Azioni di responsabilità nelle società di capitali: linee guida per il dottore commercialista
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Azioni di responsabilità nelle società di capitali: linee guida per il dottore commercialista

on

  • 2,469 views

Lezione tenuta all'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Venezia il 30/10/2012

Lezione tenuta all'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Venezia il 30/10/2012

Statistics

Views

Total Views
2,469
Views on SlideShare
2,461
Embed Views
8

Actions

Likes
1
Downloads
19
Comments
0

4 Embeds 8

https://www.linkedin.com 3
http://www.linkedin.com 2
http://www.scoop.it 2
https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Azioni di responsabilità nelle società di capitali: linee guida per il dottore commercialista Azioni di responsabilità nelle società di capitali: linee guida per il dottore commercialista Presentation Transcript

  • LE  AZIONI  DI  RESPONSABILITA’  NELLE    SOCIETA’  DI  CAPITALI     LINEE  GUIDA  PER  IL  DOTTORE  COMMERCIALISTA   DOTT.  GIOVANNI  RUBIN     Venezia,  30  o,obre  2012   do,.  Giovanni  Rubin   1  
  • VIVIAMO  UN  PERIODO  DI  CRISI  Un  dissesto  aziendale  normalmente  è  riconducibile  a  tre  >pologie  di  causa:    •  inefficienza;  •  inefficacia;  •  eccesso  di  indebitamento.        Questa  visione  trascura  il  fa#ore  umano,  ossia  la  stru,ura,  le  funzionalità  e  le  competenze  dellorgano  amministra>vo  di  una  società.  La  crisi  non  è  un  fenomeno  indipendente  dagli  amministratori.     do,.  Giovanni  Rubin   2  
  • ANALISI  DELLE  CRISI  D’IMPRESA  Uno   studio   del   2004   (Stefano   Guidantoni)   ha   individuato   le   cara,eris>che   degli  organi   amministra>vi   di   un   gruppo   di   società   in   crisi,   al   fine   di   so,olineare   alcuni  traO  comuni  a  tale  organo  nelle  imprese  in  difficoltà      Campione:  12  società  che  al  31/12/2002  erano  in  amministrazione  straordinaria                    delle  grandi  imprese  in  crisi  (media  di  460  dipenden>)        Profili  danalisi:  stru,ura  interna                    capacità  e  competenze  dis>n>ve            rappor>  con  la  proprietà   do,.  Giovanni  Rubin   3  
  • I  RISULTATI  DELL’INDAGINE  Numero  medio  dei  membri  del  C.d.A.   1   2   3   4   5   8,3%   16,8%   33,3%   33,3%   8,3%  Formazione  professionale  amministratori   Nessuna   Scien>fica   Giuridica   Tecnica   No  info   formazione   aziendale   35%   13%   5%   21%   26%   do,.  Giovanni  Rubin   4  
  • I  RISULTATI  DELL’INDAGINE  Presenza  di  faO  censurabili   Ges>one   Alcuni  faO   Gravi  faO   Gravissimi   corre,a   faO   50%   34%   8%   8%  Rappor>  amministratori  –  proprietà  (formata  da  persone  fisiche)   Soci   Paren>  di   SoggeO   Esterni   soci   collega>   76,5%   5,9%   11,7%   5,9%   do,.  Giovanni  Rubin   5  
  • I  RSULTATI  DELL’INDAGINE  Nelle  società  analizzate  lorgano  amministra>vo  si  presenta  così  stru,urato:      -­‐  composto  da  un  contenuto  numero  di  membri;    -­‐  tecnicamente  poco  prepara>  o  con  limitate  competenze  di  >po  aziendale;    -­‐  formato  prevalentemente  da  soci  o  soggeO  collega>  al  sogge,o  economico.   do,.  Giovanni  Rubin   6  
  • Non  possiamo  pretendere  che  le  cose  cambino  se  con=nuiamo  a  fare  le  stesse  cose   A.  Einstein   do,.  Giovanni  Rubin   7  
  • DIRITTI  DEGLI  AMMINISTRATORI  Nelle  s.p.a.  gli  amministratori  godono  di  due  diriO:    •  quello  di  percepire  un  compenso  ex  art.  2389  c.c.  (con  possibilità  di  deroga  a   favore  della  gratuità,  diversamente  dai  sindaci);  •  quello  di  agire  in  assenza  di  turba>ve.        Nelle  s.r.l.  il  diri,o  ad  agire  in  autonomia  è  affievolito  dallampio  potere  concesso  ai   soci   e   dalla   massima   libertà   di   contenuto   delle   clausole   statutarie   (art.   2479,  comma  1,  c.c.)   do,.  Giovanni  Rubin   8  
  • DOVERI  DEGLI  AMMINISTRATORI  Solo  per  la  valenza  pra>ca  che  riveste  nellambito  dellonere  della  prova,  in  do,rina  si  è  soli>  suddividere  in:      -­‐  obblighi  a  contenuto  generico;  -­‐  obblighi  a  contenuto  specifico.      CASS.  23/03/2004  N.  5718  In  tema  di  responsabilità  degli  amministratori  di  società,  occorre  dis=nguere  tra  obblighi  gravan=  sugli  amministratori  che  hanno  un  contenuto  specifico  e  già  determinato  dalla  legge  o  dallaHo  cos=tu=vo  [...]  e  obblighi  defini=  aHraverso  il  ricorso  a  clausole  generali,  quali  lobbligo  di  amministrare  con  diligenza  e  quello  di  amministrare  senza  confliHo  di  interessi.     do,.  Giovanni  Rubin   9  
  • OBBLIGHI  A  CONTENUTO  GENERICO  Perseguire  logge,o  sociale    Agire  secondo  canoni  di  diligenza  (duty  of  care)    Non  agire  in  confli,o  di  interessi  (duty  of  loyalty)   do,.  Giovanni  Rubin   10  
  • ATTI  ESTRANEI  ALL’OGGETTO  SOCIALE  Art.  2328,  comma  2,  n.  3,  c.c.  (s.p.a.)  Art.  2463,  comma  2,  n.  3,  c.c.  (s.r.l.)      La  per>nenza  dellaOvità  dellamministratore  allogge,o  sociale  assume  il  valore  di   precondizione   necessaria   alla   valutazione   di   qualsiasi   successivo  comportamento.   Unoperazione   estranea   allogge,o   sociale   cos>tuisce   sempre  mala   ges=o   dellamministratore   e   lo   espone   al   risarcimento   del   danno   in  presenza  di  un  pregiudizio  dimostrabile.    Per   stabilire   lestraneità   è   necessario   accertare   a   quale   finalità   la,o   stesso   sia  concretamente  dire,o.     do,.  Giovanni  Rubin   11  
  • ATTI  ESTRANEI  ALL’OGGETTO  SOCIALE  Lunica   difesa   per   il   convenuto   è   la   dimostrazione   che   la,o   non   era   in   realtà  estraneo,  per  tanto,  non  esistono  parametri  di  valutazione  della  condo,a.      Casis>ca  >pica:    •  ipoteca   concessa   da   società   sugli   immobili   di   proprietà   a   garanzia   dei   debi>   di   un  terzo;  •  so,oscrizione  di  un  derivato  specula>vo,  anche  in  fase  di  ricontra,azione;  •  concessione  di  finanziamen>  a  soggeO  terzi.   do,.  Giovanni  Rubin   12  
  • ATTI  ESTRANEI  ALL’OGGETTO  SOCIALE  Il   conce,o   di   ogge,o   sociale   ha   perso   con   la   riforma   quella   valenza   di   "limite  invalicabile"  che  invece  è  rimasta  per  le  s.p.a.    Art.  2479,  comma  2,  n.  5,  c.c.  In  ogni  caso  sono  riservate  alla  competenza  dei  soci:  5)   la   decisione   di   compiere   operazioni   che   comportano   una   sostanziale  modificazione  delloggeHo  sociale  determinato  nellaHo  cos=tu=vo.    Tu,avia,  in  caso  di  danno  derivante  da  operazione  estranea  allogge,o  sociale    Art.  2476,  comma  6,  c.c.  Sono   altresì   solidalmente   responsabili   con   gli   amministratori,   ai   sensi   dei  preceden=   commi,   i   soci   che   hanno   intenzionalmente   deciso   o   autorizzato   il  compimento  di  aT  dannosi  per  la  società,  i  soci  o  i  terzi.     do,.  Giovanni  Rubin   13  
  • ATTI  ESTRANEI  ALL’OGGETTO  SOCIALE  Quan>ficazione  del  danno      APP.  MILANO  16/06/1995  Len=tà   del   danno   risarcibile   dagli   amministratori   responsabili   di   averlo   compiuto  aHraverso   il   compimento   di   inves=men=   mira=   a   scopi   extrasociali   è   pari   alla  differenza   fra   le   somme   di   denaro   impiegate   per   tali   invesGmenG   e   quelle   poi  recuperate  a  seguito  della  loro  dismissione;  e  può  essere  aumentata  dei  rela=vi  oneri   finanziari   se   i   predeT   inves=men=   sono   sta=   finanzia=   con   capitali   di  credito"   do,.  Giovanni  Rubin   14  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  ART.  2392  C.C.  Gli  amministratori  devono  adempiere  i  doveri  ad  essi  impos=  dalla  legge  e  dallo  statuto  con  la  diligenza  richiesta  dalla  natura  dellincarico  e  dalle  loro  specifiche  competenze.        Tale   ar>colo   indica   uno   standard   astra,o   di   comportamento,   richiamando  esplicitamente   lart.   1176,   comma   2,   c.c.   e   confermando   che   tra,asi   di  unobbligazione  di  mezzi  e  non  di  risultato.   do,.  Giovanni  Rubin   15  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  Natura  dellincarico:  il  riferimento  è  •  alle  cara,eris>che  oggeOve  dellimpresa  (dimensioni,  organizzazione,  se,ore   di   aOvità,   stru,ura   dellazionariato,   maggiore   o   minore   prevalenza   del   capitale  sul  lavoro)  ==>  "natura";  •  alle   funzioni   concretamente   espletate   da   ciascuna   amministratore   (presidente,  consigliere,  delegato,  membro  del  comitato)  ==>  "incarico".      Specifiche   competenze:   livello   di   istruzione,   esperienze   lavora>ve   (curriculum).  Chi   è   munito   di   maggiori   competenze   dovrà   osservare   un   obbligo   di   diligenza   più  intenso.      Da   non   confondere   con   lart.   2387,   comma   1,   c.c.:   Lo   statuto   può   subordinare  lassunzione   della   carica   di   amministratore   al   possesso   di   speciali   requisi=   di  onorabilità,  professionalità  ed  indipendenza.   do,.  Giovanni  Rubin   16  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  In   do,rina   una   corrente   ri>ene   che   il   conce,o   di   "diligenza"   comprenda   anche  quello   di   perizia,   intesa   possesso   di   adeguata   cultura   dimpresa   (che   si   deve  tradurre  in  comportamen>  pruden>  e  avvedu>).        Relazione  al  D.Lgs.  6/2003:  non   significa   che   gli   amministratori   debbano   necessariamente   essere   peri=   in  contabilità,   in   materia   finanziaria   e   in   ogni   seHore   della   ges=one   e  dellamministrazione   dellimpresa   sociale,   ma   significa   che   le   loro   scelte   devono  essere   informate   e   meditate,   basate   sulle   rispeTve   conoscenze   e   fruHo   di   un  rischio  calcolato,e  non  di  irresponsabile  o  negligente  improvvisazione.   do,.  Giovanni  Rubin   17  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  Il  generale  dovere  di  diligenza  si  esplica  altresì  nel  dovere  di  agire  in  modo  informato,  che  il  legislatore  ha  formalizzato      ART.  2381,  COMMA  3,  C.C.  [il  consiglio  di  amministrazione]  sulla  base  delle  informazioni  ricevute  valuta  ladeguatezza  dellasseHo   organizza=vo,   amministra=vo   e   contabile   della   società;   quando   elabora=,  esamina   i   piani   strategici,   industriali   e   finanziari   della   società;   valuta   sulla   base     della  relazione  degli  organi  delega=,  il  generale  andamento    della  ges=one.    ART.  2381,  COMMA  5,  C.C.  Gli   organi   delega=   [...]   riferiscono   al   consiglio   di   amministrazione   [...]   sul   generale  andamento   della   ges=one   e   sulla   sua   prevedibile   evoluzione     nonché   sulle     operazioni   di  maggior  rilievo  [...]    ART.  2381,  COMMA  6,  C.C.  Gli   amministratori   sono   tenuG   ad   agire   in   modo   informato;   ciascun   amministratore   può  chiedere  agli  organi  delega=  che  in  consiglio  siano  fornite  informazioni  rela=ve  alla  ges=one  della  società.   do,.  Giovanni  Rubin   18  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  La   diligenza   non   si   traduce   in   un   obbligo   di   porre   in   essere   determinate   scelte  ges>onali   (opportune   o   inopportune),   ma   nel   dovere   di   avviare   delle   procedure  (cautele,  informazioni,  pareri  tecnici)  necessarie  per  ado,arle  in  modo  ponderato  (non  "cosa",  ma  "come").      Gli  amministratori  saranno  considera>  inadempien>  al  loro  dovere  di  diligenza  se  effe,uano   scelte   con   colpevole   improvvisazione,   senza   informarsi   e   senza  soppesarne  vantaggi  e  svantaggi.      Non  devono  essere  valutate  le  operazioni  in  sé  nel  merito,  ma  le  fasi  preliminari  delle   operazioni,   ossia   i   comportamen>   propedeu>ci   allassunzione   delle  decisioni  ges>onali  da  cui  sono  scaturi>  effeO  pregiudizievoli.   do,.  Giovanni  Rubin   19  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  Il   GIudice,   tra,andosi   di   obbligazione   di   mezzi,   non   può   mai   sindacare   il   merito  delle  decisioni  degli  amministratori  (principio  della  c.d.  business  judgement  rule).      CASS.  06/07/2970  N.  558  Il  Giudice,  inves=to  di  unazione  di  responsabilità,  non  può  giudicare  sulla  base  di  criteri   discrezionali   di   opportunità   o   di   convenienza,   poiché   in   tal   modo  sos=tuirebbe   ex   post   il   proprio   apprezzamento   soggeTvo   a   quello   espresso   o  aHuato  dallorgano  alluopo  legiTmato.   do,.  Giovanni  Rubin   20  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  CASS.  28/04/1997  N.  3652  Il   giudizio   sulla   diligenza   non   può   mai   inves=re   le   scelte   di   ges=one   degli  amministratori,   ma   tuPal   più   il   modo   in   cui   esse   sono   state   compiute.   Non  senza   aggiungere   che,   ovviamente,   un   tale   giudizio   [...]   cos=tuisce   una   =pica  valutazione   di   merito,   come   tale   non   sindacabile   in   cassazione   se   non   per  eventuali  vizi  di  mo=vazione  [...].  La  perdita  dellesercizio  e  lindebitamento  della  società,   per   le   ragioni   che   già   prima   sono   state   illustrate,   non   sono   adducibili  come   causa   di   responsabilità   degli   amministratori,   non   potendo   tale  responsabilità   derivare   dal   solo   faHo   che   le   scelte   imprenditoriali   compiute   non   si  siano  rivelate  felici  né  fortunate.    (Gli   amministratori   erano   sta>   convenu>   in   giudizio   per   aver   acquistato   giocatori  di  calcio  troppo  anziani  a  prezzi  eccessivi)       do,.  Giovanni  Rubin   21  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  Ulteriore  principio  nel  quale  si  esplica  la  "diligenza"  è  lobbligo  di  vigilanza.        ART.  2392,  COMMA  2,  C.C.  In  ogni  caso  gli  amministratori,  fermo  quanto  disposto  dal  terzo  comma  dellart.  1381,   sono   solidalmente   responsabili   se,   essendo   a   conoscenza   di   faT  pregiudizievoli,   non   hanno   faHo   quanto   potevano   per   impedirne   il   compimento   o  aHenuarne  o  eliminarne  le  conseguenze  dannose   do,.  Giovanni  Rubin   22  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA  La  previgente  disciplina  era  più  esplicita  nel  prevedere  un  dovere  di  vigilanza  ed  alcuni   autori   ne   hanno   dedo,o   che   lo   stesso   sia   meno   stringente   rispe,o   al  passato.  Tu,avia,      TRIB.  NAPOLI  03/02/2010  Sia  prima  che  dopo  la  riforma  ex  d.lg.  n.  6  del  2003,  gli  amministratori  hanno  il  dovere   di   vigilare   sulla   ges=one   sociale   e   di   intervenire   per   impedire   il  compimento  di  aT  pregiudizievoli  dei  quali  siano  a  conoscenza,  o  per  eliminarne  o   aHenuarne   le   conseguenze   dannose.   Lobbligo   di   vigilanza   ha   caraHere  individuale  e  sussiste  qualora  le  funzioni  amministra=ve  non  siano  state  delegate.   do,.  Giovanni  Rubin   23  
  • INOSSERVANZA  DELLA  DILIGENZA    Nelle   s.r.l.   manca   un   aggancio   norma>vo   che   indichi   il   dovere   degli  amministratori  di  agire  con  diligenza.    Valgono  le  indicazioni  di  do,rina  e  giurisprudenza  preceden>  alla  riforma:      •  si  applicano  le  norme  in  materia  di  mandato;  •  secondo   alcuni   la   diligenza   richiesta,   non   essendo   stata   specificata,   è   quella   "minore"  del  buon  padre  di  famiglia,  ma  giurisprudenza  maggioritaria  ri>ene   corre,o  applicare  il  secondo  comma  dellart.  1176  c.c.;  •  sono,  quindi,  applicabili  per  analogia  tuO  i  conceO  espos>  per  le  s.p.a.   do,.  Giovanni  Rubin   24  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Gli  amministratori  hanno  il  dovere  di  perseguire  linteresse  sociale.      Non  esiste  una  definizione  di  "interesse  sociale",  per  tanto:    •  di   norma   linteresse   si   sostanzia   nello   sviluppo   dellaOvità   economica,   nellincremento  dei  profiO,  nella  massimizzazione  dei  dividendi;  •  tu,avia,   possono   esservi   società   c.d.   "di   comodo"   (tutela   del   bene   anche   a   scapito  del  profi,o),  e  a  capitale  pubblico  (interesse  pubblico).      E  complesso  comprendere  quando  vi  sia  unoperazione  in  confli,o  di  interessi.   do,.  Giovanni  Rubin   25  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Per  le  difficoltà  di  individuazione  dei  casi  di  confli,o  di  interesse,  la  riforma,  cambiando  la  rubrica  dellart.  2391  c.c.,  valido  solo  per  le  s.p.a.,  si  rivolge  in  generale  agli  "interessi  degli  amministratori".      a)  Gli   aspeO   procedurali   della   norma   si   applicano   solo   ed   esclusivamente   alle   società   dotate  di  organo  collegiale;  b)  rispe,o   alla   disciplina   previgente   il   testo   innovato   ha   esteso   il   proprio   ambito   di   applicazione  anche  agli  interessi  non  patrimoniali  ("ogni  interesse");  c)  lamministratore   di   c.d.a.,   oltre   a   dare   no>zia   dellinteresse   che   egli   abbia   in   una   determinata  operazione  a  tuO  gli  amministratori  e  ai  sindaci  deve  precisarne   •  natura:   patrimoniale   o   meno,   confli,ualità   o   compa>bilità   con   gli   scopi   sociali,   a,ualità  o  potenzialità;   •  termini:  se  lamministratore  è  portatore  dellinteresse  per  conto  proprio  o  di  terzi   ed  indicare  il  sogge,o  interessato;   •  origine:  modalità  con  cui  linteresse  è  sorto,  preesistente  o  successivo  alla  nomina   ad  amministratore;   •  portata:  aspeO  temporali  e  quan>ta>vi  dellinteresse.   do,.  Giovanni  Rubin   26  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  d)  Il  consiglio  di  amministrazione  deve  adeguatamente  (analisi  compara>va,   dimostrazione  della  prevalenza  dellinteresse  della  società  su  quello   dellamministratore)  mo>vare  le  ragioni  e  la  convenienza  per  la  società   delloperazione;  e)  non  vi  è  più  lobbligo  di  astensione  dal  voto  da  parte  dellamministratore   "interessato"  che  abbia  adempiuto  al  dovere  di  informazione;  f)  il  divieto  di  voto  è  ora  previsto  solo  per  gli  amministratori  soci  in  caso  di   delibera  sulla  loro  responsabilità  con  quorum  rido,o;  g)  lamministratore  delegato  dovrà  astenersi  dal  compiere  loperazione,   investendo  della  stessa  lorgano  collegiale  (non  è  sufficiente  uninforma>va);  h)  lamministratore  unico  deve  darne  no>zia  prima  di  porre  in  essere   loperazione  al  collegio  sindacale  e  informare  i  soci  alla  prima  assemblea  u>le   (considerata  linesistenza  di  poteri  gestori  in  capo  allassemblea,  non  si  ri>ene   applicabile  come  in  passato  lart.  1394  c.c.  e  non  è  necessaria  una   convocazione  ad  hoc).   do,.  Giovanni  Rubin   27  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Nelle  s.r.l.  non  esiste  una  norma  simile  allart.  2391.      Lart.   2475-­‐ter   si   limita   a   riconoscere   lannullabilità   dei   contraO   s>pula>   dagli  amministratori   in   confli,o   di   interesse   e   limpugnabilità,   se   cagionevoli   di   danno,  delle  delibere  assunte  con  il  voto  determinante  di  un  amministratore  in  confli,o  di  interessi.      Di   fa,o   viene   riproposto   il   contenuto   dellart.   1394   c.c.   e   do,rina   ri>ene  applicabile   altresì   lart.   1395   c.c.   (contra,o   con   se   stesso,   è   annullabile   il  contraHo   che   il   rappresentante   conclude   con   se   stesso,   in   proprio   o   come  rappresentante   di   unaltra   parte,   a   meno   che   il   rappresentato   lo   abbia  autorizzato  specificamente).     do,.  Giovanni  Rubin   28  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Lart.   2391   c.c.   prevede   che   Lamministratore   risponde   dei   danni   deriva=   dalla  sua  azione  od  omissione.      Ogge,o  di  risarcimento  è  tanto  il  lucro  cessante,  quanto  il  danno  emergente  (in  passato  si  escludeva  il  lucro  cessante  visto  lu>lizzo  del  termine  "perdite"  al  posto  di  "danno").      L  "omissione"  è  contemplata  per  sanzionare  gli  amministratori  che,  informa>  di  un  interesse  in  confli,o,  rimangono  iner>.   do,.  Giovanni  Rubin   29  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Casis>ca      PrelevamenA  indebiA  e  pagamenA  di  somme  non  dovute      TRIB.  MILANO  26/01/1993  Non   è   contestato,   in   faHo,   che   i   prelievi   di   denaro   dalle   casse   sociali   non   erano  mo=va=  da  esigenze  connesse  con  laTvità  di  ges=one  della  xxxx,  ma  gius=fica=  da  esigenze  di  liquidità  di  altre  società  o  soggeT  facen=  capo  allo  stesso  gruppo  aziendale.   Tanto   basta,   senza   necessità   di   ulteriori   indagini   sullelemento  soggeTvo,   per   ritenere   la   responsabilità   dellamministratore   per   aver   agito   in  confliHo  di  interessi  con  la  società   do,.  Giovanni  Rubin   30  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Casis>ca      Operazioni  concluse  senza  adeguato  corrispeDvo      TRIB.  MILANO  09/06/1977  Posto  infaT  che,  come  si  è  avan=  accertato,  loperazione  considerata  intercorsa  tra  la  xxxxx  e  la  xxxxxxx,  e  che  in  entrambe  le  società  il  xxxxx  rives=va  allepoca  la  qualità  di  amministratore,  non  vi  può  essere  dubbio  che  egli  si  trovava  in  confliHo  di  interessi,  venendo  a  ges=re  laffare  in  posizioni  irriducibilmente  contrapposte;  perciò  egli  aveva  lobbligo  di  informare  delloperazione  gli  altri  amministratori  e  il  collegio   sindacale,   ai   sensi   della   norma   di   legge   sopra   richiamata.   Senonché   il  xxxxx  non  ha  dimostrato,  come  era  suo  onere,  di  aver  osservato  tale  preceHo,  e  pertanto   la   sua   responsabilità   in   ordine   alle   perdite   subite   dallaHrice  nelloperazione  di  cui  traHasi  deve  essere  affermata  anche  soHo  questo  profilo.     do,.  Giovanni  Rubin   31  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONFLITTO  DI  INTERESSI  Casis>ca      Operazioni  sfru#ate  personalmente      ART.  2391,  ULT.  COMMA,  C.C.  ("CORPORATE  OPPORTUNITIES")  Lamministratore   risponde   altresì   dei   danni   che   siano   deriva=   alla   società   dalla  u=lizzazione  a  vantaggio  proprio  o  di  terzi  di  da=,  no=zie  o  opportunità  di  affari  appresi  nellesercizio  del  suo  incarico.      In   do,rina   lesistenza   di   una   norma   specifica   ha   fa,o   ritenere   che   la,ore   può  esimersi   dal   dimostrare   la   mancata   diligenza,   essendo   sufficiente   la   prova  dellu>lizzo  di  uninformazione  riservata  e  di  aver  posto  in  essere  unoperazione  a  proprio  vantaggio  a  danno  della  società.     do,.  Giovanni  Rubin   32  
  • VIOLAZIONE  DI  OBBLIGHI  A  CONTENUTO  SPECIFICO  Sono  tali  quelli  contempla>  da  specifiche  previsioni  di  legge.      Mentre   per   linadempimento   degli   obblighi   generici   è   necessario   provare   la  difformità   del   comportamento   dellamministratore   da   canoni   di   diligenza  "standard",   linosservanza   degli   obblighi   specifici   è   di   immediato   rilievo   (è  sufficiente   provare   che   lamministratore   non   ha   tenuto   il   comportamento  previsto  dalla  legge).      Impossibile  unelencazione  esaus>va.   do,.  Giovanni  Rubin   33  
  • IRREGOLARITA’  DELLE  SCRITTURE  CONTABILI  CASS.  25/07/1979  N.  4415  (TESI  MAGGIORITARIA  IN  CASO  DI  TENUTA  IRREGOLARE)  Le   mere   irregolarità   contabili   non   sono   di   per   sé   produTve   di   un   danno   e   non  cos=tuiscono   autonoma   fonte   di   un   obbligo,   perché   la   responsabilità  dellamministratore   non   deriva   dalla   sola   irregolarità   della   tenuta   dei   libri  contabili,  se  da  questo  faHo  non  dipende  un  pregiudizio  economico  della  società.      CASS.  19/12/1985  N.  6493  (TESI  MINORITARIA  IN  CASO  DI  TOTALE  TENUTA)  La   totale   mancanza   di   contabilità   sociale,   o   la   sua   tenuta   in   modo   sommario   e  non   intelligibile,   è   di   per   sé   gius=fica=va   della   condanna   dellamministratore   al  risarcimento   del   danno   [...].   La   corte   di   merito   ha   correHamente   indicato   nella  differenza   che   risulterà   tra   il   passivo   e   laTvo   fallimentare   al   termine   del  fallimento,  il  criterio  di  determinazione  del  danno.   do,.  Giovanni  Rubin   34  
  • IRREGOLARITA’  DELLE  SCRITTURE  CONTABILI  CASS.  04/04/1998  N.  3483  (TESI  INTERMEDIA)  Una  volta  accertato  che  gli  amministratori  di  una  società  [...]  abbiano  consumato  violazioni   dei   loro   doveri   [...]   e   che   da   queste   violazioni   sia   derivato   un   danno   alla  società,   limpossibilità   di   determinare   in   modo   specifico   il   nesso   esistente   tra   le  singole   violazioni   e   lammontare   del   danno   globalmente   accertato   (ossia   la  concreta   misura   del   danno   conseguente   ad   ogni   singola   violazione),   in  conseguenza  della  circostanza  che  le  scriHure  contabili  sono  state  tenute  in  modo  da  impedire  la  ricostruzione  a  posteriori  delle  vicende  societarie,  [...]  aggrava  la  loro  responsabilità  e  si  traduce  in  un  pregiudizio  per  la  loro  posizione  processuale,  legiTmando  lascrivibilità  dellintero  danno.   do,.  Giovanni  Rubin   35  
  • REDAZIONE  DEL  BILANCIO  La   redazione   del   bilancio   non   è   aOvità   delegabile   ex   art.   2381,   comma   4,   c.c.  (s.p.a.)  e  art.  2475,  ult.  comma,  c.c.  (s.r.l.).      APP.  MILANO  13/02/2004  La  violazione  di  cui  allart.  2423-­‐bis  c.c.  da  parte  degli  amministratori  che  abbiano  rappresentato   una   situazione   patrimoniale   della   società   non   rispondente   alla  situazione  effeTva  (in  base  a  criteri  legali)  di  faHo  evitando  limmediata  adozione  degi   provvedimen=   richies=   dagli   arH.   2446   e   2447   c.c.,   non   li   espone  automaGcamente  alla  responsabilità  prevista  dallart.  2392  c.c.,  né  a  quella  di  cui   allart.   2043   c.c.   [...]   se   non   si   accompagna   alla   prova   che   da   tali   e   siffaHe  violazioni  siano  direHamente  deriva=  pregiudizi.   do,.  Giovanni  Rubin   36  
  • SOTTOVALUTAZIONE  DELLE  POSTE  DI  BILANCIO  CASS.22/06/1990  N.  6278  Si   deve   ritenere   esaHa   la   dis=nzione   fra   aT   di   disposizione   compiu=   a   scopi  extrasocietari,   o   comunque   per   scopi   di   indimostrata   coincidenza   con   quelli  societari,  ed  aT  di  disposizione  compu=  nellinteresse  e  nellambito  della  ges=one  dellimpresa  sociale.  Per  i  primi,  infaT,  alla  responsabilità  per  loccultamento,  si  aggiunge   quella   per   loggeTva   soHrazione   del   bene   sociale   [...].   Per   i   secondi,  invece,   non   è   ravvisabile   altra   responsabilità,   oltre   quella   per   occultamento,  tenendo   conto   che   limpiego   del   bene   per   fini   aTnen=   allimpresa   sociale,   ove  non  risul=  un  espresso  divieto  (o  lobbligo  di  munirsi  di  preven=va  autorizzazione),  non  lede  diriT  della  società  diversi  da  quello  di  essere  no=ziata  dalloperato  dei  propri  organi.       do,.  Giovanni  Rubin   37  
  • SOTTOVALUTAZIONE  DELLE  POSTE  DI  BILANCIO  Se  le  riserve,  ancorché  occulte  rimangono  nel  patrimonio  sociale  non  vi  è  danno,  viceversa  se  le  riserve  occulte  escono  dal  patrimonio  sociale.    Il   pregiudizio   non   riguarda   il   fa,o   in   sé,   ma   il   successivo   illegiOmo  comportamento   (distrazioni,   infedele   dichiarazione,   reperimento   di   finanze  presso  il  sistema  bancario,  ricapitalizzazioni  a  causa  di  perdite  non  reali,  vendita  di  azioni  a  prezzi  inferiori).   do,.  Giovanni  Rubin   38  
  • SOPRAVVALUTAZIONE  DELLE  POSTE  DI  BILANCIO  Le  sopravvalutazioni  del  patrimonio  (maggiore  aOvo,  minore  passivo)  non  sono  sanzionabili  in  sé,  ma  possono  comportare:    •  maggiore  tassazione  per  la  società  per  u>li  mai  realizza>  (danno  alla  società);  •  depauperamento  patrimoniale  a  seguito  di  distribuzione  di  u>li  fiOzi  (danno   alla  società);  •  acquisto  di  azioni  e  versamen>  di  capitale  indoO  da  bilanci  irregolari  (danno  ai   soci  ed  ai  terzi);  •  fornitori  o  banche  che  abbiano  concesso  dilazioni  di  pagamento  o   finanziamen>  sulla  base  di  da>  non  correO  (danno  ai  creditori).   do,.  Giovanni  Rubin   39  
  • CONTROLLO  SULLA  STIMA  DEI  CONFERIMENTI  IN  NATURA  Il  controllo  da  parte  degli  amministratori  è  previsto  esplicitamente  solo  per  le  s.p.a.  (art.  2343  c.c.).  Tu,avia,  do,rina  maggioritaria  lo  ri>ene  estensibile  alla  s.r.l.  in  virtù  del  dovere  di  tutelare  leffeOvità  del  capitale  sociale  imposto  agli  amministratori.    4  situazioni:    •  cos>tuzione  tramite  conferimento  in  natura;  •  aumento  di  capitale  tramite  conferimento  in  natura;  •  trasformazione  progressiva  da  società  di  persone  a  società  di  capitali;  •  acquisto  da  parte  della  società  nei  due  anni  dalla  cos>tuzione  di  beni  o  credi>   per  un  importo  pari  o  superiore  al  decimo  del  capitale  sociale   do,.  Giovanni  Rubin   40  
  • CONTROLLO  SULLA  STIMA  DEI  CONFERIMENTI  IN  NATURA  TRIB.  NAPOLI  23/01/2009  Quando   si   traHa   di   beni   per   s=mare   i   quali   occorre   unalta   specializzazione,   gli  amministratori   -­‐   fisiologicamente   privi   di   competenze   specifiche   per   una   siffaHa  valutazione   tecnica   -­‐   devono   avvalersi   (senza   esenzione   da   responsabilità)  dellausilio  di  uno  o  più  professionis=  operan=  nel  seHore.   do,.  Giovanni  Rubin   41  
  • OBBLIGO  DI  CONVOCARE  L’ASSEMBLEA  IN  CASO  DI  PERDITE  Si   tra,a   degli   obblighi   indica>   agli   ar,.   2446   e   2447   c.c.   (per   le   s.p.a.)   e   agli   ar,.   2482-­‐bis   e  2482-­‐ter  c.c.  (per  le  s.r.l.).      Le  cri>cità  che  possono  indurre  responsabilità:  •  momento   consumaAvo:   la   legge   prevede   che   gli   amministratori   convochino   senza   indugio   lassemblea   nel   momento   in   cui   risulta   che   il   capitale   è   diminuito   di   oltre   un   terzo.   Lu>lizzo   del   verbo   "risultare"   porta   a   ritenere   che   lobbligo   non   sorge   nel   momento  in  cui  la  perdita  si  verifica,  ma  nel  momento  in  cui  è  conosciuta  o  conoscibile   secondo   ordinari   canoni   di   diligenza.   La   prova   dellan>cipata   conoscenza   della   perdita   è   a  carico  della  parte  a,rice;  •  nesso  di  causalità:  il  danno  non  consiste  dalla  mancata  convocazione  dellassemblea  in   sé   considerata,   ma   dalle   ulteriori   perdite   derivan>   dallomessa   convocazione.   Lamministratore   risponde   delle   conseguenze   del   proprio   inadempimento,   con   esclusione   di   quei   danni   che   si   sarebbero   comunque   compiu>   anche   con   la   convocazione.   E   complesso   provare   quale   sarebbe   stata   la   delibera   dellassemblea,   quindi  è  raro  riuscire  a  provare  il  nesso  di  causalità.   do,.  Giovanni  Rubin   42  
  • OBBLIGO  DI  CONVOCARE  L’ASSEMBLEA  IN  CASO  DI  PERDITE  •  relazione   patrimoniale:   deHa   relazione   [...]   deve   porre   in   evidenza,   quando   esiste,   lo   stato   di   crisi   dellimpresa   e   le   ragioni   che   lhanno   determinato,   così   da   porre   i   soci   in   condizione   di   adoHare   i   provvedimen=   opportuni   (Cass.   04/05/1994   n.   4326).   Se   la   relazione   è   errata   ed   i   soci   decidono   di   ricapitalizzare,   può   sorgere   una   responsabilità   in   capo  agli  amministratori  •  inerzia  dellassemblea:  nel  caso  in  cui  nellanno  successivo  la  perdita  cumulata  non  sia   inferiore   al   terzo   del   capitale,   gli   amministratori   devono   chiedere   al   tribunale   che   venga   disposta   la   riduzione.   I   soci   iner>   non   potranno   agire   in   responsabilità   in   caso   di   omissione.      TRIB.  MILANO  22/09/1986  Lomissione   della   tempes=va   convocazione   dellassemblea   da   parte   degli   amministratori  quando  il  capitale  sia  interamente  perduto  [...]  comporta  la  responsabilità  [...]  per  il  danno  che  subisce  chi,  in  presenza  degli  avvenimen=  nega=vi  predeT,  soHoscrive  un  aumento  di  capitale  e  ne  versa  limporto  nelle  casse  sociali,  in  base  ad  una  deliberazione  nulla.     do,.  Giovanni  Rubin   43  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  ART.  2484,  N.  4,  C.C.  Le  società  per  azioni,  in  accomandita  per  azioni  e  a  responsabilità  limitata  si  sciolgono:  [...]  4)  per  la  riduzione  del  capitale  al  di  soHo  del  minimo  legale,  salvo  quanto  è  disposto  dagli  ar=coli  2447  e  2482-­‐ter;      ART.  2485,  COMMA  1,  C.C.  Gli   amministratori   devono   senza   indugio   accertare   il   verificarsi   di   una   causa   di   scioglimento  e   procedere   agli   adempimen=   previs=   dal   terzo   comma   dellar=colo   2484.   Essi,   in   caso   di  ritardo   od   omissione,   sono   personalmente   e   solidalmente   responsabili   per   i   danni   subi=  dalla  società,  dai  soci,  dai  creditori  sociali  e  dai  terzi.      ART.  2486  C.C.  Al   verificarsi   di   una   causa   di   scioglimento   e   fino   al   momento   della   consegna   di   cui   allart.  2487-­‐bis,   gli   amministratori   conservano   il   potere   di   ges=re   la   società,   ai   soli   fini   della  conservazione  dellintegrità  e  del  valore  del  patrimonio  sociale.  Gli   amministratori   sono   personalmente   e   solidalmente   responsabili   dei   danni   arreca=   alla  società,   ai   soci,   ai   creditori   sociali   ed   ai   terzi,   per   aT   od   omissioni   compiu=   in   violazione   del  precedente  comma.   do,.  Giovanni  Rubin   44  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  Il  "vecchio"  art.  2449  c.c.  disponeva  tout  court  che  gli  amministratori,  quando  si  è  verificato  un  faHo  che  determina  lo  scioglimento  della  società,  non  possono  intraprendere  nuove  operazioni".      Con  la  riforma  vi  sono  due  adempimen>  consecu>vi:      2485:  accertamento  della  causa  di  scioglimento  e  iscrizione  al  Reg.  delle  imprese;  2486:  porre  in  essere  solo  operazioni  aven>  cara,ere  conserva>vo.      La  riforma  ha  recepito  le  indicazioni  giurisprudenziali  emerse  nel  vigore  della  precedente  formulazione  del  codice  civile,  per  tanto  gli  orientamenA  previgenA  risultano  tu#ora  validi  (Trib.  Milano  18/01/2011).  Lunica  differenza  è  che  la  responsabilità  dellamministratore  non  investe  più  loperazione  non  conserva>va  in  sé,  ma  il  danno  che  ne  scaturisce.     do,.  Giovanni  Rubin   45  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  Lonere   della   prova   rispe,o   alla   data   di   conoscenza   del   verificarsi   della   perdita  qualificata   tale   da   comportare   lo   scioglimento   della   società   spe,a   alla,ore,  tu,avia  gli  amministratori  non  potranno  provare  di  aver  ignorato  lesistenza  della  stessa  dopo  la  redazione  del  proge,o  di  bilancio.        TRIB.  MILANO  24/01/1983  SpeHa   a   chi   esercita   lazione   di   responsabilità   dimostrare   che   lopera=vità   del  divieto   prescriHo   dallart.   2449   citato   risalga   ad   un   momento   anteriore   a   quello  della  formazione  del  bilancio  o  della  chiusura  dellesercizio.   do,.  Giovanni  Rubin   46  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  Secondo  lart.  2486  c.c.,  in  sostanziale  con>nuità  con  linterpretazione  del  vecchio  art.   2449   c.c.,   sono   precluse   tu,e   quelle   operazioni   che   comportano   lavvio   di  azioni   specula>ve,   lassunzione   di   rischi   dimpresa   ed   il   conseguimento   di   nuovi  u>li,   mentre   sono   consen>te   le   operazioni   finalizzate   alla   realizzazione   più  conveniente  dei  beni  della  società  ed  alles>nzione  dei  rappor>  penden>.      TRIB.  MILANO  03/02/2010  Labrogazione  del  previgente  ar=colo  2449  c.c.  non  ha  ristreHo,  bensì  ampliato,  il  perimetro   della   responsabilità   degli   amministratori,   in   quanto   gli   aHuali   arH.  2485   e   2486   c.c.   superano   il   divieto   delle   sole   operazioni   "nuove",   riferendosi   a  qualsiasi  danno  cagionato  dalla  società,  ai  creditori  o  ai  terzi.           do,.  Giovanni  Rubin   47  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  CASS.  19/09/1995  N.  9887  (NUOVI  ORDINATIVI)  In   considerazione   della   par=colare   finalità   del   divieto   sancito   dallart.   2449   c.c.  vanno  qualifica=  come  nuove  operazioni  tuT  quei  rappor=  giuridici  che,  svincola=  dalle   necessità   ineren=   alle   liquidazioni   delle   aTvità   sociali   [...]   siano   cos=tui=  dagli  amministratori  per  il  conseguimento  di  un  u=le  sociale  e  per  finalità  diverse  da  quelle  di  liquidazione  della  società.  [...]  Nel   caso   in   esame   [...]   le   nuove   ordinazioni   di   prodo   farmaceuGci   non   erano  finalizzate   alla   liquidazione   della   società   ma   cosGtuivano   il   normale  svolgimento   dellavità   della   società   poi   fallita   ed   erano   preordinate   al  conseguimento  di  nuovi  u=li.   do,.  Giovanni  Rubin   48  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  CASS.  27/11/1982  N.  6431  (ESECUZIONE  DI  COMMESSE  PRECEDENTI)  La   perdita   del   capitale   sociale,   quale   faHo   presupposto   della   responsabilità  dellamministratore   che   aveva   intrapreso   nuove   operazioni   è   stata   accertata   con  riferimento   ai   da=   risultan=   dal   bilancio   al   31   dicembre   1972.   Le   commesse   in  ques=one,   evidentemente,   erano   state   acquisite   prima   di   tale   data;   ma   la   loro  esecuzione,   secondo   la   sentenza   impugnata,   fu   iniziata   nel   1973.   E   poiché  lesecuzione  predePa  (intrapresa,  quindi,  dopo  che  già  si  era  verificato  levento  previsto   dallart.   2448,   n.   4,   c.c.)   non   era   finalizzata   alla   liquidazione   specifica  della   società,   nel   senso   che   non   era   necessaria   per   portare   a   compimento  unaTvità  già  intrapresa,  ma  era  preordinata  al  conseguimento  di  nuovi  u=li  [...],  bene   la   stessa   è   stata   considerata   come   rientrante   nel   novero   di   quelle   nuove  operazioni   in   relazione   alle   quali   lart.   2449   c.c.   prevede   la   responsabilità   degli  amministratori.     do,.  Giovanni  Rubin   49  
  • DIVIETO  DI  INTRAPRENDERE  NUOVE  OPERAZIONI  TRIB.  GENOVA  30/04/2985  (FUNZIONAMENTO  PER  NON  DISPERDERE  LAVVIAMENTO)  Nei  pochi  mesi  decorsi  tra  il  febbraio  ed  il  giugno  1991,  era  assurdo  pretendere  dagli  amministratori  uninterruzione  improvvisa  dello  stabilimento  siderurgico  e,  quindi,   delle   richieste   forniture   di   rou=ne,   pur   nella   grave   difficoltà   finanziaria,   in  presenza   di   serie   prospeTve   di   recupero   e,   comunque,   per   non   aumentare   con  decisioni   affreHate   ed   avventate   le   perdite   economiche,   i   problemi   sociali   ed  occupazionali,  nonché  i  danni  per  gli  stessi  fornitori,  in  vista  dellimminente  fase  di  liquidazione  della  società.     do,.  Giovanni  Rubin   50  
  • CONVOCAZIONE  DELL’ASSEMBLEA  ART.  2367  C.C.  Gli   amministratori   [...]   devono   convocare   senza   ritardo   lassemblea,   quando   ne   è  faHa  domanda  da  tan=  soci  che  rappresentano  almeno  il  ventesimo  del  capitale  sociale  [...]  e  nella  domanda  sono  indicaG  gli  argomenG  da  traPare.  Se   gli   amministratori   [...]   non   provvedono,   il   tribunale   [...],   ove   il   rifiuto   di  provvedere   risulG   ingiusGficato,   ordina   con   decreto   la   convocazione  dellassemblea.      Lespressione   "soci"   in   realtà   deve   essere   le,a   come   ">tolari   di   diri,o   di  voto"   (usufru,uario,   creditore   pignora>zio,   custode,   girante   delle   azioni   per  procura,  società  fiduciaria).   do,.  Giovanni  Rubin   51  
  • CONVOCAZIONE  DELL’ASSEMBLEA  TRIB.  AOSTA  12/04/1994  Dalla  richiesta  della  minoranza  scaturisce  per  il  consiglio  di  amministrazione,  non  già   lobbligo   di   dar   corso   alla   convocazione   dellassemblea,   ma   solo   lobbligo   di  provvedere   (eventualmente   anche   in   senso   nega=vo).   E   ciò   anche   in   quanto   nei  poteri  del  Consiglio  rientra  la  preven=va  valutazione  sullopportunità  o  meno  della  convocazione.      TRIB.  VERONA  21/11/2008  Il   novellato   art.   2367   c.c.   prevede   che   gli   amministratori   non   sono   obbliga=  automa=camente   alla   convocazione   dellassemblea,   una   volta   pervenuta   la  richiesta   da   parte   dei   soci   che   rappresen=no   almeno   un   decimo   del   capitale  sociale,  ma  possono  sindacare  la  richiesta  e  rifiutare  la  convocazione,  purché  sulla  base  di  mo=vi  giusi=fica=.   do,.  Giovanni  Rubin   52  
  • OBBLIGO  DI  DARE  ESECUZIONE  ALLE  DELIBERE  ART.  2364,  COMMA  1,  N.  5,  C.C.  Lassemblea   delibera   sugli   altri   oggeT   aHribui=   dalla   legge   alla   competenza  dellassemblea,  nonché  sulle  autorizzazioni  eventualmente  richieste  dallo  statuto  per   il   compimento   di   aT   degli   amministratori,   ferma   in   ogni   caso   la  responsabilità  di  ques=  per  gli  aT  compiu=.      ART.  2479,  COMMA  1,  C.C.  I   soci   decidono   sulle   materie   riservate   alla   loro   competenza   dallaHo   cos=tu=vo,  nonché   sugli   argomen=   che   uno   o   più   amministratori   o   tan=   soci   che  rappresentano   almeno   un   terzo   del   capitale   sociale   soHopongono   alla   loro  approvazione.       do,.  Giovanni  Rubin   53  
  • OBBLIGO  DI  DARE  ESECUZIONE  ALLE  DELIBERE  Secondo   la   giurisprudenza   maggioritaria   non   esiste   un   obbligo   assoluto   a   carico  degli   amministratori   di   dare   esecuzione   alle   deliberazioni   assembleari:   lobbligo  specifico   di   dare   esecuzione   alle   deliberazioni   dovrà   cedere   il   passo   allobbligo  generale  di  amministrare  con  diligenza.      Prevale  il  disposto  di  cui  allart.  2380-­‐bis  c.c.,  secondo  cui  la  ges=one  dellimpresa  speHa  esclusivamente  agli  amministratori.      Si   applica   lart.   1171,   comma   2,   c.c.,   secondo   cui   il   mandatario   può   discostarsi  dalle   istruzioni   ricevute,   qualora   circostanze   ignote   al   mandante,   e   tali   che   non  possano  essergli  comunicate  in  tempo,  facciano  ragionevolmente  ritenere  che  lo  stesso  mandante  avrebbe  dato  la  sua  approvazione.     do,.  Giovanni  Rubin   54  
  • OBBLIGO  DI  DARE  ESECUZIONE  ALLE  DELIBERE  Delibere  nulle  (impossibilità  o  illiceità  dellogge,o):  non  esiste  alcun  obbligo  per  gli   amministratori   di   dar   seguito   alla   decisione   ed   incorrerebbero   in  responsabilità  nel  caso  contrario  (tamquam  non  esset);        Delibere  annullabili:  lobbligo  di  esecuzione  sussiste,  ma  sorgerà  lulteriore  onere  di  impugnare  la  delibera  stessa,  a  cui  sono  legiOma>  ex  art.  2377,  comma  2,  c.c.     do,.  Giovanni  Rubin   55  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONCORRENZA  ART.  2390  C.C.  Gli   amministratori   non   possono   assumere   la   qualità   di   soci   illimitatamente  responsabili  in  società  concorren=,  né  esercitare  unaTvità  concorrente  per  conto  proprio   o   di   terzi,   né   essere   amministratori   o   direHori   generali   in   società  concorren=,  salvo  autorizzazione  dellassemblea.      Si   tra,a   di   unapplicazione   specifica   del   dovere   di   non   agire   in   confli,o   di  interessi:   nel   caso   in   cui   lamministratore   assuma   uno   dei   ruoli   indica>   nellart.  2390  c.c.  cè  una  sorta  di  inversione  dellonere  della  prova.   do,.  Giovanni  Rubin   56  
  • DIVIETO  DI  AGIRE  IN  CONCORRENZA  Solo  lassemblea  dei  soci  e  lo  statuto  possono  derogare  al  divieto  di  concorrenza.        CASS.  01/10/1975  N.  3091  Lart.  2390  c.c.  dichiara  che  gli  amministratori  non  possono  assumere  la  qualità  di  soci   illimitatamente   responsabili   in   società   concorren=,   né   esercitare   unaTvità  concorrente,   ma   la   parola   "assumere",   così   come   la   parola   "esercitare",   ha  semplicemente   un   significato   oggeTvo,   senza   alcun   riguardo   al   momento   in   cui,  prima   o   dopo   la   sua   nomina,   lamministratore   abbia   assunto   o   sGa   per  assumere   la   qualità   incompaGbile,   lart.   2390   intende   vietare   comunque   che  durante  il  suo  ufficio  lamministratore  si  trovi  a  rives=re  una  qualità  o  a  svolgere  unaTvità  che  pongano  in  situazione  di  dannoso  o  pericoloso  antagonismo.   do,.  Giovanni  Rubin   57  
  • GRADAZIONE  DELLA  RESPONSABILITA’  Maggiore  responsabilità  all’aumentare  della  discrezionalità  e  dei  poteri  gestori.   Amministratore  Unico   Amministratore  delegato   Comitato  esecu>vo   Consiglio  di  amministrazione   do,.  Giovanni  Rubin   58  
  • AMMINISTRATORE  UNICO  Lamministratore   unico   è   dire,amente   responsabile   nei   confron>   della   società,  dei  creditori  sociali,  dei  soci  e  dei  terzi.    Par>colare   è   lapplicazione   dellart.   2391   c.c.   nelle   s.p.a.:   se   loperazione   viene  previamente  autorizzata  dallassemblea,  lamministratore  oOene  lunico  effe,o  di  escludere  una  responsabilità  nei  confron>  della  società.    Nelle   s.r.l.   loperazione   conclusa   in   confli,o   di   interessi   con   lautorizzazione  dellassemblea  comporta  la  responsabilità  solidale  dei  soci  ex  art.  2476,  comma  7,  c.c.   do,.  Giovanni  Rubin   59  
  • AMMINISTRATORE  DELEGATO  Unico   limite   alle   operazioni   delegabili   è   rappresentato   dallart.   2381,   comma   4,  c.c.  (per  le  s.p.a.)  e  dallart.  2475,  ult.  comma,  c.c.  (per  le  s.r.l.).      Ha   una   competenza   concorrente   con   quella   del  c.d.a.,   nel   senso   che   il   consiglio  può   in   ogni   momento   sos>tuirsi   allamministratore   delegato   o   modificarne   i  poteri.      Per   escludere   o   a,enuare   la   responsabilità   deve   comunicare   con   regolare  periodicità   al   consiglio   delegante   adeguate   informazioni   sullaOvità   svolta   in  adempimento  della  delega  (art.  2381,  comma  4,  c.c.).      E   dire,amente   responsabile   per   le   materie   delegate   (assimilabile  allamministratore   unico),   mentre   per   le   materie   non   delegate   è   sogge,o   ai  vincoli  di  qualsiasi  consigliere.       do,.  Giovanni  Rubin   60  
  • COMITATO  ESECUTIVO  E  il  caso  in  cui  la  delega  è  conferita  ad  un  ulteriore  organo  pluripersonale.      Si  trova  in  una  posizione  intermedia  tra  il  consiglio  e  lamministratore  delegato.      E  diverso  il  caso  di  più  amministratori  delega>,  in  quanto  u>lizza  per  le  proprie  decisioni  il  metodo  collegiale.       do,.  Giovanni  Rubin   61  
  • CONSIGLIO  DI  AMMINISTRAZIONE  Si  tra,a  dei  c.d.  consiglieri  "non  opera>vi",  perché  non  rivestono  incarichi  e  non  sono  muni>  di  deleghe.      E   responsabile   dellobbligo   di   agire   informato   e   di   controllo   sulloperato   degli  altri  consiglieri  (responsabilità  per  condo,e  omissive).      CASS.  24/03/1998  N.  3110  In   materia   societaria,   alla   violazione   dellobbligo   di   vigilanza   gravante   sullorgano  amministra=vo   dellente,   giusto   disposto   dellart.   2392   c.c.,   consegue   la  responsabilità  solidale  di  tuT  i  componen=  del  consiglio  di  amministrazione  e,  per  tanto,  la  responsabilità  anche  di  ciascuno  dei  singoli  membri  che,  pur  non  essendo  =tolari,   in   via   esclusiva,   di   poteri   individuali   di   controllo,   sono,   pur   sempre,  singolarmente   tenu=   ad   agire   affinché   tale   vigilanza   sia   adeguatamente  esercitata  e  rispondono,  per  tanto,  dellomissione  stessa.     do,.  Giovanni  Rubin   62  
  • RESPONSABILITA’  SOLIDALE  Art.  2392,  comma  1,  c.c.  [...]  Essi  sono  solidalmente  responsabili  [...]      Accertata   la   responsabilità   degli   amministratori,   chi   agisce   per   i   danni   può  rivolgersi  per  lintero  anche  nei  confron>  di  un  unico  amministratore;      Nel   rapporto   interno   tra   amministratori   potrà   essere   esercitata   lazione   di  regresso   per   il   riconoscimento   della   gradazione   e   per   o,enere   il   rimborso   di  quanto  pagato  in  eccesso.   do,.  Giovanni  Rubin   63  
  • ESENZIONE  DA  RESPONSABILITA’  Lart.   2392,   comma   3,   c.c.   prevede   lunico   modo   per   esentare   da   responsabilità  un  amministratore.  Due  elemen>:      •  annotazione   senza   ritardo   del   suo   dissenso   nel   libro   delle   adunanze   del   consiglio;  •  immediata  no>zia  per  iscri,o  al  presidente  del  collegio  sindacale.      Si   ri>ene   che   sia   sufficiente   lannotazione   durante   la   delibera   e   nella   successiva  comunicazione   al   collegio   sindacale   (che   comunque   è   presente   alla   delibera)   il  dissenso  deve  essere  confermato  e  mo>vato.   do,.  Giovanni  Rubin   64  
  • AMMINISTRATORE  ASSENTE  E  necessario  dis>nguere  tra  assenza  gius>ficata  e  assenza  non  gius>ficata.      TRIB.  MILANO  26/06/1989  Lassenza   dal   consiglio   di   amministrazione   che   ha   assunto   una   deliberazione   da  cui  discenda  la  responsabilità  degli  amministratori  per  danni  alla  società  non  ha  rilevanza   esimente   per   il   consigliere   stesso,   essendo   ques=   tenuto   a   prendere  visione   successivamente   del   verbale   della   riunione   nella   quale   fu   assente,   ad  assumere,   se   del   caso,   ulteriori   informazioni,   indi   valutare   lopportunità   di  chiedere  lannotazione  e  di  compiere  la  comunicazione  di  cui  allart.  2392.      In   caso   di   assenza   ingius>ficata,   deve   fare   quanto   possibile   per   eliminare   le  conseguenze   dannose:   impugnare   la   delibera   se   la   stessa   è   lunico   rimedio   per  eliminare  o  a,enuare  le  conseguenze  dannose.     do,.  Giovanni  Rubin   65  
  • AMMINISTRATORE  CESSATO  Cause:  morte,  decadenza,  revoca,  scadenza  e  rinuncia.    Negli  ul>mi  due  casi  leffe,o  sarà  immediato  nel  caso  in  cui  rimanga  in  carica  la  maggioranza  dei  consiglieri,  oppure  differito  alla  ricos>tuzione  della  stessa.      Lamministratore  cessato  ha  il  dovere  di  porre  in  essere  tuO  i  comportamen>  indispensabili  a  garan>re  il  normale  proseguimento  dellaOvità  sociale  per  un  periodo  fisiologicamente  necessario  a  che  lassemblea  deliberi  la  sos>tuzione.     do,.  Giovanni  Rubin   66  
  • AMMINISTRATORE  SUBENTRANTE  Se  si  esclude  quello  di  prima  nomina  nella,o  cos>tu>vo,  lamministratore  neo-­‐nominato  non  interviene  una  situazione  neutra.      TRIB.  MILANO  21/10/1999  Gli  amministratori  che  entrano  in  carica  hanno  il  dovere  di  reTficare  e  rimuovere  le  irregolarità  riscontrate  rela=ve  a  preceden=  esercizi.      CASS.  27/02/2002  N.  2906  La   responsabilità   dellamministratore   di   società   di   capitali   per   il   ritardo  nelladozione   delle   misure   necessarie   a   contenere   le   perdite   e   per   la   mancata  richiesta   di   fallimento   non   viene   meno   per   effeHo   della   responsabilità   del  precedente   amministratore   nellaver   occultato   deHo   stato,   una   volta   che   di  questo  egli  abbia  avuto  contezza.   do,.  Giovanni  Rubin   67  
  • NATURA  DELLA  RESPONSABILITA’  La  responsabilità  si  dis>ngue  in:  contra,uale  ed  extracontra,uale.      Tre  profili  di  rilevanza:      a)  onere  della  prova   •  ContraHuale:  la,ore  dovrà  provare  solo  linadempimento,  il  danno  ed  il   nesso   di   causalità   tra   inadempimento   e   danno.   Il   convenuto   tenterà   di   provare  di  non  aver  potuto  adempiere  per  causa  a  lui  non  imputabile  ex   art.   1218   c.c.   (per   violazioni   di   obblighi   specifici)   oppure   di   aver   adempiuto   con   la   necessaria   diligenza   ed   in   assenza   di   confli,o   di   interessi  (per  violazioni  di  obblighi  generici);   •  ExtracontraHuale:   la,ore   dovrà   provare   linadempimento,   il   danno,   il   nesso  di  causalità,  il  dolo  o  la  colpa  (in  re  ipsa  per  violazione  di  obblighi   specifici);   do,.  Giovanni  Rubin   68  
  • NATURA  DELLA  RESPONSABILITA’  b)  misura  del  danno  risarcibile:   •  ContraHuale:  lart.  1225  c.c.  limita  il  risarcimento  ai  soli  danni  prevedibili,   salvo  che  linadempimento  non  derivi  dal  dolo;   •  ExtracontraHuale:  sono  risarcibili  anche  i  danni  non  prevedibili.    c)  termine  di  prescrizione:   •  ContraHuale:  si  applica  lart.  2941,  n.  7,  c.c.,  il  cui  contenuto  è  riportato   nellart.  2393  c.c.  5  anni  dalla  cessazione  della  carica;   •  ExtracontraHuale:  si  applica  lart.  2949,  comma  2,  c.c.  e  lart.  2935  c.c.  5   anni  dal  momento  in  cui  il  diri,o  può  essere  fa,o  valere.   do,.  Giovanni  Rubin   69  
  • AZIONI  DI  RESPONSABILITA’  Per  le  s.p.a.  art.  2393  e  2393-­‐bis  c.c.:  azione  sociale  di  responsabilità;  art.  2394  c.c.:  azione  dei  creditori  sociali;  art.  2395  c.c.:  azione  dei  soci  e  dei  terzi.      Per  le  s.r.l.  art.  2476,  comma  1,  c.c.:  azione  sociale  di  responsabilità;  art.  2476,  comma  7,  c.c.:  azione  dei  soci  e  dei  terzi;  nessuna  previsione  norma>va  per  lazione  dei  creditori  sociali.      La  giurisprudenza  di  merito  maggioritaria  propende  per  la  possibilità  di  esperire  lazione  dei  creditori  anche  nelle  s.r.l.  per  mo>vi  di  sistema  (lart.  2486,  comma  2,  c.c.;  lart.  2477,  ult.  comma,  c.c.;  lart.  2497  c.c.)     do,.  Giovanni  Rubin   70  
  • AZIONE  SOCIALE  DI  RESPONSABILITA’  Consente   alla   società   di   fare   valere   in   sede   giudiziale   il   poprio   diri,o   al  risarcimento   dei   danni,   in   conseguenza   di   violazioni   di   obblighi   impos>   dalla  legge   o   dallo   statuto.   Si   tra,a   di   responsabilità   contra#uale   (si   dovrà   individuare  un  modello  astra,o  di  comportamento  solo  per  gli  obblighi  di  natura  generica).      E   deliberata   dallassemblea   dei   soci   (esclusione   del   socio   amministratore   dal  quorum);      Può   essere   deliberata   da   parte   di   tan>   soci   che   rappresen>no   1/5   del   capitale  sociale  nelle  s.p.a.;  nelle  s.r.l.  può  essere  avviata  da  ogni  socio;      Può  essere  in  qualsiasi  momento  interro,a  per  transazione  o  per  rinuncia.       do,.  Giovanni  Rubin   71  
  • AZIONE  DEI  CREDITORI  SOCIALI  Sul  presupposto  che  il  capitale  sociale  di  una  società  funge  da  garanzia  patrimoniale  per  i  creditori   ex   art.   2740   c.c.,   lart.   2394   c.c.   introduce   la   possibilità   per   i   creditori   di   agire  contro  gli  amministratori,  subordinatamente  a  due  presuppos>:      a)  il  patrimonio  sociale  deve  essere  depauperato  in  misura  tale  da  renderlo  insufficiente   al  soddisfacimento  dei  creditori;    b)  linsufficienza  del  patrimonio  deve  essere  stata  causata  dalla  violazione  da  parte  degli   amministratori  degli  obblighi  ineren>  la  conservazione  del  patrimonio  sociale.      Si   tra,a   di   responsabilità   extracontra#uale,   per   tanto   la,ore   dovrà   provare:   danno,  inadempimento  degli  obblighi  di  conservazione  del  patrimonio,  nesso  di  causalità  (se  non  avessero  tenuto  tale  condo,a  il  patrimonio  sarebbe  capiente),  profilo  soggeOvo  doloso  o  colposo  (contenuto  generico  /  contenuto  specifico).       do,.  Giovanni  Rubin   72  
  • AZIONE  DEI  CREDITORI  SOCIALI  CASS.  14/02/1966  N  441  Linsufficienza   del   patrimonio   sociale   rappresenta   una   situazione   più   grave     e   defini=va  dellinsolvenza;   questul=ma   può   infaT   derivare   anche   da   uno   stato   di   illiquidità   al  momento   della   scadenza   delle   obbligazioni,   pur   essendo   integro   il   patrimonio   sociale.  Presupposto  dellazione  ex  art.  2394  c.c.  è  invece  che  lintegrità  del  patrimonio  sia  venuta  meno,   mentre   non   è   necessario   né   sufficiente   che   si   proceda   preliminarmente   alla  liquidazione  della  società,  anche  aHraverso  la  procedura  concorsuale.      CASS.  25/07/2008  N.  20476  Tale   conceHo   si   differenzia   anche   dalleventualità   della   perdita   integrale   del   capitale  sociale,   dal   momento   che   questul=ma   evenienza   può   verificarsi   anche   quando   vi   è   un  pareggio  tra  aTvo  e  passivo.      Non   si   potrà   avviare,   quindi,   lazione   dei   creditori   sociali   se   vi   sia   insolvenza   dovuta   a   mera  illiquidità   o   se   il   capitale   sia   perduto,   ma   le   poste   aOve   siano   in   grado   di   soddisfare  integralmente  i  debi>.       do,.  Giovanni  Rubin   73  
  • AZIONE  DEI  CREDITORI  SOCIALI  Secondo   lart.   2394,   comma   2,   c.c.   lazione   può   essere   proposta   dai   creditori   quando   il  patrimonio  sociale  risulta  insufficiente  al  soddisfacimento  dei  loro  credi=.      CASS.  28/05/1998  N.  5287  Lazione   di   responsabilità   nei   confron=   degli   amministratori   e   dei   sindaci   di   una   società,  esperibile  ex  art.  2394  c.c.,  dai  creditori  sociali  [...]  è  soggeHa  a  prescrizione  quinquennale  con  decorso  non  già  dalla  commissione  dei  faT  integra=vi  di  tale  responsabilità,  bensì  dal  (successivo   momento)   dellinsufficienza   del   patrimonio   sociale   al   soddisfacimento   dei  credi=.      CASS.  19/09/2011  N.  19051  Per  la  decorrenza  del  termine  di  prescrizione  quinquennale  dellazione  di  responsabilità  nei  confron=   degli   amministratori   societari   è   necessaria   loggeTva   conoscibilità   della  situazione   di   incapienza   fallimentare,   che   può   desumersi   da   un   complesso   di   elemen=   quali  mancato  deposito  dei  bilanci  e  la  notorietà  delle  difficoltà  nei  pagamen=.         do,.  Giovanni  Rubin   74  
  • AZIONE  INDIVIDUALE  DEL  SOCIO  E  DEL  TERZO  E  lazione  con  la  quale  un  socio  o  un  terzo  possono  rivalersi  di  un  danno  subito  sul  patrimonio  dellamministratore.      Si   tra,a   di   responsabilità   extracontra#uale,   per   tanto   la,ore   dovrà   provare:  danno,  inadempimento  degli  obblighi  di  conservazione  del  patrimonio,  nesso  di  causalità  (se  non  avessero  tenuto  tale  condo,a  il  patrimonio  sarebbe  capiente),  profilo  soggeOvo  doloso  o  colposo  (contenuto  generico  /  contenuto  specifico).      La   par>colarità   rispe,o   alle   altre   due   azioni   è   che   il   pregiudizio   non   investe   il  patrimonio  sociale,  ma  dire#amente  il  patrimonio  del  terzo  o  del  socio.         do,.  Giovanni  Rubin   75  
  • AZIONE  INDIVIDUALE  DEL  SOCIO  E  DEL  TERZO  CASS.  26/03/1993  N.  9385  Lazione  individualmente  concessa  dallart.  2395  c.c.  ai  soci  per  il  risarcimento  dei  danni  loro  cagiona=   dagli   aT   dolosi   o   colposi   degli   amministratori,   di   natura   extracontraHuale,  presuppone   che   i   danni   non   siano   solo   il   riflesso   di   quelli   arrecaG   eventualmente   al  patrimonio   sociale,   ma   siano   direPamente   cagionaG   al   socio,   come   conseguenza  immediata   del   comportamento   degli   amministratori   e   dei   sindaci.   Il   diriHo   alla  conservazione  del  patrimonio  sociale  speHa,  quindi,  alla  società  e  non  al  socio  come  tale.      CASS.  03/08/1988  N.  4817  Lazione  concessa  individualmente  dallart.  2395  c.c.  [...]  presuppone  che  i  danni  stessi  non  siano   solo   il   riflesso   di   quelli   arreca=   eventualmente   al   patrimonio   sociale,   ma   siano  direHamente  cagiona=  ai  soci  o  ai  terzi  come  conseguenza  immediata  del  comportamento  degli  amministratori  medesimi;  essa  trova  perciò  applicazione  solo  quando  la  violazione  del  diriPo  individuale  del  socio  o  del  terzo  sia  in  rapporto  causale  direPo  con  lazione  degli  amministratori,  a  nulla  rilevando  che  il  socio  o  il  terzo  possano  avere  anche  azione  contro  la  società.     do,.  Giovanni  Rubin   76      
  • AZIONE  INDIVIDUALE  DEL  SOCIO  E  DEL  TERZO  CASS.  08/07/1991  N.  7534  La   responsabilità   dellamministratore   di   una   società   di   capitali   nei   confron=   del  singolo   socio   o   di   un   terzo   non   può   scaturire   dal   mero   inadempimento  contraPuale   posto   in   essere   nella   gesGone   di   tale   società   ma   deve  concreGzzarsi  in  unazione  (ulteriore)  dellamministratore  che,  per  la  sua  illiceità  di  natura  extracontraHuale,  leda  il  diriHo  soggeTvo  patrimoniale  del  socio  o  del  terzo   e   che   non   sia   conseguenza   o   riflesso   del   depauperamento   del   patrimonio  della  società.         do,.  Giovanni  Rubin   77  
  • AZIONE  INDIVIDUALE  DEL  SOCIO  E  DEL  TERZO  Casis>ca:      1)  Irregolarità  contabili  e  di  bilancio      CASS.  12/06/2007  N.  13766  Cos=tuisce  danno  direHo,  che  legiTma  la  proposizione  di  unazione  individuale  di  responsabilità   nei   confron=   degli   amministratori,   quello   risen=to   nella   propria  sfera   patrimoniale   da   chi,   per   effeHo   di   una   inveri=era   rappresentazione   di  bilancio,  abbia  acquistato  per  un  determinato  prezzo  azioni  di  una  società  aven=,  in  realtà,  valore  nullo.         do,.  Giovanni  Rubin   78  
  • AZIONE  INDIVIDUALE  DEL  SOCIO  E  DEL  TERZO  2)  AD  di  mala  gesAo      TRIB.  ROMA  20/02/2012  E   contraria   alla   buona   fede   contraHuale   e   quindi   è   fonte   di   responsabilità   ex   art.  2395   c.c.   la   condoHa   degli   amministratori   che   hanno   negoziato   lassunzione   da  parte   della   società   di   obbligazioni   oggeHo   di   una   specifica   disciplina   con   la  consapevolezza   di   non   potervi   adempiere   così   compromeHendo   in   via   direHa   con  la  propria  condoHa  il  patrimonio  del  terzo.         do,.  Giovanni  Rubin   79  
  • AZIONI  DI  RESPONSABILITA’  E  FALLIMENTO  ART.  2394-­‐BIS  C.C.  In  caso  di  fallimento,  liquidazione  coaHa  amministra=va  e  amministrazione  straordinaria  le  azioni  di  responsabilità  previste  dai  precedenG  arGcoli  speHano  al  curatore  del  fallimento,  al  commissario  liquidatore  e  al  commissario  straordinario.      ART.  146  L.F.  Sono  esercitate  dal  curatore  previa  autorizzazione  del  giudice  delegato,  sen=to  il  comitato  dei  creditori:  a)  le  azioni  di  responsabilità  contro  gli  amministratori,  i  componen=  degli  organi  di  controllo,  i  direHori  generali  e  i  liquidatori;         do,.  Giovanni  Rubin   80  
  • AZIONI  DI  RESPONSABILITA’  E  FALLIMENTO  CASS.  2772  24/03/1999  Le   due   azioni   civilis=che   devono   intendersi   contemporaneamente   proposte,   sicché   la  responsabilità   degli   amministratori   e   dei   sindaci   può   essere   legiTmamente   dedoHa   ed  affermata   con   riferimento   ai   presuppos=   dellazione   speHante   ai   creditori   sociali  (insufficienza   patrimoniale   cagionata   dallinosservanza   di   obblighi   di   conservazione   del  patrimonio   sociale),   quanto   con   riferimento   ai   presuppos=   dellazione   sociale   (danno  prodoHo   alla   società   da   ogni   illecito   doloso   o   colposo   degli   amministratori   per   violazione  dei   doveri   impos=   dalla   legge   e   dallaHo   cos=tu=vo,   ovvero   ineren=   al   diligente  adempimento  delle  rispeTve  funzioni.      TRIB.  MILANO  09/10/1989  In  capo  al  commissario  liquidatore  confluiscono  le  azioni  disciplinate  dagli  arH.  2393  e  2394  c.c.,   ma   non   lazione   prevista   dallart.   2395   c.c.,   che,   dunque,   ricorrendone   i   presuppos=,  può   essere   esercitata   dal   singolo   socio   o   terzo   in   concorso   con   quelle   speHan=   al  competente  organo  della  procedura  concorsuale.       do,.  Giovanni  Rubin   81  
  • ABUSIVA  CONCESSIONE  DI  CREDITO  IN  SEDE  CIVILE  CASS.  23/07/2010  N.  17284  Il   curatore   fallimentare   non   è   legiTmato   a   proporre,   nei   confron=   del  finanziatore   responsabile   (nella   specie,   una   banca),   lazione   da   illecito   aquiliano  per   il   risarcimento   dei   danni   causa=   ai   creditori   dallabusiva   concessione   di  credito   direHa   a   mantenere   ar=ficiosamente   in   vita   unimpresa   decoHa,  suscitando   così   nel   mercato   la   falsa   impressione   cha   si   traT   di   unimpresa  economicamente   valida.   Nel   sistema   della   l.   fall.,   infaT,   la   legiTmazione   del  curatore  ad  agire  in  rappresentanza  dei  creditori  è  limitata  alle  azioni  di  massa  -­‐  finalizzate,  cioè,  alla  ricostruzione  del  patrimonio  del  debitore  nella  sua  funzione  di   garanzia   generica   e   aven=   caraHere   indis=nto   quanto   ai   possibili   beneficiari  del   loro   esito   posi=vo   -­‐   al   cui   novero   non   appar=ene   lazione   risarcitoria   in  ques=one,  la  quale,  analogamente  a  quella  prevista  dallart.  2395  c.c.,  cos=tuisce  strumento  di  reintegrazione  del  patrimonio  del  singolo  creditore.         do,.  Giovanni  Rubin   82  
  • ABUSIVA  CONCESSIONE  DI  CREDITO  IN  SEDE  CIVILE  LaOvità  bancaria  è  unaOvità  di  interesse  pubblico,  tantè  che  è  so,oposta  alla  vigilanza  della  Banca  dItalia.      Discendono,   quindi,   degli   obblighi   di   condo,a   nel   concedere   i   finanziamen>,  desumibili,  oltre  che  dalle  circolari  della  Banca  dItalia,  anche  da  tu,e  le  norme  che  impongono  una  valutazione  della  condo,a  del  creditore  (ar,.  137,  53  TUB,  217,  218  L.F.)      Le   risorse   finanziarie   immesse   nella   società   in   crisi   o   già   deco,a   producono  lunico   effe,o   di   aumentare   le   perdite   e   lindebitamento,   suscitando   lerrata  percezione  negli  operatori  del  mercato  che  limpresa  sia  sana.           do,.  Giovanni  Rubin   83  
  • ABUSIVA  CONCESSIONE  DI  CREDITO  IN  SEDE  CIVILE  Se  la  via  dellazione  risarcitoria  dire,a  secondo  la  Cassazione  è  inibita  al  curatore,  la  stessa  S.C.  indica  un  percorso  logico  alterna>vo.      CASS.  01/06/2010  N.  13413  Il   curatore   fallimentare   è   legiTmato   ad   agire,   ai   sensi   dellart.   146   della   legge  fall.  in  correlazione  con  lart.  2393  cod.  civ.,  nei  confron=  della  banca,  quale  terzo  responsabile   solidale   del   danno   cagionato   alla   società   fallita   per   effeHo  dellabusivo  ricorso  al  credito  da  parte  dellamministratore  della  predeHa  società,  senza   che   possa   assumere   rilievo   il   mancato   esercizio   dellazione   contro  lamministratore   infedele,   in   quanto,   ai   sensi   dellart.   2055   cod.   civ.,   se   un   unico  evento  dannoso  è  imputabile  a  più  persone,  soHo  il  profilo  dellefficienza  causale  delle  singole  condoHe,  sorge  a  carico  delle  stesse  unobbligazione  solidale,  il  cui  adempimento  può  essere  richiesto,  per  lintero,  anche  ad  un  solo  responsabile.       do,.  Giovanni  Rubin   84      
  • ABUSIVA  CONCESSIONE  DI  CREDITO  IN  SEDE  CIVILE  La,ore,  quindi,  deve  provare:      a)  che  lamministratore  ha  cagionato  un  danno  alla  società,  male  u>lizzando  le   risorse   finanziarie   messe   a   disposizione   oppure   con>nuando   laOvità   in   un   momento   in   cui   avrebbe   dovuto   liquidare   il   patrimonio   o   chiedere   il   fallimento  in  proprio;  b)  che   lis>tuto   di   credito   ha   finanziato   limpresa   in   un   momento   in   cui   era   conoscibile  lo  stato  di  crisi  o  di  dissesto  in  cui  si  trovava;    c)  che   sussiste   un   nesso   di   causalità   tra   lu>lizzo   del   denaro   da   parte   dellamministratore  ed  il  danno  cagionato  alla  società.         do,.  Giovanni  Rubin   85  
  • ABUSIVA  CONCESSIONE  DI  CREDITO  IN  SEDE  CIVILE  Il  nesso  causale  tra  la  condo,a  della  banca  ed  il  danno  può  essere  provato  mediante  la  formula  di  Modigliani-­‐Miller    ROE  =  ROI  +  (ROI  –  i)  x  D/S    La  prova  della  conoscenza  dello  stato  di  crisi  della  società,  invece,  può  essere  fornita  mediante  lanalisi  di  bilancio  anche  in  chiave  storica  e  gli  altri  strumen>  >pici  della  inscien=a  decoc=onis.           do,.  Giovanni  Rubin   86  
  • AZIONI  DI  RESPONSABILITA’  E  CONCORDATO  PREVENTIVO  Le   par>   del   concordato   preven>vo   sono   la   società   in   crisi   ed   i   creditori.   Gli  amministratori  sono  soggeO  estranei  allaccordo  concordatario.      Salvo  il  caso  in  cui  il  piano  ex  art.  160  L.F.  non  la  preveda  esplicitamente,  lazione  sociale   di   responsabilità   non   può   essere   avviata   nei   confron>   dellorgano  amministra>vo.      Viceversa,  le  azioni  dei  creditori  sociali  e  lazione  dei  terzi,  avendo  ad  ogge,o  una  responsabilità  extracontra,uale,  possono  essere  avviate  dai  creditori  per  la  parte  di  risarcimento  rimasta  insoddisfa,a  dal  concordato.         do,.  Giovanni  Rubin   87  
  • QUANTIFICAZIONE  DEL  DANNO  E   necessario   dis>nguere   in   danno   derivante   da   singole   condo#e   e   danno  derivante  dalla  illegiDma  conAnuazione  dellaDvità  dimpresa.      Distrazione   di   aDvo:   il   danno   coincide   con   il   controvalore   del   bene   distra,o   o  con  limporto  delle  somme  indebitamente  so,ra,e  alla  società.      Operazioni  fuori  ogge#o  sociale:  il  danno  è  pari  alle  risorse  impiegate  o  dissipate  in  esecuzione  delle  operazioni  medesime  (ad  esempio:  importo  pagato  per  aver  concesso  una  garanzia  a  terzi;  la  perdita  subita  dallaver  so,oscri,o  un  contra,o  derivato  specula>vo).      Violazione   di   norme   tributarie   e   previdenziali:   il   danno   è   pari   alle   sanzioni  irrogate  ed  agli  interessi  matura>.       do,.  Giovanni  Rubin   88  
  • QUANTIFICAZIONE  DEL  DANNO  In   caso   di   con>nuazione   dellaOvità   i   criteri   di   quan>ficazione   del   danno   non  possono  che  essere  equita>vi  ai  sensi  dellart.  1226  c.c.      a)  criterio  del  "deficit  fallimentare";      b)  criterio  della  differenza  dei  neO  patrimoniali;      c)  criterio  del  danno  sta>co.   do,.  Giovanni  Rubin   89  
  • CRITERIO  DEL  DEFICIT  PATRIMONIALE  Il  danno  è  pari  alla  differenza  tra  laOvo  ed  il  passivo  fallimentare.  CASS.  15/02/2005  N.  3032  In   sede   di   giudizio   di   responsabilità,   nel   determinare   len=tà   del   danno   imputabile  allillegiTma   condoHa   di   amministratori   o   sindaci   di   società   fallite   o   soHoposte   ad   altre  analoghe  procedure  concorsuali,  il  criterio  delliden=ficazione  automa=ca  con  la  differenza  tra  aTvità  e  passività  accertate  in  sede  concorsuale  è  conceHualmente  insostenibile.  Tale  criterio  differenziale,  peraltro,  può  essere  u=lizzato  in  guisa  di  parametro  cui  ancorare  una  liquidazione   equita=va   ai   sensi   dellar=colo   1226   del   Cc,   una   volta   accertata   limpossibilità  di   ricostruire   i   daG   in   modo   così   analiGco   da   individuare   le   conseguenze   dannose   dei  singoli   a   illegimi.   Affinché   tale   criterio   sia   legiTmamente   u=lizzato   dal   giudice   di  merito,   ques=   deve   fornire   una   puntuale   mo=vazione   in   ordine   non   soltanto   alleffeTva  impossibilità   di   addivenire   a   una   ricostruzione   degli   specifici   effeT   pregiudizievoli   procura=  al   patrimonio   sociale   dallillegiTmo   comportamento   degli   organi   sociali,   ciascuno,   ove  occorra,  dis=ntamente  valutato,  ma  anche  alla  plausibilità  logica,  in  rapporto  alle  specifiche  caraHeris=che   del   caso   in   esame,   dellimputazione   causale   a   deHo   comportamento  dellintero  sbilancio  patrimoniale  della  società  quale  accertato  a  distanza  di  tempo  in  sede  concorsuale.   do,.  Giovanni  Rubin   90  
  • CRITERIO  DEL  DEFICIT  PATRIMONIALE  Il  criterio  del  deficit  patrimoniale  non  >ene  conto  del  nesso  di  causalità  tra  condo,a  degli  amministratori   e   danno   provocato   (non   è   de,o,   inoltre,   che   tuO   i   creditori   presen>no  istanza  di  insinuazione  al  passivo).  Lapplicazione  è  ritenuta  gius>ficabile  solo  se  la  mancata  o   irregolare   tenuta   delle   scri,ure   contabili   non   ha   consen>to   la   ricostruzione   delle   vicende  societarie  (Cass.  5876/2011,  7606/2011,  22911/2010).      CASS.  04/07/2012  N.  11155  Anche   nellipotesi   in   cui   il   curatore   non   rinvenga   la   contabilità,   il   danno   imputabile   agli  organi  della  società  fallita  non  può  essere  automa=camente  iden=ficato,  in  via  equita=va,  nella  differenza  tra  aTvo  e  passivo  accertato  in  sede  concorsuale:  tale  criterio  può  essere  infaT   u=lizzato   solo   laddove   sia   accertata   la   colpa   dei   deT   organi   nellaver   smarrito   o  distruHo  la  contabilità  che  in  precedenza  esisteva.   do,.  Giovanni  Rubin   91  
  • CRITERIO  DELLA  DIFFERENZA  DEI  NETTI  PATRIMONIALI  Nel  caso  in  cui  la  perdita  del  capitale  sociale  sia  notevolmente  anteriore  rispe,o  alla  data  di  riferimento   (cessazione   della   carica   di   amministratore   o   dichiarazione   di   fallimento),   ove  ricorra   una   par>colare   complessità   nellindividuare   le   singole   operazioni   non   aven>  cara,ere  conserva>vo  ex  art.  2486  c.c.,  il  danno  può  essere  quan>ficato  come  differenza  dei  neO  patrimoniali  alle  due  date  (incremento  della  perdita).      CASS.  17/09/1997  N.  9252  La   differenza   dei   neT   patrimoniali   può   cos=tuire   un   parametro   di   riferimento   per   la  liquidazione   del   danno   in   via   equita=va   qualora   sia   stata   accertata   limpossibilità   di  ricostruire   i   da=   con   la   anali=cità   necessaria   per   individuare   le   conseguenze   dannose  riconducibili  al  comportamento  degli  amministratori.     do,.  Giovanni  Rubin   92  
  • CRITERIO  DELLA  DIFFERENZA  DEI  NETTI  PATRIMONIALI  Le   situazioni   patrimoniali   da   comparare   devono   essere   omogenee   e   reda,e   entrambe  secondo  i  criteri  de,a>  dallOIC  5  in  materia  di  bilanci  di  liquidazione.  Peraltro  non  tu,a  la  perdita  è  ascrivibile  alla  condo,a  degli  amministratori.      CASS.  23/06/2008  N.  17033  Non   è   gius=ficata   [...]   la   liquidazione   del   danno   in   misura   pari   alla   perdita   incrementale  derivante   dalla   prosecuzione   dellaTvità,   poiché   non   tuHa   la   perdita   riscontrata   dopo   il  verificarsi   della   causa   di   scioglimento   può   essere   riferita   alla   prosecuzione   dellaTvità  medesima,   potendo   in   parte   comunque   prodursi   anche   in   pendenza   della   liquidazione   o  durante  il  fallimento,  per  il  solo  faHo  della  svalutazione  dei  cespi=  aziendali,  in  ragione  del  venir  meno  dellefficienza  produTva  e  dellopera=vità  dellimpresa.     do,.  Giovanni  Rubin   93  
  • CRITERIO  DELLA  DIFFERENZA  DEI  NETTI  PATRIMONIALI  TRIB.  MILANO  01/04/2011  Nellinvocare   deHo   criterio   della   c.d.   perdita   differenziale   agli   effeT   della   determinazione  del  danno  avrebbe  dovuto:  1.  confrontare   situazioni   patrimoniali   omogenee   di   liquidazione   (avendo   assunto   quale   condoHa   imputabile   la   ritardata   liquidazione)   provvedendo   ad   effeHuare   le   rela=ve   reTfiche   in   quella   ritenuta   scorreHamente   redaHa   secondo   criteri   di   con=nuità   aziendale;  2.  escludere   dal   saldo   "differenziale"   gli   effeT   di   operazioni   non   imputabili,   quali,   ad   esempio,   la   svalutazione   di   partecipazioni   conseguente   allapprovazione   dei   bilanci   delle  controllate  e/o  di  credi=.   do,.  Giovanni  Rubin   94  
  • CRITERIO  DEL  DANNO  STATICO  Ogni   operazione   viene   valutata   aseOcamente,   comparando   ricavi   e   cos>   direO   e  calcolando  così  il  danno  come  somma  degli  effeO  delle  varie  singole  operazioni  avviate.      TRIB.  MILANO  11/07/2011  Qualora   gli   amministratori   contravvengano   al   divieto   di   intraprendere   nuove   operazioni  dopo   che   il   capitale   è   andato   perduto   o   è   sceso   soHo   il   minimo   legale,   il   danno,  eventualmente  dagli  stessi  risarcibile,  è  pari  al  valore  degli  affari  intrapresi  successivamente  alla   perdita   del   capitale   sociale   solo   qualora   il   curatore   abbia   provato   concretamente   tale  danno  con  il  risultato  economico  delle  singole  operazioni  pregiudizievoli.      Per   poter   u>lizzare   tale   criterio,   tu,avia,   si   deve   disporre   non   solo   di   una   contabilità  generale  aggiornata,  ma  anche  di  una  contabilità  anali>ca  o  industriale  tale  da  consen>re  analisi  per  centri  di  costo.  Situazione  difficilmente  realizzabile  nelle  procedure  concorsuali.     do,.  Giovanni  Rubin   95  
  • VI  RINGRAZIO  DELL’ATTENZIONE  do,.  Giovanni  Rubin    viale  Trieste  n.  18/d  –  30029  San  S>no  di  Livenza  (VE)    tel.  0421310521  fax  0421310400  e-­‐mail      g.rubin@studiodanielerubin.it  twi,er    gio_rubin   do,.  Giovanni  Rubin   96