F-

w

O
W
N
y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

.d o

m

o

m

w

o

c u -tr

.
ack

C

k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per ...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
F-

w

c u -tr

y
lic

c

.d o

m

o

.
ack

C
w

o

m

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

Soglia Limite

Unità di
misura

Periodo

AOT4O (prot.
vegetaz.)

mg/m3 h

maggio-lugli...
F-

w

y
lic

Stazioni

.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordina...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

.d o

m

o

m

w

o

c u -tr a c k

Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2
a...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

.d o

m

o

m

w

o

c u -tr a c k

Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2
a...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

.d o

m

o

m

w

o

c u -tr a c k

Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2
a...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

.d o

m

o

m

w

o

c u -tr a c k

Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2
a...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
to

bu

y
bu
to

k
lic

c

.d o

m

o

w

o

c u -tr

.
ack

C

m

C

lic

k

Piano regionale di coordinamento pe...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
F-

w

y
lic
.d o

o

c

m

C

m

w

o

c u -tr

.
ack

k

to

bu

y
bu
to
k
lic
C

Piano regionale di coordinamento per l...
h a n g e Vi
e

w

N
y
bu
to
k
.c

w

.d o

m

C

lic
c u -tr a c k

o

.d o

w

w

w

o

w

C

lic

k

to

bu

y

N

O
W
...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Piano aria sicilia capitolo 2 da pag 120 a pag 157 amia v relaz apat bio 2005 arpa milazzo comprensorio mela aria arpa 2005 2006 sicilia 2 pdf

8

Published on

ANZA’,TOLOMEO,BARBARO,PARMALIANA,SANSONE,GULLO,INTERLANDI,ITALCEMENTI,ZUCCARELLO,D’ANGELO,ANGELA BIANCHETTI, ELETTRODOTTO, ENEL, Erin Brockovich, Gianluca Rossellini, Giusy Pollino, induzione magnetica, ITALCEMENTI, Luigi Maximilian Caligiuri, PACE DEL MELA, SACELIT, TRALICCI, TUMORI,BRUNO, CUTINO, ENEA,ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2009, BODY CENTER,ISOLA DELLE FEMMINE,LUCIDO MARIA STELLA, LOTTIZZAZIONE LA PALOMA, LUCIDO, MAFIA, PALAZZOTTO, POMIERO, PORTOBELLO, RISO, UFFICIO TECNICO COMUNALE,VOTO DI SCAMBIO,AIELLO MARIA,AIELLO PAOLO,BATTAGLIA ROSALIA,CARDINALE,CUTINO MARCELLO,GIUCASTRO,GUTTADAURO,LUCIDO SALVATORE,BOLOGNA, PAL_azzotto,PELOSO,CALTANISETTA,PORTOBELLO,Riso Napoleone,Riso Rosaria,ISOLA DELLE FEMMINE,REGGIO CLABRIA,SCIOGLIMENTO CONSIGLIO COMUNALE,MAFIA,INFILTRAZIONI MAFIOSE,COPACABANA,POMIERO,BRUNO
Roberto Cappelletti, LUCIDO ANTONINO RISO NAPOLEONE LUCIDO MARIA STELLA BODY CENTER ENEA CIMITERO DECADENZA AREA LOTTO 7 A DETERMINA DEL 3 SETTORE N.40, LUCIDO ANTONINO RISO NAPOLEONE LUCIDO MARIA STELLA BODY CENTER ENEA CIMITERO DECADENZA AREA LOTO 7 A DET DEL 1 SETT N.157
SENTENZA 864 2013,BRUNO FRANCESCO,BRUNO PIETRO,MOROSINI,STEFANO GALLINA,ENEA VINCENZO,ISOLA DELLE FEMMINE,SAN LORENZO 1,SAN LORENZO 2,LO BONO VINCENZO,RENAULT 18/TL,8 GIUGNO 1982,TAORMINA GIUSEPPE,ENEA PIETRO,ISOLA DELLE FEMMINE, FIAT 124 BIANCA,D’AGOSTINO BENEDETTO BENNY,MUTOLO,NAIMO,ONORATO,PROCEDIMENTO PENALE 4538 1993 R.G.N.R.,LO PICCOLO,RICCOBONO,MICALIZZI,BRUNO PIETRO,ADDIO PIZZO 5,COPACABANA,BADALAMENTI,VASSALLO GIUSEPPE,TROJA ANTONINO,BRUNO GIUSEPPE, SCALICI SALVATORE,COSTA CORSARA,AIELLO GIUSEPPE BENITO,ALIMENA GIUSEPPA,LO CICERO,POMIERO GIUSEPPE,LUCIDO,CATALDO,CARDINALE,B.B.P.,BRUNO GIOVANNI FACCIA MACCHIATA,D’AGOSTINO VINCENZO,CARDINALE GIUSEPPA,RICCOBONO CATERINA,UVA MARIA,IMPASTATO GIOVANNI,CONIGLIO MARIA CONCETTA

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
8
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Piano aria sicilia capitolo 2 da pag 120 a pag 157 amia v relaz apat bio 2005 arpa milazzo comprensorio mela aria arpa 2005 2006 sicilia 2 pdf

  1. 1. F- w O W N y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w c u -tr a c k .c RETE PROVINCIALE DI CALTANISSETTA Agrigento_Valle_dei_templi: NOx, PM 10 , SO2 Sciacca: NOx, PM 10 , CO Canicatti: NOx, PM 10 , CO, O3 Licata: HC, NOx, O3 , PM 10 , CO, SO2 Raffadali: C6 H6 , NOx, PM 10 , CO Cammarata: O3 Bivona: O3 Siculiana: O3 Lampedusa: O3 Agip mineraria:PM 10 , SO2 Agip pozzo 57:SO2 Cimitero farello:SO2 Corso Vittorio Emanuele:C6 H6 , CO, HC, NOx, O3 , PM 10 , PTS Liceo scientifico:SO2 Minerbio:CO, PTS, SO2 Ospedale V. Emanuele:C6H6 , CO, HC, NOx, O3 , PM 10 , PTS Cavour: CO,O3 , PTS, SO2 Gori: CO, NOx, PTS Venezia: CO, HC, NOx, O3 , PTS, SO2 Turati: CO, PTS Capuana: CO, NOx Librino: BTX, HC, CO, NOx, O3, PM 10 P. Giovanni XXIII: HC, CO, NOx, SO2, PM 10 V. Messina: HC, CO, PM 10 P. A. Moro: HC, CO, NOx, O3 , PM 10 V. Passo Gravina: HC, CO, NOx, SO2 V.le F. Fontana: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 V.le Vittorio Veneto: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 P. Europa: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 P. Gioeni: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 P. Michelangelo: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 P. Stesicoro: BTX, HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 V. Giuffrida: BTX, HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 Osp. Garibaldi: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 Zona Industriale: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 P. Risorgimento: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 V.le della Regione: HC, CO, NOx, SO2 , PM 10 Fonte: ARPA Sicilia su dati BRACE, 2007 RETE PROVINCIALE DI MESSINA AgrigentoMonserrato: NOx, PM 10 , SO2 RETE COMUNALE DI PALERMO Porto Empedocle_1: HC, NOx, O3 , PM 10 Porto Empedocle_3: NOx, PM 10 AgrigentoCentro:HC, NOx, O3 , PM 10 , CO, SO2 RETE RETE URBANA INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA PROVINCIA DI DI SIRACUSA SIRACUSA RETE PROVINCIALE DI AGRIGENTO Tabella 2.45 – Stazioni di monitoraggio e inquinanti monitorati (Anno 2006)* RETE COMUNALE DI CATANIA w .d o w w w w ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- Condrò: NOx, PTS, SO2 Messina (Archimede): C6 H6 , CO, NOx, PM 10 , PTS Messina (Caronte): C6 H6 , CO, NOx, PM 10 , O3 , SO2 Messina (Minissale): CO, NOx, PM 10 , PTS, SO2 Milazzo (Capitaneria di Porto): NOx, PTS, SO2 Pace del Mela (Mandravecchia): HC, NOx, PTS, SO2 S. Filippo del Mela: NOx, PTS, SO2 S. Lucia del Mela: NOx, PTS, SO2 Messina (Boccetta): C6 H6 , CO, NOx, PM 10 Messina (Università): C6 H6 , CO Belgio: HC, CO, NOx, PM 10 , PTS, Pb, SO2 , pH Boccadifalco: BTX, CO, Cd, Ni, NOx, O3 , Pb, PM 10 , SO2 Giulio cesare: HC, CO, NOx,PM10,PTS,SO2 , metalli pesanti Indipendenza: CO, NOx, PM 10 , PTS, SO2 , metalli pesanti Torrelunga: CO, NOx, PM 10 , PTS, Pb, SO2 Unità d'Italia: CO, NOx, PM 10 , PTS, Pb, SO2 Castelnuovo:BTX,HC,CO,NOx,PM 10/2,5 ,O3 ,PTS,SO2 ,met.pes Di Blasi: BTX, CO, NOx, PM 10/2,5 , PTS, As, Cd, Ni, Pb, SO2 Augusta: HC, H2 S, NOx, PM 10 , PTS, SO2 Belvedere: HC, H2 S, NOx, PM 10 , PTS, SO2 San Cusmano: BTX, HC, H2 S, NOx, PM 10 , PTS, SO2 , O3 Melilli: HC, H2 S, NOx, PM 10 , PTS, SO2 , O3 Priolo: HC, H2 S, NOx, PM 10 , PTS, SO2 , O3 ScalaGreca: HC, CO, H2 S, NOx, O3 , PTS, SO2 , PAN Acquedotto: HC, CO, NOx, O3 , IPA, PM 10 , PTS, SO2 Bixio: HC, NOx, IPA, PM 10 , SO2 Specchi: BTX, NOx, PM 10 , SO2 Teracati: BTX, CO, IPA, PM 10 Tisia: CO, NOx, SO2 Floridia: CO, NOx, SO2 * Per una maggiore informazione relativa alle stazioni di monitoraggio e alla loro relativa ubicazione consultare www.brace.sinanet.apat.it. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 120
  2. 2. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  3. 3. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  4. 4. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Figura 2.57 - Stazioni di monitoraggio (pubbliche e private) del Comprensorio del Mela (ME) Rete della Provincia Regionale di Trapani La Provincia regionale di Trapani non è dotata di rete di rilevamento fisse ma è dotata di una unità mobile per il rilevamento sia dei parametri chimici che di quelli meteorologici, che da informazioni assunte dal responsabile, oggi è praticamente dismesso. Rete della Provincia Regionale di Ragusa La Provincia Regionale di Ragusa non è dotata di rete di rilevamento fisse ma è dotata di una unità mobile per il rilevamento sia dei parametri chimici che di quelli meteorologici. La stessa ha effettuato negli ultimi anni le seguenti campagne di monitoraggio:ù Campagna di Ragusa Campagna di Marina di Ragusa Campagna di Ispica Campagna di Ragusa Campagna di Comiso Provincia di Siracusa La Provincia di Siracusa è quella dove il programma di interconnessione delle reti di rilevamento dell’inquinamento atmosferico ha coinvolto maggiormente sia i gestori delle reti pubbliche (Provincia Regionale) che quelli Privati (ENEL e CIPA). La Provincia Regionale ha una rete di monitoraggio costituita da 7 stazioni fisse, opportunamente ubicate in alcuni comuni della provincia, per il rilevamento dei parametri chimici e da 3 stazioni per il rilevamento dei parametri meteorologici.. L’ENEL possiede 6 stazioni fisse, ubicate in varie località della provincia, per il rilevamento dei parametri chimici e 1 stazione per il monitoraggio dei parametri Meteorologici. La rete CIPA è costituita da 11 stazioni fisse, ubicate in località della provincia, per il rilevamento dei parametri chimici e di 1 per il rilevamento dei parametri meteorologici. Il S.O.D.A.R. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 123 .c
  5. 5. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  6. 6. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  7. 7. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  8. 8. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  9. 9. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  10. 10. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  11. 11. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  12. 12. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  13. 13. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  14. 14. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  15. 15. F- w y to bu y bu to k lic c .d o m o m w o c u -tr . ack C k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k La tabella 2.50 sintetizza il numero dei superamenti del limite orario di biossido di zolfo rilevati nel 2006, per la protezione della salute umana. Dall’analisi della tabella che segue, si rileva come l’inquinamento da biossido di zolfo incida maggiormente nelle aree di tipo industriale, ed in misura minore anche nelle aree urbane. Inoltre, si può notare come le concentrazioni medie annuali di biossido di zolfo in aree metropolitane come quella di Catania si mantengano ad un livello basso; stessa cosa non può dirsi per il comune di Palermo. Rispetto ai dati del 2005, ove erano assenti i dati di diversi gestori, si nota comunque un 3 peggioramento generale. Si sono verificati tre superamenti della soglia di allarme di 500 µg/m nel comune di Pace del Mela nel 2006. Tabella 2.50: Superamenti del Limite orario di biossido di zolfo (SO2 ) per la protezione della salute umana (2006) N. di superamenti del limite orario per la protezione della salute umana 350 µg/m3 per il 2006 (max 24 volte nell’anno) Comune di Catania 0 Comune di Palermo 6 (Castelnuovo) Provincia di Siracusa (Urb + Ind) 1 (Melilli), 21 (San Cusmano), 1 (Scala Greca) 44 (Pace del Mela Mandravecchia – 3 superamenti soglia allarme ), 19 Provincia di Messina (San Filippo del Mela), 1 (Santa Lucia del Mela), Provincia di Caltanissetta* 4 (AGIP_Mineraria) Provincia di Agrigento 0 ARPA Sicilia (rete ENVIREG) 7 (C.da Gabbia (ME) Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori reti pubbliche (2007) 0RWLYD]LRQH LQFRPSUHQVLELOHRQWUDVWD FRQOH]RQHGLLQFUHPHQWR * escluso le città di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile I dati di Palermo (tab. 2.51) talvolta mostrano un decremento che può essere attribuito all’introduzione negli usi civili ed industriali di combustibili e carburanti a basso tenore di zolfo e del gas naturale, praticamente privo di zolfo. Stazioni 2001 2002 2003 2004 µg/m3 Boccadifalco (1) 2 2 2 Indipendenza 5 4 6 6 Giulio Cesare 7 9 9 8 Castelnuovo 9 10 7 11 Unità d'Italia 5 7 6 7 Torrelunga 7 5 5 3 Belgio 7 7 5 4 Di Biasi 9 9 13 Tabella 2.51- SO2 Concentrazione media annuale nel comune di Palermo (limite per la protezione degli ecosistemi =20mg/m3 ) 2.3.3.2 Concentrazioni in atmosfera di particolato (PM10 ) Per PM 10 si intende materiale particellare con diametro uguale o inferiore a 10 µm. Le sorgenti emissive antropiche principali, in ambiente urbano, sono costituite dagli impianti di riscaldamento civile e dal traffico veicolare. È opportuno ricordare che anche le eruzioni vulcaniche assumono un ruolo di primo piano; infatti, le ceneri vulcaniche contengono una frazione di particolato che viene rilevata dagli analizzatori di PM 10. Ma anche gli incendi boschivi, la risospensione delle polveri e l’aerosol marino sono fonti naturali di PM 10 . La finalità dell’indicatore consiste nel verificare se le concentrazioni in aria di PM 10 non oltrepassino i valori limite prescritti dalla normativa vigente. Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania, e quelli acquisiti dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria della provincia di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Messina, per l’anno 2006 è stato verificato il rispetto del limite della media giornaliera, il cui valore, da non superarsi per più di 35 volte nell'anno civile, è pari a 50 µg/ m3 (D.M. 2 aprile 2002, n. 60). La tabella 2.52 sintetizza il numero di superamenti del valore limite della media giornaliera (da non superarsi più di 35 volte nell’arco di un anno) registrati nel 2006. Il D.M. 60/02 ha stabilito che la concentrazione media annua per il PM 10 non debba superare il valore limite di 40 µg/m3 in vigore dal 01/01/2005. Dalla tabella 2.12 si rileva come il valore limite della media giornaliera venga superato diverse volte Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 134 .c
  16. 16. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  17. 17. F- w c u -tr y lic c .d o m o . ack C w o m k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k DESCRIZIONE: Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania, e quelli acquisiti dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria della provincia di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Messina, per l’anno 2006, è stato verificato il 3 rispetto del limite orario per la protezione della salute umana, il cui valore è pari a 240 µg/m per l’anno 2006 da non superare per più di 18 volte per anno civile (D.M. 2 aprile 2002 n. 60). UNITÀ di MISURA: Microgrammi al metro cubo (µg/m3 ). FONTE dei DATI: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti, dalla Provincia Regionale di Siracusa, dalla Provincia Regionale di Caltanisetta, dalla Provincia Regionale di Agrigento, dalla Provincia regionale di Messina, dal Comune di Catania, Direzione Tutela Ambientale per la città di Catania, dall’AMIA s.p.a. per il Comune di Palermo (2006). NOTE TABELLE e FIGURE: La tabella 2.10 riporta il numero complessivo di superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana, registrati rispettivamente nelle c ittà di Catania e Palermo e nelle province regionali di Siracusa, Messina, Caltanissetta e Agrigento nel 2006. STATO e TREND: Analizzando i dati di qualità dell’aria rilevati nel 2006, si evince come i valori più alti si registrano nelle città di Palermo e Catania in postazioni ubicate nelle zone centrali e pertanto più soggette all'inquinamento da traffico. Per il 2006, il valore limite delle concentrazioni medie orarie è pari a 240 µg/m3 , da non superarsi per più di 18 volte. La tabella 2.54 sintetizza il numero di superamenti che si sono verificati nel 2006; in nessun caso è stato superamento il limite di legge. Rispetto ai dati del 2005, si nota un leggero peggioramento per la città di Palermo. Nessun superamento 3 della soglia di allarme di 400 µg/m si è verificato nel periodo considerato. Tabella 2.54: Biossido di azoto (NO2 ), superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana (2006) N° Superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana 3 Per l’anno 2006 il valore limite è pari a 240 µg/m (max 18 volte nell’anno) Comune di Catania 3 (Michelangelo) 1 (Boccadifalco), 3 (Castelnuovo), 2 (Di Blasi), 1 (Unità Comune di Palermo d’Italia) Provincia di Siracusa (Urb +Ind) 5 (Scalagreca), 9 (Specchi) Provincia di Caltanissetta* 1 (Via Venezia) Provincia di Messina 0 Provincia di Agrigento 0 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori (2007) * escluso le città di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile L’Assessorato Territorio e Ambiente e ARPA Sicilia stanno provvedendo alla elaborazione degli andamenti temporali, delle medie annuali e del 98° percentile, degli ultimi anni al fine di valutare il trend delle concentrazioni sia negli ambiti urbani (più o meno esposti al traffico veicolare), ma anche in quelli extra -urbani. In Palermo i dati storici dal 2001 al 2004 mostrano un andamento irregolare del biossido di azoto nel valore della media annuale. Tale andamento non si manifesta in maniera uniforme per tutte le stazioni di monitoraggio. Stazioni 2001 2002 2003 2004 VL+MDT VL+MDT VL+MDT VL+MDT 58 µg/m3 56 µg/m3 54 µg/m3 52 µg/m3 Boccadifalco [12] 19 15 19 Indipendenza 42 59 57 58 Giulio Cesare 73 73 84 71 Castelnuovo 57 67 58 62 Unità d'Italia 51 70 70 55 Torrelunga 50 45 41 40 Belgio 54 60 55 48 Di Biasi 67 73 71 Tabella 2.55 – Concentrazione media annuale( valore limite per la protezione della salute umana nel 2010= 40 mg/m3 ) 2.3.3.4 Concentrazioni in atmosfera di Ozono (O3 ) L’ozono è un inquinante secondario, generato dalla trasformazione degli ossidi di azoto e dai composti organici volatili (detti inquinanti “precursori”) reattivi in presenza di radiazione solare anche a distanze notevoli dalle sorgenti primarie. E’ strettamente correlato alle condizioni meteoclimatiche, infatti, tende ad aumentare durante il periodo estivo e durante le ore Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 136 .c
  18. 18. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k di maggiore irraggiamento solare. L’ozono, inoltre, è responsabile, in presenza di talune sostanze organiche, del fenomeno dell’inquinamento fotochimico. L’indicatore proposto è finalizzato a valutare che le concentrazioni in aria rispettino i limiti introdotti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE: Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania, e quelli acquisiti dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria della provincia di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Messina, per l’anno 2006 è stato verificato il rispetto del livello di attenzione delle concentrazioni medie orarie, il cui valore limite è pari a 180 µg/ m3 (D.M. 16/05/1996). UNITÀ di MISURA: Microgrammi al metro cubo (µg/ m3 ). FONTE dei DATI: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti dagli enti gestori di Reti pubbliche per il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico (2006). NOTE TABELLE e FIGURE: La tabella 2.56 riporta il numero complessivo di superamenti del livello di attenzione delle concentrazioni medie orarie nel 2006. Al riguardo, è opportuno specificare che il “livello di attenzione”, indicato anche come “livello per l’informazione della popolazione”, non rappresenta una condizione di rischio ma la possibilità di un aggravarsi del fenomeno nel caso continuassero, per più giorni, condizioni atmosferiche sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti che contribuiscono alla formazione dell’ozono. STATO e TREND: Dall’analisi della tabella 2.56 dei superamenti si nota un peggioramento con superamenti della soglia di attenzione e della soglia di allarme. Il comune di Palermo in controtendenza fa registrare un netto miglioramento azzerando il numero di superamenti riscontrati nel 2005. Rimane grave la situazione relativa all’area a rischio di Priolo, dove la presenza di un’elevata concentrazione di precursori nonché delle particolari condizioni atmosferiche causa l’innalzamento dei valori di concentrazione dell’ozono. Valori limite di ozono, obiettivo lungo termine e valore target per la protezione della salute umana Obiettivo Livello di concentrazione (µg/m3 ) Tempo medio Limite di informazione 180 1 ora Limite di allarme 240 1 ora Obiettivo lungo termine 120 Media su 8 ore, max giornaliero Valore target 120 Media su 8 ore, max giornaliero (EEA, 2005) Tabella 2.56: Ozono (O3 ), numero di superamenti della soglia di informazione (2006) 3 Concentrazione media di 1 ora: 180 µg/m Comune di Catania Moro: 1 Comune di Palermo 0 Provincia di Agrigento Cammarata: 4 Ospedale V. Emanuele: 1; Provincia di Caltanissetta Via Venezia: 3 Provincia di Messina 0 Priolo: 11 (2); Melilli: 81 (17); Provincia di Siracusa (Urb + Ind)* San Cusmano: 51 (5) Acquedotto: 3; C.da Fusco: 33 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti dagli Enti Gestori (2007) 3 * tra parentesi i superamenti della soglia di allarme media oraria 240 µg/m L’Assessorato Territorio e Ambiente e ARPA Sicilia stanno provvedendo alla elaborazione degli andamenti temporali, delle medie annuali e del 98° percentile, degli ultimi anni al fine di valutare il trend delle concentrazioni sia negli ambiti urbani (più o meno esposti al traffico veicolare), ma anche in quelli extra -urbani. Nel territorio del comune di Palermo (tab. 2.57), l’ozono mostra un andamento irregolare nel valore della media annuale per entrambe le tipologie di stazione di misura. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 137 .c
  19. 19. F- w y to bu y bu to k lic c Soglia Limite Unità di misura Periodo AOT4O (prot. vegetaz.) mg/m3 h maggio-luglio 31922 28074 53943 27653 325 74 4768 mg/m3 h aprile -settembre 52845 65336 91556 34461 689 129 6475 m c u -tr a c k 2151 AOT4O (prot. foreste.) .d o o m w o c u -tr . ack C k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- 3011 2001 Boccadifalco 2002 2003 Castelnuovo 2004 2001 2002 2003 2004 Conc. Media annuale mg/m3 anno civile 82 88 91 74 29 30 (35) Tabella 2.57 – Ozono O3 – Valori rilevati per anno e per stazione (D. L.vo 21/05/2004 n.183) 38 3 Per la stazione di background urbano i livelli di concentrazione medi annuali vanno da 70 a 90 µg/m . Le stazioni 3 soggette alle emissioni da traffico veicolare presentano medie annuali variabili tra 30 e 40 µg/m . 2.3.3.5 Concentrazioni in atmosfera di monossido di carbonio (CO) In ambiente urbano, la sorgente antropica principale da cui è generato il monossido di carbonio (CO) è costituita dagli autoveicoli a benzina durante il funzionamento a basso regime. Pertanto, le maggiori concentrazioni di CO, nelle città, si registrano nelle zone congestionate dal traffico veicolare. Contribuiscono ulteriormente all’emissione di CO, se pure in minor grado, gli impianti di riscaldamento e alcuni processi industriali. L’indicatore proposto è finalizzato a verificare il rispetto, in ambiente urbano, degli obiettivi statuiti dalla normativa. DESCRIZIONE: Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania, e quelli acquisiti dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria delle province di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Messina, per l’anno 2006, è stato verificato il rispetto 3 dei superamenti del valore limite orario su 8 ore per la protezione della salute umana, pari a 10 mg/m (D.M. 2 aprile 2002 n. 60). 3 UNITÀ di MISURA: Milligrammi al metro cubo (mg/m ). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti dal Co mune di Catania, Direzione Tutela Ambientale, dall’AMIA s.p.a. e dalle Province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Siracusa (2006). NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.58 fornisce una rappresentazione congiunta del numero di superamenti della soglia di attenzione, registrati rispettivamente nelle città di Catania, Palermo e nelle province regionali di Siracusa, Messina, Caltanissetta e Agrigento nel 2006. La media massima giornaliera su 8 ore viene individuata esaminando le medie mobili su 8 ore, calcolate in base a dati orari e aggiornate ogni ora. Ogni media su 8 ore così calcolata è assegnata al giorno nel quale finisce. In pratica, il primo periodo di 8 ore per ogni singolo giorno sarà quello compreso tra le ore 17.00 del giorno precedente e le ore 01.00 del giorno stesso; l’ultimo periodo di 8 ore per ogni giorno sarà quello compreso tra le ore 16.00 e le ore 24.00 del giorno stesso. STATO e TREND Nessun superamento della soglia d’allarme e del valore limite su 8 ore, che per il 2006 è pari a 10 mg/m3 , è stato registrato a Palermo, Catania e Caltanissetta nonché nella Province di Siracusa nel periodo considerato; stesso risultato era stato ottenuto dall’analisi dei dati relativi al 2004 e 2005. Tabella 2.58: Superamenti della media max giornaliera su 8 ore (2006) Superamenti del limite orario per la protezione della salute umana 10 mg/m3 per il 2006 Comune di Catania 0 Comune di Palermo 0 Provincia di Siracusa (Urb + Ind) 0 Provincia di Messina 0 Provincia di Caltanissetta* 0 Provincia di Agrigento 0 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori reti pubbliche (2007) * escluso le città di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile L’Assessorato Territorio e Ambiente e ARPA Sicilia stanno provvedendo alla elaborazione degli andamenti temporali, delle medie annuali e del 98° percentile, degli ultimi anni al fine di valutare il trend delle concentrazioni sia negli ambiti urbani (più o meno esposti al traffico veicolare), ma anche in quelli extra -urbani. Nelle centraline di Palermo il monossido di carbonio mostra un andamento decrescente sia nel valore della media annuale che per la massima media su 8 ore (tab. 2.59) per tutte le tipologie di stazione di misura. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 138 .c
  20. 20. F- w y lic Stazioni .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k 2001 2002 2003 2004 2 2 1 1 Boccadifalco Indipendenza 7 10 5 5 Giulio Cesare 12 8 7 7 Castelnuovo 8 11 6 5 Unità d'Italia 9 10 7 8 Torrelunga 4 6 5 5 Belgio 7 9 5 7 8 7 6 Di Blasi Tabella 2.59– CO Massima media su 8 ore (mg/m3) rilevata dal 2001 al 2004 2.3.3.6 Concentrazioni in atmosfera di benzene (C 6 H6 ) Il benzene è un idrocarburo aromatico volatile. E’ generato dai processi di combustione naturali, quali incendi ed eruzioni vulcaniche, ed inoltre è rilasciato in aria dai gas di scarico degli autoveicoli e dalle perdite che si verificano durante il ciclo produttivo della benzina (preparazione, distribuzione e l'immagazzinamento). Considerato sostanza cancerogena, riveste un’importanza particolare nell’ottica della protezione della salute umana. L’indicatore proposto è volto a verificare che le concentrazioni in aria di benzene non oltrepassino i valori limite prescritti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE: Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania, e quelli acquisiti dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria della provincia di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Messina, per l’anno 2006 è stato verificato il rispetto del limite della media annuale (D.M. 2 aprile 2002, n. 60). UNITÀ di MISURA: Microgrammi al metro cubo (µg/ m3 ). FONTE dei DATI: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti, dagli Enti gestori delle reti pubbliche (2006). NOTE TABELLE e FIGURE: La tabella 2.60 riporta i superamenti registrati nell’anno 2006. STATO e TREND: Il D.M. n. 60/02 ha introdotto un valore limite per la protezione della salute umana pari a 5 µg/m3 come media annuale da raggiungere entro il primo gennaio 2010, a cui si aggiunge un margine di tolleranza di 5 µg/m3 fino al 31 dicembre 2005. Dal primo gennaio 2006, e successivamente ogni 12 mesi, il valore è ridotto secondo una percentuale costante per raggiungere lo 0% di tolleranza al primo gennaio 2010. Pertanto, sino al 1 gennaio 2006 il valore limite per il benzene coincide con il valore previsto per l’obiettivo di qualità dal D.M. 25 novembre 1994. Dalla tabella che segue si evince che le concentrazioni medie annue di benzene risultano, per l’anno 2006, inferiori al valore limite di 9 µg/m3 . Nelle aree urbane si raggiungono tuttavia picchi orari di concentrazione di alcune decine di microgrammi al metro cubo. Tabella 2.60: Benzene numero di superamenti del valore limite (2006) N° Superamenti del valore limite annuale 9 µg/m3 per l’anno civile 2006 0 Comune di Palermo Comune di Catania 0 Provincia di Agrigento 0 Provincia di Caltanissetta* 0 Provincia di Messina 0 Provincia di Siracusa 0 ARPA Sicilia (rete ENVIREG:c.da 0 gabbia, Fosfogessi, Monte Tauro) Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti da enti gestori di reti pubbliche (2007) * escluso le città di Caltanissetta e San Cataldo, dati non pervenuti in tempo utile Nel territorio urbano di Palermo il Benzene ha mostrato un trend decrescente in due stazioni e crescente nella terza (tab. 2.61). Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 139 .c
  21. 21. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  22. 22. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  23. 23. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  24. 24. F- w y to bu y bu to k lic c .d o m o m w o c u -tr a c k Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 1999 300 ugr/m3 250 200 150 100 50 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 1 0 Giorni Grafico 2.2 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2. San Filippo Del Mela anno 1999. Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 2000 300 250 ugr/m3 200 150 100 50 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 0 1 c u -tr . ack C k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- Giorni Grafico 2.3 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2. San Filippo Del Mela anno 2000. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 143 .c
  25. 25. F- w y to bu y bu to k lic c .d o m o m w o c u -tr a c k Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 2001 300 ugr/m3 250 200 150 100 50 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 1 0 Giorni Grafico 2.4 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2. San Filippo Del Mela anno 2001. Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 2002 250 200 ugr/m3 150 100 50 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 0 1 c u -tr . ack C k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- Giorni Grafico 2.5 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2. San Filippo Del Mela anno 2002. STAZIONE DI MILAZZO Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 144 .c
  26. 26. F- w y to bu y bu to k lic c .d o m o m w o c u -tr a c k Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 1998 100 ugr/m3 80 60 40 20 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 1 0 Giorni Grafico 2.6 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2 per la stazione di Milazzo anno 1998. Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 1999 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 80 70 60 50 40 30 20 10 0 1 ugr/m3 c u -tr . ack C k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- Giorni Grafico 2.7 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2 per la stazione di Milazzo anno 1999. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 145 .c
  27. 27. F- w y to bu y bu to k lic c .d o m o m w o c u -tr a c k Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 2000 100 ugr/m3 80 60 40 20 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 1 0 Giorni Grafico 2.8 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2 per la stazione di Milazzo anno 2000. Valori medi giornalieri di concentrazione di SO2 anno 2001 70 60 ugr/m3 50 40 30 20 10 353 331 309 287 265 243 221 199 177 155 133 111 89 67 45 23 0 1 c u -tr . ack C k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- Giorni Grafico 2.9 - Valori medi giornalieri delle concentrazioni di SO2 per la stazione di Milazzo anno 2001. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 146 .c
  28. 28. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c
  29. 29. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Grafico 2.11 - Medie giornalierie delle concentrazioni di SO2 . Tabella 2.63 – 98° percentile delle concentrazioni medie giornalierie Tabella 2.52 – 98° percentile delle concentrazioni medie giornalierie Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 148 .c
  30. 30. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Grafico 2.12 – 98° percentile di NO2 . Tabella 2.64 – Concentrazioni medie di PTS Grafico 2.13 – Concentrazione media di PTS Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 149 .c
  31. 31. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Grafico 2.14 – 95° percentile di PTS Nella tab. 2.65 sono indicati, espressi in i valori limite di SO2 e quelli riscontrati nelle varie postazioni negli anni 20012003. Tabella 2.65– Valori limite di SO2 e quelli riscontrati nelle varie postazioni negli anni 2001-2003 Oltre all’acquisizione dei dati ambientali si è proceduto all’acquisizione dei dati cartografici. Sono inoltre disponibili gli andamenti delle concentrazioni medie orarie di SO2 dell’anno 2004, rilevati dalle centraline di Milazzo Porto, San Filippo del Mela e Santa Lucia del Mela. L’elaborazione dei dati rilevati dalle centraline sopradette nel periodo gennaio-dicembre 2004, in base a quanto previsto dal DM. n. 60 del 2/4/2002 ha fornito le seguenti indicazioni: Postazione di S. Filippo del Mela SO2 : sono stati registrati n. 1 superamenti del valore limite (350 µg/m3 come media oraria, da non superare più di 24 volte nell’anno). Postazione di S. Lucia del Mela SO2 : sono stati registrati n. 8 superamenti del valore limite (350 µg/m3 come media oraria, da non superare più di 24 volte nell’anno). Postazione di Milazzo – Porto SO2 : è stato registrato n. 1 superamenti del valore limite (350 µg/m3 come media oraria, da non superare più di 24 volte nell’anno). In fig. 2.59 sono riportati i dati di SO2 relativi alla centralina Milazzo Porto per quanto concerne l’anno 2004 mentre in fig. 2.60 quelli di San Filippo del Mela. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 150 .c
  32. 32. F- w y to bu y bu to k lic c .d o m o w o c u -tr . ack C m C lic k Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Provincia Regionale di Messina Dipartimento Ambiente 1° Ufficio Dirigenziale 600.0 Parametro: SO2 (µg/m³), periodo: 01 gen 2004-31 dic 2004 500.0 400.0 300.0 200.0 100.0 0.0 Milazzo Porto - media oraria Figura 2.59 - Andamento di SO2 (µg /m 3 ) per l’anno 2004 Provincia Regionale di Messina Dipartimento Ambiente 1° Ufficio Dirigenziale Parametro: SO2 (µg/m³), periodo: 01 gen 2004-31 dic 2004 600.0 500.0 400.0 300.0 200.0 100.0 0.0 S.Filippo del Mela - media oraria Figura 2.60 - Andamento di SO2 (µg /m 3 ) per l’anno 2004 Campagne di misura eseguite da ARPA Sicilia nel comprensorio del Mela. $53$/DEPRELOH0LOD]]R SDJJ Nel corso degli anni più recenti i Dipartimenti ARPA SICILIA Provinciali hanno avviato alcune campagne di misura degli inquinanti nelle aree del territorio della Sicilia nelle quali sono presenti le attività produttive di maggiore rilevanza. In particolare, si riporta quanto è stato recentemente rilevato nell’area (a cura della Direzione Generale ARPA Sicilia, Struttura Tecnica IV Atmosfera). Si riportano a titolo di esempio i dati acquisiti in una delle sette campagne mensili effettuate nell’area del Mela (24/04/2005 – 19/10/2006); i report relativi a tutte le campagne effettuate sono pubblicati sul sito di arpa Sicilia http://www.arpa.sicilia.it/tematiche/aria/lab_mobile.htm. Nella zona sono presenti le centraline fisse precedentemente indicate. Di seguito vengono riportati dati di sintesi ottenuti in base a rilievi dei sistemi di monitoraggio in continuo delle emissioni e/o a stime relative ai principali agenti inquinanti per le aziende che rappresentano le principali sorgenti fisse di inquinamento atmosferico. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 151 .c
  33. 33. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Tabella 2.66– Monitoraggio delle emissioni (2005) Andamento degli inquinanti nel periodo di misura Esaminando gli indicatori proposti dalla normativa appare evidente come la scala temporale adeguata per una valutazione della qualità dell’aria è generalmente quella annuale. Tuttavia, una campagna di misura condotta per un periodo più breve, può essere utile in un’ottica di approccio preliminare alla caratterizzazione dei livelli di inquinamento nel luogo soggetto all’indagine. I dati, rilevati dalla strumentazione installata sul laboratorio mobile, sono stati trasferiti, via modem, al centro elaborazione dati (C.E.D.) allocato negli uffici della direzione generale A.R.P.A. Sicilia e qui elaborati e rappresentati, per una immediata lettura, tramite grafici e tabelle. I risultati sono stati confrontati, al fine di verificarne il rispetto, con i valori limite di qualità dell’aria indicati nelle normative vigenti. In materia di livelli di attenzione e di allarme, le medie orarie e giornaliere sono state confrontate con gli obiettivi di qualità previsti dal D.M. 2/04/2002 n. 60. In generale, l’evoluzione temporale dei diversi inquinanti monitorati è rappresentata con l’utilizzo di grafici relativi a: concentrazioni medie orarie: evoluzione oraria dell’inquinante nel periodo di misura; concentrazioni medie sulle 8 h: ogni valore è ottenuto come media tra l’ora h e le 7 ore precedenti l’ora h; concentrazioni medie giornaliere: evoluzione giornaliera dell’inquinante ottenuta mediando i valori delle concentrazioni dalle ore 0.00 alle ore 23.00 dello stesso giorno; giorno tipo: evoluzione media delle concentrazioni medie orarie nell’arco delle 24 ore. Si fa inoltre presente che l’ora a cui sono associati i dati è quella solare e che le concentrazioni sono normalizzate a 20°C e 101.3 kPa. In sintesi sono stati predisposti i seguenti grafici: concentrazioni medie giornaliere, orarie e giorno tipo per il biossido di zolfo (SO2); concentrazioni medie giornalie re, medie sulle 8 ore e giorno tipo per il monossido di carbonio (CO); concentrazioni medie orarie, giornaliere e giorno tipo per il monossido di azoto (NO); concentrazioni medie orarie, giornaliere e giorno tipo per il bionossido di azoto (NO2); concentrazioni medie orarie, medie sulle 8 ore, medie giornaliere e giorno tipo per l’ozono (O3); concentrazioni medie orarie, giornaliere, e giorno tipo per i BTX; concentrazioni medie sulle 3 ore, medie giornaliere e giorno tipo per gli idrocarburi non metanici (NMHC); concentrazioni medie orarie, giornaliere, e giorno tipo per il PM10. Biossido di Zolfo (SO2 ) Il valore massimo orario delle concentrazioni rilevate è stato di 75,96 µg/m 3 (3 maggio ore 9), mentre il massimo valore medio giornaliero è stato di 15,66 µg/m 3 rilevato in data 28 aprile. Sono pertanto largamente rispettati il valore limite orario (350 µg/m 3 ) e il valore limite sulle 24 ore (125 µg/m3 ) per la salute umana, nonché il valore della soglia di allarme misurato su tre ore consecutive (500 µg/m 3 ). Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 152 .c
  34. 34. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Non si è ritenuto utile calcolare il 98° percentile delle medie sulle 24 ore (D.P.C.M. 28 marzo 1983) per il limitato periodo di rilevamento. Monossido di carbonio (CO) 3 Il valore della media massima giornaliera su 8 ore è di 0,96 mg/m rilevato in data 11 maggio 2005. Questo valore 3 risulta largamente inferiore a quello limite per la protezione della salute umana (10 mg/m ) di cui al D.M. 60/02. Le concentrazioni rilevate come media di 1 ora e media di 8 ore calcolate sono al di sotto del valore limite di accettabilità delle concentrazioni e dei limiti massimi di esposizione di cui al D.P.C.M. 28 marzo 1983. Monossido di azoto (NO) Il monossido di azoto non è soggetto direttamente a normativa. Ciò nonostante risulta interessante conoscere gli andamenti orari delle sue concentrazioni, poiché oltre a trasformarsi in tempi brevi in NO2, la sua presenza influenza i processi fotochimici che determinano la produzione di O3 troposferico. 3 Il valore massimo orario raggiunto durante la campagna di monitoraggio è stato di 28,68 µg/m rilevato in data 11 maggio alle ore 8.00. Biossido di azoto (NO2 ) I livelli di biossido di azoto (NO2 ), registrati durante il periodo di misura, sono stati molto contenuti. Le concentrazioni medie orarie sono al di sotto sia del valore limite orario per la protezione della salute umana che della soglia di allarme misurata su tre ore consecutive. 3 Il valore massimo orario raggiunto è stato 70,21 µg/m , rilevato il 3 maggio 2005 alle ore 9; che quindi risulta essere largamente inferiore al limite orario di 200 µg/m 3 fissato dal D.M. 60/02. Così come per il biossido di zolfo, anche in questo caso non è stato calcolato il 98° percentile delle medie sulle 24 ore. Ozono (O3 ) Poiché la formazione di ozono (O3 ) è legata all’intensità della radiazione solare, le concentrazioni più elevate si riscontrano d’estate, che, quindi, risulta essere il periodo più significativo per eseguirne le misure. In ogni caso, in riferimento al D. Lgs. 21 maggio 2004 n.183, non si è mai assistito al superamento del livello della soglia di informazione (180 g/m³ di media oraria). Inoltre le concentrazioni medie sulle 8 ore non hanno mai superato il valore previsto dalla normativa come obiettivo a lungo termine per la salvaguardia della salute umana (120 g/m³). Il valore di concentrazione orario più elevato è stato di 126,87 µg/m3 , rilevato 11 maggio 2005 alle ore 16.00, mentre il valore massimo raggiunto dalla concentrazione mediata sulle 8 ore è stato di 117 µg/m 3 anch’esso rilevato in data 11 maggio 2005. Da notare il classico andamento ciclico, associato alla luce diurna, di questo inquinante fotochimico. Benzene, Toluene, XILENI (BTX) La media oraria delle concentrazioni di benzene, unico inquinante tra i tre sottoposto a normativa, calcolata su tutto il 3 periodo di monitoraggio è stata di 4,28 µg/m , quindi largamente al di sotto del limite normativo. In effetti, il valore obiettivo da raggiungere per il benzene, calcolato come media annuale delle concentrazioni orarie 3 rilevate, è fissato, dal D.M. 60/2002, in 10 µg/m , considerando il margine di tolleranza previsto per l’anno 2005. Nel breve periodo di rilevamento si sono verificati 2 superamenti orari di questo valore in data 24 aprile 2005 alle ore 9.00 e 10.00, altri 2 superamenti in data 26 aprile 2005 alle ore 8.00 e alle ore 20.00, ed infine un superamento in data 9 maggio 2005 alle ore 21.00. 3 Il massimo valore di concentrazione orario è stato di 15,49 µg/m , rilevato il 26 aprile alle ore 8.00. Idrocarburi non Metanici (NMHC) Come indicato in precedenza (vedi par. “Normativa in materia di inquinamento atmosferico”), per gli idrocarburi non metanici, il valore obiettivo, valutato su un periodo di mediazione di 3 ore consecutive, è fissato dal D.P.C.M. del 28/3/83 in 200 g/m³. Tale valore viene adottato soltanto nelle zone e nei periodi dell’anno nei quali si sono verificati superamenti significativi dello standard dell’aria dell’ozono, che, durante questa campagna di monitoraggio, non sono mai stati riscontrati. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 153 .c
  35. 35. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Tuttavia vanno evidenziati: elevate punte di concentrazioni orarie rilevate durante l’intera campagna di monitoraggio; l’elevato valore di concentrazione media oraria riferita all’intero periodo, che è stata di 288 g/m³; i numerosi picchi di concentrazione di idrocarburi aromatici verificatisi in concomitanza con i picchi di idrocarburi In particolare, l’11 maggio 2005 si è verificato il valore più alto della media su 3 ore consecutive, 1899 g/m³, superiore più di nove volte il limite suddetto, ed un valore di concentrazione media oraria di 3180 g/m³ rilevato alle ore 3.00. Particolato Fine (PM10 ) Durante la campagna di misura non si è verificato il superamento del valore limite medio giornaliero per la protezione della salute umana, fissato dal D.M. 60/2002 in 50 g/m³. Il valore massimo di concentrazione oraria è stato di 117,45 g/m³ rilevato 11 maggio 2005 alle ore 13.00, mentre il massimo valore medio giornaliero è stato di 41,18 g/m³ rilevato il 12 maggio 2005. Monossido di carbonio (CO ). Figura 2.61 – Monitoraggio CO Figura 2.62 – Monitoraggio CO- media giornaliera Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 154 .c
  36. 36. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Figura 2.63 - Monitoraggio CO – media oraria Studio di simulazione di dispersione atmosferica degli inquinanti effettaute dal DREAM dell’Università di ,QTXDOHDQQR Palermo Di seguito si riportano i risultati relativi alle simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate dal DREAM dell’università di Palermo. In particolare sono riportati i risultati sotto forma di: Concentrazione media al suolo di SO2 su un dominio esteso (simulazioni effettuate con il modello ISC3). Concentrazione media al suolo di SO2 su un dominio esteso per differenti periodi mensili e valore medio relativo ai primi 6 mesi dell’anno (interpolazioni effettuate a partire dai dati rilevati dalle centraline di monitoraggio). Concentrazione media al suolo nell’area oggetto di studio su dominio locale. I risultati della simulazione sono confrontabili con i dati rilevati con le centraline di monitoraggio e con i dati della campagna dell’ARPA. La mappa visualizzata mostra che già a poche centinaia di metri di distanza dai camini la concentrazione al suolo si riduce di 4 volte rispetto al valore massimo ottenuto in corrispondenza delle vicinanze dell’impianto. Tale valore massimo, in ogni caso, risulta di entità non superiore rispetto ai limiti di legge. I valori massimi di concentrazione di SO2 che si ottengono dalle simulazioni rispetto al valore limite per la qualità dell’aria dal D.M. 2 aprile 2002, n. 60 (350 µg/m3 come media oraria da non superarsi più di ventiquattro volte per anno civile, e 125 µg/m3 come media giornaliera da non superarsi più di tre volte per anno civile), risultano evidentemente contenuti. Le soglie di concentrazione di 100 e di 50 µg/m 3 non vengono mai superate (in ambito urbano), secondo le simulazioni eseguite, mentre la soglia di 5 µg/m 3 viene superata per diverse ore/anno ed anche nel centro urbano. Per tale inquinante è possibile quindi evidenziare uno stato di carico ambientale generato significativo ma non superiore ai limiti di normativa. Sulla base delle impostazioni definite per il modello, il considerare inerti gli inquinanti analizzati non influisce in maniera apprezzabile sui risultati. Se si effettua una simulazione relativa all’SO2, considerando una trasformazione chimica in atmosfera con cinetica di trasformazione pari ad un tempo di dimezzamento (parametro di half-life) pari a 4 ore, generalmente accettata per tale inquinante in condizioni atmosferiche medie, si può ipotizzare qualitativamente la coincidenza dei valori. Per un confronto di tipo quantitativo dovrebbero essere applicati alcuni indicatori statistici. Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 155 .c
  37. 37. F- w y lic .d o o c m C m w o c u -tr . ack k to bu y bu to k lic C Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente w w .d o w w w w N O W ! h a n g e Vi e N O W XC er PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k Fig. 2.64 - Impianti industriali - media dei primi 6 mesi dell’anno - mappa di concentrazione di SO2 (mg/m3 ) Figura 2.65 - Simulazione con ICS3: mappa di concentrazione media di SO2 (mg/m3 ) Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico” – Tel. 091-7077585 – e-mail: sanza@artasicilia.it 156 .c
  38. 38. h a n g e Vi e w N y bu to k .c w .d o m C lic c u -tr a c k o .d o w w w o w C lic k to bu y N O W ! PD ! XC er O W F- w m h a n g e Vi e w PD XC er F- c u -tr a c k .c

×