L’identità professionale dell’operatore in sanità

939 views
843 views

Published on

Presentazione di Delia Duccoli, ISTUD, durante l'evento "L'identità professionale in Sanità tra spesa e qualità della cura" organizzato dall'Area Sanità di ISTUD, in collaborazione con AME (Associazione Medica Ebraica Italiana), Assolombarda, Confindustria Lombardia Sanità Servizi e CERGAS Bocconi.

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
939
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Improving communication skills We would like to add to Victor Neufeld’s list of actions under way in Canada to improve physicians’ communication skills.1 Medical schools are continuing to develop and improve their communication programs for medical students. Residency programs are following suit with an eye toward reinforcing the foundations laid in the earlier years. Canadian resources provide research and conceptual foundations that influence program development in Canada and elsewhere.2–4 Activity has been burgeoning at medical schools across the country. On Oct. 16 and 17, 1998, 50 people from across Canada and from Norway, Britain and South Africa participated in the first Canadian Patient- Centred Faculty Development Conference on the theme of “Communication Skills Education — How to Prepare Faculty.” The purpose of the conference, sponsored by the Centre for Studies in Family Medicine and the Faculty of Medicine and Dentistry at the University of Western Ontario and the Faculty of Medicine at the University of Calgary, was to enhance the ability of faculty to teach communication skills to undergraduate and postgraduate medical students. The Division of Medical Education at Dalhousie University trains faculty in communication skills and maintains the Dalhousie Medcom Collection, a database of research and resources in communication skills relating to medical education and practice. The University of Manitoba medical school has been conducting in-house workshops for faculty development. During the Conjoint Medical Education Conference of the Royal College of Physicians and Surgeons of Canada and the College of Family Physicians of Canada (CFPC), held in Toronto in September 1998, several sessions were devoted to communication skills, an indication that medical educators across the country want to teach these skills. Several other programs have been developed to improve the skills of physicians already in practice. The Collège des médecins du Québec and the Quebec chapter of the CFPC provide workshops (by request) on topics related to physician–patient relationships. In a similar effort, 2 representatives from each of Cancer Care Ontario’s 8 clinics attended several days of training with the Bayer Institute for Health Care Communication in the US, returning home to begin a variety of communication programs for staff at their institutions. The federally funded Canadian Breast Cancer Initiative, in collaboration with the Royal College and the CFPC, has been developing tools and strategies to enhance the communication skills of practising physicians in response to the expressed need of women with breast cancer. Health Canada has produced Talking Tools I, a 1-hour presentation kit to remind physicians that communication skills can be taught and learned, and Talking Tools II, which contains material for a 3-hour training session. Finally, the journal Cancer Prevention and Control is publishing a supplement on communication skills early in 1999. Jean Parboosingh, MB, ChB Senior Medical Consultant Adult Health Division Health Canada Ottawa, Ont. Suzanne Kurtz, PhD Professor Faculties of Education and Medicine University of Calgary Calgary, Alta. Toni Laidlaw, PhD Director Communication Skills Program Dalhousie University Halifax, NS Gail Schnabl, MSW, MEd Coordinator Communication Skills Faculty of Medicine University of Manitoba Winnipeg, Man. References 1. Neufeld VR. Physician as humanist: still an educational challenge. CMAJ 1998; 159(7):787-8. 2. Stewart M, Brown JB, Weston WW, McWhinney IR, McWilliam CL, Freeman TR. Patient-centred medicine: transforming the clinical method. Thousand Oaks (CA): Sage Publications; 1995. 3. Kurtz SM, Silverman JD, Draper J. Teaching and learning communication skills in medicine. Abingdon, Oxon (UK): Radcliffe Medical Press; 1998. 4. Silverman JD, Kurtz SM, Draper J . Skills for communicating with patients. Abingdon, Oxon (UK): Radcliffe Medical Press;
  • L’identità professionale dell’operatore in sanità

    1. 1. L’identità professionale dell’operatore in sanità A cura di Delia Duccoli 12 maggio 2011 Assolombarda, sala Falk
    2. 2. Lo spirito del tempo (macro) Salute globale Benessere Prevenzione Cronicità Valore dell’individuo Illusione di immortalità Crisi economica Aumento dei costi Scoperte scientifiche Innovazioni tecnologiche
    3. 3. Malessere operatori (micro) <ul><li>Pressione </li></ul><ul><li>a contenere i costi, aumentare l’efficienza, a migliorare gli standard dei servizi, la performance </li></ul><ul><li>della società sui paradigmi clinici tradizionali, ritenuti poco aperti alla salute globale, salute benessere </li></ul><ul><li>degli amministrativi, dei manager sul personale clinico </li></ul><ul><li>di compiti burocratici </li></ul><ul><li>maggiori responsabilità , conflittualità </li></ul><ul><li>carichi di lavoro </li></ul><ul><li>Approccio economicista alla sanità </li></ul>
    4. 4. Identità <ul><li>“ Rifletti sui grandi problemi. </li></ul><ul><li>Non è che siano gravi. </li></ul><ul><li>Sono stimolanti fonti di ispirazione e duraturi” </li></ul><ul><li>M.S. Gazzaniga, Human </li></ul>
    5. 5. Identità
    6. 6. Identità come ambivalenza <ul><li>“ Se senti questa parola c’è una </li></ul><ul><li>Battaglia in corso ” ( Bauman) </li></ul><ul><li>Nasce nel tumulto della battaglia e tace non appena il rumore della battaglia si estingue </li></ul><ul><li>Le battaglie di identità sono spesso fonte di divisione e conflitto </li></ul><ul><li>A doppio taglio: contrappone libertà di scelta e sicurezza dell’appartenenza </li></ul>
    7. 7. Chi sono io? <ul><li>«Sono il precipitato della mia biologia di base, del mio sviluppo, della mia formazione materiale e intellettuale, dei miei studi, delle mie letture, dei miei incontri e delle mie conversazioni» (Boncinelli) </li></ul>
    8. 8. Identità è un torrente W.James
    9. 9. Identità personale <ul><li>La memoria scopre l'identità personale, mostrandoci la relazione causale tra le nostre diverse percezioni </li></ul><ul><li>La narrazione crea il senso , la continuità, lo scopo </li></ul>
    10. 10. Identità sociale <ul><li>l'individuo narra e costruisce se stesso come membro di gruppi sociali: nazione, classe sociale, azienda, livello culturale, etnia, genere, professione… </li></ul><ul><li>le norme dei gruppi consentono all’ individuo di pensarsi, muoversi, collocarsi e relazionarsi rispetto a sé stesso, agli altri, al gruppo a cui appartiene ed ai gruppi esterni intesi, percepiti e classificati come alterità. </li></ul>
    11. 11. Identità professionale <ul><li>“ La tua professione è la più bella del mondo?” </li></ul><ul><li>Autonomia professionale </li></ul><ul><li>Senso del dovere </li></ul><ul><li>Orgoglio del proprio lavoro </li></ul><ul><li>Compassione per il dolore </li></ul><ul><li>Desiderio di rendersi utili </li></ul><ul><li>Curiosità </li></ul>
    12. 12. Il nocciolo duro dell’identità <ul><li>Chi sono io? </li></ul><ul><li>La credibilità nel tempo di qualsiasi risposta è in riferimento ai legami che connettono l’io ad altre persone e alla presunzione di affidabilità e stabilità nel tempo di tali legami </li></ul><ul><li>relazioni su cui contare </li></ul><ul><li>ci aiutino a definire noi stessi </li></ul><ul><li>che siano di scambio reciproco </li></ul>
    13. 13. La società «liquida» (Bauman) <ul><li>Stato sociale in ritirata </li></ul><ul><li>Liquefazione delle strutture e delle istituzioni sociali </li></ul><ul><li>I fluidi non sono in grado di mantenere a lungo una forma, a meno di essere versati in uno stretto contenitore continuano a cambiare forma sotto l’influenza di ogni minima forza </li></ul><ul><li>Un’identità coesiva, saldamente inchiodata e solidamente costruita è un fardello, un vincolo, una limitazione alla libertà di scegliere </li></ul><ul><li>Progetti a cui giurare fedeltà per tutta la vita una volta scelti e sposati perdono capacità di attrattiva </li></ul>
    14. 14. «Comunità guardaroba» <ul><li>“ vengono messe insieme </li></ul><ul><li>per la durata di uno spettacolo </li></ul><ul><li>e smantellate appena gli spettatori </li></ul><ul><li>vanno a riprendersi i cappotti appesi in guardaroba» </li></ul><ul><li>Vita senza legami, relazioni senza impegno </li></ul><ul><li>Velocità del cambiamento che assesta un colpo mortale al valore della durevolezza </li></ul><ul><li>Si perdono riferimenti essenziali per il proprio Io, si perdono i propri confini identitari, ossia culturali, religiosi, etnici. </li></ul>
    15. 15. Identità in tempi di globalizzazione <ul><li>Evidenze della ricerca </li></ul><ul><li>Negazione dell’identità </li></ul><ul><li>Disintegrazione comunità locali </li></ul><ul><li>Fragilità e status di perenne incertezza </li></ul><ul><li>Crisi dell’appartenenza </li></ul><ul><li>Illusione di intimità e finzione di comunità </li></ul><ul><li>Le relazioni in rete: ci possiamo connettere e disconnettere, esili e vuoti contatti </li></ul><ul><li>Stare in contatto mantenendo la distanza, come con il cellulare </li></ul>
    16. 16. Identità in tempi di globalizzazione <ul><li>Evidenze della ricerca </li></ul><ul><li>Multiculturalismo: «il mondo come un grande magazzino con scaffali colmi , sentiamoci liberi di girovagare, di provare e gustare ogni articolo , bazar multiculturale» </li></ul><ul><li>Cambiamento ossessivo e compulsivo </li></ul><ul><li>« Le identità sono vestiti da indossare e mostrare, non da mettere da parte e tenere al sicuro» </li></ul>
    17. 17. Seduzione della promessa di rinascere in una nuova casa calda e sicura <ul><ul><ul><ul><li>Fondamentalismi, nazionalismi, localismi </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Forme di identità culturale o nazionale chiuse che rifiutano di impegnarsi con i difficili problemi della convivenza </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Codice di comportamento semplice facile da seguire </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Senso di sicurezza </li></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><li>Senso di uno scopo </li></ul></ul></ul></ul>
    18. 18. Evoluzione concetto di identità <ul><li>«Molto ha esperito l’uomo, </li></ul><ul><li>Molti celesti ha nominato </li></ul><ul><li>Da quando siamo un colloquio </li></ul><ul><li>E possiamo ascoltarci l’un l’altro» </li></ul><ul><li>Holderlin, Terra e cielo </li></ul>
    19. 19. Evoluzione culturale <ul><li>“ Il motore dell’evoluzione culturale è stato ed è l’interazione tra individui diversi . La storia comparata dell’evoluzione culturale nelle varie aree geografiche sembra dimostrare che un fattore critico per il suo sviluppo è l’intensità di queste interazioni. In quei territori e in quelle epoche in cui i contatti tra famiglie e tribù erano più sporadici l’evoluzione culturale ha segnato il passo ” (Boncinelli) </li></ul>
    20. 20. L’identità come problema e come compito <ul><li>Evidenze della ricerca </li></ul><ul><li>scopo di un impegno che dura tutta la vita, non solo l’appartenenza automatica a un ceto ad una nazione </li></ul><ul><li>libertà di ricerca di nuove identità </li></ul><ul><li>Identità e individuazione: «siamo esseri sociali fin nel midollo» </li></ul>
    21. 21. Evoluzione concetto di identità <ul><li>percezione di una irreversibile dipendenza reciproca </li></ul><ul><li>interesse personale e i principi etici di rispetto e aiuto reciproco puntano nella stessa direzione e richiedono la stessa strategia </li></ul><ul><li>impegno a lungo termine </li></ul>
    22. 22. La sfida per i professionisti della salute <ul><li>Ripensare i modi, le forme, i mezzi per una tutela sostenibile della salute rispetto all’economia e al diritto, </li></ul><ul><li>con possibilità di decisioni autonome su ciò che è bene e giusto per il paziente </li></ul>
    23. 23. «Vite che non possiamo permetterci» <ul><li>Nel 2006 solo negli USA sono stati eseguiti undici milioni di interventi cosmetici </li></ul><ul><li>Il New York Times (2007): tra 18 indirizzi di specializzazione medica, quelli che hanno attratto gli studenti con le migliori valutazioni sono stati i 3 più orientati agli aspetti cosmetici </li></ul>
    24. 24.
    25. 25. Come può evolvere identità professionale operatore sanità? <ul><li>Nasce nel processo di trasmissione culturale </li></ul><ul><li>Nuova era di grandi narrazioni scientifiche, straordinarie conquiste mediche </li></ul><ul><li>Educazione alla responsabilità morale ed etica </li></ul><ul><li>Formazione del carattere </li></ul>
    26. 26. Con cura <ul><li>Cosa ci vuole per essere bravi in un campo in cui è così facile, tanto semplice sbagliare? </li></ul>
    27. 27. « Con amore», «con rigore» <ul><li>La posta in gioco è la vita </li></ul><ul><li>Le decisioni e le omissioni sono di natura etica </li></ul><ul><li>«Occorre sentire di appartenere alla stessa umanità: il dolore dell’altro è un dolore esistenziale, e in quanto tale mi tocca, non ne sono esente anche se sano e sereno .» </li></ul>
    28. 28. Il pescatore di Hokusai

    ×