Your SlideShare is downloading. ×

Giochiamo con gli automi rel 00.02

101
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
101
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Pagina 1 TARTA 02 Giovanni Lariccia GIOCHIAMO CON GLI AUTOMI! La geometria dell’ automa Tarta esplorata con il linguaggio Iplozero DISPENSA NUMERO 02 GIOCANDO CON GLI ANGOLI E GLI OROLOGI COLORATI Appunti relativi ad alcune lezioni di geometria della tartaruga tenute in un corso Pon sulla matematica per bambini di terza elementare Corso svolto nei mesi di marzo, aprile e maggio 2011 presso la Direzione Didattica di San Giorgio del Sannio (Benevento) SAN GIORGIO DEL SANNIO, 6 MAGGIO 2011
  • 2. Pagina 2 Sommario Chi sono, come sono fatti gli automi? ..................Errore. Il segnalibro non è definito. Il computer è un automa......................................Errore. Il segnalibro non è definito. Una società di automi ..........................................Errore. Il segnalibro non è definito. Cosa dovete fare per giocare con noi agli automi…............ Errore. Il segnalibro non è definito. Il gioco dell’ automa da pavimento ......................Errore. Il segnalibro non è definito. Gli automi Iplozero e Tarta...................................Errore. Il segnalibro non è definito. La Tarta sullo schermo .........................................Errore. Il segnalibro non è definito. Il ruolo del foglio..................................................Errore. Il segnalibro non è definito. Iplozero impara nuove parole ..............................Errore. Il segnalibro non è definito. I rosoni.................................................................Errore. Il segnalibro non è definito. I colori e gli spessori.............................................Errore. Il segnalibro non è definito. Il colore di sfondo.................................................Errore. Il segnalibro non è definito. Riassumendo… ............................................................ Errore. Il segnalibro non è definito. I bersagli colorati e la vernice di riempimento .....Errore. Il segnalibro non è definito. I bersagli colorati..................................................Errore. Il segnalibro non è definito.
  • 3. Pagina 3 Un orologio molto semplificato Per capire meglio quello che possiamo fare con l’ automa Tarta, vogliamo esplorare il mondo degli Orologi Colorati, che i bambini di una scuola di Viterbo hanno ribattezzato Orocoli! Per fare un orologio colorato dobbiamo prima di tutto disegnare una lancetta. Niente di più facile per il nostro automa Tarta: PER LANCETTA AVANTI 250 INDIETRO 250 FINE E per vedere cosa fa, come al solito, chiediamo all’ automa Tarta di apparecchiare la sua finestra e poi gli diciamo di fare una lancetta. Osservate attentamente: nella prima parte del foglio, quella evidenziata in giallo, abbiamo spiegato a Iplozero cosa vuol dire LANCETTA. Nella seconda parte, quella evidenziata in verde, abbiamo dato a Iplozero due semplicissimi comandi: TA che, come ricorderete, è l’ abbreviazione di TARTA.APPARECCHIA e poi, nella riga successiva, LANCETTA.
  • 4. Pagina 4 Quando dal menù Prova del foglio diciamo a Iplozero di eseguire tutto il contenuto del foglio, Iplozero prima impara il significato della parola LANCETTA e poi esegue i due comandi! Voi mi chiederete: tutto qui? E cosa ci facciamo con un segmento? Perché quello che il nostro automa Tarta ha disegnato per noi non è altro che un segmento, che noi abbiamo chiamato LANCETTA. Però oltre alla figura dovete osservare che l’ automa Tarta, dopo avere disegnato la LANCETTA è tornata al punto di partenza, pronta ad eseguire nuovi comandi! Il risultato può sembrare a prima vista piuttosto deludente, ma abbiate fiducia, vedrete presto dove vogliamo andare a parare!
  • 5. Pagina 5 Dalle lancette agli orologi: basta ruotare? Dalla lancetta ad un orologio il passo è brevissimo! Basta far ruotare la lancetta per dodici volte, come fa la lancetta delle ore. PER OROLOGIO RIPETI 12 [LANCETTA DESTRA 30] FINE In questo modo abbiamo creato l’ automa OROLOGIO. Le differenze tra un orologio vero e l’ automa OROLOGIO sono importanti. Nell’ orologio vero la lancetta delle ore ruota ad ogni ora di 30 gradi come fa l’ automa LANCETTA che possiamo considerare un automa subordinato dell’ automa OROLOGIO. Però l’ automa LANCETTA ogni volta lascia la traccia, mentre la lancetta vera si sposta e non lascia alcuna traccia. Poi l’ automa OROLOGIO esegue per dodici volte l’ automa LANCETTA ad una velocità supersonica, al punto tale che noi non riusciamo quasi a vederla! Ma questo si potrebbe modificare: potremmo anche dire ad Iplozero di aspettare dopo aver fatto una lancetta: PER LANCETTA AVANTI 250 INDIETRO 250 ASPETTA 1000 FINE In questo modo vedremmo la lancetta disegnarsi a scatti, dove il comando ASPETTA 1000 serve a dire a Iplozero di aspettare un secondo dopo avere eseguito la
  • 6. Pagina 6 LANCETTA. Il numero 1000 infatti va considerato come il numero di millisecondi. Dunque per aspettare un secondo devo scrivere ASPETTA 1000. Se volessi aspettare due secondi dovrei scrivere ASPETTA 2000 e per aspettare mezzo secondo dovrei scrivere ASPETTA 500. Per certi aspetti il nostro automa OROLOGIO ricorda il funzionamento della lancetta delle ore di un orologio vero. Ma il fatto che tra una lancetta e l’ altra passino 1000 millisecondi, cioè un secondo, ci fa invece pensare alla lancetta dei secondi… Ma questi esempi sono sin troppo facili per bambini svegli come voi!!! Quello che è certo è che abbiamo creato due automi, che abbiamo chiamato rispettivamente LANCETTA ed OROLOGIO, che fanno esattamente quello che vogliamo noi. Li possiamo perfezionare, modificare, moltiplicare, ma intanto sono dei nostri “schiavi logici”! Nella figura qui a destra potete osservare quello che abbiamo scritto nel foglio per ottenere il risultato illustrato dalle figure a pagina successiva. La parte evidenziata in giallo, come al solito, rappresenta la parte in cui vengono definite le nuove parola (i nuovi automi). La parte evidenziata in verde indica invece gli ordini che vanno eseguiti immediatamente. Abbiamo inoltre abbassato il menù Prova del foglio, con i due comandi disponibili Esegui selezione ed Esegui tutto. In questo caso dobbiamo dare il comando Esegui tutto.
  • 7. Pagina 7 Ed ecco due immagini scattate durante e alla fine del procedimento innescato dal comando Prova Esegui tutto. L’ automa OROLOGIO fa eseguire l’ automa LANCETTA: nella figura qui sopra siamo arrivati alla quinta lancetta…
  • 8. Pagina 8 Nel regno degli OROCOLI Ma a questo punto il nostro gioco può diventare molto interessante perché abbiamo degli automi costruiti da noi e possiamo modificarli con pochissime aggiunte per renderli delle macchine logiche interessantissime… Oppure, se volete, dei piccoli embrioni di videogiochi!!! Cominciamo a creare un OROCOLO: PER OROCOLO :COLORE :SPESSORE ASCOLPENNA :COLORE SPESSORE :SPESSORE OROLOGIO FINE Abbiamo semplicemente creato una procedura chiamante a cui abbiamo deciso di affidare il colore e lo spessore della traccia che lascerà l’ automa tarta. Nella figura qui a destra abbiamo evidenziato in giallo, come al solito, la parte del foglio in cui abbiamo definito le parole, ovvero abbiamo creato gli AUTOMI. La parte in verde, invece, rappresenta come al solito l’ elenco dei comandi immediati, ovvero le cose che Iplozero deve fare dopo avere imparato le parole della parte gialla.
  • 9. Pagina 9 Nella pagina seguente potete osservare il risultato che si ottiene dando il comando Prova Esegui tutto dal menù del Foglio.
  • 10. Pagina 10 Creiamo delle lancette più belle! Adesso vi faremo capire perché abbiamo creato un automa LANCETTA. Le lancette si possono abbellire in modo estremamente facile, ottenendo effetti incredibili. Ecco una lancetta modificata con l’ inserimento di un cerchio alla fine della lancetta stessa. Qui sotto potete osservare l’ effetto spettacolare che si ottiene: eppure abbiamo inserito soltanto un comando, il comando CERCHIO 50. Però questo cerchio viene “moltiplicato” per tutte le lancette e la sua bellezza è anche aumentata dall’ effetto dei tre colori sovrapposti! In questo modo, avendo creato tre automi indipendenti, LANCETTA, OROLOGIO e OROCOLO, possiamo con piccole modifiche di ciascuno dei tre, ottenere effetti veramente interessanti!
  • 11. Pagina 11
  • 12. Pagina 12 Musica e ritmo: gli orocoli musicali! Esiste in Iplozero un comando che consente di far partire una musica che continua a suonare anche mentre Iplozero si occupa di altre cose… Questo ci consente di ascoltare una canzone che possiede