LAURA VALVO
La manovrina messa in campo dal governo regionale e portata in commissione Bi-
lancio dell’Ars è stata tutt’al...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Qualita' del'aria direttive in stand by 8 maggio 2014 la sicilia

26

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
26
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Qualita' del'aria direttive in stand by 8 maggio 2014 la sicilia

  1. 1. LAURA VALVO La manovrina messa in campo dal governo regionale e portata in commissione Bi- lancio dell’Ars è stata tutt’altro che un lieve taglio dei fondi per l’Inda che ha avuto decurtati, quest’anno, tutte le risorse regionali, unico ente nel registro dei contribu- ti di Palazzo d’Orleans che non ha avuto un euro, mentre gli altri più grossi enti cul- turaliilMassimoeilBiondodiPalermononchéilBellinidiCatanialihannoavutidi- mezzati, ma non annullati. Alla Fondazione Inda erano destinati 595mila euro. Il deputato regionale Vincen- zo Vinciullo parla di gravissima e insopportabile disparità di trattamento fra i tea- tri siciliani e l’Inda. «Ho diffidato il governo regionale perché lo stesso possa modificare immediata- mentelevocidestinateall’Inda.Nonèpossibilesopportareesubire,ancoraunavol- ta, questo scippo ai danni della provincia di Siracusa. E’ stato detto che l’Inda non ha dipendentie,perquesto,nonavrebbeavutoassegnatoifondi.Lamaggioreistituzio- ne culturale siciliana non può essere trattata in modo subalterno rispetto agli altri teatri.Nonsitrattaditeorizzarelasuperioritàdell’IstitutonazionaledelDrammaan- tico rispetto agli altri enti, si tratta piuttosto, con assoluta certezza, di considerare la Fondazione per la storia, per il luogo e per l’eredità tramandata, la più importante istituzionedelmeridione.Perquestoègiustorivendicareparitrattamentoconglial- tri teatri e enti che, pur lodevoli, non hanno le potenzialità e le capacità dell’Inda». UnapenalizzazionedapartedellaRegionechelaFondazioneInda,purtravoltadal- l’inchiesta giudiziaria e da una gestione con molte ombre, certo non merita. Fondo solidarietà per i Vigili urbani con i proventi delle sanzioni CONSIGLIO COMUNALE DopoquellosulcamposcuolaPippoDiNata- le, l’aula Vittorini ha detto sì al regolamento relativo all’istituzione di un fondo di solida- rietà per l’assistenza e la previdenza del per- sonale della Polizia municipale e che sarà finanziato con i proventi delle multe paga- te dai cittadini, così come previsto dalla normativa nazionale, e in parte con versa- menti volontari degli agenti. A spiegare tutti i dettagli è stato il comandante Enzo Miccoli: «È un fondo di assistenza già rico- nosciuto agli altri corpi di polizia per la na- tura rischiosa del lavoro». ELEONORA VITALE PAG. 27 IL TEATRO GRECO DI SIRACUSA SERVIZIO IDRICO Aqualia e sindaci accordo raggiunto MARIA TERESA GIGLIO PAG 29 La Regione mette in ginocchio l’Inda Niente soldi. Il deputato Vinciullo: «Insopportabile disparità di trattamento»FONDAZIONE. L’exdeputatodell’Mpa-Pdsall’ArsPip- po Gennuso ha avviato un’azione ri- sarcitoria nei confronti del presidente dellaRegioneSiciliana,RosarioCrocet- ta. Gennuso ha chiesto i danni morali e materiali per la mancata firma del decreto di indire le elezioni per le Re- gionali del 2012 in 9 seggi della pro- vincia, tre a Rosolini e sei a Pachino. Perl’exparlamentareregionale«ciso- no responsabilità anche civili per non avere applicato la sentenza del Cga, depositataloscorso5febbraiocheor- dinava l’indizione della mini tornata elettorale. Crocetta oltre ad avere vio- lato le leggi, mi ha provocato un dan- no di un milione di euro». «Sulle mo- dalità di elezione è stato chiesto dal- l’avvocatura dello Stato - ha replicato Crocetta-unparerealCgachesidovrà pronunciare nei prossimi giorni. Nes- suno vuole impedire quelle elezioni». BOTTA E RISPOSTA Mancate elezioni regionali Scontro Gennuso-Crocetta TavolotecnicoinPrefettura.Saltalafirmaalprotocollod’intesa.IlComune:gestionepubblicadellecentralineCipa Qualitàdell’aria,direttiveinstand-by Colpodiscenaaltavolotecnicosull’ambiente, che ieri, davanti al prefetto, doveva dare il via alle nuove linee guida “per il rilevamento e il contrasto ai fenomeni di inquinamento at- mosferico nel quadrilatero Siracusa-Priolo- Melilli-Augusta”.E’saltatalafirmaalprotocol- lo d’intesa che sanciva le nuove direttive. Il comune di Siracusa, infatti, ha sollevato una questione “di conflitto d’interesse” sul monitoraggio della rete Cipa, l’ente di auto- controllo delle industrie. “Nessuno - dice il sindaco Garozzo - mette indiscussionelavaliditàdeidatirilevatidalCi- pa ma se una nuova fase dovrà cominciare è giustochesiaprasenzailclimadisospettoge- nerato dal fatto che controllato e controllore coincidano. Il Cipa faccia un gesto di genero- sità nei confronti del territorio e doni la stru- mentazione a Comune e Arpa”. Una presa d’atto formale, comunque, che non inficerà il resto del lavoro svolto in questi mesi da tutte le componenti del tavolo e che non impedirà, dopo piccoli interventi tecnici decisiamarginedaltavolosulruolodell’Aspe sull’intercalibrazione delle sostanze da moni- torare, la firma del protocollo al prossimo in- contro. Chiamato in causa, il Cipa ha risposto conduesottolineature“dicarattereoggettivo”, lehadefiniteAurelioGambadororesponsabi- le della struttura presieduta dal prof Sciacca, rivolte“affinchéattraversolaconoscenzanon si alimentino pregiudizi”. “Il Cipa - dice Gambadoro - non ha mai so- stituitol’entepubblico,maloaffianca.Questa cooperazione ha creato uno scambio di dati e di esperienze che ha determinato una cresci- tadelsistemadimonitoraggio.Oggicisono24 centralinesututtoilterritorioaridossodell’a- reaindustriale:unarealtàchenonesisteinal- tre aree simili. Non va dimenticato che il Cipa nasce come strumento di autocontrollo delle industrie,poidiventacollateraleallaretepub- blica”. Superata questa querelle, il tavolo s’è con- centrato sul lavoro da approvare magari nella prossimaseduta.Unasottocommissionelavo- rerà all’adeguamento delle reti di monitorag- gio presenti, sulla base delle nuove norme e delle nuove criticità del territorio (rilevamen- to di sostanze solforate attualmente non nor- mate). Inoltre verrà definito nel dettaglio il ruolo dell’Asp. Fatti i campionamenti dell’aria in casi di criticità, infatti, l’Arpa fornirà la do- cumentazioneall’Aspchedovràpoirelaziona- re alla Prefettura le informazioni relative alla sostanza inquinante, alla sua pericolosità, al- lasintomatologiacuipotrebbedareluogoeal- lenormedicomportamentonecessarieapre- venire i rischi per la salute. Insomma, tutto quello che è mancato un anno fa a Melilli, quandomiasmiirritanticostrinserolapopola- zione a chiudersi in casa per 6 ore senza che allaProtezionecivilearrivasseroinformazioni. Per individuare l’origine dell’eventuale in- quinamento, il protocollo prevede un catasto dellesostanzevolatili,uncensimentodelleat- tività produttive che generano miasmi e una mappatura dei punti di emissione. Ancora qualchesettimanadilavoroequalchelimatu- ra, insomma, e poi tutti di nuovo davanti al prefetto Gradone. Ieri c’erano i vertici dei co- munidiSiracusa,Priolo,Melilli,Augusta,Sola- rino e Floridia; il direttore dell’Arpa, Gaetano Valastro; il commissario della Provincia, Or- tello e il suo responsabile ambientale, Do- menico Morello; i responsabili del Cipa; i vertici delle aziende del Petrolchimico. Mo- rello, è fiducioso sull’approvazione del pro- tocollo. “Un mese dopo la firma - dice - i da- ti sulla qualità dell’aria saranno consultabi- li on line in tempo reale”. MASSIMILIANO TORNEO PARCHEGGI E PASS NEL MIRINO DEL COMITATO SPONTANEO DI RESIDENTI Si sono costituiti in comitato sponta- neo, hanno avviato una petizione e chiesto un incontro con il sindaco. So- no i componenti di un comitato spon- taneo di residenti di Ortigia nato dopo la rivoluzione alla viabilità annuncia- ta e in parte attuata dall’amministra- zione comunale. «Ortigia non è solo turismo ma la casa di 4200 residenti», hanno spiegato a presidente e consi- glieri del quartiere che hanno incon- trato. Chiedono la revisione dei pass di ingresso e maggiore concertazione. MASSIMO LEOTTA PAG. 26 «Non solo turisti, Ortigia siamo noi» IMPIANTI SPORTIVI Il nostro viaggio nel palazzet- to che fu fortemente voluto da Concetto Lo Bello. Le infil- trazioni hanno causato il crol- lo del soffitto negli spogliatoi. Peppe Vinci: «Da piccoli ci al- lenavamo in spazi che adesso sono inutilizzabili». GIUSEPPE BASILE PAG. 33 Il Palazzetto di don Concetto dimenticato e abbandonato PALLACANESTRO Dopo la conquista della pro- mozione è già tempo di pro- grammazione in casa dell’A- retusa. Il primo obiettivo è la riconferma del coach Paolo Marletta. Lo ha confermato il presidente della società Pep- pe Padua. LINO RUSSO PAG. 33 L’Aretusa è gia al lavoro primo obiettivo: Marletta SIRACUSA CALCIO: VERSO I PLAY-OFF Sarà la San Pio l’avversaria E fra i tifosi cresce l’attesa MANUEL BISCEGLIE PAG. 33 e provincia LENTINI. L’acqua è pubblica peccato non sia potabile La rete idrica fatiscente è ridotta a un colabrodo Il comitato spontaneo dei cittadini non allenta la protesta31 NOTO. Go bike, falsa partenza due turisti restano a piedi Costretti a gonfiare le ruote delle bici appena noleggiate Ma dal Comune sdrammatizzano: «Il servizio piace»32 giovedì 8 maggio 2014 AUGUSTA. Carcere di Brucoli Èemergenzasovraffollamento Allarme lanciato dal direttore della casa circondariale Gelardi: «515 detenuti ma la capienza è di 300»30 LA SICILIA Redazione: viale Teracati, 39 tel. 0931 411951/38553 siracusa@lasicilia.it © L'utilizzazione o la riproduzione, anche parziale - con qualunque mezzo e a qualsivoglia titolo - degli articoli e di quant'altro pubblicato in questo giornale sono assolutamente riservate, e quindi vietate se non espressamente autorizzate. Per qualunque controversia il Foro competente è quello di Catania

×