Una retina artificiale per ridare la vista 2010-11-10

553 views
483 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
553
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Una retina artificiale per ridare la vista 2010-11-10

  1. 1. Published on LElettronica Open Source (http://it.emcelettronica.com)Home > Blog > blog di Rossella De Marchi > ContenutoUna retina artificiale per ridare la vistaBy Rossella De MarchiCreated 08/11/2010 - 19:08La retina artificiale è l?obiettivo di molti ricercatori e sembra che siano vicini a una soluzione. Lamembrana più interna dell?occhio, responsabile della visione dei colori e della luce, comunica conil cervello attraverso il nervo ottico. Un particolare dispositivo costituito da un minuscolo chip conuna portata di 1500 pixel è in grado di inviare informazioni attraverso il nervo ottico sano, aiutandopazienti completamente ciechi a riconoscere gli oggetti.Un minuscolo chip per la retina artificialeLa retina artificiale è uno degli obiettivi concreti della ricerca scientifica degli ultimi anni. La retina è lamembrana più interna dellocchio e con le sue cellule è sensibile alle radiazioni luminose. La retina inviainformazioni al cervello attraverso il nervo ottico. Tra le cellule che compongono la retina ci sono i coni,responsabili della visione dei colori, e i bastoncelli, che sono sensibili alla luce di bassa intensità. Fino apochi anni fa i problemi alla retina erano molto difficili da curare e portavano spesso alla cecità.AG di Reutlingen ha segnalato la pubblicazione di uno studio clinico che ha valutato l?uso di chipelettronici sottoretinici in volontari completamente ciechi. Il dispositivo contiene 1500 microfotodiodi attivi,ciascuno con "un proprio amplificatore ed elettrodo di stimolazione locale". Questi poi controllano lagenerazione di impulsi elettrici che salgono al cervello e che rappresentano una griglia 38 × 40 pixel.Tre persone in questo studio, ciechi a causa di una degenerazione retinica ereditaria, hanno subitol?impianto del dispositivo, che ha tre millimetri di diametro. Tutti e tre i pazienti hanno segnalato diversilivelli di visibilità e uno dei soggetti è stato in grado di distinguere oggetti comuni come coltelli e forchetteposati su un tavolo.Il nucleo dellimpianto è un microchip di circa 3 millimetri di diametro e 50 micron di spessore, conuna gamma di circa 1500 campi di pixel.Ogni pixel misura 70 x 70 micron. Le fotocellule formano un circuito di amplificazione, e un elettrodo distimolazione è legato a ogni campo di pixel. Le fotocellule assorbono la luce che entra nellocchio,trasformandola in segnali elettrici. Una linea di potenza molto piccola è la produzione di energia da unafonte esterna dietro lorecchio. Sedici elettrodi addizionali sono previsti con lo scopo di testare limpianto.Come si genera la visione nella retina artificialeLa forza dei segnali luminosi controlla la quantità di corrente portata da ciascun elettrodo ,stimolando le cellule nervose retiniche vicine elettricamente. Gli impulsi nervosi generati dalle cellule dellaretina sono trattati nella restante rete neuronale della retina e trasmessi attraverso il nervo ottico allacorteccia visiva, creando sensazioni visive. Per questo motivo un nervo perfetto, regolarmente funzionanteè un requisito incondizionato per laffidabilità operativa degli impianti, in qualsiasi approccio di un impianto
  2. 2. della retina."La pubblicazione della nostra ricerca sul Royal Society journal solidifica il lavoro svolto al nostro team perripristinare la vista, utile per la retinite pigmentosa dei pazienti ", ha detto il professor Eberhart Zrenner,MD, direttore e presidente dell?Istituto per la ricerca oftalmologica a Tubinga Eye Hospital University, inGermania. "I risultati della nostra prima sperimentazione clinica hanno superato le nostre aspettative ehanno ribadito che l?inserimento sottoretinico del microchip ha prodotto ottimi risultati clinici. Con ilsuccesso ottenuto durante la nostra prima sperimentazione clinica, abbiamo iniziato a lavorare al nostrosecondo studio clinico e speriamo di imparare ancora di più. "La retina artificiale [1] è prodotta da Retina Implant, AG, uno dei principali sviluppatori di impianti per nonvedenti. La prima sperimentazione clinica di Retina Implant è iniziata in Germania e ha coinvoltocomplessivamente 11 pazienti affetti da retinite pigmentosa, una delle forme più comuni di degenerazioniereditarie della retina che colpisce circa 200.000 persone nel mondo. Il dispositivo con 1500 elettrodi èstato impiantato sotto la retina, in una particolare regione della macula. Elettromedicali & Radiologia chip retina artificiale vista EMCelettronica Srl - P.iva 06433601009Source URL: http://it.emcelettronica.com/retina-artificiale-ridare-vistaLinks:[1] http://www.medgadget.com/archives/2010/11/retinal_implant_successful_in_bringing_vision_to_blind.html

×