Your SlideShare is downloading. ×
Piano aria regione sicilia alla pagina 233 del piano aria allegato 1 il sistema dei trasporti in sicilia pp aa complessivi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Piano aria regione sicilia alla pagina 233 del piano aria allegato 1 il sistema dei trasporti in sicilia pp aa complessivi

547
views

Published on

ANZA’,TOLOMEO,SANSONE,GULLO,INTERLANDI,ITALCEMENTI,ZUCCARELLO,D’ANGELO,ANGELA BIANCHETTI, ELETTRODOTTO, ENEL, Erin Brockovich, Gianluca Rossellini, Giusy Pollino, induzione magnetica, ITALCEMENTI, …

ANZA’,TOLOMEO,SANSONE,GULLO,INTERLANDI,ITALCEMENTI,ZUCCARELLO,D’ANGELO,ANGELA BIANCHETTI, ELETTRODOTTO, ENEL, Erin Brockovich, Gianluca Rossellini, Giusy Pollino, induzione magnetica, ITALCEMENTI, Luigi Maximilian Caligiuri, PACE DEL MELA, SACELIT, TRALICCI, TUMORI,BRUNO, CUTINO, ENEA,ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2009, BODY CENTER,ISOLA DELLE FEMMINE,LUCIDO MARIA STELLA, LOTTIZZAZIONE LA PALOMA, LUCIDO, MAFIA, PALAZZOTTO, POMIERO, PORTOBELLO, RISO, UFFICIO TECNICO COMUNALE,VOTO DI SCAMBIO,AIELLO MARIA,AIELLO PAOLO,BATTAGLIA ROSALIA,CARDINALE,CUTINO MARCELLO,GIUCASTRO,GUTTADAURO,LUCIDO SALVATORE,BOLOGNA, PAL_azzotto,PELOSO,CALTANISETTA,PORTOBELLO,Riso Napoleone,Riso Rosaria,ISOLA DELLE FEMMINE,REGGIO CLABRIA,SCIOGLIMENTO CONSIGLIO COMUNALE,MAFIA,INFILTRAZIONI MAFIOSE,COPACABANA,POMIERO,BRUNO
Roberto Cappelletti, LUCIDO ANTONINO RISO NAPOLEONE LUCIDO MARIA STELLA BODY CENTER ENEA CIMITERO DECADENZA AREA LOTTO 7 A DETERMINA DEL 3 SETTORE N.40, LUCIDO ANTONINO RISO NAPOLEONE LUCIDO MARIA STELLA BODY CENTER ENEA CIMITERO DECADENZA AREA LOTO 7 A DET DEL 1 SETT N.157
SENTENZA 864 2013,BRUNO FRANCESCO,BRUNO PIETRO,MOROSINI,STEFANO GALLINA,ENEA VINCENZO,ISOLA DELLE FEMMINE,SAN LORENZO 1,SAN LORENZO 2,LO BONO VINCENZO,RENAULT 18/TL,8 GIUGNO 1982,TAORMINA GIUSEPPE,ENEA PIETRO,ISOLA DELLE FEMMINE, FIAT 124 BIANCA,D’AGOSTINO BENEDETTO BENNY,MUTOLO,NAIMO,ONORATO,PROCEDIMENTO PENALE 4538 1993 R.G.N.R.,LO PICCOLO,RICCOBONO,MICALIZZI,BRUNO PIETRO,ADDIO PIZZO 5,COPACABANA,BADALAMENTI,VASSALLO GIUSEPPE,TROJA ANTONINO,BRUNO GIUSEPPE, SCALICI SALVATORE,COSTA CORSARA,AIELLO GIUSEPPE BENITO,ALIMENA GIUSEPPALO CICERO,POMIERO GIUSEPPE,LUCIDO,CATALDO,CARDINALE,B.B.P.,BRUNO GIOVANNI FACCIA MACCHIATA,D’AGOSTINO VINCENZO,CARDINALE GIUSEPPA,RICCOBONO CATERINA,UVA MARIA,IMPASTATO GIOVANNI,CONIGLIO MARIA CONCETTA,


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
547
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Regione Siciliana Assessorato del Turismo delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 2. INTRODUZIONE ................................................................................... 2-1 PARTE PRIMA – INQUADRAMENTO GENERALE ............................................ 2-1 1 Qualità dell’ambiente naturale, del paesaggio, dei siti e dei beni culturali .......... 2-1 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 2 Relazione tra le componenti ambientali e le modalità di trasporto ................................2-1 Stato dell’ambiente naturale......................................................................................2-3 Le forme del paesaggio siciliano ................................................................................2-5 I beni culturali e ambientali in Sicilia ........................................................................2-10 Pressioni e risposte................................................................................................. 2-11 L’analisi delle caratteristiche socio-economiche ed insediative della Sicilia......... 2-1 2.1 Gli aspetti demografici della Sicilia .............................................................................2-1 2.1.1 2.1.2 2.2 Il tessuto produttivo della Sicilia ................................................................................2-6 2.2.1 2.2.2 2.2.3 2.3 Popolazione e forze di lavoro .......................................................................................2-34 L’offerta di lavoro .......................................................................................................2-34 La domanda di lavoro .................................................................................................2-38 Il credito ................................................................................................................ 2-38 Analisi di sintesi e rappresentazioni grafiche............................................................. 2-39 2.5.1 2.5.2 2.5.3 2.5.4 3 La specializzazione settoriale .........................................................................................2-6 I sistemi locali ed i sistemi locali manifatturieri (le principali caratteristiche).......................2-9 La specializzazione provinciale .....................................................................................2-14 Il mercato del lavoro............................................................................................... 2-33 2.3.1 2.3.2 2.3.3 2.4 2.5 Il quadro demografico generale .....................................................................................2-1 Le previsioni demografiche............................................................................................2-4 Analisi demografica ....................................................................................................2-40 Analisi socioeconomica................................................................................................2-41 Analisi ambientale ......................................................................................................2-43 Poli d’eccellenza .........................................................................................................2-47 Quadro sinottico dei Piani Integrati Territoriali della Sicilia ................................. 3-1 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 3. PARTE SECONDA – DIAGNOSI DELLO STATO ATTUALE DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO IN SICILIA ......................................................................... 3-1 4 Il sistema dei trasporti in Sicilia ............................................................................ 4-1 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6 5 Quadro generale ......................................................................................................4-1 Trasporto stradale ....................................................................................................4-4 Trasporto ferroviario............................................................................................... 4-11 La dotazione infrastrutturale ................................................................................... 4-13 Trasporto marittimo................................................................................................ 4-15 Trasporto aereo...................................................................................................... 4-16 Il Piano Direttore ................................................................................................... 5-1 5.1 5.2 Obiettivi, finalità e linee strategiche ...........................................................................5-1 Il Piano delle infrastrutture........................................................................................5-3 5.2.1 5.2.2 5.2.3 5.2.4 5.3 Il Il Il Il sistema sistema sistema sistema stradale ........................................................................................................5-4 ferroviario.....................................................................................................5-5 portuale........................................................................................................5-6 aeroportuale .................................................................................................5-7 Il collegamento stabile dello Stretto di Messina...........................................................5-7 6 Il modello di assegnazione .................................................................................... 6-1 7 Modalità di trasporto stradale ............................................................................... 7-2 7.1 L’offerta di trasporto .................................................................................................7-2 7.1.1 7.1.2 7.2 La domanda di trasporto ...........................................................................................7-6 7.2.1 7.2.2 8 La mobilità delle persone ..............................................................................................7-6 La mobilità delle merci ................................................................................................7-16 Modalità di trasporto ferroviario............................................................................ 8-1 8.1 L’offerta di trasporto .................................................................................................8-1 8.1.1 8.1.2 8.2 Dotazione infrastrutturale e impianti di trasporto attuali ...................................................8-1 L’offerta di trasporto ferroviario nello scenario tendenziale ...............................................8-1 La domanda di trasporto ...........................................................................................8-2 8.2.1 8.2.2 9 Dotazione infrastrutturale e impianti di trasporto attuali ...................................................7-2 L’offerta di trasporto stradale nello scenario tendenziale ..................................................7-2 La mobilità delle persone ..............................................................................................8-2 La mobilità delle merci ................................................................................................8-11 Modalità di trasporto marittimo........................................................................... 9-12 9.1 L’offerta di trasporto ............................................................................................... 9-12 9.1.1 9.1.2 Dotazione infrastrutturale e impianti di trasporto attuali .................................................9-12 L’offerta di trasporto marittimo nello scenario tendenziale ..............................................9-12 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 4. 9.2 La domanda di trasporto ......................................................................................... 9-13 9.2.1 9.2.2 10 Autorita’ Portuale di Palermo – merci imbarcate/sbarcate...............................................9-13 Elaborazione delle matrici di domanda ................................................................................. 9-23 Modalità di trasporto aereo .............................................................................. 10-1 10.1 L’offerta - Rete aeroportuale esistente.................................................................. 10-1 10.1.1 10.2 La domanda di trasporto...................................................................................... 10-4 10.2.2 10.2.3 10.2.4 10.2.5 11 Consistenza degli aeroporti siciliani ..............................................................................10-3 Il traffico turistico ..................................................................................................... 10-10 Andamento del traffico aereo .................................................................................... 10-14 Distribuzione territoriale della domanda...................................................................... 10-18 Scenario tendenziale della mobilità aerea.................................................................... 10-19 Fattori di criticità economica e sociale ............................................................. 11-1 11.1 Analisi SWOT - Punti di forza e criticità del sistema ............................................... 11-1 Risorse naturali.........................................................................................................................11-1 11.1.1 Sistema agroalimentare ..............................................................................................11-3 11.1.2 Risorse culturali..........................................................................................................11-4 11.1.3 Sistemi locali..............................................................................................................11-5 11.1.4 Città..........................................................................................................................11-6 11.1.5 Reti e nodi di servizio..................................................................................................11-7 12 Analisi dei fattori di rischio ambientale ..................................................................8 12.1 Livello di inquinamento atmosferico ed acustico .........................................................8 12.1.1 12.1.2 12.1.3 12.2 Qualità della componente ambientale aria .........................................................................8 Stato della componente nella regione Sicilia..................................................................12-1 Qualità della componente ambientale rumore ...............................................................12-6 Ricaduta sulla salute umana e sulla qualità della vita ............................................. 12-8 12.2.1 Stato di salute della popolazione con riferimento alle patologie collegate alle modalità di trasporto 12-8 12.2.2 Stato di salute locale (n° di mortalità- n° di incidenti). ................................................. 12-27 13 Analisi dei punti di crisi e dei fenomeni di allarmismo ambientale ................ 13-36 13.1 Introduzione al fenomeno dell’allarmismo ambientale come fenomeno sociale da monitorare ..................................................................................................................... 13-36 13.2 Allarmismo ambientale nei suoi aspetti locali....................................................... 13-36 13.2.1 13.2.2 13.2.3 13.2.4 13.2.5 13.3 Rischi naturali .......................................................................................................... 13-36 Rischio sismico e vulcanico........................................................................................ 13-39 Rischi tecnologici e aree antropiche a rischio esistenti.................................................. 13-40 Aree ad elevato rischio ambientale............................................................................. 13-42 Ambienti urbani........................................................................................................ 13-44 Lo stato e gli elementi di possibili conflitti ambientali ........................................... 13-45 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 5. 13.3.1 13.4 Criticità locali .................................................................................................... 13-48 13.4.1 13.4.2 13.4.3 13.4.4 13.4.5 13.4.6 13.5 Sondaggi degli allarmismi ambientali dal Giugno ad Ottobre 2003 .................................... 13-45 Palermo................................................................................................................... 13-48 Catania.................................................................................................................... 13-49 Messina ................................................................................................................... 13-49 Zone Industriali ........................................................................................................ 13-50 Area industriale di Siracusa ....................................................................................... 13-51 Area industriale di Palermo........................................................................................ 13-52 Stato del monitoraggio ...................................................................................... 13-52 14 Analisi dei livelli di incidentalità ................................................................................. 14-1 15 Allegato Parte II - Inquadramento della programmazione istituzionale multimodale................................................................................................................ 15-1 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 6. PARTE TERZA - IL PROGETTO DEL SISTEMA DEI TRASPORTI ....................... 15-1 16 Il quadro degli obiettivi .................................................................................... 16-1 16.1 Obiettivi di carattere metodologico ....................................................................... 16-1 16.2 Obiettivi di natura economico-sociale.................................................................... 16-2 16.3 Obiettivi settoriali di carattere generale ................................................................ 16-3 16.4 Caratterizzazione delle misure normative e degli obiettivi da perseguire sotto il profilo ambientale ....................................................................................................................... 16-6 16.4.1 16.4.2 17 Impegni e vincoli di carattere generale........................................................................16-6 Le azioni e le linee di intervento...................................................................................16-7 Scenario multimodale programmatico al 2015........................................................ 17-1 Strategie generali................................................................................................ 17-1 Il progetto di attraversamento stabile dello Stretto di Messina ............................... 17-3 17.1 17.2 17.2.1 17.2.2 17.2.3 17.2.4 18 Stato di avanzamento .................................................................................................17-3 Il quadro dell’offerta ...................................................................................................17-4 Il quadro della domanda .............................................................................................17-1 Lo scenario alternativo al Ponte: Il sistema multimodale ................................................17-3 Piano attuativo del trasporto stradale.............................................................. 18-1 18.1 Obiettivi e strategie d’intervento nel Trasporto stradale ......................................... 18-1 18.1.1 18.1.2 18.2 18.3 Obiettivi settoriali per la modalità di trasporto stradale...................................................18-1 Stretegie e ambiti d’intervento per la modalità di Trasporto Stradale ...............................18-1 Scenario di programmazione istituzionale di lungo periodo..................................... 18-4 Scenario programmatico della modalità stradale al 2015...................................... 18-25 18.3.1 Interventi sulla rete infrastrutturale............................................................................ 18-25 18.4 Studio dei possibili interventi di trasferimento modale ......................................... 18-39 18.5 Comparazione analitica della situazione pre e post-intervento e analisi del sistema stradale successivo al riequilibrio modale configurato........................................................ 18-39 19 Piano attuativo del trasporto ferroviario........................................................ 19-56 19.1 19.1.1 19.1.2 19.1.3 19.1.4 19.2 19.2.1 19.2.2 19.3 Obiettivi e strategie d’intervento nel Trasporto Ferroviario ................................... 19-56 Obiettivi settoriali per la modalità di Trasporto Ferroviario............................................ 19-56 Stretegie e ambiti d’intervento per la modalità di Trasporto Ferroviario ......................... 19-56 Trasporto passeggeri ................................................................................................ 19-57 Trasporto merci........................................................................................................ 19-58 Scenario programmatico della modalità ferroviaria al 2015................................... 19-59 Trasporto passeggeri ................................................................................................ 19-59 Trasporto merci........................................................................................................ 19-61 Studio dei possibili interventi di trasferimento modale ......................................... 19-62 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 7. 20 Piano Attuativo del trasporto marittimo .......................................................... 20-1 20.1 Obiettivi e strategie d’intervento nel Trasporto Marittimo ....................................... 20-1 20.1.1 20.1.2 20.2 20.3 21 Obiettivi settoriali per la modalità di Trasporto Marittimo................................................20-1 Strategie e ambiti d’intervento per la modalità di Trasporto Marittimo .............................20-1 Scenario programmatico della modalità marittima al 2015 ..................................... 20-2 Studio dei possibili interventi di trasferimento modale ......................................... 20-21 Piano attuativo del trasporto aereo.................................................................. 21-1 21.1 21.1.1 21.1.2 21.2 21.2.1 21.2.2 Obiettivi e strategie d’intervento nel Trasporto Aereo ............................................ 21-1 Obiettivi settoriali per la modalità di Trasporto Aereo.....................................................21-1 Stretegie e ambiti d’intervento per la modalità di Trasporto Aereo ..................................21-1 Scenario programmatico della modalità aerea al 2015 ........................................... 21-2 Sistema aeroportuale della Sicilia Occidentale ...............................................................21-3 Sistema aeroportuale della Sicilia Orientale ...................................................................21-6 21.3 Comparazione analitica della situazione pre e post-intervento e analisi del sistema stradale successivo al riequilibrio modale configurato........................................................ 21-10 4.6.2 Descrizion degli scenari alternativi di contrasto impiegati per la valutazione ................... 21-17 21.3.2 Caratteristiche del modello di assegnazione del traffico agli aeroporti siciliani impiegato per le valutazioni.............................................................................................................................. 21-19 21.3.3 Studio dei possibili interventi di trasferimento modale.................................................. 21-34 21.3.4 Comparazione analitica della situazione pre e post intervento al fine di valutare i risultati attesi 21-35 21.3.5 Individuazione delle tecnologie alternative eco compatibili da attivare entro il 2015........ 21-46 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 8. INTRODUZIONE La redazione del Piano Regionale dei Trasporti e della Logistica della Regione Siciliana prevede un’articolazione in tre livelli di progettazione, tutti attinenti la pianificazione strategica: - il Piano direttore, documento d’indirizzo e di inquadramento della programmazione regionale in tema di trasporti e logistica, - i Piani attuativi per singola modalità di trasporto, della movimentazione delle merci e della logistica e del Trasporto Pubblico Locale. - gli Studi di fattibilità degli interventi strategici e prioritari previsti dai piani attuativi. Il presente documento riguarda l’elaborazione dei Piani attuativi per le modalità di trasporto stradale, ferroviario aereo e marittimo. Esso segue cronologicamente la redazione del Piano attuativo del trasporto delle merci e della logistica e precede quella del Piano per il riassetto del Trasporto Pubblico Locale e la Mobilità urbana. La suddetta articolazione è caratterizzata da fattori di dinamicità, che richiede un approccio progettuale di grande apertura e flessibilità in linea con gli indirizzi del Piano Generale dei Trasporti e della Logistica che conferisce al P.R.T.L. della Regione Siciliana quei caratteri di “piano processo” in linea con la concezione di pianificazione continua e modulare aggiornabile nel tempo in funzione delle dinamicità socio-economiche della Regione. Articolazione del documento. La struttura del documento di pianificazione tiene conto di due esigenze fondamentali. Ottenere, al termine del percorso progettuale, quattro piani caratterizzati da una propria autonomia mantenendo allo stesso tempo quell’approccio contestuale, indispensabile a garantire un funzionamento multimodale del sistema regionale dei trasporti efficace, efficiente e sostenibile sotto il profilo ambientale. A questo scopo è stata prevista un’articolazione del Piano in tre parti a loro volta distinte in sezioni monotematiche. La prima parte è dedicata ad un inquadramento generale. In essa sono raccolte le informazioni che consentono di esaminare la realtà siciliana sotto l’ aspetto territoriale, demografico, economico-sociale, e funzionale in grado di offrire numerosi spunti di riflessione sulla situazione attuale del sistema Sicilia, propedeutici all’esame del sistema dei trasporti: In particolare è stata analizzata: - la qualità dell’ambiente naturale, del paesaggio, dei siti e dei beni culturali, - l’ analisi delle caratteristiche socioeconomiche ed insediative della Sicilia, - i Piani integrati territoriali della Sicilia. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-1
  • 9. La seconda parte è dedicata alle analisi del sistema dei trasporti, ed è suddivisa in 12 sezioni di cui 8 comuni alle diverse modalità e 4 monotematiche, una per ogni modalità. La terza parte è dedicata al progetto del sistema dei trasporti ed è suddivisa in 6 sezioni di cui 2 comuni alle diverse modalità e riguardanti il quadro degli obiettivi e lo scenario multimodale programmatico al 2015. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-2
  • 10. PARTE PRIMA INQUADRAMENTO GENERALE
  • 11. Qualità dell’ambiente naturale, del paesaggio, dei siti e dei beni culturali. 1.1 Relazione tra le componenti ambientali e le modalità di trasporto Gli habitat dell’ isola caratterizzati da un certo grado di naturalità, quali i territori boscati, le zone umide ed i corpi idrici, sono esposti a fattori di pressione diversi e presentano, rispetto a ciascun fattore perturbativo, gradi diversi di vulnerabilità. Le pressioni dovute allo sviluppo delle infrastrutture di trasporto e alla crescita dell’urbanizzazione, in considerazione delle notevoli interazioni che presentano i due fenomeni, determinano aree vulnerabili, perlopiù, coincidenti geograficamente. La Sicilia è caratterizzata, come la maggior parte delle regioni del Mezzogiorno, da uno sviluppo delle maggiori infrastrutture di trasporto parallelo al perimetro costiero. L’assetto infrastrutturale, sostanzialmente omogeneo sul territorio, vede le maggiori infrastrutture viarie (fatta eccezione del collegamento Palermo - Catania) svilupparsi lungo le coste siciliane, con una concentrazione di infrastrutture maggiore lungo il perimetro tirrenico e ionico. In queste zone infatti, le strade statali 114 (Messina - Catania) e 113 (Messina - Palermo) si snodano parallelamente alle linee autostradali e ferroviarie. Fra effetti uno dei più consistenti è costituito dagli impatti della pressione antropica di origine urbana ed infrastrutturale, in termini di inquinamento acustico, inquinamento atmosferico, consumo di suolo, produzione di rifiuti, concentrata in massima parte sugli habitat costieri. L’addensamento abitativo costiero è un fenomeno che nell’ultimo cinquantennio ha avuto una forte accelerazione, e si colloca nell’ambito di una crescita esponenziale dell’urbanizzazione legata per gran parte all’aumento del benessere e alla diffusione di residenze di villeggiatura. Per quanto concerne gli habitat boschivi, essi sono prevalentemente localizzati in aree montane a bassa e bassissima densità abitativa, in aree in cui di scarso rilievo è il problema dell’urbanizzazione e del traffico, anche a causa del processo di spopolamento delle aree interne in atto, che determina spesso il problema inverso di fenomeni di degrado legati alla marginalizzazione. Bisogna sottolineare il problema dell’impatto ambientale delle grandi infrastrutture di collegamento, soprattutto in relazione alla cosiddetta rete ecologica. Il problema riguarda, ad esempio, l’autostrada Palermo-Catania, che lambisce a sud il complesso madonita, ma potrebbe interessare le aree nelle quali, stando alla programmazione regionale in materia di trasporti (Accordo di Programma Quadro Infrastrutture Stradali), si prevede un incremento della rete viaria. Sono tuttavia le zone umide costiere e le foci dei corpi idrici gli habitat che presentano, allo stato attuale, la maggiore esposizione ai fattori di pressione in oggetto. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-1
  • 12. L’insieme degli habitat protetti nelle aree interne della Sicilia costituisce l’ossatura di una potenziale rete che trova, invece, negli elementi connettivi il suo momento di più rilevante vulnerabilità. La non ancora avvenuta individuazione dei corridoi ecologici determina il verificarsi di situazioni di degrado, dovute ad esempio all’espandersi dell’urbanizzazione a ridosso di corpi idrici, che sono spesso, in prossimità della foce, soggetti a fenomeni di abusivismo edilizio, a cementificazione degli alvei, o destinati a discarica abusiva. Inoltre le infrastrutture di trasporto autostradali o ferroviarie, se non progettate e costruite con le opportune cautele, comportano un consistente effetto barriera che rischia di compromettere la connettività degli ecosistemi. Questi fenomeni sono particolarmente evidenti nel caso di grandi sistemi fluviali (vedi il caso eclatante della foce del fiume Simeto), ma si ripetono in forma polverizzata lungo tutte le coste dell’isola. Il settore dei trasporti rappresenta in definitiva uno degli elementi di pressione sull’ambiente di maggiore peso. Le dinamiche attraverso le quali si determina la domanda di mobilità sono governate da molteplici fattori sia economici che sociali. Ciò determina, di fatto, lo stretto rapporto che esiste tra un sistema di trasporti e la crescita socioeconomica di un territorio. Gli effetti sulla vita umana dell’attuale sistema di trasporti sono indubbiamente positivi se ci riferiamo alle praticamente infinite possibilità di movimento, ma sono anche particolarmente critici se ci riferiamo allo stato dell’ambiente in cui viviamo. Le conseguenze negative del sistema dei trasporti riguardano, infatti, molteplici aspetti della qualità della vita e si riferiscono principalmente all’uso di fonti energetiche non rinnovabili, inquinanti e quindi dannose agli equilibri chimico-fisici dell’atmosfera (provocano piogge acide, smog fotochimico, effetto serra indiretto e diretto, riduzione dello strato di ozono stratosferico), nonché alla salute dell’uomo e degli animali. Il settore dei trasporti contemporaneo è un sistema articolato in più modalità (trasporto stradale, marittimo, aereo, ferroviario), le quali presentano caratteristiche fisiche molto diverse tra loro e, quindi, con un alto numero di varianti che ne determinano il funzionamento. Gli impatti ambientali dei trasporti sono legati sia alla fase di realizzazione delle infrastrutture che a quella dell’esercizio. Il movimento dei veicoli, a qualunque categoria essi appartengano, provoca consumo di risorse energetiche da fonti non rinnovabili, inquinamento atmosferico e acustico (particolarmente rilevante in ambito urbano), occupazione e consumo di suolo (con conseguenti rischi nell’assetto idrogeologico), effetto barriera nel paesaggio e negli ecosistemi (sia relativamente alla land fragmentation che relativamente ai rischi per la conservazione della biodiversità). Per quanto riguarda in particolare il consumo energetico, il sistema dei trasporti su gomma in Italia utilizza il 98% dei carburanti usati complessivamente nel nostro Paese sia per quanto riguarda il trasporto passeggeri che per quanto riguarda il trasporto delle merci. Infatti, il trasporto automobilistico privato è di gran lunga il sistema più dispendioso sotto il punto di vista delle necessità energetiche. Il trasporto merci su strada comporta a titolo di esempio un consumo di carburante cinque volte superiore rispetto a quello via mare. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-2
  • 13. Tra i fattori di pressione determinati dal settore dei trasporti stradali e ferroviari sull’ambiente si trova anche quello direttamente legato allo spazio fisico occupato dai mezzi e dalle infrastrutture, e cioè l’occupazione di suolo. Questo tipo di pressione è particolarmente rilevante in ambito urbano dove influisce non poco sulle condizioni di qualità della vita. Altri danni all’ambiente sono quelli relativi all’inquinamento di suoli e acque, dovuti a sversamenti accidentali di sostanze tossico-nocive per incidenti verificabili sia durante l’esercizio che in fase di costruzione. Rispetto agli impatti sul paesaggio, occorre considerare che le attuali strutture di collegamento seguono criteri costruttivi che, differenziandosi da quelli praticati sino a qualche decennio orsono, si pongono in maniera meno impattante rispetto ai territori attraversati. Tra i costi economici e sociali del sistema dei trasporti si segnalano quelli relativi agli impatti sul patrimonio storico e artistico, causati dall’annerimento da smog e dalle vibrazioni. Si tratta di un impatto rilevante soprattutto in ambito urbano. Occorrerà quindi sempre più provvedere alla protezione della aree di pregio artistico, in funzione anche della loro rilevanza ai fini turistici. E’ questo un tema di particolare interesse per la Sicilia, vista la grande ricchezza del patrimonio storico-culturale della regione. 1.2 Stato dell’ambiente naturale La Sicilia si colloca geograficamente al centro del bacino del Mediterraneo, e, con i suoi 25.710 Kmq di superficie, costituisce la regione più estesa d’Italia e la più vasta isola del Mediterraneo. Nel complesso il territorio regionale si presenta per il 61% collinare, il 25% montuoso e per il 14% pianeggiante; in particolare la porzione settentrionale è prevalentemente montuosa, quella centromeridionale per lo più collinare, la zona sud-orientale è tipica di altopiano (Altopiano Ibleo), mentre il settore orientale è caratterizzato dal complesso vulcanico Etneo; le pianure, in prevalenza, sono localizzate in prossimità delle aree costiere. Gli habitat che conservano un certo grado di naturalità sono rappresentati prevalentemente dai territori boscati, dagli ambienti seminaturali, dalle zone umide e dai corpi idrici. Habitat che dall’analisi della Carta dell’Uso del Suolo (Assessorato Territorio e Ambiente, anno 1994) ricoprono nel complesso il 26.22% del totale territorio regionale. Dei circa 200 habitat di interesse comunitario, elencati nell’allegato I alla direttiva "Habitat", più di 60 sono presenti in Sicilia nei Siti di Importanza Comunitaria, nelle Aree Naturali Protette od in territori ad oggi non vincolati. Senza la pretesa di essere esaustivi, possono essere raggruppati per macro habitat: - Habitat costieri e vegetazioni alofitiche (erbari di Posidonia, scogliere con vegetazione delle coste mediterranee con Limonio endemico, vegetazione annua pioniera di Salicornia, dune fisse a vegetazione erbacea, dune con vegetazione di sclerofille); - Habitat di acqua dolce (laghi distrofici, stagni temporanei mediterranei, fiumi mediterranei a flusso permanente ed intermittente); REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-3
  • 14. - Habitat forestali (faggete con Abies nebrodensis, foreste di Olea e Ceratonia, di Quercus suber, di Quercus ilex, di Ilex aquifolium, foreste mediterranee endemiche di Juniperus). Si tenga in debito conto che l'azione antropica (decespugliamenti volti al miglioramento dei pascoli, tagli nei boschi, incendi), ha inflitto pesanti modifiche al manto vegetale originario alterando sensibilmente il dinamismo della vegetazione o gli equilibri biologici naturali delle singole unità vegetazionali. La diversità vegetazionale e floristica è il risultato delle complesse dinamiche geomorfologiche, climatiche e storiche del territorio e costituisce una componente essenziale della biodiversità complessiva. Alla Sicilia, con 2488 specie, viene attribuito un valore di biodiversità vegetale fra i più elevati dell’intera regione mediterranea. Notevole risulta la componente endemica, con un tasso compreso fra il 10% ed il 15% ed un contingente endemico che comprende anche taxa a distribuzione puntuale, con popolazioni di esigua entità, in taluni casi esposte al rischio di estinzione. Dall’analisi dei dati riportati sulla lista rossa regionale delle piante (WWF e Società Botanica Italiana, 1997) si ha che 660 taxa specifici e intraspecifici ricadono all’interno delle categorie di minaccia IUCN, pari al 27% della totale flora siciliana, di cui: 6 estinti; 29 estinti in natura; 74 gravemente minacciati; 123 minacciati; 122 vulnerabili; 270 a minor rischio; 36 con dati insufficienti per la valutazione del grado di minaccia. Delle specie considerate a rischio, la maggior parte sono endemiche e tra le più significative si annoverano l’Abies nebrodensis, Zelkova sicula, Rhamnus lojaconoi, Petagnaea gussonei, Limonium todaroanum, L. optimae, Bassia saxicola, Genista cilentina, Bupleurum dianthifolium, B. elatum, Carex pallescens, C. parnomitana, Brassica macrocarpa, Pseudoscabiosa limonifolia, Cytisus aeolicus. Si rileva come la quota più consistente della flora a rischio sia legata agli ambienti umidi ed acquatici; ciò consente di individuare tra le prime cause di minaccia alla flora proprio lo stato di precarietà e contrazione degli ambienti umidi in Sicilia, dovuto agli interventi massivi e radicali che ne hanno pesantemente alterato le condizioni naturali di equilibrio. Va peraltro rilevato come buona parte delle specie della flora siciliana ritenuta a rischio ricada a giusto titolo all’interno di aree protette. In particolare l'ambiente marino e costiero costituisce un sistema articolato e complesso, in equilibrio con l’ambiente terrestre, nel quale convivono, attraverso dinamiche diversificate ma fortemente interagenti, ecosistemi tipicamente marini ed ecosistemi di transizione. La crescente densità di popolazione concentrata lungo i litorali, la progressiva espansione di attività connesse all’utilizzo delle risorse marine e costiere, rappresentano alcune delle problematiche che minacciano i delicati equilibri naturali del mare e della costa. La condizione di isola della Sicilia, con un perimetro che si sviluppa su 1483.9 km di litorale dalla morfologia varia (roccioso, sabbioso e ghiaioso), spesso di grande valenza naturalistica e paesaggistica, rappresenta una preziosa realtà da tutelare e una risorsa da valorizzare attraverso uno sviluppo economico e sociale rispettoso degli ecosistemi naturali. Un ruolo importante nel determinare la trasformazione di ambienti fragili in quanto legati ad equilibri complessi, è infatti REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-4
  • 15. svolto dalla urbanizzazione delle coste siciliane, che ha determinato la distruzione della maggior parte degli ambienti dunali e della vegetazione ad essi associata. Per quanto riguarda il patrimonio faunistico regionale, lo stato delle conoscenze è disomogeneo in funzione dei diversi gruppi tassonomici, in base alla quantità e disponibilità di dati derivanti da studi e censimenti già effettuati. La Sicilia si trova fra le regioni italiane ad essere quella nelle peggiori condizioni per quanto riguarda la conservazione dei vertebrati; infatti, nell’arco degli ultimi 150 anni, si è registrata una consistente perdita di specie. Diverse sono le cause che hanno portato alla scomparsa di complessive 15 specie, di cui 10 uccelli e 5 mammiferi, cause che comunque continuano a perdurare e minacciare altre specie oggi inserite nelle liste rosse internazionali in diverse categorie di minaccia. Notevole è l’importanza dell’avifauna: la Sicilia, al centro del Mediterraneo, riveste un ruolo strategico per le migrazioni da e per l'Africa; le aree umide interne (il lago di Pergusa, il Biviere di Gela e l'Invaso di Lentini) ospitano numerose specie di uccelli e costituiscono aree di rilevante interesse. Le conoscenze generali sulla mammalofauna siciliana sono poche e non organizzate; l'interesse principale degli studiosi del settore è oggi rivolto ai micromammiferi tra i quali si annoverano numerose specie endemiche. Evidentemente per la componente fauna il fattore che in assoluto costituisce minaccia di estinzione è la trasformazione e modificazione degli habitat naturali, dovute all’azione umana. Il bracconaggio colpisce prevalentemente le popolazioni di uccelli e mammiferi, mentre il prelievo di uova e stadi larvali per commercio e collezionismo influiscono in modo sostanziale su anfibi e rettili. Un altro fattore di notevole importanza è quello della competizione con specie alloctone, vegetali e animali, introdotte per scopi vari, la cui competizione con le specie indigene può risultare in accrescimenti incontrollabili della specie introdotta, con gravi squilibri ai danni delle popolazioni locali (si pensi al caso del cinghiale). 1.3 Le forme del paesaggio siciliano Per analizzare e descrivere il paesaggio siciliano, si è ritenuto utile procedere alla lettura dei tipi di paesaggio presenti, seguita da una sintesi effettuata attraverso la descrizione per aree tematiche o per ambiti territoriali, per cercare di trarre una visione complessiva del territorio siciliano che aiuti a conoscerlo nelle sue emergenze, criticità e potenzialità di sviluppo. Questa operazione non ha alcuna pretesa di esaustività, poiché è evidente che il paesaggio può essere letto a partire da pressoché infiniti punti di vista, tutti compresenti nella visione complessiva. Paesaggio agrario Tra i paesaggi modificati dall’uomo, quello agrario caratterizza maggiormente il territorio siciliano. Si estende sul 68% della superficie regionale (ISTAT, 1998) ed è formato prevalentemente dalla componente delle colture erbacee, ed in ordine decrescente, dalle componenti delle colture arboree, dei mosaici colturali, del vigneto e dell’agrumeto. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-5
  • 16. Il paesaggio delle colture erbacee è rappresentato quasi esclusivamente dal frumento duro, che domina le aree interne o svantaggiate, mentre nelle stazioni con caratteristiche pedoclimatiche più favorevoli e con maggiore disponibilità idrica emergono le colture ortofloricole. Gli estesi campi sono caratterizzati da una apparente uniformità interrotta da elementi naturali, quale un albero di olivo, un mandorlo, un carrubo o della roccia affiorante. Variazioni in particolare chimico-fisiche del suolo originano un susseguirsi di contrasti e sfumature di colori, differenti trame e tessiture della superficie terrestre ora nuda, ora coperta da seminativi e vegetazione di altro tipo. Le costruzioni antropiche (es. masserie, magazzini, stalle, muretti, abbeveratoi) campeggiano in questo scenario fortemente caratterizzato dalla componente agricola. Il paesaggio delle colture arboree è caratterizzato dall’olivo e dalle coltivazioni tradizionali del mandorlo, del nocciolo, del pistacchio e del carrubo. L’olivicoltura è particolarmente diffusa nel sistema collinare interno. Il mandorleto è maggiormente presente nei territori provinciali di Agrigento e Caltanissetta. Il nocciolo interessa le aree marginali dei Nebrodi e dei Peloritani, e alcune zone dell’Etna (Sant’Alfio), mentre alle pendici dell’Etna, nel comune di Bronte, alberelli di pistacchio caratterizzano il paesaggio. La coltura di pistacchio è anche diffusa nei territori di Agrigento e di Caltanissetta. Il carrubo è peculiare del paesaggio dell’altopiano ibleo, unitamente alla presenza dei muretti a secco. Notevole importanza ha, anche, la frassinicoltura, ovvero la coltura tradizionale per la produzione della manna, oramai localizzata in pochi lembi di superficie nei comuni di Castelbuono e di Pollina, ma una volta molto diffusa nelle province di Palermo, Trapani e nei territori della Sicilia meridionale ed orientale. Le due specie autoctone di frassino (Fraxinus ornus e F. oxcarpa) hanno dato origine ad una miriade di varietà locali, adattatesi nel tempo alle differenti situazioni ambientali di dove venivano impiantati e si sviluppavano. Oggi il frassino da manna per il suo significato testimoniale possiede un elevato valore culturale. Una presenza più marginale è costituita da altri fruttiferi, quali il pero ed il melo molto diffusi nei paesi etnei, il pesco che ricade a Leonforte ed a Bivona, il ficodindia delle zone di Niscemi, San Cono e Caltagirone, il kaki ed il nespolo del Giappone presenti nei territori costieri settentrionali. Le varie colture arboree sopra elencate, oltre ad avere un peso non indifferente per l’economia regionale, svolgono una fondamentale funzione di conservazione e difesa del suolo. Una certa preoccupazione stimolano le colture in serra, che comprendono i territori investiti da strutture permanenti e da tunnel, con prevalenza delle colture ortofloricole e dell’uva da tavola. Sono localizzati su tutta la fascia costiera meridionale (Province di Ragusa, Trapani, Agrigento e Caltanissetta) ed in particolare nell’area provinciale di Ragusa, e danno luogo ad un impatto negativo riducendo il valore paesaggistico del territorio (in alcuni casi insistono in contesti territoriali di grande pregio ambientale). Il paesaggio dei mosaici colturali è localizzato per la maggior parte in prossimità dei centri urbani, dove la presenza di infrastrutture e la pressione antropica risultano elevate. Tale paesaggio include varie classi di uso del suolo, caratterizzate da appezzamenti frammentati e irregolari. Comprende le colture agrarie miste, il seminativo, le colture orticole e il vigneto in associazione con il seminativo. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-6
  • 17. Il paesaggio dei mosaici colturali investe circa il 10% della superficie regionale, ed è maggiormente diffuso nelle province di Agrigento e di Ragusa. Il paesaggio del vigneto comprende espressioni anche significativamente differenti dal punto di vista percettivo, legate alle forme di coltivazione ed ai tipi d’impianto. I nuovi impianti tuttavia non hanno la stessa valenza paesaggistica dei vigneti tradizionali dislocati su terrazze o degli impianti ad alberello. Gli agrumi, infine, sono maggiormente diffuse sulle superfici pianeggianti in prossimità delle zone costiere, ove hanno assunto una connotazione storica (es. Conca d’Oro), nonostante la forte pressione legata alla speculazione edilizia, che ha sottratto estese superfici coltivate. Impianti di età avanzata in aree terrazzate (es. costa ionica del messinese), sono in fase di progressivo abbandono, con notevole perdita della connotazione storica del paesaggio. Impianti più moderni sono invece dislocati nella Piana di Catania, nella provincia di Siracusa e nella parte centromeridionale dell’Isola. L’ambiente rurale pur rappresentando il paesaggio dominante in Sicilia, dal 1982 al 1998 ha subito una contrazione pari al 13%, passando dal 78% della copertura dell’intero territorio regionale al 68%. Il maggior cambiamento ha interessato la superficie agro-forestale e secondariamente la componente delle colture erbacee, ed in particolare delle coltivazione cerealicola, che è diminuita per un valore pari a circa il 14%. Le terre abbandonate dall’agricoltura non sono state conquistate dalle foreste. Nello stesso periodo (1980/1998) l’indice di boscosità (rapporto tra superficie forestale e superficie regionale) è cresciuto infatti solamente dello 0.5%. Si desume allora una espansione dei territori modellati artificialmente. La carta dell’Uso del Suolo, basata su dati del 1989 (Assessorato Territorio e Ambiente, 1994), riporta un valore per le zone urbanizzate pari al 3% del territorio che insieme alle aree occupate da attività produttive, alle infrastrutture ed alle zone in trasformazione, raggiungono il 4% dell’intero territorio siciliano. Una successiva analisi della copertura del suolo (ISTAT, 1990) e della rete di comunicazione (strade - anno 1996, ferrovie - anno 1997, Ufficio Statistica Ministero Trasporti e Navigazione), riporta una superficie urbanizzata pari al 4.2%, che assieme a quella occupata dalle infrastrutture raggiunge il 6% dell’intera superficie regionale. Paesaggio vegetale naturale e artificiale Come noto, l’uomo nel corso del tempo ha trasformato i paesaggi naturali in aree urbane, strade, industrie, campi agricoli, pascoli, relegando le formazioni forestali in pochi lembi di superficie che nel 1948 ricoprivano solamente il 3% della superficie totale della Regione Sicilia. La vegetazione forestale, che abbraccia le specie più complesse della flora, ricopre oggi nel complesso solamente l’8% del territorio, di cui circa il 5% è costituita da formazioni naturali e semi-naturali e la restante parte da formazioni artificiali. Tra le formazioni forestali naturali spiccano le associazioni del Teucrio Siculi-Quercetum ilicis, Thalictro-Quercetum pubescentis e REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-7
  • 18. l’alleanza del Geranio-Fagion, con dominanza rispettivamente di leccio, roverella e cerro. Seguono le formazioni a prevalenza di Quercus suber (Genisto Aristatae-Quercetum suberis) e le faggete (Aquifolio-Fagetum). Le leccete ricadono principalmente nella provincia di Palermo (70%), e secondariamente nelle province di Catania (16%), Messina (7%) e Siracusa (6%) (G. Giaimi, 1998). I complessi boscati di leccio più estesi si trovano attualmente protetti all’interno dei parchi regionali delle Madonie, dei Nebrodi e dell’Etna. Il leccio è anche un elemento fondamentale del paesaggio forestale delle Isole minori, dei Monti Iblei e dei Sicani. I boschi di roverella occupano prevalentemente i territori provinciali di Palermo (47%), di Catania (27%) e Messina (16%). Mentre, il 98% delle cerrete ricadono sui Nebrodi e si estendono dai 700-800 ai 1.200-1.600 m s.l.m., raggiungendo le quote più elevate nei versanti esposti a sud. La Sicilia è la seconda regione italiana, dopo la Sardegna, più ricca di sugherete. In tutto il territorio si ritrovano sugherete più o meno degradate, ad eccezione della provincia di Agrigento. Le formazioni più corpose sono site lungo le pareti settentrionali delle Madonie (Geraci Sicula, Pollina, Collesano, Cefalù) e dei Nebrodi (Caronia) (G. Giaimi, 1998). Le faggete interessano i rilievi dei Nebrodi (78%), delle Madonie (15%), dell’Etna (5%) e dei Peloritani (2%) in una fascia altitudinale compresa fra 1.100 e 2.200 m s.l.m. Il faggio è una specie dotata di pregio cromatico, per l’evidente cambiamento di colore delle foglie con tinte forti nella stagione autunnale, che innalza la qualità del paesaggio. Tra le latifoglie, è da ricordare l’endemica betulla dell'Etna (Betula aetnensis). Essa origina formazioni di grandissimo interesse naturalistico, esclusivamente sull’Etna, in una fascia compresa tra 1500 e 2000-2200 m s.l.m. specialmente sul versante orientale (Sant’Alfio, Linguaglossa, Milo, Castiglione di Sicilia). Qui molto spesso demarca il limite superiore della vegetazione arborea, assumendo una forma cespugliosa, e con la splendente corteccia bianca costituisce la componente dominante del paesaggio vegetale vulcanico. I boschi naturali di conifere sono costituiti prevalentemente da formazioni a Pinus laricio (PinoJuniperetea), frequenti sull’Etna (1000-2000 metri), e da popolamenti rari di pino marittimo (Pinus pinaster) e pino d’aleppo (Pinus halepensis), che si rilevano in due sole stazioni site rispettivamente nel territorio di Pantelleria e di Vittoria. Di notevole importanza naturalistica è inoltre la popolazione relitta di Abies nebrodensis, insediata con gli ultimi 30 esemplari sul versante settentrionale di Monte S. Salvatore, all’interno del Parco naturale delle Madonie. La superficie forestale artificiale ricopre poco più del 3% del territorio regionale, ed è composta in ordine decrescente dalle seguenti specie dominanti: Pinus halepensis, Pinus pinea, Eucalyptus ssp. e Pinus nigra. Da rilevare l’elevato impiego di specie esotiche del genere Eucalyptus (E. camaldulensis, E. globulus, E. occidentalis, E. gonphocephala) per le opere d’imboschimento. Scelta dettata dall’esigenza, in quegli anni (’50-’70), di impiantare specie a rapido accrescimento per scopi produttivi (produzione di cellulosa) e per scopi protettivi, al fine di avere una pronta copertura del terreno contro il dissesto idrogeologico. Gli impianti realizzati, spesso per limitazioni di carattere REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-8
  • 19. ambientale e selvicolturale, in genere si presentano tuttavia deperienti, stramaturi, danneggiati da incendi e da attacchi parassitari. In conclusione, i paesaggi vegetali ricoprono solamente circa il 20% del territorio regionale, il resto è stato trasformato e modificato dall’uomo in ambienti rurali, urbani, infrastrutture e altre attività produttive. Tra i paesaggi vegetali, inoltre, dominano le praterie termoxerofile e meso-xerofile originate dalla regressione della foresta, della macchia mediterranea ad opere dell’azione antropica (agricoltura, pascoli, incendi). In particolare il fenomeno degli incendi costituisce una delle maggiori cause di pressione sul paesaggio vegetale. Paesaggio urbano L’interesse per il paesaggio si estende oggi necessariamente oltre le aree agricole e le aree protette, e si esprime invece sempre più attraverso una crescente attenzione alla qualità dei contesti di vita e ai problemi posti dallo snaturamento delle immagini e delle forme fisiche ereditate dal nostro passato. Non è soltanto un desiderio estetico ma è anche un bisogno di rielaborazione e di rappresentazione simbolica di un’identità minacciata dai mutamenti radicali dell’economia, della società e della stessa cultura, di cui il nostro ambiente insediativo è espressione, e che hanno generato i cosiddetti paesaggi urbani. La configurazione tradizionale del paesaggio urbano ha finito per determinare una rigida articolazione dei quartieri nelle città a seconda delle funzioni di abitazione, lavoro, acquisti e ricreazione. Ne sono derivati differenti paesaggi, distinguibili nelle diverse zone di tutte le grandi città siciliane: - il paesaggio progettato, ricco di emergenze artistiche, multifunzionale, curato nell’arredo urbano e nell’igiene delle strade è visibile nelle zone dedicate alla cultura, al terziario, alle istituzioni e alla residenza di pregio nell’area del centro storico e della crescita ottocentesca: l’area che circonda la croce di Via Maqueda-Via Libertà e di Corso Vittorio Emanuele-Corso Calatafimi a Palermo, la fascia tra Viale Vittorio Veneto e Via Etnea a Catania, l’area del centro a Messina; - il paesaggio moderno derivato dall’espansione urbana, caratterizzato da isolate emergenze artistiche e dalle funzioni legate alla residenza e al piccolo commercio, sufficientemente curato nell’arredo urbano e nell’igiene delle strade è visibile nelle zone dedicate alla residenza alto e medio borghese lungo le direttrici dell’espansione sette-ottocentesca o all’esterno dei confini urbani in prossimità delle aree di maggiore pregio paesaggistico: i quartieri dell’espansione Nord a Palermo lungo l’asse Via Crocerossa-Via Strasburgo fino a Mondello; la zona delle frazioni pedemontane di Canalicchio, Ficarazzi, Tremestieri fino alla scogliera a Catania, la zona Nord soprattutto lungo la panoramica a Messina; - il paesaggio contemporaneo, monofunzionale e spesso degradato delle periferie, caratterizzato dall’isolamento reciproco dei manufatti, in cui l’arredo urbano e l’igiene delle strade sono praticamente assenti è visibile nelle zone esterne residenziali dedicate alla residenza popolare: i quartieri-satellite di Borgonuovo, CEP, ZEN e parti degradate del centro storico (oggi in parte residenza degli extracomunitari) a Palermo; l’area del quartiere Librino a Nord dell’aeroporto e del REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-9
  • 20. centro storico a Catania, l’area del Torrente Giostra nella zona Nord e di Camaro, CEP nella zona Sud a Messina; - il paesaggio post-moderno caratterizzato dai “nuovi centri” del commercio e della produzione, giustapposti lungo le grandi direttrici di trasporto, caratterizzati dai grandi snodi infrastrutturali è visibile nelle zone dedicate alle attività del terziario avanzato localizzate al di fuori del centro abitato, collegate ma distanti dalle aree residenziali e dal centro storico: l’area industriale Sud e l’area del terziario avanzato Nord organizzate a pettine lungo la circonvallazione a Palermo, l’area tra la Plaja e l’aeroporto e la frazione di Misterbianco a Catania, la zona Falcata e la periferia Sud a Messina. 1.4 I beni culturali e ambientali in Sicilia. Per la sua storia e le sue caratteristiche ambientali, la Sicilia possiede un patrimonio di beni monumetali, archeologicici, storico-artistici, etno-culturali ed ambientali particolarmente copioso: singoli beni o intere collezioni, edifici, complessi monumentali, siti archeologici e grotte, interi quartieri testimoniano la storia culturale ed etno-antropologica della regione, dagli insediamenti di popolazioni autoctone, alle colonizzazioni fenicie, greche, romane, bizantine, alle dominazioni araba, normanna, sveva, angioina, aragonese, spagnola, sino alla unificazione con il Regno d’Italia e quindi alla storia degli ultimi 150 anni. Si calcola che l’offerta culturale della Sicilia sia il 9,4% dell’intera offerta nazionale e che sul territorio regionale sia localizzato il 6,2% dei musei italiani. Ricchissimo e vario è il patrimonio archeologico, secondo in Italia, per quantità, solo a quello del Lazio: dalle grotte alle necropoli, alle migliaia di reperti custoditi nei musei e nelle collezioni private, ai numerosissimi teatri, templi, siti, complessi, antiquaria. Del periodo medievale e dell’epoca moderna la Sicilia conserva i manufatti più disparati: dal vasellame ai castelli, dai manoscritti arabi alle torri di avvistamento, dai paramenti sacri ai complessi monumentali religiosi, ai palazzi, alle mura di cinta, sino ad arrivare alle testimonianze della storia e della cultura dei secoli più recenti. Beni come la Valle dei Templi, il complesso barocco della città di Noto e le Isole Eolie sono stati dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. I beni culturali della Sicilia sono distribuiti in tutto il territorio regionale, ma sono concentrati soprattutto nelle grandi città. Le risorse culturali ed ambientali fanno da traino ad una delle principali industrie della Sicilia: l’industria turistica. Ambienti naturali spesso incontaminati e paesaggi dall’indubbio fascino, musei, templi ed edifici storici costituiscono una grande attrattiva per i visitatori facendo sviluppare tutte le attività legate alla gestione ed alla fruizione dei beni ed all’accoglienza turistica. I soli dati sul numero dei visitatori di aree archeologiche e musei per il 2001 mostrano un totale di 4.172.986 visitatori, di cui 2.599.098 paganti per un totale di 9.766.355,69 euro. La Regione Siciliana in forza degli articoli 14 e 33 dello Statuto Speciale del 1946, attuati con i DD.PP.RR. n. 635 e 637 del 1975, ha competenza esclusiva nel settore dei Beni Culturali e Ambientali. L’Amministrazione regionale ha quindi nel territorio i compiti di tutela e valorizzazione REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-10
  • 21. dei beni culturali e ambientali della Regione o che appartengono ad Enti pubblici o a privati e sottoposti a vincolo. Già nella L.R. 80 del 1977, "Norme per la tutela, la valorizzazione e l’uso sociale dei beni culturali ed ambientali della Regione Siciliana", con l'uso di termini quali "beni culturali ed ambientali", la Regione mostra di aver recepito il mutamento concettuale imposto dal dibattito culturale del tempo, e non si propone più soltanto di tutelare e conservare "cose" di interesse storico e artistico, ma si dà il compito tutelare, valorizzare e favorire l'uso sociale di "beni": monumenti e oggetti devono essere studiati, protetti, resi fruibili tenendo conto del tessuto storico della società che li ha prodotti e dell’ambiente, considerato sia come ambiente urbano (e quindi i centri storici e le città d’arte), sia come ambiente-territorio (e quindi il paesaggio), sia come singole bellezze naturali e zone di particolare interesse ambientale. Il patrimonio culturale ed ambientale della Regione è quindi percepito dal legislatore non come entità statica da musealizzare, ma come bene sociale da tutelare e valorizzare, per un accrescimento culturale e sociale dei cittadini attraverso l’esercizio dei vincoli di tutela. Questo rappresenta un’importante affermazione del valore riconosciuto istituzionalmente ai beni paesaggistico-monumentali e, tuttavia, risulta tuttora difficoltoso conservare ambienti dinamici prodotti dal complesso intreccio tra processi ecologici, economici, insediativi, sociali e culturali agendo soltanto come strumenti di interdizione e difesa. 1.5 Pressioni e risposte. Nell’elaborare la Carta del rischio dei Beni culturali, l’Istituto Centrale per il Restauro del Ministero per i beni e le attività culturali ha individuato come principale fattore di rischio la “pressione antropica” ricondotta a tre “ambiti”: quello legato all’uso o al riuso del bene, quello legato all’uso per fini turistici, quello legato ai danni provocati da fattori derivanti dalle attività dell’uomo, come l’inquinamento. Spesso edifici e complessi monumentali sono stati riutilizzati ed adibiti ad usi diversi da quelli originari, a volte subendo nel tempo profondi interventi di adeguamento che ne hanno stravolto l’impianto. Il corretto uso o riutilizzo degli edifici di valore storico e dei complessi monumentali può invece favorirne la salvaguardia e rivalutarne anche la funzione culturale: così chiese o palazzi storici restaurati sono divenuti sede di eventi culturali, edifici come il Collegio Massimo dei Gesuiti e il complesso di Casa Professa a Palermo, ospitano oggi scuole e biblioteche, e palazzi nobiliari, come Palazzo Bellomo a Siracusa, Palazzo Abatellis e Palazzo Chiaramonte Steri a Palermo, ospitano gallerie e uffici. L’uso dei beni culturali a fini turistici è fonte di molteplici fattori di rischio. Un cattivo uso di questi beni rischia infatti di comprometterne la conservazione e l’integrità, facendo progressivamente perdere al bene proprio il suo valore turistico. L’afflusso non regolato ai siti e ai palazzi, le concessioni d’uso improprie o non adeguatamente regolate, la necessità di servizi culturali e la creazione di eventi per attirare visitatori sono a volte pericolosi per l’integrità del bene. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-11
  • 22. Inoltre la necessità di ampliare, diversificare e qualificare ulteriormente l’offerta turistica, anche per combattere la concorrenza di altri paesi, richiede un sempre maggior numero di interventi su beni e territorio. Altri fattori di rischio per i beni culturali sono gli effetti dell’inquinamento, soprattutto nelle grandi città, che si manifestano sul materiale lapideo dei palazzi, sui colori di affreschi e pitture, sui supporti tessili e cartacei di opere iconografiche e libri. Nel caso di materiali lapidei, il danno arrecato al patrimonio monumentale dall’inquinamento può misurarsi in base a: - indice di erosione, per i materiali a matrice calcarea; - indice di annerimento, basato sull’influenza esercitata dalle emissioni di particellato atmosferico; - indice di stress fisico, basato sull’azione termica e igrometrica tra ambiente e materiale. Nel caso di materiale pittorico, invece, gli effetti dell’inquinamento si possono evidenziare nel cambiamento cromatico e nel distacco del colore. Il mantenimento ed il recupero o restauro dei beni culturali richiede un notevole impegno di risorse che impongono un uso “produttivo” dei beni. La necessità di variare ed ampliare l’offerta culturale per il turismo richiede progetti che non puntino esclusivamente sui macroeventi già conosciuti, ma valorizzino luoghi e beni attorno ai quali poter costruire nuovi spazi produttivi. Cresce così a dismisura la complessità dei processi da governare per rendere compatibili l’uso dei beni con la conservazione. E la ricchezza di beni culturali nel territorio siciliano offre molte possibilità di sviluppo sia economico che culturale, ma impone scelte strategiche ben precise che concilino le esigenze di restauro, conservazione ed uso scientificamente corretti con le risorse e lo sviluppo economico del territorio. Si avverte, dunque, l’esigenza di promuovere una politica attiva per la conservazione e per la rigenerazione dei beni culturali suscitando nuove progettualità e mobilitando saperi, risorse e disponibilità di attori che vanno ben oltre il tradizionale mondo della tutela. Diventa un tema di grande rilevanza, in conclusione, l’azione sui paesaggi associati ai beni monumentali e in particolare a quelli archeologici. In queste situazioni, rilevabili ad esempio nella Valle dei Templi ad Agrigento, la complessità e l’interdipendenza delle azioni da programmare impongono obbligatoriamente il ricorso alla concertazione e al partenariato tra i diversi soggetti pubblici e gli enti di gestione delle grandi reti di servizi che sono chiamati a contribuire a vario titolo alle politiche di riqualificazione del paesaggio. Così come per le aree archeologiche, per tutelare gli spazi produttivi dimessi o in disuso il programma di recupero non deve limitarsi alla scala edilizia, ma deve essere prefigurato come contributo alla formazione di un nuovo paesaggio urbano in tutte le sue forme, anche quelle derivate dalle testimonianze letterarie degli usi e costumi e della conoscenza di un popolo specifico. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-12
  • 23. 2 L’analisi delle caratteristiche socio-economiche ed insediative della Sicilia. Gli aspetti demografici della Sicilia 2.1 2.1.1 Il quadro demografico generale Per dimensione territoriale la Sicilia è la più grande regione d’Italia, coprendo una superficie di 25.708 kmq (par all’8,5% dell’intera estensione nazionale), Ad inizio 2001 data dell’ultimo Censimento la popolazione complessivamente residente nell’Isola ammonta a 5 milioni 77 mila unità, di cui 2 milioni 612 mila femmine (51,5%) e 2 milioni 465 mila maschi (48,5%). La popolazione residente legale era pari a 4.968.991 unità (+0,1%, pari a 2.605 unità, rispetto al precedente censimento del 1991) localizzata in 390 comuni, con una densità media pari a 193,3 abitanti per kmq. La provincia di Palermo con 1 milione 234 mila abitanti e quella di Catania con 1 milione 102 mila residenti detengono il 46% dell’intera componente demografica siciliana mentre il restante 54% è distribuito tra le altre sette aree provinciali, con un ventaglio che va da un massimo di 674 mila abitanti a Messina ad un minimo di 180 mila ad Enna. La dinamica demografica evidenzia nel corso degli ultimi 10 anni un’inversione di tendenza dei movimenti della Sicilia, nel senso che da una fase di crescita della popolazione ( +2,2%) si passa ad una fase riduttiva tuttora in corso (– dell’1,1%). Tabella 1 – Popolazione, variazioni % e tassi di natalità della Sicilia (dati provinciali 1990 – 2000) PROVINCIA Popolazione al 31/12/2000 VARIAZIONI % 1990 - 1995 1995 - 2000 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 1990 - 2000 Tassi di natalità per 1.000 ab. 2-1
  • 24. Agrigento Caltanissetta Catania Enna Messina Palermo Ragusa Siracusa Trapani SICILIA ITALIA 466.591 282.485 1.101.936 180.244 674.082 1.233.768 302.860 401.805 432.929 5.076.700 57.844.017 0,2 1,7 5,5 -0,8 1,3 1,4 3,1 1,2 1,8 2,2 1,1 -1,9 -0,2 1,3 -3,2 -1,4 -0,5 1,8 -1,2 -0,3 -0,4 0,9 -1,7 1,6 6,8 -4,0 -0,1 0,9 5,0 0,1 1,5 1,8 2,0 10,6 10,9 11,0 10,2 8,8 11,1 10,5 9,7 10,2 10,5 9,4 Fonte: Elaborazioni Di.S.Te su dati Istat Le cause direttamente responsabili della decelerazione della crescita della popolazione siciliana nel quinquennio 1990 – 95 e della sua riduzione nella seconda metà del decennio sono verosimilmente da ricondurre alla cauta ripresa dell’emigrazione ed al declino delle nascite Rispetto all’intensità della riduzione registrata, in media, nell’Isola (-17,6%), cinque province si qualificano per un declino delle nascite più marcato ( Caltanissetta, Enna, Siracusa, Messina, Agrigento) e le restanti quattro per un contenimento brusco (Catania, Trapani, Palermo, Ragusa ) A caratterizzare gli aspetti demografici della Sicilia sono: il rapido invecchiamento della popolazione ed il riemergere di un saldo netto in uscita dal territorio. Le modalità evolutive del processo di invecchiamento registrato in Sicilia non sembrano discostarsi sensibilmente da quelle delle restanti regioni italiane, sebbene lo squilibrio tra gli anziani ed i giovani risulti localmente molto meno accentuato. Nel 2000 l’indice di vecchiaia – costituito dal numero degli ultra sessantaquattrenni ogni 100 minori di 15 anni – ha raggiunto quota 89 a fronte di una media italiana di 124,5, mentre dieci anni prima lo stesso indicatore era pari a 63 in Sicilia e 88 nel resto del Paese. Per meglio comprendere le dinamiche sono pure stati calcolati: l’indice di dipendenza strutturale, a sua volta ottenuto dal rapporto tra la popolazione in età non attiva e quella in età lavorativa, ha conservato negli ultimi dieci anni un livello abbastanza stabile intorno al 52% (dal 46% al 48% il dato nazionale) proprio perché la diminuzione del peso delle classi di età giovanili è stato controbilanciato dall’aumento della quota delle persone anziane. Un indicatore che fornisce una misura generica dei problemi che travagliano il mercato del lavoro è il cosiddetto tasso di carico degli occupati, calcolato come rapporto tra l’ammontare della popolazione totale al netto degli occupati e lo stesso numero di occupati. Il valore assunto da tale indicatore nella regione oltre a mantenere un livello nettamente superiore rispetto al resto del Paese ha registrato nel tempo una dinamica più sfavorevole: tra il 1990 ed il 2000 esso, infatti, è salito da 269 a 275 persone a carico ogni 100 occupati a fronte di una riduzione da 176 a 171 della media italiana. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-2
  • 25. Analogamente significativo delle precarie condizioni occupazionali vigenti nell’Isola è l’indice di sostituzione dei ritirati dal lavoro – costituito dalle persone che data l’età sarebbero teoricamente pronte ad entrare nel mondo del lavoro (da 15 a 19 anni) per 100 individui che si trovano in fase di uscita (60 – 64 anni) – sceso da 160 a 130 in corrispondenza di un calo da 135 a 90 nel resto d’Italia. Per avere un’immagine del percorso seguito dal processo di urbanizzazione del territorio nel periodo osservato, si è calcolata la distribuzione della popolazione secondo l’ampiezza demografica dei comuni di residenza, tenuto conto che numerosi studiosi considerano valida una distinzione fra ruralità e urbanità basata sul mero spessore demografico. Si è, pertanto pur con tutti i limiti ben noti, fissata una soglia di 20 mila abitanti e si è convenuto che i comuni di ampiezza inferiore siano da qualificarsi ipso facto come rurali, mentre i comuni con popolazione di oltre 20 mila abitanti vengono ritenuti in possesso dei requisiti di urbanità. Si può, così, rilevare che la crescita della popolazione siciliana nell’arco del decennio considerato – pari, come visto, a 1,8% - è la risultante di un incremento cumulato del 6,2% nei comuni con oltre 20 mila abitanti e di una riduzione del 5,3% in quelli più piccoli dal punto di vista demografico. Tab.2 – Popolazione dei comuni con meno e più di 20.000 abitanti e variazioni % Popolazione al 31/12/2000 Variazioni % PROVINCE 1990 - 2000 < 20.000 ab. > 20.000 ab. < 20.000 ab. > 20.000 ab. Agrigento 126.683 306.246 -0,2 2,2 Caltanissetta 365.823 867.945 -2,7 2,4 Catania 342.846 331.236 0,2 -0,4 Enna 218.336 248.255 -5,6 2,1 Messina 90.377 192.108 -4,9 4,9 Palermo 129.644 50.600 -5,5 0,2 Ragusa 350.116 751.820 -12,5 19,1 Siracusa 65.348 237.512 5,5 4,9 Trapani 99.632 302.173 -16,0 6,8 SICILIA 1.788.805 3.287.895 -5,3 6,8 Fonte: Elaborazione Di.S.Te su dati Istat L’evoluzione a livello provinciale è apparsa diversificata in funzione anche delle caratteristiche fisiche del territorio, dello stadio di sviluppo dell’economia, delle modalità di insediamento delle attività industriali e dei servizi, delle specifiche vicende storiche che andando ad intrecciarsi con altre variabili di stampo sociologico hanno influito sulla configurazione della maglia urbana locale. Ad eccezione della provincia di Ragusa, ei in qualche modo anche di quella di Messina, tutte le altre province hanno, comunque, registrato dinamiche conformi alla media regionale. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-3
  • 26. Nella provincia di Ragusa la popolazione è cresciuta sia nei comuni con più di 20 mila abitanti (+4,9%) sia in quelli minori (+5,5%) nel cui ambito si è distinta Vittoria con un incremento – nel corso del decennio considerato – del 9,5%. Nella provincia di Messina la stabilità demografica mediamente rilevata è dipesa da un cedimento nei comuni relativamente maggiori (-0,4%) e da un lieve aumento in quelli di minore dimensione (+0,2%). Nell’altre città la tendenza è che il gruppo di comuni più grandi ha un aumento e quello dei comuni più piccoli una caduta. 2.1.2 Le previsioni demografiche La conoscenza dell’andamento demografico di un dato territorio in un dato periodo storico, risulta un’analisi imprescindibile se si vuole conoscerne la realtà socio – economica. A tale scopo è, senza dubbio, utile effettuare delle previsioni strutturali per verificare l’andamento della popolazione nel breve e nel lungo periodo e svolgere delle comparazioni a livello macro (regionale e nazionale). Seguendo quest’ottica, sono state prese in considerazione le previsioni della popolazione italiana e confrontate con quelle della regione Sicilia. Il dato che emerge, in linea all’andamento dell’Italia e di tutti i Paesi ad economia avanzata, è che si assiste ad un inesorabile e progressivo invecchiamento della popolazione. La popolazione siciliana, prescindendo da picchi immigratori, al 2050 dovrebbe contrarsi perdendo 764.721 unità, pari al 15,1%. Le fasce di popolazione che risentiranno maggiormente di questa consistente diminuzione, con variazioni percentuali negative comprese fra –18,7% e – 41,6%, sono quelle dei giovanissimi e degli adulti, mentre la popolazione anziana subirà un incremento di circa 54 punti percentuali. L’analisi della realtà territoriale regionale e nazionale, in un arco temporale più breve (25 anni), evidenzia una situazione allarmante se si considera che, in media, tra il 2001 ed il 2005, la popolazione siciliana varierà di –0,11 punti percentuali, contro il +0,69% nazionale; tra il 2001 ed il 2010 la variazione sarà pari a –0,33% contro il +1,25% registrato a livello nazionale; mentre, tra il 2001 ed il 2025 si registrerà, a livello regionale, una variazione di –3,57 punti percentuali contro il –0,37% del valore nazionale. Nel 2025, le fasce di età della popolazione siciliana che registreranno le oscillazioni negative più forti, rispetto a i valori nazionali, saranno quella compresa fra i 15 e i 19 anni, il cui scarto tra valore regionale e nazionale sarà pari a –9,2 punti percentuali (-17,75% in Sicilia vs –8,55% in Italia), quella compresa fra i 20 – 24 anni e i 30 – 34 anni, le cui differenze si attestano, in entrambi i casi, ai 7 punti percentuali. Nell’anno 2025, inoltre, la percentuale di popolazione anziana della regione Sicilia aumenterà in percentuale inferiore rispetto al valore medio nazionale (+30,56% in Sicilia contro il 38,49% in Italia). REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-4
  • 27. Tabella 3 - Popolazione residente in Sicilia ed in Italia nel 2001 e previsioni per il 2050 secondo l’ipotesi centrale (Valori assoluti e variazioni %) TERRITORIO SICILIA Variazione SICILIA ETA' 2001 2001 - 2050 ITALIA 2050 2001 2050 Val.ass. % Val.ass. % Val.ass. % Val.ass. % Var.ass. Var.% 0 – 14 910.284 17,9 613.717 14,2 8.313.000 14,4 5.970.000 11,4 -296.567 -32,6 15 –19 334.824 6,6 217.486 5,0 3.042.000 5,3 2.196.000 4,2 -117.338 -35,0 20 – 357.711 7,0 219.763 5,1 3.564.000 6,2 2.269.000 4,3 -137.948 -38,6 380.642 7,5 222.428 5,2 4.400.000 7,6 2.424.000 4,6 -158.214 -41,6 384.313 7,6 228.229 5,3 4.698.000 8,1 2.627.000 5,0 -156.084 -40,6 1.875.788 36,9 1.525.284 35,4 23.270.000 40,2 18.795.000 36,0 -350.504 -18,7 > 65 833.138 16,4 1.285.072 29,8 10.557.000 18,2 17.973.000 34,4 451.934 54,2 Totale 5.076.700 100,0 4.311.979 100,0 57.844.000 100,0 52.253.000 100,0 -764.721 -15,1 24 25 – 29 30 – 34 35 – 64 Fonte: Elaborazioni Di.S.Te su dati Istat Tabella 4 - Popolazione residente in Sicilia (2001) e previsioni fino al 2025 (ipotesi centrale) – (dati in migliaia - Valori assoluti e variazioni percentuali) PERIODO PERIODO PERIODO VARIAZIONE 2001 – 2005 2001 - 2010 2015 - 2025 2001 - 2025 ETA’ Var.ass. Var.% 2001 2005 Var.ass. Var.% 2010 2001- 2001 2010 2015 2020 2025 Var.ass. Var.% 2010 0 – 14 910 872 -38 -4,1 835 -75 -8,3 817 787 744 -167 -18,3 15 –19 335 321 -14 -4,1 312 -23 -6,8 274 272 275 -59 -17,7 20 – 24 358 332 -26 -7,3 313 -45 -12,5 304 269 267 -90 -25,3 25 – 29 381 352 -29 -7,6 318 -62 -16,4 301 293 260 -120 -31,6 30 – 34 384 373 -12 -3,0 342 -42 -11,0 310 293 286 -99 -25,7 35 – 64 1.876 1.948 72 3,8 2.035 159 8,5 2.047 2.029 1.976 100 5,3 833 874 41 4,9 905 71 8,6 967 1.019 1.088 255 30,6 -5 -0,1 5.060 -17 -0,3 5.020 4.962 4.896 -181 -3,6 > 65 Totale 5.077 5.071 Fonte: Elaborazioni Di.S.Te su dati Istat REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-5
  • 28. 2.2 2.2.1 Il tessuto produttivo della Sicilia La specializzazione settoriale La specializzazione produttiva settoriale riflette, in Sicilia, le caratteristiche strutturali del sistema economico, la posizione funzionale della regione in ambito nazionale e la sua evoluzione nel tempo. Va premesso che la dotazione di impianti, attrezzature ed infrastrutture è, dunque, cresciuta in Sicilia, in virtù di spontanei processi di mercato e di politiche di intese, principalmente, a colmare il divario di sviluppo che caratterizza l’Isola in rapporto ad altre regioni, soprattutto quelle del Centro – Nord. L’analisi dei coefficienti di specializzazione settoriale1 ci consente di avere un quadro dell’attuale sitema propduttivo isolano e la posizione funzionale della Sicilia nella divisione nazionale del lavoro. Da questa emerge che le imprese che operano nel settore primario hanno un coeff. di 183,6, e più in particolare 173,7 in campo agricolo, e 468,9 nella pesca e acquicoltura, cioè dieci volte superiore alla media nazionale (46,6) e pressocchè doppio rispetto ala media del Mezzogiorno (238,5). Diversa è invece la situazione per quanto riguarda l’industria in senso stretto , per la quale il coefficiente risultante dalle elaborazioni (47,2) è inferiore persino alla media meridionale (62,2), a fronte dell’evidente sovradotazione delle regioni centro – settentrionali (114,6). Il dato di insieme, tuttavia, è frutto di posizioni spesso molto diverse. 1 Misurati in termini di concentrazione relativa di addetti al settore REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-6
  • 29. Coefficienti di specializzazione settoriale – Sicilia, Mezzogiorno, Centro – Nord (Italia=100) SETTORI o COMPARTI PRODUTTIVI TERRITORIO Sicilia Mezzogiorno Centro - Nord Agricoltura, silvicoltura e pesca 183,6 192,2 64,4 Agricoltura, caccia e silvicoltura 173,7 190,6 65,0 Pesca, piscicoltura e servizi connessi 468,9 238,5 46,6 Industria in senso stretto 47,2 62,2 114,6 Estrazione di minerali 88,8 107,1 97,3 Industria manifatturiera 44,8 60,6 115,2 - Ind. alimentari, bevande e tabacco 94,2 100,9 99,6 - Ind. tessili e dell’abbigliamento 16,2 57,4 116,4 - Ind. conciarie, fabbr. di prodotti in cuoio, pelle e similari 5,5 60,9 115,1 - Fabbr. della pasta carta, della carta e dei prodotti di carta, stampa ed editoria 29,7 43,7 121,7 - Cokerie, raffinerie, chimiche, farmaceutiche 82,1 62,6 114,4 - Fabbr. di prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 82,6 85,1 105,7 - Produzione di metallo e fabbr. di prodotti in metallo 40,7 53,2 118,1 - Fabbr. di macchine ed app.meccanici, elettrici ed ottici; mezzi di trasporto 37,0 52,4 118,4 - Ind. del legno, della gomma, della plastica ed altre manifatturiere 49,2 55,0 117,4 - Produzione e distribuzione di energia elettrica, di gas, di vapore e acqua 121,4 106,2 97,6 Costruzioni 103,4 109,1 96,5 e 96,2 95,8 101,6 Commercio all’ingrosso ed al dettaglio; riparazioni di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa 101,8 98,5 100,6 Commercio, riparazioni, alberghi ristoranti, trasporti e comunicazioni Alberghi e ristoranti 67,2 81,5 107,2 Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni 104,1 100,1 100,0 Intermediazione monetaria finanziaria;attività imm. e impr. e 102,7 93,9 102,3 Intermediazione monetaria e finanziaria 76,8 74,9 109,7 Attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, altre attività professionali ed imprenditoriali 110,7 99,7 100,1 Altre attività di servizi 131,4 120,0 92,3 Pubblica amministrazione e difesa; assicurazione sociale e obbligatoria 159,9 135,1 86,4 Istruzione 153,0 148,0 81,5 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-7
  • 30. SETTORI o COMPARTI PRODUTTIVI TERRITORIO Sicilia Mezzogiorno Centro - Nord Sanità e altri servizi sociali 121,8 113,5 94,8 Altri servizi pubblici, sociali e personali 112,5 102,6 99,0 90,2 81,6 Servizi domestici presso famiglie e convivenze 107,1 Fonte: Elaborazioni Di.S.Te su dati Istat L’industria alimentare e delle bevande, in particolare, esprime un indicatore (94,2) piuttosto vicino alla media del Centro – Nord (99,6), mentre tessile ed abbigliamento (16,2), pelli e cuoio (5,5), carta, stampa ed editoria (29,7), siderurgia e metallurgia (40,7), macchine ed apparecchi (37) e legno e mobilio (49,7) presentano valori scarsamente significativi, spesso distanti dagli stessi indicatori medi meridionali. Il confronto con i coefficienti relativi al Centro – Nord evidenzia, in generale, divari virtualmente incolmabili. La concentrazione degli addetti al comparto delle costruzioni (103,4), infine, non risulta particolarmente elevata, ma probabilmente il dato ufficiale risente, più di quanto non avvenga in altre aree, di una rilevante quota di “sommerso”. Anche l’insieme dei servizi tradizionali (commercio, riparazione, alberghi, ristoranti, parte di trasporti e comunicazioni), che presentano un coefficiente pari a 96,2, risente di posizioni piuttosto differenziate. Il peso di varie categorie di imprese artigiane, in particolare, è sostanzialmente analogo a quello nazionale, mentre relativamente maggiore è il numero di imprese ed addetti al comparto trasporti, magazzinaggio e comunicazioni (104,1). Particolarmente basso, al contrario, è il coefficiente espresso da alberghi e pubblici esercizi (67,2); per una regione che intende considerare la crescita del turismo tra gli assi portanti del suo processo di sviluppo si tratta, indubbiamente, di un dato critico, quantomeno da un punto di vista prospettico, indicativo del netto ritardo strutturale fin qui accumulato. Tra i servizi avanzati a maggior valore aggiunto, una relativa sorpresa è rappresentata dal dato sulla minore concentrazione (76,8) di intermediari monetari e finanziari sul territorio (banche, assicurazioni, società e consulenti finanziari). Le altre attività, al contrario, che annoverano gran parte delle libere professioni, sono sensibilmente sovrappresentate nell’Isola (110,7). Il sovradimensionamento della Pubblica Amministrazione è reso particolarmente evidente dagli indici di specializzazione settoriale, su valori massimi nella P.A. (159,9), nell’istruzione (153) e nella sanità (121,8), superiori rispetto alla stessa media del Mezzogiorno e ben distanti dalla media del Centro – Nord, specie nei primi due casi, mentre il dato dei servizi domestici (90,2) potrebbe ancora una volta risentire di una componente “sommersa” relativamente maggiore che nelle altre regioni. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-8
  • 31. 2.2.2 I sistemi locali ed i sistemi locali manifatturieri (le principali caratteristiche) All’interno del tessuto produttivo regionale è possibile individuare particolari sistemi locali a specializzazione manifatturiera consistenti in aree che, pur rispondendo, dal punto di vista economico, a logiche vagamente sistemiche, non si sono definitivamente trasformate in veri e propri distretti industriali. Essi sono individuabili, essenzialmente, nel sistema locale dell’estrazione e lavorazione del marmo di Custonaci – Valderice, in quello operante nel settore tessile – abbigliamento di Brolo, nel sistema locale della lavorazione della ceramica di S. Stefano di Camastra ed in quello specializzato nei prodotti in metallo di Milazzo. I sistemi locali manifatturieri siciliani non presentano, inoltre, uno dei caratteri distintivi delle economie distrettuali: la presenza di un elevato numero di imprese che produce beni intermedi o di investimento per altre imprese del distretto. In media, l’82,2% delle imprese produce prodotti finiti, e una presenza rilevante di beni intermedi si riscontra solo a Milazzo. La produzione su commessa è di gran lunga privilegiata. Il ruolo della committenza nella distribuzione del prodotto è essenziale in molti distretti, e dall’analisi risulta come nei SLM siciliani siano tuttora poco presenti imprese specializzate nella commercializzazione dei prodotti dell’area così come si sono sviluppate nell’esperienza dei distretti. Sistemi locali manifatturieri SISTEMA LOCALE SPECIALIZZAZIONE (sottosezione Istat) Custonaci Lavorazione minerali non metalliferi Legno Tessile – abbigliamento Cuoio, pelle e calzature Brolo Capo d’Orlando Francavilla di Sicilia Tessile – abbigliamento Legno Gomma e materie plastiche Carta, stampa ed editoria Legno Tessile – abbigliamento Milazzo Prodotti in metallo Raffinerie di petrolio Altre manifatturiere S. Stefano di Camastra Villafranca Tirrena Lavorazione minerali non metalliferi Gomma e materie plastiche Lavorazione minerali non metalliferi Ragusa Prodotti in metallo Chimica Termini Imerese Autoveicoli e parti componenti REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-9
  • 32. Un aspetto interessante è che la percentuale di forza lavoro di provenienza locale nelle aree esaminate è piuttosto alta e superiore, mediamente, al 90%, ma sorprende che tale percentuale sia relativamente più bassa per la componente operaia e maggiore per la componente impiegatizia e dirigenziale. L’analisi dei meccanismi di integrazione orizzontale tra le imprese evidenzia come tutti i sistemi locali manifatturieri siano piuttosto lontani dal soddisfacimento del più importante requisito che caratterizza i distretti industriali: la presenza di un ispessimento di relazioni imprenditoriali sul territorio, soprattutto con riferimento alla sfera economica. Nelle imprese dei SLM siciliani colpisce invece la dominanza di attività di servizio svolte all’interno dell’impresa (non solo servizi di contabilità e amministrazione e selezione del personale, ma anche servizi di assistenza all’export e, in buona misura, progettazione). Lafornitura di servizi finanziari, informatici, di manutenzione tecnica e di consulenza legale – fiscale avviene in parte all’interno ed in parte a livello locale. Accanto ai SLM l’Istat ha individuato delle realtà locali, che, non facendo leva esclusivamente sul criterio della specializzazione manifatturiera, ma solo sulla dinamica della densità imprenditoriale in specifici comparti produttivi. Alle tradizionali aggregazioni di Custonaci, Brolo, Capo d’Orlando, Milazzo e S. Stefano di Camastra si sono così aggiunte le aree specializzate di Bronte e Randazzo (industria tessile), la fascia ionica della provincia di Catania (alimentare), Valguarnera e Regalbuto (tessile e gomma), Priolo (chimica), Aspra – Bagheria (prodotti ittici), Ragusa e Comiso (alluminio e marmo), Taormina (turismo e relativi servizi). Le nuove aggregazioni produttive SISTEMA LOCALE Bronte – Randazzo SPECIALIZZAZIONE (sottosezione Istat) Tessile Catania Jonica Alimentare Brolo – Piraino Valguarnera Tessile Tessile Regalbuto Siracusa – Priolo Gomma e plastica Petrolifero – chimico Aspra – Bagheria Prodotti ittici Ragusa Taormina Alluminio - marmo Turismo In aggiunta alle aree così individuate, un’attenzione particolare meritano delle aggregazioni territoriali che potremmo definire distretti di tipo integrato. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-10
  • 33. I sistemi locali integrati SISTEMA LOCALE SPECIALIZZAZIONE (sottosezione Istat) Agrigento (Menfi; Sambuca) Vitivinicolo Sciacca Catania Jonica Pesce e prodotti ittici Elettronica Catania Jonica Palermo Packaging Telecomunicazioni Carta, stampa, editoria Ragusa Agroalimentare Marsala – Valle del Belice Vitivinicolo Mazara del Vallo Pesce e prodotti ittici Nel dettaglio, si parla di alcune aree della provincia di Agrigento (Menfi e Sambuca, per il vitivinicolo), Sciacca (pesce e prodotti ittici), fascia jonica di Catania (elettronica – servizi connessi; packaging), Palermo (carta, stampa, editoria), Ragusa (agroalimentare), Marsala e Valle del Belice (vitinicoltura), Ma zara del Vallo (pesce e prodotti ittici). In questi sistemi locali le imprese e le produzioni appaiono integrate più verticalmente che orizzontalmente: le imprese cioè appartengono a settori diversi e integrazione, cooperazione e concorrenza seguono meccanismi e dinamiche del tutto differenti rispetto ai distretti mono – settoriali. Le nuove evidenze insistono sull’elevata dinamica attuale e potenziale di tali aree, che potrebbero, anche in virtù del peso dell’integrazione con altri settori (agricoltura, servizi tradizionali ed avanzati) rivelarsi strategiche in termini di sviluppo locale e, più in generale, di sviluppo regionale. Va notato, infatti, che i sistemi locali integrati hanno una collocazione spesso contigua ai grandi agglomerati urbani, sicchè le loro dinamiche sono caratterizzate da una forte interazione con un più ampio tessuto socio – economico, cosa che ne amplifica le potenzialità, ma anche, in presenza di condizioni meno favorevoli, i possibili limiti. I punti di forza dei sistemi integrati sono rappresentati dalla presenza di imprese di dimensioni mediamente maggiori (47,0)diquelle operanti nell’ambito dei sistemi manifatturieri tradizionali (dimensione media pari a 33,4)il maggior grado di cooperazione orizzontale tra le imprese e tra queste ed il contesto locale, cosa particolarmente rilevante non solo in termini di input di base, ma anche di qualità dei fattori di produzione. Si sottolinea, inoltre, la rilevanza della qualità delle forze di lavoro disponibili nei comparti ad alta tecnologia nell’area catanese ma, allo stesso tempo, la rapidità e l’efficacia con la quale innovazioni di prodotto e di processo provenienti dall’esterno (altre aziende leader; centri di ricerca; Università) vengono assimilate nei sistemi locali in questione. Questi ultimi, peraltro, sembrano soffrire in misura sensibilmente minore delle diseconomie esterne che strutturalmente penalizzano il tessuto produttivo regionale. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-11
  • 34. Considerate le caratteristiche strutturali e non dei sistemi locali manifatturieri analizzati ed, in particolare, la loro collocazione spesso contigua ai grandi urbani con conseguenti forti interazioni delle loro dinamiche con un ampio tessuto socio – economico, si ritiene importante analizzarne gli elementi demografici, imprenditoriali e occupazionali che li caratterizzano ricorrendo, in particolare, al concetto di Sistema Locale del Lavoro consistenti in aggregazioni di comuni che derivano da una ricerca condotta da Istat ed Irpet in collaborazione con l'Università di Newcastle Upon Tyne a partire dai dati relativi al pendolarismo dei componenti delle famiglie per motivi di lavoro. L'obiettivo di base è la costruzione di una griglia sul territorio determinata dai movimenti dei soggetti per motivi di lavoro; l'ambito territoriale che ne discende rappresenta l'area geografica in cui maggiormente si addensano quei movimenti. In questo modo si aggregano unità amministrative elementari (Comuni) individuati sul territorio dalle relazioni socio-economiche. I criteri adottati per la definizione dei Sistemi Locali del Lavoro (da ora in poi SLL) sono i seguenti: - Autocontenimento - Contiguità - Relazione spazio-tempo Con il termine autocontenimento si intende un territorio dove si concentrano attività produttive e di servizi in quantità tali da offrire opportunità di lavoro e residenziali alla maggior parte della popolazione che vi è insediata; capacità di un territorio di comprendere al proprio interno la maggior parte delle relazioni umane che intervengono fra le sedi di attività di produzione (località di lavoro) e attività legate alla riproduzione sociale (località di residenza). Un territorio dotato di questa caratteristica si configura come un sistema locale, cioè come una entità socio-economica che compendia occupazione, acquisti, relazioni e opportunità sociali; attività, comunque, limitate nel tempo e nello spazio, accessibili sotto il vincolo della loro localizzazione e del la loro durata, oltreché delle tecnologie di trasporto disponibili, data una base residenziale individuale e la necessità di farvi ritorno alla fine della giornata (relazione spazio tempo). Il vincolo di contiguità invece significa che i comuni contenuti all'interno di un SLL devono essere contigui, mentre con la dicitura relazione spazio-tempo si intende la distanza e tempo di percorrenza tra la località di residenza e la località di lavoro; tale concetto è relativo ed è strettamente connesso alla presenza di servizi efficienti. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-12
  • 35. In particolare: per quanto concerne i Sistemi locali manifatturieri viene rilevato: Denominazione Sistema Locale del Lavoro: Provincia del centro del Sistema Locale del Lavoro: Elenco dei comuni compresi nel SLL: TESSUTO IMPRENDITORIALE (numero unità locali) POPOLAZIONE Indicatore Valore Numero di comuni Indicatore Valore OCCUPAZIONE Indicatore Agricoltura,caccia e silvicoltura Pesca,piscicoltura e servizi connessi Occupati Popolazione totale Estrazione minerali Persone in cerca di occupazione - di cui Maschi Attività manifatturiere Totale forze lavoro - di cui Femmine Prod. e distr.energia elettr., gas e acqua Non forze lavoro Numero famiglie Costruzioni Popolazione con più di 15 anni Densità abitativa Commercio Popolazione totale Numero componenti famiglia Alberghi e ristoranti Tasso di attività Indice dipendenza strutturale Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Tasso di occupazione Indice dipendenza strutturale giovanile Int. monetaria e finanziaria Tasso di disoccupazione Indice dipendenza strutturale anziani Attività immob., noleggio, informat., ricerca Indice di vecchiaia Pubbl.amm. e difesa; assic.sociale obbl. Indice di struttura Istruzione Indice di ricambio Valore Popolazione con meno di 15 anni Sanità ed altri servizi sociali Superficie (kmq) terr. medio per Altri servizi pubblici, sociali e personali Servizi domestici presso famiglie e conv. Organizzazioni ed organismi extraterr. Imprese non classificate TOTALE REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-13
  • 36. 2.2.3 La specializzazione provinciale Sotto il profilo delle produzioni prevalenti la specializzazione provinciale presenta aspetti molto diversi, e la composizione del valore aggiunto raramente rispecchia quella media regionale. Il valore aggiunto agricolo, poco al di sotto del 5,0% nella media regionale, raggiunge il 17% del totale prodotto a Ragusa, oscilla intorno all’8,0% nelle province di Enna, Siracusa e Caltanissetta, intorno al 6% nella provincia di Agrigento e scende al 3% circa nelle province di Catania, Messina e Palermo. La produzione manifatturiera risulta, invece, prevalente a Siracusa (20% circa del totale provinciale), seguita da Caltanissetta (13,5%) e Messina (12,9%); nelle altre province si posiziona su livelli leggermente inferiori alla media regionale (12,7%), per poi scendere al di sotto del 10% ad Enna e Agrigento. Il peso delle costruzioni – 5,8% a livello regionale – tocca i massimi nella provincia di Agrigento (11,5% sul totale provinciale) ed Enna (10,5%), realtà che vanno configurandosi come relativamente più in ritardo, seguite da Messina (8,7%) e Trapani (7,8%). Tutte le altre aree si posizionano al di sotto della media generale. La specializzazione nei servizi vendibili è immediatamente evidente a Palermo (50,1% della produzione provinciale), seguita a brevissima distanza da Catania (49,5%) e Messina (49,1%). Nelle altre province il contributo del settore oscilla intorno al 45%, con l’eccezione di Enna, dove scende al 39,1%. Ancora Enna, infine, registra il record relativo dei servizi non vendibili, con la quota più alta dell’Isola (32,4%). Al secondo posto si colloca la provincia di Caltanissetta con il 31,3%, seguita da Palermo (32,4%) e via via dalle altre province. In coda si trova la provincia di Ragusa, che con il suo 22,7% di servizi pubblici risulta una delle realtà territoriali relativamente più avanzate dell’Isola. In particolare, nel dettaglio provinciale si ha: REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-14
  • 37. 2.2.3.1 La provincia di Agrigento La densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-15
  • 38. Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S INDUSTRIA Categori Denominazione a 26.53.0 1. Produzione di gesso 14.30.2 2. Estrazione di zolfo e di pirite 14.12.1 Addetti 3. Estrazione di pietra da gesso e di anidrite 14.40.0 4. Produzione di sale 15.20.1 5. Conservazione di pesci, crostacei e molluschi: congelamento, surg., ecc. 40.20.2 14.11.2 Prov Italia Coeff 52 0,12 0,00 4 0,01 0,00 4274,28 3111,49 17 0,04 0,00 1964,41 83 0,19 0,01 1767,09 353 0,82 0,05 1634,69 6. Produzione e distribuzione di gas manifatturati 10 0,02 0,00 507,04 7. Estrazione di altre pietre da costruzione 71 0,16 0,03 485,92 26.63.0 8. Produzione di calcestruzzo pronto per l'uso 224 0,52 0,11 451,69 15.41.1 9. Fabbricazione di olio di oliva grezzo 162 0,37 0,08 447,79 26.52.0 10. Produzione di calce 31 0,07 0,02 425,05 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-16
  • 39. SERVIZI Categori Denominazione a Addetti 92.51.0 1. Attivita' di biblioteche e archivi 71.31.0 2. Noleggio di macchinari e attrezzature agricole 93.04.2 3. Stabilimenti idropinici ed idrotermali 72.40.0 4. Attivita' delle banche di dati 74.14.3 5. Consulenze agrarie 51.53.3 6. Commercio all'ingrosso di vetro piano 52.63.4 7. Commercio al dettaglio a post. mobile di tessuti e art. di abbigliamento 51.32.2 8. Commercio all'ingrosso di carni congelate e surgelate Prov Italia Coeff 7 0,02 0,00 24805,46 12 0,03 0,00 6378,55 125 0,29 0,03 1105,24 61 0,14 0,02 920,71 163 0,38 0,05 740,53 709,85 14 0,03 0,00 132 0,31 0,05 676,28 19 0,04 0,01 614,57 52.46.3 9. Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari 119 0,28 0,05 560,18 52.63.3 10. Commercio al dettaglio a post. mobile di alimentari e bevande 163 0,38 0,07 530,24 Legenda: Addetti: ADDETTI ALLE UNITA' LOCALI Prov: PESO OCCUPAZIONALE DEL SETTORE NELLA PROVINCIA Italia: PESO OCCUPAZIONALE DEL SETTORE IN ITALIA Coeff: COEFFICIENTE DI LOCALIZZAZIONE REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-17
  • 40. 2.2.3.2 Provincia di Caltanisetta La densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-18
  • 41. Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S INDUSTRIA Categori Denominazione a 11.12.0 1. Estrazione di gas naturale 23.20.1 2. Raffinerie di petrolio 14.12.1 3. Estrazione di pietra da gesso e di anidrite 36.63.5 4. Fabbricaz. e applicazione materiale vario per l'isolamento termoacustico Addetti Prov Italia Coeff 241 0,79 0,01 10497,18 1758 5,77 0,10 5981,44 9 0,03 0,00 1475,72 107 0,35 0,03 1300,31 24.14.0 5. Fabbricazione di altri prodotti chimici di base organici 402 1,32 0,10 1257,62 15.91.0 6. Fabbricazione di bevande alcoliche distillate 132 0,43 0,04 1082,98 26.65.0 7. Fabbricazione di prodotti in fibrocemento 29.56.1 8. Fabbricaz. e instal. di macchine e apparecchi per le industrie chimiche 26.64.0 9. Produzione di malta 23.20.3 10. Miscelazione di gas petroliferi liquefatti (GPL) e loro imbottigliamento REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 38 0,12 0,01 1044,78 293 0,96 0,13 767,09 7 0,02 0,00 703,97 67 0,22 0,03 692,11 2-19
  • 42. 2.2.3.2.1.1.1 SERVIZI Categoria Denominazione Addetti Prov Italia Coeff 51.44.5 1. Commercio ingrosso despec. art. di porcellana, vetro, carte da parati 13 0,04 0,00 1005,68 51.36.1 2. Commercio all'ingrosso di zucchero 11 0,04 0,00 893,73 71.31.0 3. Noleggio di macchinari e attrezzature agricole 1 0,00 0,00 754,26 51.32.2 4. Commercio all'ingrosso di carni congelate e surgelate 14 0,05 0,01 642,57 71.21.0 5. Noleggio di altri mezzi di trasporto terrestri 13 0,04 0,01 573,97 51.21.1 6. Commercio all'ingrosso di cereali e legumi secchi 65 0,21 0,04 548,09 52.63.3 7. Commercio al dettaglio a post. mobile di alimentari e bevande 90 0,30 0,07 415,44 52.12.2 8. Altri esercizi non specializzati 63 0,21 0,05 413,20 74.14.3 9. Consulenze agrarie 61 0,20 0,05 393,25 51.39.3 10. Commercio all'ingrosso di conserve alimentari e prodotti affini 21 0,07 0,02 368,64 Legenda: Addetti: PESO OCCUPAZIONALE DEL SETTORE NELLA PROVINCIA Italia: PESO OCCUPAZIONALE DEL SETTORE IN ITALIA Coeff: 2.2.3.3 ADDETTI ALLE UNITA' LOCALI Prov: COEFFICIENTE DI LOCALIZZAZIONE Provincia di Catania REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-20
  • 43. La densità imprenditoriale nei comuni della provinicia Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S. INDUSTRIA Categori Denominazione a 41.00.2 Addetti 1. Captazione, adduzione, depurazione e distribuzione di acqua non potabile 14.12.1 2. Estrazione di pietra da gesso e di anidrite 26.22.0 3. Fabbricazione di articoli sanitari in ceramica 32.10.0 4. Fabbric. di tubi e valvole elettronici e di altri componenti elettronici 22.21.0 5. Stampa di giornali 22.33.0 6. Riproduzione di supporti informatici registrati 23.20.4 23.20.3 Prov 179 Italia 0,13 Coeff 0,01 1311,41 27 0,02 0,00 993,35 513 0,38 0,05 822,28 1919 1,41 0,23 627,39 134 0,10 0,03 393,03 4 0,00 0,00 372,63 7. Fabbricazione di emulsioni di bitume, di catrame ecc. per uso stradale 127 0,09 0,03 357,03 8. Miscelazione di gas petroliferi liquefatti (GPL) e loro imbottigliamento 154 0,11 0,03 356,94 20.40.0 9. Fabbricazione di imballaggi in legno 470 0,35 0,10 346,44 20.52.2 10. Produzione di articoli di paglia e di materiale da intreccio 34 0,03 0,01 341,15 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-21
  • 44. SERVIZI Categori Denominazione a Addetti 52.62.2 1. Commercio al dettaglio ambulante a post. fisso di tessuti 71.32.0 2. Noleggio di macchinari e attrezzature per lavori edili e di genio civile 51.31.0 3. Commercio all'ingrosso di frutta e ortaggi Prov Italia Coeff 210 0,15 0,03 61 0,04 0,01 536,99 511,49 2394 1,76 0,35 510,79 52.62.6 4. Commercio al dettaglio ambulante a post. fisso di articoli d'occasione 60 0,04 0,01 501,03 52.46.3 5. Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari 293 0,22 0,05 439,14 52.63.5 6. Altro commercio ambulante a posteggio mobile 456 0,34 0,08 408,36 93.04.2 7. Stabilimenti idropinici ed idrotermali 135 0,10 0,03 380,05 52.63.4 8. Commercio al dettaglio a post. mobile di tessuti e art. di abbigliamento 229 0,17 0,05 373,55 63.12.2 9. Magazzini frigoriferi per conto terzi 56 0,04 0,01 361,73 52.27.2 10. Drogherie, salumerie, pizzicherie e simili 516 0,38 0,11 331,01 Legenda: Addetti: PESO OCCUPAZIONALE DEL SETTORE NELLA PROVINCIA Italia: PESO OCCUPAZIONALE DEL SETTORE IN ITALIA Coeff: 2.2.3.4 ADDETTI ALLE UNITA' LOCALI Prov: COEFFICIENTE DI LOCALIZZAZIONE Provincia di Enna Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S. INDUSTRIA Categoria Denominazione 11.12.0 1. Estrazione di gas naturale Addetti Prov 18 Italia 0,10 Coeff 0,01 1380,84 23.20.3 2. Miscelazione di gas petroliferi liquefatti (GPL) e loro imbottigliamento 33 0,19 0,03 600,38 26.26.0 3. Fabbricazione di prodotti ceramici refrattari 25 0,14 0,03 577,07 25.12.0 4. Rigenerazione e ricostruzione di pneumatici 26.61.0 5. Fabbricazione di prodotti in calcestruzzo per l'edilizia 17 0,10 0,02 503,53 183 1,06 0,22 470,88 26.63.0 6. Produzione di calcestruzzo pronto per l'uso 85 0,49 0,11 428,36 26.15.3 7. Fabbricazione e lavorazione di altro vetro (vetro tecnico e indust.) 21 0,12 0,03 419,19 15.61.1 8. Molitura dei cereali 46 0,27 0,07 394,96 15.41.1 9. Fabbricazione di olio di oliva grezzo 56 0,32 0,08 386,85 14.50.1 10. Estrazione di pomice e altri materiali abrasivi 2 0,01 0,00 324,00 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-22
  • 45. SERVIZI Categoria Denominazione 71.31.0 1. Noleggio di macchinari e attrezzature agricole Addetti Prov Italia 2 0,01 Coeff 0,00 2656,84 90.00.1 2. Raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi 581 3,36 0,38 893,27 74.14.3 3. Consulenze agrarie 55 0,32 0,05 624,47 52.46.3 4. Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari 41 0,24 0,05 482,35 51.32.3 5. Commercio all'ingrosso di prodotti di salumeria 17 0,10 0,02 452,11 52.46.4 6. Commercio al dettaglio di materiali da costruzione 110 0,64 0,14 443,95 90.00.3 7. Misure igienico-sanitarie ed attivita' affini 11 0,06 0,01 429,78 52.48.7 8. Commercio al dettaglio di combustibili per uso domestico 37 0,21 0,05 420,04 51.32.2 9. Commercio all'ingrosso di carni congelate e surgelate 5 0,03 0,01 404,18 93.02.1 10. Servizi dei saloni di barbiere 165 0,95 0,24 397,07 2.2.3.5 Provincia di Messina la densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-23
  • 46. INDUSTRIA Categoria Denominazione 14.50.1 1. Estrazione di pomice e altri materiali abrasivi 129 0,15 24.63.0 2. Fabbricazione di oli essenziali 144 0,16 0,01 2479,72 36.63.4 3. Fabbricaz. giostre, altalene e altre attrezzat. meccanic. per luna-parks 61 0,07 0,01 24.66.1 4. Fabbricazione di prodotti chimici organici o da materie prime vegetali 59 0,07 0,01 733,60 26.24.0 5. Fabbricazione di altri prodotti ceramici per uso tecnico e industriale 22 0,02 0,00 636,58 26.40.0 6. Fabbricazione di mattoni tegole ed altri prod. per l'edil. in terracotta 406 0,46 0,08 558,48 35.11.3 7. Cantieri di riparazioni navali 240 0,27 0,05 546,30 35.20.3 8. Riparazione di materiale rotabile ferroviario 281 0,32 0,06 537,33 25.11.0 9. Fabbricazione di pneumatici e di camere d'aria 413 0,47 0,10 481,19 15.32.0 10. Produzione di succhi di frutta e di ortaggi 156 0,18 0,04 472,28 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. Addetti Prov Italia Coeff 0,00 4081,63 763,34 2-24
  • 47. SERVIZI Categoria Denominazione 55.30.3 1. Gestione di vagoni ristorante Addetti Prov 22 Italia 0,02 Coeff 0,00 4077,11 92.72.1 2. Stabilimenti balneari (marittimi, lacuali e fluviali) 61.12.0 3. Trasporti costieri 18 0,02 0,00 1945,89 818 0,92 0,05 1741,27 55.23.3 4. Gestione di vagoni letto 37 0,04 0,01 697,32 90.00.3 5. Misure igienico-sanitarie ed attivita' affini 56 0,06 0,01 427,33 52.48.8 6. Commercio al dettaglio di natanti ed accessori 55.23.1 7. Villaggi turistici 62 0,07 0,02 391,23 116 0,13 0,03 384,78 51.23.2 8. Commercio all'ingrosso di altri animali vivi 87 0,10 0,03 382,37 52.23.0 9. Commercio al dettaglio di pesci, crostacei e molluschi 251 0,28 0,08 377,70 55.52.0 10. Fornitura di pasti preparati 261 0,29 0,08 364,30 2.2.3.6 Provincia di Palermo La densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-25
  • 48. Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S. INDUSTRIA Categoria Denominazione 15.12.2 1. Conservazione di carne di volatili e di conigli con congelamento e surg. Addetti Prov 14.40.0 2. Produzione di sale 26.53.0 3. Produzione di gesso 35.11.1 4. Cantieri navali per costruzioni metalliche 41.00.1 5. Captazione, adduzione, depurazione e distribuzione di acqua potabile 35.20.1 15.20.1 15.20.2 8. Produzione di prodotti a base di pesce, crostacei e molluschi 35.11.3 9. Cantieri di riparazioni navali 326 15.32.0 10. Produzione di succhi di frutta e di ortaggi 242 Italia Coeff 26 0,02 172 0,12 0,01 1069,40 41 0,03 0,00 967 0,65 0,09 694,67 1115 0,75 0,13 600,52 6. Costruzione di materiale rotabile ferroviario 460 0,31 0,05 571,55 7. Conservazione di pesci, crostacei e molluschi: congelamento, surg., ecc. 407 0,27 0,05 550,41 35 0,02 0,01 455,92 0,22 0,05 443,96 0,16 0,04 438,34 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 0,00 1742,13 984,18 2-26
  • 49. SERVIZI Categoria Denominazione Addetti Prov Italia 80.30.3 1. Scuole e corsi di formazione speciale 1 0,00 0,00 Coeff 4656,86 61.12.0 2. Trasporti costieri 1285 0,87 0,05 1636,56 55.23.1 3. Villaggi turistici 302 0,20 0,03 599,35 74.84.1 4. Imprese ed enti di gestione esattoriale 560 0,38 0,08 479,74 51.43.4 5. Commercio all'ingrosso di materiali radioelettrici, telefonici e telev. 438 0,30 0,07 451,56 90.00.3 6. Misure igienico-sanitarie ed attivita' affini 93 0,06 0,01 424,60 63.11.2 7. Movimento merci relativo a trasporti marittimi 424 0,29 0,07 405,86 55.40.3 8. Bottiglierie ed enoteche con somministrazione 45 0,03 0,01 388,79 52.27.3 9. Commercio al dettaglio di caffe' torrefatto 102 0,07 0,02 384,15 90.00.1 10. Raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi 1956 1,32 0,38 351,41 2.2.3.7 Provincia di Ragusa La densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-27
  • 50. Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S. INDUSTRIA Categoria Denominazione Addetti Prov Italia Coeff 14.22.0 1. Estrazione di argilla e caolino 37 0,10 0,00 2074,89 24.15.0 2. Fabbricazione di concimi e di composti azotati 107 0,29 0,02 1198,27 26.62.0 3. Fabbricazione di prodotti in gesso per l'edilizia 52 0,14 0,01 1115,50 26.51.0 4. Produzione di cemento 263 0,71 0,07 1089,82 23.20.4 5. Fabbricazione di emulsioni di bitume, di catrame ecc. per uso stradale 92 0,25 0,03 951,28 26.70.3 6. Frantumazione di pietre e minerali vari fuori della cava 53 0,14 0,02 844,11 24.20.0 7. Fabbricazione di pesticidi e di altri prodotti chimici per l'agricoltura 52 0,14 0,02 804,18 27.42.0 8. Produzione di alluminio e semilavorati 239 0,65 0,09 737,52 20.40.0 9. Fabbricazione di imballaggi in legno 218 0,59 0,10 591,02 29.31.2 10. Riparazione di trattori agricoli 54 0,15 0,03 562,09 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-28
  • 51. SERVIZI Categoria Denominazione Addetti Prov Italia Coeff 85.14.4 1. Servizi di ambulanza, delle banche del sangue ed altri servizi sanitari 1 0,00 0,00 37347,94 74.70.2 2. Servizi di disinfestazione 54 0,15 0,02 627,11 74.84.4 3. Servizi di gestione di pubblici mercati e pese pubbliche 14 0,04 0,01 619,52 51.31.0 4. Commercio all'ingrosso di frutta e ortaggi 759 2,06 0,35 595,63 63.12.2 5. Magazzini frigoriferi per conto terzi 23 0,06 0,01 546,44 74.14.3 6. Consulenze agrarie 99 0,27 0,05 526,70 92.61.6 7. Gestione di palestre 1 0,00 0,00 491,42 52.46.4 8. Commercio al dettaglio di materiali da costruzione 234 0,63 0,14 442,52 51.44.3 9. Commercio all'ingrosso di carte da parati, stucchi e cornici 25 0,07 0,02 438,15 51.11.0 10. Intermediari commercio mat. prime agric. e tessili; animali vivi; semil. 74 0,20 0,05 428,22 2.2.3.8 Provincia di Siracusa La densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-29
  • 52. INDUSTRIA Categoria Denominazione Addetti Prov Italia Coeff 23.20.1 1. Raffinerie di petrolio 2858 5,46 0,10 5661,23 35.11.4 2. Cantieri di demolizioni navali 15 0,03 0,00 2744,49 24.14.0 3. Fabbricazione di altri prodotti chimici di base organici 1403 2,68 0,10 2555,30 29.56.1 4. Fabbricaz. e instal. di macchine e apparecchi per le industrie chimiche 804 1,54 0,13 1225,45 31.20.2 5. Installazione di apparecchiature di protezione, di manovra e controllo 271 0,52 0,06 878,13 26.70.3 6. Frantumazione di pietre e minerali vari fuori della cava 71 0,14 0,02 797,72 28.21.0 7. Fabbricazione di cisterne, serbatoi e contenitori in metallo 263 0,50 0,07 670,47 24.66.1 8. Fabbricazione di prodotti chimici organici o da materie prime vegetali 31 0,06 0,01 652,36 35.11.3 9. Cantieri di riparazioni navali 163 0,31 0,05 627,95 28.71.0 10. Fabbricazione di bidoni in acciaio e di contenitori analoghi 37 0,07 0,02 471,17 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-30
  • 53. SERVIZI Categoria Denominazione Addetti Prov Italia 63.22.0 1. Altre attivita' connesse ai trasporti per via d'acqua 517 0,99 0,06 Coeff 1769,25 61.11.0 2. Trasporti marittimi 286 0,55 0,06 879,16 74.20.5 3. Attivita' di ricerca mineraria 52 0,10 0,01 667,67 74.30.1 4. Collaudi e analisi tecniche di prodotti 133 0,25 0,04 618,67 74.81.3 5. Attivita' di aerofotocinematografia 3 0,01 0,00 568,64 74.30.2 6. Controllo di qualita' e certificazione di prodotti 62 0,12 0,02 558,09 61.12.0 7. Trasporti costieri 129 0,25 0,05 464,76 71.31.0 8. Noleggio di macchinari e attrezzature agricole 1 0,00 0,00 439,12 51.31.0 9. Commercio all'ingrosso di frutta e ortaggi 768 1,47 0,35 425,17 90.00.1 10. Raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi 764 1,46 0,38 388,28 2.2.3.9 Provincia di Trapani La densità imprenditoriale nei comuni della provincia REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-31
  • 54. Coefficiente di localizzazione Ita=100 - C.I.I.S. INDUSTRIA Categoria Denominazione Addetti Prov Italia 15.93.2 1. Fabbricazione di vini speciali 202 0,40 0,02 1889,85 15.12.2 2. Conservazione di carne di volatili e di conigli con congelamento e surg. 8 0,02 0,00 1555,60 14.40.0 3. Produzione di sale 75 0,15 0,01 1353,23 15.93.1 4. Fabbricazione di vini (esclusi i vini speciali) 708 1,39 0,12 1194,00 15.20.1 5. Conservazione di pesci, crostacei e molluschi: congelamento, surg., ecc. 231 0,45 0,05 906,58 14.11.1 6. Estrazione di pietre ornamentali 196 0,38 0,04 900,34 15.92.0 7. Fabbricazione di alcool etilico di fermentazione 21 0,04 0,01 808,55 35.11.4 8. Cantieri di demolizioni navali 4 0,01 0,00 750,79 26.70.1 9. Segagione e lavorazione delle pietre e del marmo 1096 2,15 0,30 723,90 35.11.2 10. Cantieri navali per costruzioni non metalliche 33 0,06 0,01 715,85 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. Coeff 2-32
  • 55. SERVIZI Categoria Denominazione Addetti Prov Italia 55.30.5 1. Ristoranti con annesso intrattenimento e spettacolo 145 0,28 0,02 1441,39 71.31.0 2. Noleggio di macchinari e attrezzature agricole 2 0,00 0,00 900,95 51.44.4 3. Commercio all'ingrosso saponi, detersivi e altri prodotti per la pulizia 119 0,23 0,04 598,07 51.39.1 4. Commercio all'ingrosso di prodotti della pesca freschi 136 0,27 0,05 543,21 52.63.3 5. Commercio al dettaglio a post. mobile di alimentari e bevande 159 0,31 0,07 438,35 52.63.5 6. Altro commercio ambulante a posteggio mobile 181 0,35 0,08 431,45 93.04.2 7. Stabilimenti idropinici ed idrotermali 56 0,11 0,03 419,63 52.46.4 8. Commercio al dettaglio di materiali da costruzione 305 0,60 0,14 417,42 74.14.3 9. Consulenze agrarie 103 0,20 0,05 396,57 51.36.1 10. Commercio all'ingrosso di zucchero 8 0,02 0,00 388,20 2.3 Coeff Il mercato del lavoro L’offerta e la domanda di lavoro, in Sicilia, trovano il loro punto di equilibrio ad un livello piuttosto basso, sintetizzato da tassi di occupazione e di disoccupazione lontani da quelli delle economie più avanzate. Vi è un eccesso di offerta di manodopera, nell’ambito della quale sono frequenti i casi di qualifiche non corrispondenti a quelle richieste dal mercato. La disoccupazione siciliana è strutturale. Non nasce solo dalla bassa domanda aggregata, dalle crisi che investono le imprese in fasi di congiuntura cedente o dalla difficile ricerca del posto di lavoro, ma anche dal fatto che la quantità e la qualità dei beni capitali esistenti, le strutture produttive dell’Isola insomma, non consentono di determinare un numero di posti di lavoro sufficiente a dare occupazione a tutti coloro che vogliono lavorare. Le politiche di sviluppo incentrate sul sostegno agli investimenti hanno avuto sull’occupazione effetti positivi, per quanto piuttosto limitati in termini aggregati. L’economia siciliana ha, quindi, sperimentato una strutturale incapacità a creare un numero di nuovi occupati sufficiente a bilanciare l’incremento della popolazione in età lavorativa e della partecipazione al mercato del lavoro. Ne è derivato un forte aumento della disoccupazione ed un allargamento del divario con il resto del Paese oltre che degli effetti distorsivi sul funzionamento del mercato del lavoro, alimentando aspettative di stabilizzazione che negli anni si sarebbero rivelate infondate e distogliendo, di fatto, preziose risorse e potenziali prestazioni lavorative da un più proficuo utilizzo nel mondo produttivo. Le attività sommerse ed il lavoro irregolare, allo stesso tempo, sono delle realtà di un certo peso in Sicilia e rappresentano un sostegno al reddito ed all’occupazione di difficile quantificazione. Le attività informali, peraltro, sono spesso complementari alle attività ed alle posizioni lavorative ufficiali. Esse finiscono con l’avere due principali funzioni: da un lato, assicurano un sufficiente grado di produttività e competitività al sistema (soprattutto nel settore industriale) e, dall’altro, garantiscono un rilevante contributo al reddito delle famiglie. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-33
  • 56. Negli anni più recenti, in parallelo con la crisi della finanza pubblica si è assistito, in Sicilia, ad alcuni fenomeni interessanti. In linea, con le tendenze generali delle economie avanzate è proseguita la crescita occupazionale del settore terziario, che rappresenta ormai i Sicilia i tre quarti del mondo produttivo, e si sono ridotte le quote di agricoltura ed industria, ma questa crescita ha evidenziato nuove tendenze. Si è, infatti, ridotta la componente pubblica ed è cresciuta quella privata delle piccole e medie imprese. 2.3.1 Popolazione e forze di lavoro Il lavoro ha registrato, in Sicilia, nel periodo 1995 – 2000, una dinamica positiva, in parallelo con la moderata ripresa dell’attività produttiva e le politiche di promozione dell’occupazione messe in atto negli anni più recenti. Le forze di lavoro appaiono in costante aumento, dalle 1.619 mila unità dei gennaio 1995 alle circa 1.800 mila unità dell’ultima rilevazione del 2000, con un tasso medio annuo di crescita dell’1,4%. Ad una debole ripresa del ciclo economico nel periodo si è, dunque, associata una crescita dell’offerta di manodopera, sintetizzata anche da una maggiore vivacità dei tassi di attività. Il tasso di attività, dato dal rapporto tra le forze di lavoro e la popolazione in età lavorativa, è cresciuto infatti tra il 1995 ed il 2000 dal 40,7% al 42,9%, grazie al determinante contributo della componente femminile (dal 22,6% al 26,7%); il tasso di attività maschile si è mantenuto poco al di sopra del 60%. 2.3.2 L’offerta di lavoro I dati disaggregati per ramo delineano dinamiche sostanzialmente divergenti tra le attività che producono beni e quelle che erogano servizi. L’agricoltura è stata interessata da una perdurante espulsione di manodopera, verosimilmente legata al mancato ricambio generazionale ed alle limitate opportunità di guadagno, queste ultime dovute anche al peso eccedente delle coltivazioni mediterranee ed al ruolo marginale della zootecnia oltre che al frequente riproporsi di eventi climatici sfavorevoli. Confrontando i dati del 2000 con quelli del 1993 si può rilevare che gli addetti all’agricoltura sono diminuiti da 180 mila unità circa a quasi 135 mila, con un calo del 25% non discosto da quello medio nazionale. Sebbene fortemente ridimensionato, il ruolo del settore primario nel contesto dell’economia regionale rimane ancora determinante sia dal punto di vista del prodotto che dell’occupazione. L’industria in senso stretto ha accusato un marcato cedimento tra il 1996 ed il 1996 con la smobilitazione di quasi 19 mila occupati, corrispondente ad una flessione relativa del 14%. Successivamente la tendenza si è invertita sfociando in un recupero complessivo – nel quadriennio 1997 – 2000 – di circa 14 mila addetti. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-34
  • 57. Per l’intero settennio il settore ha, pertanto, segnato una diminuzione degli effettivi del 3,8% (-3% il dato nazionale). Il suo contributo, nel contesto delle attività economiche regionali, pari al 9,7% nel 2000, appare inadeguato non solo al confronto dell’Italia nel suo insieme (24,4%) ma anche con riferimento allo stesso Mezzogiorno (pari al 14,4% l’incidenza dell’industria in senso stretto sull’occupazione totale dell’area). L’occupazione nel comparto delle costruzioni ha riflesso pesantemente gli effetti della quasi totale rarefazione dei lavori pubblici iniziata nel corso del 1992 in coincidenza delle note vicende giudiziarie e culminata in una crisi recessiva che per intensità e durata non ha precedenti nel dopoguerra. Nel periodo 1994 – 1999 il comparto delle costruzioni ha cancellato circa 34 mila addetti, equivalenti ad una caduta del 20% che si confronta con una flessione di solo il 7% nel resto del Paese. Nel corso del 2000, in virtù del cauto rilancio della domanda pubblica in materia di infrastrutture e della vivacità dei lavori di ristrutturazione conseguente all’adozione degli incentivi fiscali, è emerso un incoraggiante recupero dell’occupazione sebbene il suo livello resti molto al di sotto dei valori precedenti la recessione. L’insieme dei rami di attività che producono beni – agricoltura, industria in senso stretto e costruzioni – che nel 1993 assorbivano oltre il 35% dell’occupazione complessiva, hanno pertanto subito nel periodo sotto osservazione un ridimensionamento non trascurabile scendendo a rappresentare, nel 2000, il 30% del totale. In pari tempo, la flessione a livello nazionale è risultata meno apprezzabile, con una quota di assorbimento passata dal 41% al 37%. Negli anni novanta i livelli occupazionali nel comparto del commercio hanno risentito negativamente della decelerazione della domanda di consumo delle famiglie e del processo di razionalizzazione e ristrutturazione dell’apparato distributivo a favore delle grandi superfici e a scapito dei piccoli negozi. I dati rilevati con l’indagine sulle forze lavoro evidenziano un profilo evolutivo dell’occupazione nel complesso discontinuo e che, comunque, da conto di un aumento – tra il 1993 ed il 2000 – di oltre 3 mila unità, pari ad un tasso cumulato dell’1,4%. La quota degli effettivi detenuta a livello regionale dal comparto appare analogamente non lontana dal dato italiano oscillando attorno al 17% contro il 16% circa. Per le restanti attività dei servizi la crescita dell’occupazione sembra essersi conformata, almeno come intensità e cadenze temporali, al trend osservato mediamente a livello nazionale. Nel caso della Sicilia, l’esistenza di livelli medi di consumo relativamente più elevati rispetto alla capacità produttiva delle imprese locali, ha stimolato una proliferazione di attività di servizio REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-35
  • 58. ugualmente massiccia ma sbilanciata a favore dei settori maturi a basso valore aggiunto per addetto e della pubblica amministrazione. Nel periodo compreso tra il 1993 ed il 2000 i nuovi posti di lavoro complessivamente creati dal settore dei servizi, escluso il commercio, hanno sfiorato le 77 mila unità registrando un incremento del 12%, vicino alla dinamica del resto del Paese (+14%). Il contributo dei servizi pubblici e privati (sempre al netto del commercio) alla formazione dell’occupazione totale è salito, nell’Isola, dal 47% del 1993 al 53% del 2000 mentre per l’Italia in complesso è passato dal 43% al 47% circa. Per quanto riguarda il personale della Pubblica Amministrazione, in particolare, una elaborazione compiuta su dati forniti dalla Ragioneria generale dello Stato per il 1998, stima in 327 mila addetti in servizio, pari al 9,9% del totale nazionale. In pratica, il 32% sarebbe costituito da personale scolastico (105 mila fra docenti e non docenti), il 31% da dipendenti della Regione e degli enti locali (101 mila), il 15% da personale del Servizio Sanitario (48 mila unità) ed il restante 22% da dipendenti ministeriali e di altri enti. Nel decennio si è avuto uno spostamento della domanda di lavoro a favore delle donne, un fenomeno che – almeno come evoluzione di medio periodo – sembra disegnare un percorso simile a quello del resto del Paese (Figura 1). L’occupazione atipica2 ha registrato, in pari tempo, sviluppi analogamente sostenuti. In base ai risultati delle indagini sulle forze lavoro, gli occupati nelle attività economiche siciliane con contratti part time sono passati da 77 mila nel 1993 ad oltre 120 mila registrando un incremento cumulato del 57% sostanzialmente analogo al dato nazionale (Tab.1.2) La loro incidenza rispetto ai contratti a tempo pieno è aumentata, pertanto, di oltre 3 punti raggiungendo, nel 2000, quota 8,9%, pari a 0,5% punti in più della media italiana. Il problema della disoccupazione si conserva in Sicilia particolarmente acuto, costituendo una delle principali preoccupazioni della politica economica. Non solo i valori medi sono superiori a quelli registrati nella maggior parte delle regioni italiane, ma la disoccupazione mostra un grado elevato di persistenza. Ad ogni fase recessiva susseguitasi negli ultimi decenni essa ha raggiunto livelli sempre più alti poiché, a differenza di quanto è avvenuto nelle aree centrali e settentrionali, le riprese cicliche si sono quasi sempre accompagnate ad aumenti relativamente inadeguati dell’occupazione (Tab.1.3. Si registra quindi una scarsa reattività della disoccupazione alle variazioni del prodotto. 2 Sotto la denominazione di lavoro atipico si comprende una molteplicità di forme contrattuali all’interno dell’occupazione dipendente, quali i contratti a tempo parziale e altre tipologie contrattuali a tempo determinato (dai contratti di lavoro a termine per lavori stagionali, ai contratti formativi, ai lavori sussidiati dalle amministrazioni pubbliche, al lavoro interinale, etc…). A questi vanno aggiunti i contratti di collaborazione coordinata e continuativa e le altre forme di lavoro autonomo parasubordinato. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-36
  • 59. Indicatori regionali del mercato del lavoro INDICATORI ANNI Tassi di attività Uomini Donne Totale Tassi di occupazione Uomini Donne Totale Tassi di disoccupazione Uomini Donne Totale 1993 24,5 61,8 42,4 17,0 52,8 34,2 30,5 14,6 19,3 1994 1995 23,1 61,2 41,4 15,9 50,3 32,4 31,1 17,8 21,7 22,6 60,3 40,7 15,4 49,2 31,6 31,8 18,5 22,3 1996 1997 22,8 60,1 40,7 15,3 48,7 31,4 32,7 18,9 22,9 23,6 60,6 41,3 15,8 48,9 31,7 33,0 19,4 23,4 1998 25,4 61,0 42,5 16,6 49,0 32,2 34,4 19,7 24,2 1999 2000 26,1 60,3 42,5 17,0 48,5 32,1 35,0 19,5 24,5 26,7 60,5 42,9 17,4 49,2 32,6 35,0 18,7 24,0 Fonte: Elaborazioni Di.S.Te su dati Istat Gli squilibri sul mercato del lavoro regionale rispetto al resto del Paese possono essere evidenziati anche dall’analisi del tasso di occupazione, ossia dalla quota degli occupati sulla popolazione di 15 anni e più. Mentre nell’insieme dell’Italia il tasso di occupazione, nell’arco degli anni Novanta, si è mantenuto pressocchè immutato attorno al 43,0%, ha per contro segnato un calo sia in Sicilia sia nell’intera area meridionale, scendendo nel 2000 nell’Isola al 32,6% (dal 34% del 1993), un livello inferiore di 15 punti percentuali a quello del Centro – Nord (nel 1993 il differenziale negativo era pari a circa 12 punti percentuali). Questi dati sembrerebbero, peraltro, segnalare che per raggiungere gli indici di occupazione medi dell’Italia si dovrebbe disporre, in Sicilia, di oltre 1 milione 800 mila posti di lavoro. Essendo gli occupati del 2000, rilevati dall’indagine sulle forze lavoro, attorno a 1 milione 350 mila, ne discenderebbe un deficit occupazionale di circa 450/500 mila unità. Al di là delle riserve che talvolta vengono espresse sulla reale efficacia di questi indicatori nel descrivere la realtà siciliana, data l’ampia diffusione di forme di lavoro irregolare e sommerso, va comunque notato che essi esprimono un certo disagio sociale che si sostanzia principalmente in due fenomeni, in certa misura complementari fra loro: una relativa prevalenza di popolazione non attiva, non solo nelle province più povere, ma nello stesso capoluogo regionale; un’elevata offerta di lavoro giovanile (due persone su tre, in pratica), relativamente secolarizzata (si tratta di persone già in cerca di lavoro), che non trova sbocchi sul mercato. Nonostante i casi, pur presenti, di emigrazione intellettuale, la scarsa mobilità territoriale di tale offerta (la concentrazione nei principali sistemi metropolitani si mantiene elevata nel tempo), nei grandi numeri finisce col tradursi essenzialmente in un’abbondante disponibilità di manodopera a bosso costo. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-37
  • 60. 2.3.3 La domanda di lavoro Passando dall’analisi dell’offerta a quella della domanda di lavoro va detto, innanzitutto, che i dati sull’andamento dell’0ccupazione nel decennio registrano comunque una dinamica crescente. Partendo dai nuovi dati ufficiali, disponibili secondo la classificazione Istat per il periodo 1995 – 2000, abbiamo stimato i livelli occupazionali per settore (o comparto) produttivo nel 2000. A fronte di un incremento complessivo del valore aggiunto pari a +9,4% (agricoltura +9,9%; industria in senso stretto +12,2%; costruzioni –4%; commercio +12,1%; servizi di intermediazione +11,9%; altri servizi +8%), l’aumento degli occupati – pari a +5% - appare decisamente meno che proporzionale. Questi dipende, in parte, dalle caratteristiche proprie dell’economia regionale, nella quale prevalgono le produzioni tradizionali, ma anche dall’effettivo maggiore dinamismo di alcuni settori (o comparti) a livello regionale o nazionale. E’ così che il dato relativo al settore primario figura sostanzialmente allineato a quello nazionale, anche se meno negativo, specie per quanto riguarda il comparto della pesca. L’industria in senso stretto, invece, stazionaria sul versante dell’assorbimento occupazionale nella media nazionale, registra in Sicilia un’interessante crescita degli addetti. 2.4 Il credito Il venir meno, all’inizio degli anni Novanta, del flusso della spesa pubblica e del meccanismo di trasferimento assistenziale di risorse, ha avuto effetti destabilizzanti nell’assetto dell’economia siciliana. Gli studi e le ricerche effettuate confermano che – oltre alle note carenze infrastrutturali ed all’inefficienza della pubblica amministrazione – altro elemento ostativo allo sviluppo dell’Isola è da ricercare nel mercato del credito, che – insieme alla finanza – svolge un ruolo insostituibile per la crescita di un sistema. La crisi delle banche siciliane è un fenomeno abbastanza complesso; trae origine da molteplici cause che spaziano dalla cattiva gestione alla debole struttura economico – produttiva del tessuto economico siciliano. Le criticità del credito in Sicilia sono ben note; dopo le drammatiche turbolenze della metà degli anni Novanta si è sempre più delineata la progressiva integrazione di gruppi aziendali esterni tesi a definire le proprie posizioni all’interno dello scacchiere del sistema. L’esplosione delle sofferenze, strettamente connessa alla crisi del sistema produttivo locale ed, in parte, alla “mala gestio”, ha caratterizzato negli anni Novanta i due maggiori istituti di credito dell’Isola. In più, la perdurante dualità tra il sistema Sicilia ed il sistema Italia ha finito col ridisegnare il modo di fare banca nelle due aree. Infatti, mentre nell’area forte del Paese si è avviata una notevole concorrenza tra le aziende, dovuta anche agli effetti benefici della svalutazione e della REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-38
  • 61. liberalizzazione degli sportelli, in Sicilia si è assistito ad una continua penetrazione nel mercato di aziende del Nord interessate soprattutto ad una politica di commercializzazione indirizzata prevalentemente verso la raccolta e poco orientata agli impieghi. Tutto ciò, se da un lato ha consentito alle aziende isolane di contenere i danni derivanti dalla recessione dell’economia locale, dall’altro le ha private dei necessari mezzi finanziari per crescere. Le dinamiche innanzi descritte hanno avuto ripercussioni nel processo di concentrazione degli sportelli operativi nell’Isola, passati dai 1.327 del 1990 ai 1.685 del 2002. 2.5 Analisi di sintesi e rappresentazioni grafiche Nei paragrafi seguenti viene riportata un’analisi degli elaborati grafici prodotti nell’ambito dell’inquadramento generale in modo da illustrarne i criteri di composizione e valutarne i principali risultati. Vale la pena sottolineare come le tavole prodotte siano rappresentazioni grafiche ottenute dal Sistema Informativo Territoriale (SIT), pienamente compatibile con ArcView, appositamente implementato e sul quale sono stati archiviati e messi in relazione diretta con i relativi elementi cartografici tutti i dati raccolti, rilevati ed elaborati durante la fase preliminare di ricostruzione del quadro conoscitivo. L’organizzazione delle varie banche dati, reperite e/o prodotte, all’interno del SIT ha consentito di poter tenere in debita considerazione, in fase di redazione del presente Piano, tutti gli aspetti che effettivamente concorrono alla definizione del sistema complessivo della mobilità regionale, siano essi territoriali, demografici, socioeconomici o puramente trasportistici; nel contempo tale approccio fornisce massime garanzie all’Amministrazione regionale sul poter contare, durante la critica fase di attuazione del presente Piano, su di un vero e proprio strumento di supporto alle decisioni che, basandosi sui risultati delle elaborazioni prodotte, possa fornire indicazioni, quanto più possibile oggettive, sugli effetti che le scelte di piano comporteranno sull’intero territorio regionale. Una volta organizzati i dati all’interno di una struttura informatica appositamente progettata e correlate le informazioni alfanumeriche a quelle vettoriali opportunamente georeferenziate, è stato possibile effettuare una serie di analisi mirate allo studio dei principali aspetti caratterizzanti il territorio regionale; in particolare sono state effettuate le seguenti elaborazioni: - Analisi demografica; - Analisi socioeconomica; - Analisi territoriale; - Analisi ambientale. Per ognuno dei punti precedenti sono stati poi predisposti una serie di elaborati grafici nei quali sono stati rappresentati gli aspetti più interessanti emersi durante la fase di analisi. Questi elaborati, letti in una visione d’insieme, forniscono un’interessante panoramica sull’attuale assetto REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-39
  • 62. territoriale e socioeconomico dell’isola e sulle interrelazioni tra questo ed il sistema complessivo della mobilità e dei trasporti in Sicilia. 2.5.1 Analisi demografica Tra gli aspetti caratterizzanti gli ambiti territoriali siciliani, quello che assume particolare rilevanza alla luce delle valutazioni trasportistiche è senza dubbio la distribuzione della popolazione sul territorio regionale e le sue variazioni in termini numerici negli ultimi decenni. I dati, provenienti dalle più recenti elaborazioni statistiche rese disponibili dall’ISTAT, sono stati aggregati a livello comunale e correlati con gli elementi cartografici di tipo areale delimitati dai relativi confini amministrativi. Questo ha consentito di mettere in rapporto i dati demografici con l’effettiva estensione territoriale dei vari comuni in modo da calcolare, e poi rappresentare graficamente, la densità abitativa. Altro aspetto interessante che è stato possibile evincere dai dati a disposizione è quello della composizione della popolazione rispetto alle fasce d’età: in particolare è stato rappresentato l’indice di vecchiaia della popolazione, ottenuto come il numero di giovani (0-14 anni) per ogni cento anziani (oltre i 65 anni). Per poter poi valutare le migrazioni di popolazione all’interno dell’ambito regionale è stata calcolata la variazione demografica sempre, a livello comunale, nell’ultimo decennio e questa è stata confrontata col trend nell’ultimo trentennio. Tutti questi valori, per una loro più chiara rappresentazione, sono stati organizzati in due appositi elaborati grafici: Distribuzione della popolazione: in questa tavola le campiture in scala cromatica dei territori comunali rappresentano la densità di abitanti per km2 (fonte ISTAT 2001) mentre gli istogrammi rappresentano il trend di popolazione dal 1981 al 2001 normalizzato al 2001 (rapporto percentuale rispetto al valore 2001); sopra gli istogrammi è riportato inoltre il valore di popolazione al 2001. - Composizione della popolazione: all’interno di questo elaborato sono stati rappresentati due differenti aspetti legati alla popolazione, ovvero l’incremento/decremento della popolazione ISTAT 2001 (in gradazioni di rosso il popolamento ed in gradazioni di verde lo spopolamento) e la suddivisione della popolazione in classi di età (0-14, 15-65, >65) attraverso grafici a torta; sopra tali grafici è inoltre riportato il valore dell’indice di invecchiamento dato dal numero di giovani (0-14 anni) per ogni 100 anziani (oltre i 65 anni). L’analisi di queste tavole, rappresentative dell’assetto demografico siciliano, mette in evidenza il fenomeno di concentrazione della popolazione lungo tutta la fascia costiera regionale, con particolare intensità in corrispondenza dei grandi centri metropolitani, ed una conseguente scarsa densità abitativa nelle zone più interne. Quest’attrazione esercitata dalla costa nei confronti dell’entroterra è ancora più evidente se si considera la variazione della popolazione nell’ultimo - REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-40
  • 63. decennio che sembra accentuare la situazione di marginalità già oggi sufficientemente critica per buona parte del territorio siciliano. Tale fenomeno appare particolarmente marcato nella provincia di Messina, dove la frammentazione del territorio in un numero molto elevato di comuni (ben 63 comuni, pari al 58% del totale, con una popolazione inferiore ai 3.000 abitanti) ha contribuito allo sfaldamento dei sistemi sociali locali a favore di una migrazione di massa verso il capoluogo e gli altri principali comuni costieri. Questo aspetto è stato preso in forte considerazione durante la fase di progetto, visto che uno dei principali obiettivi rispetto al sistema economico sociale è stato quello di correggere le situazioni di marginalizzazione in termini di accessibilità mediando le imprescindibili esigenze di efficienza economica necessarie al corretto funzionamento del sistema dei trasporti con quelle di sostegno e rilancio delle aree maggiormente svantaggiate. In controtendenza rispetto al resto dell’isola appaiono le province di Agrigento e di Trapani nelle quali i capoluoghi, pur essendo centri economici, sociali e culturali di rilevanza regionale, hanno registrato negli ultimi dieci anni un decremento della popolazione a discapito dei centri limitrofi (quali Marsala e Porto Empedocle). L’analisi del trend demografico nell’ultimo trentennio ha invece confermato la recente tendenza, dopo lo spostamento in massa dai sobborghi verso i grandi centri urbani dello scorso ventennio, al ritorno verso l’immediata periferia dove si sono sviluppati veri e propri quartieri (o addirittura città) dormitorio ove una consistente fetta della popolazione, scoraggiata da un mercato immobiliare molto sbilanciato e da condizioni di vita sempre più caotiche ed a forte rischio ambientale, hanno preferito spostare la propria dimora pur mantenendo le proprie attività lavorative all’interno della metropoli. In quest’ottica vanno letti i notevoli incrementi percentuali di popolazione nei comuni limitrofi alle città metropolitane, quali Carini (+17%), Torretta (+13%) e Misilmeri (+15%) nel palermitano e San Pietro Clarenza (+30%), Camporotondo (+31%) e Mascalucia (+22%). 2.5.2 Analisi socioeconomica Altro fondamentale fattore da cui dipende il sistema complessivo di mobilità di persone e cose è senza dubbio l’assetto socioeconomico degli ambiti territoriali in cui la regione è stata suddivisa per le analisi trasportistiche; avendo optato nel presente Piano per una zonizzazione di livello comunale, l’analisi dei sistemi produttivi e del lavoro è stata effettuata sulla base dei dati ISTAT 2001 sulle unità locali e sui relativi addetti. Questi dati, disaggregati per singolo comune e per tipologia di comparto produttivo, sono stati legati attraverso apposite tabelle ai relativi elementi cartografici in modo da poter rappresentare sugli elaborati grafici le principali risultanze degli studi di settore effettuati. In particolare sono state prodotte le seguenti tavole: - Distribuzione degli addetti: in questa tavola le campiture in scala cromatica rappresentano la densità di addetti alle unità locali per km2 (fonte ISTAT 2001) mentre REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-41
  • 64. gli istogrammi rappresentano il trend del numero di addetti tra il 1996 ed il 2001 normalizzato al 2001 (rapporto percentuale rispetto al valore 2001); sopra gli istogrammi è riportato inoltre il dato degli addetti interni al comune riferito al censimento ISTAT 2001. - Composizione degli addetti: all’interno di questo elaborato sono stati rappresentati l’incremento/decremento del numero di addetti per comune tra il 1996 ed il 2001 (in gradazioni di azzurro l’aumento ed in gradazioni di grigio la diminuzione) e la suddivisione degli stessi addetti su 4 classi di comparti produttivi, ovvero commercio, industria, istituzioni ed altri servizi, rappresentata tramite grafici a torta; inoltre in corrispondenza dei grafici è riportato il valore del numero medio di addetti per unità locale. - Distribuzione delle unità locali: a completamento del quadro conoscitivo sull’aspetto socioeconomico all’interno di questa tavola è stata riportata la densità delle unità locali (dati ISTAT 2001) nonché dei grafici a torta nei quali il numero di addetti al 2001 è rapportato al relativo valore di popolazione; sovrapposti a tali grafici sono riportati i valori numerici delle relative percentuali. L’analisi del dato di densità degli addetti sui territori comunali pare confermare le impressioni fornite dalle tavole di analisi demografica in merito al forte ritardo dell’entroterra nei confronti delle fasce costiere, nelle quali l’economia appare in notevole incremento. Il trend di crescita del numero di addetti è ampiamente positivo, nonostante il confronto dei dati avvenga solo sui valori dell’ultimo quinquennio, anche se non mancano esempi di comuni in controtendenza rispetto ai valori regionali, quali ad esempio San Gregorio di Catania (-24%), Terme Vigliatore (-20%) e Priolo Gargallo (-14%). La ripartizione degli addetti sui 4 comparti produttivi considerati mette in risalto come nei comuni di piccole dimensioni, con particolare riferimento a quelli del messinese, siano prevalenti le attività lavorative svolte nel settore istituzioni a livelli addirittura superiori di quelli dei principali capoluoghi regionali sedi di atenei o di Amministrazioni comunali di particolare rilevanza. Nel comparto industriale spiccano su tutti i comuni di Priolo Gargallo (74% rispetto al totale), Custonaci (61%) e Reitano (57%), mentre i centri in cui il commercio assorbe la fetta maggiore di addetti sono Mazzarrone (80%), Palagonia (49%) e Motta Camastra (42%). Per quanto riguarda il comparto altri servizi i valori maggiori sono stati riscontrati a Santa Domenica Vittoria (78%), Pollina (57%) e Gaggi (56%). Dall’analisi della distribuzione delle unità locali sul territorio regionale spiccano, rispetto alle medie siciliane, i valori di Palermo (193 ul/km2) e Catania (117 ul/km2) nonché dei comuni a loro immediatamente prossimi, quali Villabate (194 ul/km2), Sant’Agata Li Battiati (202 ul/km2) e Gravina di Catania (191 ul/km2), sintomo della forze attrazione capoluogocentrica che le due città metropolitane continuano ad esercitare sulle due porzioni, orientale ed occidentale, dell’isola. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-42
  • 65. 2.5.3 Analisi ambientale La progressiva urbanizzazione del territorio ha condotto ad una palese frammentazione ambientale a causa dello sviluppo d’infrastrutture (elettrodotti, strade, autostrade, ecc.) connesse all'affermarsi delle emergenti vocazioni industriali e di richieste socio-economiche. Ciò comporta numerosi impatti ambientali, quali: inquinamento, distruzione di habitat, ripercussione sugli assetti idrogeologici, mortalità diretta di fauna selvatica, effetto barriera agli spostamenti degli animali, perdita di biodiversità. Al fine di garantire una migliore qualità dell'ambiente e predisporre le condizioni ottimali ad un futuro sviluppo sostenibile, nel contesto di una moderna e corretta pianificazione territoriale, la conservazione e la valorizzazione della biodiversità costituiscono gli elementi insostituibili per una sana e lungimirante programmazione. Il grado di frammentazione degli ambienti naturali, raggiunto nel territorio regionale non sottoposto a particolari forme di tutela previsti dalla normativa regionale sulle aree protette, si spiega con un uso delle risorse connesso alle crescenti esigenze di spazi richiesti dallo sviluppo socio economico, che ha coinvolto vasti comprensori. L’interferenza dell'uomo sugli ecosistemi naturali residui, si manifesta su diversi livelli con conseguente distruzione di habitat e declino della biodiversità. Il termine “biodiversità”, coniato in USA negli anni ‘80, esprime la diversità che in natura esiste a tre distinti livelli: quello della informazione genetica codificata nei geni di tutti gli esseri viventi, quello del numero di specie e quello degli ecosistemi. Essa ha un importante valore a livello sociale, economico, scientifico, educativo, culturale; ma oltre a questo suo valore intrinseco, è importante perché determina la capacità degli esseri viventi ad adattarsi e resistere alle mutazioni climatiche. Purtroppo dalle stime della valutazione sulla biodiversità globale del Programma per l’ambiente delle Nazioni Unite risulta che a livello mondiale la diversità biologica sta diminuendo più rapidamente che in passato con ritmi spesso esponenziali e, in considerazione della crescita economica prevista, il tasso di riduzione della diversità biologica tenderà ad aumentare piuttosto che a stabilizzarsi. La frammentazione viene definita come il processo che genera una progressiva riduzione della superficie degli ambienti naturali e un aumento del loro isolamento: le superfici naturali vengono, in tale dinamica, a costituire frammenti spazialmente segregati e progressivamente isolati inseriti in una matrice territoriale di origine antropica. Le indagini compiute nell’ambito della biologia della conservazione hanno chiaramente messo in luce come questo processo possa influenzare la fauna, la vegetazione e le condizioni ecologiche degli ambienti isolati. Inoltre, la frammentazione è anche in diretto rapporto con le alterazioni della struttura del paesaggio. In particolare, il termine frammentazione paesistica è utilizzato per denominare una fenomenologia specifica, concausa della frammentazione ambientale relativamente agli habitat delle specie animali e vegetali nel paesaggio colturale. A determinare le condizioni di frammentazione ambientale sono, infatti, le modificazioni del paesaggio indotte principalmente dai processi di uso e gestione del territorio. Il chiaro quadro che emerge dallo studio degli aspetti ambientali ci permette di poter rappresentare al meglio la situazione del territorio siciliano sotto gli aspetti ambientali-naturalistici. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-43
  • 66. Per poter al meglio analizzare lo stato di fatto si è in primis operato uno screening dei dati presenti presso gli Enti Istituzionali (Regione, Provincie, Comuni, Arpa, Apat). Sulla base di questi si evince che il territorio regionale è rappresentato da innumerevoli aree ad elevato interesse naturalistico. Tale interesse si basa essenzialmente sia sulla varietà degli ambienti sia sulla elevata biodiversità vegetale, rappresentata da un cospicuo numero di entità vegetali. Tutti i dati ottenuti sono stati inseriti nel sistema informativo cui si è in precedenza accennato per una più facile lettura e gestione dei dati. Per l’elaborazione delle carte tematiche si è adottata una metodologia che, con l’ausilio degli strumenti informatici ha consentito la sistemazione dei dati ritenuti essenziali alla individuazione dei vincoli e della naturalità. Ai fini della redazione di uno SdF, nel rispetto della normativa vigente, per quanto attiene l’analisi e la valutazione della componente ambientale e vegetazionale, il legislatore ne richiede l’analisi qualiquantitativa e nell’ottica di definire il livello di qualità ambientale si sono restituiti i dati nei seguenti elaborati grafici: - Carta dei vincoli: Partendo dalla base della carta dei vincoli del Piano Paesistico Regionale si è optato evidenziare solamente quei vincoli di effettiva interazione con il sistema Stradale e cioè il vincolo Idrogeologico (il quale influenza ampiamente il territorio regionale), le riserve ed i Parchi Regionali, i Vincoli archeologici ed i vincoli boschi (con il quale si evidenziano i boschi siciliani a maggiore naturalità). - Carta degli Ambienti naturali: La carta degli ambienti naturali evidenzia le maggiori aree naturali dell’isola. Oltre ad evidenziare cartograficamente i parchi, le riserve, i siti d’importanza comunitari secondo la direttiva Habitat (SIC e ZPS), si è scelto di riportare anche quelle aree non protette ma pregevoli, d’interesse naturalistico per l’elevata biodiversità. Queste aree sono state raggruppate nelle seguenti categorie: Vegetazione naturale d’alta quota, boschi e boscaglie, laghi e bacini artificiali, ed aspetti di vegetazione rada. - Carta dell’uso del suolo: La carta dell’uso del suolo è stata redatta sulla base e secondo le specifiche del Progetto CEE Corine-Land Cover e della relativa base di dati. La realizzazione di tale base di dati ha previsto l’utilizzo e quindi l’interpretazione a video di immagini LANDSAT TM affiancata dalla fotointerpretazione delle ortofoto scala 1:10.000 volo Programma IT2000 della Compagnia Generale Riprese aeree. Vista la scala di dettaglio 1:400.000 si è ritenuto, per una facile lettura ed interpretazione della carta, limitarci a diversificare il territorio in sole 13 tipologie suddivisibili in due gruppi, uno riconducibile al tessuto naturale (corsi d’acqua, zone umide, boschi e boscaglie, aree con vegetazione rada) ed un altro al tessuto antropizzato (tessuto urbano, aree sportive e ricreative, aree industriali o commerciali, aree estrattive, aree portuali ed aeroportuali, discariche, aree a verde urbano, colture). - Carta della Naturalità ed Antropizazione: Si è inteso dare un contributo alla problematica della indicizzazione della qualità ambientale verificandone l’applicabilità nel territorio siciliano, sulla base del metodo di Lausi et al. (l.c.), metodo che più degli altri REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-44
  • 67. si presta a rispondere alle specifiche dello strumento Sdf. Lausi et al.(l.c.) propongono un Indice di Antropizzazione (IA) che si basa su una scala a cinque valori esprimenti il grado di artificialità (o antropizzazione) della vegetazione. A ciascuno dei valori della scala (impatto umano estremamente ridotto grado (0) - vegetazione soggetta a sfruttamento estensivo grado (1) - a sfruttamento semi-intensivo grado (2) - a sfruttamento intensivo grado (3) - a sfruttamento intenso e con modifica del macroclima grado (4)) corrispondono uno o più tipi di vegetazione. La misura, in percentuale, della superficie ricoperta da ogni tipo di vegetazione, viene riferita a ciascun grado della scala di Lausi et al. (l.c.). Se riunisce più tipi di vegetazione, le percentuali vanno sommate e moltiplicate per il valore del grado stesso. Il grado 0 scompare, mentre le altre frequenze vengono trasformate in valori che vanno sommati fra di loro. Il punteggio massimo per la vegetazione di un territorio completamente antropizzato, con questo metodo, sarebbe uguale a 4x100=400. Il totale va calcolato in percentuale rispetto a 400 e successivamente convertito all’unità. Il valore così ottenuto rappresenta l’Indice di Antropizzazione della vegetazione dell’area cartografata nel suo complesso; più è vicino all'unità, tanto maggiore sarà il livello di antropizzazione del territorio. Lausi et al. (l.c.), a tal proposito, ripropongono la scala di Dugrand (1978), espressa in percentuale, che individua diverse classi di antropizzazione: A% < 25,0 25,0 – 37,5 37,5 – 50,0 50,0 – 62,5 62,5 – 75,0 > 75 IA 0 - 0,25 0,25 - 0,375 0,375 - 0,5 0,5 - 0,625 0,625 - 0,75 0,75 - 1 Antropizzazione Molto debole Debole Media Forte Molto forte Fortissima dove: A% = grado di antropizzazione espresso in percentuale IA = indice di antropizzazione Ai fini di un'agevole restituzione cartografica si è proposta una scala di naturalitàartificialità articolata in gradi, con le due scale inverse e complementari: REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-45
  • 68. Grado di Naturalità 4 IN % Artificialità IA % Vegetazione Molto Elevata Grado di artificialità >90 0 Molto Debole <10 Naturale Elevata 5 Naturalità 90-76 1 Debole 10-25 Naturale più o meno degradata 75-51 2 Media Debole 26-50 Naturale degradata 50-26 3 Elevato Media 51-75 Naturale molto degradata Elevato Media Media Debole 3 2 1 Debole 25-10 4 Elevata 76-90 0 Molto Debole Con forte alterazione strutturale e floristica delle cenosi naturali <10 5 Molto Elevata >90 Insediamenti e colture protette Carta del rischio sismico - Sulla base del Decreto 15 gennaio 2004, pubblicato nella gazzetta ufficiale della regione siciliana del 13/02/2004 riguardante l’individuazione, formazione ed aggiornamento dell’elenco delle zone sismiche, si è creata la Carta del Rischio sismico.La carta riporta la classificazione del territorio siciliano in 4 classi più una. Al grado 1 appartengono le aree a maggiore sismicità mentre al grado 4 appartengono tutte quelle zone a bassa sismicità. In carta è stata riportata una quinta zonizzazione, così come da decreto, denominata “verifica di zona 1 di strutture strategiche”. Questa zona presenta delle categorie tipologiche di edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali di competenza regionale la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile o che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso. Le ricerche ecologiche condotte in buona parte del territorio regionale hanno messo in luce la ricchezza di biodiversità ospitata anche nelle aree urbanizzate ed espresse in termini di habitat e di singole specie, tutto ciò anche, contrariamente a quanto atteso, in un contesto di ecosistemi tanto disturbati. Le analisi condotte hanno consentito di accertare che, nonostante la considerevole e persistente incidenza antropica il territorio regionale racchiude notevoli testimonianze di un ricco e ben diversificato paesaggio vegetale e naturale, innumerevoli emergenze naturalistiche di ampio pregio e di indiscusso significato culturale, storico e scientifico oltre ad una cospicua biodiversità tali da giustificare un accurato esame ed una oculata tutela e gestione. Il degrado ambientale riscontrato in numerose aree regionali e strettamente connesso alle particolari pratiche colturali intensive ed estensive oltre al poco attento sviluppo urbano che rischiano di rendere sempre più precario il delicato equilibrio dell’ecosistema forestale, in cui già si manifestano gli effetti dell’inquinamento sia nell’atmosfera che nelle acque, nel suolo e nel sottosuolo. Una politica di tutela poco lungimirante rischia di vanificare i progetti di conservazione e fruizione ecocompatibili proposti per questo territorio. - REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-46
  • 69. Il processo di frammentazione può essere perciò scisso in due componenti: una riguarda la scomparsa degli ambienti naturali e la riduzione della loro superficie; l'altra, l'insularizzazione progressiva e la ridistribuzione sul territorio degli ambienti residui. 2.5.4 Poli d’eccellenza Nell’ambito di una contestualizzazione delle infrastrutture di trasporto con i principali poli attrattori dislocati nel territorio siciliano, sono stati definiti ed individuati alcuni “poli di eccellenza” che devono essere attenzionati in fase di programmazione degli interventi, così da garantire il più efficace ed efficiente sistema di collegamenti. Nello specifico è stata indagata la capacità attrattiva, in termini di flussi di traffico, esercitata da ogni area sede di università, di strutture sanitarie, di consorzi industriali, ovvero di ogni area ad attrazione turistica. In Sicilia sono presenti tre atenei con sede amministrativa a Catania, Messina e Palermo, ma una dislocazione dell’offerta didattica in quasi tutti i capoluoghi di provincia. L’attrazione di flussi di traffico può essere messa in relazione con il numero di studenti; per tale ragione di seguito sono riportati gli iscritti in ogni ateneo in riferimento alle differenti sedi didattiche. ATENEO DI CATANIA - A.A. 2002-2003 (Dati MIUR) Corsi di Laurea, Corsi di Laurea Specialistica a Ciclo unico e Corsi di Studio del vecchio ordinamento Sede Didattica CALTANISSETTA ENNA CATANIA RAGUSA SIRACUSA TOTALE STUDENTI In corso Totale Donne 764 483 1.472 902 30.502 17.383 1.504 837 945 550 35.187 20.155 Studenti Fuori Corso Ripetenti Sotto Cond. Totale Donne 245 160 307 189 21.857 13.284 257 106 406 173 23.072 13.912 Iscritti TOTALE iscritti Totale Donne 1.009 643 1.779 1.091 52.359 30.667 1.761 943 1.351 723 58.259 34.067 di cui immatricolati al I anno Totale Donne 155 90 751 518 9.188 5.219 527 281 304 183 10.925 6.291 ATENEO DI MESSINA - A.A. 2002-2003 (Dati MIUR) Corsi di Laurea, Corsi di Laurea Specialistica a Ciclo unico e Corsi di Studio del vecchio ordinamento Sede Didattica REGGIO CALABRIA MESSINA TOTALE STUDENTI Studenti Fuori Corso Ripetenti Sotto Cond. Totale Donne Totale Donne 159 121 13 11 17.292 10.445 13.627 8.623 17.451 10.566 13.640 8.634 In corso Iscritti di cui immatricolati al I anno Totale Donne Totale Donne 172 132 80 60 30.919 19.068 5.719 3.348 31.091 19.200 5.799 3.408 TOTALE iscritti REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-47
  • 70. ATENEO DI PALERMO - A.A. 2002-2003 (Dati MIUR) Corsi di Laurea, Corsi di Laurea Specialistica a Ciclo unico e Corsi di Studio del vecchio ordinamento Sede Didattica TRAPANI PALERMO AGRIGENTO CALTANISSETTA ENNA TOTALE STUDENTI In corso Totale Donne 1.236 703 39.228 22.430 1.607 898 423 224 755 389 43.249 24.644 Studenti Iscritti Fuori Corso di cui TOTALE Ripetenti immatricolati al iscritti Sotto Cond. I anno Totale Donne Totale Donne Totale Donne 765 472 2.001 1.175 522 292 18.973 11.302 58.201 33.732 12.217 6.896 315 205 1.922 1.103 753 370 50 23 473 247 139 78 114 70 869 459 350 145 20.217 12.072 63.466 36.716 13.981 7.781 Figura 1: Iscritti nei tre atenei siciliani Altro polo di eccellenza è rappresentato dalle strutture sanitarie, che sono ovviamente maggiormente distribuite in tutto il territorio. L’attrazione di ogni struttura può essere messa in relazione con il numero di posti letto che la caratterizzano. Le esigenze di mobilità di ogni area sono quindi influenzate dalla presenza o meno di strutture sanitarie più o meno grandi. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. 2-48
  • 71. Id anno dati 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 Denominazione Ospedale "B. Nagar" P. O. San Biagio Marsala P.O.Abele Ajello P.O. Vittorio Emanuele III Ospedale Civile V.Emanuele II Ospedale San Vito E Santo Spirito Ospedale "F.Lli Parlapiano" Ospedale Civile Barone Lombardo Ospedale San Giacomo D' Altopasso P.O.M.Raimondi Maria Immacolata Longo Ospedale S.Stefano P.O.Suor Cecilia Basarocco Ospedale "Carlo Basilotta" Ospedale "Ferro-Capra-Branciforte" Ospedale "Chiello" Ospedale R. Guzzardi Vittoria Ospedale Regina Margherita Comiso Ospedale Maggiore Ospedale Busacca - Scicli Ospedale "G.Di Maria" Ospedale "Trigona" Ospedale E Muscatello Ospedale Generale Di Zona Pres.Osped.Basso Ragusa M. Pres.Osped. Paterné Pres.Osped. M.SS.Addolorata Pres. Osped. S. Marta S.Venera P.O. S. Giovanni Di Dio E S. Isodoro Castiglione Prestianni P.O. "San Vincenzo" Taormina Presidio Ospedaliero Milazzo Ospedale Lipari Ospedale Cutroni Zodda Barcellona P.G. P.O. " Barone Romeo" Patti Ospedale S. Salvatore P.O. S. Agata Militello Nuovo Ospedale Di Cefalu' P.O. Madonna Dell' Alto Ospedale Pubblico S. Cimino Ospedale Dei Bianchi V. Emanuele Osp.Regina Margherita Ospedale Civico - Partinico Ospedale G. F. Ingrassia Ospedale Aiuto Materno Casa Del Sole Lanza Di Trabia Ospedale Ortopedico Enrico Albanese Pres. Osped. Malatt.Infett. "Guadagna" Osp. Buccheri La Ferla Fatebenefratelli A.R.N.A.S Civico-Di Cristina-M. Ascoli Azienda Ospedaliera Garibaldi Az.Osp. V.Emanuele Ferrarotto S.Bambino Azienda Ospedaliera S.Elia Azienda Ospedaliera Cannizzaro - Catania Azienda Ospedaliera Papardo Azienda Ospedaliara Villa Sofia Cto Az.Ospedaliera S.Giovanni Di Dio Az. Osp. "Gravina" Caltagirone Azienda Ospedaliera Umberto I Enna Azienda Ospedaliera Vittorio Emanuele Azienda Ospedaliera Piemonte A.O. "V. Cervello" Azienda Ospedaliera "Civile M.P.Arezzo" Azienda Ospedaliera Umberto I A.O. S.Antonio Abate A.O."Ospedali Civili Riuniti"Sciacca A.O.U.P. "Paolo Giaccone" Azienda Osp. Univ. Di Messina Azienda Policlinico Univ. Di Catania Associazione Oasi Maria SS Comune Pantelleria Marsala Mazara del Vallo Salemi Castelvetrano Alcamo Ribera Canicattì Licata San Cataldo Mussomeli Mazzarino Niscemi Nicosia Leonforte Piazza Armerina Vittoria Comiso Modica Scicli Avola Noto Augusta Lentini Militello in Val di Catania Paternò Biancavilla Acireale Giarre Bronte Taormina Milazzo Lipari Barcellona Pozzo di Gotto Patti Mistretta Sant'Agata Di Militello Cefalù Petralia Sottana Termini Imerese Corleone Palazzo Adriano Partinico Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Catania Catania Caltanissetta Catania Messina Palermo Agrigento Caltagirone Enna Gela Messina Palermo Ragusa Siracusa Erice Sciacca Palermo Messina Catania Troina Provincia Trapani Trapani Trapani Trapani Trapani Trapani Agrigento Agrigento Agrigento Caltanissetta Caltanissetta Caltanissetta Caltanissetta Enna Enna Enna Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Siracusa Siracusa Siracusa Siracusa Catania Catania Catania Catania Catania Catania Messina Messina Messina Messina Messina Messina Messina Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Catania Catania Caltanissetta Catania Messina Palermo Agrigento Catania Enna Caltanissetta Messina Palermo Ragusa Siracusa Trapani Agrigento Palermo Messina Catania Enna posti letto 25 159 177 93 135 73 93 124 144 66 95 52 80 170 92 136 169 118 193 142 112 139 131 140 104 102 97 129 59 124 192 226 60 116 154 84 119 81 63 103 78 25 145 204 25 72 46 81 277 1.128 835 864 351 454 363 446 326 412 306 216 283 352 364 448 315 184 685 778 374 346 posti letto utilizzati reparti 5 13 9 8 8 7 6 7 7 10 6 4 4 11 8 10 9 7 13 6 5 9 8 7 9 8 6 8 7 9 18 17 4 10 17 9 7 7 6 6 5 4 11 12 1 4 3 3 10 59 46 50 21 28 28 27 15 19 25 16 18 22 23 26 22 14 48 62 26 7 25 147 177 93 98 76 86 124 144 66 95 51 69 134 78 116 165 112 189 167 109 133 142 138 104 105 96 137 59 123 180 222 47 112 155 84 118 75 65 103 78 28 143 202 25 67 33 81 279 1.078 791 834 351 444 364 440 335 410 301 222 268 336 331 444 241 162 667 730 360 294 Figura 2a: Dati riepilogativi aziende ospedaliere parte 1/2 REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. reparti utilizzati 5 11 9 7 8 7 5 7 7 8 6 4 4 10 5 10 9 7 12 6 5 9 8 7 9 8 6 7 7 9 17 16 4 7 15 7 7 7 6 6 5 4 11 12 1 4 3 3 10 55 45 48 20 23 26 27 13 19 24 13 17 21 22 21 20 12 43 59 26 7 personale 73 325 326 164 305 243 197 255 281 200 194 121 133 274 207 284 346 160 454 212 227 240 228 275 151 325 302 277 219 204 464 608 153 310 391 159 272 195 162 264 232 112 329 624 114 267 206 164 509 3.416 2.199 2.616 977 984 1.139 1.589 578 1.027 750 455 834 1.014 906 1.040 840 433 1.982 2.114 731 579
  • 72. Id anno dati 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 2001 Denominazione Ospedale "B. Nagar" P. O. San Biagio Marsala P.O.Abele Ajello P.O. Vittorio Emanuele III Ospedale Civile V.Emanuele II Ospedale San Vito E Santo Spirito Ospedale "F.Lli Parlapiano" Ospedale Civile Barone Lombardo Ospedale San Giacomo D' Altopasso P.O.M.Raimondi Maria Immacolata Longo Ospedale S.Stefano P.O.Suor Cecilia Basarocco Ospedale "Carlo Basilotta" Ospedale "Ferro-Capra-Branciforte" Ospedale "Chiello" Ospedale R. Guzzardi Vittoria Ospedale Regina Margherita Comiso Ospedale Maggiore Ospedale Busacca - Scicli Ospedale "G.Di Maria" Ospedale "Trigona" Ospedale E Muscatello Ospedale Generale Di Zona Pres.Osped.Basso Ragusa M. Pres.Osped. Paterné Pres.Osped. M.SS.Addolorata Pres. Osped. S. Marta S.Venera P.O. S. Giovanni Di Dio E S. Isodoro Castiglione Prestianni P.O. "San Vincenzo" Taormina Presidio Ospedaliero Milazzo Ospedale Lipari Ospedale Cutroni Zodda Barcellona P.G. P.O. " Barone Romeo" Patti Ospedale S. Salvatore P.O. S. Agata Militello Nuovo Ospedale Di Cefalu' P.O. Madonna Dell' Alto Ospedale Pubblico S. Cimino Ospedale Dei Bianchi V. Emanuele Osp.Regina Margherita Ospedale Civico - Partinico Ospedale G. F. Ingrassia Ospedale Aiuto Materno Casa Del Sole Lanza Di Trabia Ospedale Ortopedico Enrico Albanese Pres. Osped. Malatt.Infett. "Guadagna" Osp. Buccheri La Ferla Fatebenefratelli A.R.N.A.S Civico-Di Cristina-M. Ascoli Azienda Ospedaliera Garibaldi Az.Osp. V.Emanuele Ferrarotto S.Bambino Azienda Ospedaliera S.Elia Azienda Ospedaliera Cannizzaro - Catania Azienda Ospedaliera Papardo Azienda Ospedaliara Villa Sofia Cto Az.Ospedaliera S.Giovanni Di Dio Az. Osp. "Gravina" Caltagirone Azienda Ospedaliera Umberto I Enna Azienda Ospedaliera Vittorio Emanuele Azienda Ospedaliera Piemonte A.O. "V. Cervello" Azienda Ospedaliera "Civile M.P.Arezzo" Azienda Ospedaliera Umberto I A.O. S.Antonio Abate A.O."Ospedali Civili Riuniti"Sciacca A.O.U.P. "Paolo Giaccone" Azienda Osp. Univ. Di Messina Azienda Policlinico Univ. Di Catania Associazione Oasi Maria SS Comune Pantelleria Marsala Mazara del Vallo Salemi Castelvetrano Alcamo Ribera Canicattì Licata San Cataldo Mussomeli Mazzarino Niscemi Nicosia Leonforte Piazza Armerina Vittoria Comiso Modica Scicli Avola Noto Augusta Lentini Militello in Val di Catania Paternò Biancavilla Acireale Giarre Bronte Taormina Milazzo Lipari Barcellona Pozzo di Gotto Patti Mistretta Sant'Agata Di Militello Cefalù Petralia Sottana Termini Imerese Corleone Palazzo Adriano Partinico Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Catania Catania Caltanissetta Catania Messina Palermo Agrigento Caltagirone Enna Gela Messina Palermo Ragusa Siracusa Erice Sciacca Palermo Messina Catania Troina Provincia Trapani Trapani Trapani Trapani Trapani Trapani Agrigento Agrigento Agrigento Caltanissetta Caltanissetta Caltanissetta Caltanissetta Enna Enna Enna Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Siracusa Siracusa Siracusa Siracusa Catania Catania Catania Catania Catania Catania Messina Messina Messina Messina Messina Messina Messina Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Palermo Catania Catania Caltanissetta Catania Messina Palermo Agrigento Catania Enna Caltanissetta Messina Palermo Ragusa Siracusa Trapani Agrigento Palermo Messina Catania Enna giornate di degenza 4.233 38.126 38.843 21.479 39.627 22.549 23.185 40.754 1.889 21.455 20.204 31.989 17.908 34.488 23.931 34.354 47.070 29.531 48.214 23.522 25.694 29.834 22.237 32.888 27.291 34.751 29.235 37.315 19.885 34.544 54.395 59.048 8.050 28.813 37.733 16.158 30.058 23.304 14.549 28.963 19.086 8.689 39.190 57.091 3.864 16.265 11.400 13.181 82.689 290.079 258.884 238.591 98.104 143.944 96.445 140.733 88.271 14.665 61.113 69.278 64.496 105.028 97.157 134.558 86.973 41.764 181.332 200.687 79.689 83.353 giornate disponibili 9.125 53.260 64.608 34.006 35.771 27.740 30.509 45.263 52.472 24.090 34.798 18.615 25.550 48.638 26.828 42.341 60.136 41.460 68.500 61.112 40.031 48.819 51.832 50.494 37.962 37.110 35.193 49.155 21.535 43.315 64.334 80.972 17.216 40.820 53.533 30.479 42.706 27.558 23.634 37.475 28.440 10.311 51.405 73.734 9.126 24.487 11.832 29.567 101.842 378.865 288.882 297.678 127.025 157.292 133.138 161.153 120.518 149.507 109.109 43.981 97.914 122.464 120.699 161.035 89.061 57.367 239.848 265.217 59.434 106.741 tipologia usl Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Ospedali a gestione diretta Osp. Class. o Ass.L 132.68 Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Policlinici Universitari Policlinici Universitari Policlinici Universitari Istit.Carattere Scientifico 109 109 109 109 109 109 101 101 101 102 102 102 102 104 104 104 107 107 107 107 108 108 108 108 103 103 103 103 103 103 105 105 105 105 105 105 105 106 106 106 106 106 106 106 106 106 106 106 106 106 103 103 102 103 105 106 101 103 104 102 105 106 107 108 109 101 106 105 103 104 Figura 2b: Dati riepilogativi aziende ospedaliere parte 2/2 Un ulteriore elemento di analisi nella valutazione delle esigenze di mobilità espresse da ogni area è rappresentato dall’individuazione delle attività produttive che in essa sono insediate. Nello specifico, come aree produttive sono state individuati i consorzi A.S.I. presenti nel territorio siciliano. Il numero di insediamenti e ancor più il numero di addetti afferenti ad ogni area industriale possono essere considerati efficaci indici di valutazione dell’attrazione in termini di traffico espressa dai singoli consorzi. Di seguito si riportano i dati riepilogativi per i singoli consorzi. REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 73. PROVINCIA AGRIGENTO AGRIGENTO AGRIGENTO CALTANISSETTA CALTANISSETTA CALTANISSETTA CALTANISSETTA CATANIA CATANIA CATANIA ENNA MESSINA MESSINA MESSINA PALERMO PALERMO PALERMO RAGUSA RAGUSA SIRACUSA TRAPANI CONSORZIO ASI AGRIGENTO AGRIGENTO AGRIGENTO CALTANISSETTA CALTANISSETTA CALTANISSETTA GELA CATANIA CATANIA CALTAGIRONE ENNA MESSINA MESSINA MESSINA PALERMO PALERMO PALERMO RAGUSA RAGUSA SIRACUSA TRAPANI NOME AGGLOMERATO ARAGONA - FAVARA RAVANUSA CASTELTERMINI CALDARO S. CATALDO SCALO RIESI - SOMMATINO GELA NORD 1 PANTANO D'ARCI PIANO TAVOLA SANTA MARIA DEI POGGIARELLI DITTAINO MILAZZO S. PIERO PATTI MESSINA (EX Z.I.R.) TERMINI IMERESE CARINI BRANCACCIO RAGUSA MODICA - POZZALLO SIRACUSA - AUGUSTA (G2 PRIOLO CONIA) TRAPANI (EX Z.I.R.) NUMERO ADDETTI NUMERO UNITA LOCALI N.D. 112 N.D. 32 N.D. 12 N.D. 80 N.D. 40 N.D. 13 750 53 7000 108 1021 49 555 42 367 19 1916 58 118 1 986 59 2851 47 2235 67 1118 55 1282 226 276 14 7466 123 357 18 Figura 3: Numero di unità locali e addetti presso i consorzi A.S.I. Un elemento altrettanto significativo per l’identificazione delle esigenze di mobilità della regione è costituito dall’attrazione in termini di turismo esercitata dalle differenti aree. Tale attrazione è stata quantificata in termini di numero di esercizi e posti letto offerti da ogni comune o da ogni aggregazione di comuni, nonché in base al numero di arrivi che hanno caratterizzato tali aree nei periodi di medio-bassa (aprile) e alta (agosto) stagione durante l’anno 2002 (Dati Regione Sicilia e APT). REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 74. Provincia CL SR AG TP EN RG ME CT PA Comune n° esercizi n° posti letto arrivi aprile 02 arrivi agosto 02 Caltanissetta 9 536 3.230 1.674 Gela 3 333 583 1.019 Altri comuni CL 17 764 368 661 Augusta 9 1.894 3.415 9.365 Avola 10 727 236 646 Carlentini 5 93 154 423 Floridia 2 32 11 31 Melilli 2 388 351 963 Noto 33 1.360 3.877 10.631 Pachino 6 371 417 1.145 Palazzolo 4 76 205 563 Portopalo 9 960 1.700 4.663 Priolo 5 240 238 652 Rosolini 3 110 259 711 Sortino, Buccheri, Buscemi 4 112 52 142 Siracusa 99 4.250 23.036 24.720 Agrigento 33 2.630 37.756 31.334 Sciacca 19 4.690 13.228 11.700 Lampedusa 29 1.033 7.143 4.650 Altri comuni AG 52 5.865 Trapani 13 592 3.872 4.486 Erice 17 1.023 5.308 5.831 Castellamare del Golfo 18 1.480 1.827 4.707 Castelvetrano 18 1.475 7.213 5.587 Favignana 21 1.738 719 4.908 Marsala 21 699 5.188 4.700 Mazzara del Vallo 6 594 3.830 3.269 Pantelleria 13 976 713 3.223 San Vito lo Capo 46 4.443 1.693 17.588 Valderice 10 675 2.315 4.360 Enna 13 431 1.886 1.353 Piazza Armerina 20 631 3.938 2.843 Altri Comuni Enna 16 390 907 606 Ragusa 32 6.128 5.666 18.596 Altri Comuni RG 67 5.433 5.343 18.494 Patti 8 694 2.932 5.456 Capo D'Orlando 15 719 2.163 5.683 Giardini Naxos 43 5.189 33.479 30.357 Isole Eolie 131 3.817 7.109 20.301 Messina 26 1.542 9.223 11.390 Milazzo 11 977 7.250 8.172 Taormina 76 3.912 27.788 31.957 Altri comun ME 187 9.836 20.783 44.624 Licodia Eubea, Grammichele 7 156 1.426 1.450 Bronte, Paternò 5 139 284 287 Gravina, Mascalucia, 8 301 1.217 1.603 San Giovanni La Punta 3 322 1.977 1.524 Randazzo 5 122 544 614 Motta Sant'Anastasia 14 852 1.007 1.188 Misterbianco 4 240 1.745 1.660 Mascali 17 1.342 1.616 4.165 Linguaglossa 7 232 196 498 Giarre 5 71 286 274 Fiumefreddo, Riposto 15 293 160 250 Castiglione di Sicilia 5 49 101 95 Calatabiano 4 2.103 94 2.069 Belpasso 3 84 189 360 Caltagirone 11 348 2.789 1.748 Catania 53 4.404 12.616 17.108 Nicolosi 9 628 2.961 3.365 Milo, S. Alfio, Trecastagni 11 168 1.575 1.093 Zafferana 5 424 1.479 1.426 Acireale 23 5.472 22.547 20.806 Acicastello 12 1.747 11.374 8.749 Palermo 93 8.568 65.667 57.394 Cefalù 28 6.026 12.566 23.904 Altri 226 15.348 57.124 63.781 Figura 4: Dati turistici per le nove province REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO.
  • 75. L’idea forza del PIT “Quattro città ed un parco per vivere gli Iblei” consiste nel realizzare all’interno del Sistema degli Iblei, individuato nel POR 2000/2006 come sistema ad alta naturalità da inserire nella Rete Ecologica Siciliana, un parco suburbano caratterizzato dall’omonimo tavolato con al suo interno l’alto corso dell’Irminio (SIC ITA 080002) e le pendici del Monte Lauro (SIC ITA 090023) e dai centri storici di Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Giarratana e Monterosso Almo nel quale sviluppare nuove attività economiche legate ad uno sviluppo sostenibile delle risorse presenti che rappresentano i punti di forza dell’ambito territoriale. • • • Basico’, Falcone, Ficarra, Floresta, Gioiosa Marea, Librizzi, Montagnareale, Montalbano Elicona, Oliveri, Patti, Raccuja, San Piero Patti, Sant’angelo Di Brolo, Sinagra. Comuni ambientale, culturale e sociale del territorio attraverso l'estensione del Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, sistema dei parchi ed il suo inserimento nella Rete Ecologica Siciliana accrescendo l'offerta di beni e Monterosso Almo servizi finalizzati alla qualità ambientale ed alla corretta fruizione delle risorse Conservare e valorizzare il patrimonio storico - archeologico e l'identità culturale locale attraverso la creazione di itinerari integrati collegati ai circuiti regionali dei beni culturali Promuovere la ricerca e l'innovazione per la valorizzazione delle risorse naturali, storico - artistiche e produttive del territorio Promuovere le attività produttive in ambito PIT sviluppando quelle iniziative che assicurano buone prospettive di crescita e di integrazione con il territorio e che sono ingrado di generare nuova occupazione (asse 4) ovvero azioni di: produzione dell'agricoltura e della zootecnia tradizionale presente negli altopiani degli iblei in maniera da consolidare il patrimonio e le attività forestali e controllare i processi di abbandono; promozione del turismo facendo leva sulle risorse storico – ambientali presenti in maniera • Preservare e tutelare le risorse che concorrono a formare l'identità • • • • • • • Obiettivi Potenziare il sistema di offerta di beni e servizi culturali Potenziare il sistema di offerta turistica Qualificare le competenze professionali e creare nuove figure professionali Stimolare la nascita di nuove imprese nel settore turistico-culturale secondo il principio delle pari opportunità Valorizzazione dei prodotti agricoli e commercializzazione delle produzioni agro-alimentari Migliorare la disponibilità e la qualità delle risorse idriche sia in relazione all'uso che riguardo ai reflui Strumenti di sviluppo territoriale REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. QUATTRO CITTÀ ED UN PARCO PER VIVERE GLI IBLEI TINDARI NEBRODI Caratteristiche Avviare lo sviluppo di un sistema turistico - culturale partendo, da un lato dal potenziamento qualitativo e quantitativo dell’offerta turistica - culturale, dall’altro – grazie alla vocazione agricola dell’area – dal rafforzamento delle filiere agro-alimentari relative alle produzioni agricole. L’obiettivo è infatti quello di realizzare una serie di interventi che – attraverso la riqualificazione e integrazione delle risorse culturali localizzate all’interno dell’area e grazie al potenziamento delle infrastrutture e strutture di supporto – consenta di “rivitalizzare” il territorio creando i presupposti per lo sviluppo di un tessuto produttivo imprenditoriale e la creazione di nuova occupazione Idea forza Quadro sinottico dei Piani Integrati Territoriali della Sicilia Denominazione 3 RG ME Prov.
  • 76. • • • • • • • • • REGIONE SICILIANA – DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI. PIANI ATTUATIVI DEL TRASPORTO STRADALE, FERROVIARIO, MARITTIMO ED AEREO. IL L’idea forza può essere riassunta come “il comprensorio COMPRENSORIO di Gela: dal modello prevalente della grande industria DI GELA ad uno sviluppo, multisettoriale, autopropulsivo e sostenibile”. Dall’analisi di questi elementi territoriali si è pervenuti ad identificare “l’idea - forza” del comprensorio ovvero il passaggio da una industria prevalentemente petrolchimica/chimica, fino ad oggi attore e dello sviluppo economico dell’area di Gela, ad uno sviluppo, multisettoriale, autopropulsivo e sostenibile del tessuto economico – sociale locale. Sviluppo che deve condurre ad un nuovo e diverso equilibrio economico – sociale rispetto alla situazione fino ad oggi prevalente. La formulazione dell'idea - forza, la sua verifica e validazione attraverso un processo di analisi territoriale, il riconoscimento delle dinamiche presenti nel territorio e l'individuazione delle domande sociali prevalenti costituiscono le premesse per la determinazione dell'obiettivo generale del progetto. • • da valorizzare e rivitalizzare i centri urbani ed integrare il reddito agricolo; promozione delle PMI e dell'artigianato locale con priorità nei settori dell'ambiente, del turismo e dell'agricoltura in maniera di rafforzare e sviluppare il sistema produttivo. Sostenere la costruzione di una rete di città quale infrastruttura di supporto all'affermazione dei processi di sviluppo di un territorio diffuso (Asse 5) Promuovere una rete telematica che supporti le amministrazioni pubbliche e gli operatori locali nei loro rapporti sia al'interno del "sistema locale" che verso l'esterno del "sistema locale" Incentivare il settore della produzione agricola al fine di un potenziamento e innovazione di processi produttivi nel settore orticolo e serricolo esistenti nel Gela, Mazzarino, comprensorio favorendo l'introduzione di produzioni a maggio