Your SlideShare is downloading. ×
Il mix di competenze per i leader del futuro
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Il mix di competenze per i leader del futuro

327
views

Published on

Presentazione di Luca Quaratino all'evento SODALITAS “Nuove competenze per i lavori di domani” Milano, 26 settembre 2012.

Presentazione di Luca Quaratino all'evento SODALITAS “Nuove competenze per i lavori di domani” Milano, 26 settembre 2012.


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
327
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il mix di competenze per i leader del futuroEvidenze dallOsservatorio “Giovani e lavoro della Fondazione ISTUD SODALITAS “Nuove competenze per i lavori di domani” Milano, 26 settembre 2012
  • 2. LOsservatorio “Giovani e lavoro”Obiettivi• Esplorare le caratteristiche e gli orientamenti dei giovani iningresso nel mondo del lavoro• Verificare le problematiche di inserimento, gestione evalorizzazione dei giovani all’interno delle aziendeDati di sintesi (2008-2012)• Indagini estensive su circa 4.000 studenti• Focus Group di approfondimento con 230 studenti di 10 atenei• Focus group con oltre 200 giovani inseriti presso le aziendepartner• Indagini estensive, interviste e focus group con oltre 500 seniormanager (HR e line)
  • 3. Alcune dinamiche del mercato del lavoro deigiovani Allargamento oltre i confini Concorrenza soprattutto su nazionali: shortage di ingegneri ed economisti alcuni profili e percezione di una “superiorità” del candidato straniero Lauree “deboli” come un Spinta a risalire, come magma indistinto, difficile da salmoni, la filiera educativa segmentare per intercettare e orientare il prima possibile i giovani verso certi mestieri
  • 4. Identikit del candidato “ideale” … Disponibilità delle aziende a concedere tempo ai giovani per colmare “sul campo” Competenze gli eventuali gap che si portano dietro tecniche uscendo dalluniversità (“sono più facili da specifiche insegnare”) Caratteristiche (apertura mentale, etica, Attitudini e teamwork, impegno, ecc.), che rendono il comportamenti giovane flessibile, in grado di imparare in fretta e di relazionarsi bene con gli altriCompetenze hard di base “Zoccolo duro” di competenze (inglese, IT, new media, ecc.) considerate requisiti imprescindibili
  • 5. Un gap di competenze … Le aziende lamentano una distanza maggiore, rispetto al profilo ideale, relativamente a: passione progettualità pragmatismo abilità relazionali proattivitàsistema azienda inglese
  • 6. … e un più ampio problema di comunicazioneDue mondi molto distanti e reciprocamente impermeabili• lavoro come valore “condizionato” per i giovani• visione non realistica del lavoro, con la complicità di famiglie, scuola e operatori del mercato del lavoro• limitata conoscenza delle aziende rispetto al modo diragionare dei giovani (Generazione Y)• difficoltà del sistema educativo in generale a fareefficacemente da “ponte” nella distanza e nella non comprensione emerge il rischio di comportamenti opportunistici
  • 7. Le ragioni di un difficile dialogoI Giovani sembrano Il Mondo del Lavoro sembra puntareperseguire …. su ...- lavoro come esperienza di - lavoro come esperienza di realizzazione individuale parziale identificazione sociale primaria e e accessoria totalizzante- orientamento di breve termine - orientamento di lungo termine (qui e ora, tutto e subito) (pazienza nel "fare gavetta")- appartenenze multiple e - fedeltà e dedizione assolute simultanee- opzioni non definitive, ‘la non - scelte coerenti rispetto a un scelta’ obiettivo
  • 8. Come avvicinare i due mondi e colmare i gap• Riprogettare parzialmente i programmi educativi• Intensificare e articolare le partnership tra imprese e sistema educativo • stage curricolari • project work • testimonianze aziendali • …• Coinvolgimento e valorizzazione del ruolo degli operatori delle “terre di mezzo”• Favorire maggiori occasioni per la mobilità internazionale (Erasmus) e per anticipare luscita dal "guscio domestico"• Ripensare le strategie aziendali di comunicazione verso il mercato del lavoro dei giovani