Allegati piano aria sicilia arpa 2004 righe copiate e incollate sul piano aria sicilia n 186 pages from all 17 arpa_04_atmosfera_26-75 (3)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Allegati piano aria sicilia arpa 2004 righe copiate e incollate sul piano aria sicilia n 186 pages from all 17 arpa_04_atmosfera_26-75 (3)

on

  • 73 views

Il Piano regionale per la qualità dell'aria presentato dalla regione Sicilia nel 2007 somiglia stranamente a quello del Veneto. Semplice coincidenza? ...

Il Piano regionale per la qualità dell'aria presentato dalla regione Sicilia nel 2007 somiglia stranamente a quello del Veneto. Semplice coincidenza?

E' da un pò che in Sicilia non si respira più la stessa aria. Da Palermo a Gela, da Catania a Caltanisetta ci sono segnali di cambiamento che vengono dalla società civile, dai commercianti, dagli industriali che si ribellano contro la mafia e il pizzo. Anche la burocrazia regionale se n'è accorta. Per questo nel "Piano Regionale di Coordinamento per la tutela della qualità dell'aria", pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sono state introdotte importanti novità. Ora siamo più europei e lo conferma il rigido clima dell'isola. In più abbiamo un "bacino aerologico padano" e "piste ciclabili lungo gli argini dei fiummi e dei canali" presenti nei centri storici dei comuni siciliani. A leggere il piano in questione si può fare a meno anche dell'autonomia, dato che anche il Parlamento , l'Assemblea Regionale, è diventato un normale Consiglio regionale come quello del Veneto.
http://tutelaariaregionesicilia.blogspot.it/2013/11/blog-post_28.html

Statistics

Views

Total Views
73
Views on SlideShare
73
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Allegati piano aria sicilia arpa 2004 righe copiate e incollate sul piano aria sicilia n 186 pages from all 17 arpa_04_atmosfera_26-75 (3) Document Transcript

  • 1. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE EMISSIONI DI PARTICOLATO (PM10) : trend e disaggregazione macrosettoriale SCOPO L’indicatore rappresenta una stima, regionale e disaggregata per provincia e per settori delle emissioni di PM10 (polveri di dimensioni inferiori a 10 µm) per valutarne l’andamento nel tempo. DESCRIZIONE Le polveri da dimensione inferiore a 10 µm hanno origine sia naturale sia antropica. Le particelle di origine naturale sono generate dall’erosione dei suoli, dall’aerosol marino, dalla produzione di aerosol biogenico (frammenti vegetali, polline, spore), dalle emissioni vulcaniche e dal trasporto a lunga distanza di sabbia (polvere del Sahara). Una parte consistente delle polveri presenti in atmosfera ha origine secondaria ed é dovuta alla reazione di composti gassosi quali ossidi di azoto, ossidi di zolfo, ammoniaca e composti organici. Inoltre tra i costituenti delle polveri rientrano composti quali idrocarburi policiclici aromatici e metalli pesanti. Le polveri hanno una notevole rilevanza sanitaria per l’alta capacità di penetrazione nelle vie respiratorie. Le stime effettuate sono relative solo alle emissioni di origine primaria, mentre non sono calcolate quelle di origine secondaria così come quelle dovute alla risospensione delle polveri depositatesi al suolo. La Direttiva LCP 2001/80/CE indica i valori limite di emissioni di polveri per combustibili solidi, liquidi e gassosi nei grandi impianti di combustione e la Raccomandazione 2003/47/CE fornisce orientamenti per gli Stati Membri nell’elaborazione del piano nazionale di riduzione delle emissioni nei grandi impianti individuati nella Direttiva citata. Il DM 60 del 02/04/02 introduce i “valori limite” per il PM10 che sono entrati in vigore dal 01/01/2005 (fase 1) e che verranno ulteriormente ridotti a partire dal 01/01/2010 (fase 2). Questo indicatore verrà aggiornato periodicamente ogni anno. UNITÀ di MISURA Tonnellate/anno (t/anno) FONTE dei DATI APAT, 2004 NOTE TABELLE e FIGURE La figura 2.9 raffigura l’andamento nel tempo delle emissioni provinciali di PM10 per ciò che concerne gli anni che vanno dal 1990 al 2000. La tabella 2.7 riporta i valori di queste emissioni in t/anno per gli anni di riferimento 1990, 1995 e 2000. La figura 2.10 rappresenta la disaggregazione macrosettoriale delle emissioni provinciali di PM10 riferite al 2000. In tabella 2.8 è possibile confrontare i valori di emissioni provinciali di PM10 afferenti ai diversi macrosettori. Le emissioni nazionali sono disaggregate secondo la nomenclatura delle attività Selected Nomenclature Air Pollution (SNAP97), adottata dalla metodologia CORINAIR (“Atmospheric Emission Inventory Guidebook”, terza edizione 2002 EMEP/CORINAIR). STATO E TREND Dall’analisi della figura che riporta la distribuzione provinciale di emissioni da PM10 con il relativo andamento negli anni 1990, 1995 e 2000 si nota un significativo aumento nelle stime realizzate per l’anno 1995 per poi decrescere nel 2000. La figura che mostra la disaggregazione macrosettoriale delle emissioni provinciali di PM10,, descrive la natura eterogenea del particolato PM10. Infatti in ogni provincia, si riscontra una distribuzione differenziata di sorgenti da macrosettori, in proporzioni diseguali. Da questo si evince che nessun macrosettore prevale come maggiore contributore assoluto per l’emissione di PM10 in atmosfera. Nonostante ciò i valori di emissioni rilevati dalle tabelle associate alle figure sopra descritte riportano flussi elevati di PM10 che hanno un impatto certo sull’ambiente circostante. Questo sarà uno dei settori emissivi su cui nei prossimi anni si dovrà agire per programmare delle azioni di contenimento di emissione di flussi relativi al PM10. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.26 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 2. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Trend Emissioni Provinciali PM10 1990-2000 ME TP PA EN CT CL AG SR RG Legend 2 500 PM10.1990 PM10.1995 PM10.2000 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT, 2004 Figura 2.9 Trend emissioni provinciali PM10 ton/anno (1990-2000) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.27 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 3. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.7: Trend emissioni provinciali di PM10 t/anno (1990-2000) PM10 1990 1995 AG 1268.578 1345.498 CL 1813.127 2208.624 CT 2234.604 1979.869 EN 617.539 631.5428 ME 4681.447 5093.808 PA 3677.369 3134.272 RG 755.129 717.6653 SR 3922.627 3765.14 TP 1482.004 1473.539 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2000 1306.662 1037.241 2045.997 703.8211 4527.814 2585.221 808.1368 2537.957 1365.514 2.28 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 4. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Disaggregazione Macrosettoriale Emissioni Provinciali PM10 2000 Legend Agricoltura Altre emissioni ed assorbimenti Altre sorgenti e macchinari mobili (off-road) Combustione nell'industria e impianti energetici Estrazione e distribuzione di combustibili fossilied energia geo Impianti di combustione non industriale Processi produttivi (combustione nellindustria manufatturiera) Processi produttivi (combustione senza contatto) Trasporti stradali Trattamento dei rifiuti e discariche Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT, 2004 Figura 2.10 Disaggregazione macrosettoriale emissioni provinciali PM10 ton/anno (2000) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.29 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 5. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.8: Disaggregazione macrosettoriale emissioni provinciali di PM10 t/anno (2000) Agricoltura Altre emissioni ed assorbimenti Altre sorgenti e macchinari mobili (off-road) Combustione nell'industria e impianti energetici Estrazione e distribuzione di combustibili fossili ed energia geotermica Impianti di combustione non industriale Processi produttivi (combustione nell'industria manifatturiera) Processi produttivi (combustione senza contatto) Trasporti stradali Trattamento dei rifiuti e discariche AG 11.68 CL 10.58 CT 11.62 EN 19.16 ME 0.53 PA 35.19 RG 6.26 SR 3.69 TP 10.50 97.70 114.21 187.38 94.36 212.36 70.94 73.61 26.54 72.94 295.74 131.65 300.51 132.40 1730,18 353.87 153.39 273.23 345.36 85.59 348.34 0.97 2.48 1318.95 251.73 0.74 1320.76 48.84 1.03 31.46 148.35 29.05 73.37 0.98 40.13 0.88 33.42 51.15 9.43 107.02 3.60 48.81 138.96 62.93 46.19 49.41 81.03 104.30 168.36 20.08 88.63 112.44 113.85 116.76 612.79 117.14 223.85 898.15 315.07 909.22 168.58 192.32 340.14 192.25 323.20 63.43 223.63 87.62 145.77 1250.82 164.90 284.56 0.00 242.41 0.00 0.00 0.00 0.00 201.73 0.00 125.20 0.00 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.30 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 6. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE EMISSIONI DI CO : trend e disaggregazione settoriale SCOPO L’indicatore fornisce una stima delle emissioni provinciali di CO e la relativa disaggregazione settoriale per valutarne l’andamento nel tempo. DESCRIZIONE Il monossido di carbonio si forma durante i processi di combustione quando questa è incompleta per difetto di ossigeno. Utilizzando le stime elaborate dall’APAT, si è fornita una descrizione dei quantitativi di CO emessi in Sicilia dal 1990 al 2000. La Direttiva 98/77/CE è relativa alle misure da adottare per ridurre le emissioni dei veicoli a motore e la 97/687CE attiene all’emissione di inquinanti gassosi e articolato. Altri riferimenti normativi concernono le emissioni da processi di combustione, tra cui l’incenerimento dei rifiuti (DM n. 503 del 19/11/1997) e la combustione in impianti industriali (DM 12/07/90 e D. Lgs. N. 372, in recepimento della Direttiva 96/61/CE sull’approccio integrato). Questo indicatore verrà aggiornato periodicamente ogni anno. UNITÀ di MISURA Tonnellate/anno (t/anno) FONTE dei DATI APAT, 2004 NOTE TABELLE e FIGURE La figura 2.11 presenta il trend delle emissioni provinciali di CO per ciò che concerne gli anni che vanno dal 1990 al 2000. La tabella 2.9 riporta i valori di queste emissioni in t/anno per gli anni di riferimento 1990, 1995 e 2000. La figura 2.12 rappresenta la disaggregazione macrosettoriale delle emissioni provinciali di CO riferite al 2000. In tabella 2.10 è possibile confrontare i valori di emissioni provinciali di CO relative ai diversi macrosettori. Le emissioni nazionali sono disaggregate secondo la nomenclatura delle attività Selected Nomenclature Air Pollution (SNAP97), adottata dalla metodologia CORINAIR (“Atmospheric Emission Inventory Guidebook”, terza edizione 2002 EMEP/CORINAIR). STATO E TREND Dalla figura 2.11 si nota come a livello provinciali dal 1990 al 1995 le emissioni di CO siano rimaste praticamente costanti per poi precipitare nel 2000 fino ad oltre il 30%. Questa riduzione è facilmente leggibile dalla tabella 2.9 associata alla figura descritta. Dall’analisi della figura 2.12 si evince che i macrosettori produttivi che incidono maggiormente nell’emissione di CO sono principalmente i trasporti stradali con percentuali relative elevate in tutte le province, ed anche in buona parte il macrosettore relativo al trattamento dei rifiuti. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.31 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 7. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Trend Emissioni Provinciali CO 1990-2000 ME TP PA EN CT AG SR CL RG Legend 76 000 CO.1990 CO.1995 CO.2000 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Figura 2.11 Trend emissioni provinciali CO t/anno (1990-2000) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.32 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 8. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c Tabella 2.9: Trend emissioni provinciali di CO t/anno (1990-2000) CO 1990 1995 2000 AG 52534.87 52427.16 35726.73 CL 35345.03 33810.61 21951.82 CT 124607.3 121104.8 85009.17 EN 20558.18 20709.83 15381.11 ME 95925.57 100545.5 81116.58 PA 151747.5 148328.4 100583.4 RG 35939.34 36947.46 25577.5 SR 58498.89 57311.42 37834.9 TP 65216.18 66194.24 45362.69 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.33 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 9. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Disaggregazione Macrosettoriale Emissioni Provinciali CO 2000 ME TP PA AG CT EN SR CL RG Legend Agricoltura Altre emissioni ed assorbimenti Altre sorgenti e macchinari mobili (off-road) Combustione nell'industria e impianti energetici Impianti di combustione non industriale Processi produttivi (combustione nellindustria manufatturiera) Processi produttivi (combustione senza contatto) Trasporti stradali Trattamento dei rifiuti e discariche Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Figura 2.12 Disaggregazione macrosettoriale emissioni provinciali CO t/anno (2000) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.34 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 10. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.10: Disaggregazione macrosettoriale emissioni provinciali di CO t/anno (2000) Agricoltura Altre emissioni ed assorbimenti Altre sorgenti e macchinari mobili (off-road) Combustione nell'industria e impianti energetici Impianti di combustione non industriale Processi produttivi (combustione nell'industria manufatturiera) Processi produttivi (combustione senza contatto) Trasporti stradali Trattamento dei rifiuti e discariche AG 75.32 CL 67.52 CT 75.07 EN 121.63 ME 3.41 PA 223.86 RG 39.32 SR 23.63 TP 66.13 473.48 553.48 908.05 457.27 1029.13 343.76 356.73 128.64 353.49 4129.66 1095.02 5924.62 916.03 27203.28 6078.33 1732.06 4938.32 5536.78 171.79 463.77 0.00 48.87 2532.17 505.23 0.00 1902.03 0.00 1066.93 663.32 2549.21 471.14 1560.37 2747.75 682.46 909.96 1054.72 55.44 8.08 95.09 3.64 37.17 83.43 43.36 212.16 19.20 0.88 229.76 331.40 0.00 294.89 0.64 0.00 1030.85 0.95 24903.75 17907.27 70556.24 11647.43 44754.04 86020.22 19743.81 26198.12 34284.12 4849.48 963.60 4569.49 1715.09 3702.13 4580.17 2979.75 2491.19 4047.31 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.35 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 11. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE EMISSIONI DI BENZENE (C6H6) : trend e disaggregazione settoriale SCOPO L’indicatore fornisce una stima delle emissioni regionali di C6H6 e la relativa disaggregazione settoriale; l’indicatore è finalizzato a valutarne l’andamento nel tempo. DESCRIZIONE La metodologia utilizzata per la stima di questo tipo di emissioni si basa su fattori di emissione e indicatori di attività sviluppati nell’ambito del progetto CORINAIR dell’Agenzia Europea per l’Ambiente. Le emissioni di benzene hanno origine principalmente dai trasporti, da alcuni processi produttivi e non ultimi dai sistemi di stoccaggio e distribuzione dei carburanti (stazioni di servizio, depositi). Per ciò che concerne i trasporti si distinguono due tipi di evaporazione: a motore acceso (che rappresenta la totalità delle emissioni) e a motore spento. Utilizzando le stime fornite dall’APAT si rappresentano i risultati per la Sicilia e le sue province. In Italia la L. 413 del 04/11/97 ha imposto quantitativi massimi di benzene e di idrocarburi aromatici totali nelle benzine con e senza piombo pari rispettivamente all’1% e 40% in volume (v/v). Il DM 60 del 02/04/02 introduce il “valore limite” per il benzene che entrerà in vigore solo a partire dal 01/01/2010. Questo indicatore verrà aggiornato periodicamente ogni anno. UNITÀ di MISURA Tonnellate/anno (t/anno) FONTE dei DATI APAT, 2004 NOTE TABELLE e FIGURE La figura 2.13 raffigura l’andamento nel tempo delle emissioni provinciali di benzene per ciò che concerne gli anni che vanno dal 1990 al 2000. La tabella 2.11 riporta i valori di queste emissioni in t/anno per gli anni di riferimento 1990, 1995 e 2000. La figura 2.14 rappresenta la disaggregazione macrosettoriale delle emissioni provinciali di benzene riferite al 2000. In tabella 2.12 è possibile confrontare i valori di emissioni provinciali di benzene afferenti ai diversi macrosettori. Le emissioni nazionali sono disaggregate secondo la nomenclatura delle attività Selected Nomenclature Air Pollution (SNAP97), adottata dalla metodologia CORINAIR (“Atmospheric Emission Inventory Guidebook”, terza edizione 2002 EMEP/CORINAIR). STATO E TREND La figura 2.13 mostra come il benzene dal 1990 al 2000 sia in continua riduzione. Infatti le emissioni di benzene sono diminuite negli anni ’90 sia per la riduzione del benzene nei combustibili, sia per il rinnovo del parco autovetture. Nei prossimi anni sono attese ulteriori riduzioni nel settore dei trasporti stradali in conseguenza del rinnovo del parco autovetture., settore che rappresenta il maggior strumento di pianificazione per ridurre l’impatto di questo tipo di sorgenti che incidono non poco sui livelli di qualità dell’aria così come definiti dalla recente normativa. Dall’analisi della figura 2.14 che segue, si evince che i settori produttivi che incidono maggiormente nell’emissione di C6H6 sono i trasporti stradali ed in genere le sorgenti mobili così come anche i processi produttivi per le tre province delle aree a rischio di crisi ambientale (Messina, Siracusa, Caltanissetta). Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.36 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 12. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Trend Emissioni Provinciali C6H6 1990-2000 ME TP PA EN CT AG SR CL RG Legend 480 C6H6.1990 C6H6.1995 C6H6.2000 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Figura 2.13 Trend emissioni provinciali C6H6 t/anno (1990-2000) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.37 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 13. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA Tabella 2.11: Trend emissioni provinciali di C6H6 t/anno (1990-2000) C6H6 1990 1995 2000 AG 358.6243697 268.3153 119.5611 CL 242.3497769 188.3714 98.69495 CT 819.7746988 639.3696 293.8947 EN 127.0459643 96.42862 42.4023 ME 613.8371592 518.1238 312.2842 PA 958.1221877 736.7385 335.8084 RG 227.0227645 177.1835 85.11327 SR 530.6974771 429.9083 232.2302 TP 442.4626974 319.7144 143.0687 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.38 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 14. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Disaggregazione Macrosettoriale Emissioni Provinciali C6H6 2000 ME TP PA EN CT AG SR CL RG Legend Processi produttivi (combustione senza contatto) Estrazione e distribuzione di combustibili fossilied energia geo Uso di solventi ed altri prodotti Trasporti stradali Altre sorgenti e macchinari mobili (off-road) Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Figura 2.14 Disaggregazione macrosettoriale emissioni provinciali C6H6 t/anno (2000) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.39 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 15. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.12: Disaggregazione macrosettoriale emissioni provinciali di C6H6 t/anno (2000) AG CL Processi produttivi (combustione 0.04 24.46 senza contatto) Estrazione e distribuzione di combustibili fossili ed energia 0.20 0.26 geotermica Uso di solventi ed altri prodotti 2.58 3.03 Trasporti stradali 95.18 65.50 Altre sorgenti e macchinari mobili 21.56 5.44 (off-road) Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia CT EN ME PA RG SR TP 0.40 0.04 31.62 0.07 0.02 107.50 0.05 0.44 0.08 0.42 0.53 0.12 0.65 0.18 8.30 2.16 256.67 34.97 4.24 7.74 146.40 299.26 1.86 74.06 2.28 96.99 3.02 110.60 28.08 129.60 9.05 24.83 29.21 5.15 28.21 2.40 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 16. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c INDICATORE EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE (NOX , COVNM, CO, CO2, N2O, NH3,CH4, SOx, PM10) : CATEGORIA AUTOVETTURE SCOPO L’indicatore fornisce una stima delle emissioni di NOX, COVNM, CO, CO2, N2O, NH3,CH4, SOx, PM10 da trasporto stradale a livello regionale e provinciale per valutarne la pressioni e il loro andamento negli anni al fine di ridurne l’impatto. DESCRIZIONE La maggiore sorgente di inquinamento atmosferico rimane il trasporto su strada. Al fine di rispettare gli impegni internazionali per rientrare negli obiettivi di Kyoto, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio ha istituito una Commissione Antismog la quale, nel suo documento programmatico pubblicato nel marzo 2000, ha fissato nel 30% l'abbattimento necessario. Oltre a industria, agricoltura e allevamento, trasporti e riscaldamento, le misure da intraprendere (sostituzione del parco, fluidificazione del traffico) dovranno riguardare i mezzi di trasporto, responsabili per oltre il 90% dell'inquinamento atmosferico. Per questo, in attesa che venga reso costruito un inventario regionale delle emissioni, l’ARPA Sicilia ha calcolato mediante l’adozione della metodologia COPERT III i valori di flussi di inquinanti emessi dal macrosettore del trasporto stradale. L’indicatore si limita all’analisi del settore delle autovetture e la stima delle loro emissioni è calcolata nell’anno 2003. A breve il calcolo delle emissioni da trasporto stradale sarà completato dagli altri settori (autocarri, autobus, veicoli merci leggeri e pesanti, ciclomotori) e la stima coprirà anche gli anni precedenti (2001, 2002) in modo da analizzare il trend emissivo nel tempo. Questo indicatore verrà aggiornato periodicamente ogni anno. UNITÀ di MISURA Le emissioni degli inquinanti emessi dal trasporto stradale, categoria autovetture, sono espresse in tonnellate per ogni anno (t/anno). FONTE dei DATI ARPA Sicilia, 2005 NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.13 rappresenta il parco veicolare relativo alle autovetture immatricolate negli anni 2001, 2002 e 2003. La figura 2.15 rappresenta le Emissioni provinciali settoriali dei principali inquinanti (NOX , COVNM, CO, CO2, N2O, NH3,CH4, SOx, PM10) secondo la metodologia COPERT III, 2003. In tabella 2.14 si riportano i dati relativi al grafico sopra descritto. STATO E TREND Dalla tabella 2.13 si nota come più del 50% del parco veicolare costituito dalle sole autovetture è stato immatricolato nelle province di Palermo e Catania, come era facile intuire. Inoltre quasi il 60% delle autovetture rispetta i valori di emissione definiti nelle direttive Euro I, II e III. Dall’analisi del grafico 2.15, si evince come l’andamento percentuale dei contributi provinciali di emissioni da trasporto stradale degli inquinanti considerati, si mantenga più o meno costante al variare dell’inquinante considerato. I composti azotati e il metano generati dalle emissioni da trasporto stradale sono più sensibili nelle province di Messina e Palermo incidendo nella loro distribuzione percentuale. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.41 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 17. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.13: Parco veicolare: autovetture (2003) AG CL CT EURO I 38.114 21.980 98.697 EURO II 59.394 36.119 135.847 EURO III 32.559 21.801 83.331 Convenzionali 21.238 11.685 67.756 ECE 15/00-01 5.921 3.205 27.880 ECE 15/02 5.286 2.795 20.241 ECE 15/03 6.454 3.777 23.449 ECE 15/04 59.931 35.264 176.188 PRE ECE 8.032 4.251 35.608 Non 2 174 106 contemplato Non 209 0 1.282 identificato Totale 237.140 141.051 670.385 Complessivo Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati ACI, 2005 EN 13.122 21.572 12.979 7.313 2.223 2.080 2.738 21.909 3.411 ME 57.825 88.559 56.417 25.556 11.782 9.134 10.482 92.214 16.533 PA 104.297 164.199 116.910 41.454 21.581 17.188 19.420 165.819 32.886 RG 28.657 41.911 24.678 18.798 5.349 3.934 4.718 45.532 7.116 SR 36.689 56.397 31.432 19.386 6.247 5.078 6.198 60.341 7.950 TP 39.766 57.939 33.507 21.290 6.763 5.563 7.197 64.056 10.038 4 4 0 219 2 2 35 1.076 1.170 0 321 358 87.386 369.582 684.924 180.912 230.041 246.479 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% NOx COVNM Ag CO Cl CO2 Ct En N2O Me NH3 Pa Rg CH4 Sr SOx PM10 Tp Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT, 2004 Figura 2.15 Contributo provinciale delle emissioni di inquinanti da trasporto stradale, categoria autovetture (t/anno) – stima calcolata con metodologia COPERT III (2003) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.42 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 18. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c Tabella 2.14 Emissioni di inquinanti (t/anno) da trasporto stradale – Categoria veicolare: Autovetture (2003) Province NOx COVNM CO CO2 N2O NH3 CH4 AG 2255.1 1825.6 12670.5 415181.6 50.0 95.2 124.9 CL 1336.0 1089.8 7569.5 244565.5 29.3 58.1 74.4 CT 6255.1 5247.9 36540.8 1131334.7 134.0 268.0 359.2 EN 812.2 659.3 4577.6 149392.3 18.0 33.9 45.2 ME 2787.8 2885.4 19868.1 600515.2 70.6 155.8 197.0 PA 5756.9 5262.1 36013.0 1077014.7 126.3 222.4 359.0 RG 1696.9 1355.6 9356.5 319038.0 39.0 71.0 92.9 SR 2182.8 1798.6 12466.2 401632.7 48.1 95.6 122.8 TP 2294.5 1905.5 13226.1 419932.2 50.1 98.6 130.4 25377.4 22029.7 152288.4 4758607.0 565.6 1098.6 1505.8 Totale Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia adottando la metodologia COPERT III su dati ACI (2005) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia SOx 32.9 18.8 83.5 8.5 42.7 75.6 26.7 30.9 32.1 351.6 PM10 154.4 87.8 392.5 55.7 195.0 340.4 125.2 144.3 150.3 1645.6 2.43 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 19. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c INDICATORE PERCENTUALE DI RIDUZIONE RISPETTO AL TOTALE DELLE EMISSIONI PRODOTTE A LIVELLO NAZIONALE SCOPO L’indicatore fornisce una stima delle emissioni regionali CO2eq, H+, TOFP, C6H6, PM10, CO seguendone l’andamento a livello regionale dal 1990 al 2000. Inoltre confronta i valori di riduzione percentuale in questo periodo rapportandoli con quelli stimati a livello nazionale. DESCRIZIONE La metodologia utilizzata per la stima di questo tipo di emissioni si basa su fattori di emissione e indicatori di attività sviluppati nell’ambito del progetto CORINAIR dell’Agenzia Europea per l’Ambiente. Le emissioni di benzene hanno origine principalmente dai trasporti e da alcuni processi produttivi e non ultimi dai sistemi di stoccaggio e distribuzione dei carburanti (stazioni di servizio, depositi). Per ciò che concerne i trasporti si distinguono due tipi di evaporazione: a motore acceso (che rappresenta la totalità delle emissioni) e a motore spento. Utilizzando le stime fornite dall’APAT si rappresentano i risultati per la Sicilia e le sue province. Questo indicatore verrà aggiornato periodicamente ogni anno. UNITÀ di MISURA Tonnellate/anno (t/anno) FONTE dei DATI APAT, 2004 NOTE TABELLE e FIGURE La figura 2.16 raffigura l’andamento nel tempo delle emissioni regionali di anidride carbonica equivalente, di acidi equivalenti, di precursori dell’ozono, di monossido di carbonio, di benzene e di materiale particellare per ciò che concerne gli anni che vanno dal 1990 al 2000. La tabella 2.16 riporta i valori di queste emissioni in t/anno per gli anni di riferimento 1990, 1995 e 2000. La figura 2.17 rappresenta la percentuale di riduzione delle emissioni nel periodo 1990-2000 sia a livello regionale siciliano che a livello nazionale italiano. Le emissioni regionali e nazionali sono disaggregate secondo la nomenclatura delle attività Selected Nomenclature Air Pollution (SNAP97), adottata dalla metodologia CORINAIR (“Atmospheric Emission Inventory Guidebook”, terza edizione 2002 EMEP/CORINAIR). STATO E TREND La figura 2.16 mostra come vi sia stata nei dieci anni che vanno dal 1990 al 2000 una continua riduzione di tutte le emissioni. In particolare per le emissioni di TOFP e di CO si nota come la riduzione maggiore sia avvenuta nel passaggio dal 1995 al 2000. Per gli altri inquinanti la riduzione è graduale e quasi costante nei tre break-period che si sono rappresentati. Dall’analisi della figura 2.17 che segue, si evince come le riduzioni sulle emissioni regionali di PM10, CO, C6H6, e TOFP siano in linea con l’andamento di riduzione riscontrato a livello nazionale italiano, anche se i valori di riduzione percentuale sono quasi sempre inferiori a volte fino a raggiungere un terzo della riduzione stessa. Si nota un aumento delle emissioni da metano, di anidride carbonica e di protossido di azoto superiore all’aumento che a livello nazionale si ha nel caso del CO2 e dell’N20. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.44 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 20. h a n g e Vi e N bu y to lic .c 100000000 10000000 1000000 NH3 log quantità emesse C6H6 COVNM 100000 CO2 SO2 CH4 10000 CO Nox 1000 PM10 N2O 100 10 1 1990 1995 anni 2000 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Figura 2.16 Trend emissioni dei principali inquinanti in Sicilia t/anno (1990-2000) – Rappresentazione in scala logaritmica * per semplicità di rappresentazione si riportano i valori DECIMALI delle emissioni totali regionali di CO2eq in t/anno. Tabella 2.16: Trend emissioni dei principali inquinanti in Sicilia t/anno (1990-2000) Inquinante emesso (t/anno) 1990 Ammoniaca 26172.51255 Benzene 4319.937095 Composti organici volatili non metanici 183095.3175 Diossido di carbonio (anidride carbonica) 37913680.08 Diossido di zolfo (SO2+SO3) 2226397.211 Metano 101760.5912 Monossido di carbonio 640372.8796 Ossidi di azoto (NO+NO2) 199212.7532 Particolato (minore di 10 micron) 20452.42283 Protossido di azoto 6671.746487 Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 1995 22147.07435 3374.153451 181430.7007 40087696.97 2164297.724 105211.6736 637379.2996 183330.6042 20349.95897 6447.378372 2000 17555.91676 1663.057837 137923.7014 46136071.45 2097854.233 111226.2482 448543.9049 149470.0486 16918.36441 6710.405469 2.45 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 21. h a n g e Vi e N bu y to lic .c 70,00 % riduzione emissioni 60,00 50,00 40,00 30,00 20,00 10,00 0,00 -10,00 -20,00 -30,00 SOx NOx COVN M CH4 SICILIA 5,77 24,97 24,67 -9,30 ITALIA 31,23 33,72 22,39 4,61 CO CO2 N2O NH3 PM10 C6H6 29,96 -21,69 -0,58 32,92 17,28 61,50 27,01 -8,17 -0,88 21,79 61,99 -9,50 Tipo di inquinanti emessi Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT (2004) Figura 2.17 Riduzione* delle emissioni (1990-2000) - Confronto tra Italia e Regione Sicilia * si noti come ad ogni riduzione negativa corrisponde ad un aumento delle emissioni Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.46 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 22. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE INVENTARI LOCALI DI EMISSIONI IN ATMOSFERA SCOPO L’indicatore proposto è finalizzato a verificare la realizzazione dell’inventario locale delle emissioni in atmosfera da parte della regione, inteso quale inventario già compilato o in fase di compilazione. DESCRIZIONE L’inventario “é’ una serie organizzata di dati relativi alla quantità di inquinanti introdotti in atmosfera da sorgenti naturali e/o attività antropiche” (DM 20.05.91); si tratta di una raccolta coerente dei valori delle emissioni di inquinanti disaggregate per: attività economica, unità territoriale, periodo di tempo, combustibile utilizzato. La realizzazione di un inventario delle emissioni è da considerarsi indispensabile per la conoscenza del territorio, in quanto fornisce una stima delle emissioni inquinanti che risulta essere funzionale e propedeutica agli interventi di pianificazione territoriale (definizione DM 20/05/1991). Dovrebbe prevedersi un aggiornamento di tale indagine con cadenza triennale per valutare l’evoluzione temporale. Dalla prima indagine conoscitiva si rileva come la provincia di Palermo adotti la metodologia Corinair 90; invece alcune province hanno realizzato un archivio informatizzato delle domande di autorizzazione alle emissioni ai sensi del DPR 203/88 (APAT, 2004 – Inventari locali delle emissioni in atmosfera. Seconda indagine conoscitiva). Come abbiamo visto nel caso degli indicatori relativi alle sostanze inquinanti emesse, un inventario consente un confronto con l’inventario nazionale, e permette di pianificare le risorse al fine di ottemperare alle prescrizioni sugli inquinanti tradizionali delle Convenzioni Internazionali su temi: Cambiamenti Climatici, acidificazione, riduzione dell’ozono stratosferico. È stato possibile verificare che alcune altre regioni italiane hanno compilato inventari secondo la metodologia Corinair utilizzando però diverse classificazioni (SNAP 90,94,97). UNITÀ di MISURA FONTE dei DATI APAT, 2004 NOTE TABELLE e FIGURE STATO E TREND L’inventario locale delle emissioni è in fase di predisposizione da parte del Servizio III dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente. La mancanza di questo strumento impedisce all’ARPA Sicilia di valutare correttamente l’impatto delle sorgenti di emissioni e il conseguente degrado della qualità dell’aria ed in genere di tipo ambientale. Per questo, il presente lavoro costituisce, in assenza di altri strumenti conoscitivi e informativi, un valido supporto alle decisioni della Regione Siciliana in materia di gestione e valutazione della qualità dell’aria. Nell’ottica di una futura fattiva collaborazione tra questi due Enti in questo settore, si renderebbe reale quel rapporto istituzionale già definito a livello legislativo e utile al disegno di piani e programmi per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente atmosfera. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.47 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 23. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA Qualità dell’aria La qualità dell’aria a livello nazionale in questi ultimi decenni é sostanzialmente migliorata in maniera generale anche grazie all’importante riduzione delle emissioni di inquinanti con l’applicazione della recente normativa italiana in materia attualmente in vigore (DM 60/02, D. Lgs. 351/99, D. Lgs. 183/04). Rimangono critici i livelli di PM10 e di ozono troposferico, che costituiscono ancora un grave pericolo per la salute umana (EEA, 2005d – final report). I valori di ozono a livello europeo ed in particolare in Italia hanno superato gli standards di qualità dell’aria stabiliti per la protezione della salute umana secondo la Direttiva EU sull’ozono 2002/3/EC. (EEA technical report, Air pollution by ozone in Europe in summer 2004). Sotto la spinta del VI programma europeo di azione quadro per l’ambiente e tramite le azioni del programma europeo CAFE (Clean air for Europe), finalizzato alla riduzione del emissioni. In questo ambito l’ARPA Sicilia partecipa allo studio del PM10 tramite la raccolta delle serie storiche da confrontare con quelle a livello europeo. Il seguente paragrafo tratta dei livelli di inquinamento specifici dei vari inquinanti, così come definiti dai livelli standard di qualità dell’aria (D. Lgs. n° 351 /99 e D.M. n° 60 del 02/04/2002). In particolare si rappresentano di seguito lo stato attuale delle reti di rilevamento presenti sul territorio siciliano e quindi la percentuale di popolazione monitorata negli agglomerati sul totale della popolazione presente negli stessi. Gli inquinanti atmosferici di origine antropica e naturale, il monossido di carbonio (CO), gli ossidi di azoto (espressi come NO2), gli ossidi di zolfo (espressi come SO2), il particolato sospeso con diametro aerodinamico inferiore a 10 micron (PM10), il benzene (C6H6) e l’ozono (O3), che devono essere monitorati ai fini della valutazione preliminare della qualità dell’aria, saranno di seguito rappresentati tramite le concentrazioni orarie e giornaliere, e i relativi superamenti dei valori limite stabiliti dalla normativa vigente. Ad oggi solo alcune reti di rilevamento realizzano un monitoraggio anche dei microinquinanti (IPA, metalli pesanti, …). A tal fine, e nell’ottica di riorganizzare una rete regionale di monitoraggio dell’aria nei riguardi anche delle recenti direttive figlie in materia di gestione e qualità dell’aria dei microinquinanti già presenti nella Decisione della CE 2001/752/CE Allegato I, sono state realizzate da un gruppo tematico nazionale - di cui fa parte anche ARPA Sicilia - delle linee guida al monitoraggio e all’analisi di microinquinanti in campo chimico-fisico (Di Gangi D., 2003). In particolare gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA)1, sono già monitorate nel comune di Palermo. Anche alcuni metalli pesanti sono rilevati dalle reti di Palermo e Catania. La copertura spaziale degli indicatori di concentrazione è garantita grazie alla diffusione dei dati di qualità dell’aria operata dai gestori di reti pubbliche presenti sul territorio: Provincia di Messina, Provincia di Siracusa, Provincia di Caltanissetta, Provincia di Agrigento, Comune di Palermo e Comune di Catania. Per la normalizzazione del dato a livello territoriale, così come prevede la normativa, ci si è riferiti alla zonizzazione definita nel 2002 e trasmessa al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio da parte dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente ove si definiscono gli agglomerati e le zone esterne agli agglomerati2. Ai sensi dell’art. 6 del D. Lgs. 351/99 la misurazione risulta obbligatoria nelle seguenti zone: a) agglomerati; b) zone in cui il livello, durante un periodo rappresentativo, è compreso tra il valore limite e la soglia di valutazione superiore stabilita ai sensi dell’articolo 4, comma 3, lettera c del D. Lgs. 351/99; c) altre zone dove tali livelli superano il valore limite. Secondo queste definizioni l’Assessorato regionale competente in materia ha suddiviso il territorio regionale in 12 agglomerati e 8 zone. Gli indicatori ambientali presentati in questo paragrafo tengono conto di questa rappresentazione spaziale ed utilizzano come unità territoriale il numero di agglomerati e zone coperti dalla rete di monitoraggio per quello specifico inquinante monitorato. Sia negli agglomerati che nelle zone il numero minimo di punti di campionamento è determinato in funzione della popolazione residente all’interno dell’area da monitorare. Rispetto però al caso degli agglomerati, in tali zone le aree di rappresentatività delle stazioni di monitoraggio devono essere sensibilmente maggiori e viene data la precedenza a campionamenti di background suburbano e rurale (CTN_ACE, 2004 – Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell’aria in Italia). Da queste considerazioni sul numero e la distribuzione dei punti di campionamento con stazioni fisse 1 “sostanze d'origine naturale che si formano ogniqualvolta dei composti contenenti carbonio vengono bruciati a temperature ridotte e in condizioni incontrollate: ciò avviene in caso di incendi forestali ed eruzioni vulcaniche, e a seguito di attività umane quali il fumo, il riscaldamento domestico, la produzione di energia e la conduzione di veicoli che utilizzano combustibili fossili, la cottura di prodotti alimentari, la combustione di rifiuti nonché in una serie di processi industriali; presenti in natura anche nel petrolio greggio e nel carbone e, dato che si formano facilmente e sono stabili, si accumulano nelle fasi iniziali dei processi di cracking e di distillazione” (2005/C 120/07). 2 gli agglomerati sono definiti come le zone con una popolazione superiore a 250.000 abitanti o, se la popolazione è pari o inferiore a 250.00 abitanti, con una densità di popolazione per km2 tale da rendere necessaria la valutazione e la gestione della qualità dell’aria ambiente a giudizio dell’autorità competente, e le zone come quelle parti del territorio regionale delimitate ai fini del D. Lgs. 351/99. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.48 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 24. h a n g e Vi e N bu y to lic .c si evince come la situazione attuale necessita di una revisione strutturale ai fini di un monitoraggio efficiente ed efficace, con immediato sollievo sulle pressioni territoriali di ordine sociale ed economico. I dati pervenuti si riferiscono a tutto il 2004 e permettono di osservare la situazione dei superamenti dei valori limite a livello locale e di confrontare i livelli medi di concentrazione presenti nelle diverse aree monitorate. Ci si è limitati al solo 2004 poiché è la prima volta che si richiedono ufficialmente i dati validati di tutti gli enti gestori, che garantiscono il controllo e l’assicurazione di qualità del dato rilevato. Per questo i dati rappresentati di seguito rispettano i criteri minimi di gestione in qualità del dato, utili ai fini di una corretta informazione ambientale. Quindi non è stato possibile rappresentare dei trend temporali di concentrazioni di inquinanti presenti in atmosfera, in mancanza di una richiesta specifica che garantisca la qualità del dato anche nelle serie storiche degli anni precedenti. L’ARPA Sicilia in qualità di Punto Focale Regionale del sistema SINAnet deve raccogliere i dati relativi alle reti esistenti e agli inquinanti monitorati al fine di popolare la banca dati BRACE di APAT, tramite l’utilizzo dello strumento elettronico Winair sviluppato dall’APAT. Ad oggi, il sistema riceve solo una parte dei dati rilevati, impedendo in effetti una corretta informazione ambientale. A fianco delle reti di qualità dell’aria esistenti, l’ARPA Sicilia si è già dotata di una rete di monitoraggio di sua proprietà che consta di un numero di 11 stazioni di rilevamento posizionate in quasi tutte le province siciliane (di cui 6 appartenenti alla rete Envireg e 5 di nuova acquisizione nell’ambito dei finanziamenti del POR Sicilia 2000-2006). A questo si deve aggiungere la rimessa in funzione del laboratorio mobile e il relativo aggiornamento normativo e tecnologico della strumentazione di rilevazione presente. I dati rilevati dalla rete di inquinamento atmosferico di proprietà dell’ARPA Sicilia, avendo una copertura temporale che inizia nel 2005, saranno rappresentati nella pubblicazione del prossimo Annuario Regionale 2005. Stesso discorso può essere ripetuto per le serie storiche di dati che verranno ufficialmente richiesti agli enti gestori per la costruzione degli andamenti temporali e la cui analisi dovrà legarsi alle emissioni in atmosfera, e che parimenti saranno presenti nel prossimo Annuario dei dati ambientali. Di seguito si rappresentano in tabella i limiti di concentrazione in aria di inquinanti nel rispetto della normativa vigente: Inquinante PM10 (µg/m3) Periodo di riferimento del limite limiti previsti per limiti per il 2002 limiti in limiti in il 2001 (non (entrata in vigore del vigore per vigore per recepiti) DM 60/02) il 2003 il 2004 limiti in vigore dal 01/01/2005 limiti al 01/01/2010 Limite giornaliero 70 (35)* 65 (35)* 60 (35)* 55 (35)* 50 (35)* 50 (7)* Limite annuale 46,4 44,8 43,2 41,6 40 20 Benzene (µg/m3) Limite annuale 10 10 10 10 10 5 Piombo (µg/m3)* Limite annuale 0,9 0,8 0,7 0,6 0,5 - Monossido Car-bonio (mg/m3) Valore giornaliero su 8 ore 16 16 14 12 10 - Limite orario NO2 290 (18)* 280 (18)* 270 (18)* 260 (18)* 250 (18)* 200 (18)* Limite annuo NO2 58 56 54 52 50 40 Soglia di allarme (limite orario) 400 (misurati per più di 3 ore consecutive) 400 400 400 400 400 Limite orario 470 (24)* 440 (24)* 410 (24)* 380 (24)* 350 (24)* - Limite giornaliero - - - - - 125 (3)* Soglia di allarme (limite orario) 500 (misurati per più di 3 ore consecutive) 500 500 500 500 500 Soglia di informazione (limite orario) - 180 180 180 180 - Soglia di allarme (limite orario) - 240 240 240 240 - Massimo sulla media di 8 ore - 120 120 120 120 - Ossidi di Azoto (µg/m3) Biossido di Zolfo (µg/m3) Ozono (µg/m3) *(In parentesi viene indicato il numero dei superamenti annui concessi) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.49 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 25. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE STAZIONI DI RILEVAMENTO DELLA QUALITÀ DELL’ARIA SCOPO L’indicatore proposto fornisce una descrizione complessiva della risposta alla domanda di dati di qualità dell’aria posta dalla normativa nazionale ed europea. DESCRIZIONE Utilizzando la ricognizione delle reti di rilevamento pubblica della qualità dell’aria esistenti sul territorio regionale, eseguita da ARPA Sicilia (Di Gangi, D., 2003), si sono individuati il numero di reti di monitoraggio pubbliche, di stazioni di misura e di laboratori mobili esistenti nelle diverse province che erano in funzione al 31 dicembre 2004 e che hanno prodotto i dati sufficienti ad una rappresentazione di informazioni sui dati di qualità dell’aria per l’anno 2004. UNITÀ di MISURA Numero (n) FONTE dei DATI ARPA Sicilia (2005) NOTE TABELLE e FIGURE Le tabelle che seguono forniscono un quadro d’insieme delle reti di rilevamento della qualità dell’aria esistenti nella regione. La tabella 2.17 descrive il numero di reti di monitoraggio pubbliche, di stazioni di misura e di laboratori mobili per province. La figura 2.17 rappresenta l’ubicazione delle stazioni ENVIREG. STATO e TREND Il monitoraggio della qualità dell’aria in Sicilia è attuato da reti pubbliche e private variamente dislocate nel territorio. Le reti private sono complessivamente pari a 7 e sono situate presso le principali zone industriali delle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Palermo, Ragusa (attualmente non in funzione) e Siracusa (due reti private). Le reti di rilevamento pubbliche, di proprietà delle Province o dei Comuni, sono pari a 6 e sono ubicate nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Siracusa e nei comuni di Catania, Messina e Palermo. Nelle Province di Caltanissetta, Messina e Siracusa è, inoltre, presente una rete di monitoraggio della qualità dell’aria e dei rilasci conseguenti ad incidenti rilevanti, denominata ENVIREG, presa in carico dall’ARPA Sicilia. Ad inizio 2005 si è provveduto all’attivazione di dette apparecchiature presso le tre province. Accanto alle stazioni fisse sono presenti vari laboratori mobili che operano nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani. Un mezzo mobile è in carico anche all’ARPA Sicilia, in sede centrale ed attualmente ha cominciato le sue attività di monitoraggio nel territorio del Comprensorio del Mela (ME). Nel prossimo futuro il laboratorio dovrà produrre dati di qualità dell’aria relativi ad altre zone del territorio siciliano dove risultano particolarmente forti le pressioni sull’ambiente atmosferico. Riguardo ai parametri, diffuso è il monitoraggio degli “inquinanti tradizionali”, quali SO2 e PTS; limitato, invece, è il monitoraggio degli inquinanti di nuova generazione, quali PM2,5, IPA. Dal quadro complessivo fornito si deduce che la situazione regionale del rilevamento pubblico appare, ad oggi, mal distribuita sul territorio e con necessità di adeguamento per numero di stazioni e numero e tipologia di analizzatori. Esistono, infatti, aree urbane monitorate oltre il necessario previsto dalla normativa in materia e vaste aree dove non è presente alcun sistema di misura. Pertanto, sarebbe auspicabile realizzare nuove installazioni e posizionamenti secondo i criteri indicati dalla normativa vigente, e quindi anche a seguito della valutazione preliminare della qualità dell’aria ambiente sul territorio regionale. I nuovi criteri consigliano un numero minimo di stazioni per agglomerati al fine di valutarne la qualità media dell’aria. Oggi le stazioni presenti sono figlie del DM 20/5/91 quindi non tengono conto della nuova configurazione della rete. Si nota un esubero di stazioni di monitoraggio che risultano essere inutili ai fini della valutazione preliminare della qualità dell’aria. Per questo l’ARPA Sicilia ha predisposto un protocollo d’intesa con i gestori per il riordino della rete regionale e soprattutto una gestione coordinata dell’informazione acquisita. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.50 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 26. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.17: Numero di reti di monitoraggio pubbliche, di stazioni di misura e di laboratori mobili per province (2004) Numero di reti di monitoraggio e stazioni Province Laboratorio mobile Pubbliche Chimiche Meteo AG CL CT EN ME PA RG SR TP 1 1 1 1 1 1 - 12 12 17 19 9 13 - 1 2 1 3 1 3 - 1 1 2* 2 + 1** 1 2 1 Totale 6 82 11 12 Fonte: ARPA Sicilia (2005) * attualmente non in funzione ** Mezzo mobile in carico all’ARPA Sicilia sede centrale Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.51 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 27. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT, 2005 Figura 2.17 Stazioni ENVIREG per il rilevamento della qualità dell’aria nelle aree dichiarate a rischio di crisi ambientale presenti in Sicilia (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.52 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 28. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c INDICATORE PERCENTUALE DELLA POPOLAZIONE MONITORATA PRESENTE NEGLI AGGLOMERATI SUL TOTALE DEGLI AGGLOMERATI SCOPO L’indicatore proposto fornisce una descrizione complessiva della risposta alla popolazione monitorata presente negli agglomerati, così come definiti dalla Regione Siciliana, seguendo l’allegato XII del DM 60/02 (2002). DESCRIZIONE Utilizzando la ricognizione delle reti di rilevamento della qualità dell’aria esistenti sul territorio regionale, eseguita da ARPA Sicilia, e riferita al 31 dicembre 2002, nonché quella relativa alla strumentazione presente, si sono individuati il tipo di inquinante misurato stazione per stazione. In base alla popolazione presente in ogni agglomerato e dei rispettivi analizzatori, si è calcolato la percentuale di popolazione monitorata sul totale della popolazione presente in tutti gli agglomerati per ogni inquinante. UNITÀ di MISURA Percentuale (%) FONTE dei DATI ARPA Sicilia (2005) NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.20 fornisce la percentuale della popolazione monitorata presente negli agglomerati sul totale del territorio zonizzato, ed in particolare sugli agglomerati per i quali è previsto il monitoraggio per la misura di concentrazioni in aria di anidride solforosa, biossido di azoto, monossido di carbonio, polveri totali sospese, polveri sospese con diametro aerodinamico inferiore a 10 micron, benzene, ozono. La figura 2.18 rappresenta la zonizzazione del territorio siciliano secondo il D. Lgs. 351/99 e successiva comunicazione effettuata dalla Regione Siciliana secondo l’allegato XII del DM 06/02 (2002). STATO e TREND Dalla tabella 2.20 si evince come rapportando il numero degli analizzatori presenti negli agglomerati per la misura dei diversi inquinanti atmosferici e la popolazione presente negli stessi, che quindi viene esposta alle concentrazioni di inquinanti misurate, le percentuali relative riportate dimostrano come quasi due terzi della popolazione presente sia monitorata riguardo ai rischi derivanti dall’inquinamento atmosferico. Solo nel caso del benzene e del PM10, si rilevano delle percentuali di poco superiore al 50%; nel caso del benzene questo si giustifica con il fatto che il benzene viene principalmente monitorato negli agglomerati con forti concentrazioni di traffico, che sono i primi responsabili di questo tipo di emissioni. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.53 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 29. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.20: Percentuale della popolazione monitorata presente negli agglomerati sul totale del territorio zonizzato (2003) Inquinante monitorato % popolazione monitorata presente negli agglomerati Anidride solforosa (SO2) 82% Biossido di azoto (NO2) 74% Monossido di carbonio (CO) 73% Polveri totali sospese (PTS) 73% Polveri sospese con diametro aerodinamico inferiore a 10 micron (PM10) 56% Benzene (C6H6) 61% Ozono (O3) 73% Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori (2005) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.54 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 30. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati APAT, 2004 Figura 2.18 Zonizzazione in agglomerati (D. Lgs. 351/99) comunicato dall’Assessorato Territorio e Ambiente al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio (2002) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.55 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 31. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE CONCENTRAZIONI IN ARIA DI BIOSSIDO DI ZOLFO (SO2 ) SCOPO Il biossido di zolfo è generato da fonti naturali, quali le eruzioni vulcaniche, e da fonti antropiche, quali i processi di combustione industriali ed in particolare le centrali termoelettriche nonché, in misura più ridotta, gli impianti non metanizzati. Questo è sicuramente l’inquinante più conosciuto, ed è stato uno dei primi ad essere monitorato. L’inquinante considerato ha, però, perduto l’importanza di un tempo collocandosi su valori piuttosto modesti; questo grazie anche alla riduzione del tenore di zolfo nei combustibili per uso civile ed industriale. La finalità dell’indicatore consiste nel verificare se le concentrazioni in aria di biossido di zolfo non oltrepassino i valori limite prescritti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania e quelli acquisiti dalla rete di monitoraggio della qualità dell’aria della provincia di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Messina, per l’anno 2004, è stata elaborata (secondo quanto previsto dalla normativa vigente in tema di qualità dell’aria) la media annuale delle concentrazioni medie orarie, il cui valore limite per la protezione degli ecosistemi è pari a 20 •g/ m3 (D.M. 2 aprile 2002, n.60). È stato, inoltre, verificato il rispetto dei seguenti limiti: - limite orario di protezione della salute umana il cui valore, da non superarsi per più di 24 volte nell'anno civile, è pari a 380 •g/ m3 (D.M. 2 aprile 2002, n.60). - limite di 24 ore di protezione della salute umana il cui valore, da non superarsi per più di 3 volte nell'anno civile, è pari a 125 •g/ m3 (D.M. 2 aprile 2002, n.60). Per la rete provinciale di Messina i dati sono riferiti al primo semestre del 2004 (gennaio-giugno); per ciò che concerne la rete provinciale di Agrigento invece i dati utili si riferiscono agli ultimi due mesi del 2004 (novembre-dicembre). UNITÀ di MISURA Microgrammi al metro cubo (•g/m3). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti, dalla Provincia Regionale di Siracusa, dalla Provincia Regionale di Caltanisetta, dalla Provincia Regionale di Agrigento, dalla Provincia regionale di Messina, dal Comune di Catania, Direzione Tutela Ambientale per la città di Catania, dall’AMIA s.p.a. per il Comune di Palermo (2004). NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.19 sintetizza il numero dei superamenti del limite orario e del limite di 24 ore di biossido di zolfo rilevati a Palermo, Catania, nelle province di Agrigento, Siracusa, Messina e Caltanissetta nel 2004, per la protezione della salute umana. La figura 2.19 rappresenta la media annua delle concentrazioni medie annuali, registrate dalla rete pubblica nel territorio provinciale di Siracusa, nel 2004. La figura 2.20 rappresenta le concentrazioni medie annuali rilevate dalla rete comunale di Catania nel 2004. STATO e TREND Dall’analisi delle tabelle e delle figure che seguono si rileva come l’inquinamento da biossido di zolfo incida maggiormente nelle aree di tipo industriale. Infatti nel 2004 si sono registrati dei superamenti sia del limite orario che di quello giornaliera per la tutela della salute umana nonché del limite annuale come rappresentato in figura 2.19 relativamente alla Provincia di Siracusa. Anche per la provincia regionale di Caltanissetta si riscontrano per l’anno 2004 dei superamenti sia del valore limite orario che del valore limite per la protezione degli ecosistemi per anno civile espresso come media annuale (stazione Agip Mineraria-Gela). Inoltre nella figura 2.20 si può notare come le concentrazioni medie annuali di biossido di zolfo in aree metropolitane come quella di Catania si mantenga ad un livello basso, così come nel comune di Palermo. Ciò significa che il problema di inquinamento da biossido di zolfo è tipico delle zone industriali e sempre meno delle aree dove le fonti di inquinamento provengono dal traffico piuttosto che dal riscaldamento domestico. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.56 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 32. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA Questo tipo di comportamento risulta di carattere generale anche in altre regioni italiane; in Sicilia il problema di biossido di zolfo risulta ancora maggiore nelle aree industriali se paragonato al resto d’Italia. Nessun superamento della soglia di allarme di 500 µg/mc si è verificato nel periodo considerato. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.57 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 33. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.19: Superamenti del Limite orario e del Limite di 24 ore di biossido di zolfo (SO2) per la protezione della salute umana (2002) Superamenti del limite orario per la protezione della salute umana 380 •g/m3 per il 2004 (max 24 volte) Comune di Catania 0 Comune di Palermo 0 Provincia di Siracusa 3 (Melilli) , 36 (S. Cusumano) 2 (S. Filippo del Mela), 8 (S. Lucia del Mela), 3 (Pace del Mela – Mandravecchia), 1 (Porto di Milazzo) Provincia di Messina* Provincia di Caltanissetta 120 (Agip Mineraria-Gela) Provincia di Agrigento** Superamenti del limite di 24 ore per la protezione della salute umana 125 •g/m3 (max 3 volte) Comune di Catania 0 Comune di Palermo 0 Provincia di Siracusa 1 (S. Cusumano) Provincia di Messina* 1 (Porto di Milazzo) Provincia di Caltanissetta n.d. Provincia di Agrigento** Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori reti pubbliche (2004) * gennaio-giugno 2004 ** periodo di osservazione non rappresentativo (novembre-dicembre 2004) n.d. non disponibile 25 Concentrazione di SO2 20 15 10 5 0 Sc. Greca Augusta Ciapi Priolo Melilli S. Cusumano Belvedere Stazioni Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Provincia Regionale di Siracusa (2005) Figura 2.19: Biossido di zolfo (SO2), media annuale delle concentrazioni medie orarie in •g/m3 nella Provincia di Siracusa (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.58 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 34. h a n g e Vi e N bu y to lic .c 25.00 concentrazioni di SO2 20.00 15.00 10.00 5.00 4 -P .G io va 7 nn -V iX .P XI as II so 8 G -V ra vi .l na e F. Fo 9 nt -V an .l a e V. Ve ne 10 to -P .E ur op 11 a -P 12 .G -V io en .d i el 13 C ris -P ta .M llo ic he la 14 ng el -P o .S te si 15 co ro -V .G 16 iu ffr -O id sp a .G 17 ar -Z ib on al di a In 18 du -P st ria .R le 19 is or -V gi m .l e en de to lla R eg io ne 0.00 stazioni Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Comune di Catania (2005) Figura 2.20: Biossido di zolfo (SO2), media annua delle concentrazioni medie orarie in •g/m3 registrate nel Comune di Catania (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.59 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 35. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE CONCENTRAZIONI IN ARIA DI BIOSSIDO DI AZOTO (NO2 ) SCOPO Il biossido di azoto è un inquinante secondario generato dalla reazione tra il monossido di azoto (NO) e le sostanze ossidanti. È strettamente connesso al traffico veicolare, che genera l’NO in atmosfera. Le altre sorgenti principali sono gli impianti di riscaldamento civile ed industriale e le centrali di produzione di energia. Lo scopo attribuito all’indicatore consiste nel verificare che le concentrazioni in aria di biossido di azoto non oltrepassino i valori limite prescritti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE Utilizzando i dati forniti dagli enti gestori delle reti pubbliche per l’anno 2004, è stato individuato: - numero di superamenti del limite orario per la protezione della salute umana, il cui valore è pari a 200 µg/ m3 da non superare per più di 18 volte per anno civile; a tale limite, che dovrà essere rispettato al 1/1/2010 si aggiunge un margine di tolleranza di 100 µg/m3con riduzione annua costante (D.M. 2 aprile 2002 n.60). - la media annua delle concentrazioni medie orarie, il cui valore limite per la protezione della salute umana è pari a 40 µg/ m3 da raggiungere entro il 1/1/2010 a cui si aggiunge un margine di tolleranza di 20 µg/ m3 con riduzione annua costante (D.M. 2 aprile 2002 n.60). UNITÀ di MISURA Microgrammi al metro cubo (•g/m3). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti, dalla Provincia Regionale di Siracusa, dalla Provincia Regionale di Caltanisetta, dalla Provincia Regionale di Agrigento, dalla Provincia regionale di Messina, dal Comune di Catania, Direzione Tutela Ambientale per la città di Catania, dall’AMIA s.p.a. per il Comune di Palermo. NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.20 riporta il numero complessivo di superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana, registrati rispettivamente nelle città di Catania e Palermo e nelle province regionali di Siracusa, Messina, Caltanissetta e Agrigento nel 2004. La figura 2.21, rappresenta la media annuale delle concentrazioni medie orarie di NOx rilevate dalle reti pubbliche nel Comune di Palermo con i relativi superamenti del limite. La figura 2.22 riporta invece la media annuale delle medie orarie di NOx rilevate dalla rete del Comune di Catania con i relativi superamenti del limite. STATO e TREND Analizzando le tabelle e le figure che seguono si evince come i valori più alti si registrano nelle postazioni ubicate nelle zone centrali delle città e pertanto più soggette all'inquinamento da traffico nelle città di Palermo e Catania. Il D.M. 60/02 ha statuito che la concentrazione media annua per il biossido di azoto non debba superare il valore limite di 40 µg/m3, a cui aggiunge un margine di tolleranza pari a 20 •g/ m3 che si riduce annualmente in modo costante del 10% fino ad azzerarsi entro l’1 gennaio 2010, data di definitiva entrata in vigore del limite. Pertanto, per il 2004 il valore limite della concentrazione media annua è pari a 52 •g/ m3. Come risulta dalle figure che seguono tale limite, nei centri urbani di Catania e Palermo, non viene rispettato in alcune postazioni. Anche a Gela il valore limite annuale per la protezione della salute umana nel 2004 come media annuale è stato superato (stazione Via Venezia). Lo stesso D.M. 60/02 è intervenuto sulle medie orarie, introducendo un limite di 200 •g/ m3, a cui si aggiunge un margine di tolleranza pari a 100 •g/ m3, che diminuisce del 10% l’anno dal 1 gennaio 2001 al 1 gennaio 2010. Per il 2002, il valore limite delle concentrazioni medie orarie è pari a 280 •g/ m3; per il 2003, invece, si riduce raggiungendo il valore di 270 •g/m3, da non superarsi per più di 18 volte. La tabella 2.5 sintetizza il numero di superamenti che si sono verificati nel 2002; se nella città di Catania e a Siracusa, la normativa è stata rispettata, nella città di Palermo si oltrepassano i limiti di legge, essendo verificatisi 21 superamenti. Diversamente, come appare chiaro dalla tabella 2.5, nella città di Messina nessun superamento si rileva nel 2003. Nessun superamento della soglia di allarme di 400 µg/mc si è verificato nel periodo considerato. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.60 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 36. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.20: Biossido di azoto (NO2), superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana (2004) N° Superamenti del valore limite orario per la protezione della salute umana Per l’anno 2004 Valore limite orario + margine di tolleranza pari a 260 µg/m3 (max 18 volte) Comune di Catania 1 (Viale Veneto – C.so Italia), 1 (Piazza Giorni) 2 (Indipendenza), 2 (Giulio Cesare), 1 (Castelnuovo), 0 (Unità Comune di Palermo d’Italia), 0 (Torrelunga), 0 (Belgio), 0 (Di Blasi) Provincia di Siracusa 0 Provincia di Caltanissetta 0 Provincia di Messina* 0 Provincia di Agrigento** Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori (2005) * gennaio-giugno 2004 ** periodo di osservazione non rappresentativo (novembre-dicembre 2004) 90.00 80.00 concentrazioni di NO2 70.00 60.00 50.00 40.00 30.00 20.00 10.00 4 1 -P . G - Li br io in va nn o 5 iX -V XI II .M es si 7 na -V 6P. .P M as or s 8 -V oG o ra .l vi e na F. 9 Fo -V nt .l an e V. a Ve 10 ne -P t .E o ur 11 op -P 12 a .G -V io .d 13 en el i -P C ris .M ta ic llo 14 hela ng -P el .S o te 15 si co -V ro 16 . - O Giu ffr sp 17 id - Z . Ga a on rib a al 18 di - P Ind us .R tri is al or e gi m en to 0.00 stazioni Fonte: Elaborazione grafica ARPA Sicilia su dati Comune di Catania (2005) Figura 2.21: Biossido di azoto (NO2), media annua delle concentrazioni medie orarie in •g/m3 e relativo valore limite (2004) – Comune di Catania Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.61 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 37. h a n g e Vi e N bu y to lic .c 180 160 140 120 100 80 60 40 20 si la iB D Be lg io Bo cc ad ifa lc o In di pe nd en za G iu lio C es ar e C as te ln uo vo U ni tà d' Ita lia To rre lu ng a 0 Fonte: Elaborazione grafica ARPA Sicilia su dati AMIA, SpA, Comune di Palermo, 2005 Figura 2.22: Biossido di azoto (NO2), media annua delle concentrazioni medie orarie in •g/m3 e relativo valore limite (2004) – Comune di Palermo Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.62 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 38. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE CONCENTRAZIONI IN ARIA DI MONOSSIDO DI CARBONIO (CO) SCOPO La sorgente antropica principale, in ambiente urbano, per il monossido di carbonio (CO) è costituita dagli autoveicoli a benzina durante il funzionamento a basso regime. Pertanto le maggiori concentrazioni di CO, nelle città, si registrano nelle zone congestionate dal traffico veicolare. Contribuiscono ulteriormente all’emissione di CO, se pure in minor grado, gli impianti di riscaldamento e alcuni processi industriali. L’indicatore proposto è finalizzato a verificare il rispetto, in ambiente urbano, degli obiettivi statuiti dalla normativa. DESCRIZIONE Sono stati individuati, per le Province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Siracusa e per le città di Palermo e Catania, e riferite all’anno 2004: - i superamenti della soglia di attenzione, valori superiori a 15 mg/m3 (D.M. 25 novembre 1994); - i superamenti della soglia di allarme, valori superiori a 30 mg/m3 (D.M. 25 novembre 1994); - i superamenti del valore limite orario su 8 ore per la protezione della salute umana, pari a 10 mg/m3 da raggiungere entro il 1/1/2005 a cui si aggiunge un margine di tolleranza, pari a 6 mg/m3 per i primi 3 anni, con riduzione progressiva (D.M. 2 aprile 2002 n.60). UNITÀ di MISURA Milligrammi al metro cubo (mg/m3). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti dal Comune di Catania, Direzione Tutela Ambientale, dall’AMIA s.p.a. e dalle Province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Siracusa (2004). NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.21 fornisce una rappresentazione congiunta del numero di superamenti della soglia di attenzione, registrati rispettivamente nelle città di Catania e Palermo e nelle province regionali di Siracusa, Messina, Caltanissetta e Agrigento nel 2004. La figura 2.24, rappresenta la media annua delle concentrazioni medie orarie di CO rilevate dalle suddette reti pubbliche nel territorio siciliano. La media massima giornaliera su 8 ore viene individuata esaminando le medie mobili su 8 ore, calcolate in base a dati orari e aggiornate ogni ora. Ogni media su 8 ore così calcolata è assegnata al giorno nel quale finisce. In pratica, il primo periodo di 8 ore per ogni singolo giorno sarà quello compreso tra le ore 17.00 del giorno precedente e le ore 01.00 del giorno stesso; l’ultimo periodo di 8 ore per ogni giorno sarà quello compreso tra le ore 16.00 e le ore 24.00 del giorno stesso. Come già detto sopra, nessun superamento della soglia di allarme e del valore limite su 8 ore si è verificato nel periodo considerato. STATO e TREND Nessun superamento della soglia d’allarme e del valore limite su 8 ore, che per il 2004 è pari a 12 mg/m3, è stato registrato a Palermo e Catania nonché nelle Province di Messina e Siracusa nel periodo considerato. Anche nell’unica postazione della rete di Siracusa (Ciapi) non si sono registrati superamenti del valore limite. Leggendo la tabella 2.21 si può notare come non ci siano dei superamenti di CO rilevati dalle reti di monitoraggio della qualità dell’aria presenti in Sicilia. Rappresentando le concentrazioni massime orarie di CO rilevate nella città di Catania nel 2004, tramite mappatura con l’ausilio di strumenti software GIS di analisi territoriali, ed interpolando i dati a nostra disposizione concessi dall’ente gestore, si può notare come i luoghi maggiormente inquinati sono ubicati nei pressi del centro di Catania e della stazione ferroviaria. Nonostante tutto si nota come il valore limite sulle 8 ore non è stato ancora superato. Le concentrazioni di monossido di carbonio rilevate, nonostante si attestino al di sotto dei limiti di legge, sono più elevate nelle aree metropolitane. Tuttavia in queste aree l’introduzione delle marmitte catalitiche e alle campagne di controllo delle emissioni (il c.d.“bollino blu”) si sono rivelati essere validi strumenti di risposta per la diminuizione delle emissioni di CO. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.63 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 39. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA Tabella 2.21: Superamenti della media max giornaliera su 8 ore (2004) Superamenti del limite orario per la protezione della salute umana 12 mg/m3 per il 2004 Comune di Catania 0 Comune di Palermo 0 Provincia di Siracusa 0 Provincia di Messina* 0 Provincia di Caltanissetta 0 Provincia di Agrigento** Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori reti pubbliche (2005) * gennaio-giugno 2004 ** periodo di osservazione non rappresentativo (novembre-dicembre 2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.64 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 40. h a n g e Vi e N bu y to lic .c V. Passo Gravina V. del Cristallo V. Messina P. Gioeni P. A. Moro V. Giuffrida P. Michelangelo P. Europa V.le Vittorio Veneto V.le F. Fontana Osp. Garibaldi P. Stesicoro P. Giovanni XXIII P. Risorgimento V.le della Regione Librino IDW of Tabella3 Events Legenda <VALUE> Zona Industriale 2.850612879 - 5.595976448 5.595976449 - 8.341340017 8.341340018 - 11.08670359 11.0867036 - 13.83206716 13.83206717 - 16.57743073 Fonte: Elaborazione grafica ARPA Sicilia su dati Enti Gestori, 2005 Figura 2.24: Mappatura delle concentrazioni massime orarie di monossido di Carbonio in mg/m3 (CO), (2004) con interpolazione di Spatial Analyst-Arcview 9.x ( metodo IDW) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.65 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 41. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE CONCENTRAZIONI IN ARIA DI PARTICOLATO (PM10 ) SCOPO Per PM10 si intende materiale particellare con diametro uguale o inferiore a 10 µm. Le sorgenti emissive antropiche principali, in ambiente urbano, sono costituite dagli impianti di riscaldamento civile e dal traffico veicolare. È opportuno ricordare che anche le eruzioni vulcaniche assumono un ruolo di primo piano; infatti, le ceneri vulcaniche contengono una frazione di particolato che viene rilevata dagli analizzatori di PM10. Anche gli incendi boschivi, la risospensione delle polveri e l’aerosol marino sono fonti naturali di PM10. La finalità dell’indicatore consiste nel verificare se le concentrazioni in aria di PM10 non oltrepassino i valori limite prescritti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE Utilizzando i dati forniti dagli enti gestori di rete pubbliche di monitoraggio dell’inquinamento atmosferico, sono stati individuati: - la concentrazione media annua, il cui valore limite per la protezione della salute umana è pari a 40 •g/m3 a cui si aggiunge un margine di tolleranza di 8 •g/m3 con riduzione annua (D.M. 2 aprile 2002 n.60); - i superamenti del valore limite della media giornaliera, il cui valore, da non superarsi per più di 35 volte nell'anno civile, è pari a 50 •g/ m3 a cui si aggiunge un margine di tolleranza con riduzione annua (D.M. 2 aprile 2002, n.60); UNITÀ di MISURA Microgrammi al metro cubo (•g/ m3). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti, dagli Enti gestori delle reti pubbliche (2004). NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.22 sintetizza il numero di superamenti del valore limite della media giornaliera (da non superarsi più di 35 volte nell’arco di un anno) registrati nel 2004. La figura 2.25 rappresenta l’andamento delle concentrazioni medie annua dei valori giornalieri di PM10, registrati dalle reti pubbliche presenti in Sicilia, rapportandoli con il valore limite, che, calcolato al 2004, è pari a 41,6 •g/m3. STATO e TREND Il D.M. 60/02, nell’abrogare gli obiettivi di qualità per il PM10 così come statuiti dal DM 25/11/94, ha stabilito che la concentrazione media annua per il PM10 non debba superare il valore limite di 40 µg/m3, a cui aggiunge un margine di tolleranza pari a 8 µg/ m3 che si riduce annualmente, fino ad azzerarsi entro l’1 gennaio 2005, data di completa entrata in vigore del limite. Per il 2004 il valore limite della concentrazione media annua è pari a 41,6 •g/ m3. Dalla tabella 2.22 si rileva come il valore limite della media giornaliera venga superato diverse volte e in postazioni di misura differenti sia nel comune di Palermo che di Messina, nonché nelle città di Caltanissetta e Gela. In particolare, si rileva in 5 postazioni il superamento del valore limite dei 35 ammissibili; a Messina in una postazione. Comunque risulta uno scenario di inquinamento da PM10 decisamente grave e che presuppone un intervento strutturale per ridurre l’impatto delle sorgenti primarie di PM10 quali il traffico veicolare in aree urbane. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.66 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 42. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.22 : PM10, numero di superamenti del valore limite della media giornaliera (2004) N° Superamenti del valore limite della media giornaliera 55 µg/m3 per il 2004 da non superare per un max di 35 volte Boccadifalco: 12 (9), Indipendenza: 13 (8), Giulio Cesare: 45 (37), Castelnuovo: 41 (35), Unità d’Italia: 44 (38), Torrelunga: 8 (6), Belgio: 41 (36), Di Blasi: 47 (42). Comune di Palermo*** Piazza Risorgimento: 13; Piazza Stesicoro: 22; Viale V. Veneto - C.so Italia: 26; Piazza Europa: 5; Osp. Garibaldi: 8; Viale della Regione: 3; P. A. Moro: 9; Piazza Risorgimento: 13; Zona Industriale: 1; Via Messina: 1; Piazza Michelangelo: 1. Comune di Catania Provincia di Agrigento** Provincia di Caltanissetta Centro storico di Caltanissetta:26; Ospedale di Gela:12. Liceo Archimede: 22, Boccetta-S. Francesco: 60; Minissale-Via consolare: 23; CaronteProvincia di Messina* Viale della Libertà: 21. Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti da enti gestori di reti pubbliche (2004) * gennaio-giugno 2004 ** periodo di osservazione non rappresentativo (novembre-dicembre 2004) *** tra parentesi il numero dei superamenti al netto degli eventi eccezionali 50 concentrrazioni di PM10 45 40 35 30 25 20 15 10 5 D iB la si io lg Be To rre lu ng a d' Ita lia U ni tà C as te ln uo vo C es ar e G iu lio In di pe nd en za Bo cc ad ifa lc o 0 stazioni Fonte: Elaborazione grafica ARPA Sicilia su dati Enti Gestori (2005) Figura 2.25: PM10, media annua delle concentrazioni medie giornaliere in µg/m3 (2004) – Comune di Palermo Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.67 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 43. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c INDICATORE CONCENTRAZIONI IN ARIA DI BENZENE (C6H6) SCOPO Il benzene è un idrocarburo aromatico volatile. E’ generato dai processi di combustione naturali, quali incendi ed eruzioni vulcaniche, ed inoltre è rilasciato in aria dai gas di scarico degli autoveicoli e dalle perdite che si verificano durante il ciclo produttivo della benzina (preparazione, distribuzione e l'immagazzinamento). Considerato sostanza cancerogena, riveste un’importanza particolare nell’ottica della protezione della salute umana. L’indicatore proposto è volto a verificare che le concentrazioni in aria di benzene non oltrepassino i valori limite prescritti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE Utilizzando i dati riferiti alle città di Palermo e Catania, per l’anno 2002, è stata individuata - la concentrazione media annua, il cui valore limite per la protezione della salute umana è pari a 5 •g/m3 a cui si aggiunge un margine di tolleranza pari a 5 •g/m3 da raggiungere nel 2010, con riduzione annua (D.M. 2 aprile 2002 n.60) costante a partire dal 1/1/2006. - i superamenti del valore limite della media annuale (D.M. 2 aprile 2002, n.60). UNITÀ di MISURA Microgrammi al metro cubo (•g/ m3). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti, per la città di Catania, dal Comune di Catania, Direzione Tutela Ambientale, per la città di Palermo, dall’AMIA s.p.a. e per la città di Messina dalla Provincia Regionale. NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.23 riporta i superamenti registrati nelle tre grandi aree urbane. La figura 2.26 rappresenta le concentrazioni medie annue di benzene registrate rispettivamente nella città di Catania, Palermo e Messina nel corso del 2004. STATO e TREND Il D.M. n. 60/02 ha introdotto un valore limite per la protezione della salute umana pari a 5 µg/m3 come media annuale da raggiungere entro il primo gennaio 2010, a cui si aggiunge un margine di tolleranza di 5 µg/m3 fino al 31 dicembre 2005. Dal primo gennaio 2006, e successivamente ogni 12 mesi, il valore è ridotto secondo una percentuale costante per raggiungere lo 0% di tolleranza al primo gennaio 2010. Pertanto, sino al 1 gennaio 2006 il valore limite per il benzene coincide con il valore previsto per l’obiettivo di qualità dal D.M 25 novembre 1994. Dalle figure che seguono si evince che le concentrazioni medie annue di benzene risultano, per l’anno 2004, inferiori al valore limite di 10 •g/ m3, ad eccezione di una postazione, sita a Palermo. Analogamente nella città di Messina i valori di benzene registrati nel 2004 si collocano al disotto dei 10 •g/ m3. Le postazioni di benzene presenti nelle tre grandi aree metropolitane di Palermo, Catania e Messina, rispettivamente in numero di tre, due e due, non rilevano superamenti del valore limite annuale eccezion fatta per una stazione del comune di Palermo dove il valore limite viene di poco superato. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.68 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 44. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.23: Benzene numero di superamenti del valore limite della media giornaliera nell’anno civile (2004) N° Superamenti del valore limite della media giornaliera 10 µg/m3 per l’anno civile 2004 1 (Di Blasi) Comune di Palermo (media annuale) Comune di Catania 0 Provincia di Agrigento** Provincia di Caltanissetta 0 Provincia di Messina* 0 Provincia di Siracusa Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti da enti gestori di reti pubbliche (2004) * gennaio-giugno 2004 ** periodo di osservazione non rappresentativo (novembre-dicembre 2004) 12 concentrazioni C6H6 10 8 6 4 2 0 PA1 PA2 PA3 CT1 CT2 ME1 ME2 CL stazioni Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati Enti Gestori, 2005 Figura 2.26 : Benzene (C6H6), concentrazioni medie annue dei valori giornalieri in µg/m3 rilevate dagli Enti Gestori (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.69 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 45. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA INDICATORE CONCENTRAZIONI IN ARIA DI OZONO (O3 ) SCOPO L’ozono è un inquinante secondario, generato dalla trasformazione degli ossidi di azoto e dai composti organici volatili (detti inquinanti “precursori”) reattivi in presenza di radiazione solare anche a distanze notevoli dalle sorgenti primarie. I livelli di ozono sono strettamente correlati alle condizioni meteoclimatiche: infatti, tendono ad aumentare durante i mesi più caldi dell’anno e durante le ore di maggiore irraggiamento solare. L’ozono, inoltre, è responsabile, insieme ad altre sostanze foto-ossidanti del fenomeno dell’inquinamento fotochimico. L’indicatore proposto è finalizzato a valutare che le concentrazioni in aria rispettino i limiti introdotti dalla normativa vigente. DESCRIZIONE Utilizzando i dati forniti dagli enti gestori di rete pubbliche nel 2004, sono stati elaborati i seguenti indicatori: - Concentrazione media annua; - Numero di superamenti del livello di attenzione delle concentrazioni medie orarie, il cui valore limite medio orario è pari a 200 µg/ m3 (D.M. 16/05/1996). Al riguardo, è opportuno specificare che il “livello di attenzione”, indicato anche come “livello per l’informazione della popolazione”, non rappresenta una condizione di rischio ma la possibilità di un aggravarsi del fenomeno nel caso continuassero, per più giorni, condizioni atmosferiche sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti che contribuiscono alla formazione dello smog. UNITÀ di MISURA Microgrammi al metro cubo (µg/ m3). FONTE dei DATI Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti dagli enti gestori di Reti pubbliche per il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico (2004). Nell’ambito della rete EUROAIRNET si è scelta la rete del comune di Palermo ad integrazione di quella europea in quanto caratterizzata da una copertura spaziale e da una rappresentatività sufficienti per fornire dati confrontabili a livello europeo (EEA technical report Air pollution by ozone in Europe in summer 2004). In questo ambito l’ARPA Sicilia ha partecipato ad un progetto di catena di riferibilità della misura delle concentrazioni di ozono, coadiuvata appunto dall’esperienza acquisita in materia dall’AMAT S.p.A. che gestisce la rete di Palermo, acquistando un calibratore di ozono che verrà tarato sul campione primario e che in seguito fungerà da calibratore zonale per la Sicilia. In questo modo gli analizzatori presenti nelle reti di rilevamento dell’aria avranno un riferimento regionale tecnico per la calibrazione dei loro strumenti al fine di rilevare in modo accurato e confrontabile le concentrazioni di ozono con metodi di misura identici ed apparecchi tarati sullo stesso riferimento. NOTE TABELLE e FIGURE La tabella 2.24 riporta il numero complessivo di superamenti del livello di attenzione delle concentrazioni medie orarie nel 2004. La figura 2.27 mostra le concentrazioni medie e massime annuali registrate dalle due postazioni di misura del comune di Palermo. STATO e TREND Dall’analisi della tabella 2.24 dei superamenti si nota come sola nella Provincia di Siracusa ed in particolare nella postazione di Melilli, si rilevano delle concentrazioni di ozono che superano la soglia di attenzione. Il verificarsi dei superamenti in questa zona sono dovuti principalmente alle condizioni meteo-climatiche tipiche dell’area di Augusta, dove le condizioni di stabilità, l’elevata temperatura, e la presenza di precursori della formazione dell’ozono, favoriscono il formarsi di quantità di ozono che oltrepassano la soglia di attenzione. Le concentrazioni rilevate dalle altre reti pubbliche presenti in Sicilia sono relativamente basse rispetto al valore di soglia in quanto dipendono fortemente dalla scelta del sito dove è ubicata la postazione di misura, essendo il più delle volte di tipo urbano o industriale,ed in ogni caso vicino alle sorgenti primarie (fig. 2.27). I dati rilevati dalla rete di monitoraggio del Corpo Forestale (CONECOFOR) mostrano dei valori Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.70 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 46. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA medi di concentrazioni di ozono sensibilmente più elevati nelle aree verdi della Sicilia (comunicazione orale al Convegno sull’Inquinamento Atmosferico. CNR, Roma – 22 marzo 2004). Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.71 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 47. h a n g e Vi e N bu y to lic .c Tabella 2.24 : Ozono (O3), numero di superamenti della soglia di attenzione (2004) Concentrazione media di 1 ora da non raggiungere più di una volta al mese: 200 µg/m3 Comune di Catania 0 Comune di Palermo 0 Provincia di Agrigento** - Provincia di Caltanissetta 0 Provincia di Messina* 0 Provincia di Siracusa 8 (Melilli) Fonte: Elaborazione ARPA Sicilia su dati forniti dagli Enti Gestori (2005) * gennaio-giugno 2004 ** periodo di osservazione non rappresentativo (novembre-dicembre 2004) 200 Concentrazioni di Ozono 160 120 80 40 0 Boccadifalco valori medi annuali Castelnuovo valori max annuali Fonte: Elaborazione grafica ARPA Sicilia su dati Comune di Palermo (2005) Figura 2.27 : Ozono (O3), confronto concentrazioni medie e massime annuali in µg/m3. Comune di Palermo (2004) Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.72 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to ATMOSFERA Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 48. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c Bibliografia ACE-T-RAP-00-06. Relazione tecnica per l’avvio della realizzazione della rete nazionale di monitoraggio delle Deposizioni e dell’inquinamento Atmosferico di Fondo. ANPA, 2000 – Inventari locali di emissione in atmosfera . Prima indagine conoscitiva RTI CTN_ACE 1/2000 ANPA, Emissioni in atmosfera e qualità dell’aria in Italia. Primo rapporto ANPA sugli indicatori di pressione e di stato dell’ambiente atmosferico, 1999. APAT, 2003. Annuario dei Dati Ambientali. APAT, 2004 – Inventari locali delle emissioni in atmosfera. Seconda indagine conoscitiva, gruppo di lavoro CTN_ACE. ANPA, 2000 – Le emissioni in atmosfera da trasporto stradale, Serie Stato dell’ambiente n. 12/2000. Assessorato Territorio e ambiente della Regione Siciliana, 2002 - Prima Relazione sullo Stato dell’Ambiente della Sicilia, Palermo, 1- 880. ARPA Sicilia (2003), Ricognizione delle reti di rilevamento della qualità dell’aria, Allegato I al Documento Realizzazione, completamento ed adeguamento reti di monitoraggio. ARPA Sicilia, 2003 – Annuario regionale dei dati ambientali, Palermo 1-580. Capilli, G., Dario Di Gangi, 2003 – Linee guida al monitoraggio e all’analisi di microinquinanti in campo chimico-fisico, gruppo di lavoro CTN_ACE. CTN_ACE, 2004 – Linea guida reti di monitoraggio della qualità dell’aria CTN_ACE, 2004a – Linee guida per la predisposizione delle reti di monitoraggio della qualità dell’aria in Italia. CTN_ACE, 2004b – Linee guida al monitoraggio e all’analisi di microinquinanti in campo chimico-fisico COPERT III (EEA, 2000). Decreto legislativo del 4 agosto 1999, n. 351, di recepimento della direttiva 96/62/CE del Consiglio in materia di valutazione e di gestione della qualita' dell'aria ambiente, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 13 ottobre 1999, n. 241. Decreto del Ministro dell'ambiente del 20 maggio 1991 concernente i criteri per la raccolta dei dati inerenti la qualita' dell'aria ambiente, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 31 maggio 1991, n. 126. Decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1992 recante atto di indirizzo e coordinamento in materia di sistemi di rilevazione dell'inquinamento urbano, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10 gennaio 1992, n. 7. Decreto del Ministro dell'ambiente 15 aprile 1994 concernente le norme tecniche in materia di livelli e di stati di attenzione e di allarme per gli inquinanti atmosferici nelle aree urbane, ai sensi degli articoli 3 e 4, del Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.73 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 49. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA lic .c decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203, e dell'articolo 9, del decreto del Ministro dell'ambiente 20 maggio 1991, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10 maggio 1994, n. 107. Decreto del Ministro dell'ambiente 25 novembre 1994 sull'aggiornamento delle norme tecniche in materia di limiti di concentrazione e di livelli di attenzione e di allarme per gli inquinanti atmosferici nelle aree urbane e disposizioni per la misura di alcuni inquinanti di cui al decreto del Ministro dell'ambiente del 15 aprile 1994, pubblicato nel supplemento ordinario n. 159 alla Gazzetta Ufficiale del 13 dicembre 1994, n. 290. Direttiva 99/30/CE del Consiglio del 22 aprile 1999 relativa ai valori limite di qualità dell'aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto, le particelle e il piombo, come modificata con decisione 2001/744/CE del 17 ottobre 2001. Direttiva 2000/69/CE del Consiglio del 16 novembre 2000 relativa ai valori limite di qualità dell'aria ambiente per il benzene ed il monossido di carbonio. Decisione 97/101/CE del 27 gennaio 1997 che instaura uno scambio reciproco di informazioni e di dati provenienti dalle reti e dalle singole stazioni di misurazione dell'inquinamento atmosferico negli Stati membri, come modificata con decisione 2001/752/CE del 17 ottobre 2001. Decisione 2001/744/CE del 17 ottobre 2001 che modifica l'allegato V della direttiva 99/30/CE del Consiglio concernente i valori limite di qualità dell'aria ambiente per il biossido di zolfo, il biossido di azoto, gli ossidi di azoto, le particelle e il piombo. DECRETO 1 ottobre 2002, n. 261 Regolamento recante le direttive tecniche per la valutazione preliminare della qualità dell'aria ambiente, i criteri per l'elaborazione del piano e dei programmi di cui agli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351.(G.U. n. 272 del 20.11.2002). Decreto ministeriale n° 60 del 4 Aprile 2002 (DM 60/2002). Decreto legislativo del Governo n° 183 del 21 maggio 2004 (D. Lgs. 183/2004). European Environment Agency, Criteria for EUROAIRNET. Technical Report n. 12 (febbraio 1999). European Environment Agency, Euroairnet – Status Report 2000. (2003) EEA, technical report 2005c – Ozone EEA, 2005 – Trend gas emissions EEA Technical report No 5/2004a - Air pollution and climate change policies in Europe: exploring linkages and the added value of an integrated approach. EEA Technical report No 5/2004 Air pollution and climate change policies in Europe: exploring linkages and the added valueof an integrated approach. Weblink: http://reports.eea.eu.int/technical_report_2004_5/en EEA Technical report No 3/2005 Air pollution by ozone in Europe in summer 2004. Weblink: http://reports.eea.eu.int/technical_report_2005_3/en EEA Topic report No 4/2003 Air pollution in Europe 1990–2000. Weblink: http://reports.eea.eu.int/topic_ report_2003_4/en/ EMEP/CORINAIR, “Atmospheric Emission Inventory Guidebook”, terza edizione, 2002. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.74 .d o m o o c u -tr a c k C w w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c
  • 50. h a n g e Vi e N y bu to ATMOSFERA EMEP/Corinair emission inventory guidebook —Third edition, September 2004 update. Technical report No 30 - Weblink: http://reports.eea.eu.int/ EMEPCORINAIR4/en IPCC/OECD , " Revised 1996 IPCC Guidelines for National Greenhouse Gas Inventories", 1997. Parere del Comitato economico e sociale europeo sul tema Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di taluni idrocarburi policiclici aromatici contenuti negli oli diluenti e negli pneumatici (ventisettesima modifica della direttiva del Consiglio 76/769/CEE) (COM(2004) 98 def. 2004/0036 (COD)) (2005/C 120/07). Recommandations on the review of Council Directive 1999/30/EC – Draft 11-05-2004 del CAFÉ Working Group on Implementation. Romano D., Mario Contaldi, Riccardo De Lauretis, Domenico Gaudioso, Barbara Gonella, 2004 - Italian Greenhouse Gas Inventory 1990-2002 National Inventory Report 2004, APAT. Van Minnen, J. G., J. Onigkeit, J. Alcamo (2002). ‘Critical climate change as an approach to assess climate change impacts in Europe: development and application’. Environmental Science and Policy 5: 335–347. WHO-Systematic Review of Health Aspects from Air Pollution WHO has updated its Air Quality Guidelines for Europe (AQG), providing information on adverse health effects of exposure to specific air pollutants on human health, in the 1990s. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente - Sicilia 2.75 .d o m w o .c C lic o c u -tr a c k w w .d o m C lic k to Annuario regionale dei dati ambientali 2004 w w w w k bu y N O W ! XC er O W F- w PD h a n g e Vi e ! XC er PD F- c u -tr a c k .c