Your SlideShare is downloading. ×
0
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Il dna degli ingegneri
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il dna degli ingegneri

221

Published on

Published in: Technology, Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
221
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Un caso Che forse il DNA degli ingegneri è un po’ obsoleto?
  • 2. Il DNA industriale <ul><li>(Ri)leggiamo il classico brano degli spilli di Adam Smith da sempre preso come evento di inizio della rivoluzione industriale e, quindi, alla base del DNA degli ingegneri </li></ul>
  • 3. Il DNA industriale <ul><li>È il brano che ha teorizzato il lavoro industriale realizzato: </li></ul><ul><ul><li>Dividendo il lavoro in reparti/uffici “specializzati” </li></ul></ul><ul><ul><li>Con modalità meccanizzate/automatizzate (centralità delle macchine) e, quindi, inevitabilmente con lotti e code </li></ul></ul>
  • 4. Progettiamo un Processo <ul><li>Si provi allora, con DNA “industriale”, a progettare il successivo semplicissimo Processo per spedire una newsletter in abbonamento </li></ul>
  • 5. Le operazioni del Processo <ul><ul><li>Piegare il fascicolo </li></ul></ul><ul><ul><li>Imbustarlo </li></ul></ul><ul><ul><li>Chiudere la busta </li></ul></ul><ul><ul><li>Incollare cartellino indirizzo </li></ul></ul><ul><ul><li>Affrancare </li></ul></ul>
  • 6. Una prima scelta <ul><li>Conviene utilizzare un Processo: </li></ul><ul><ul><li>Manuale o </li></ul></ul><ul><ul><li>Meccanizzato/Automatizzato che, si può dimostrare, costa unitariamente meno del precedente ? </li></ul></ul>
  • 7. Una seconda scelta <ul><li>Avendo deciso, per ridurre i rischi, di utilizzare un Processo manuale conviene organizzare il lavoro con modalità: </li></ul><ul><ul><li>industriali (lotti realizzati da personale specializzato) o </li></ul></ul><ul><ul><li>artigianali utilizzando una sola persona per svolgere tutte le operazioni ? </li></ul></ul>
  • 8. Noi ingegneri siamo o no positivisti (Galileiani) ? <ul><li>Facciamo allora una verifica sperimentale per vedere quale sia la soluzione migliore ! </li></ul>
  • 9. Il risultato <ul><li>Perché sperimentalmente si mette meno tempo a produrre con uno schema “artigianale” che “industriale” contraddicendo così il paradigma di Smith? </li></ul><ul><li>Perché ci sono meno sprechi (Muda) di tempo ! </li></ul><ul><li>“ Vedete” i Muda? </li></ul>
  • 10. Perché …. <ul><li>… . cinquanta anni dopo la messa a punto da parte della Toyota dei sistemi a flusso continuo e vent’anni dopo la formulazione del Lean Thinking la maggior parte del lavoro avviene ancora secondo l’antica tradizione di A. Smith e di F. W. Taylor fatta di uffici, lotti e code, grandi macchine (monumenti) e tanti …. Muda ? </li></ul>
  • 11. I blocchi mentali <ul><li>Perché l’antica tradizione è “entrata nel DNA” delle persone (anche degli ingegneri informatici x la gestione d’azienda): è necessario quindi superare i “blocchi mentali” ! </li></ul><ul><li>Ed ovviamente è più facile farlo da giovani ! </li></ul>
  • 12.  

×