Seminario di IN/FORMAZIONE
L’OBBLIGO DI ISTRUZIONE
“Assi culturali e competenze”
Claudio Gentili
Direttore Nucleo Educatio...
COMPETENZE
CHIAVE PER
L’APPRENDIMENT
O PERMANENTE
RISOLVERE I PROBLEMI
PROGETTARE
AGIRE IN MODO
AUTONOMO E
RESPONSABILE CO...
Decreto Ministeriale n.139
Regolamento per la disciplina dell’Obbligo di Istruzione
 Gli studenti non potranno smettere d...
Le Competenze
 Risiede nella libertà della persona (libertà anche
nell’invadenza delle tecnologie) la base di ogni
proces...
La Collaborazione Scuola - Industria
 Mutamento antropologico: non servono più solo
“mani che eseguono” ma “cervelli che ...
La Collaborazione Scuola - Industria
 Gli studi di Edgar Morin (Una testa ben fatta): i vari
tipi di scuola non si limiti...
La Collaborazione Scuola - Industria
 Secondo il documento della Commissione Europea
“Realizzare uno spazio europeo dell’...
 Apprendimento formale: avviene in un contesto
organizzato e strutturato (in un istituzione
scolastica/formativa o sul la...
La Collaborazione Scuola - Industria
 La competenza in molte teorie pedagogiche è
contrapposta alla conoscenza
 Nelle te...
Un tentativo di comunicazione tra sistemi
Conoscenze
(knowledge)
COMPETENZA Abilità (skill)
Qualità umane (habits)
Un tentativo di comunicazione tra sistemi
 Competenza in potenza, cioè capacità che
corrisponde all’esito di un percorso ...
Un tentativo di comunicazione tra sistemi
 Competenza:l’insieme equilibrato di “‘sapere”, “saper
fare” e “saper essere”
...
Un tentativo di comunicazione tra sistemi
Competenze strategiche trasversali:
- competenze relazionali (saper comunicare, ...
Un tentativo di comunicazione tra sistemi
Competenze tecnico – professionali polivalenti:
 sono le più specificamente att...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Gentili

130

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
130
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gentili

  1. 1. Seminario di IN/FORMAZIONE L’OBBLIGO DI ISTRUZIONE “Assi culturali e competenze” Claudio Gentili Direttore Nucleo Education Confindustria Spoleto, 16 gennaio 2008
  2. 2. COMPETENZE CHIAVE PER L’APPRENDIMENT O PERMANENTE RISOLVERE I PROBLEMI PROGETTARE AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE COLLABORARE E PARTECIPARE COMUNIC ARE IMPARARE AD IMPARARE Decreto Ministeriale n.139 Regolamento per la disciplina dell’Obbligo di Istruzione INDIVIDUARE COLLEGAMENT I E RELAZIONI ACQUISIRE ED INTERPRETARE L’INFORMAZIONE
  3. 3. Decreto Ministeriale n.139 Regolamento per la disciplina dell’Obbligo di Istruzione  Gli studenti non potranno smettere di studiare se non avranno conseguito titolo di studio di secondaria superiore o qualifica professionale entro il 18°anno  Tutti i giovani a 16 anni devono possedere saperi e competenze minime necessarie per “il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale” RIORDINO E POTENZIAMENTO ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI in linea con la strategia europea del Lifelong Learning e del VET RINNOVATA ATTENZIONE AD EDUCARE I GIOVANI in continuità con le indicazioni sull’obbligo scolastico INDICAZIONI NAZIONALI
  4. 4. Le Competenze  Risiede nella libertà della persona (libertà anche nell’invadenza delle tecnologie) la base di ogni processo formativo che non intenda trasformarsi in un piatto addestramento  Un selvaggio addestrato nell'uso di una tecnologia avanzata non si trasforma in una persona civilizzata, diventa tutt'al più un selvaggio efficiente  Le tecniche e le tecnologie costituiscono una ricchezza sociale se alla loro guida si pone il sapere e la consapevolezza
  5. 5. La Collaborazione Scuola - Industria  Mutamento antropologico: non servono più solo “mani che eseguono” ma “cervelli che sappiano come muovere le mani”  I kowledge workers:categoria centrale della forza lavoro nelle imprese di grandi e medie dimensioni nelle principali economie industriali dell'Occidente  Nel mondo della competizione globale vincono i più forti ed i più forti sono tali soprattutto in virtù della “risorsa conoscenza” e della capacità di organizzarla in competenza
  6. 6. La Collaborazione Scuola - Industria  Gli studi di Edgar Morin (Una testa ben fatta): i vari tipi di scuola non si limitino a fornire agli studenti un insieme di conoscenze disciplinari separate, poco approfondite e per nulla interrelate, né mere abilità tecnico-pratiche avulse da un più ampio contesto culturale  Non è più sufficiente assicurare nozioni e informazioni, ma occorre fornire saperi critici per continuare ad apprendere e per tradurre in pratica le abilità intellettuali
  7. 7. La Collaborazione Scuola - Industria  Secondo il documento della Commissione Europea “Realizzare uno spazio europeo dell’apprendimento permanente”,“le competenze di base comprendono le capacità fondamentali quali la lettura, la scrittura e il calcolo, nonché la capacità di “apprendere ad apprendere” e le nuove competenze in materia di tecnologia dell’informazione, di lingue straniere, la cultura tecnologica, lo spirito d’impresa e le competenze sociali”
  8. 8.  Apprendimento formale: avviene in un contesto organizzato e strutturato (in un istituzione scolastica/formativa o sul lavoro), è esplicitamente progettato come apprendimento e conduce alla certificazione;  Apprendimento non formale: è connesso ad attività pianificate ma non esplicitamente progettate come apprendimento (quello che non e’ erogato da una istituzione formativa e non sfocia di norma in una certificazione);  Apprendimento informale: le molteplici forme dell’apprendimento mediante l’esperienza risultante dalle attività della vita quotidiana legate al lavoro, alla famiglia, al tempo libero, non è organizzato o strutturato e non conduce alla certificazione. Modalità di apprendimento
  9. 9. La Collaborazione Scuola - Industria  La competenza in molte teorie pedagogiche è contrapposta alla conoscenza  Nelle teorie organizzative si riduce la competenza a sapere organizzativo/tecnico direttamente legato ai ruoli e alle mansioni professionali senza riconoscimento della dimensione globale della competenza come “sapere sapiente”
  10. 10. Un tentativo di comunicazione tra sistemi Conoscenze (knowledge) COMPETENZA Abilità (skill) Qualità umane (habits)
  11. 11. Un tentativo di comunicazione tra sistemi  Competenza in potenza, cioè capacità che corrisponde all’esito di un percorso formativo certificato  Competenza in atto, prestazioni che possono essere misurate solo nel contesto di una concreta esperienza di lavoro  L’acquisizione di competenze è il frutto delle esperienze che l’individuo fa nelle diverse tappe della vita formativa, lavorativa ed extralavorativa
  12. 12. Un tentativo di comunicazione tra sistemi  Competenza:l’insieme equilibrato di “‘sapere”, “saper fare” e “saper essere”  La scuola è destinata sempre più a misurare le sue mete in termini di standard minimi di competenze (descrizione di capacità) piuttosto che in programmi rigidi di insegnamento  Le competenze sono a loro volta distinguibili in tre ambiti fondamentali: 1. competenze di base 2. competenze strategiche trasversali 3. competenze tecnico-professionali polivalenti
  13. 13. Un tentativo di comunicazione tra sistemi Competenze strategiche trasversali: - competenze relazionali (saper comunicare, saper interagire, saper lavorare in gruppo) - competenze decisionali (saper risolvere problemi, saper valutare, saper decidere) - competenze diagnostiche (saper analizzare, saper controllare più variabili, saper reperire e trattare informazioni)
  14. 14. Un tentativo di comunicazione tra sistemi Competenze tecnico – professionali polivalenti:  sono le più specificamente attinenti al tipo di studi o di lavoro che si pratica; si deve evitare l’eccessiva specializzazione settoriale affinché sia possibile adattare e trasferire in differenti contesti, oltre che aggiornare in base alle innovazioni tecnologiche  l’acquisizione delle competenze tecnico - professionali potrà provenire soprattutto da esperienze fatte al di fuori dell’ambiente scolastico, vuoi per mezzo di stages aziendali, vuoi nella formazione professionale, vuoi tramite esperienze lavorative vere e proprie 
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×