Tfa 10^ lezione 18 aprile gli strumenti di progettazione per la disabilità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Tfa 10^ lezione 18 aprile gli strumenti di progettazione per la disabilità

on

  • 634 views

 

Statistics

Views

Total Views
634
Views on SlideShare
634
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
9
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Tfa 10^ lezione 18 aprile gli strumenti di progettazione per la disabilità Presentation Transcript

  • 1. 1Prof. Domenico Milito Gli strumenti di progettazione curricolare per l’integrazione dei disabili 18 aprile 2013 TFA Terzo Modulo: Interventi per l’integrazione scolastica dei disabili
  • 2. Legge Quadro n. 104/92 e successive disposizioni applicative Prof. Domenico Milito hanno definito e regolamentato una specifica metodologia di lavoro di grande importanza per l’integrazione scolastica.
  • 3. Legge n. 104 del 5.2.1992Legge n. 104 del 5.2.1992 Prof. Domenico Milito - Detta i principi dell’ordinamento in materia di:  diritti  integrazione sociale  assistenza della persona handicappata. - Ha segnato una svolta politica e culturale a favore delle persone disabili. - Ha focalizzato la situazione di handicap, proiettandola ad una situazione di svantaggio sociale.
  • 4. Legge n. 104 del 5.2.1992Legge n. 104 del 5.2.1992 art. 13 Prof. Domenico Milito Progetto globale di integrazione: -educativo (integrazione) -riabilitativo (recupero) -sociale (socializzazione) (È facile presupporre che tale tripartizione è stata effettuata dal legislatore non con la volontà di provocare compartimentalizzazioni e, quindi, scissioni invalicabili fra le diverse programmazioni degli interventi al servizio delle persone in situazione di handicap, giacchè, essendo diversi gli attori intervenienti (titolari ognuno di determinate responsabilità e chiamati ad operare in un contesto sociale, istituzionale, politico molto complesso), si è voluto circoscrivere gli ambiti di competenza tenendo presente, comunque, uno scenario laddove i processi attivati non possono che essere sinergici e tendere ad un unico scopo: la piena integrazione delle persone disabili nella famiglia, nella scuola, nel mondo del lavoro, nella società)
  • 5. Legge Quadro n. 104/92 Prof. Domenico Milito Compiti specifici affidati ai diversi soggetti istituzionali (AS, Ente Locale, Scuola)) Strumenti indispensabili per l’integrazione scolastica: Diagnosi Funzionale, Profilo Dinamico Funzionale, Piano Educativo Individualizzato, illustrati, poi, analiticamente nell’Atto di indirizzo contenuto nel D.P.R. del 24.2.94..
  • 6. Diagnosi Funzionale Che cos’è Chi la fa Prof. Domenico Milito È la descrizione analitica della compromissione funzionale dello stato psico-fisico dell’alunno in situazione di handicap, rilasciata a seguito di appositi accertamenti collegiali richiesti dalla famiglia (DPCM n. 185 del 23 febbraio 2006) L’Unità Multidisciplinare composta da: - medico specialista nella patologia; - specialista in neuropsichiatria infantile; -terapista della riabilitazione; -operatori sociali dell’A.S.
  • 7. Si articola nei seguenti accertamenti: a) anamnesi fisiopatologica b) diagnosi clinica Tiene conto delle potenzialità registrabili in ordine agli aspetti: cognitivo, affettivo-relazionale, linguistico-sensoriale, motorio-prassico, neuropsicologico, autonomia personale-sociale A cosa serve Pone in evidenza le principali aree di potenzialità e di carenza presenti nella fase di sviluppo Prof. Domenico Milito
  • 8. Profilo Dinamico Funzionale Che cos’è Chi lo fa L’Unità Multidisciplinare composta da: - medico specialista della patologia - specialista in neuropsichiatria infantile - terapista della riabilitazione -operatori sociali dell’A.S. -operatori scolastici Prof. Domenico Milito È un documento che descrive in modo analitico i possibili livelli di risposta dell’alunno riferiti alle relazioni in atto e a quelle programmabili
  • 9. Profilo Dinamico Funzionale Cosa contiene La descrizione funzionale dell’alunno in relazione alle difficoltà che dimostra di incontrare L’analisi dello sviluppo potenziale dell’alunno a breve e a medio termine, desunta dai parametri: cognitivo, affettivo-relazionale, comunicazionale, linguistico, sensoriale, motorio-prassico, neuro-psicologico, autonomia, apprendimento Prof. Domenico Milito
  • 10. Profilo Dinamico Funzionale Dov’è redatto Quando è redatto Prof. Domenico Milito È impostato all’inizio della scolarizzazione; alla fine della seconda e della quarta classe della scuola primaria e della seconda classe della scuola secondaria di primo grado viene tracciato un bilancio diagnostico e prognostico; alla conclusione della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado deve essere aggiornato Su un modello la cui forma può essere liberamente scelta dagli operatori scolastici e socio-sanitari (il D.P.R. 24.2.1994 si limita a presentare una scheda riepilogativa riportata nel suo allegato “b”)
  • 11. Piano Educativo Individualizzato Che cos’è Chi lo fa Prof. Domenico Milito È redatto congiuntamente dagli operatori sanitari della A.S. e dal personale insegnante curricolare e di sostegno della scuola e, ove presente, dall’insegnante operatore psico- pedagogico, in collaborazione con i genitori È il documento nel quale vengono descritti gli interventi integrati ed equilibrati tra di loro, predisposti per l’alunno in situazione di handicap, in un determinato periodo di tempo, ai fini della realizzazione del diritto all’educazione e all’istruzione
  • 12. Piano Educativo Individualizzato Cosa contiene A cosa serve Dove è redatto Prof. Domenico Milito Mira all’integrazione di tutti gli interventi finalizzati alla piena realizzazione del diritto all’educazione e alla istruzione dell’alunno in situazione di handicap Su un modello la cui forma è liberamente scelta dagli operatori scolastici e socio-sanitari Tiene presenti i progetti didattico- educativi, riabilitativi e di socializzazione individualizzati, nonchè le forme di integrazione tra attività scolastiche ed extrascolastiche
  • 13. Legge-Quadro n. 328 del 18 ottobre 2000 ha prefigurato la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali al fine di promuovere il “progetto globale di vita” Prof. Domenico Milito
  • 14. Strumenti per il progetto globale di vitaStrumenti per il progetto globale di vita (art. 14, L. n. 328/2000)(art. 14, L. n. 328/2000) Progetto individuale per la persona disabile Prof. Domenico Milito Serve per realizzare la piena integrazione delle persone disabili - nell’ambito della vita familiare e sociale - nei percorsi dell’istruzione scolastica o professionale e del lavoro È predisposto su richiesta dell’interessato dai Comuni, d’intesa con le A.S.
  • 15. Prof. Domenico Milito Comprende: - valutazione diagnostica-funzionale -prestazioni di cura e riabilitazione a carico del SSN (Sistema Sanitario Nazionale) - i servizi alla persona a carico del Comune in forma diretta o accreditata, con particolare riferimento al recupero e alla integrazione sociale -misure economiche necessarie per il superamento di povertà, emarginazione, esclusione sociale Prevede l’erogazione di “titoli comunali” per l’accesso ai servizi
  • 16. Gruppi di lavoro per l’integrazione scolastica presso ogni scuola Gruppo di Lavoro Operativo (art. 15, c. 2, L. 104/92 )) COMPOSIZIONE Insegnanti, Operatori dei servizi, Familiari e studenti Collaborazione alle iniziative educative Integrazioni alle attività predisposte nel PEP FUNZIONI Anno scolasticoDURATA Prof. Domenico Milito
  • 17. 17 Fermo restando quanto previsto dall’art. 15 comma 2 della L. 104/92, i compiti del Gruppo di lavoro e di studio d’Istituto (GLHI) si estendono alle problematiche relative a tutti i BES. A tale scopo i suoi componenti sono integrati da tutte le risorse specifiche e di coordinamento presenti nella scuola: - docenti assegnatari di funzioni strumentali, - insegnanti per il sostegno, - AEC (Assistente Educativo Culturale), -assistenti alla comunicazione, - docenti “disciplinari” con esperienza e/o formazione specifica o con compiti di coordinamento delle classi, - genitori ed esperti istituzionali o esterni in regime di convenzionamento con la scuola (C.M.n. 8 del 6 marzo 2013) Azioni a livello di singola istituzione scolastica Prof. Domenico Milito
  • 18. Carta dei servizi Piano dell’Offerta Formativa Piano delle attività scolastiche e integrative (nel POF) Prof. Domenico Milito Strumenti elaborati dal Collegio dei Docenti
  • 19. Prove differenziate Materiali didattici Griglie di rilevazione Strumenti elaborati da Docenti Singolarmente e/o in gruppo Il Piano di Studio Personalizzato riflette il PEP Le Unità di Apprendimento Scheda di valutazione Prof. Domenico Milito
  • 20. Fasi del Piano delle attività integrative incluso nel POF Premessa Rilevazione della situazione di partenza Criteri di intervento Modalità organizzative e risorse professionali Obiettivi generali Modalità di Verifica Assegnazione degli alunni ai docenti specializzati Strategie metodologiche e didattiche Valutazione Prof. Domenico Milito
  • 21. Ricognizione della situazione di partenza Rilevazione e analisi delle difficoltà a livello di area socio-affettiva •Autostima •Rapporto con gli altri •Rapporto socio-familiare a livello di autonomia personale e sociale a livello disciplinare Griglia per l’impostazione di un percorso individualizzato Prof. Domenico Milito
  • 22. Obiettivi e interventi per: •l’area socio-affettiva •l’area dell’autonomia •le carenze disciplinari Verifica in itinere relativa agli aspetti individuati Verifica e valutazione finale Prof. Domenico Milito