Your SlideShare is downloading. ×
Il web1 - differenza tra internet e il web
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Il web1 - differenza tra internet e il web

1,512
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,512
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Formazione aziendale il Web – parte 1
  • 2. Differenza tra Internet e Web1. Principali servizi su Internet2. Cos’è Internet3. Cos’è il Web - keywords4. Brevissimi cenni storici
  • 3. 1. Principali servizi su Internet World Wide Web World Wide Web Webcast Webcast Web Radio Motori di ricerca Motori di ricerca File sharing File sharing Blog FTP FTP Chat Chat E-Commerce Gopher Gopher Podcast Podcast E-Learning E-Mail E-Mail IPTV IPTV E-Government Mailing list Mailing list Forum Forum E-health Newsgroup Newsgroup VoIP VoIP Home banking Telnet Telnet Streaming Streaming Multiplayer
  • 4. 2. Cos’è Internet Internet (dal latino inter, "tra" e dallinglese net, "rete", tra la rete) è una rete di computer mondiale ad accesso pubblico attualmente rappresentante il principale mezzo di comunicazione di massa. computer + browser Internet service provider = Internet linea di telecomunicazione dedicata linea telefonica > Rete Tel. Generale (ADSL, HDSL, VDSL, GPRS, HSDPA, ecc.) (POTS, ISDN, GSM, UMTS, ecc.) Ciò è reso possibile da una suite di protocolli di rete chiamata "TCP/IP" dal nome dei due principali - il TCP e lIP - la "lingua" comune con cui i computer di Internet si interconnettono e comunicano tra loro indipendentemente dalla loro architettura hardware e software.
  • 5. Cos’è Internet Costituita da alcune centinaia di milioni di computer collegati tra loro con i più svariati mezzi trasmissivi (es.: doppino, fibra ottica, etc.), Internet è anche la più grande rete di computer attualmente esistente, motivo per cui è definita "rete delle reti" o "rete globale“, collegando tra loro reti di tipo LAN, MAN e WAN (Local/Metropolitan/Wide Area Network). Rete Telefonica Con il miglioramento della tecnologia VoIP, Internet soppianterà la Rete Tel. Internet Voip inglobandola in sé, in quanto basata sulla più efficiente tecnica della commutazione di pacchetto (≠ c. di circuito) I suoi utenti, in costante crescita, nel 2008 hanno raggiunto quota 1,5 miliardi e, visto lattuale ritmo di crescita, si prevede che saliranno a 2,2 miliardi nel 2013.
  • 6. 3. Cos’è il Web “Il World Wide Web ha le potenzialità per svilupparsi in una enciclopedia universale che copra tutti i campidella conoscenza e in una biblioteca completa di corsi per la formazione” Richard Stallman Prima pagina del Web
  • 7. Cos’è il Web Il World Wide Web -WWW oWeb - anche conosciuto come Grande Ragnatela Mondiale, è un servizio di Internet consistente nella possibilità di navigare e usufruire di un insieme di contenuti multimediali e di ulteriori servizi accessibili a tutti o a una parte selezionata degli utenti di Internet. Caratteristica principale del Web è che i suoi contenuti sono tra loro collegati (ipertesto > link). E i suoi servizi possono essere resi disponibili dagli stessi utenti di Internet. Per quanto riguarda i contenuti quindi, essendo Internet una rete di computer ad accesso pubblico, il Web possiede la straordinaria peculiarità di offrire a chiunque la possibilità di diventare editore e, con una spesa estremamente esigua, di raggiungere un pubblico potenzialmente vastissimo distribuito in tutto il mondo. Contenuti, servizi Marketing
  • 8. Cos’è il WebIl Web è stato inizialmenteimplementato da Tim Berners-Lee, mentre era ricercatore alCERN, e da un suo collega,Robert Cailliau, e oggi glistandard su cui è basato, incontinua evoluzione, sonomantenuti dal World Wide WebConsortium (W3C).La nascita del Web risale al 6agosto 1991, giorno in cuiBerners-Lee mise on-line suInternet il primo sito Web.Inizialmente utilizzato solo dallacomunità scientifica, il 30 aprile1993 il CERN decide di renderepubblica la tecnologia alla basedel Web  Era del Web Primo server web - CERN
  • 9. Cos’è il Web - keywords implementazione funzionamentoStandard:  pagina web : URL nel browser web  richiesta al web server  indirizzo IP > Domain Name HTML - linguaggio di markup System (DNS)  pacchetti dal HTTP - protocollo di rete server web.  il testo HTML di una pagina è URL - schema identificazione richiesto per primo e subito Contenuti distribuiti su più interpretato dal browser web computer nel Pianeta che, successivamente, richiede eventuali immagini o file.  Una volta ricevuti i file, il browser formatta la pagina sullo schermo seguendo le specifiche HTML, CSS, o di altri linguaggi.
  • 10. 4. Brevissimi cenni storici1960 Avvio delle ricerche di ARPA, progetto del Ministero della Difesa degli Stati Uniti1967 Prima conferenza internazionale sulla rete ARPANET1969 Collegamento dei primi computer tra 4 università americane1971 La rete ARPANET connette tra loro 23 computer. Ray Tomlinson inventa l’e-mail1972 Nascita dellInterNetworking Working Group, organismo incaricato della gestione di Internet; Ray Tomlinson propone lutilizzo del segno @ per separare il nome utente da quello della macchina1973 La Gran Bretagna e la Norvegia si uniscono alla rete con un computer ciascuna1979 Creazione dei primi Newsgroup (forum di discussione) da parte di studenti americani1981 Nasce in Francia la rete Minitel. In breve tempo diventa la più grande rete di computer dopo gli USA1982 Definizione del protocollo TCP/IP e della parola "Internet"1983 Appaiono i primi server dei nomi dei siti1984 La rete conta ormai mille computer collegati1985 Sono assegnati i domini nazionali: .it per lItalia, .de per la Germania, .fr per la Francia, ecc.
  • 11. Brevissimi cenni storici1986 Viene lanciato LISTSERV, il primo software per la gestione di una mailing list; In aprile, da Pisa, sede del Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico (Cnuce), viene realizzata la prima connessione Internet dallItalia con gli Stati Uniti1987 Sono connessi 10 mila computer; Viene registrato “cnr.it” il primo dominio con la denominazione geografica dellItalia ,1989 Sono connessi 100mila computer1990 Scomparsa di ARPANET; apparizione del linguaggio HTML1991 Il CERN (Centro Europeo di Ricerca Nucleare) di Ginevra annuncia la nascita del World Wide Web1992 Un milione di computer sono connessi alla rete1993 Apparizione del primo browser pensato per il web, Mosaic1996 Sono connessi 10 milioni di computer1999 Gli utenti di Internet sono 200 milioni in tutto il mondo2008 Gli utenti di Internet sono circa 600 milioni in tutto il mondo2009 Gli utenti di Internet sono circa 1 miliardo in tutto il mondo2010 Internet - nato per scopi militari - viene candidato al Nobel per la Pace
  • 12. Brevissimi cenni storici Da Arpanet a Internet (anni 70 e 80) Da Internet al WWW (anni 80 e 90)Rete Internet, 1982 World Wide Web screenshot, 1991
  • 13. Il WWW oggi intorno a Wikipedia
  • 14. Le caratteristiche del Web1. Risoluzione monitor2. Dimensione siti3. Differenza browser - statistiche4. Formati immagine (jpg, gif, png, bmp) - immagini non visualizzabili5. Concetto di risoluzione (web vs. carta) - dimensioni e misure delle immagini
  • 15. 1. Risoluzione monitor Le risoluzioni standard o modalità  Fino al 2003, la maggior parte dei monitor video sono combinazioni di parametri aveva un Aspect ratio di 4:3, alcuni di 5:4. utilizzate dallindustria elettronica per Dal 2003 al 2006 si sono resi disponibili vari definire linterfaccia video del computer. monitor con un rapporto di risoluzione di 16:10, inizialmente sui laptop e poi sui Tali parametri di solito sono: monitor per PC. - risoluzione dei display (specificata dalla larghezza e altezza in pixel),  Questo cambiamento è dovuto sia al fatto che con questo rapporto si vedono meglio - profondità di colore (in bit), film e giochi ma soprattutto le attività di - velocità di refresh (refresh rate, videoscrittura ne hanno tratto beneficio espressa in hertz). potendo visualizzare due pagine A4 affiancate; anche il CAD ha potuto sfruttare lo spazio in più per la visualizzazione dei La continua evoluzione dellelettronica menù a fianco del disegno grafico. e della tecnologia di visualizzazione aumenta sempre più la definizione, La Video Electronics Standards Association la superficie visualizzabile e le dimensioni (VESA) ha definito diversi standard video, stesse degli schermi. mentre gli ergonomici sono definiti dal TCO.
  • 16. Risoluzioni video più comuni nei PC che si sono evolutidalloriginale IBM PC, più alcune che sono supportateda altri tipi di computer come ad esempio gli Apple
  • 17. Risoluzione monitor - legenda Significato prefissi nel nome delle risoluzioni Tipi di interfacce video per PC Sebbene i prefissi comuni super S e ultra U non Nella tabella precedente è riportato anche il tipo indicano una specifica variazione alla risoluzione di interfaccia video che permette di collegare standard, i prefissi hanno uno specifico significato: un monitor a un PC e visualizzare la risoluzione indicata secondo le seguenti specifiche: Quarter (Q) - Un quarto della risoluzione di base.  CGA - Interfaccia dedicata digitale Color Graphics Wide (W) - Risoluzione più ampia di quella base, di cui Adapter. mantiene il numero di righe, che permette un Aspect ratio di 16:9 o 16:10.  VGA standard - VGA originale o superiore (VESA VGA). Quad(ruple) (Q) - Quattro volte i pixel della risoluzione  Non ancora supportata di base ossia due volte in orizzontale e due volte in verticale il numero di pixel. Hexadecatuple (H) - Sedici volte i pixel della risoluzione di base ossia quattro volte in orizzontale e quattro volte Una risoluzione di 640x480 indica che limmagine in verticale il numero di pixel. sul monitor è formata da 640 colonne e 480 righe. eXtended (X). Nel caso dei monitor LCD o al plasma limmagine verrà riadattata alla risoluzione dello schermo. Questi prefissi possono anche combinarsi come, Nel caso di un monitor a tubo catodico, limmagine verrà ad esempio, in WQXGA o WHUXGA. proiettata solo se rientra nel range di risoluzione minima e massima, altrimenti non sarà visualizzata.
  • 18. 2. Dimensione siti statistiche > www.w3schools.com Statistics are important information. The current depht color trend is that mostWhat you can read from the statistics below computers use 24 or 32 bits hardware to is that most users are using a screen display 16.777.216 different colors. resolution of 1024x768 pixels or higher, Older computers often use 16 bits display with a color depth of at least 65K hardware. Very old computers uses 8 bitsAnno High+ 1024 800 640 Unkn. Anno 16.777.216 65.536 256 x 768 x 600 x 480 2010 97% 3% 0%2010 76% 20% 1% 0% 3% 2009 95% 4% 1%2009 57% 36% 4% 0% 3% 2008 90% 8% 2%2008 38% 48% 8% 0% 6%2007 26% 54% 14% 0% 6% 2007 86% 11% 2%2006 17% 57% 20% 0% 6% 2006 81% 16% 3%2005 12% 53% 30% 0% 5% 2005 72% 25% 3%2000 4% 25% 56% 11% 4% 2000 34% 54% 12%
  • 19. 3. Differenza browser Problemi di visualizzazione sito Utilizzo browser senza supporto La visualizzazione del sito web con  Questo è per il webmaster un problema browser diversi è un problema che da non sottovalutare, in quanto lutente affligge tanti webmaster, in quanto, un che si collega al sito utilizzando un sito visto correttamente ad esempio browser vecchio, se non ha una corretta con Firefox, a volte con Internet Explorer visualizzazione del sito web, difficilmente o con Chrome può avere dei problemi. tornerà a vederlo. I problemi di visualizzazione ci sono quasi  Pur avendo Microsoft fissato al 13 Luglio sicuramente se al sito si accede con un 2010 la data con la quale terminerà il browser un po’ datato tipo Internet supporto al browser Internet Explorer 6, Explorer 6; questo è dovuto al fatto che insieme al Service Pack 2 di Windows XP tempo fa i produttori di browser, per sia in versione Home che Professional, interesse personale, non si adattavano tanti utenti continueranno ancora ad completamente agli standard utilizzare IE6 e SP2 sottovalutando il internazionali stabiliti per il web, rischio nellutilizzare applicazioni che non inserendo proprietà css e html valide hanno più supporto (non verranno più solo per il loro browser. rilasciati aggiornamenti sulla sicurezza di questi prodotti).
  • 20. Differenza browser - statistiche > www.w3schools.com è interessante vedere le statische d uso dei browser su NetMarketShare o su W3Counter. Da queste statistiche si può affermare che non possiamo sottovalutare la visualizzazione del sito web né con altri browser, né con altre versioni, in particolare con IE6 ed IE7Anno IE FF CHR SAF OPE Anno Tot IE9 IE8 IE7 IE62010 31.1% 45.1% 17.3% 3.7% 2.2% 2010 31.1% 0.2% 17.3 % 8.0% 5.6%Sept Sept2009 44.8% 45.5% 3.9% 3.0% 2.3% 2009 37.2% - 13.5% 12.8% 10.9% Jan Dec2008 51.0% 43.7% - 2.6% 2.1% 2008 46.0% - IE7 IE6 IE5Aug (3.1%) Dec 26.1% 19.6 % 0.3 %2007 56.0% 36.3% MOZ 1.8% 1.6%Nov 1.2% Anno Tot FF 4.0 FF 3.6 FF 3.5 FF 3.02004 76.2% - 16.5% NET 1.6% 2010 45.1% 0.8% 35.3% 5.6% 2.9%Nov (16.6%) (3.4%) 1.7% Sept2003 88.0% - 4.2% 3.4% 1.2% 2009 46.4% - FF 3.5 FF 3.0 FF 2.0 Mar Dec 33.3% 11.2% 1.2 %2002 83.4% AOL - 8.0% - 2008 44.7% - FF 3.0 FF 2.0 FF 1.5Nov 5.2% Dec 38.1% 6.2% 0.1%
  • 21. Differenza browser Variabili per l’utente Variabili per il webmaster Gratuità  Differenti layout di un sito Compatibilità col proprio pc Visualizzazione appropriata dei propri siti  Differenti standard dei b. Rispetto della privacy  Differenti codici e linguaggi Sicurezza (informatica)  Differenti versioni di uno Gestione dei propri dati di navigazione Personalizzazione stesso browser Velocità (download, searching e loading)  Differenti sistemi operativi Pesantezza e crashing  Differenti risoluzioni e Scelta della lingua Assistenza / FAQ / Forum dimensioni monitor utente Accessibilità  Differenti caratteristiche del pc Usabilità, user experience e tipologie di connessione (Codice aperto)http://opentochoice.org/it/
  • 22. 4. Formati immagine In cosa differiscono le tre immagini mostrate sotto? Nel formato. Limmagine sulla sinistra è in formato GIF, quella al centro in formato JPEG e quella sulla destra in formato PNG. Figura 1: tre immagini simili... ma non identiche! Senza entrare nel merito dei dettagli tecnici della compressione, soffermiamoci sul fatto che esistono due tipi di compressione delle immagini: - Compressione priva di perdita di dati. Quando il file viene visualizzato dopo la modifica, ciascun pixel si trova di nuovo allo stesso posto, allinterno dellimmagine. - Compressione con perdita di dati. A modifica avvenuta, il file appare qualitativamente inferiore, in maniera proporzionale al tipo di compressione a cui si è fatto ricorso. La scelta del formato migliore per il proprio lavoro va effettuata sulla base dei seguenti criteri.
  • 23. Formati immagine - jpg Messo a punto da JPEG (Joint Photographic Expert Group), questo formato consente di visualizzare fino a 16,7 milioni di colori. Non è possibile creare animazione, né definire colori trasparenti. La compressione comporta la perdita di dati, come è mostrato nella figura seguente. Nellimmagine sulla destra, una compressione elevata evidenzia la perdita di dati associata a questo tipo di formato. Figura 3: il formato JPG può comportare una perdita significativa di dati La perdita di qualità è legata a un livello di compressione particolarmente elevato (un rapporto di 50:1). È chiaro che una compressione minore inciderebbe in maniera meno significativa sul livello di qualità. È possibile eliminare del tutto la compressione selezionando un livello pari a zero, ma ciò comporta tempi di scaricamento inevitabilmente maggiori! Come regolarsi dunque sullimpiego del formato JPEG? Il formato è adatto per le fotografie a colori. Non è invece adatto a immagini contenenti elementi tipografici o geometrici. È inutilizzabile per la creazione di profili o animazioni.
  • 24. Formati immagine - gif Originariamente creato per CompuServe, questo formato è soggetto a una compressione che non comporta alcuna perdita di dati. Un ulteriore vantaggio consiste nella possibilità di creare animazione allinterno del formato, rendendo trasparente uno dei colori della composizione. Ciò può essere utile per creare profili di immagini. Linconveniente è che il formato GIF memorizza solo 256 colori. Di conseguenza, le sottili ombreggiature allinterno di unimmagine vengono rese come bande di diversa densità. Nella figura successiva, limmagine sulla sinistra ha una sfumatura realizzata con luso di 16,7 milioni di colori; in quella sulla destra, la stessa sfumatura è realizzata con soli 256 colori (formato GIF). Figura 2: i 256 colori del formato GIF non consentono di ottenere sfumature di standard soddisfacenti Come valutare il ricorso al formato GIF? Il formato è adatto a pulsanti e intestazioni (la qualità degli elementi tipografici resta invariata), GIF animati, profili, fotografie in bianco e nero (che presentano 256 livelli di grigio). Non è invece adatto alle fotografie a colori.
  • 25. Formati immagine - png Il formato PNG (Portable Network Graphics), di più recente sviluppo, non presenta gli inconvenienti dei due formati precedenti, riunendone piuttosto tutti i vantaggi. Consente una visualizzazione da 256 a 16,7 milioni di colori, può essere compresso senza generare alcuna perdita di dati, e supporta 256 livelli di trasparenza. Laspetto negativo è limitato allimpossibilità di creare animazioni. Figura 4: il quasi perfetto formato PNG Compatibilità. Solo i browser più recenti supportano PNG (e sono quindi in grado di visualizzare limmagine soprastante). Per questa ragione, i webmaster tendono a evitarne luso. È indubbio, tuttavia, che si tratti di un formato destinato al successo. Formati immagine - bmpIl formato BMP (mappa di bit) è lo standard delle immagini (ossia il formato originale) di Windows.Si tratta di un formato non compresso che supporta le gestioni di colore RGB, scala di colore,scala di grigio. Non supporta il canale Alpha (=trasparenza).
  • 26. Formati immagine - immagini non visualizzabiliA chi non è capitato di aprire una pagina Possibili strategie tecniche per la risoluzione:web nella quale non vengono visualizzate 1. Pulizia della cache dei files temporanei Internet.le immagini o dove al loro posto si notano 2. Verifica delle impostazioni di Internet.delle “x rosse”? O di vederle magari distorte, 3. Verifica dell’integrità controlli ActiveX, Applets e Plug-in.sbiadite, spixelate? E le animazioni? Perché 4. La pagina Web include un tipo di immagine non supportato dal browser, per formato, per dimensione o per pesantezza.non sono riprodotte normalmente? 5. La casella di controllo Mostra immagini nelle Opzioni non è selezionata. 6. Limmagine viene visualizzata in base a uno script, a unNon dimenticare mai di usare lALT TEXT controllo ActiveX, a un cookie, a unapplet Java o a informazioni di riferimento HTTP, e si è impostato il bloccocioè il testo alternativo da visualizzare di una o più di tali funzionalità sul computer o sulla rete.al posto dellimmagine: 7. Il browser non è in grado di determinare il set di caratteri- nei browser che non la supportano (denominato anche tabella codici o codifica) utilizzato nella pagina Web, oppure manca o è danneggiato un file o una- per i non vedenti che utilizzano chiave del Registro di sistema necessaria per lasintetizzatori vocali con browser in visualizzazione della pagina Web con il suo set di caratteri.modalità testo 8. Cercare e installare eventuali aggiornamenti. 9. La Java Virtual Machine è installata?- per l’indicizzazione da parte di alcuni 10. Macromedia Flash Player è installato?motori di ricerca che usano il testo come 11. Reinstallazione del browser.parole chiave 12. Non corretto caricamento delle immagini sul sito.
  • 27. 5. Concetto di risoluzione (web vs. carta) La risoluzione delle immagini La dimensione del file di unimmagine è proporzionale alla sua dimensione in pixel, il numero di pixel visualizzato per unità di lunghezza in unimmagine viene chiamato risoluzione dellimmagine. La risoluzione delle immagini viene misurata in pixel per pollice. Nel web la risoluzione dellimmagine è condizionata dalla risoluzione del monitor. Risoluzione del monitor Il numero di pixel visualizzati per unità di lunghezza sul monitor variano a seconda della macchina che stai usando: PC: ha una risoluzione del monitor pari a 96 dpi (punti per pollice) Mac: ha una risoluzione del monitor pari a 72 dpi Se si considera che la risoluzione usata per la stampa è di 300 pixel per pollice, si capisce quanto sia differente preparare unimmagine per il web piuttosto che per la stampa.
  • 28. Concetto di risoluzione - dimensioni e misure delle immagini 3 tipi di misure per la dimensione dell’immagine: la conta dei pixel (es: 3000 x 2000 pixel) la dimensione fisica (es: 20 cm x 30 cm) la risoluzione (es: 300 pixel per pollice, ppi) I pixel. Quando un’immagine viene mostrata a video, l’unica cosa che conta è la dimensione in pixel (es:1600 x 1200). Tutti gli altri dati presenti nel file vengono ignorati. Quando un’immagine supera le dimensioni dello schermo, IE la ridimensiona per mostrarla intera. Quindi il modo di controllare la dimensione di un’immagine a video è cambiarne l’altezza e/o la larghezza in pixel. La dimensione fisica. È la misura dei lati dellimmagine stampata, espressa in cm o in pollici. Pixel per Inch. Pixel per inch -pixel per pollice- si utilizza per la stampa, non per il monitor. Dot Per Inch. DPI significa dots per inch -cioè punti per pollice- ed è una proprietà della stampante e del suo driver di stampa, non dellimmagine. Ci dice quanto possono essere spaziate le gocce dinchiostro sulla carta, quanto vicini vogliamo porre i pixel: gli standard a questo proposito stabiliscono che nella stampa a getto d’inchiostro la densità è di 300 dpi per l’alta qualità (a 240 dpi avete ancora ottimi risultati).
  • 29. Grazie dell’attenzione Chiara Tuoni