Your SlideShare is downloading. ×
0
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Progetto Cittadinanza e Costituzione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Progetto Cittadinanza e Costituzione

27,170

Published on

Il bellissimo lavoro di un intero plesso

Il bellissimo lavoro di un intero plesso

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
27,170
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE
    SCUOLA PRIMARIA “G. PASCOLI”
    Anno scolastico 2009/10
  • 2. IO CITTADINOOGGI
    FINALITÀ DEL PROGETTO
    • Sviluppare nell’alunno cittadino il senso di appartenenza ad una comunità residente in un determinato territorio, alla cui vita sociale egli deve contribuire in modo attivo e competente, secondo le regole proprie della democrazia.
    • 3. Formare cittadini italiani che siano allo stesso tempo cittadini dell’Europa e del mondo.
    OBIETTIVI DEL PROGETTO
    • Saper stabilire con gli altri rapporti basati sul reciproco rispetto.
    • 4. Conoscere il meccanismo della rappresentanza democratica.
    • 5. Conoscere i valori che permettono la partecipazione democratica alla vita sociale.
    • 6. Avviare alla distinzione tra il concetto di democrazia formale e sostanziale.
    • 7. Elaborare e realizzare contenuti didattici digitali.
  • L’ALZABANDIERA AL PASCOLI
    Tutte le classi del Plesso hanno organizzato e partecipato alla cerimonia del 10 Febbraio 2010 per l’istallazione del pennone della bandiera, nel cortile della scuola, alla presenza delle autorità del Comune e dei membri dell’Associazione Nazionale Alpini.
  • 8. IL PRIMO ALZABANDIERA UFFICIALE DELLA SCUOLA PASCOLI.
    La cerimonia ha avuto come testimoni tutti gli alunni del Plesso, quasi tutti i gruppi della sezione Ana Montegrappa e i sette rappresentanti degli altri plessi del Terzo Circolo. Hanno partecipato inoltre il sindaco Stefano Cimatti, l'assessore regionale all'istruzione Elena Donazzan e la collega per il Comune di Bassano, Annalisa Toniolo.
  • 9. A queste presenze si sono aggiunte anche quelle virtuali del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dei ministri Mariastella Gelmini e Ignazio La Russa, i quali hanno molto apprezzato la nostra iniziativa inviandoci messaggi di congratulazioni.
  • 10. Gli alunni hanno cantato l'inno d'Europa e d'Italia e assistito alla benedizione del tricolore, poi issato sul pennone. All’alzabandiera è seguito un parziale ammainabandiera in ricordo degli infoibati cui era dedicata la giornata a livello nazionale.
  • 11. «Ai giovani presenti abbiamo ribadito l'importanza della bandiera e di essere italiani all'interno dell'Europa. Loro saranno il futuro d'Italia e d'Europa, nel rispetto della Costituzione. Gli alpini saranno da ora sempre vicini all'Amministrazione e alla scuola a sostegno dell'apprendimento a essere civili».
    L’assessore Toniolo
  • 12. E’ stata una scelta di testa e di cuore, condivisa da tutti…
    La bandiera è un valore fondante, un principio di amore e speranza che coinvolge tutti, per i bambini di altre nazionalità simboleggia un’accoglienza più calorosa da parte del Paese.
    Aladino Tognon, dirigente del Terzo Circolo Didattico
  • 13.
  • 14.
  • 15. IL NOSTRO IMPEGNO
    Gli alunni e gli insegnanti del Plesso si sono presi l'impegno di effettuare l'alzabandiera il lunedì mattina e l'ammainabandiera il venerdì, lasciando la bandiera issata sul pennone in occasione di feste e ricorrenze.
  • 16. L’ALZABANDIERA
    Ogni lunedì mattina gli alunni del Plesso si ritrovano nel cortile per effettuare l’alzabandiera.
    In questa occasione viene cantato l’Inno d’Italia e un bambino di classe quinta legge un articolo della nostra Costituzione.
    Inoltre viene fatto un augurio di buon compleanno a tutti coloro (bambini, insegnanti e personale) che compiono gli anni nei sette giorni successivi.
  • 17.
  • 18. L’AMMAINABANDIERA
  • 19. CLASSE 1°
    MISSIONE PACE
  • 20. OBIETTIVI CLASSE PRIMA
    • Saper stabilire con compagni e adulti rapporti basati sul reciproco rispetto.
    • 21. Attraverso la lettura di alcuni racconti che spiegano gli articoli della Costituzione italiana, conoscere i concetti di diritto e dovere, di libertà personale, di pace, di uguaglianza, di diritto all’istruzione, di diritto alla vita e alla salute, di cooperazione.
    • 22. Stabilire rapporti di continuità tra Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria rispetto all’educazione alla cittadinanza.
  • ATTIVITÀ E CONTENUTI
    Italiano- Cittadinanza e Costituzone:
    Lettura e commento di filastrocche tratte da: “La Costituzione raccontata ai bambini” e “Chiama il diritto, risponde il dovere” di Anna Sarfatti;
    Lettura di una serie di racconti sui diritti dei bambini: la pace, l’uguaglianza, l’educazione, le cure speciali;
    “La favola di Gino Strada”;
    Produzione di una filastrocca, di un acrostico sulla pace , disegni spontanei e creazione di un lavoretto, realizzato con materiale di riciclo: l’astronave della pace. Il lavoro è legato al contenuto della filastrocca: “Missione pace”.
    Filo conduttore è stato proprio la pace, perché come dedotto con i bambini, se non c’è la pace non ci sono certezze e nessun diritto potrà essere garantito.
    Ed. all’immagine:Disegni con tecniche diverse e materiali da riciclo.
  • 23. LA NOSTRA FILASTROCCA
  • 24.
  • 25. I NOSTRI PENSIERI
  • 26.
  • 27.
  • 28. I NOSTRI DISEGNI
  • 29.
  • 30.
  • 31.
  • 32.
  • 33.
  • 34. CLASSI 2° A - B
    IL NOSTRO LIBRO DELLA COSTITUZIONE
  • 35. OBIETTIVI CLASSI SECONDE
    • Saper stabilire con compagni e adulti rapporti basati sul reciproco rispetto.
    • 36. Attraverso la lettura di alcuni articoli della Costituzione Italiana, conoscere i concetti di diritto e dovere, di libertà personale, di pace, di uguaglianza, di diritto all’istruzione, di diritto alla vita e alla salute, di cooperazione.
  • ATTIVITÀ E CONTENUTI:
    • Italiano- Cittadinanza e costituzione: Lettura di alcuni racconti tratti dalla bibliografia per l’infanzia , per analizzare, riflettere e sviluppare alcune tematiche relative alla Costituzione e all’educazione alla Cittadinanza.
    I testi visionati sono:
    • - P. Baldoni, B. Bozzetto, “Il libro dei diritti dei bambini”, Ed. Gruppo Abele.
    • 37. - UNICEF “Non calpestare i nostri diritti” Edizioni Piemme.
    • 38. - Equipe Caritas Tarvisina, “Watuto Wazuri”, ED San Liberale.
    • 39. Approfondimenti:
    • 40. I diritti dei bambini;
    • 41. La Costituzione: cos’è, come nasce, perché è necessaria nella società;
    • 42. La libertà è un bene e nasce nel rispetto delle regole condivise;
    • 43. Approfondimento su alcuni diritti più sentiti e più vicini all’esperienza dei bambini;
    • 44. I diritti negati.
    • 45. Ed. all’immagine: Produzioni pittoriche degli alunni.
    • 46. Adesione alla proposta del Circolo: “A teatro per conoscere la Costituzione”.
    • 47. Visita alla biblioteca del reparto di pediatria dell’ospedale di bassano “L’isola delle bolle”
  • RIFLESSIONE SUL LIBRO:
  • 48.
  • 49.
  • 50. RIFLESSIONE SUL LIBRO:
  • 51.
  • 52.
  • 53.
  • 54.
  • 55. RIFLESSIONE SUL LIBRO:
  • 56.
  • 57.
  • 58. COMPORTARSI BENE SI PUÒ
  • 59.
  • 60. RIFLESSIONE SUL LIBRO:
  • 61.
  • 62.
  • 63.
  • 64. CLASSI 3^ A - B
    LO SVILUPPO
    ECOSOSTENIBILE
  • 65. OBIETTIVI CLASSI TERZE:
    • Rispettare l’ambiente in cui viviamo.
    • 66. Comprendere che è eco-sostenibile ciò che porta ad agire l'uomo in modo che il consumo di risorse sia tale che la generazione successiva riceva la stessa quantità di risorse che ha ricevuto la generazione precedente.
    • 67. Comprendere che esistono risorse esauribili ed altre rinnovabili.
    • 68. Attraverso la lettura di alcuni articoli della Costituzione italiana, conoscere i concetti di diritto e dovere.
  • ATTIVITÀ E CONTENUTI:
    • Italiano:filastrocche in italiano e in dialetto veneto sulla Costituzione italiana e sui rifiuti.
    • 69. Informatica:stesura delle filastrocche in Word.
    • 70. Scienze:approfondimento sulle tematiche dell’acqua e sulla raccolta differenziata dei rifiuti (tematica già avviata in classe seconda).
    • 71. Arte e immagine:rappresentazioni grafiche sul risparmio dell’acqua ( in collegamento con scienze).
    • 72. Ed. musicale:canto dell’Inno d’Italia e dell’Inno europeo.
  • FILASTROCCHEinventate e rielaborate in classe
    Filastrocca dea scoassa
    Filastrocca dea scoassa
    Ghe n’è sempre un poco massa,
    Ghe n’è proprio dapartuto:
    In ogni canton ghe xè un rifiuto.
    Te vè par strada, te vardi intorno
    E le schifesse te fa contorno.
    Carta, ciche, caca de can:
    no te sé dove metar le man!
    Epur, me digo, dentro de mi,
    Ma a bona creansa no ghe xe pì?
    Costa fadiga stare un po’ tenti
    Pa essere dopo pì contenti?
    E ora, dai, date da fare
    e impara a no sporcare;
    Se te vedi sporco, no voltar l’ocio:
    Tira su e maneghe e neta el pocio!
    Vocabolario dialetto veneto – italiano
  • Filastrocca della spazzatura
    Filastrocca della spazzatura
    più ne produci, più sarà dura
    per trovare il modo, corretto e sicuro
    per lasciare pulito il futuro.
    Pensaci bene, a quello che fai
    o dai tuoi gesti nasceran guai.
    Non lasciare il giro cartacce,
    sacchetti, scatole o altre robacce.
    Quando mangi una caramella
    tenere la carta è una cosa bella;
    più tardi, a casa, la getterai
    e intorno a te non sporcherai.
    Se ognuno di noi fa il suo dovere
    un mondo sano si può ottenere.
    E poi ricorda, che da un rifiuto
    ci può venire un grande aiuto.
    Nuovi prodotti si possono fare
    se con attenzione sai riciclare.
    Un piccolo gesto, non costa niente
    ma è un gesto d’amore verso la gente,
    quella di adesso, o che verrà
    e un modo più bello troverà!!
    La Costituzione
    Senti, senti che parolone;
    Ma cosa sarà la Costituzione?
    Direi un libro, anzi un librone
    con dentro scritto le cose buone.
    Ci sono diritti e anche doveri,
    non è di oggi: è nata ieri
    In un passato abbastanza lontano
    ma ancora ci guida in modo sano.
    Ci aiuta a vivere in questo mondo
    che non è facile perché è rotondo
    e dentro, talvolta, ti senti stretto
    ed è per questo che serve il rispetto
    a fare sì che si stia vicini,
    tutte le razze, grandi e piccini.
  • 82. NOI GUARDIANI DELL’ACQUA
    Le classi attraverso l’apprendimento cooperativo elaborano le tematiche sul risparmio idrico ed ogni alunno produce un disegno sull’argomento dopo aver prodotto più cartelloni murali
  • 83.
  • 84.
  • 85.
  • 86.
  • 87. CLASSI 4^ A - B
    LA BANDIERA ITALIANA
  • 88. OBIETTIVICLASSIQUARTE:
    • Conoscere la Costituzione italiana nei suoi molteplici aspetti.
    • 89. Conoscere i simboli e la relativa storia dell’identità nazionale (la bandiera, l’Inno Nazionale, le Istituzioni), locale, provinciale, regionale ed europea.
  • ATTIVITÀECONTENUTI
    • Cittadinanze e Costituzione:Storia della bandiera e dell’inno nazionale;
    Studio dell’art. 12 della Costituzione.
    I significati dei tre colori.
    • Italiano: Poesia sulla bandiera.
    • 90. Arte e all’immagine: Realizzazione di una bandiera patchwork con pezzi di stoffa portati da ciascun bambino e vari cartelloni riassuntivi.
    • 91. Ed. Musicale: Musicare l’inno nazionale con il flauto.
  • LACARTAD’IDENTITÀDELLANOSTRABANDIERA
    Nome: Tricolore.
    Professione: Bandiera Nazionale Italiana.
    Data di nascita: 7 Gennaio 1797.
    Luogo di nascita: Reggio Emilia.
    Esperienze: è stata usata nei vari eventi della storia italiana dal 1797.
  • 92. MOMENTISIGNIFICATIVI:
    14 Marzo 1861: viene proclamato il regno d’Italia. La bandiera è il tricolore.
    24 Settembre 1923: il Reggio decreto n°2072 lo adotta come Bandiera Nazionale.
    2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana.
    1947: il Tricolore è stato introdotto nella Costituzione della Repubblica, così se si volesse cambiare la Bandiera si dovrebbe modificare la Costituzione.
  • 93.
  • 94. ARTICOLO12 DELLACOSTITUZIONEITALIANA
    La bandiera della Repubblica Italiana è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di uguali dimensioni.
  • 95.
  • 96. Dall'intervento del Sig. Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in occasione della Giornata dell'Unità Nazionale e Festa delle Forze Armate.
    “Adoperiamoci perché in ogni famiglia, in ogni casa, ci sia un tricolore, a testimoniare i sentimenti che ci uniscono fin dai giorni del glorioso Risorgimento.
    Il tricolore non è una semplice insegna di Stato, è un vessillo di libertà conquistata da un popolo che si riconosce unito, che trova la sua identità nei principi di fratellanza, di uguaglianza,di giustizia nei valori della propria storia e civiltà”
    San Martino della Battaglia, 4 novembre 2001.
  • 97.
  • 98. SIGNIFICATO DEICOLORI
  • 99. ILNOSTROSEGNALIBRO
  • 100. LABANDIERA DELLAMIA TERRA
  • 101. LANOSTRA BANDIERAUn pezzo di stoffa, un pezzo di cuore.
    Anche noi abbiamo costruito la nostra bandiera.
    L’abbiamo creata utilizzando dei pezzi di stoffa che simboleggiano i nostri cuori perché per noi il Tricolore è presente in ogni nostro cuore.
    Alunni di classe 4°A
  • 102.
  • 103.
  • 104. L’INNO DI MAMELI
  • 105. CLASSI 5° A - B
    UNMONDODIPACE
  • 106. OBIETTIVI CLASSI QUINTE
    • Conoscere gli aspetti storici che hanno permesso la nascita della Costituzione italiana.
    • 107. Conoscere la struttura della Costituzione.
    • 108. Conoscere l’ordinamento della Repubblica.
    • 109. Conoscere gli organismi e le funzioni dell’amministrazione dello Stato italiano (legislative, esecutive e giudiziarie).
    • 110. Conoscere gli organismi della Pubblica Amministrazione.
    • 111. Conoscere gli organismi di democrazia scolastica e confrontarli con quelli dello Stato.
    • 112. Stabilire rapporti di continuità tra Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado rispetto all’educazione alla cittadinanza.
  • ATTIVITÀ E CONTENUTI
    • Ed. musicale: Esecuzione e canto del brano “La guerra di Piero” in riferimento all’art. 11 della Costituzione.
    • 113. Cittadinanza e Costituzione: Approfondimento dell’art. 11 della Costituzione.
    • 114. Storia: Si affronterà la tematica della guerra, naturalmente calato sul periodo storico che stiamo studiando.
    • 115. Geografia: Studio delle organizzazioni internazionali che hanno lo scopo di assicurare la pace e la giustizia fra le nazioni.
    • 116. Arte e all’immagine: Gli alunni realizzeranno la bandiera dell’Italia dove al posto dei colori ci saranno dei simboli della natura e dei sentimenti (elaborato finale).
  • APPROFONDIMENTO SULLA BANDERA ITALIANA
    La vera storia della bandiera italiana.
    Il tricolore italiano appare la prima volta il 14 novembre 1795 in un moto di studenti a Bologna.
    Napoleone lo adotta nell’ottobre del 1796 per i suoi reparti italiani. Deriva dal tricolore francese a bande verticali blu, bianche e rosse (liberté, égalité, fraternità), assunto nel 1789 nella rivoluzione francese.
    Diventa bandiera nazionale il 7 gennaio 1797 a Reggio Emilia, quando la repubblica cispadana stabilisce che la propria bandiera sia a tre fasce orizzontali rosse, bianche e verdi.
    Nello stesso anno nasce la repubblica cisalpina, la cui bandiera si ispira direttamente a quella francese, con tre fasce verticali: rossa, bianca, verde.
    Quando napoleone nel 1802 crea la repubblica italiana, il tricolore diventa a quadrati concentrici, con l’aquila imperiale nel quadrato verde, per allentare i legami dalla rivoluzione francese.
    Il tricolore appare sempre più spesso nei moti risorgimentali in Piemonte, Sicilia, Lombardia.
    L’11 aprile 1848 Carlo Alberto proclama il tricolore bandiera nazionale d’Italia, inserendo nella fascia bianca centrale lo scudo dei Savoia.
    Nel 1861, alla proclamazione del regno d’Italia, viene aggiunta al centro, sopra lo scudo, la corona reale.
    Nel 1946 nasce la repubblica italiana: dal tricolore viene tolto il simbolo dei Savoia e diventa la bandiera italiana usata ai giorni nostri.
  • 117. LA NOSTRA BANDIERA
  • 118. IRC NEL PLESSO
    I VALORI DELLA CONVIVENZA CIVILE NELL’INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA.
  • 119. ATTIVITÀ E CONTENUTI
    Approfondimento di alcuni articoli della Costituzione:
    • Art. 2 (si parla di diritti e di doveri):
    - I diritti dei bambini a 20 anni dalla Convenzione dell'ONU;
    - Le regole nei vari ambienti, nella religione cristiana e nell'Islam (Classi quarte);
    • Art. 3 (si parla dell'uguaglianza di tutti i cittadini senza differenze di razza, lingua, religione, opinioni politiche,condizionamenti personali e sociali);
    - La ricchezza delle altre religioni (Ebraismo, Islam, Buddhismo, Induismo); usi e costumi degli altri popoli in riferimento alla loro fede religiosa (Classi quinte).
  • 120.
    • Art. 8 (si parla delle confessioni religiose che sono egualmente libere davanti alla legge):
    -Educazione alla tolleranza e al rispetto delle altre tradizioni religiose nell'insegnamento cristiano (Classi quinte);
    • Art. 9 (si parla della tutela del paesaggio naturale):
    - La salvaguardia del creato: l'ecologia e il rispetto della natura (Classi seconde);
    • Art. 11 (si parla del ripudio della guerra):
    - Le radici cristiane dell'Europa, il messaggio della pace e dell'amore del cristianesimo (Classi quinte);
    • Art. 32 (si parla della salute come di un diritto fondamentale di ogni persona) e Art 34 ( si parla della scuola, diritto di tutti):
    - Progetto scuole in Senegal e Brasile del 3° Circolo, “Una scuola di Arcobaleni” (Tutte le classi);
  • 121.
    • Art 33 (si parla della libertà dell'arte e della scienza):
    Il messaggio del Natale e della Pasqua attraverso alcune opere d'arte (Classi terze e quarte);
    • Art. 37 (si parla della donna che ha gli stessi diritti lavorativi dell'uomo):
    - Usi e costumi nella Palestina al tempo di Gesù e confronto con la nostra realtà di oggi; la donna ieri e oggi nella società (Classi quarte);
    • Art. 47 (si parla del risparmio):
    - Il monachesimo e l'esperienza di S. Benedetto, un'economia che usa con rispetto le risorse del territorio ed è aperta all'aiuto dei poveri. (Classi quinte).
  • 122. ATTIVITÀ VARIE PROPOSTE AL PLESSO ISPIRATE DAGLI ARTICOLI E DAI VALORI DELLA COSTITUZIONE.
    • Alle radici della nostra storia, origini storiche, culturali e religiose di Bassano e dintorni.
    • 123. Studio della storia locale (cl. 4° e 5°);
    • 124. Itinerario di Natale al Museo Civico di Bassano (cl. 1°, 3° e 4°);
    • 125. In occasione dei 500 anni dalla morte del Giorgione, spiegazione dell'opera "Madonna di Castelfranco" e realizzazione di un cartellone (cl. 5°).
  • 126.
    • "Il nostro Direttore in Egitto": studio delle caratteristiche principali della religione antica egizia e della attuale religione islamica (cl 3° - 5°).
    • Realizzazione di un cartellone sui "Diritti dei bambini" (cl. 4°).
    • Laboratorio "Gioco-riciclo": educare al riutilizzo dei materiali e ai valori dell'ecologia, art. 9 (tutte le classi).
  • 127.
  • 128.
    • Open day "Una sacca di auguri"con presenza dei genitori: realizzazione di borse in stoffa sulla linea del progetto ecologico, Art. 9 (tutte le classi).
    UNA SACCA DI AUGURI
    "Tra un po' di tempo lo sai
    le borse in plastica non troverai
    e allora che cosa puoi fare:
    in stoffa le puoi confezionare.
    Per metterci il pane,
    il mangime per il cane,
    la sacca per la pallavolo,
    per la scuola e non solo;
    per la musica, il catechismo,
    per la danza e il culturismo;
    per un regalo di Natale,
    per un compleanno che vale;
    per me, per te, per noi
    puoi comprarle se lo vuoi.
    E ricorda che i soldini
    sono per la scuola e i suoi bambini".
  • 129.
  • 130.
  • 131. ATTIVITÀ E CONTENUTI
    In occasione della Giornata della memoria, incontro con il Prof. Francesco Berti,docente di Storia della Facoltà di Scienze Politiche all'Università di Padova: inviato, dopo nostra richiesta, dalla Comunità Ebraica di Padova per parlare ai bambini della Shoah, prima della visione del film "Il diario di Anna Frank" (Cl. 4°-5°).
  • 132. ALTRE ATTIVITÀ PROPOSTE AL PLESSO.
    • Realizzazione di segnalibri e coccarde per la Festa del Tricolore (tutte le classi).
    • 133. Invio di tre lettere Presidente della Repubblica, al Ministro dell'Istruzione e al Ministro della Difesa per rendere nota l'iniziativa della Festa del Tricolore, a nome di tutte le insegnanti del plesso.
    • 134. In occasione delle festività pasquali, spiegazione della simbologia presente nel Crocifisso di San Damiano e realizzazione di un cartellone (classi quinte)
    • 135. Al momento dell'alzabandiera del lunedì, proposta settimanale di approfondimento di un articolo della Costituzione; inoltre un augurio di buon compleanno a tutti coloro (bambini, insegnanti e personale) che compiono gli anni nei sette giorni successivi.
    • 136. In occasione delle serata in ricordo della nostra collega ins. Roberta Marchente, realizzazione del cartellone "Una scuola di arcobaleni" che ci ricorda l'iniziativa del terzo Circolo per la costruzione di una scuola a Nenette in Senegal.

×