• Like
Piano aria regione sicilia decreto 169 settembre 2009 zonizzazione ozono
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Piano aria regione sicilia decreto 169 settembre 2009 zonizzazione ozono

  • 8 views
Published

CONSIDERAZIONI PRE BEFANA …

CONSIDERAZIONI PRE BEFANA

Vi ricordate cosa hanno detto la Lo Bello e Capilli nelle due audizioni a giustificazione del Piano copiato? Che ha prodotto "effetti" (amministrativi). Purtroppo, devo darvi la brutta notizia che avevano ragione. Il Piano copiato ha prodotto "effetti", e... che "effetti": ECCOLI !!!
a) D.A. 168/GAB del 18/09/2009 - zonizzazione metalli e IPA
b) D.A. 169/GAB del 18/09/2009 - zonizzazione ozono

MA, C'E' SEMPRE UN MA. PER LA LO BELLO E CAPILLI LA BRUTTA SORPRESA E' PER LORO; SE LEGGIAMO LE ZONIZZAZIONI (per brevità allego le "conclusioni", che già bastano e assuvecchiano), SCOPRIAMO CHE:

a) per quanto riguarda la zonizzazione dei metalli sul territorio regionale, a guardare la carta tematica riassuntiva, niente paura, tutto a posto, eccetto per i Comuni
sorpresa che leggerete: altro che aree a rischio (p.e. nella valle del Mela ci si può fare l'aerosol !!! (come al solito lo studio, oltre ai 3/4 di capitoli e paragrafi
riempitivI sulle solite generalità, conclude rimandando all'effettuazione di un altro studio per individuare - udite, udite - le aree critiche; vuoi vedere che ancora non se
ne sono accorti dove sono ?)
b) purtroppo, c'è sempre un purtroppo, in un altro allegato del Piano si afferma tutto l'opposto, con tonnellate/anno di metalli emessi in atmosfera, salvo a non dire
dove queste tonnellate si vanno a depositare (di sicuro chi ha scritto l'uno ha dimenticato cosa ha scritto nell'altro, e nessuno dei "redattori" si è letto i due
documenti)
c) per quanto riguarda l'ozono, leggerete nelle conclusioni l'ammissione che lo studio è carente e che si rimanda alla...previsione di un altro studio per identificare -
le correlazioni tra danno fogliare e le concentrazioni di ozono (come dire, altro giro, altra corsa).

INSOMMA, ALTRI PATERACCHI: TALE PIANO, TALI "EFFETTI", OVVIAMENTE SPECIALI !!!
CHI E' IL VOLONTARIO CHE SPIEGA ALLA LO BELLO DI EVITARE DI PARLARE, PER DECENZA ISTITUZIONALE, DEGLI EFFETTI DEL PIANO COPIATO?
http://tutelaariaregionesicilia.blogspot.it/2013/11/blog-post_28.html

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
8
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Biomonitoraggio dell’ozono Risultati e conclusioni Stazione : Catania 3 2,5 IDC 2 1,5 1 0,5 0 I II III VI VII Giugno VIII IX X XII Luglio XIII XIV XV XVI Agosto XVII XVIII XVIII Settembre Settimane Giugno Luglio Agosto XVIII XVII XVI XV XIV XIII XII XI X IX VIII VII VI V III II 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 I IDC Stazione: Boccadifalco Bocca di Falco Settembre Settimane Durante la campagna di biomonitoraggio con le plantule di tabacco sono stati confrontati i dati relativi a temperatura e irraggiamento con l’indice di danno cotiledonare e la concentrazione di Ozono troposferico rilevata dagli analizzatori automatici. Infatti sono stati posizionati, per tutte le settimane, i kit nelle immedia te vicinanze delle centraline localizzate a Caronte (ME), Boccadifalco (PA) e Catania. Tale obiettivo non è stato totalmente raggiunto a causa di diversi fattori che verranno di seguito esposti. La stazione di Caronte, come mostrato in Fig. 24 è mancante di alcuni rilievi settimanali di IDC a causa di inconvenienti tecnici relativi al mancato posizionamento in situ dei kit, mentre per la stazione di Catania la mancanza di alcuni rilievi settimanali (Fig. 24) è legata al pessimo stato dei kit arrivati in laboratorio. Nonostante la carenza di dati, a Caronte si rilevano sia da parte degli analizzatori automatici che degli indicatori biologici i valori in assoluto più bassi di concentrazione di Ozono troposferico ( g/m3), rispetto alle centraline di Boccadifalco e Catania, ed i valori più bassi di IDC, rispetto a tutte le stazioni oggetto di indagini. 32
  • 2. Biomonitoraggio dell’ozono Risultati e conclusioni Nella stazione di Catania, nei periodi utili di rilevamento, è possibile riscontrare un andamento analogo tra le concentrazioni di Ozono rilevate tramite l’analizzatore e il danno cotiledonare ad eccezione della settima, ottava e quindicesima settimana. Nella stazione di Boccadifalco è stata notata una corrispondenza nel periodo che va dalla seconda alla sesta settimana, nella nona e decima e dalla sedicesima fino all’ultima settimana di monitoraggio. A causa del numero esiguo di stazioni in cui è stata indagata la corrispondenza tra le concentrazioni registrate analiticamente e quelle rilevate biologicamente (solo in 3) e la discontinuità dei rilievi biologici settimanali su due stazioni (Caronte e Catania), la quantità di dati disponibili per effettuare analisi di correlazioni dirette tra range di classi di danno cotiledonare e concentrazioni di Ozono risulta carente. Pertanto un’indagine ripetuta nel tempo e su un maggior numero di stazioni già monitorate con gli analizzatori potrebbe risultare utile per evidenziare tali correlazioni, alla luce del fatto che, come detto precedentemente, è stato possibile rilevare in alcuni casi un andamento analogo. 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 I V VI VII Giugno VIII IX X XII Luglio XIII XIV IDC 200 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 IDC O 3(O3 (ng/m3) g/m3) Caronte (ME)- Diurni XV Agosto Settimane O3 (ug/m3) Max O3 (ug/m3) Media O3 (ug/m3) minimo IDC O3 ( g/m3) O 3 (ng/m3) Bocca di Falco Boccadifalco (PA) - (Diurni) 200 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 I II III Giugno V VI VII VIII IX X XII Luglio XIII XIV XV XVI Agosto XVII XVIII XVIII Settembre SETTIMANE O3 (ug/m3) Max O3 (ug/m3) Media O3 (ug/m3) Minima IDC In definitiva, lo studio conclude che la carenza dei dati ricavati non consente di...arrivare a conclusioni e che a tale scopo potrebbe essere utile... un altro studio con campionamenti ripetuti nel tempo ! 33