• Like
  • Save
Il social recruiting in italia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Il social recruiting in italia

  • 5,299 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
5,299
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Il social recruiting in Italia a cura di Ivana Pais Università Cattolica del Sacro Cuore ivana.pais@unicatt.it @ivanapais
  • 2. Canali utilizzati per la ricerca del lavoro 80.0 70.0 60.0 50.0 40.0 30.0 20.0 Unione Europea (27 10.0 Paesi) 0.0 Italia
  • 3. Utilizzo di internet e dei social network 70 60 50 40 UE-27 30 Italia 20 10 0utilizzo frequente a social network (facebook, twitter, etc.) del lavoro etc.) partecipazione di internet a network professionali (LinkedIn, Xing, partecipazione ricerca
  • 4. Per classi di età10090 internet807060 social network50 (Facebook, Twitter…)40 ricerca del lavoro online302010 social network 0 professionali (LinkedIn, Xing..) >=75 6-10 11-14 15-17 18-19 20-24 25-34 35-44 45-54 55-59 60-64 65-74
  • 5. La ricerca del lavoro online• 19,4% di coloro che utilizzano internet (nel 2010 era il 17,2%), che corrisponde al 12% della popolazione italiana (la media europea è del 17%).• Digital literacy, digital divide di secondo livello o digital job search divide: il 45% degli utenti internet ritiene di possedere abilità sufficienti per cercare lavoro attraverso il web.• La ricerca del lavoro attraverso internet è poco costosa e quindi viene utilizzata anche da chi ha poco tempo disponibile, come persone già occupate, che spesso accedono direttamente dal luogo di lavoro, ma anche da chi ha poco interesse o poche speranze di trovare un nuovo lavoro.• La maggiore disponibilità di informazioni non si traduce automaticamente in informazioni migliori.
  • 6. Dal web ai social network• Reti personali visibili• Reputazione• Privacy• Candidature passive
  • 7. La ricerca • Adecco Italia e Reputation Manager • Novembre 2011 – gennaio 2012 • 9.100 candidati e 503 selezionatori
  • 8. Grazie per l’attenzioneIvana Paiswww.laretechelavora.com ivana.pais@unicatt.it @ivanapais