• Like
Università Parma Agraria 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Università Parma Agraria 2011

  • 4,178 views
Published

Presentazione Facoltà di Agraria - Parma

Presentazione Facoltà di Agraria - Parma

Published in Education , Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
4,178
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
8
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Parma OFFERTA FORMATIVA DELLA FACOLTÀ DI AGRARIA A.A. 2011-2012 http://agraria.unipr.it
  • 2. DOVE SIAMO Sede Didattica Facoltà Presidenza di Facoltà Segreteria studenti
  • 3. La Facoltà di Agraria a Parma nasce nel 1993 con il Corso di Laurea di Scienze e Tecnologie Alimentari Nel 2004 viene istituito il corso di Laurea in Scienze Gastronomiche (prima Università pubblica in Italia ad offire questo percorso formativo) La Facoltà di Agraria di Parma è l’unica Facoltà totalmente dedicata agli alimenti e si caratterizza per la sua offerta formativa con una visione globale in campo alimentare ad alto contenuto scientifico e tecnologico
  • 4. Laurea in “ Scienze e Tecnologie Alimentari” (3 anni) Laurea in “ Scienze Gastronomiche” (3 anni) Laurea Magistrale in “ Scienze e Tecnologie Alimentari” (2 anni) I corsi di laurea della Facoltà di Agraria
  • 5. Iscritti al primo anno dei corsi di Laurea della Facoltà Totale Facoltà: 742 779
  • 6. Laureati nei corsi di Laurea della Facoltà
  • 7. Risultati dei questionari sui laureandi, anno 2009 Sono complessivamente soddisfatti del corso di laurea (%) STA 94.7% SG 92.7% STA magistrale 92.5% Sono soddisfatti dei rapporti con i docenti in generale (%) STA 87.7% SG 96.3% STA magistrale 90.0% Ritengono che il carico di studio degli insegnamenti sia stato sostenibile (%) STA 86.0% SG 85.1% STA magistrale 82.5%
  • 8. LA FILIERA ALIMENTARE Produzione Consumatore Trasformazione Conservazione e Distribuzione Conservazione e Distribuzione
  • 9. Biologia vegetale Chimica organica e degli alimenti Microbiologia Tecnologie di conservazione Nutrizione umana Produzioni agrarie Genetica vegetale Tecnologie di trasformazione Chimica analitica Biochimica Scienze e Tecnologie Alimentari
  • 10. Biologia animale Chimica organica e degli alimenti Microbiologia Nutrizione umana Produzioni animali Genetica animale Chimica analitica Biochimica Tecnologie di produzione Fisica Scienze e Tecnologie Alimentari
  • 11. Chimica organica e degli alimenti Microbiologia Nutrizione umana Chimica analitica Tecnologie di produzione Fisica Tecnologie di conservazione Chimica-Fisica Scienze e Tecnologie Alimentari
  • 12. FACOLTÀ DI AGRARIA DI PARMA DIDATTICA RICERCA
  • 13. Microrganismi patogeni Allergeni alimentari Micotossine Additivi, residui, contaminanti Le ricerche nella Facoltà di Agraria: Sicurezza Alimentare
  • 14. Le ricerche nella Facoltà di Agraria: Qualità e autenticità degli alimenti Nuove tecniche di produzione Nuove formulazioni Parametri di qualità dei prodotti alimentari Marcatori molecolari di autenticità
  • 15. Le ricerche nella Facoltà di Agraria: Nutrizione e salute Nuovi prodotti ad aumentato valore nutrizionale Nuovi prodotti contro la malnutrizione infantile Proprietà funzionali degli alimenti Probiotici e Prebiotici
  • 16. Le ricerche nella Facoltà di Agraria: Tecnologie Alimentari
  • 17. Ricerca nell’Agro-Alimentare: Persone - Prodotti - Imprese Le ricerche nella Facoltà di Agraria: Marketing e Gestione di impresa
  • 18. Ogni anno vengono pubblicate su riviste internazionali alcune decine di articoli sulle ricerche compiute da gruppi afferenti alla Facoltà di Agraria
  • 19. Finanziamenti a disposizione dei gruppi di ricerca afferenti alla Facoltà di Agraria (dati 2010): € 1,199,300 Unione Europea: 33% Stato Italiano: 23% Regione Emilia-Romagna: 17% Fondazioni private: 16% Aziende Estere: 8% Aziende Italiane: 3% I finanziamenti sono stati ottenuti su specifici progetti di ricerca da: Fondi Pubblici: 73% Fondi Privati: 27%
  • 20. Contatti e collaborazioni nazionali e internazionali Università di Vienna (Austria) Università di Lund (Svezia) Università di Cordoba (Spagna) Università di Lione (Francia) Institute of Food Research (Norwich, UK) Università di Amburgo (Germania) Università di Copenaghen (Danimarca) The Ohio State University (USA) EFSA European Food Safety Authority Università di PC, RE-MO, BO, FE, MI, VR e Roma Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (PR) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Barilla Parmalat Plasmon Whirlpool Progeo Saiwa Storci Sirea Associazione Naz. Coop. Agroalimentari Lega Coop Lega Regionale Cooperative e Mutue Emilia-Romagna Consorzio del Prosciutto di Parma Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Consorzio del Culatello di Zibello Consorzio dello Speck Altoatesino Consorzio del Formaggio Asiago Consorzio del Formaggio Gorgonzola Consorzio Agrario Provinciale di Parma
  • 21. SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI OBIETTIVI FORMATIVI DEL CORSO TRIENNALE Il Corso di Laurea proposto ha lo scopo di preparare Laureati con buone conoscenze di base e applicative nei principali settori delle scienze e tecnologie alimentari I laureati avranno competenze operative e saranno in grado di svolgere compiti tecnici, gestionali ed attività professionali che siano di supporto alle attività produttive e di controllo di industrie, laboratori e servizi del settore delle produzioni alimentari
  • 22. CONOSCENZE DI BASE matematica, fisica, informatica, chimica, biologia FORMAZIONE DEL LAUREATO TRIENNALE IN STA CONOSCENZE APPLICATIVE tecnologie produttive, controllo della qualità e della sicurezza degli alimenti, aspetti igienici e nutrizionali, gestione delle imprese di produzione, trasformazione e commercializzazione degli alimenti CAPACITÀ DI COMUNICAZIONE lingua inglese, strumenti informatici per comunicazione e gestione dell’informazione, lavoro di gruppo
  • 23. PRIMO ANNO (54 CFU) Matematica 8 Biologia e Produzioni Vegetali 13 Chimica Generale 8 Lingua straniera (Inglese) 0 Economia Agroalimentare 6 Fisica 7 Produzioni Animali 6 Microbiologia Generale 6 SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI
  • 24. SECONDO ANNO (63 CFU) Chimica Organica 10 Igiene e Ispezione degli Alimenti di Origine Animale 12 Impianti dell’Industria Alimentare 6 Tecnologie Alimentari - I 10 Chimica Analitica 7 Biochimica 6 Economia e Legislazione delle imprese alimentari 6 Tecnologie Alimentari - II 6 SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI
  • 25. TERZO ANNO (63 CFU) Chimica degli Alimenti 9 Microbiologia degli Alimenti 12 Alimentazione e Nutrizione Umana 6 Tecnologie Alimentari-III 6 Tecnologie Alimentari-IV 6 A scelta dello studente 12 Tirocinio 6 Prova Finale 6 SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI
  • 26. Esercitazioni di laboratorio assistite sono previste nei corsi di… CHIMICA ORGANICA CHIMICA ANALITICA CHIMICA DEGLI ALIMENTI MICROBIOLOGIA DEGLI ALIMENTI Per la laurea è previsto un tirocinio di 2 mesi da svolgere presso un gruppo di ricerca della facoltà o un’azienda
  • 27. INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLA RISTORAZIONE ISTITUZIONI DI RICERCA LABORATORI DI ANALISI PUBBLICI E PRIVATI SOCIETÀ DI CONSULENZA ENTI DI CERTIFICAZIONE GRANDE DISTRIBUZIONE AMMINISTRAZIONE PUBBLICA SBOCCHI PROFESSIONALI DEL LAUREATO TRIENNALE
  • 28. Laureati in Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università di Parma ad un anno dalla laurea (dati 2009) Età alla laurea (media) 23.4 Voto di laurea (media) 99.4 Tasso di occupazione 49.1% Tasso di disoccupazione 6.7% Iscritti a una Magistrale 75.4% Tempo dall'inizio della ricerca al reperimento del primo lavoro (media) 2.4 mesi Guadagno mensile netto (media) 950 euro Fonte: AlmaLaurea
  • 29. Laureati in Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università di Parma (dati 2009): scuole superiori di provenienza Fonte: AlmaLaurea
  • 30. Tra il mondo della produzione e della ricerca in campo alimentare ed il consumatore si è aperto un varco di conoscenza Scienze Gastronomiche grassi saturi radicali liberi antiossidanti ? organismi geneticamente modificati glutine micotossine aromi artificiali pesticidi coltivazione biologica diossina cucina molecolare composti idrogenati allergie alimentari emulsionanti lattosio grassi insaturi
  • 31. Mangiare cibi biologici è più sano Gli organismi geneticamente modificati sono un rischio per la salute Bere vino rosso previene da molte malattie Il glutammato è cancerogeno Gli alimenti naturali sono più sicuri Lo zucchero di canna è più puro dello zucchero bianco … il consumatore riceve molti messaggi…
  • 32. Scienze Gastronomiche giornalismo divulgativo marketing dei prodotti alimentari organizzazione fiere ed eventi turismo enogastronomico industria della ristorazione e del catering valorizzazione prodotti tipici grande distribuzione pubblicità
  • 33. SCIENZE GASTRONOMICHE
    • OBIETTIVI FORMATIVI DEL CORSO TRIENNALE:
    • - Comprendere la cultura alimentare nella tradizione letteraria e pittorica nonchè nei media in epoca attuale.
    • - Conoscere i processi economici legati ai diversi settori alimentari.
    • - Possedere adeguate competenze e strumenti per la comunicazione (divulgazione scientifica, attività giornalistica) anche a livello professionale e la gestione
    • dell'informazione nel settore gastronomico ed alimentare.
    • Essere in grado di conoscere e valorizzare le produzioni tipiche .
    • Essere in grado di valutare l’impatto sul consumatore, in termini di proprietà sensoriali e funzionali, di qualità nutrizionale, e di sicurezza degli alimenti
    • Fornire una conoscenza oggettiva dei fattori coinvolti nella produzione e conservazione degli alimenti.
  • 34. FORMAZIONE DEL LAUREATO TRIENNALE IN SG CONOSCENZE CULTURALI DI BASE SCIENTIFICHE ED UMANISTICHE Matematica, Fisica, Chimica, Biologia Tecnologie produttive, Controllo della qualità e della sicurezza degli alimenti, Aspetti igienici e nutrizionali Storia e cultura dell’alimentazione, il cibo nella tradizione letteraria e pittorica, il cibo e gli strumenti per la comunicazione (giornalismo,televisione,cinema) Economia e marketing, Produzioni tipiche e territorio, Politica comunitaria.
  • 35. PRIMO ANNO (61 CFU) Matematica e Fisica applicata alla gastronomia 9 Chimica 10 Biologia e biochimica 9 Immagine del cibo nella cultura contemporanea 6 Cibo e comunicazione 8 Lingua straniera 0 Storia e cultura dell’alimentazione 6 Origine e sviluppo dei sistemi alimentari 6 Marketing 7
  • 36. Economia del sistema agroalimentare 8 Trasformazioni molecolari negli alimenti e composti di neoformazione 11 Igiene e sicurezza degli alimenti 12 Materie prime di origine animale 6 Microbiologia 6 Materie prime di origine vegetale 10 Alimenti e bevande (I) 6 SECONDO ANNO (59 CFU)
  • 37. TERZO ANNO (60 CFU) Microbiologia dei prodotti trasformati 6 Nutrizione umana e principi di dietetica 10 Ispezione degli alimenti 6 Alimenti e bevande (II )12 A scelta dello studente 12 Tirocini ulteriori abilità informatiche, inglese 7 Relazione finale tirocinio 7 Per la laurea è previsto un tirocinio di 2 mesi da svolgere presso un gruppo di ricerca della facoltà o un’azienda
  • 38. TURISMO ENOGASTRONOMICO RISTORAZIONE E CATERING MARKETING E GRANDE DISTRIBUZIONE PUBBLICITÀ E RICERCA DI MERCATO GIORNALISMO/LETTERATURA GASTRONOMICA VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE DI PRODOTTI TIPICI E DI GASTRONOMIA (CONSORZI DI TUTELA , ATTIVITÀ COMMERCIALI ) SBOCCHI PROFESSIONALI DEL LAUREATO TRIENNALE
  • 39. convenzioni
    • ALMA
    • scuola internazionale
    • di cucina italiana
    • Colorno (PR)
    • Accademia Barilla
    • Sapori d’Italia
  • 40. Laureati in Scienze Gastronomiche all’Università di Parma ad un anno dalla laurea (dati 2009) Età alla laurea (media) 24.4 Voto di laurea (media) 104.6 Tasso di occupazione 59.4% Tasso di disoccupazione 13.6% Iscritti a una Magistrale o Master 34.4% Tempo dall'inizio della ricerca al reperimento del primo lavoro (media) 2.0 mesi Guadagno mensile netto (media) 805 euro Fonte: AlmaLaurea
  • 41. Laureati in Scienze Gastronomiche all’Università di Parma (dati 2009): scuole superiori di provenienza Fonte: AlmaLaurea
  • 42. FORMAZIONE Solida preparazione culturale e scientifica di base Gestione di progetti di ricerca e sviluppo industriali Gestione della qualità e della sicurezza degli alimenti Attività di coordinamento e di indirizzo nell’ambito dell’industria alimentare e della filiera di produzione e distribuzione LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI
  • 43. PRIMO ANNO (62 CFU) SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI Nutrizione Umana Applicata 8 Gestione delle Imprese Alimentari 6 Chimica Analitica 6 Biochimica Applicata 6 Struttura e Proprietà Fisiche degli Alimenti 12 Microbiologia Industriale e Predittiva 12 Sostanze Organiche Naturali negli Alimenti 6 Chimica degli Alimenti 6
  • 44. SECONDO ANNO (58 CFU) Gestione degli Impianti dell’Industria Alimentare 4 Metodologie di Progettazione dei Processi Alimentari 7 Metodologie di Progettazione dei Prodotti Alimentari 6 A scelta dello studente 9 Prova finale e Tesi 32 SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI
  • 45. Esercitazioni di laboratorio sono previste nei corsi di… Chimica degli alimenti Chimica analitica Biochimica applicata Per la laurea è previsto lo svolgimento di una tesi di 6 mesi, da svolgere presso un gruppo di ricerca della Facoltà o un’azienda, sviluppando autonomamente un progetto di ricerca originale
  • 46. INDUSTRIA ALIMENTARE (Responsabile della produzione, ricerca e sviluppo, gestione della qualità e sicurezza) ISTITUZIONI DI RICERCA E DI ALTA FORMAZIONE NEL SETTORE ALIMENTARE ORGANISMI DI VALUTAZIONE, GESTIONE, E COMUNICAZIONE DEL RISCHIO LIBERA PROFESSIONE SBOCCHI PROFESSIONALI DEL LAUREATO MAGISTRALE IN STA
  • 47. Laureati Magistrali in Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università di Parma ad un anno dalla laurea (dati 2009) Età alla laurea (media) 25.7 Voto di laurea (media) 108.2 Tasso di occupazione 100% Tasso di disoccupazione 0% Tempo dall'inizio della ricerca al reperimento del primo lavoro (media) 3,6 mesi Guadagno mensile netto (media) 1215 euro Fonte: AlmaLaurea
  • 48. Percentuale di occupati tra laureati magistrali in Scienze e Tecnologie Alimentari ad un anno dalla laurea Fonte: AlmaLaurea
  • 49. Fabio, laureato nel 2001, Responsabile di Produzione, Fres.Co s.r.l (piatti pronti, gastronomia) Sara, laureata nel 2004, Soremartec (Gruppo Ferrero), Unità Studi Nutrizionali Valentina, laureata nel 2002, Ricercatore, Chiesi Farmaceutici Stefano, laureato nel 2004, Tecnologo di produzione, Ferrero, (Stadtallendorf, Germania) Alessandro, laureato nel 2005, Aseptic Process Engineer, Sidel (macchine per l’industria alimentare) alcuni dei nostri (ex) studenti … Elena, laureata nel 2003, EFSA
  • 50. Luca, laureato nel 2006, Dottorando di Ricerca, Ohio State University (USA) Giovanni, laureato nel 2005, Imprenditore, Co-fondatore e co-proprietario del “Birrificio del Ducato” Damiano, laureato nel 2009, Responsabile di laboratorio, ST Italia (miglioramento genetico bovini allevamento) Claudia, laureata nel 2009, Dottoranda di Ricerca, Kerry Ingredients and Flavours (aromi) Marco, laureato nel 2006, assistente Assicurazione Qualità e Controllo Qualità Cameo s.p.a. (dolciaria ) Alessandra, laureata nel 2003, Scientific Project Officer, European Commission Joint Research Centre (Geel, Belgium) alcuni dei nostri (ex) studenti …
  • 51. Dottorato di Ricerca in “ Scienze e Tecnologie Alimentari” (3 anni)
  • 52. SITO WEB DI ATENEO http://www.unipr.it Informazioni generali, rubrica telefonica, servizi alloggio, diritto alla studio (borse di studio, tasse scolastiche) etc.
  • 53. SITO WEB DI FACOLTA’ http://agraria.unipr.it Orario lezioni, info docenti, programmi di insegnamento, appunti lezioni, iscrizione agli esami, avvisi e news etc etc.