Your SlideShare is downloading. ×
Intervista al Professor Marco Frey
Intervista al Professor Marco Frey
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Intervista al Professor Marco Frey

307

Published on

Intervista al Professor Marco Frey, Direttore dell'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa è anche ricercatore presso lo IEFE (Istituto di economia e politica dell'energia e …

Intervista al Professor Marco Frey, Direttore dell'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa è anche ricercatore presso lo IEFE (Istituto di economia e politica dell'energia e dell'ambiente), presidente di Cittadinanzattiva, chairman del “Global Compact Italian Network”, ricopre la carica di presidente dello steering commitee del Mes (Management e Sanità) Lab.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
307
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Intervista a cura di Valeria Gatti al Professor Marco FreyMarco Frey è Direttore dellIstituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa è anchericercatore presso lo IEFE (Istituto di economia e politica dellenergia e dellambiente), presidente diCittadinanzattiva, chairman del “Global Compact Italian Network”., ricopre la carica di presidente dellosteering commitee del Mes (Management e Sanità) Lab.Come definisce il “green management”?Definisco Green management come la capacità di gestire in modo sostenibile ed efficiente le risorseall’interno di una organizzazione.Qual è il rapporto delle aziende con le tematiche ambientali? C’è stata un’evoluzione negli ultimi anni?Nel tempo è sicuramente aumentata la consapevolezza all’interno del mondo delle aziende. Punto di svoltaè stata senza dubbio la Conferenza Internazionale sull’ Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro del 1992.Questanno a Rio+20 vi è stata una forte conferma dellimpegno delle imprese per la sostenibilità.Anche all’interno delle istituzioni c’è stata questa evoluzione ma sono presenti dei limiti oggettivi cheimpediscono lo sviluppo a livello globale. Ad esempio le differenze economiche tra paesi occidentali e Bricsrendono difficile la concertazione a livello internazionale. L’Europa ha sicuramente dedicato maggioreinteresse alle tematiche ambientali ma rimane ancora molto da fare.Come la crisi ha modificato la concezione delle tematiche ambientali da parte delle imprese?La crisi ha avuto due ricadute, da una parte ha ridotto le disponibilità rendendo difficili gli investimenti,d’altra parte però ha spronato le imprese che avevano accantonato risorse a fare investimenti peraumentare l’efficienza, riducendo e migliorando l’uso delle risorse energetiche, idriche e anche del suolo.Tutto ciò ha permesso di realizzare un miglior posizionamento competitivo. Queste aziende virtuose infattisono riuscite a coniugare i sacrifici richiesti dalla crisi con il maggior rispetto dell’ambiente e in molti casisono cresciute come dimostrano i dati del rapporto del 2011 dell’Osservatorio Nazionale Distretti Italiani. Ilrapporto ha evidenziato che le imprese che hanno investito nell’internazionalizzazione e nel green hannoaumentato la propria competitività in controtendenza rispetto alle imprese che non hanno effettuatoinvestimenti in questo campo.
  • 2. A suo avviso il green può aiutare ad aumentare l’occupazione per i giovani ad alto profilo (laurea,dottorato, master)?Teoricamente una maggiore specializzazione e un maggior livello di istruzione possono agevolare i giovaniche si affacciano al mondo del lavoro, la situazione di crisi però rende comunque di difficile spendibilità ititoli acquisiti; certamente però è utile per prepararsi al futuro quando l’economia riprenderà a crescere e siuscirà dallo stallo odierno.Ci sono però dei settori della green economy che sono anticongiunturali e che quindi continuano a crescere:come ad esempio il settore energetico, oggi più orientato all’efficienza energetica piuttosto che alle fontirinnovabili; quello che si occupa del riciclo e del riutilizzo, visto non solo come riciclaggio dei rifiuti ma comeutilizzo di sottoprodotti dell’industria, delle plastiche e dei metalli e dello sfruttamento delle biomasse discarto; le attività che si occupano della rigenerazione e riparazione di prodotti dell’elettronica, ecc.In poche parole le imprese che si sviluppano sono quelle che realizzano processi che permettono di “faremeglio con meno”.Qual è la figura professionale chiave della green economyNon si può affermare che ci siano molte “nuove figure” ma piuttosto figure della “old economy”, intesacome economia tradizionale, che si “colorano di verde” ossia che si aggiornano su nuovi processi, nuovetecnologie e nuove normative.Nuove aree di interesse sono senza dubbio quelle che sanno valorizzare le numerose potenzialità di madrenatura come l’agricoltura biologica e di prossimità, la ricerca e lo sviluppo di farmaci naturali, ladepurazione fitosanitaria dell’acqua. In altri termini tutto ciò che ha a che fare con i servizi ecosistemici.E’ presente un mismatching tra il mondo delle aziende e i profili uscenti dalle università per quantoriguarda i ruoli green? Come si potrebbe colmare?Sicuramente un mismatching è presente, si tratta però di una fase temporanea, le Università hanno bisognodi tempo per aggiornarsi e per seguire i trend. Ovviamente non si può generalizzare, alcune università siaggiornano più velocemente mentre altre hanno bisogno di più tempo. Sicuramente le istituzioni chepromuovono corsi postgraduate sono avvantaggiate perché hanno maggiore flessibilità e maggiorecapacità di cogliere i cambiamenti.

×