Your SlideShare is downloading. ×
"L'e-democracy sognata". Bilancio e prospettive sull'esperienza italiana
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

"L'e-democracy sognata". Bilancio e prospettive sull'esperienza italiana

420
views

Published on

Intervento di Anna Carola Freschi dell’Università di Bergamo in occasione dell’iniziativa “E-democracy 2.0. Istituzioni, cittadini, nuove reti: un lessico possibile” [Bologna, 8 aprile 2009].

Intervento di Anna Carola Freschi dell’Università di Bergamo in occasione dell’iniziativa “E-democracy 2.0. Istituzioni, cittadini, nuove reti: un lessico possibile” [Bologna, 8 aprile 2009].


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
420
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. “L’e-democracy sognata”.Bilancio e prospettive sull’esperienza italiana Anna Carola Freschi Bologna - 8 aprile 2009
  • 2. Uno sviluppo in più fasi:- Metà anni ’90: e-democracy come risposta alla crisi delsistema politico- Fine anni ’90: ritorno dei partiti e e-democracy comestrumento di modernizzazione della amministrazione pubblica- Inizio nuovo decennio: e-democracy torna nelle retoricheistituzionale <- risposta a trasformazione sociale e nuovimovimenti sociali (informazione,organizzazione, identità…)- 2004 Call nazionale per la promozione di progetti locali die-democracy: tentativo di superare determinismo tecnologico;grande risposta dagli EE.LL. italiani, ma abbandono da partedel Centro. Implementazione 2006-2008.- Obiettivi raggiunti?
  • 3. 56 progetti cofinanziati-Solo 28 hanno attivato servizi di tipo consultivo-partecipativo, e conmolte difficoltà ad intercettare i cittadini, per lo più quando eranoancorati a processi partecipativi ancorati a percorsi locali offline-Analisi più approfondita 12 casi. Vincoli esogeni ai progetti, masoprattutto endogeni-Modelli di valutazione in prevalenza inadeguati-Enorme scarto fra nuove micro-arene e analisi macroProblema generale: “Costruire” la partecipazione” o accogliere lapartecipazione dei cittadini?
  • 4. Problemi aperti- Individualizzazione / atomizzazione- Agenda istituzionale / agenda civica- Proceduralizzazione / fluidità dei processi sociali- Dimensione politica incomprimibile /NPM- Specializzazione partecipativa / diffusione- Frammentazione sfera pubblica- Stratificazione e asimmetrie nella comunicazione online