Presentazione religione cristiana

1,273
-1

Published on

Svolto dalla classe 1SA

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,273
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione religione cristiana

  1. 1. Rai Geymonat presenta…
  2. 2. Il testo sacro su cui si basano i tre tipi di religione cristiana è la Bibbia, divisa in Antico e Nuovo Testamento. L’Antico Testamento coincide quasi con la Bibbia ebraica (Tanak).Antico Testamento significa Antica Alleanza, infatti parladell’alleanza che Dio ha stretto con Abramo e con la suadiscendenza.Esso include 46 libri raggruppati in 4 parti: Pentateuco , LibriStorici, Libri Sapienziali , Libri Profetici. Nuovo Testamento significa, invece, Nuova Alleanza e racconta l’alleanza che Dio ha stretto con gli uomini donando il suo unico figlio Gesù Cristo. Racconta la vita di Gesù e definisce una nuova alleanza tra Dio e gli esseri umani. Quest’ultimo è costituito da 27 libri raggruppati in 3 parti: Vangeli, Lettere di San Paolo, Lettere Cattoliche.
  3. 3. Per i tre tipi di religioni cristiane esistono differenti oggetti liturgici, i qualivariano a seconda dei vari tipi di liturgia; i principali sono: i vasi sacri, ipanni sacri, gli indumenti e i paramenti. La suppellettile liturgica è ilcomplesso degli oggetti che servono per il culto divino.
  4. 4. Il Calice Coppa di metallo prezioso con linterno dorato, destinato a contenere il Preziosissimo Sangue durante la messa .La PissidePer contenere le Sacre Specie (Ostie) per la Comunione; ha la formadi un calice, con la coppa più grande e panciuta e con un coperchiosormontato da una croce; deve essere in metallo nobile, conlinterno della coppa dorato. La Patena Piatto rotondo di metallo usato nella messa per contenere l‘Ostia sia prima che dopo la consacrazione. È leggermente concava o ha, nel mezzo, un disco un poco incavato. Viene posto sopra il calice coperto dalla palla, sia dallinizio della messa alloffertorio, sia dopo la comunione. Ostensorio Serve per lesposizione del Ss.mo Sacramento durante il Triduo Pasquale.
  5. 5. La Palla La parola deriva dal latino “Pallium" e significa "piccolo drappo" ed è appunto un piccolo quadretto di stoffa inamidata che serve a coprire il calice durante la messa. La Palla è posta sopra la Patena dove è stata già posta l‘Ostia.Il PurificatorioÈ il panno usato per pulire il calice e la patena dopo che hanno contenutol’eucarestia.
  6. 6. La CottaVeste analoga al camice ma più corta, che arriva più o meno alle ginocchia, da indossaresempre e solo sopra l‘Abito Talare (Camice). Anche le maniche sono più corte. Viene usataper cerimonie minori (es. cotta e stola per la benedizione delle case, ecc.) da chierici genericio anche laici che servono la messa. In principio era la veste usata dai preti.Colori: non segue i colori liturgici, è sempre bianca.La Pianeta (o Casula)La Pianeta deriva da una veste romana, è divenuta nei secoli un rettangolo distoffa con gli angoli arrotondati larga circa come le spalle, e che ricade davantie dietro il sacerdote, grazie ad unapertura al centro che permette di infilarela testa. È il simbolo del sacerdozio, viene portata da sacerdoti di ogni ordinee grado (da presbitero in su) e quasi esclusivamente durante la messa.
  7. 7. Il PivialeViene usato nella generalità delle celebrazioni liturgiche al di fuoridella messa, per la quale si usa invece la Pianeta o la Casula. Vieneusato ad esempio per le processioni, per i Vespri, per le benedizioni colSS. Sacramento, ecc.Viene portato sopra all’Amitto, al camice e alla stola.Non è propriamente un abito sacerdotale, perché viene usato anchedai chierici minori, o dai cantori (salmisti) che intonano il primoversetto dei salmi durante la celebrazione dei vespri. La Stola Una striscia di stoffa lunga e relativamente stretta, che equivale ad una fascia di stoffa larga alcuni centimetri e lunga oltre un metro, che viene portata in vari modi a seconda del grado. Il vescovo ed il prete la portano con le due bande che ricadono davanti. Può essere portata sia sopra la cotta che il Camice. Fino a poco tempo fa il prete (presbitero) la doveva legare incrociandola sul petto, legarla diritta era privilegio del vescovo.
  8. 8. Colore Significato Viene usato nel tempo di Avvento nel tempo di QuaresimaViola penitenza, conversione, attesa e suffragio nella liturgia dei defunti penitenza (confessione) nel tempo di Natale nel tempo di Pasqua risurrezione, gioia e purezzaBianco A volte i paramenti bianchi sono divenuti così nelle celebrazioni del Signore ricchi da trasformarsi in color oro, a cui equivale. nelle celebrazioni della Vergine Maria nelle celebrazioni dei santi non martiri speranza, costanza nel cammino e ascoltoVerde nel tempo ordinario perseverante la domenica delle Palme il Venerdì Santo la domenica di PentecosteRosso amore e martirio nelle celebrazioni dei santi martiri è il colore eucaristico (es. per le benedizioni col SS. Sacramento, per il Corpus Domini ecc.) lutto pontificio è derivato dal violetto ma "attenuato", in uso in nella III domenica di Avvento (detta due domeniche rispettivamente a metà Gaudete - Gioite)Rosa quaresima e metà avvento, che interrompono il nella IV domenica di Quaresima (detta digiuno e la penitenza. Laetare - Rallegrati)
  9. 9. La croce Il simbolo più importante del cristianesimo è la croce, che rievoca il supplizio di Gesù Cristo. L’Agnello L’Agnello è il simbolo di Gesù sacrificato per la salvezza degli uomini e riferimento della pratica ebraica: il sacrificio dell’agnello come ricordo della liberazione dalla schiavitù d’Egitto.La colombaSimboleggia lo Spirito Santo, una delle trepersone della Trinità.
  10. 10. Corpus Domini Festa cristiana della Santa Eucarestia, celebrata il giovedì dopo la pentecoste. La festività venne stabilita da papa Urbano IV nel 1264. La festa del Corpus Domini (Corpo del Signore) è una delle più popolari della cristianità con l’imponente processione che si svolge per le vie delle città. A Roma è capeggiata dal papa stesso.EpifaniaFesta cristiana che celebra la rivelazione di Dio agli uomini nel suofiglio Gesù Cristo ai Magi. Infatti, in greco, “Epiphàneia”, significava“Apparizione” o “Rivelazione”.
  11. 11. Natale Festa della nascita del Signore, celebrata il 25 dicembre. Non c’e nessun’altra festa cristiana così carica di tradizioni, di fascino, che abbia altrettanto richiamo popolare, con le cerimonie e i riti più solenni, con usanze a volte di incerta origine e che si perdono nei secoli passati. La data del 25 è, in realtà, puramente simbolica, perchè se si leggesse la Bibbia i pastori stavano facendo pascolare le pecore, e di inverno le pecore non pascolano.PasquaFestività cristiana che celebra la resurrezione di Cristo. LaPasqua cade tra il 22 marzo e il 25 aprile, ma alcune chiesecristiane la festeggiano in altre date. Il tema principale dellaPasqua è l’annuncio che Gesù, morto e crocefisso, è Risorto.Questo grande evento mette così in atto, nella storia, ilsignificato del suo Divino Nome, Gesù, ossia “Dio Salva”.
  12. 12. PentecosteFesta cristiana di grande rilevanza che cade la settimadomenica dopo Pasqua, e celebra la discesa dello SpiritoSanto sugli apostoli, i doni dello Spirito Santo e lamissione di annunciare il vangelo in tutto il mondo.Pentecoste in greco significa letteralmente“cinquantesimo giorno”, e fa riferimento ai cinquantagiorni dopo la Pasqua ebraica. Santissima Trinità Festa cristiana di rilevanza fondamentale, che viene la prima domenica dopo la Pentecoste. Il giovedì successivo alla SS. Trinità viene celebrato il Corpo e Sangue di Cristo, ossia il Corpus Domini. Si divide in Padre, Figlio e Spirito Santo.
  13. 13. I sacramenti Il sacramento, nella tradizione e fede cristiana, è un rito, istituito da Cristo, che diffonde la grazia di Dio. La Chiesa cattolica riconosce sette sacramenti: battesimo, riconciliazione o confessione, eucaristia o comunione, confermazione o cresima, unzione degli infermi, matrimonio, alcune chiese riconoscono anche l’ordine sacro come sacramento.La Chiesa ortodossa e le Chiese orientali antiche riconoscono gli stessisette sacramenti della Chiesa cattolica, ma li definiscono "misteri"preferendo non utilizzare il termine "sacramento". Nel Protestantesimoviene ridiscussa la natura dei sacramenti, e generalmente vengonoconsiderati tali solo quelli di cui il Nuovo Testamento riporta un comandoesplicito da parte di Gesù, cioè il battesimo, leucarestia e parzialmente laconfessione. Al termine "sacramento" viene generalmente preferito inambito protestante quello di "ordinanza".
  14. 14. I comandamenti (genesi-esodo) 1. Non avrai altro Dio fuori di me. 2. Non nominare il nome di Dio invano. 3. Ricordati di santificare le feste . 4. Onora il padre e la madre. 5. Non uccidere. 6. Non commettere atti impuri (adulterio). 7. Non rubare. 8. Non dire falsa testimonianza. 9. Non desiderare la donna daltri. 10. Non desiderare la roba daltri.
  15. 15. Il Papa I cardinali
  16. 16. I Vescovi Arcivescovi I preti Le Suore
  17. 17. I DiaconiI Cerimonieri I Chirichetti
  18. 18. La Chiesa La Chiesa cattolica è la Chiesa cristiana che riconosce il primato di autorità al papa, in quanto,secondo la fede cattolica, successore dellapostolo Pietro sulla cattedra di Roma.Il nome richiama luniversalità della Chiesa fondata da Gesù Cristo.Tra le Chiese cristiane, secondo le statistiche, la Chiesa cattolica conta il maggior numero difedeli a livello mondiale, con unalta percentuale in America Latina e in Europa.
  19. 19. La Palestina La Palestina è una regione storica del Vicino Oriente compresa tra il Mar Mediterraneo ed il fiume Giordano. Attualmente il suo territorio è diviso tra lo Stato di Israele, i Territori Palestinesi, ed, in parte, tra Giordania, Libano e Siria.Il fiume GiordanoIl fiume Giordano nasce dal MonteHermon (2700 m), in Israele, al confinecon il Libano e la Siria, è lungo 320 km esubito dopo la sorgente abbandonaquesti ultimi due Stati per scorrereverso meridione e segnare il confine traIsraele (a ovest) e Giordania (a est).
  20. 20. Nazaret Nazaret è una città di 60.000 abitanti del Distretto Nord di Israele, nella regione storica della Galilea. Nazareth è famosa universalmente come la città di origine di Gesù, che secondo i Vangeli, pur essendo nato a Betlemme, vi abitò durante la sua infanzia e giovinezza. A Nazaret inoltre, sempre secondo i Vangeli, avvenne lAnnunciazione.Il lago di TiberiadeLa maggior parte dell’attività di Gesù si collocaintorno al lago di Tiberiade.Il lago nel vangelo di Marco assume un valoresimbolico.
  21. 21. Il monte Calvario Calvario è il nome della collinetta appena fuori Gerusalemme su cui, secondo la narrazione dei vangeli, salì Gesù per esservi crocifisso.La Basilica di San PietroLa Basilica di San Pietro in Vaticano è una Basilicacattolica della Città del Vaticano, cui fa dacoronamento la monumentale Piazza San Pietro. Èla più grande delle basiliche papali di Roma, spessodescritta come la più grande Chiesa del mondo ecentro del cattolicesimo.
  22. 22. Le religioni Cristiane sono monoteiste e credono in un Dio, Gesù suo figlio e nello Spirito Santo che insieme formano la Santissima Trinità. Nelle tre religioni è comune la credenza della Trinità; mentre variano le credenze nei Santi …Credo in un solo Dio,Padre onnipotente,Creatore del cielo e della terra,di tutte le cose visibili e invisibili.Credo in un solo Signore, GesùCristo,unigenito Figlio di Dio,nato dal Padreprima di tutti i secoli:Dio da Dio, Luce da Luce, Dio veroda Dio vero, generato, non creato,della stessa sostanza del Padre;per mezzo di lui tutte le cose sonostate create.Per noi uomini e per la nostrasalvezza discese dal cielo,e per opera dello Spirito Santo si èincarnato nel seno della VergineMaria e si è fatto uomo.Fu crocifisso per noi sotto PonzioPilato, mori e fu sepolto.Il terzo giorno è risuscitato,secondo le Scritture, è salito al cielo,siede alla destra del Padre.E di nuovo verrà, nella gloria, pergiudicare i vivi e i morti, e il suoregno non avrà fine.Credo nello Spirito Santo,che è Signore e dà la vita, e procededal Padre e dal Figlio. Con il Padree il Figlio è adorato e glorificato, eha parlato per mezzo dei profeti.Credo la Chiesa, una santacattolica e apostolica.Professo un solo Battesimo per ilperdono dei peccati.Aspetto la risurrezione dei mortie la vita del mondo che verrà.Amen.
  23. 23. Abramo e chiamato "il padre dei credenti". Diogli apparve e gli ordinò di lasciare il suo paeseverso la "terra promessa" e gli promise unadiscendenza numerosa "come le stelle del cielo ecoma la sabbia sulla riva del mare". Abramolasciò il suo paese secondo lordine del Signore,ma nonostante fosse fedele a Dio non aveva figlida sua moglie Sara. Soltanto la schiava Agar glidiede un figlio (Ismaele), ma non era questo ilfiglio promesso da Dio. Quando Abramo ebbe100 anni, sua moglie Sara diede alla luce Isaccoche lo successe nella guida del popolo ebraico.Quando Isacco divenne fanciullo, Dio disse adAbramo di sacrificarlo per lui. Abramo prese ilfiglio e partì per offrirlo in sacrificio, ma quandogià aveva alzato il pugnale per ucciderlo langelodel Signore gli fermò la mano e la voce di Diodisse: Ora conosco la tua fede, perchè non mi hairifiutato il tuo figlio unico. Abramo, quindi ebbeuna numerosa discendenza che si concluse con lanascita di Gesù.
  24. 24. LA NASCITA DI GESÙGiuseppe e Maria dovettero recarsi aBetlemme, luogo dorigine delle lorofami-glie, per registrare il loro nome alcensimento ordinato dallimperatoreCesare Augusto.Giunti a Betlemme, Giuseppe cercò subi-toun alloggio decoroso per la giovane sposa,ma, non trovandolo, dovette passare lanotte fuori della città, in una stalla peranimali.Fu qui che nacque Gesù.Appena lo ebbe fra le braccia, Maria adoròil Figlio di Dio che sera fatto uomo, lobaciò, lo avvolse in fasce e lo depose sullapaglia della mangiatoia. IL BATTESIMO DI GESÙ Quando venne il tempo stabilito da Dio, Gesù - che aveva ormai più di 30 anni - lasciò Nazaret e andò al fiume Giordano da Giovanni per essere battezzato da Giovanni, che era un uomo che aveva passato la sua vita nel deserto in preghiera e penitenza, e che ora richiamava le folle alla conversione e le immergeva nelle acque del Giordano.
  25. 25. GESŪ PARLA DI DIOAppena battezzatoGesù incominciò lamissione che il Padre gliaveva affidato, diannunciare al mondo leverità divine. GESÙ COMPIE I MIRACOLI Gesù, per dimostrare alla gente che quanto insegnava era veramente parola di Dio, fece molti miracoli, cioè prodigi che solo Dio poteva fare, come la guarigione istanta-nea di malati e la risurrezione di morti. Il suo primo miracolo Gesù lo fece a Cana di Galilea.
  26. 26. L’ULTIMA CENAEd ecco che, mentre mangiavano,Gesù prese del pane e, detta labenedizione, lo spezzò e lo diede aidiscepoli dicendo: «Pren-dete emangiate: questo è il mio Corpo». Poi,preso un calice, rese grazie e lo diedeloro di-cendo. «Prendete e bevetenetutti: questo è il calice del mio Sangue,per la nuova ed eterna alleanza,versato per voi e per tutti inremis-sione dei peccati». Ed aggiunse:«Fate questo in memoria di me!». GESÙ MUORE SULLA CROCE Gesù disse: «Tutto è compiuto. Padre, nelle tue mani abbandono lanima mia!». E detto questo, spirò. Erano le ore 15 di venerdì 7 Aprile dellanno 778 di Roma.
  27. 27. GESŪ RISORGE DALLA MORTEQualche ora più tardi, le piedonne ami-che della Madre diGesù andarono al sepol-cro;ma quale fu il loro stupore neltrovare la pietra rovesciata edil sepolcro vuoto!Ma lAngelo del Signore disseloro: «Non temete! Voi cercateGesù, il crocifisso: è risorto,non è qui. Andate da Pietro edagli Apostoli e dite loro che liaspetta in Galilea».
  28. 28. Maria Maria è il nome della madre di Gesù. È venerata come "Santissima Madre di Dio" dai Cattolici e dagli Ortodossi; la sua santità è comunque riconosciuta dalla Comunione Anglicana e anche da confessioni Protestanti come quella Luterana.San Francesco d’AssisiSan Francesco d‘Assisi, è stato un religioso italiano.Fondatore dell‘ordine che da lui poi prese il nome,è venerato come santo dalla chiesa cattolica. Il 4ottobre ne viene celebrata la memoria liturgica intutta la chiesa cattolica. È stato proclamato,assieme a Santa Caterina da siena, patronoprincipale d‘Italia il 18 Giugno 1939 da papa PioXII.
  29. 29. Gli apostoli di Gesù come descritto nel nuovo testamento, sono i dodici costituiti da Gesù. « Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede il nome di apostoli. ».Paolo (o Saulo) di Tarso, noto come san Paolo peril culto tributatogli ,è stato l«apostolo dei gentili»[,ovvero il principale missionario del vangelo diGesù tra i pagani, greci e romani. Lepisodio, notocome la conversione di San Paolo che diede linizioallopera di evangelizzazione del santo.Come gli altri primi missionari cristiani, rivolseinizialmente la sua predicazione agli Ebrei, ma inseguito si dedicò prevalentemente ai «Gentili».
  30. 30. San Filippo NeriSan Filippo Neri è stato un sacerdote italiano. Fiorentinodorigine, si trasferì, ancora molto giovane, a Roma, dove decisedi dedicarsi alla propria missione evangelica in una città corrottae pericolosa, tanto da ricevere lappellativo di “Secondo Apostolodi Roma".Radunò attorno a sé un nutrito gruppo di ragazzi di strada,avvicinandoli alle celebrazioni liturgiche e facendoli divertire,cantando e giocando, in quello che sarebbe, in seguito, divenutolOratorio, ritenuto e proclamato come vera e propriacongregazione da papa Gregorio XIII nel 1575. Papa Giovanni Paolo II Papa Giovanni Paolo II, è stato il 264º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica (il 263º successore di Pietro) e 6º sovrano dello Stato della Città del Vaticano. Fu eletto papa il 16 ottobre 1978. In seguito alla causa di canonizzazione, il 1º maggio 2011 è stato proclamato beato dal suo immediato successore Benedetto XVI e verrà festeggiato annualmente nel giorno del suo insediamento, il 22 ottobre.
  31. 31. La TrinitàLa Trinità è la dottrina centraledelle più diffuse chiesecristiane quali la cattolica eortodossa, oltre che dellechiese riformate storichecome quella luterana, quellacalvinista e quella anglicana.
  32. 32. Nelle fonti agiografiche cristiane si ricordano tra la seconda metà del I secolo e gli inizi del IV secolo 10 principali persecuzioni contro i cristiani, avvenute sotto diversi imperatori.La prima persecuzione, quella diNerone, scoppiò nel 64 d.C. quando icristiani furono accusati di avereappiccato il Grande Incendio di Romache distrusse gran parte della città. Nei successivi due secoli e mezzo il Cristianesimo rimase sempre formalmente una religione illecita. Lintensità e i modi della sua repressione variarono nel tempo: alle dieci "grandi persecuzioni" sopra elencate si alternarono periodi di tranquillità in cui la fede cristiana era tacitamente tollerata.
  33. 33. Le stime sul numerodi cristiani uccisidurante questoperiodo sono tuttoramateria di dibattitotra gli studiosi. Le persecuzioni cessarono con leditto di Milano del 313, nel quale Costantino I riconobbe la libertà di culto ai cristiani, pur permettendo la professione dei Paganesimo e quella di alti culti.
  34. 34. Il libro degli Atti degli Apostoli dice che i primi adessere chiamati "cristiani" furono i discepoli diGesù che si radunavano nella città di Antiochia eche vi si rifugiarono dopo le prime persecuzioniin Palestina, probabilmente pochi anni dopo lamorte di Gesù. I primi cristiani, non erano solo poveri o emarginati: fra di essi ve nera un certo numero che si erano convertiti al cristianesimo perché insoddisfatti dei vari culti che si erano andati diffondendo nel mondo romano e della politica imperiale di sostegno nei confronti del sincretismo religioso.
  35. 35. Nel II secolo le Chiese giudeo-cristiane (quelle vicine allebraismo) vennero progressivamente estromesse dallebraismo che stava riorganizzando le proprie strutture e basi religiose dopo la crisi della distruzione del Tempio del 70 d.C., mentre le Chiese dei gentili continuarono ad espandersi. Gli storici indicano col termine "Grande Chiesa" linsieme delle comunità derivate dai vari apostoli.La diffusione del Cristianesimo nel II e IIIsecolo si può collocare allinterno di unapiù vasta diffusione nellImpero Romano dialtre religioni originarie della parteorientale dellimpero. Il pensiero cristiano era sempre stato "controcorrente", in netta opposizione ai valori tradizionali diffusi nellImpero romano. In seguito ai tentativi anche violenti di sradicarlo, la Chiesa aveva trovato modo di adattarsi alla convivenza con la realtà terrena.
  36. 36. Il Grande Scisma, definito in Oriente Scisma dei Latinied in Occidente Scisma dOriente, fu levento che,rompendo lunità di quella che fu la Chiesa di StatodellImpero Romano, basata sulla Pentarchia, divise laCristianità Calcedoniana fra la Chiesa cattolica romana,che aveva sviluppato lidea del primato (anchegiurisdizionale) del Vescovo di Roma (in quantoconsiderato successore dellApostolo Pietro), e laChiesa ortodossa, che invece riteneva di rappresentarela continuità della Chiesa indivisa del primo millennio. Sebbene normalmente si indichi il 1054 come anno dello scisma, ossia quando il Papa Leone IX, attraverso i suoi legati, lanciò la scomunica al patriarca Michele I Cerulario e questultimo, a sua volta, rispose con un proprio anatema, lo Scisma fu effettivamente il risultato di un lungo periodo di progressivo distanziamento fra le due Chiese.
  37. 37. La Riforma protestante è il nome dato al movimento religioso, con rivoluzionari risvolti politici, che ha interessato la Chiesa cattolica nel XVI secolo e che ha portato alla nascita del Protestantesimo. Lorigine del movimento è da attribuire al frate agostiniano Martin Lutero. Martin Lutero con le sue 95 tesi fu accusato di eresia dai domenicani che lo convocarono a Roma per discolparsi.Proprio come molti altri avvenimentistorici, la riforma protestante ha unadata di inizio ufficiale, che coincide conla pubblicazione delle 95 tesi da parte diMartin Lutero, affisse, sulla porta dellaCattedrale di Wittenberg, mercoledì 31ottobre 1517. La riforma protestantenacque come movimento dissenziente,ma riuscì ad affermarsi, diffondersi edimporsi in alcune aree dEuropa perché,diversamente dai movimenti ereticalimedievali, ebbe lappoggio politico edeconomico di molti principi, che nefecero la religione di stato.

×