Social learning: Stato dell’arte della letteratura e delle pratiche sul tema
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Social learning: Stato dell’arte della letteratura e delle pratiche sul tema

on

  • 292 views

Social Learning: primo Project Work, Master in Risorse Umane e Organizzazione ...

Social Learning: primo Project Work, Master in Risorse Umane e Organizzazione

OBIETTIVO: Definire un quadro concettuale e teorico di riferimento che consenta di descrivere gli elementi chiave del modello Social Learning; indagare le precondizioni essenziali, i dispositivi e i fattori di successo che possano garantirne l'effettiva attuazione e lo sviluppo; individuare riscontri empirici, occasioni di analisi per prospettare azioni concrete allo sviluppo del modello.

A cura di Luca Trinchero, Yasmin Grelli, Maria Laura Saviano, Chiara Beolchi

Il project work completo è on line sul sito http://freeyourtalent.eu/gruppi/pw07-RUO-social-learning

Statistics

Views

Total Views
292
Views on SlideShare
292
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Social learning: Stato dell’arte della letteratura e delle pratiche sul tema Social learning: Stato dell’arte della letteratura e delle pratiche sul tema Presentation Transcript

  • Stato dell’arte della letteratura e delle pratiche sul tema Social Learning
  • 10% Delle conoscenze dei dipendenti di un’azienda vengono acquisite attraverso la formazione formale 40% La loro percentuale di trasmissione e ritenzione nel tempo
  • SOCIAL LEARNING È IMPARARE INSIEME AGLI ALTRI: Può accadere naturalmente nel corso di una conferenza, quando ci si trova in gruppo, durante una lezione d’aula, o dialogando online con colleghi mai incontrati di persona. Lo sperimentiamo ogni volta che ci rechiamo ad uno sportello per chiedere un’informazione, o quando postiamo un quesito su un blog, immaginando che qualcuno si attiverà per risponderci.
  • TEORIA DELL’APPRENDIMENTO SOCIALE È il modo in cui si impara uno dall’altro attraverso la relazione e l’osservazione  Didattica attiva,  Cooperative learning  Formazione centrata sul discente L’evoluzione di queste pratiche: il Social Learning
  • Nascita di: Facebook, Twitter, Youtube, Wiki e Blog •Scambio di informazioni •Comunicazione facilitata •Esperienze di apprendimento personalizzate •Ambienti di apprendimento coinvolgenti WEB 2.0
  • SOCIAL LEARNING INSEGNALO.IT YOUNG DIGITAL LAB PIATTAFORME ONLINE AZIENDE DI FORMAZIONE
  • VERSO UNA DEFINIZIONE DI SOCIAL LEARNING Il social learning:  Non è funzionale solo per gli esperti del settore  Non è in contrasto con l’educazione formale  Non sostituisce il training o lo sviluppo dei dipendenti  Non è sinonimo di apprendimento informale, né di e-learning  Non avviene sempre in un contesto sociale
  • VANTAGGI OSTACOLI - Competenze informatiche - Competenze pedagogiche - Innovazione - Sicurezza e privacy - Differenze generazionali - Organizzazione gerarchica - Acquisire informazioni - Condividere conoscenze - Comunicare - Valorizzare le persone - Gerarchie mobili - Personalizzazione dell’apprendimento
  • STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE  Offrire uno spazio dove condividere informazioni  Stabilire regole semplici  Scegliere social media intuitivi e coerenti con gli obiettivi aziendali  Progettare campagne di promozione  Procedere gradualmente  Trovare uno sponsor  Coinvolgere i dipartimenti interessati e il vertice aziendale
  • GAMIFICATION DRIVER PER ATTIVARE E INNESCARE PROCESSI DI APPRENDIMENTO PUNTI - RICOMPENSA LIVELLI - STATO BENI VIRTUALI- ESPRESSIONE DI SÉ CLASSIFICHE - COMPETIZIONE
  • GAMIFICATION  SODDISFARE LE ESIGENZE DI OGNI SINGOLO DIPENDENTE/GIOCATORE  COLLEGARE LA GAMIFICATION A CONCRETI OBIETTIVI DI BUSINESS  METODOLOGIA DI LAVORO DEL CO-DESIGN « Un mezzo verso la costruzione di un ecosistema organizzativo più resiliente, innovativo, partecipato e aperto» Stefano Besana
  • Sfide e obiettivi  Creare identità comune  Comunicazione coerente ed efficace nel gruppo  Collaborazione a distanza tra colleghi Il progetto OneNet  My site  Communities  Work space Considerazioni finali  Coinvolgimento della forza lavoro  Efficacia della collaborazione a distanza  Raccolta bottom-up di nuove idee e suggerimenti
  • Sfide e obiettivi  Ridurre i costi di formazione  Ottimizzare i processi di apprendimento e gestione della conoscenza  Correggere alcune situazioni critiche  Diffondere la «conoscenza tacita» Il progetto Dare2Share  Analisi di mercato e innovation day  Beta testing  Blog e forum, comunità d’interesse, instant messaging, file sharing Considerazioni finali  Riduzione di tempi e risorse destinati alla formazione  Coinvolgimento della forza lavoro  Miglioramento della perfomance aziendale
  • GRAZIE PER L’ATTENZIONE Beolchi Chiara Grelli Yasmin Saviano Marialaura Trinchero Luca www.learnknow.net