Your SlideShare is downloading. ×
Piano aria regione sicilia decreto 169 settembre 2009 zonizzazione ozono
Piano aria regione sicilia decreto 169 settembre 2009 zonizzazione ozono
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Piano aria regione sicilia decreto 169 settembre 2009 zonizzazione ozono

8

Published on

CONSIDERAZIONI PRE BEFANA …

CONSIDERAZIONI PRE BEFANA

Vi ricordate cosa hanno detto la Lo Bello e Capilli nelle due audizioni a giustificazione del Piano copiato? Che ha prodotto "effetti" (amministrativi). Purtroppo, devo darvi la brutta notizia che avevano ragione. Il Piano copiato ha prodotto "effetti", e... che "effetti": ECCOLI !!!
a) D.A. 168/GAB del 18/09/2009 - zonizzazione metalli e IPA
b) D.A. 169/GAB del 18/09/2009 - zonizzazione ozono

MA, C'E' SEMPRE UN MA. PER LA LO BELLO E CAPILLI LA BRUTTA SORPRESA E' PER LORO; SE LEGGIAMO LE ZONIZZAZIONI (per brevità allego le "conclusioni", che già bastano e assuvecchiano), SCOPRIAMO CHE:

a) per quanto riguarda la zonizzazione dei metalli sul territorio regionale, a guardare la carta tematica riassuntiva, niente paura, tutto a posto, eccetto per i Comuni
sorpresa che leggerete: altro che aree a rischio (p.e. nella valle del Mela ci si può fare l'aerosol !!! (come al solito lo studio, oltre ai 3/4 di capitoli e paragrafi
riempitivI sulle solite generalità, conclude rimandando all'effettuazione di un altro studio per individuare - udite, udite - le aree critiche; vuoi vedere che ancora non se
ne sono accorti dove sono ?)
b) purtroppo, c'è sempre un purtroppo, in un altro allegato del Piano si afferma tutto l'opposto, con tonnellate/anno di metalli emessi in atmosfera, salvo a non dire
dove queste tonnellate si vanno a depositare (di sicuro chi ha scritto l'uno ha dimenticato cosa ha scritto nell'altro, e nessuno dei "redattori" si è letto i due
documenti)
c) per quanto riguarda l'ozono, leggerete nelle conclusioni l'ammissione che lo studio è carente e che si rimanda alla...previsione di un altro studio per identificare -
le correlazioni tra danno fogliare e le concentrazioni di ozono (come dire, altro giro, altra corsa).

INSOMMA, ALTRI PATERACCHI: TALE PIANO, TALI "EFFETTI", OVVIAMENTE SPECIALI !!!
CHI E' IL VOLONTARIO CHE SPIEGA ALLA LO BELLO DI EVITARE DI PARLARE, PER DECENZA ISTITUZIONALE, DEGLI EFFETTI DEL PIANO COPIATO?
http://tutelaariaregionesicilia.blogspot.it/2013/11/blog-post_28.html

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
8
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Biomonitoraggio dell’ozono Risultati e conclusioni Stazione : Catania 3 2,5 IDC 2 1,5 1 0,5 0 I II III VI VII Giugno VIII IX X XII Luglio XIII XIV XV XVI Agosto XVII XVIII XVIII Settembre Settimane Giugno Luglio Agosto XVIII XVII XVI XV XIV XIII XII XI X IX VIII VII VI V III II 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 I IDC Stazione: Boccadifalco Bocca di Falco Settembre Settimane Durante la campagna di biomonitoraggio con le plantule di tabacco sono stati confrontati i dati relativi a temperatura e irraggiamento con l’indice di danno cotiledonare e la concentrazione di Ozono troposferico rilevata dagli analizzatori automatici. Infatti sono stati posizionati, per tutte le settimane, i kit nelle immedia te vicinanze delle centraline localizzate a Caronte (ME), Boccadifalco (PA) e Catania. Tale obiettivo non è stato totalmente raggiunto a causa di diversi fattori che verranno di seguito esposti. La stazione di Caronte, come mostrato in Fig. 24 è mancante di alcuni rilievi settimanali di IDC a causa di inconvenienti tecnici relativi al mancato posizionamento in situ dei kit, mentre per la stazione di Catania la mancanza di alcuni rilievi settimanali (Fig. 24) è legata al pessimo stato dei kit arrivati in laboratorio. Nonostante la carenza di dati, a Caronte si rilevano sia da parte degli analizzatori automatici che degli indicatori biologici i valori in assoluto più bassi di concentrazione di Ozono troposferico ( g/m3), rispetto alle centraline di Boccadifalco e Catania, ed i valori più bassi di IDC, rispetto a tutte le stazioni oggetto di indagini. 32
  • 2. Biomonitoraggio dell’ozono Risultati e conclusioni Nella stazione di Catania, nei periodi utili di rilevamento, è possibile riscontrare un andamento analogo tra le concentrazioni di Ozono rilevate tramite l’analizzatore e il danno cotiledonare ad eccezione della settima, ottava e quindicesima settimana. Nella stazione di Boccadifalco è stata notata una corrispondenza nel periodo che va dalla seconda alla sesta settimana, nella nona e decima e dalla sedicesima fino all’ultima settimana di monitoraggio. A causa del numero esiguo di stazioni in cui è stata indagata la corrispondenza tra le concentrazioni registrate analiticamente e quelle rilevate biologicamente (solo in 3) e la discontinuità dei rilievi biologici settimanali su due stazioni (Caronte e Catania), la quantità di dati disponibili per effettuare analisi di correlazioni dirette tra range di classi di danno cotiledonare e concentrazioni di Ozono risulta carente. Pertanto un’indagine ripetuta nel tempo e su un maggior numero di stazioni già monitorate con gli analizzatori potrebbe risultare utile per evidenziare tali correlazioni, alla luce del fatto che, come detto precedentemente, è stato possibile rilevare in alcuni casi un andamento analogo. 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 5 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 I V VI VII Giugno VIII IX X XII Luglio XIII XIV IDC 200 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 IDC O 3(O3 (ng/m3) g/m3) Caronte (ME)- Diurni XV Agosto Settimane O3 (ug/m3) Max O3 (ug/m3) Media O3 (ug/m3) minimo IDC O3 ( g/m3) O 3 (ng/m3) Bocca di Falco Boccadifalco (PA) - (Diurni) 200 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 I II III Giugno V VI VII VIII IX X XII Luglio XIII XIV XV XVI Agosto XVII XVIII XVIII Settembre SETTIMANE O3 (ug/m3) Max O3 (ug/m3) Media O3 (ug/m3) Minima IDC In definitiva, lo studio conclude che la carenza dei dati ricavati non consente di...arrivare a conclusioni e che a tale scopo potrebbe essere utile... un altro studio con campionamenti ripetuti nel tempo ! 33

×