dei giovani alla cultura della droga fino alla percezione dei pericoli associati alle varie tipologie e alle opinioni circa la reale efficacia delle politiche attuate dai vari governi europei per combattere la diffusione del fenomeno.
  4. 4. Formulazione delle ipotesi Nella mia ricerca sono partito dai dati forniti dall' Unione Europea riguardo alle opinioni dei giovani europei (di età compresa tra i 15 e i 24 anni) sul fenomeno “droga”; ho notato che riguardo alla cannabis (rispetto a cocaina, eroina e d ecstasy) emergevano informazioni, a mio avviso, più salienti riguardo alle diversità tra un paese europeo e l'altro; quindi ho estrapolato i dati circa ciò che mi interessava analizzare (tralasciando le tavole che riguardavano le opinioni su altri tipi di sostanze stupefacenti) per valutare le contingenze tra 3 variabili che ho ritenuto interessanti: • la percezione dei giovani europei nei confronti dei rischi per la salute, dovuti al consumo di cannabis (variabile ordinale); • il grado di facilità con cui i giovani europei dichiarano di aver accesso al consumo di cannabis (variabile ordinale); • l'attitudine dei giovani europei nei confronti della situazione attuale di proibizione del consumo Vs una possibile regolamentazione/legalizzazione, sempre per quanto riguarda la cannabis (variabile nominale). Ho analizzato queste 3 variabili, valutandole per ciascuno dei 27 paesi componenti l' Unione Europea, e ho formulato alcune ipotesi: • Nei paesi in cui la percezione del rischio è maggiore, ci sarà un attitudine a confermare l'attuale condizione di proibizione del consumo; • Vi è un forte legame tra difficoltà di accesso alla cannabis e proibizione/regolamentazione del consumo; ovvero nei paesi in cui è più “facile” accedere al consumo, l'opinione dei giovani spingerebbe verso una regolamentazione (opinione quindi in disaccordo con l'attuale politica di proibizione); • Nei paesi in cui la cannabis viene avvertita come un pericolo molto elevato per la salute, sarà più difficile accedere al consumo.
  5. 5. Individuazione delle Fonti ufficiali utilizzate, dei tipi di dati analizzati e dell’universo di riferimento analizzato I dati che ho utilizzato derivano da uno studio dell' Eurobarometro sui giovani europei e la droga (“Young people and Drugs” Flash Eurobarometer report n° 233), richiesto dalla Direzione Generale Giustizia e Libertà e Sicurezza della Commissione Europea e commissionato alla Gallup, organizzazione che lavora a stretto contatto con l'UE. L'indagine è stata effettuata dal 14 al 18 maggio 2008; più di 12000 giovani europei dai 15 ai 24 anni, scelti secondo un campione probabilistico stratificato, sono stati sottoposti nei 27 paesi membri dell'unione ad un questionario telefonico (di tipo WebCATI) sulle seguenti tematiche: • fonti di informazione presenti e potenziali riguardo al consumo illecito di droghe ed i relativi effetti sulla salute; • percezione di rischio della salute associato con il consumo di varie sostanze stupefacenti; • opinione sull'efficacia delle politiche dei diversi governi riguardo alla droga; • attitudine nei confronti di proibizione/regolamentazione del consumo di droga; • percezione sulle possibilità di accesso ai vari tipi di droghe. Per quanto riguarda il campione, in ogni nazione sono stati intervistati 500 giovani (eccetto Lussemburgo, Malta, Estonia, Cipro e Slovenia in cui sono stati intervistati 250 giovani, viste le ridotte dimensioni della popolazione), poi si sono applicati dei criteri per far si che il “peso” degli intervistati corrispondesse al “peso della popolazione” totale del paese, in confronto a quella dell'UE 27, così da mantenere il criterio di rappresentatività. La ricerca completa è visibile e scaricabile all'indirizzo: http://ec.europa.eu/public_opinion/flash/fl_233_en.pdf
  6. 6. Tabelle e dati salienti Per ciò che riguarda la percezione dei rischi per la salute, derivati dal consumo di cannabis possiamo notare una grande forbice tra le varie nazioni. La proporzione di coloro che considerano la cannabis un “grande rischio” (high risk) presenta da un lato i 62 % di Cipro e Romania, i 56 % della Lettonia, i 54 % della Svezia e dall'altro i 17 % della Repubblica Ceca, i 26 % dell' Olanda, i 27 % della Slovenia ed i 28 % di Italia e Ucraina.
  7. 7. Per quanto riguarda invece la difficoltà di accesso al consumo di cannabis solo in 4 paesi risulterebbe problematico (very difficult + fairly difficult) arrivare a possedere della cannabis (Cipro 65 %, Finlandia 62 %, Romania e Svezia 55 %). D'altra parte quasi la metà degli Spagnoli (48 %) e più della metà dei Cechi (56 %) considerano molto facile (very easy) procurarsi della cannabis. Anche in Olanda, Irlanda e Ucraina (45 %) e Italia e Slovenia (40 %) , viene considerato molto facile da quasi la metà della popolazione giovanile procuerarsi della cannabis. É da sottolineare che lo status legale della cannabis per uso personale e le misure adottate per controllarlo variano da nazione a nazione: alcuni paesi tollerano certe forme di possessione e consumo (es. Olanda), in altri si applicano sanzioni amministrative o pecuniarie (Spagna), in altri ancora sanzioni penali (Grecia).
  8. 8. Anche sulle opinioni sul fatto che la cannabis debba continuare ad essere proibita (o al contrario regolamentato il suo uso) vi sono delle differenze tra i vari paesi. Più della metà dei giovani di Olanda (52 %) e Repubblica Ceca (53 %) vorrebbero una regolamentazione per la vendita ed il consumo (“be regulated”). Non dimentichiamo che in Olanda la vendita ed il consumo sono parzialmente consentiti dalla legge. Anche in Italia (35 %), Spagna (40%), Ucraina (40 %), Slovenia (36 %)e Irlanda (39%) il desiderio che la cannabis venga, in qualche modo “regolarizzata” presenta valori al di sopra della media europea (31 %). La Romania (91%), la Svezia (89 %) e Cipro (84%) invece si presentano come i paesi piu “probizionisti”, in cui i giovani desiderano maggiormente venga proseguita la politica di proibizione della vendita e del consumo.
  9. 9. Commenti e verifica ipotesi Analizzando con attenzione le tabelle proposte possiamo andare a verificare le ipotesi prefissate: In generale possiamo vedere che nei paesi in cui la cannabis viene percepita come un forte rischio per la salute c'è una forte tendenza a confermare un'attitudine proibizionistica verso la vendita e il consumo. Emblematico il caso di Romania, Cipro e Svezia in cui percentuali molto elevate di percezione del rischio corrispondono a tendenze molto elevate di conferma delle leggi proibizionistiche. Anche l'atteggiamento rilevato in Repubblica Ceca, Olanda, Italia ed Ucraina conferma la proporzionalità diretta tra le due variabili (in questo caso, minore è la percezione del rischio, minore il desiderio di confermare l'attuale proibizionismo). Particolare il caso della Spagna in cui ad una percezione del rischio superiore alla media europea corrisponde una evidente predisposizione dei giovani verso una regolamentazione della vendita e del consumo. Si può notare anche un'evidente corrispondenza tra la facilità di procurarsi la cannabis e l'attitudine nei confronti della proibizione attuale. Infatti in generale sembra che nei paesi in cui è considerato più facile accedere alla cannabis, vi sia una “spinta” dei giovani verso una regolamentazione della vendita e del consumo. Confermano questa ipotesi i dati su Spagna, Olanda, Repubblica Ceca ed Italia (tutti paesi in cui gran parte della popolazione di riferimento dichiara essere molto facile procurarsi cannabis e nello stesso tempo dichiara di essere contraria all'attuale situazione di proibizionismo). Romania, Svezia e Cipro confermano la correlazione anche se dal punto di vista opposto(difficoltà di accesso elevate, conferma dell'attuale proibizionismo). Anche riguardo alla contingenza tra percezione del rischio e accesso al consumo emergono interessanti corrispondenze: sembra che dove la percezione del rischio per la salute è maggiore, sia anche più difficile accedere al consumo: lo testimoniano i dati di Romania, Cipro e Svezia. D'altro canto la situazione di Repubblica Ceca, Olanda, Italia, Ucraina e Slovenia testimonia che ad una percezione del rischio minore corrisponde una minore difficoltà di accesso. Particolare è il caso della Spagna in cui quasi la metà della popolazione (48 %) dichiara essere molto facile accedere alla cannabis, anche se quasi la stessa percentuale (47 %) la percepisce come molto rischiosa per la salute.
  10. 10. Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo – 2.5 Italia” Reperibile presso il seguente sito internet: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ Credits Questo è un'elaborato da me prodotto per l'esame del Corso di Ricerca ed elaborazione dati sul WEB, (Prof.ssa Stefania Operto) presso l'Università degli Studi di Genova, Corso di Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologie della Comunicazione e dell'Informazione (http://www.classe100s.unige.it/) Il materiale da me prodotto è ispirato da un attento studio di ciò che è presente in rete Segnalatemi eventuali dimenticanze nel citare le fonti; sarò lieto di correggerle appena possibile

×