Lezione01

331 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
331
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lezione01

  1. 1. Corso di laurea specialistica “Formazione, comunicazione e innovazione nei contesti sociali e organizzativi” Facoltà di Psicologia 2 – Università “La Sapienza” di Roma Corso di Semiotica – prof. Piero Polidoro Lezione 1 Introduzione alla semiotica
  2. 2. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Sommario 1. Presentazione del corso; 2. Breve introduzione storica alla semiotica; 3. Significazione/comunicazione e il modello di Jakobson. 1 di 15© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  3. 3. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Programma delle lezioni Settimana 1 - 2 Basi teoriche 3 - 4 Strutture narrative 5 - 8 Strumenti di analisi e applicazioni 2© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  4. 4. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Filosofia del linguaggio … 3© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  5. 5. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Charles Sanders Peirce 1839 – 1914 Stati Uniti Filosofo, logico e scienziato, è considerato, insieme a Saussure, il fondatore della semiotica moderna. I suoi scritti sono stati pubblicati postumi nei Collected Papers. 4© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  6. 6. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione La linguistica e la “scoperta” del sanscrito – Franz Bopp 1791 – 1867 Germania Fu il primo (insieme al danese Rask) a descrivere coerentemente e rigorosamente le analogie fra il sanscrito (lingua colta usata dalle caste indiane più elevate) e le lingue europee, ponendo le basi per il riconoscimento del gruppo indoeuropeo. È considerato il padre della grammatica comparata. 5© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  7. 7. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Ferdinand de Saussure 1857 – 1913 Svizzera È il padre della linguistica moderna. Ha elaborato i principi fondamentali di quello che, dopo la sua morte, sarebbe stato definito “strutturalismo”. Le sue lezioni di linguistica presso l’Università di Ginevra sono state pubblicate postume nel Corso di linguistica generale. 6© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  8. 8. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Roman Jakobson 1896 – 1982 Russia (Cecoslovacchia – Stati Uniti) È stato uno degli animatori del Circolo linguistico di Praga. È considerato uno degli esponenti più importanti della linguistica del ’900. I suoi articoli più importanti sono raccolti nei Saggi di linguistica generale. 7© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  9. 9. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Louis Hjelmslev 1899 – 1965 Danimarca È il più rigoroso teorico del metodo strutturalista. Ha elaborato, sulla scia di Saussure, molti dei concetti fondamentali della semiotica. Le sue opere più importanti sono i Fondamenti a una teoria del linguaggio e i Saggi linguistici. 8© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  10. 10. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Claude Lévi-Strauss 1908 Francia Ha applicato il metodo strutturalista, che ha notevolmente contribuito a diffondere, all’antropologia culturale. Fra le sue opere, Il pensiero selvaggio e Il crudo e il cotto. 9© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  11. 11. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Roland Barthes 1915– 1980 Francia È il primo ad aver applicato la semiotica allo studio dei diversi linguaggi. I suoi Elementi di semiologia sono considerati spesso come il segno d’inizio di diffusione della semiotica. La sua “semiologia”, però, è ancora troppo ancorata alla linguistica (tanto che spesso è stata considerata una translinguistica, cioè una linguistica applicata a testi non verbali). Con Greimas, Eco e i semiologi della generazione immediatamente successiva si passa ad una vera e propria semiologia autonoma, ribattezzata semiotica.© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro). 10
  12. 12. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Algirdas Julien Greimas 1917 – 1992 Lituania (Francia) È il fondatore della semiotica generativa, di stampo strutturalista. Si è interessato, in particolare, di semantica e di strutture narrative. La semiotica generativa è più orientata all’analisi dei testi. La teoria di Greimas è esposta sistematicamente in Semiotica. Dizionario ragionato della teoria del linguaggio. 11© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  13. 13. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Umberto Eco 1932 Italia È il padre e principale esponente della semiotica interpretativa che, pur tenendo presente la lezione strutturalista di Saussure e Hjelmslev, si basa anche sul pensiero di Peirce. L’intento della semiotica interpretativa è quello di comprendere e ricostruire il processo di interpretazione (dei testi e della realtà). Fra le sue opere il Trattato di semiotica generale, Lector in fabula e Kant e l’ornitorinco (che è molto vicino al campo delle scienze cognitive). 12© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  14. 14. Quadro storico Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Filosofia del linguaggio Peirce Eco Saussure Linguistica comparata Greimas Barthes Jakobson Lévi-Strauss Hjelmslev 13© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  15. 15. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Teoria matematica dell’informazione Lancio di una monetina Testa Croce 1 bit Estrazione 1 2 3 4 5 6 7 8 3 bit logA = x La quantità di informazione espressa in bit è uguale al logaritmo binario del numero delle possibilità (per es., nel caso della monetina log2=1, nel caso dell’estrazione log8=3). 14© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).
  16. 16. Presentazione del corso Quadro storico Il modello della comunicazione Le funzioni linguistiche di Jakobson CONTENUTO referenziale MITTENTE MESSAGGIO DESTINATARIO emotiva poetica conativa CONTATTO fatica CODICE meta-linguistica 15© Piero Polidoro, 2005 (http://digilander.libero.it/pieropolidoro).

×