Slide++dott.+roberto+bertolino

  • 197 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
197
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Seconde generazioni o Generazioni alla seconda
  • 2. I minori stranieri in Italia sono migranti o figli di migranti: 1) Seconde generazioni 2) Migrati con i genitori (spesso Rifugiati politici) 3) Migrati a distanza di tempo dai genitori (ricongiungimenti) 4) Figli di genitori irregolari 5) Minori non accompagnati 6) Figli di coppia mista 7) Arrivati in seguito ad adozioni internazionali
  • 3. Rambaut distingue minori di generazione: 1,25 (migrano tra i 13 ed i 17 anni) 1,5 (hanno iniziato i processi di scolarizzazione e socializzazione nel paese di origine, ma li hanno completati in terra di migrazione) 1,75 (trasferiti da noi in età prescolare tra gli 0 ed i 5 anni) 2 (nati in Italia)
  • 4. Il concetto di cultura Un’eredità problematica (a cui non si può rinunciare)
  • 5. • Fame di antropologia • Culturalizzazione delle differenze • Fondamentalismo culturale
  • 6. Concetto “tradizionale” di cultura • “Coltura animi” (da cŏlere: coltivare, onorare): coltivazione dello spirito come forma di erudizione, relativa ad una “grande tradizione” fondata sulla scrittura. • Espressione di valori universali e distinzione fra chi ha cultura (colto) e chi non la possiede (incolto).
  • 7. Illuminismo • Francia: culture come civiltà e costumi, caratterizzati dalla dimensione della varietà (Voltaire, 1745: Essai sur les moeurs et l’esprit des nations). • Germania: Kultur come particolarità di un popolo, il suo “genio” o il suo “spirito” (Volkgeist); distinzione fra Bildung e Kultur (Herder, 1764: Geshichte der lyrishen Dichtkunst).
  • 8. Romanticismo e positivismo • Gustav Klemm (1802-1867): Kultur come “costumi, informazioni e tecniche, vita domestica e pubblica di pace e di guerra, religione, scienza e arte”. Stadi di sviluppo culturale: selvaggio, di sottomissione, di libertà. Determinismo razziale: “razza passiva” (mongoloidi, negroidi, egiziani, finni, hindu e gruppi inferiori europei) e “razza attiva” (ariana germanica) (184352: Allgemeine Kulturgeshichte der Menshheit)
  • 9. Antropologia “evoluzionista” Edward Burnett TYLOR (1832-1917): Primitive Culture (1871) Definizione di cultura e antropologia come “scienza generale del comportamento” Lewis Henry MORGAN (1818-1881): Ancient Society (1877) Definizione degli stadi dell’evoluzione dell’umanità: selvatichezza, barbarie, civiltà (James George FRAZER (1854-1941): The Golden Bough (1890 Schema evolutivo delle forme di credenza: magia, religione, scienza
  • 10. Paradigma evoluzionista Civiltà - Scienza Barbarie - Religione Selvatichezza – Magia
  • 11. Antropologia “funzionalista” • Bronislaw Malinowski: Argonauti del pacifico occidentale (1921) Teorizzazione del metodo dell’osservazione partecipante (vita quotidiana all’interno dei contesti studiati) • Radcliffe-Brown: La “struttura sociale” come pattern che unifica una società in modelli di comportamento definiti da regole implicite ed esplicite • E.E. Evans-Pritchard: Stregoneria, oracoli e magia fra gli Azande (1943) I Nuer (1948) concetto di struttura sociale
  • 12. Paradigma funzionalista A B C D E Mosaico di culture: … Le “culture” o “società” sono definite all’interno di confini chiari ed uniformanti, che separano etnie, tribù, popoli. La “coerenza interna” è la regola. Il funzionamento è “olistico” ed “integrato”.
  • 13. Antropologia interpretativa • Clifford Geertz: Interpretazione di culture (1973) Gli uomini, in quanto uomini, sono chiamati a dare delle risposte sulla vita e sulla realtà (la nascita, la morte, la sofferenza, ecc.) Le culture forniscono tali risposte e, in tal senso, esse sono “interpretazioni” del mondo L’antropologo si avvicina allo studio culturale fornendo interpretazioni di quello che vede L’antropologia è costruita attraverso “interpretazioni di interpretazioni”
  • 14. Cultura oggi (movimento e conflitto) • Le società si definiscono attraverso gli incontri e gli scambi • Le “tradizioni” si strutturano a partire da processi di oggettivazione (“invenzione della tradizione”, Hobsbawn e Ranger, 1983) • I processi di reificazione culturale sono forme di riproduzione del potere costituito • Le “identità” si trovano a confrontarsi con queste logiche • Le società sono percorse da processi conflittuali e lotte per l’esercizio di un’egemonia • Le “culture” rappresentano anche tali dissidi e disaccordi
  • 15. Come pensare la cultura in un intervento consapevole (cultura come “conflitto” e “movimento”) • la mancanza di armonia, compattezza, staticità; • la presenza di una costante conflittualità, e la lotta fra i suoi attori per l’esercizio di un’egemonia (di senso, di valori, ecc.); • la difficoltà o l’impossibilità per la totalità dei suoi membri di riconoscervisi, ciò che accade spesso per effetto di forze esterne che svalutano il senso o erodono attivamente il grado di pertinenza simbolica delle culture; • l’essere percorse da una inquieta dialettica fra adesione e ribellione alle sue norme, dialettica dalle infinite espressioni, come le vicende degli immigrati illuminano in modo esemplare; • l’incessante creolizzazione e contaminazione dei suoi materiali (miti, lingua, rappresentazioni, comportamenti, ecc.); • il ruolo decisivo di strategie di occultamento e di finzione, operanti allo scopo di riprodurre poteri e gerarchie. da Beneduce “Politiche dell’etnopsichiatria e politiche della cultura” Seminario tenutosi ad Arezzo, lug 2000.
  • 16. IN CONCLUSIONE Nel lavoro sociale si incontrano persone, non “culture” (ma le appartenenze e il modo di definirle diventano significative) La “cultura” è qualcosa che si fa, non qualcosa che si ha: l’attenzione va posta sui “processi di costruzione culturale”, a cui tutti partecipano, in modi diversi e con risorse differenti «La cultura è uno strumento euristico utile per parlare della differenza, piuttosto che una proprietà degli individui o dei gruppi … propongo di considerare culturali solo quelle differenze che esprimono oppure formano la base per la mobilitazione di identità di gruppo» (Appadurai, Modernità in polvere)
  • 17. Alcuni aspetti importanti • Ogni cultura è multiculturale • Due rischi opposti: relativismo ingenuo e universalismo banalizzante • Logica del chiunque • La nozione di Antropopoiesi • Salvaguardare la diversità e non i singoli contenuti culturali
  • 18. Processi migratori, identità e cambiamento
  • 19. Per comprendere la natura ed i conflitti che caratterizzano la scelta di migrare è necessario fare costantemente riferimento a entrambi i poli del processo: il contesto di partenza e quello di arrivo (Sayad) Due aspetti dei processi migratori contemporanei: 1. Disagio economico e politico 2. Globalismo rappresentazionale
  • 20. La migrazione nel paese d’origine: l’impossibilità di sapere IMMIGRATO ⇓ NON DIRE FAMIGLIA ⇓ NON CREDERE OBBLIGO DEL SUCCESSO FALLIMENTO E’ SEMPRE PERSONALE IMPOSSIBILITA’ DEL RITORNO
  • 21. La migrazione nel paese di accoglienza Bisogno di manodopera Fantasmi di predazione e contaminazione DIVIETO DI CITTADINANZA PARADOSSO FONDAMENTALE
  • 22. ASSEGNAZIONE A DOMICILIO CON DIVIETO DI CITTADINANZA LIMINARITA’ E AMBIVALENZA (possibile irrigidimento e chiusura) DOPPIA ASSENZA (Sayad) OVUNQUE FUORI LUOGO (Bordieu)
  • 23. Ambivalenze ed irrigidimenti • Tre livelli dell’identità del migrante • Tre aspetti centrali dell’ambivalenza • Rischio di modelli identitari imperniati su chiusura ed irrigidimento
  • 24. La Famiglia Immigrata
  • 25. Passaggio dal singolo alla famiglia • Necessità di maggiore negoziazione e interazione tra modelli culturali e valoriali differenti • Con la filiazione viene rimesso in discussione il mito del ritorno • Ruolo peculiare della donna, sottoposta ad una serie di fattori di stress e tensione • Transizione e passaggio tra modelli di legame e relazione famiglia differenti
  • 26. Alcune caratteristiche famiglie immigrate • Pluralità delle appartenenze • Stabilizzazione • Comportamenti riproduttivi più fecondi • Assenza generazione degli anziani • Frequenza elevata di nuclei monogenitoriali • Prevalere delle relazioni orizzontali • Condizioni socio-economiche spesso connotate dal vissuto di precarietà precarie o comunque
  • 27. Percorsi di costruzione della famiglia 1. Prima gli uomini 2. Prima le donne 3. Famiglie in viaggio 4. Coppie “omoculturali” in esilio 5. Nuclei monogenitoriali 6. Coppie miste (con un partner italiano o meno)
  • 28. Elementi di problematicità • “Norme” sociali implicite che definiscono il posto dei migranti nella nostra società • Ambiente di vita caratterizzato da modelli diversi da quelli sperimentali (di genere, famigliari, relazionali, generazionali) • Centralità di alcuni miti famigliari • Alcune tappe del ciclo di vita risultano particolarmente problematiche
  • 29. Snodi critici del ciclo di vita: Nascita Scolarizzazione Adolescenza
  • 30. I ricongiungimenti famigliari 1. Stiamo parlando di “migranti non per scelta” 2. Migrare in adolescenza comporta un’esperienza di regressione 3. Migrazione come trauma e disorientamento 4. All’arrivo in Italia profonda delusione per le condizioni di vita dei genitori ⇒ Disillusione traumatica⇒ carenza di modelli di identificazione
  • 31. Fattori di problematicità 1. Separazione da figure di riferimento (migrazione come trauma) 2. Ri-negoziazione funzioni genitoriali 3. Distanza dovuta al lavoro riproduce quella geografica 4. Difficoltà di relazione con coetanei⇒ rischio di marginalità ed esclusione 5. Talvolta pendolarismo 6. Gruppo di pari connazionali come “strategia” di non dispersione (Etnogenesi)
  • 32. Per comprendere il disagio psicologico degli adolescenti migranti non bisogna limitarsi a considerare soltanto le variabili cliniche, la dimensione psicologica appunto della sofferenza, perché quando parliamo di immigrazione siamo già al cospetto di un fenomeno che è sociale, economico e politico e proprio nei vincoli, nei paradossi e nelle ambivalenze di questo fenomeno, per come si realizza nel nostro contesto, vanno ricercati gli elementi che possono portare al disagio.
  • 33. Integrazione marginale Come ha intuito Michel de Certeau (2007), la stigmatizzazione dello straniero ha a che fare anche con alcuni caratteri propri delle società occidentali postmoderne: l’atomizzazione, l’individualismo, la cancellazione progressiva delle gerarchie simboliche fanno sì che l’immigrato e il minoritario siano investiti del ruolo di figura antinomica, «per una folla sempre più deprivata di rappresentazioni proprie». L’identità degli «altri », drammatizzata, serve così a compensare la propria indifferenziazione. In tal modo, come egli conclude icasticamente, «l’immigrato diventa l’antidoto dell’anonimo»
  • 34. La "cultura", il confronto fra culture locali e culture straniere, sono stati utilizzati per dissimulare o ridefinire come culturali conflitti e comportamenti che sono di altra origine, o quanto meno hanno anche altre radici, prima fra tutte quella concernente i rapporti di forza e la marginalizzazione economica.
  • 35. “La violenza simbolica si istituisce tramite l’adesione che il dominato non può non accordare al dominante (quindi al dominio) quando, per pensarlo e per pensarsi o, meglio, per pensare il suo rapporto con il dominante, dispone soltanto di strumenti di conoscenza che ha in comune con lui e che, essendo semplicemente la forma incorporata del rapporto di dominio, fanno apparire questo rapporto come naturale” Bordieu
  • 36. Loro ci descrivono [… ] Loro hanno il potere della descrizione e noi soccombiamo di fronte alle pitture che loro costruiscono. Rushdie
  • 37. Se partiamo da queste considerazioni ci accorgiamo che ha ragione Sayad a definire questi ragazzi come soggetti SCOMODI. Sono scomodi perché fanno cadere illusione della transitorietà: questi ragazzi e queste ragazze, questi bambini e queste bambine che incontriamo, sono lì a rappresentare in carne ed ossa, a presentificare per noi come per i loro genitori che quella era una illusione, che quella cosa non è possibile. Diventano bambini e bambine scomodi tanto per i genitori, tanto per la società che accoglie i loro genitori. Sayad utilizza un’espressione sociologica, e dice: quando un fenomeno migratorio da migrazione per lavoro si trasforma in migrazione di popolamento, cambiano le regole del gioco (Taliani).
  • 38. Frattura generazionale Doppia autorizzazione
  • 39. In alcuni casi… I genitori possono avere così paura che i figli vengano discriminati o non si inseriscano nel nostro contesto da fare delle privazioni molto dolorose: in alcuni casi rinunciano alla loro identità culturale ed a trasmettere la loro cultura al figlio, magari parlandogli solo in italiano, per aiutarlo a inserirsi nella nostra società: in questo modo si arriva però gradualmente al rischio di quella che Yahyhaoui ha definito “esclusione dei figli dalla propria genealogia”: viene trasmesso il TRAUMA e non l’identità.
  • 40. In altri… Può però succedere anche l’opposto, ossia può accadere che genitori temano profondamente di avere dei figli “troppo diversi da loro” e quindi facciano ai figli delle richieste di segno opposto: fanno in alcuni casi il sacrificio di rimanere nella migrazione per i loro figli e gli chiedono in cambio quello che potremmo chiamare un “sacrificio di lealtà”, ossia di non essere “troppo italiani” generando nei figli il vissuto di tradire la famiglia proprio per il loro essere “anche” italiani.
  • 41. In entrambi i casi: Nella filiazione nel paese ospite si pone anche e sempre il dubbio sulla replicabilità culturale : come avere dei figli che, oltre ad essere italiani, siano anche propri e quindi continuatori di se stessi? ⇓ Il rischio è che i figli possano diventare come degli estranei per i genitori
  • 42. • Il figlio di immigrati è soggetto ad una vulnerabilità specifica, il rischio transculturale. A questo proposito Marie Rose Moro transculturale parla di soggetti esposti • Questa vulnerabilità si esprime attraverso “una minima resistenza ai fattori distruttivi e alle aggressioni” (M. R. Moro) • Il ragazzo deve inoltre far fronte ad una doppia fragilità, la fragilità propria e quella dei genitori (il mondo non è sufficientemente prevedibile per lui)
  • 43. Fattori di vulnerabilità 1. Fragilità delle figure genitoriali: - trasmissione del trauma psichico migratorio - difficoltà di trasmissione dell’identità 2. Scissione tra mondi culturali (ma anche sociali ed affettivi) 3. Aspetti sociali: svalutazione sociale dei genitori e rifiuto assimilazione subalterna (Non essere cittadini…) 4. Problematico equilibrio tra filiazione ed affiliazione
  • 44. Trauma della migrazione ⇓ Fragilità genitoriali ⇓ Inadeguato sistema di protezione ⇓ Trasmissione del trauma psichico ⇓ Vissuti di autosvalutazione
  • 45. Problematiche sociali 1. Assimilazione Atomica 2. Assimilazione Subalterna 3. Delegittimazione dei genitori
  • 46. La scuola è…
  • 47. Nel rapporto con la scuola • Disconferma educative reciproca delle voci • Rispecchiamento delle aspettative • Figli rapidamente più competenti dei genitori dal punto di vista sociale
  • 48. Sfiducia e diffidenza verso gli insegnamenti della scuola Possibile stigmatizzazione delle competenze genitoriali ragazzo col ruolo di mediatore Indecidibilità Vantaggi Secondari Solitudine e vuoto depressivo Compensazioni narcistiche
  • 49. Famiglia Scuola Strada
  • 50. L’adolescenza
  • 51. -Scarsa dimestichezza dei genitori con i tempi ed i modi dell’adolescenza (che non può essere considerata universale né da un punto di vista sincronico né da quello diacronico) - Processi di inversione generazionale e conflitti con l’autorità - Compensazione attraverso il gruppo dei pari ( Affiliazione difensiva) difensiva - Vissuti di impotenza e vittimizzazione da parte dei genitori - Crisi aperta della filiazione e aggaravamento dei vissuti di estraneità reciproca - Dinamiche sociali che producono una delegittimazione dei genitori agli occhi dei figli
  • 52. Figli riattualizzano i problemi di inserimento dei genitori Talvolta i genitori non hanno fatto esperienza dei tempi e dei modi dell’adolescenza Aumenta tendenza alla compensazione con il gruppo di pari Scissione tra filiazione e affiliazione con conseguente de-filiazione
  • 53. Vissuti di estraneità reciproca Allontanamento dei figli dai genitori Affiliazione al gruppo dei pari come strategia compensatoria
  • 54. Riassumendo: dinamiche famigliari rilevanti 1. Svalutazione sociale dei genitori e conferimento di identità deboli 2. Figli mediatori e più competenti ⇒ parentificazione 3. Uso delle istituzioni da parte dei figli 4. Alternanza (“stranieri” e/o “italiani”) 5. Visione modelli relazionali differenti 6. Gruppo dei pari come veicoli di identità (Entogenesi) 7. Vittimizzazione ⇒ disconnessione dalla parentalità 8. Rifiuto assimilazione subalterna e difficoltà dei genitori a comprendere i vissuti di discriminazione dei figli 9. Oggi in particolare forti vissuti di precarietà
  • 55. Fattori Culturali Sociali Discriminazione percepita
  • 56. IDENTITA’ 1.Integrazione tra gli oggetti interni 2. Appartenenze
  • 57. Filiazione e affiliazione Filiazione Legame attraverso il quale ogni soggetto viene a situarsi in senso verticale all’interno di un gruppo in rapporto ai suoi ascendenti e discendenti, reali e immaginari Affiliazione Legame attraverso cui il soggetto si inserisce all’interno del proprio contesto socio-culturale e dei pari
  • 58. De-filiazione Difficoltà di affiliazione Affiliazione difensiva scissa dalla filiazione traumatofilia autolesionismo devianza tossicomania
  • 59. Sappiamo tutti, i modelli psicologici lo dicono da tanto, che chiaramente l’adolescente è alla ricerca dell’identità, ma in questo caso la ricerca di un’esperienza traumatica nel ragazzo o nella ragazza immigrata, possono essere al contempo la ricerca di una loro posizione al cospetto delle logiche familiari, al cospetto della società che li ha accolti e al cospetto del gruppo dei pari o dei coetanei, che appunto li può espellere o integrare proprio in virtù dell’esperienza traumatica (Taliani).
  • 60. Ragazzi e Ragazze • La nostra società sembra essere molto più preoccupata del disagio dei ragazzi mentre spesso le famiglie sono maggiormente attente alle ragazze • Differenti forme di espressione della sofferenza • Maggiori richieste di conformismo culturale • Vissuti di tradimento e di colpa
  • 61. Lavorare con gli adolescenti migranti • Non allearsi con gli adolescenti contro i genitori • Rapporti di coppia e genitorialità • Effetto Specchio (Sayad e Benasayag)
  • 62. • “Le seconde generazioni sono modificare la società di ⇒Negoziazione tra modelli e valori destinate a accoglienza” • “Le appartenenze sono cumulabili, mentre la perdita di una cultura è una tragedia” (Todorov) • Attenzione all’effetto pigmalione
  • 63. Quello che va salvato è la diversità, non il contenuto storico che ogni epoca le ha conferito e che nessuna può perpetuare al di là di se stessa Levy-Strauss
  • 64. Ogni essere umano è situato nel tempo e lo spazio; che ognuno di noi è insieme significato e significante; cioè produce dei significati, attribuisce un senso alla propria esistenza ma è anche, contemporaneamente, prodotto dal contesto e dagli altri Sartre
  • 65. Fine