• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Med-Golfo, la terra promessa del business
 

Med-Golfo, la terra promessa del business

on

  • 621 views

Sintesi a cura di Tommaso Limonta, ricercatore ISTUD, del convegno "Med-Golfo, la terra promessa del business", organizzato da ISTUD, svoltosi a Milano il 1 dicembre 2010

Sintesi a cura di Tommaso Limonta, ricercatore ISTUD, del convegno "Med-Golfo, la terra promessa del business", organizzato da ISTUD, svoltosi a Milano il 1 dicembre 2010

Statistics

Views

Total Views
621
Views on SlideShare
621
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Med-Golfo, la terra promessa del business Med-Golfo, la terra promessa del business Document Transcript

    • Med-Golfo, la terra promessa del business (Milano, Centro Svizzero, 1 dicembre 2010) Sintesi di Tommaso Limonta, Ricercatore Fondazione ISTUD – tlimonta@istud.it Il convegno, organizzato dalla Fondazione ISTUD con il patrocinio del Ministero per lo Sviluppo Economico e della Rappresentanza della Commissione Europea a Milano, si inserisce nella cornice di una serie di iniziative che ISTUD sta dedicando all’area del Mediterraneo e del Golfo Persico: dall’Osservatorio Med-Golfo, che vuole essere uno strumento di supporto e accompagnamento per tutte quelle imprese che si propongano di investire in quest’area, al progetto “Fare affari in Qatar”, di cui ISTUD è partner insieme a Comedit e alla Regione Lombardia. All’iniziativa hanno preso parte aziende di spicco che operano in quest’area (Solar Ventures, Telecom Italia Sparkle, ENI), società di consulenza private e istituzionali (SIMEST, Roncucci&Partner, Roedl&Partner), gruppi assicurativi (SACE), gruppi bancari (BNP Paribas, Al Baraka Banking Group) e attori istituzionali di rilievo (Commissione UE, Comedit). L’area geografica del Med-Golfo può essere a buon diritto considerata tra le più promettenti sotto il profilo del business. In particolare, i Paesi del Med-Golfo occupano oggi il 5° posto tra quelli verso i quali si dirige l’export europeo. Un’analisi attenta non può tuttavia prescindere da una distinzione tra le due sotto-aree che la costituiscono: il Golfo Persico e il Mediterraneo. Se l’area del Golfo è ancora in primis un partner energetico dal quale l’Europa importa petrolio e gas naturale, quella del Mediterraneo è ormai da tempo un’area consolidata di interscambio e prossimità e un promettente mercato per l’esportazione dei manufatti europei. Sotto il profilo legislativo, le relazioni coi Paesi mediterranei della sponda Sud sono regolate dai cosiddetti Accordi di Barcellona del 1995, fortemente voluti da Italia, Francia e Spagna, meglio conosciuti col nome di Partenariato Euro-mediterraneo, i cui obiettivi possono essere così riassunti: • Obiettivo politico: elaborazione di una politica per garantire sicurezza e stabilità nella regione mediterranea, anche attraverso la scrittura di una Carta per la stabilità e la sicurezza del Mediterraneo. • Obiettivo economico: creazione delle condizioni favorevoli a garantire uno sviluppo economico sostenibile della regione mediterranea, anche mediante la firma di appositi accordi bilaterali fra l’Unione Europea e ciascuno dei partner con l’obiettivo a medio termine di istituire una zona di libero scambio (EU-MEFTA).• Obiettivo culturale: creazione di uno scambio culturale costante fra le società civili dei Paesi membri con lo scopo di promuovere la conoscenza e il rispetto tra le reciproche culture (con particolare riguardo ai diritti civili e politici). L’area mediterranea costituisce da secoli un partner vitale per i commerci e le relazioni culturali tra Europa e Mondo Arabo e oggi più che mai sembra offrire opportunità di prim’ordine, soprattutto nei settori degli investimenti infrastrutturali, del turismo e delle energie rinnovabili. Attualmente, i progetti di partenariato più interessanti riguardano proprio il settore energetico, e particolarmente il fotovoltaico, e in generale tutta l’area degli approvvigionamenti energetici (gas e petrolio in primis). Negli ultimi anni il partenariato euro-mediterraneo ha tratto nuovo
    • impulso dall’iniziativa di singoli Paesi, come la Francia, che con l’Unione Euro-Mediterranea hainteso ribadire la centralità strategica di quest’area e della cosiddetta finanza islamica1.Anche coi Paesi del Golfo Persico esiste da alcuni anni un accordo di libero scambio, che tuttaviastenta a decollare, mentre cresce nell’area la presenza di player commerciali di prim’ordinecome la Cina e l’India. Nonostante l’istituzione di un Consiglio per la cooperazione tra UE e Paesidel Golfo, prevale ancora nei fatti la prassi di accordi bilaterali tra i singoli Stati che ben pococoncede allo spirito europeo e alle opportunità che una gestione congiunta potrebbedischiudere.Nonostante un quadro di crescente interesse commerciale, i Paesi del Med-Golfo sono erimangono molto lontani da noi quanto a cultura, consuetudini e stili negoziali. Comedit(Associazione per la Camera di Commercio Italiana), che da anni opera in quest’area nelsostegno al commercio e alle imprese italiane, è sicuramente uno tra gli attori più informati emeglio inseriti nei circuiti locali. Francesca Brigandì di Castelbarco, che ne è la Presidente,conosce bene quest’area del mondo e dal 2010 collabora con la Fondazione ISTUD e con laRegione Lombardia ad un progetto per aiutare le PMI italiane ad espandersi nell’area del Qatar;l’obiettivo è quello di creare le condizioni più propizie al consolidamento di un modello disviluppo sostenibile nel settore dell’artigianato con un approccio a filiera, che è indispensabilein regioni come queste dove non di rado mancano le infrastrutture di supporto e un sistemabancario moderno ed efficiente per il finanziamento delle start up (pur con qualche eccezionecome il Libano dove il sistema bancario è invece molto efficiente).Tra le imprese italiane, alcune stanno già investendo nel settore energetico, e particolarmentein quello del fotovoltaico che in quest’area del mondo rappresenta una sicura opportunità dibusiness. Una di queste è Solar Ventures che, pur appartenendo al segmento della grandeimpresa, costituisce un caso di studio davvero interessante per l’esperienza che sta maturandonei Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente. Il gruppo si occupa dal 2005 di gestione e sviluppodegli impianti fotovoltaici in un’area del mondo dove il sole non manca e la domanda energeticaè in continuo aumento, soprattutto durante le ore diurne quando l’uso dei condizionatori,sempre più frequente nelle grandi città in continua e caotica espansione, mette a dura prova lereti distributive locali2.Nel caso di Solar Ventures, fondamentale è stata la collaborazione coi governi locali, eparticolarmente con quello giordano che ha selezionato i siti per gli impianti incoraggiando iltransfer di conoscenze e tecnologie a beneficio della manodopera autoctona. La produzione dienergia da fonti rinnovabili per i mercati interni è solo un primo passo verso il consolidamento dipiù ampie reti distributive i cui destinatari finali sono proprio i Paesi UE, che grazie alla Direttiva28 del 2009 possono conteggiare la quota di fabbisogno energetico da fonti rinnovabili cheproviene da questi Paesi per il raggiungimento degli standard previsti dalla strategia 2020.Naturalmente, il fatto che l’UE possa realmente beneficiare sul lungo termine di questi flussidipenderà dallo sviluppo dell’attuale sistema infrastrutturale di reti per il trasporto dell’energia,che non è ancora adeguato a soddisfare il reale fabbisogno.Sviluppare le reti è una necessità imprescindibile in tutti i settori, e particolarmente in quellodelle comunicazioni, dove il principale player italiano è Telecom Italia Sparkle, una societàposseduta al 100% da Telecom Italia che si occupa delle comunicazioni internazionali. Sparkle,che opera anche nel settore dei servizi “voce” e “data”, può contare su una rete proprietaria diinfrastrutture che copre l’Europa, gli USA e il Sud America fino all’Estremo Oriente e aSingapore, da dove si dipartono i cavi che raggiungono l’area del Golfo Persico e del1 Un ulteriore importante strumento in questo senso è la Camera di commercio italo-araba che promuove e sostienegli investimenti imprenditoriali in tutta l’area del Med-Golfo, e particolarmente nei Paesi più promettenti e sicuricome la Tunisia, il Libano, il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti.2 In simili contesti, il valore aggiunto del fotovoltaico è quello di essere un’energia di picco che si rende disponibileproprio quando il fabbisogno è maggiore (vale a dire durante le ore diurne quando l’insolazione è massima), senzadover necessariamente funzionare 24h al giorno per andare a regime.
    • Mediterraneo, dove Sparkle è leader di mercato3. Le aziende sono naturalmente un target groupimportante per la società Sparkle che è in grado di offrire servizi altamente customizzati,raggiungendo il cliente là dove ve ne sia un effettivo bisogno, anche nei luoghi più sperduti einaccessibili, offrendo assistenza anche sotto il profilo amministrativo e burocratico.Tra i numerosi attori che possono contribuire a supportare le imprese nell’area del Med-Golfo,SIMEST (Società Italiana per le Imprese all’Estero) è certamente uno dei più qualificati sia per ladecennale esperienza che può vantare, sia per la facilità di accesso a dati e statistiche di rilievo.Secondo le fonti SIMEST, l’area del Med-Golfo attrae ormai il 10% dell’export delle PMI italiane,che tuttavia sono spesso troppo piccole per potersi confrontare con un mercato tanto vasto etanto diverso rispetto a quello di origine. Per questo, ormai da anni, SIMEST supporta le singoleimprese con un approccio one-to one volto ad esercitare una funzione specifica di indirizzomodulata sulle potenzialità e i requisiti di ciascuna realtà imprenditoriale, che può così inserirsiefficacemente nei mercati selezionati tramite sedi commerciali stabili e attività produttive adhoc. A tale fine, SIMEST si avvale della collaborazione di importanti gruppi bancari come BNP(progetto 30° parallelo), dei contributi pubblici e dei suoi fondi privati, prevalentemente nellaforma del venture capital/equity fund4. Come si può facilmente comprendere, questa sinergiatra imprese, banche e società è di vitale importanza per creare supporti nell’area, anche intermini di logistica e infrastrutture.Attualmente, il contributo di SIMEST è significativo sia nell’area del Golfo Persico, sia in quelladel Mediterraneo, anche se le condizioni di questa presenza variano molto da Paese a Paese.L’area che ad oggi sembra offrire le condizioni più vantaggiose in termini di stabilità eprofittabilità è quella della Tunisia (per il manifatturiero) e del Marocco (per le rinnovabili),mentre in Iraq si sta costruendo il più grande porto dell’area Golfo (Alfah), con il significativocontributo di numerose imprese italiane piccole e medie.Infine, da alcuni anni, SIMEST non è più soltanto sinonimo di sostegno alle imprese, ma anche diformazione, grazie al Master Med che si rivolge principalmente a laureati in economia edingegneria che siano interessati ad acquisire metodologie per lo sviluppo delle imprese. Nellospecifico, il Master si propone di formare figure professionali per gruppi industriali e banche chevogliano operare nel settore e che sappiano contribuire a consolidare le relazioni commerciali eindustriali tra le due sponde del Mare nostrum.Come abbiamo già evidenziato, il contributo dei gruppi bancari è sempre più rilevante per quelleimprese che scelgono di internazionalizzare; un caso emblematico è quello di BNP Paribas chevanta una presenza storica nell’area del Nord Africa fin dagli Anni Sessanta/Settanta. La ragioneprincipale è da ricercarsi nel fatto che questi Paesi non sono più semplicemente mercati disbocco, ma veri e propri centri di produzione dove le imprese possono stabilirsi e prosperare. Lafilosofia del gruppo BNP si ispira ad un approccio low-profile, e a beneficiarne sono soprattuttoimprese francesi ed italiane le quali possono contare su operatori e filiali in loco che sono ingrado di offrire supporto bancario e amministrativo lungo tutta la sponda Sud del Mediterraneo.Non tutti i Paesi del Med-Golfo sono ugualmente interessanti per un imprenditore/investitoreitaliano. Alcuni, come l’Iraq, l’Algeria e l’Egitto sono resi instabili dal rischio politico, mentrealtri come la Tunisia, il Marocco, l’Arabia Saudita, l’Oman e il Libano possono offrire condizionidi maggiore o quasi assoluta stabilità, come rivelano le statistiche dell’Ufficio Studi Economicidel Gruppo Assicurativo SACE. Tra i settori più promettenti spiccano quelli delle energierinnovabili, dell’edilizia abitativa/commerciale e del turismo alberghiero. Per il Gruppo SACEl’area del Med-Golfo rappresenta il 7% delle garanzie totali deliberate, con una forte esposizionesul cosiddetto “rischio di mancato pagamento”, che da quelle parti è ancora piuttosto alto, e sul“rischio Paese”, che include soprattutto il rischio politico.3 La posizione geografica dell’Italia ha chiaramente favorito l’orientamento verso questi mercati tanto che la Sicilia èormai diventata la gateway tra Europa, Med-Golfo e USA.4 SIMEST può contribuire al capitale sociale delle imprese che scelgono di internazionalizzarsi verso quest’area fino aduna quota massima del 49%.
    • Un partner di prim’ordine per imprese in fase di internazionalizzazione sono le cosiddettesocietà di business consulting che spesso affiancano istituzioni e banche nel promuoverel’attività imprenditoriale in Paesi a rischio medio-alto come quelli che stiamo considerando.Roncucci&Partner è una di queste: l’attività della società è principalmente rivolta agliinvestimenti nelle filiere che consentono alle PMI di ottenere massa critica per fronteggiare laconcorrenza, ma il supporto che i suoi consulenti sono in grado di offrire va ben oltre arrivandofino alla scelta del Paese, all’orientamento nella scelta del partner e alla definizione dell’areadi business. La scelta del/dei partner locali è di importanza strategica per una PMI: di norma, èbuona prassi partire con una rosa di 5/6 possibili partner per poi procedere con dinamiche diavvicinamento che possono variare considerevolmente da Paese a Paese e che non di radopresuppongono il ricorso a veri e propri arbitrati internazionali che servono a definire ilframework della trattativa. La scelta di un partner commerciale affidabile può richiedere anni,e in genere non dovrebbe mai prescindere dall’elaborazione di un business plan dettagliato chepreveda obiettivi e stabilisca metodologie su un arco temporale di almeno 3 anni.Consulenza fiscale, legale e contabile sono altri servizi dai quali le imprese che investonoall’estero non possono assolutamente prescindere. Un partner affidabile in questo settore ècertamente lo studio professionale Roedl&Partner i cui professionisti conoscono a fondo la realtàdi quei Paesi sotto il profilo finanziario e legale, ma anche storico e culturale. E proprio sottoquesto profilo, come ben sappiamo, la realtà è alquanto differenziata, soprattutto nell’area delGolfo, dove riforme e liberalizzazioni si alternano a svolte autoritarie e illiberali. Non mancanoperaltro segnali di cambiamento, soprattutto in alcuni Stati come il Qatar, gli Emirati Arabi Unitie l’Oman, dove sempre più spesso le élite al potere dimostrano di comprendere la propriaignoranza in materia di business, e prova ne è il fatto che un numero crescente di giovanirampolli arabi vive ormai stabilmente all’estero per poter studiare presso le universitàoccidentali. Segnali incoraggianti sembrano poi venire dall’istituzione di aree di libero scambio,dall’eliminazione dei visti per gli stranieri e dalla rimozione degli ostacoli che ancora sifrappongono all’acquisto di immobili da parte degli occidentali. Tuttavia, è solo nei prossimianni che cominceremo probabilmente a vedere i frutti delle liberalizzazioni in atto che sonoancora osteggiate da forze reazionarie interne molto radicate e decisamente ostili allapenetrazione economica occidentale.Sarebbe ciò nondimeno illusorio sottovalutare le enormi differenze culturali che ancoraostacolano le attività imprenditoriali straniere in quei Paesi, in primis sotto il profilo negoziale(gli Arabi sono negoziatori nati), dove con più forza emergono le incomprensioni linguistiche esociali che non di rado sorgono dalla totale ignoranza della storia e dei costumi locali da parte dichi va in quei territori per fare impresa. Sotto questo profilo, lo studio Roedl&Partner èparticolarmente attivo attraverso servizi che vanno dalla consulenza diretta all’offerta distatistiche e dati rilevanti, che in quei Paesi sono spesso difficilmente reperibili.Sebbene l’interesse attuale sia soprattutto sulle PMI, una lezione importante può infine venircida un colosso dell’imprenditoria italiana come ENI, che opera nell’area del Nord Africa dal 1954e che in quest’area ha fatto non solo impresa, ma anche politica, e l’ha fatta ai massimi livelli.L’eredità di questo incredibile passato è ancora oggi testimoniata da un incredibile bagaglio diconoscenze e contatti in molti di questi Paesi dai quali oggi proviene il 50% del petrolio ENI. Eoggi come ieri, sebbene la figura di Mattei resti irripetibile sotto questo profilo, ENI continua adoperare in quest’area con accordi a 360° che vanno dall’estrazione di gas e petrolio, almonitoraggio degli impatti ambientali, al risparmio energetico, con un’attenzione sempre vivaall’analisi degli scenari e alla comprensione delle culture locali in un contesto dove il “fareimpresa” fa ancora rima con il “fare politica”.