Strategie per le PMI nell’economia della conoscenza e dell’informazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Strategie per le PMI nell’economia della conoscenza e dell’informazione

on

  • 2,846 views

Strategie Comunicazionali per le Micro Imprese, Docenza nei "Seminari per General Management: Strategie", Trapani (IT), 30 giugno 2007

Strategie Comunicazionali per le Micro Imprese, Docenza nei "Seminari per General Management: Strategie", Trapani (IT), 30 giugno 2007

Statistics

Views

Total Views
2,846
Views on SlideShare
2,838
Embed Views
8

Actions

Likes
2
Downloads
57
Comments
0

2 Embeds 8

http://www.slideshare.net 7
http://www.onlydoo.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Strategie per le PMI nell’economia della conoscenza e dell’informazione Strategie per le PMI nell’economia della conoscenza e dell’informazione Presentation Transcript

  • Strategie per le PMI nell’economia della conoscenza e dell’informazione Jesse B.T. Marsh Atelier Studio Associato [email_address] www.atelier.it
  • Società dell’informazione IL MIO MERCATO, LA MIA CULTURA? “ La tecnologia non è né buona né cattiva, ma neanche neutrale” (Kanzberg’s First Law, from Manuel Castells “The Rise of the Network Society”) ABBIAMO LE CONOSCENZE, L’INFRASTRUTTURA? ACCESSO A MERCATI GLOBALI! EFFICENZA NELLA GESTIONE!
  • Tecnologia Definizioni dal The American Heritage Dictionary, Microsoft Bookshelf 1. A. L’applicazione della scienza, soprattutto per obiettivi industriali o commerciali. B. Il metodo scientifico e/o il materiale utilizzato per raggiungere un obiettivo industriale o commerciale. 2. Antropologia. Il patrimonio di conoscenze a disposizione di una civiltà impiegato per fabbricare strumenti, praticare arti manuali, ed estrarre o raccogliere materiali. Una invenzione satirica: una forchetta-penna che permette agli impiegati di lavorare durante la pausa pranzo. Un oggetto prodotto per un obiettivo industriale (conservare il vino), trasformato dalla prassi sociale.
  • Scenari Scenari sviluppati dallo “Institute for Prospective Technological Studies”, Commissione Europea, Siviglia MENTALITA’ COLLETTIVO USO DELLA TECNOLOGIA MOLECOLARE / IMPRENDITORIALE MENTALITA’ DI RETE EMANCIPATIVO CONTROLLO / REPRESSIVO LA NOIA ECO-CYBER CYBERPOLIS LIBERAZIONE
  • Micro-imprese in Europa Progetto IST 2000 29568 “NEWTIME” (New E-Work Techniques in Micro Enterprises)
  • Obiettivi di business Progetto IST 2000 29568 “NEWTIME” (New E-Work Techniques in Micro Enterprises)
  • Micro-imprese in rete ORIENTAMENTO DELLA RETE TIPO DI CONOSCENZA FAMIGLIA / SOCIALE AFFARI TACITA CODIFICATA ALTA DENSITA’ LEGAMI DEBOLI BASSA DENSITA’ LEGAMI FORTI Famiglia Culturale Etnica Comunità Pari Supporto/apprendimento Distretto territoriale Organizzativa Distretto industriale Supply chain Progetto IST 2000 29568 “NEWTIME” (New E-Work Techniques in Micro Enterprises)
  • Reti in rete ORIENTAMENTO DELLA RETE TIPO DI CONOSCENZA FAMIGLIA / SOCIALE AFFARI TACITA CODIFICATA ALTA DENSITA’ LEGAMI DEBOLI BASSA DENSITA’ LEGAMI FORTI Famiglia Culturale Etnica Comunità Pari Supporto/apprendimento Distretto territoriale Organizzativa Distretto industriale Supply chain Social inclusion Learning regions Communities of Practice Learning organisations Progetto IST 2000 29568 “NEWTIME” (New E-Work Techniques in Micro Enterprises)
  • Strutture della conoscenza UNA MAPPA DELL’INTERNET UNA TASSONOMIA
  • Conoscenza e comunicazione LE FORME DELLA CONOSCENZA Max H. Boisot, “Knowledge Assets” TRANSAZIONI A BASE SOCIALE Istanbul Café Scene (Magic Lantern Slide)
  • Strategie comunicazionali SERVICE CO-PRODUCTION CUSTOMER VALUE NETWORK CAPITAL COMMUNICATIONAL INTERACTIVITY
  • Shift culturale Profili e data mining. Partecipazione attiva dei clienti nella creazione di valore. Ricerche di mercato. Abilità di definire target. Strategie di marketing mirata. Co-design dei servizi Valore delle inter-connessioni create con altre comunità di utenza. Capacità di spesa Fedeltà, lealtà al marchio Stabilità dei gusti Valore della clientela Marketing virale. Massa critica di utenza. Una rete di distribuzione a forte copertura territoriale ed efficienza logistica. Capitale di rete Strategia di rete Strategia di prodotto Obiettivo
  • La “coda lunga” UN ESEMPIO DALL’INDUSTRIA DELLA MUSICA
  • La “coda lunga”
  • Web 2.0
    • Tom O’Reilly et al, 2003
      • “ Design Patterns and Business Models fo the Next Generation of Software”, 2005
    • “ Web come piattaforma” vs applicazioni PC
    • Modello Open Source, focalizzato sui servizi
    • Fiducia negli utenti per la co-creazione di valore aggiunto
    • Cattura l’intelligenza collettiva
    • Leggerezza: il prototipo perpetuo
    • “ Social Software”, “User-generated Content”
  • Mappatura
  • Strumenti TAGS WIKI RSS CREATIVE COMMONS