Modulo 1 - Lezione 3

1,379 views
1,279 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,379
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
48
Actions
Shares
0
Downloads
56
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Modulo 1 - Lezione 3

  1. 1. Modulo 1- Lezione 3 di 4Concetti di Base della teoria dell’Informazione Reti di Computer Topologia delle reti Internet World Wide Web
  2. 2. Cosa si intende per rete di calcolatori?Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori.Il sistema fornisce un servizio di trasferimento di informazioni ad una popolazione di utenti distribuiti su unarea più o meno ampia.Un calcolatore isolato è detto anche stand-alone.Un po di storia...La costruzione di reti di calcolatori può essere fatta risalire alla necessità di condividere le risorse di calcolatori potenti e molto costosi (mainframe).La tecnologia delle reti, e in seguito lemergere dei personal computer a basso costo, ha permesso rivoluzionari sviluppi nellorganizzazione delle risorse di calcolo.
  3. 3. Si possono indicare almeno tre punti di forza di una rete di calcolatori rispetto al mainframe tradizionale: fault tolerance (resistenza ai guasti): il guasto di una macchina non blocca tutta la rete, ed è possibile sostituire il computer guasto facilmente (la componentistica costa poco e unazienda può permettersi di tenere i pezzi di ricambio a magazzino) economicità: come accennato sopra, hardware e software per computer costano meno di quelli per i mainframe gradualità della crescita e flessibilità: laggiunta di nuove potenzialità a una rete già esistente e la sua espansione sono semplici e poco costose
  4. 4. Tuttavia una rete ha alcuni punti deboli rispetto a un mainframe:scarsa sicurezza: un malintenzionato può avere accesso più facilmente ad una rete di computer che ad un mainframe: al limite gli basta poter accedere fisicamente ai cablaggi della rete. Inoltre, una volta che un virus o, peggio, un worm abbiano infettato un sistema della rete, questo si propaga rapidamente a tutti gli altri e lopera di disinfezione è molto lunga, difficile e non offre certezze di essere completaalti costi di manutenzione: con il passare del tempo e degli aggiornamenti, e con laggiunta di nuove funzioni e servizi, la struttura di rete tende ad espandersi e a diventare sempre più complessa, e i computer che ne fanno parte sono sempre più eterogenei, rendendo la manutenzione sempre più costosa in termini di ore lavorative. Oltre un certo limite di grandezza della rete (circa 50 computer) diventa necessario eseguire gli aggiornamenti hardware e software su interi gruppi di computer invece che su singole macchine, vanificando in parte il vantaggio dei bassi costi dellhardware.
  5. 5. A seconda dellestensione geografica, si distinguono diversi tipi di reti: si parla di rete locale o LAN (Local Area Network) se la rete si estende allinterno di un edificio o di un comprensorio, con una estensione entro alcuni chilometri si parla di rete senza fili o WLAN (Wireless LAN), se la rete locale è basata su una tecnologia in radio frequenza (RF), permettendo la mobilità allinterno dellarea di copertura, solitamente intorno al centinaio di metri allaperto si parla di CAN (Campus Area Network), intendendo la rete interna ad un campus universitario, o comunque ad un insieme di edifici adiacenti, separati tipicamente da terreno di proprietà dello stesso ente, che possono essere collegati con cavi propri senza far ricorso ai servizi di operatori di TLC. si parla di rete geografica o WAN (Wide Area Network) se la rete si estende oltre i limiti indicati precedentemente
  6. 6. Una LAN è una rete costituita da computer collegati tra loro (comprese le interconnessioni e le periferiche condivise) allinterno di un ambito fisico delimitato (ad esempio in una stanza o in un edificio, o anche in più edifici vicini tra di loro) che non superi la distanza di qualche chilometro.Le LAN hanno dimensioni contenute, il che favorisce il tempo di trasmissione, che è noto. Le LAN tradizionali lavorano tra 10 Mbps e 100 Mbps, hanno bassi ritardi e pochissimi errori. Le LAN recenti possono operare anche fino a 1 Gbps.Quindi, una LAN è una rete locale (relativamente piccola) costituita da: Computer periferiche condivise (stampanti, periferiche di archiviazione, ecc.)Lutilizzo di una LAN può far avere i seguenti vantaggi: lavoro di gruppo (cooperazione tra gli utenti di più computer) condivisione di risorse (come stampanti, files, applicazioni, ecc.) affidabilità superiore (fault-tolerance, resistenza ai guasti)
  7. 7. Una WAN (Wide Area Network) è una rete geografica, ovvero una rete informatica usata per connettere insieme più reti locali (LAN) in modo che un utente di una rete possa comunicare con utenti di unaltra rete. Molte WAN sono costruite per una particolare organizzazione e sono private.La funzionalità delle WAN è generalmente la connessione degli host (computer). Questa struttura forma una communication subnet (sottorete di comunicazione) o semplicemente subnet, che in genere appartiene ad una compagnia telefonica o a un ISP (Internet Service Provider).La subnet si compone di linee di trasmissione e di elementi di commutazione. Le linee di trasmissione trasportano i bit e possono essere realizzate in fibra ottica, con collegamenti radio, in rame o altro, mentre gli elementi di commutazione sono computer specializzati che collegano più linee di commutazione (router ad esempio).
  8. 8. Una rete WLAN è per molti versi simile a una rete LAN, ma non richiede una connessione cablata.Di solito non esistono reti WLAN pure, solo wireless, ma miste wireless/cablate.Chiunque può accedere in wireless alla rete, ma spesso gli accessi vengono controllati tramite chiavi di accesso (password).Esistono anche reti WLAN aperte al pubblico, come nel caso di luoghi pubblici, come aeroporti, alberghi, etc.) con o scopo di permettere ai clienti una comoda connettività ad Internet.
  9. 9. Spesso i servizi informatici si basano su una architettura “Client/Server”.Il Client ed il Server sono due componenti software che interagiscono tra di loro e che collaborano per eseguire il compito richiesto dallutente.Il Client è un programma dotato di una interfaccia che consente allutente di richiedere alcuni servizi a disposizione sulla rete e di elaborare e visualizzare il risultato di ciò che è stato richiesto dallutente.Il Server è un programma che si occupa di conservare, gestire e fornire servizi e dati ai Client che li richiedono.
  10. 10. Le reti informatiche possono essere distinte anche in base alla loro topologia.La topologia delle reti definisce i percorsi utilizzabili per il trasporto dei dati tra i calcolatori presenti sia nelle reti locali che nelle reti remote.Le topologie di rete più famose sono le seguenti: reti a stella reti a grappolo o ad albero reti lineari (anche dette a bus) reti ad anello (anche dette token ring) reti a maglia (anche dette mesh)
  11. 11. La rete a stella è caratterizzata da un punto centrale, centrostella, che può essere uno switch o un elaboratore e diversi host connessi ad esso.E tipica delle reti geografiche o locali di grandi sistemi di elaborazione, ai quali sono connesse estese reti di terminali; i singoli nodi possono essere singole stazioni di lavoro o concentratori di più terminali o serventi di reti locali.
  12. 12. La rete a grappolo o ad albero è una derivazione di quella a stella; la presenza di più nodi su una linea ha come obiettivo l’ottimizzazione nel suo utilizzo.E sostanzialmente una rete a stella estesa in cui al posto di un host collegato al centrostella cé un altro apparato attivo, switch o hub con a sua volta altri host collegati ad esso.
  13. 13. La rete a bus è tale che ogni host è collegato in modo lineare attraverso un cavo o tramite un hub.E tipica delle reti locali di PC; il suo limite può essere la contesa del traffico sulla linea portante.
  14. 14. La rete token ring è una rete ad anello con passaggio del testimone, è un tipodi rete ad anello in cui la determinazione di quale calcolatore abbia diritto a trasmettere avviene tramite un particolare messaggio, detto token.Allinterno di questa rete solo un calcolatore alla volta può trasmettere, quello in possesso del token.Anche questa topologia è tipica delle reti locali; essa è in grado di supportare traffico più elevato della precedente, ma presuppone un ruolo attivo dei nodi, che cooperano nella trasmissione e che possono costituire un problema al verificarsi di guasti (se si rompe un nodo si rompe lanello).
  15. 15. Nella rete a maglia o mesh non esiste infrastruttura, ogni nodo che fa parte della rete deve anche provvedere ad instradare i dati che non sono diretti a lui (quindi si comporta a grandi linee come un router).E tipica delle reti geografiche molto estese e con sistemi di elaborazione eterogenei.Il collegamento tra due nodi è garantito anche in caso di guasti su una linea, in quanto sono sempre disponibili percorsi alternativi.
  16. 16. Negli anni sessanta il Dipartimento della Difesa statunitense varò un progetto con lobiettivo di garantire un sistema di trasmissione messaggi anche nel caso di guerra atomica. Nacque ARPANET (Advanced Research Project Agency Network).Nel 1983 venne divisa in due reti: MILnet (rete militare) NFS (National Science Foundation, per la ricerca universitaria)In seguito si aggiunsero Bitnet, Usenet Fidonet e lo sviluppo di nuovi servizi.
  17. 17. Internet è percepita come la più grande rete telematica mondiale, e collega alcune centinaia di milioni di elaboratori per suo mezzo interconnessi. In realtà sarebbe dovuta essere, nelle intenzioni dei suoi inventori, come “la” rete delle reti. Nellarco di alcuni decenni è oggi divenuta la rete globale.Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi coassiali, collegamenti satellitari, doppino telefonico, collegamenti su radiofrequenza (WiFi), su ponti radio, su raggi laser, ecc.) che interconnette un agente umano o automatico ad un altro agente tramite qualsiasi tipo di computer o elaboratore elettronico.Ogni dispositivo connesso direttamente ad Internet si chiama host (ospite in inglese) o end system (sistema finale) mentre la struttura che collega i vari host si chiama link di comunicazione.Da qualche anno è ormai possibile collegarsi a questa grande rete da dispositivi mobili come palmari o telefoni cellulari.
  18. 18. Internet users by country world map
  19. 19. Quali servizi posiamo trovare in rete? posta elettronica (e-mail) gruppi di discussione (newsgroup) liste di distribuzione (mailing list) accesso a banche dati (WWW) terminali virtuali ad interfaccia testuale (Telnet, SSH) trasferimento di file (FTP, HTTP, SCP) comunicazioni testuali in tempo reale (chat) comunicazioni audio/video in tempo reale (VoIP) teleconferenze Telelavoro Feed RSS Podcasting
  20. 20. Lo scopo del servizio di e-mail è il trasferimento di messaggi da un utente ad un altro.Ciascun utente può possedere una o più caselle e-mail, su cui può ricevere messaggi, che vengono conservati per lui. Quando lo desidera, lutente può consultare il contenuto della sua casella, organizzarlo, inviare messaggi a uno o più utenti.Laccesso alla casella di posta elettronica è normalmente controllato da una password o da altre forme di autenticazione.La modalità di accesso al servizio è quindi asincrona, ovvero per la trasmissione di un messaggio non è necessario che mittente e destinatario siano contemporaneamente attivi o collegati.La consegna al destinatario dei messaggi inviata non è garantita.Il mittente può anche richiedere una conferma di consegna o di lettura dei messaggi inviati.
  21. 21. Alcune osservazioni sul servizio di posta elettronica: permette la trasmissione di messaggi tra 2 o più utenti ha velocità operative molto elevate come fax e telefono può avere la conferma dell’inoltro consente l’inoltro di documenti elettronici, anche multimediali costi contenuti (spesso gratuita) eccessiva posta inutile e indesiderata (il problema dello SPAM) per spedire messaggi bisogna conoscere l’indirizzo del destinatario (che è di solito nome@server.dominio) i messaggi, una volta spediti, risiederanno sulla mailbox del sistema informatico che fornisce il servizio al destinatario successivamente vengono prelevati dalla mailbox e trasferiti nella stazione di lavoro del destinatario (da qui: “scaricare la posta”)
  22. 22. Per usare l’e-mail sono necessari: un PC dotato di modem o di interfaccia di comunicazione verso Internet un software per la gestione della posta elettronica (ad oggi però è possibile anche gestire la posta tramite il browser) laccesso a una rete telefonica o di trasmissione dati (un account su un provider che fornisca laccesso ad internet) una casella elettronica presso un fornitore di tale servizio (il che richiede di specificare un indirizzo email, un nome utente ed una password con cui accedere al servizio)Il software per la gestione della posta elettronica permette di: organizzare in cartelle la posta in entrata e la posta in uscita gestire più caselle di posta elettronica spedire file allegati ai messaggi
  23. 23. Il World Wide Web (Web) è una rete di risorse di informazioni, basata sullinfrastruttura di Internet. Il World Wide Web si basa su tre meccanismi per rendere queste risorse prontamente disponibili al più vasto insieme possibile di utenti: uno schema di denominazione uniforme per localizzare le risorse sul Web (URL: Uniform Resource Locator) protocolli, per accedere alle risorse denominate sul Web (HTTP: HyperText Transfer Protocol) ipertesto, per una facile navigazione tra le risorse (HTML: HyperText Markup Language)Il WWW è il servizio più diffuso di tutta la rete, è organizzato in siti, ed è impiegato per ricevere e diffondere informazioni di vario genere e per usufruire di ulteriori servizi, tra cui: visualizzazione di mappe di città o itinerari visualizzazione orari dei mezzi di trasporto (treni, autobus, aerei) acquisti e vendite online prenotazioni online
  24. 24. Abbiamo enunciato prima i nomi delle 3 componenti principali del WWW: URL HTTP HTML Vediamo a cosa servono: URL (acronimo di Uniform Resource Locator) è una sequenza di caratteri che identifica univocamente lindirizzo di una risorsa in Internet, come un documento (pagina web) o unimmagine. Ad esempio la URL del Liceo è: http://www.liceovolta.org/index.php HTTP (acronimo di HyperText Transfer Protocol) è il protocollo usato come principale sistema per la trasmissione di informazioni sul web. HTML (acronimo per Hyper Text Mark-Up Language) è un linguaggio usato per descrivere i documenti ipertestuali disponibili nel Web. Tutti i siti web presentisu Internet sono costituiti da codice HTML, il codice che è letto ed elaborato dal browser (come Internet Explorer o Mozilla Firefox), il quale genera la pagina come noi la vediamo.
  25. 25. Cosè il browser?Un browser web (chiamato talvolta navigatore) è un programma che consente agli utenti di visualizzare e interagire con testi, immagini e altre informazioni, tipicamente contenute in una pagina web di un sito (o allinterno di una rete locale).Il browser è in grado di interpretare il codice HTML e visualizzarlo in forma di ipertesto. LHTML è il codice col quale la maggioranza delle pagine web nel mondo sono composte: il web browser consente perciò la navigazione nel web.I browser solitamente vengono utilizzati su personal computer, ma non mancano altri dispositivi in grado di effettuare la navigazione con un browser, tra cui i palmari e gli smartphone.Tra i browser più famosi citiamo: Internet Mozilla Google Opera Safari Explorer Firefox Chrome
  26. 26. Tramite sistemi VoIP (Voice over IP) possiamo utilizzare Internet per trasportare la voce da un capo all’altro della rete, come una normale conversazione telefonica.Per utilizzare questo tipo di servizio abbiamo bisogno di: Software sul PC che gestisca la chiamata (es. Skype) Un paio di cuffie o un apparecchio telefonico di tipo Voip (collegato via cavo o wireless) Eventualmente una webcam per trasmettere oltre alla voce anche del flusso video.
  27. 27. Un NewsGroup è uno spazio virtuale creato su una rete di server interconnessi per discutere di un argomento (detto topic) ben determinato. In italiano a volte viene utilizzato il termine gruppo di discussione.Laccesso a queste aree tematiche avviene per mezzo di programmi chiamati newsreader (oggi ampiamente integrati nei programmi di posta elettronica come ad esempio Outlook Express), collegandosi ad un News Server (a una sorta di “stanza delle bacheche”) che raccoglie i vari NewsGroup.Di norma ciascun NewsGroup ha un manifesto (detto charter) che aiuta a comprendere quali sono gli argomenti oggetto di discussione.Quando si scrivono messaggi su un NewsGroup bisogna attenersi a certe regole comportamentali, la Netiquette.La Netiquette, è un insieme di regole che disciplinano il comportamento di un utente di Internet nel rapportarsi agli altri utenti attraverso risorse quali newsgroup, mailing list, forum o e-mail in genere.Vi sono diversi gruppi suddivisi in una struttura a cascata che in genere parte da un paese dal quale poi si sviluppano sottotemi sempre più dettagliati (Es. it.comp.hardware, it.comp.hardware.cpu, it.arti.cinema, eu.annunci)
  28. 28. In informatica, il servizio di Chat consiste sostanzialmente nel fornire agli utenti un servizio di messaggistica testuale istantanea.IRC (Internet Relay Chat), un tempo unico servizio di chat su Internet, è oggi affiancata da molte altre applicazioni di instant messaging come ICQ, MSN Messenger, Google Talk, Skype, ecc. che in genere integrano anche posta elettronica (e quindi comunicazione asincrona) e interazione multimediale (audio/video).La comunicazione in chat è una comunicazione sincrona, ovvero due persone che vogliono chattare devono essere entrambe collegate contemporaneamenteI diversi servizi di chat possono essere catalogate sotto due tipologie: 1-on-1, come gli instant messaging group chat, come IRC
  29. 29. Alla categoria 1-on-1 appartengono i servizi di chat che principalmente permettono di chattare con una persona alla volta. I contatti di questo tipo di chat sono personali e contenuti in una rubrica. Rispetto alla chat di gruppo la chat 1-on-1 ha delle funzionalità multimediali avanzate come linvio di audio e video, clip audio ed animazioni personali e condivisione di cartelle. In alcuni casi possono consentire anche di formare gruppi di utenti con cui chattare contemporaneamente. Fra i tanti, i servizi più usati di questo tipo sono MSN Live Messenger, Yahoo! Messenger, Google Talk e Skype. Solitamente i nick in questi servizi sono legati ad un indirizzo mail o ad un account identificativo.Le group chat hanno le potenzialità di mettere in comunicazione centinaia di persone allo stesso momento, in quanto i messaggi vengono inviati a tutte le persone che in quel momento sono collegate al gruppo (solitamente chiamato canale o stanza). I canali si possono differenziare per i loro contenuti tematici e per la lingua usata dai loro utenti. Vi è comunque la possibilità dinviare messaggi in una conversazione “privata” tra due singoli utenti. Le chat di gruppo come IRC sono principalmente testuali e con elementi multimediali ridotti o assenti. I nick degli users non sempre sono legati ad un account permettendo così un maggior anonimato.
  30. 30. I feed RSS (Really Simple Syndication) sono un servizio offerto da molti siti web, il quale consiste nell’invio di informazioni aggiornate su un determinato argomento.Per ogni argomento a cui possiamo essere interessati, quindi ci potremmo abbonare a più canali.Per gestire i feed RSS ci sono svariati programmi chiamati feed reader o aggregatori, oppure anche gli stessi browser web.Ogniqualvolta un sito a cui siamo abbonati aggiungerà una notizia, automaticamente il feed ci segnalerà la sua presenza permettendoci così di consultarla immediatamente.Esistono canali per qualsiasi argomento, dallo sport all’informatica, alla borsa.
  31. 31. Dall’unione dei temini iPod (il player multimediale della Apple) e broadcasting (diffusione) nasce il podcasting, che permette di accedere a servizi che fornisconi contenuti audio e/o video.Tramite il podcast possiamo visualizzare il contenuto oppure possiamo trasferirlo sul nostro lettore multimediale per una visualizzazione futura.Il podcasting può essere utilizzato per trasmettere serie televisive, oppure trasmissioni radiofoniche.Negli ultimi anni si sta avendo anche lo sviluppo del podcasting nei corsi di studio: sul sito della scuola si scarica il podcast delle lezioni che poi può essere seguito dovunque siamo, senza essere fisicamente nell’aula.
  32. 32.  In informatica, e più propriamente nel gergo di Internet, un blog è un sito web, generalmente gestito da una persona o da un ente, in cui lautore (blogger) pubblica più o meno periodicamente, come in una sorta di diario online, i propri pensieri, opinioni, riflessioni, considerazioni ed altro, assieme, eventualmente, ad altre tipologie di materiale elettronico come immagini o video.
  33. 33. In Internet ci sono altri migliaia di servizi che operano in modo trasparente oppure senza che ce ne accorgiamo, ma sono ugualmente essenziali per il funzionamento dell’infrastruttura.Un esempio è il DNS (Domain Name Service), il quale traduce un nome di un indirizzo Internet nel nome (IP) di una specifica macchina.Se per esempio il DNS non esistesse e vorremmo raggiungere la pagina di Google, dovremmo scrivere sulla barra degli indirizzi 173.194.32.52 al posto di www.google.it
  34. 34. L’utilizzo di Internet come canale a basso costo per accedere al sistema informativo dell’azienda, significa che il sistema è aperto ovviamente solo ad alcuni utenti (quelli autorizzati dallazienda) come: dipendenti da postazioni remote (servizio di Intranet) interlocutori abituali dellazienda come ad esempio clienti e fornitori (servizio di Extranet)Questo sistema presuppone quindi un riconoscimento dell’utente, e la sua appartenenza a una certa categoria per poter utilizzare i servizi.In questo modo le reti Intranet ed Extranet realizzano l’EDI (Electronic Data Interchange).Tale sistema comporta i seguenti vantaggi: eliminazione della riscrittura dei dati (minori costi e meno errori) tempestività
  35. 35. Il download è il trasferimento di dati da una macchina remota alla nostra macchina. Per esempio quando richiediamo una pagina web, effettuiamo un download della pagina in questione.L’upload è il trasferimento di dati nella direzione opposta, quindi dalla nostra macchina ad una macchina remota. Un esempio è quando dobbiamo inviare ad un nostro cliente/collega un documento che abbiamo preparato.
  36. 36. La velocità di trasmissione dei dati si misura in bit per secondo, dato che la misura base dei computer è il bit.Questa unità di misura può essere rappresentata dalla sigla bit/s (in Italia) o bps (negli altri paesi).Data la crescita esponenziale di Internet questa unità di misura viene poco utilizzata a discapito dei sui multipli: 1 Kbit/s (o Kbps), che equivale a 1000 bit/s. Un esempio di questa velocità sono i vecchi modem analogici (56 Kbit/s) e le linee ISDN (128 Kbit/s) 1 Mbits/s (o Mbps), che equivale a 1000 Kbit/s. Solitamente tutte le nuove connessioni raggiungono questa portata in download.Quando “compriamo“ una connessione ad Internet ciò che ci viene proposto è la velocità di download (teorica e massima), mentre invece quella di upload è molto minore, pari a circa metà o meno della velocità di download.
  37. 37. La connessione utilizzata per la trasmissione dei dati può essere di due tipi: Una connessione tramite linea telefonica prevede l’utilizzo di un modem, che trasforma i dati da digitali in analogici e viceversa. In altre parole le sequenze di bit vengono codificate come segnali acustici dal modem, inviati tramite la normale linea telefonica, e successivamente riconvertiti in segnali digitali. La velocità massima di questa connessione è di 56 Kbit/s, ma spesso si assesta sui 36 Kbit/s a causa dei disturbi della rete.
  38. 38. Una connessione tramite banda larga garantisce una velocità di trasmissione dei dati più elevata. Questo tipo di connessione utilizza un cavo specifico che il nostro fornitore (provider) porterà alla nostra abitazione.Negli ultimi tempi stanno venendo alla luce nuovi sistemi di connessione a banda larga che non fanno utilizzo di cavi, ma si connettono tramite telefoni cellulari o connessioni wireless.
  39. 39. A seconda delle nostre esigenze esistono vari tipi di connessione: Connessione tramite linea telefonica, ormai limitata e vecchia, garantisce la connessione in qualunque posto sia disponibile un alinea telefonica Connessione ADSL: offre una velocità di trasmissione molto superiore, e questo permette di utilizzarla per contenuti multimediali, come la TV via Internet. Ha come difetto che non tutte le aree del paese sono coperte dal servizio, come ad esempio zone di montagna. In questo caso si può utilizzare una connessione tramite telefono cellulare:  GPRS (General Packet Radio Service) consente di raggiungere velocità massime di 140 Kbit/s  UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) con HSDPA (High-Speed Downlink Packet Access) che consente di raggiungere velocità massime di 10 Mbit/s.
  40. 40.  Connessione wireless: sempre più frequentemente i provider offrono degli Access Point (punti di accesso) tramite i quali è possibile collegarsi ad Internet, utilizzando un computer o un sistema portabile. La velocità massima è di 54 Mbit/s, e diminuisce all’aumentare della distanza dall’Access Point. I limiti sono che spesso gli access point vengono situati in luoghi di accesso pubblico, quindi lontano dalle abitazioni, e che ogni ostacolo tra il computer e l’access point determina una diminuzione di velocità. Per ogni altra situazioni la soluzione può essere una connessione via satellite. In questo caso è necessaria una parabola da puntare verso il satellite e una apposita scheda nel computer che renda possibile la comunicazione. Le offerte sono poche e comunque non sono molto economiche.
  41. 41. Con l’avvento della banda larga, le normali tariffazioni (che prevedevano costi uguali a quelli di una telefonata interurbana) sono state accantonate per far posto alle tariffe flat: invece di pagare il tempo di connessione si paga un abbonamento che ci permette di restare collegati 24 ore su 24 alla rete. Il costo non varia se stiamo collegati tutto il tempo oppure solo pochi minuti al giorno.Questo ha rappresentato un vantaggio per le aziende e le attività che avevano bisogno di essere collegate costantemente alla rete (per esempio i siti di e- commerce)Esistono comunque sempre le tariffazioni a consumo , ma il loro costo confrontato con quello delle flat è molto maggiore.La caratteristica principale della banda larga è l’elevata velocità di trasmissione.
  42. 42. Il difetto della banda larga e della connessione 24 ore su 24 ad internet è che siamo costantemente a rischio intrusioni da parte di hacker.Alcuni di questi personaggi attaccano per puro spirito di sfida e per dimostrare le loro abilità, altri invece hanno intenti distruttivi, cercando di distruggere tutti i nostri file o di monitorare le nostre informazioni (come ad esempio codici bancari) e le nostre abitudini (siti visitati etc.) per poi trarne vantaggio.Per ovviare a questo problema esistono varie soluzioni sia hardware, come ad esempio degli apparecchi posti tra noi e la rete che filtrano le connessioni, che software, come ad esempio programmi antivirus o firewall che monitorano costantemente il computer alla ricerca di file pericolosi o nocivi.
  43. 43.  Web page: www.liceovolta.org/ecdl E-mail: jack1852@gmail.com

×