Modulo 6 Spring Framework Core E Aop
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Modulo 6 Spring Framework Core E Aop

on

  • 3,299 views

Java J2EE : Presentazione Framework Spring

Java J2EE : Presentazione Framework Spring

Statistics

Views

Total Views
3,299
Views on SlideShare
3,259
Embed Views
40

Actions

Likes
0
Downloads
53
Comments
0

3 Embeds 40

http://www.slideshare.net 38
http://www.apurva.com 1
http://www.docshut.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Modulo 6 Spring Framework Core E Aop Presentation Transcript

  • 1. Spring Framework Core e AOP
  • 2. J2EE Applications Composte da più “blocchi” in collaborazione tra loro Utilizzano containers invasivi per la gestione di aspetti (transazioni,ecc.) Spesso non rispettano il principio “1:1” – design level requirements-implementation
  • 3. Le caratteristiche desiderabili DRY principle Modularity Information hiding Separation of Concerns
  • 4. DRY Principle Ogni sottosistema dovrebbe avere una rappresentazione singola, non ambigua, autoritativa.
  • 5. Modularity Un’unità in cui gli elementi strutturali sono strettamente legati tra loro e poco legati con le altre unità
  • 6. Information hiding Ogni modulo è caratterizzato dalla sua conoscenza della decisione di design che nasconde agli altri. La sua interfaccia o definizione è scelta per rivelare il meno possibile sul suo funzionamento.
  • 7. Separation of Concerns Significa focalizzare su una cosa alla volta
  • 8. Caratteristiche principali Lightweight container Strato di astrazione per transazioni Strato di astrazione JDBC Integrazione AOP Piena integrabilità con i frameworks più diffusi
  • 9. Spring lightweight container Configurazione centralizzata degli oggetti applicativi e dei loro collegamenti Non invasivo (le classi non devono implementare particolari interfaces o estendere classi del framework Assembla un sistema complesso a partire da componenti disaccoppiati (POJO)
  • 10. Astrazione per Transazioni Integra un transaction manager “preconfezionato” utilizzando le funzionalità AOP Demarca le transazioni a livello di configurazione senza dover gestire a codice le problematiche legate alla specificità del contesto.
  • 11. Strato di astrazione JDBC Uniforma la gestione delle transazioni Si integra con le più diffuse tecnologie ORM Classi di supporto (templates) DAO layer semplificato Riduzione possibilità errori
  • 12. Funzionalità AOP Approccio AOP integrato Supporto di una parte del progetto “AspectJ” Proxy-based system AOP full language support
  • 13. I moduli di Spring
  • 14. Il file spring-context <beans xmlns="http://www.springframework.org/schema/beans" xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/XMLSchema-instance" xmlns:context="http://www.springframework.org/schema/context" xsi:schemaLocation="http://www.springframework.org/schema/beans http://www.springframework.org/schema/beans/spring-beans-2.5.xsd http://www.springframework.org/schema/context http://www.springframework.org/schema/context/spring-context-2.5.xsd"> </beans> XML BASED Configuration Metadata Attenzione: l’import degli xsd deve essere eseguito in base alle funzionalità implementate
  • 15. Istanziare i beans In fase di startup i beans vengono pre-istanziati come singletons Gli eventuali errori vengono rilevati subito senza attendere un tempo indefinito In ogni caso i beans possono essere istanziati quando richiesto (lazy-init) Ciascun bean può essere configurato affinchè venga restituita una istanza (scope="prototype“)
  • 16. Definizione di un bean <bean id="dataSource" class="org.springframework.jdbc. datasource.DriverMana gerDataSource"> <property name="driverClassName“ value="com.mysql.jdbc. Driver" /> <property name="url" value="jdbc:mysql://localhost:3306/corsi" /> <property name="username" value="myUser" /> <property name="password" value="myPassword" /> </bean >
  • 17. … e di un altro bean che lo usi.. <bean id="empDAO" class="refbeanexample.EmployeeDAO"> <property name="dataSource"> <ref local="dataSource"/> </property> </bean> Il bean sarà iniettato con la property “dataSource” dopo essere stato istanziato dal container e tramite il “setter” method.
  • 18. D.I. tramite costruttore <bean id="empDAO2" class="refbeanexample.EmployeeDAO"> <constructor-arg> <ref local="dataSource"/> </constructor-arg> </bean> Il risultato è il medesimo ma il bean è iniettato quando è istanziato.
  • 19. Constructor Argument type matching <bean id="exampleBean" class="examples.ExampleBean" > <constructor-arg type="int" value="7500000"/> <constructor-arg type="java.lang.String" value="42"/> </bean>
  • 20. Constructor Argument index <bean id="exampleBean" class="examples. ExampleBean"> <constructor-arg index="0" value="7500000"/> <constructor-arg index="1" value="42"/> </bean>
  • 21. Best practise E’ preferibile l’utilizzo di “setter injection” Alcune proprietà possono essere opzionali Il risultato sarà un xml più snello e controllabile Si evitano dipendenze circolari In alcuni casi, es. codice legacy, potrebbe essere opportuno o necessario l’uso di “constructor injection”
  • 22. Property values Il valore di una property è fornito tramite una stringa leggibile. Spring effettua automaticamente la conversione nel tipo richiesto dalla property Esistono forme “contratte” per specificare i valori di java.util.Properties
  • 23. Laboratorio Esempio bean-ref Esempio Costructor Inection
  • 24. Una Enterprise Application tipica Web Tier Action Action Action A B C Business Services Service Service Service 3 1 2 Data access Domain model Class Class Class Attributes Attributes DAOs/ Attributes Repositor attributes attributes attributes y
  • 25. Costruiamola con Spring Costruzione di POJO per il domain model Costruzione di DAO per Data Access Costruzione di Servizi Gestione delle transazioni Esempio utilizzo Hibernate
  • 26. Laboratorio Applicazione gestione corsi
  • 27. Aspect Oriented Programming Spring 2.0 (2006) e AspectJ 5 (2005) AOP è un approccio quindi una scelta per risolvere determinate problematiche Comunemente usato per la gestione delle transazioni in Spring grazie anche ad alcuni built-in beans
  • 28. Spring AOP framework proxy-based Java + ‘weaver’ Soluzione AOP più utilizzata Integrata con Spring container Limitato uso (execution) dei join points Sufficiente nel 90% dei casi Weaving : linking aspects with other application types or objects to create an advised object. This can be done at compile time (using the AspectJ compiler, for example), load time, or at runtime. Spring AOP, like other pure Java AOP frameworks, performs weaving at runtime .
  • 29. L’unità base di un aspetto Aspect Attributes Behaviours u WHERE (pointcuts) s acces e s WHAT (advice)
  • 30. Pointcuts E’ un’espressione con una sintassi simile a Regular Expressions Spring NON valida l’espressione Definisce, in Spring, quando viene eseguito un metodo con una determinata signature
  • 31. Join points (method execution) Un ‘method execution’ join point si verifica quando viene eseguito un metodo Le informazioni che possono essere usate per il join point: Nome del metodo Tipo parametro Tipo restituito Eccezione dichiarata
  • 32. Advices Ogni dichiarazione di advice è associata con un pointcut expression Il codice dell’advice viene eseguito nel join point verificato dal pointcut expression Rispetto al join point, l’advice può essere eseguito: Before After After returning After throwing Around
  • 33. Before advice “gira” prima di un join point verificato. Non può modificare i valori degli argomenti, non può influenzare il funzionamento del flusso logico se non lanciando una exception
  • 34. After Advice “gira” dopo un join point verificato, non può modificare il valore di ritorno, né influenzare il flusso computazionale; tranne lanciando una exception.
  • 35. After Returning advice “gira” dopo un ritorno eseguito da un join point verificato. Non può modificare il valore di ritorno e non può modificare il flusso computazionale, tranne lanciando una exception.
  • 36. After throwing “gira” dopo aver lasciato un join point verificato da una condizione di exception. Non può influenzare il flusso ma può a sua volta lanciare una exception.
  • 37. Around “gira” sia prima che dopo un join point verificato. Può determinare se, quando e come deve continuare il flusso computazionale, può cambiare gli argomenti, gli oggetti ed i valori di ritorno. Per motivi di performance utilizzarli solo quando non è possibile usare gli altri
  • 38. Proxy system Le classi devono implementare un’interface Il file di configurazione deve contenere il tag: <aop:aspectj-autoproxy/> Attenzione all’uso del puntatore ‘this’ Si riferisce al proxy Si riferisce all’advice
  • 39. Ancora sul transaction manager La versione precedente di Spring (2.0) utilizzava un proxy per la gestione delle transazioni La versione attuale utilizza un advice bean
  • 40. Potenzialità di AOP Possibilità di modellare, all’interno di un sistema: Transactions Security Remoting Tracing Profiling Failure handling Management Caching ….