Slide Ferri

2,726 views
2,594 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,726
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
136
Actions
Shares
0
Downloads
91
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>A pot file is a Design Template file, which provides you the “look” of the presentationYou apply a pot file by opening the Task Pane with View > Task Pane and select Slide Design – Design Templates.Click on the word Browse… at bottom of Task Pane and navigate to where you stored BlueOnyx Deluxe.pot (black background) or BluePearl Deluxe.pot (white background) and click on Apply.You can switch between black and white background by navigating to that pot file and click on Apply. Another easier way to switch background is by changing color scheme. Opening the Task Pane, select Slide Design – Color Schemes and click on one of the two schemes. All your existing content (including Business Unit or Product Names) will be switched without any modification to color or wording.Start with Blank Presentation, then switch to the desired Design TemplateStart a new presentation as Blank PresentationYou can switch to Blue Onyx Deluxe.pot by opening the Task Pane with View > Task Pane and select Slide Design – Design Templates.Click on the word Browse… at bottom of Task Pane and navigate to where you stored BlueOnyx Deluxe.pot (black background) and click on Apply.Your existing content will take on Blue Onyx’s black background, and previous black text will turn to white.You should add your Business Unit or Product Name by modifying it on the Slide MasterYou switch to the Slide Master view by View > Master > Slide Master.Click on the Title Page thumbnail icon on the left, and click on the Business Unit or Product Name field to modify it.Click on the Bullet List Page thumbnail icon on the left, and click on the Business Unit or Product Name field to modify it.Click on Close Master View button on the floating Master View ToolbarYou can turn on the optional date and footer fields by View > Header and FooterSuggested footer on all pages including Title Page: Presentation Title | ConfidentialDate and time field can be fixed, or Update automatically. It appears to the right of the footer.Slide number field can be turned on as well. It appears to the left of the footer.<number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • Buzz word<number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number><number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • <number>
  • Slide Ferri

    1. 1. Learning 2.0 In questa corso: Scenario: formazione e tecnologie digitali Il web 2.0 e l’apprendimento La didattica digitale “in aula” Il modello “Blended” Paolo Ferri Tecnologie didattiche Teoria e tecnica dei nuovi media www.unimib.it www.paoloferri.net paolo.ferri@unimib.it
    2. 2. La didattica digitale oltre l’aula 1. COME CAMBIANO L’EDUCAZIONE E LA FORMAZIONE NELL’ERA DIGITALE?
    3. 3. Il cambiamento della formazione Le più grandi istituzioni universitarie internazionali (MIT, Open University, UOC - La Universitat Oberta de Catalunya, Stanford, Harvard) hanno già da tempo avviato progetti di integrazione nell’offerta didattica attraverso gli strumenti messi a disposizione dalle tecnologie digitali di gestione della didattica e della formazione on-line http://ocw.mit.edu/OcwWeb/web/home/home/index.htm (Nacamulli, 2003, Ferri 2005, Ferri, 2008, per una trattazione più specifica dei casi di eccellenza internazionale)
    4. 4. E-learning -Tel nel mondo La mappa della diffusione dell'e-learning nel mondo vede - sia in termini di utenti che di fatturato del settore - in posizione dominante gli Stati Uniti seguiti da vicino dal Regno Unito e dai paesi del nord-europa (Svezia, Finlandia, Norvegia); la tendenza di crescita è stata stimata in valori a 2 cifre decimali da vari osservatori. Per il mercato USA sono state fatte previsioni di crescita da - 10,3 Mld$ di mercato nel 2001 - 80,5 Mld$ nel 2006 - 212Mld$ nel 2011 Anche gli utenti del continente asiatico utilizzano in proporzione rapidamente crescente tecnologie di e-learning. (Forrester Research).
    5. 5. Le direttive OCDE Innovazione, tecnologia e qualità al servizio della didattica L’innovazione nel campo delle tecnologie didattiche e delle metodologie di erogazione on-line e in forma blended della didattica rappresenta anche secondo l’OCSE uno dei punti cardine della competitività e la sostenibilità economica delle singole istituzioni universitarie, così come per i sistemi universitari dei paesi avanzati (OCDE 2005).
    6. 6. Nativi digitali VS immigranati digitali: appropriazione digitale molto precoce (0-6 anni) a  Relazione tra utente e artefatto tecnologico – Modellamento (modelling) – Esplorazione spontanea – Esplorazione guidata – per loro è l’ambiente normale di appredimento 6 Università Milano Bicocca 7 Novembre 2008
    7. 7. Immigranti e nativi digitali: Capacità comunicative e stili di ammprendimento quote Veen, W. & Vrakking, B. (2006). Homo Zappiens, Growing up in a Digital Age. London, Network Continuum Ed Digital immigrants Digital native Codice digitale Codice alfabetico Apprendimento Multitasking Apprendimento lineare Condividere e creare la Stile comunicativo uno a conoscenza (Mp3 Wikipedia) molti Apprendere ricercando giocando esplorando Apprendimento per Esternalizzazionie assorbimento dell’apprendimento Internalizzazione Comunicazione versus riflessione riflessione Autorità del testo No autorità del testo multicodicalità Primo leggere Connettersi navigare ed esplorare
    8. 8. La didattica digitale oltre l’aula 2. COME CAMBIA IL MODO DI APPRENDERE?
    9. 9. Dall’apprendimenti alfabetico per accumulazione s1 s2 s3 Possibilità Sintesi f P escluse memoriale 4 Possilità aperte
    10. 10. Dal book all’eBook
    11. 11. eBook Kindle
    12. 12. Sony: la concorrenza
    13. 13. All’apprendimento multitasking per navigazione/ cooperazione ∞ infinito Lessìe 1 Testualità lineare
    14. 14. Web 1.0 → Web 2.0
    15. 15. Web 1.0 → Web 2.0
    16. 16. La didattica digitale oltre l’aula 3. COS’È IL WEB 2.0?
    17. 17. Web 2.0 = Web is You
    18. 18. Web 2.0 Tag cloud Architettura di partecipazione semplicità convergenza Banda Larga tagging Open source beta perpetuo piattaforma blog Always on VOIP wiki Web 2.0 RSS Mash up libertà Social Network Intelligenza collettiva Podcast sociale economicità servizi collaborazione
    19. 19. Web 2.0 Termine coniato da Tim O'Reilly nel 2004 per definire una serie di fenomeni che denotano una trasformazione del WWW, a livello tecnologico (feed RSS, Ajax, openApi, WebServices…) e sociale (Blog, Wiki…) “Web 2.0 refers to a perceived second generation of web-based communities and hosted services — such as social- networking sites, wikis, and folksonomies — which aim to facilitate creativity, collaboration, and sharing between users.” Fonte: http://wikipedia.org/
    20. 20. La didattica digitale oltre l’aula 4. SU COSA SI BASA LO SVILUPPO DEL WEB 2.0?
    21. 21. La didattica digitale oltre l’aula La Banda Larga: la tecnologia abilitante
    22. 22. La banda larga
    23. 23. Cosa possiamo fare con la banda larga?
    24. 24. Cosa possiamo fare con la banda larga?
    25. 25. La didattica digitale oltre l’aula IL WEB DIVENTA UNA PIATTAFORMA
    26. 26. Il web come piattaforma • Fruire/Generare contenuti • Usare servizi • Costruire legame sociale • Creare valore
    27. 27. Cosa possiamo fare con la banda larga?
    28. 28. GOOGLE learning community L’idea di voler offrire una serie di servizi per il lavoro quotidiano. La convergenza in un account di tutto ciò che può servire a chi utilizza un personal computer.
    29. 29. Gestire il proprio tempo on line. L’agenda virtuale accessibile ovunque e condivisibile on line. Il servizio di posta elettronica. In realtà un aggregatore di strumenti di comunicazione sincrona ed asincrona. Un elaboratore di testi ed un foglio elettronico a disposizione on line. La possibilità di condividere la realizzazione e la modifica di documenti di lavoro. La possibilità di prendere appunti on line condividendoli con altre persone e/o sfruttando la possibilità di stampare e rivedere gli appunti stessi.
    30. 30. La didattica digitale oltre l’aula IL WEB COME PIATTAFORMA CMS CONTENT MANAGEMENT SYSTEM
    31. 31. The machine is Us/ing Us
    32. 32. Dai siti personali statici ai blog Sistema autore (CMS) • One minute publishing • Aggregatore di contenuti • Aggregatore di persone •
    33. 33. Dal sito statito al blog
    34. 34. La didattica digitale oltre l’aula DALLE COMMUNITY AI SOCIAL NETWORK
    35. 35. “Il social network”
    36. 36. Connessioni in Facebook
    37. 37. caratteristiche • Integrazione di più • 160.000.000 di utenti forme di comunicazione • Legami basati sulla – Possibilità di creare fiducia (o quasi) gruppi – Pagina di profilo • Elevata interazione – Microblogging • Il “Pubblico” – Photo/video Sharing – Selezionato (gli amici) – Instant messaging – potenziale – Posta interna
    38. 38. La didattica digitale oltre l’aula APPRENDIMENTO E WEB 2.0 ALCUNI CASI:
    39. 39. Mit & YouTube
    40. 40. NING: il social network “fai da te” (1) • http://www.classroom20.com/ • http://education.ning.com/ • http://estudiabetes.com/
    41. 41. La didattica digitale oltre l’aula 4. APPRENDERE QUANDO SI VUOLE E DOVE SI VUOLE? IL MOBILE LEARNING
    42. 42. Il celluare come strumento di apprendimento
    43. 43. G1 Phone  il google cellulare
    44. 44. Linux per i cellulari
    45. 45. iPhone
    46. 46. iPhone
    47. 47. La didattica digitale oltre l’aula QUALE MODELLO ECONOMICO PER I CONTENUTI MOBILE DIGITALI?
    48. 48. Il mega-cambiamento nel content providing e nell’educazione ICT uses Learning Mall Distributed Electronic Virtual Knowledge Centers Learning on-demand Online Compound Learning Systems On-line Learning Multi-user Virtual Learning Environment Computer Based Training Single-user tools Time quote Veen, W. & Vrakking, B. (2006). Homo Zappiens, Growing up in a Digital Age. London, Network Continuum Ed 1980 2000 2020 2040
    49. 49. Coda lunga • L’insieme delle vendite di beni a bassissima rotazione (parte gialla, long tail) genera un volume di affari in molti casi superiore a quello dei beni ad elevata richiesta (parte rossa, short head)
    50. 50. Coda lunga • Modello economico e commerciale • Dati una gamma sufficientemente ampia di beni, grande popolazione di consumatori, e costi di stoccaggio e distribuzione tendenti a 0, la distribuzione di frequenza dei beni acquistati è una distribuzione di Pareto – I top-seller o hit sono il 20% del totale – Non vale sono nel Web, anche se il Web è il contesto ideale
    51. 51. Spazie della didattica e strumenti digitali in aula 5. LA DIDATTICA DIGITALE DIGITALE DENTRO L’AULA
    52. 52. • 2. La didattica digitale digitale dentro l’aula Spazi della didattica e strumenti digitali in aula
    53. 53. And what about schools?
    54. 54. The Meeting Place to Learn Retreat 1500 m2 A 1 3 -Art Sport Area M -Open learning -Retreat Area -changing areas -Group learning -Counseling Dining Area - Storage -Lecture Rooms Stage -Distributed Learning Storage Kitchen Projection Internet 2 Café Launch Teacher’s -Info Centre Dining -Distributed Learning -Discussion Room 4 E -Administration -Visitor Centre -Teacher work Main Entry -Counseling School Zone La trasformazione degli spazi didattivi ©SStuebing 2006
    55. 55. From Idea to Reality Jóna Pálsdóttir jona@jona.is
    56. 56. La didattica digitale dentro l’aula 6. QUALI SONO LE TECNOLOGIE ABILITANTI DENTRO LA SCUOLA?
    57. 57. La didattica digitale dentro l’aula LA SCUOLA SENZA FILI
    58. 58. Wireless devices
    59. 59. wireless
    60. 60. Il laboratorio portatile
    61. 61. Copertura wireless in aula
    62. 62. Copertura wireless del campus
    63. 63. LAVAGNA INTERATTIVA MULTIMEDIALE
    64. 64. Dalla lavagna tradizionale…
    65. 65. …Alla LIM: Lavagna Interattiva Multimediale
    66. 66. La didattica digitale oltre l’aula I NETBOOK
    67. 67. Netbook
    68. 68. Thailand
    69. 69. Scuola di Galadima
    70. 70. La didattica digitale oltre l’aula 7. COME SI PUO’ INTEGRARE DIDATTICA ON-LINE E IN PRESENZA? IL MODELLO BLENDED
    71. 71. 3. La didattica blended in Bicocca
    72. 72. Alcuni esempi Piattaforma http://docebo.didattica.unimib.it/ Corso tecnologie didattiche http://docebo.didattica.unimib.it/doceboLms/index.php? modname=organization&op=organization Esempi di LO http://www.lisp.formazione.unimib.it/docebo/doceboLms/index.php?modname=orga
    73. 73. Vincoli della didattica in presenza e in rete Dimensione del Aula “fisica” Aula “virtuale” Vincolo - Accessibilità - Orario delle lezioni Disponibilità della rete - possibilità di raggiungere la sede. - possibilità di fruizione in base alle caratteristiche tecniche della macchina utilizzata Azione - Definita dalla conduzione del Definiti dagli strumenti disponibili docente e dalle opzioni presenti in essi. - dalle risorse e strumenti disponibili. - Comunicazione Definita dall’apertura al Definito dalla presenza o meno di dialogo da parte del docente spazi di comunicazione, dalle - dagli spazi seminariali dedicati funzioni integrate in essi agli scambi tra pari - nei sincroni, dalla predisposizione di appuntamenti
    74. 74. Learning Management System Def. Learning Management System (LMS) = software che incorpora le funzioni necessarie all’implementazione di un sistema organizzato di erogazione di corsi per la formazione. E’ costituito da un insieme di strumenti dedicati a cinque macro-contesti di azione: c) all’amministrazione delle iscrizioni degli utenti nei corsi; d) alla gestione dell’erogazione dei contenuti; e) alla gestione delle attività di valutazione; f) alla gestione dei processi comunicativi e collaborativi; g) alla gestione dei processi di monitoraggio e valutazione.
    75. 75. Admin Delivering E-moderating Monitoring Assessment Configurazione Amministrazione Moderazione degli Statistiche di accesso Creazione e generale contenuti ambienti di generali gestione dei comunicazione test asincroni Creazione corsi Creazione Creazione e Statistiche di utilizzo Creazione e aggiornamento moderazione di di ogni area gestione di oggetti eventi sincroni strumenti di didattici assessment (learning object) Creazione utenti Predisposizione Amministrazione Report automatici di Gestione del dello degli strumenti utilizzo per aree registro scaffolding di elettronico dei informativo comunicazione voti in rapporto agli studenti Gestione Predisposizione Moderazione delle Report automatici di iscrizioni/associaz delle parti situazioni profilatura d’suo ioni utenti-corsi informative collaborative di degli utenti gruppo (clustering) Erogazione somministrazione di contenuti strumenti di monitoraggio (questionari)
    76. 76. Amministratore del server Amministratore di piattaforma LMS Progettista admin di contenuti Progettista didattico Helpdesk delivery Docente assessment Mentore Helpdesk e-moderating Studente E-tutor fruizione monitoring Osservatore Ospite Progettista didattico Ruolo di sistema Ruolo disciplinare
    77. 77. “Fitting” tra ambiente LMS, modello didattico e complessità del sistema SOCIETA’ A T EM IS DELL’INFORMAZIONE S SISTEMA Mutamenti: FORMATIVO UNIVERSITARIO - Evoluzione NT Istanze: - diffusione reti - regolamenti - rapporto spazio/tempo - infrastrutture - cultura DIDATTICA STUDENTI - HR AMBIENTE LMS Caratteristiche proprie: - Stile frequenza Caratteristiche proprie: - Spazio/tempo - metodologia didattica - Stile apprendimento - Spazio/tempo - relazione - Stile insegnamento DOCENTI - relazione RI O ATT
    78. 78. Dati sulla Bicocca dal Nucleo di valutazione IV parte – Indagine sugli iscritti Tabella 10: Se la Sua facoltà glielo proponesse, sarebbe interessato a seguire corsi on- line, per tipo di attività lavorativa Percentuale N Sì No 83,0 17,0 423 Attività Continuità a tempo pieno lavorativa 65,4 34,6 491 Continuità a tempo parziale 55,9 44,1 311 Occasionale, saltuario, stagionale 57,0 43,0 824 Nessuna 64,2 35,8 2.049 Totale
    79. 79. Un approccio costruttivista all’e-learning: flessibilità cognitiva e ipertestualità • Insegnamento/apprendimento è un processo ”emergente”, sociale e culturalmente situato • Le comunità di pratiche (docenti, studenti) devono poter gestire questo processo complesso e articolato • Le comunità di pratiche devono trovare un equilibrio tra programmazione e processi emergenti, rimodellando progressivamente il setting didattico Wenger E., Communities of practice, Learning, meaning, and identity Cambridge University Press, 1998 Le Piattaforme di E-learning CSCL e LCMS permettono di gestire l’apprendimento come un processo emergente ● di rappresentare e mettere in circolo la conoscenza emergente ● di gestire la conoscenza tacita dei docenti e degli studenti ● trasformandola in costruzione cooperativa del sapere
    80. 80. Un modello risultante per l’e-learning
    81. 81. I modelli didattici: le blended solution I modelli didattici variano a seconda di diversi fattori quali il numero di studenti, la possibilità di riproporre e riutilizzare nel tempo gli stessi contenuti, la disponibilità a seguire studenti o gruppi di studenti che praticano attività on line. In generale, i modelli sono forme miste di: Didattiche attive E-tievities Didattiche espositive LO
    82. 82. Apprendere dai Learning Object La creazione di LO come “integrazione del testo” e non come sostituzione permette di: - Aumentare l’efficacia didattica dell’oggetto stesso, che sfrutta la multimedialità e aggiunge interattività al testo; - potenziare l’efficacia del libro di testo per le parti che effettivamente vengono apprese meglio attraverso la lettura di un testo approfondito; - Abbassare i costi di produzione dei Learning Object relativi ad un insegnamento, diminuendo il numero di oggetti creati. Pochi Learning object di qualità che affiancano testi di qualità per una didattica efficace a costi ragionevoli.
    83. 83. Esempi di Learning Object LEARNING OBJECT sperimentati: - brevi video, immagini e animazioni ad alta risoluzione - Tutorial sull’uso di uno strumento o risoluzione di un problema - Registrazioni di audio/video di porzioni di lezioni o conferenze - Contenuti erogati in forma ipertestuale
    84. 84. Apprendere dalle “e-tivities” La creazione di e-tivities permette di: - Aumentare le occasioni di apprendimento attivo, collaborativo e coooperativo, che permettono di migliorare l’efficacia della didattica; - Abbassare il fenomeno del drop-out, permettendo anche ai non frequentanti di sentirsi protagonisti dell’attività; - Migliorare la dimensione relazionale tra gli studenti e il corpo docente e tra gli studenti stessi, riavvicinando all’università gli studenti non frequentanti e permettendo di stabilire una comunicazione positiva tra i soggetti coinvolti nel processo didattico;
    85. 85. Esempi di e-tivities E-TIVITIES sperimentate: - Studio di caso (individuale o di gruppo) - Progetto (individuale o di gruppo) - Field trip (costruzione di un testo corredato di risorse esemplificative) - Test on line - Relazione scritta - Esercizi (specifici per disciplina) - Webquest (ricerca mirata sul web) - Gruppi di discussione
    86. 86. L’evoluzione dell’ambiente: Da Docebo 2.0 a Docebo 3.5 Innovazioni co-progettate dallo staff di ricerca: Miglioramento interfacce (2.0) – Sistema di erogazione di Test (2.0) – Registro di valutazione (3.0) – Accessibilità (3.0) – Innovazioni in corso di implementazione (3.5) – E-portfolio (su progetto della Facoltà di Sociologia) – Wiki del corso; – Video player integrato per filmati in flash; – Videoconferenza; – Repository per le consegne degli studenti; – Sistema di iscrizione automatizzata ad eventi.
    87. 87. Prospettive future… Possibilità e scenari: - Mettere a sistema un modello di insegnamento on line - Mettere a sistema un modello organizzativo - Mettere a sistema un modello di co-progettazione dell’ambiente per l’apprendimento on line - Mettere a sistema un modello di formazione per i profili dell’e- learning (docenti, mentori, e-tutor) - Mettere a sistema un sistema di sviluppo di Learning Object - Mettere a sistema un modello di valutazione dell’e-learning

    ×