Progetto Architime - business plan

1,985 views
1,828 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,985
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
44
Actions
Shares
0
Downloads
48
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Progetto Architime - business plan

  1. 1. Fúster + Partners - Casa Delpín a San Juan, Portorico CONCORSO “NUOVE IDEE GIOVANI CAMBIANO LAArchitime: PROVINCIA”, CAT. UTILITÀ SOCIALE E IMPEGNO SOCIALE 21/01/2011 - PROVINCIA DI PISA, ASS. POLITICHE GIOVANILI
  2. 2. 1. L’idea imprenditoriale 1.1 Sintesi del progetto imprenditoriale 1.2 Settore di attività e forma giuridica 1.3 Il gruppo imprenditoriale Architime2. Il prodotto/servizio 2.1 Breve descrizione dei prodotti/servizi 2.2 Elementi d’innovazione 2.3 Possibili sviluppi del Progetto Architime3. Il mercato 3.1 Introduzione, tendenze e contesto competitivo 3.2 I concorrenti 3.3 I fornitori 3.4 I partner 3.5 Il piano di comunicazione e distribuzione4. La struttura aziendale 4.1 La sede dell’attività 4.2 La struttura organizzativa5. Gli obiettivi di breve e medio/lungo periodo  vedi Presentazione su CD6. Punti di forza e di debolezza del Progetto Architime7. L’analisi economico/finanziaria 7.1 Le previsioni di vendita 7.2 Il piano degli investimenti 7.3 I costi di esercizio8. Presentazione del Progetto Architime  vedi CD allegato al Progetto
  3. 3. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipata1. L’idea imprenditorialeSono un cittadino che una mattina apre la porta di casa e si accorge che stanno cambiando lasua piazza, la sua via, la sua vita. Sono un architetto che non può diffondere i propri progettise non in siti che esaltano le grandi archistar e i loro progetti faraonici, spesso inutili, costosi epoco partecipati. Mi piacerebbe che l’architettura - cambiando il mio mondo circostante e, diconseguenza, la mia vita - avesse un nome e un volto raggiungibile con cui poter interagire.Architime è il luogo virtuale per poter fare tutto questo. È il sito interattivo in cui trovare:  i progetti degli architetti che operano sul mio territorio, dal locale al nazionale, scritti in un linguaggio comprensibile e presentati con tutte le informazioni necessarie;  le tendenze, le innovazioni e la critica del settore, esposte con un taglio sociologico, che metta l’uomo - con i suoi rapporti e la sua organizzazione - al centro della tematica architettura e dei suoi progetti;  le risposte alle proprie domande sui progetti in corso, la possibilità di esprimere il proprio pensiero dal particolare al generale - dalla via alla città - unitamente alle proposte per un’architettura partecipata e sentita da chi la abita e la vive.Architime è lo spazio online in cui partecipare all’architettura, ponendosi come mediatore traprogettisti e cittadini. Nel corso del progetto dettaglieremo come.Servizi web - Società uninominale.Il gruppo Architime sarà formato da cinque giovani con esperienza nei settori di attività chegravitano intorno ai servizi web. In particolare:  Direzione Editoriale del giornale online, da considerarsi alla stregua di un giornale cartaceo, ma con un’attenzione costante allo sviluppo delle tecnologie e con funzioni di Amministratore del sito nella moderazione dei commenti e nel controllo delle attività;  Redazione web e Grafica impegnate l’una nella stesura degli articoli e dei contenuti del sito, l’altra nella creazione e realizzazione di layout, immagini e banner;  Web marketing che studierà le nuove forme di pubblicità, promozione e affiliazione marketing su internet, per produrre il Piano di Marketing da discutere col Direttore;  Consulenza legale e commerciale sugli aspetti giuridici ed economici del servizio.
  4. 4. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipataO RGANIGRAMMAK NOW - HOW - vedi curriculum nel cd di presentazioneDirettore EditorialeHa collaborato con numerose riviste di moda e giornali online, seguendone gli aspetti digestione e creazione, grazie a incursioni nella pubblicità, nel marketing, nella comunicazione enell’editoria. È Tecnico Esperto di Progettazione Editoriale e Scrittura Professionale, eRedattore di Moda e Fashion Stylist, laureata in Informatica Umanistica a Pisa con una Tesisulle Case Editrici online, e con Master in Comunicazione Ambientale e in ComunicazioneBanche e Assicurazioni. Attualmente è libera professionista Consulente in Comunicazione.Redattrice webArchitetto con competenze di architettura ambientale e riqualificazione, presenta una Tesisulla Riqualificazione degli Arsenali Pisani in vista del Museo delle Navi Romane. Ha imparatoStoria dell’Arte e dell’Architettura e Educazione Visiva all’Istituto d’Arte; interagisce conmolteplici realtà, dalla musica allo spettacolo, in qualità di Progettista Grafico.GraficoLaureato in Disegno Industriale al Politecnico di Milano, sa disegnare manualmente e in 3D,realizza render e conosce i sistemi CAD. Ha creato personalmente presentazioni istituzionalidi prodotto e ha visto pubblicati alcuni dei suoi progetti su testi di settore. Tra le sueesperienze ha lavorato anche in qualità di Guida Scientifica al Museo del Calcolo di Pisa.Web marketingLaureato in Banca, Finanza e Mercati Finanziari alla Facoltà di Economia dell’Università diPisa, con un Master in Comunicazione Banche e Assicurazioni, attualmente è ConsulenteAssicurativo Ina Assitalia. Sta frequentando i corsi della Laurea Specialistica, ama e praticaattivamente lo sport e il mondo del web con le sue infinite possibilità commerciali.Consulente legale e commercialeSvolge il Praticantato presso uno Studio Legale pisano, dopo essersi laureata all’Università diPisa in Giurisprudenza, senza dimenticarne l’aspetto sociale - con due tesi riguardanti lasicurezza sul lavoro e l’immigrazione. Ha partecipato al Master in Comunicazione Banche eAssicurazioni e si è occupata occasionalmente di Recupero Crediti e Gestione Clienti.
  5. 5. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipata2. Il prodotto/servizioArchitime: giornale Magazine: il giornale online sarà rinnovato ogni quindici giorni con foto e UTENTI/CITTADINI: leggere l’architettura inonline di architettura descrizione di progetti innovativi nel campo della riqualificazione e della modo comprensibile, partecipando a unpartecipata sostenibilità ambientale, dell’architettura sociale e partecipata, con discorso pubblico che abbia l’uomo al centro; attenzione alle aree periurbane. Tra i contenuti, articoli sulle nuove ARCHITETTI: essere ispirati da contenuti che tendenze e critica del settore con spunti e riflessioni mutuate da ogni s’interfacciano con tutte le altre discipline e con disciplina artistica che abbia anche valenza sociale. la società reale e le sue esigenze. Progetti di Architettura: una pagina del sito sarà dedicata ai Progetti UTENTI/CITTADINI: poter vedere i progetti inviati dagli Architetti, pubblicati gratuitamente sul nostro sito secondo che li riguardano da vicino e commentarli, un modulo da noi definito che comprenda un’esposizione chiara del intervenendo con domande e proposte; progetto corredata da foto esplicative, e la disponibilità a rispondere ai ARCHITETTI: pubblicizzare i propri lavori con commenti degli utenti. uno stile inedito, farsi conoscere dal pubblico. Blog: sia gli articoli sia i progetti hanno la possibilità di essere UTENTI/CITTADINI: essere parte attiva commentati in calce, come in un blog, con post - moderati dalla nell’architettura e nel suo continuo evolversi; Direzione - di chiarimento, informazione, proposta e critica da parte ARCHITETTI: conoscere il pensiero del degli utenti e degli architetti, con possibilità di replica. pubblico, reinterpretandone richieste e idee. Studi di Architettura: un’altra pagina del sito sarà dedicata agli Studi che UTENTI/CITTADINI: facile reperimento; desiderano promuoversi online. Il servizio sarà a pagamento. ARCHITETTI: promozione e indicizzazione. Concorsi per Architetti: in un’apposita pagina ben raggiungibile dal UTENTI/CITTADINI: conoscere i cambiamenti menù ci saranno le segnalazioni di tutti i Concorsi per Architetti reperibili che si prevedono nel proprio territorio; online e sulle riviste specializzate, comprensivi dei link di riferimento. ARCHITETTI: facile reperimento/archiviazione. Newsletter: a chi vorrà registrarsi online, sarà inviata una newsletter UTENTI/CITTADINI: essere sempre informati quindicinale con gli abstract e i link ai nuovi contenuti selezionati. con una navigazione selezionata/selezionabile; ARCHITETTI: vedi Utenti/Cittadini.
  6. 6. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipataIL CONTENUTO NON CELEBRATIVONiente archistar o “cattedrali nel deserto”, ma progetti che vanno a incidere inevitabilmentesulla nostra quotidianità in termini di servizi, organizzazione degli spazi e relazioni sociali.Oltre a critiche e riflessioni sull’architettura con un taglio sociologico, per rimettere al centrol’uomo e il cittadino con la sua esperienza diretta del territorio in cui vive.LA FORMA DI BLOGCommentare, chiedere spiegazioni o informazioni più dettagliate, fare richieste e proposte,esprimere il proprio parere e far sentire la propria voce; ma anche suggerire soluzioni migliorisecondo le proprie competenze, prima fra tutte quella della conoscenza del territorio.Diventare parte integrante e fondante dell’architettura, partecipando alla sua evoluzione nelsenso del B2C - Business to Consumer - che vede gli architetti scrivere in forme comprensibilie chiare e interfacciarsi direttamente col loro pubblico, senza filtri e mediazioni e non più agiochi fatti. O, meglio ancora, nel senso dellO2O - One to One, Uno a Uno - in cui architetti ecittadini sono ugualmente e singolarmente coinvolti nel processo architettonico.L’UTILITÀ SOCIALE E L’IMPEGNO SOCIALEAffrontare concretamente le tematiche ambientali e della sostenibilità nell’architettura, parlareanche di ciò che non fa scalpore, che a volte non vorremmo vedere, ma che esiste e quindi varipensato, come le aree periferiche e periurbane e la loro riqualificazione. Accettare solosponsor che abbiano principi etici nella propria mission, pubblicizzare i progetti degli architettigratuitamente perché possano essere discussi e commentati. Restituire nuovamente aicittadini il significato originario di civitate, “cittadinanza” e solo in seguito “città”, in quanto fattadai cittadini, e non viceversa.Il Progetto Architime può evolversi nel tempo, seguendo comunque le due direzioni di:  innovazione tecnologica: - adeguando il giornale ai nuovi linguaggi informatici delle applicazioni (apps) per smartphone e tablet, e alle nuove piattaforme di social network, per un ampliamento della portabilità e della fruizione del nostro servizio; - realizzando una sezione di e-commerce per piccoli fornitori e aziende specializzate.  comunicazione sociale e partecipata: - estendendo il servizio ai committenti - Amministrazioni, Istituzioni e Aziende - per comprendere quali siano le logiche alla base dell’ideazione di un progetto, potendo parteciparvi ab origine, con uno spazio per il dialogo propositivo e interattivo; - prevedendo un Network di Architetti, con sezioni dedicate per lo scambio d’idee e di materiali, mettendo in rete capacità e competenze professionali; - costituendo un’Associazione Culturale, per aprirci a nuovi iscritti e a nuove possibilità.3. Il mercatoLe due direzioni intraprese nel Progetto - e nei suoi Possibili sviluppi appena esposti - sono lestesse da prendere in considerazione per un’analisi di mercato che voglia ritenersi esaustiva.
  7. 7. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipataVa però precisato che, per comprendere l’andamento del mercato in ambito tecnologico, nelnostro caso faremo riferimento a indagini di mercato riguardanti la display advertising, ossia lapubblicità su internet, e l’uso sia delle nuove tecnologie da parte dei cittadini, sia dell’ICT -Information and Communication Technology - da parte delle imprese.Per quanto riguarda invece la comunicazione sociale e partecipata, dobbiamo ancora fareriferimento al Primo Rapporto sulla Comunicazione Sociale in Italia, a cura di OCCS -Osservatorio Campagne Comunicazione Sociale - Edizioni Eri RAI 2005, in cui si afferma: “Sisegnala infine la difficile reperibilità, nel nostro Paese, di significative indagini di valutazione dicampagne di comunicazione sociale. La sensazione è che, in questo settore, la cultura dellavalutazione abbia da poco cominciato a farsi strada” (Cap. 7 “La valutazione dei risultati dellecampagne di comunicazione sociale”, di Alberto Martini, Vittorio Falletti). Inoltre, la restrizionedell’indagine alle sole campagne di comunicazione sociale rende ardua qualsiasi previsione.Si potrebbe qui fare appello all’esperienza diretta del territorio, citata a proposito dei contenutiinnovativi commentabili nel nostro Progetto, per mettere in campo un’esperienza diretta sullapartecipazione: come si è visto, ad esempio in trasmissioni come Report e Presa Diretta,laddove le Amministrazioni - vedi Emilia Romagna - concordano con gli abitanti un processopartecipativo di riqualificazione e ripensamento del loro quartiere, non solo danno voce a tutti icittadini con le loro esigenze, ma risparmiano in termini economici e legali, evitando ricorsi erimborsi. Si potrebbe anche affermare che, costruendo insieme progetti partecipati, mettano inatto quei principi di economia della felicità non tenuti per ora in considerazione da nessunindice economico, ma di cui molto si sta discutendo, specialmente in tempi di crisi, sulla loropossibile applicazione e su come calcolarne i ritorni. Riteniamo dunque che questo mercatodella comunicazione sociale e partecipata sia in crescita, spinto dalla riorganizzazione dellaFinanza e dell’Economia e dalla nuova considerazione per le tematiche ambientali,strettamente connesse al sociale.Torniamo ora al mercato tecnologico. Sugli investimenti pubblicitari a mezzo internet, cirifacciamo qui al Media Monthly Report di Gennaio 2011 a cura della Nielsen CompanyItalia, in cui si afferma che “Internet si conferma il mezzo con la crescita più sostenuta(+19,0%), ma sono altrettanto eclatanti gli aumenti per l’advertising su direct mail (+9,9%)”,quest’ultimo un altro mezzo di pubblicità diretta e personalizzabile che non sarebbe possibilesenza la Rete. Il Report Nielsen prosegue: “Le aziende che acquistano spazi su internet sonoaumentate del +22,4% […] Molto interessante il dato relativo al numero di aziende che hannoinvestito solo ed esclusivamente su internet nel corso dell’anno (+45,8%)”. Sull’audience diinternet, la Nielsen Company asserisce: “Nel mese di novembre stabili a 24,7 milioni inavigatori attivi rispetto a ottobre, crescono invece i consumi del mezzo: 23 ore e 26 minutitrascorsi in media online, il 10% in più rispetto al mese precedente e quasi 2.800 pagine visteper persona, il 12% in più. Nellultimo anno, la crescita dei navigatori è consistente (+11%), siache si consideri il dato degli utenti attivi su base mensile (24,7 milioni nel 2010 vs 22,3 milioninel 2009) che quello nel giorno medio (12,6 milioni nel 2010 vs 11,3 milioni nel 2009)”. Nellaclassifica dei siti più visitati per tipologia, subito dopo i motori di ricerca in testa, vengono leCommunities al secondo e terzo posto.Per quanto riguarda gli utenti internet, secondo l’indagine ISTAT Cittadini e nuovetecnologie per l’Anno 2010, diffusa il 23 dicembre 2010: “Rispetto al 2009 cresce la quota difamiglie che possiede il personal computer (dal 54,3% al 57,6%), l’accesso ad Internet (dal47,3% al 52,4%) e che dispone di una connessione a banda larga (dal 34,5% al 43,4%). Tra il2009 e il 2010, rimane stabile il divario tecnologico tra il Nord e il Sud del Paese, mentre siriducono le differenze sociali per quasi tutti i beni tecnologici considerati. Ad esempio, la quotadi famiglie con capofamiglia dirigente, imprenditore o libero professionista che possiedonol’accesso a Internet passa dal 78,6% all’84,2% (+7,1%) mentre tra quelle con capofamigliaoperaio passa dal 49,4% al 59,4% (+20,2%)”. Per quanto riguarda invece le imprese,
  8. 8. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipata l’indagine ISTAT Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle imprese per l’Anno 2009, diffusa il 13 dicembre 2010, si sa che: “La diffusione delle tecnologie informatiche di base nelle imprese con almeno 10 addetti del settore industriale e dei servizi è ormai ampiamente consolidata. A gennaio 2010 il 95,1 per cento delle imprese ha dichiarato di utilizzare il computer e il 93,7 per cento dispone di una connessione a Internet”. Volendo dunque parlare di target di riferimento per il Progetto Architime, sarà individuato trasversalmente rispetto all’uso e alla conoscenza del web, così come rispetto all’interesse per la tematica (architetto) o al coinvolgimento (cittadino interessato da un progetto architettonico). La mia analisi di trend, supportata dalle indagini sopra esposte, è di mercati in forte crescita che si stabilizzeranno quantitativamente (i PC, la pubblicità), ma ancora in espansione qualitativamente (la comunicazione sociale e partecipata, le Communities, l’architettura partecipata), perché il futuro di internet, dopo anni di esperimenti e di crescita selvaggia, va sempre più nella direzione dell’affidabilità - ossia di una buona architettura delle informazioni - e gli stessi motori di ricerca considerano ormai parametri di valutazione - per l’indicizzazione e per il conseguente ranking di un sito - i suoi contenuti qualitativi. Il contesto competitivo, per le direzioni da noi individuate, è pressoché inesistente, ma lo vedremo specificatamente nel paragrafo che segue. ELEMENTI PUNTI MAGAZINE TARGET PUNTI FORZA DISTINTIVI DEBOLEZZAArchitetture Pisane Formato solo Ed. ETS - Pisa Pisani /di La localizzazione Caratterizzazione cartaceo con edizioniets.com/ nicchia specifica territoriale abstract online architetturepisane Mancanza di ARCH’IT Trasversale, La chiarezza Laboratorio d’idee, aggiornamento; Rivista digitale di tendente grafica ed di spunti e di grafica/layout non architettura specialistico espositiva commistioni idoneo ai architettura.it contenuti La reperibilità di Non prevede Architizer Specialistico, Le foto, la materiali, le sezioni partecipazione néarchitizer.com/en_us/ medio-alto struttura ordinata per Firms-Projects- commenti. Inglese People internazionali Lo stile grafico Notorietà del Domus Trasversale, L’internazionalità. immediatamente cartaceo; non domusweb.it medio-alto Italiano/Inglese riconoscibile usabilità del sito Architettare I concorsi, le Sito lento e chiuso Rivista digitale di Il tema moderno, Trasversale, biografie, la sezione ai non addetti ai architettura, la condivisione medio-alto Under 40 e il Self- lavori / non del design&lifestyle dei progetti published settore architettare.it Rivista solo diid acquistabile; disegno industriale Specialistico, La pulizia grafica La tematica sezioni non industrial design medio-alto accattivante specifica trattata corrispondenti alledisegnoindustriale.net aspettative
  9. 9. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipataIl Progetto Architime avrà principalmente bisogno di: Cartolerie e Cartotecniche, negozid’Informatica, negozi di Arredamento per uffici, provider, etc.Contiamo in particolar modo sugli Enti Pubblici e le Istituzioni locali per quanto riguarda in unprimo tempo la sponsorizzazione e la promozione, in un secondo tempo la messa in rete diprogetti partecipati di cui siano committenti. Confidiamo di entrare a far parte quantomeno delblogroll di Archiworld Network - il Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori PaesaggistiConservatori - e in co-marketing con i giornali online che desiderano trattare l’architettura conun taglio sociologico e una struttura partecipata. Sul lungo periodo poi, prevedendol’implementazione dell’attività tecnologica nel Progetto Architime, possiamo ipotizzare alleanzestrategiche di co-sviluppo con le riviste specializzate, i produttori di software e le case editriciinteressate al nostro format.Un piano di comunicazione efficace prevede, a nostro avviso, queste priorità:  la ricerca di un marchio/logo, e di uno slogan trasversale, che renda il concept innovativo del Progetto Architime, il suo essere multiforme: fisico e virtuale, territoriale e nazionale, espositivo e interattivo, sociale e commerciale;  una pubblicità che tenga in considerazione gli ambienti reali in cui operano i target di riferimento, e quindi orientata al web marketing e alla stampa di settore, da pianificare a cadenza regolare nel nostro Piano di Marketing;  una promozione che rigeneri costantemente il servizio, ad es. grazie a un’agenda di eventi/incontri virtuali con i maggiori esponenti culturali/architetti locali e nazionali.4. La struttura aziendaleUna stanza open space in locazione a Pisa, in posizione centrale e facilmente raggiungibiledai mezzi di trasporto e a piedi, con parcheggio libero nelle vicinanze. vedi Organigramma 1.3 Il gruppo imprenditorialeP IANO DEL P ERSONALE Di struttura 1 - Produttivo 4 a progetto5. Gli obiettivi di breve e medio/lungo periodo vedi Presentazione su CD
  10. 10. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipata6. Punti di forza e di debolezza del P rogetto ArchitimeANALISI SWOT STRENGTHS Padronanza ICT, attenzione e preparazione Progetto pionieristico sulla tematica trattata, sulla comunicazione Carenza di personale addetto al Commerciale sociale e la struttura partecipataOriginalità, unicità nel panorama architettonico Apripista: rischio insensibilità sponsor e nei magazine di settore su web Crisi economica e livellamento socio-culturale7. L’analisi economico/finanziariaIl Progetto Architime potrà trarre ricavi dalle seguenti tipologie di servizi: Spazi pubblicitari sponsor  (Servizio di e-commerce) Vetrine Studi di Architettura  (Network di Architettura)I servizi tra parentesi sono da considerarsi possibili sviluppi del Progetto Architime, v. par. 2.3.Una prima stima, effettuata sulla base di siti che riteniamo di riferimento, si può sintetizzarecome segue. Considerando che in una pagina web, che voglia mantenere il proprio stile e lapropria leggibilità, si possono ospitare non oltre gli otto banner di rilievo, e considerato inoltreche i banner hanno costi diversi secondo la posizione occupata nella pagina, si può dedurreche la nostra homepage renderà:450 € - banner sotto il titolo400 € - banner in alto a destra sopra al titolo350 € - primo banner colonna a destra350 € - secondo banner colonna a destra300 € - terzo banner colonna a destra250x3 € - banner piccoli in fondo alla pagina-------------------------------------------------------------2.600 € /mesePer quanto riguarda le Vetrine - che saranno comprensive di logo, immagini e descrizionedegli Studi, contatti - contiamo di venderne almeno venti il mese, al costo indicativo di 400euro l’anno, fiduciosi nella sensibilizzazione degli architetti alle tematiche da noi affrontate.Totale ricavi - senza i possibili sviluppi dei servizi: 2.600+8.200= 10.800 € /mese.
  11. 11. Progetto Architime: giornale online di architettura partecipata Una bozza di elenco dei beni strumentali materiali da acquistare per la realizzazione del Progetto Architime comprende: - postazioni di lavoro: 5 scrivanie (1.050 €), 5 sedie (400 €) e un divano (400 €), 5 punti luce (150 €), cancelleria (20 € x5), phone adapter (70 € x3) - hardware: 5 PC di cui 2 professionali (3.500 €, o a noleggio 40 € /mese) e 3 portatili (2.000 €), stampante laser professionale (700 €), scanner (300 €), macchina fotografica (800 €), videocamera (1.000 €), videoproiettore (1.000 €), router (50 €) - software: programmi Office (200 €), programmi d’impaginazione e grafica (2.000 €) Un primo elenco dei beni immateriali comprende: - registrazione logo di Architime (200 €), costituzione società (1.500 € per spese notarili) Per l’iniziale start-up va inoltre previsto un investimento per: - acquisto spazio web / registrazione dominio (20 €), creazione del sito e messa online - spese promozionali e pubblicitarie (5.000 € di partenza) - consulenze varie (2.000 €)-----------------------------------------------Totale investimenti: 22.580 €N.B.: Si prevede di ovviare al problema degli investimenti per l’acquisto dei beni materiali -come si fa in tempo di crisi e nelle buone pratiche ambientali - in molti modi, tra cui l’acquistodi seconda mano, il riciclo e il riuso, gli oggetti personali, il noleggio.Di struttura: 1.200 Locazione: 500 Utenze: acqua/luce/gas 50 Acquisto foto online: 40Produttivo: 750x4 Spese viaggio/ Condominio: 50 Internet con VoIP: 40 inclusi contributi soggiorno: 300 Materiale consumo: 50 Abbonamenti riviste: 80 4200 550 140 420Totale costi di esercizio /mese: 5.310 € (comprensivi di c. variabili) - Utile /mese: 5.490 €8. Presentazione del Progetto Architime  vedi CD allegato al Progetto

×