Ott tv - mobil tv - social tv

2,767 views

Published on

Il nuovo settore del media delivery content: over the top tv, mobile tv e social tv. Le tecnologie che la supportano e i trend di settore.

Published in: Technology
1 Comment
2 Likes
Statistics
Notes
  • Ho una domanda da porti: Netflix utilizza i CDN di Akamai e Level3, può essere considerata una Smart Tv, ossia una IPTV smartly managed? ti ringrazio anticipatamente per la risposta.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
2,767
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
88
Comments
1
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ott tv - mobil tv - social tv

  1. 1. OTT TVSOCIALMOBILENew Video trends What Strategy
  2. 2. Indice  Nuovi trend Video  OTT TV  Social TV  Mobile TVIndice 2 2
  3. 3. Come sta cambiando la TV ? Nuovi trend videoOver the Top TV Social TV Mobile TV Come sta cambiando la TV ? – Nuovi trend video 3
  4. 4. Come sta cambiando la TV ? Channel Open Sea Web TV TV OTT TV Ubiquity Social MobileCome sta cambiando la TV ? – Channel 4
  5. 5. OTT TV Che cosa è ?  L‟OTT TV permette la fruizione di contenuti Internet tramite una connessione a banda larga che bypassa i tradizionali provider di servizi  L‟OTT TV è l‟evoluzione naturale della personalizzazione del comportamento di consumo  Da Walled Garden a Open SeaOTT TV – Che cosa è ? 5
  6. 6. OTT TV Non è l’IPTV  LIPTV fornisce servizi TV walled garden distribuiti su reti IP amministrate  LIPTV viene guardata dallutente su apparecchio televisivo tramite il set top boxManagedNetwork Internet  Gira su una rete "managed" con definizione elevata e quality of service garantita  L‟Over-The-Top TV comprende Set Top Box servizi ibridi broadcast- broadband, che permettono la distribuzione di video tramite connessione a banda larga e collegando direttamente set top box e altri device alla TV OTT TV – Non è l’IPTV 6
  7. 7. OTT TV Non è l’IPTV  Il modello OTT TV ha il vantaggio diminuire la gestione della rete di distribuzione senza ISP, IPTV, ecc.Managed  I Content Provider possonoNetwork Internet gestire direttamente il servizio, arrivando allutente in ambiente aperto, così come avviene per la Web TV Set Top Box  I nuovi aggregatori di contenuti possono entrare nel mercato aggirando, tramite l‟uso di Internet a banda larga, le barriere di distribuzione OTT TV – Non è l’IPTV 7
  8. 8. OTT TV Barriere alla distribuzione [1/2] L„Over The Top TV aumenterà il pubblico dei video su internet ma impatterà sulle esigenze di banda Sulla tv ci aspettiamo video qualitativamente perfetti e trasmessi senza interruzioni Scarsa diffusione della banda larga Se alla diffusione dei sistemi OTT TV non corrisponderà un aumento proporzionale della banda larga, sarà necessario ricorrere ad accordi tra operatori e gestori OTTOTT TV – Barriere alla distribuzione [1/2] 8
  9. 9. OTT TV Barriere alla distribuzione [2/2]  Impossibilità di controllare il livello qualitativo della trasmissione  Limite rilevante per lo sviluppo di offerte basate sulla distribuzione a pagamento di contenuti premium  Accesso ai programmi non sempre è immediatoOTT TV – Barriere alla distribuzione [2/2] 9
  10. 10. OTT TV Il ruolo delle CDN  Evoluzione delle Content Delivery Network  Le CDN possono ottimizzare la trasmissione di contenuti via IP  Minimizzazione dei fenomeni di rallentamento e di discontinuità del segnale  Con un controllo della distribuzione e della connettività verso gli utenti finali migliora notevolmente la qualità del servizioOTT TV – Il ruolo delle CDN 10
  11. 11. OTT TV Smart TV  Modello smartly managed o Smart TV basato su tecnologie in grado di prioritizzare il traffico video attraverso le CDN  Possibilità di forme ibride di distribuzione IPTV + OTT TV su una stessa rete  Garanzia di un‟adeguata qualità del servizio  Contenuti cinematografici e televisivi Premium a pagamentoOTT TV – Smart TV 11
  12. 12. OTT TV Quali tecnologie ? [1/3] A partire dal 2010 tutti i principali produttori di televisori hanno integrato nei loro apparati la Connected TV predisposizione alla connessione Internet e offrono una serie di contenuti e servizi, variabile da paese a paese Accesso ad alcuni servizi Web audiovisivi (come YouTube, Dailymotion o offerte dei Broadcaster) Servizi Web di altra natura come Facebook, Flickr, Twitter o Yahoo I principali attori sono Sony, Philips, Samsung e LG OTT TV – Quali tecnologie ? [1/3] 12
  13. 13. OTT TV Quali tecnologie ? [2/3]Cubovision Apple TV Boxee Box D-LinkDispositivo TV broadband Dispositivo che permette di Dispositivo che permette dimultimediale per accedere riprodurre la musica, i video guardare film e programmiai canali del digitale ed i podcast presenti nella TV direttamente daterrestre, alla televisione libreria di iTunes, comprare Internet, guardare video ininterattiva del Web e al e noleggiare film su internet streaming, accedere aivideo on demand in pay e guardare video su social media, musica, fotoper view distribuito da YouTube e video personaliTelecom Italia dal 2010 e navigare su Internet OTT TV – Quali tecnologie ? [2/3] 13
  14. 14. OTT TV Quali tecnologie ? [3/3] PlayStation 3 Wii XBox Servizi interattivi strettamente afferenti all‟ambito dei videogiochi (download di titoli, multiplayer in rete etc.) Le nuove console sono predisposte alla connessione Internet Servizi Internet audiovisivi (es. YouTube, offerte catch-up TV dei broadcaster, servizi di videonoleggio come Netflix) OTT TV – Quali tecnologie ? [3/3] 14
  15. 15. OTT TV Quali contenuti ?  Portali aggregatori di contenuti  User Generated Content  Canali dedicati  Contenuti PremiumOTT TV – Quali contenuti ? 15
  16. 16. OTT TV E gli operatori Pay TV ? Cord-Cutting negli Usa Esodo verso i servizi televisivi OTT colpirà solamente il 10-20% del settore televisivo Fonte:Fitch “Saranno attratti solo i telespettatori di fascia media, con basso consumo televisivo, single, esperti di tecnologia e giovani: i consumatori post televisivi”Gli operatori Pay TV devono rivedere i modellidi Business per incontrare i nuovi utenti OTT TV – E gli operatori Pay TV ? 16
  17. 17. OTT TV Catch up TV La Catch up TV è un servizio di distribuzione on demand via Internet di cataloghi televisivi previamente messi in onda La visione ex post di questi contenuti avviene attraverso palinsesti non lineari fruibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 L‟accesso è gratuito per i servizi offerti da canali televisivi in chiaro o limitato ai soli abbonati tramite meccanismi di autenticazione per quelli dei canali pay I programmi sono messi a disposizione dalle emittenti stesse, e anche dai portali aggregatori OTT TV – Catch Up TV 17
  18. 18. OTT TV Perché la Catch up TV Perché guardi la Tv online in modalità Catch Up ?  Modifica nel comportamento di Visione episodi passati 54% consumoRecupero episodi persi di una stagione televisiva 47% Visione stagione precedente prima dellinizio  Ricerca attiva da 33% della nuova parte dell‟utente dei Visione episodio non registrato 32% programmi Visione contemporanea di altri programmi 18% Visione TV Online in viaggio 12%  Monitoraggio delle visualizzazioni Visione TV Online a lavoro 12% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% OTT TV – Perché la Catch Up TV 18
  19. 19. OTT TV Business Model [1/2] Il modello tenderà a variare in funzione della qualità e varietà dei contenuti offerti:  Free  Freemium  Subscription  PPV  Online RentingOTT TV – Business Model [1/2] 19
  20. 20. OTT TV Business Model [2/2] SubscriptionCosti PPV Renting Freemium Free Qualità e varietà dei contenuti OTT TV – Business Model [2/2] 20
  21. 21. OTT TV Trend in Italia [1/2] Percentuale di famiglie italiane con un televisore connesso a Internet  2,7 milioni di famiglie italiane hanno già un televisore connettibile a Connected TV 12% internet  A livello globale, circa un consumatore su cinque No Connected TV (22%) ne possiede uno o ha 88% intenzione di acquistarlo entro il prossimo anno Fonte: E-resOTT TV – Trend in Italia [1/2] 21
  22. 22. OTT TV Trend in Italia [2/2] Ricavi dell’intera area OTT TV 3500 3000  Previsioni di crescita 2011 - 2014 +110% 2500 2000  Previsioni ricavi 2011 1500 340 milioni di euro 1000  Previsioni ricavi 2014 500 Oltre 3 miliardi 0 2011 2012 2013 2014 Fonte: TMedia ConsultingOTT TV – Trend in Italia [2/2] 22
  23. 23. OTT TV Modello di Advertising120  Previsione 2011 entrate derivanti dal settore OTT TV100 2/3 dall‟ Advertising e 1/3 dai 80 servizi a pagamento 60 Servizi a pagamento (subscription e pay-per- Advertising programme) 40  Previsione variazione 20 entrate derivanti da 0 pubblicità nel 2014 dal 69% 2011 2014 al 40% delle entrate totali Fonte: ITMedia Consulting  Entrate a pagamento diventeranno predominanti OTT TV – Modello di Advertising 23
  24. 24. OTT TV Case – BBC  Il servizio video offre gli ultimi sette giorni di televisione e radio trasmessi da tutti i canali  Download dei contenuti che visualizzabili fino a 30 giorni successivi  Qualità di immagine vicina a quella televisiva  L‟online streaming costituisce circa il 97% del totale richieste  Nel 2010 1,4 miliardi di programmi inviati on demandOTT TV – Case 24
  25. 25. OTT TV Case - Hulu  Servizio internet di video on demand che offre film e spettacoli televisivi in diretta, soprattutto di reti via cavo  Ogni content provider ottiene il 50/70% degli introiti pubblicitari  Hulu Desktop - per guardare i programmi senza un browser web  Distribuzione su Smartphone e Tablet Hulu  Geo BlockingOTT TV – Case 25
  26. 26. OTT TV Case - Netflix  Piattaforma di Video Rental Online  Aumento del 60% nell‟ultimo anno  Flessibilità nei modelli di business  Integrazione dei palinsesti lineari con quelli disponibili on demand  Noleggio online di singoli titoli  Abbonamento mensile con accesso illimitato ai cataloghi dell‟operatoreOTT TV – Case 26
  27. 27. OTT TV Case – Google TV  “Gli utenti sono costretti a scegliere tra web o TV. Vogliamo unire le due esperienze”  Motore di ricerca  Integrazione con Youtube, Facebook e twitter  Sistema operativo Android e browser ChromeOTT TV – Case 27
  28. 28. OTT TV Case – Rai Accordo tra Sony e Rai per la prima Catch-up tv italiana Visione dei programmi Rai presenti su www.rai.tv all‟interno della piattaforma Bravia Internet Video Gli spettatori potranno assistere ai programmi Rai senza collegarsi al pc, su schermi di grandi dimensioni e ad alta definizione Possibilità di rivedere in modo gratuito tutti i programmi tv persi dallo spettatore, secondo i propri desideri e in modo assolutamente indipendente dai palinsesti televisivi OTT TV – Case 28
  29. 29. OTT TV Case – Chili TV  TV on demand in streaming di Fastweb  Contenuti video gratuiti  Premium - accordi con le case di distribuzione  Video acquistati o noleggiati e visti entro 48 ore  Connessione tramite internet Tv, PC, tablet e smartphone Android, lettori blu-rayOTT TV – Case 29
  30. 30. OTT TV Case – Primo Italia  Aggregatore di Web TV già esistenti  150 canali  Compatibile con Android, iOS, Samsung Smart TV, Xbox360, lettori blu-ray Samsung, pc e Mac  Canali premium, con contenuti di maggior qualitàOTT TV – Case 30
  31. 31. Social TV Definizione  Nuovo tipo di servizi TV che integra i servizi televisivi con i Social Networks per supportare unesperienza televisiva attiva piuttosto che passivaSocial TV - Definizione 31
  32. 32. Social TV Da dove nasce  L86% delle persone che guardano la tv ha a portata di mano una connessione  Il 33% usa unapp su smartphone o tablet  Il 37% naviga su Internet  Il 56% manda sms  Il 40% si connette ai social networkL‟utente contemporaneamente utilizza di versi canali comunicativi e informativiLa Rete ha trasformato lutente in un ProsumerSocial TV – Da dove nasce 32
  33. 33. Social TV Una nuova esperienza TV  La Social TV sfrutta ed integra la potenza del social networking per creare un nuovo tipo di esperienza rivolta allutente  Interazione, partecipazione e coinvolgimento  Occorre abbandonare il paradigma del target da colpire  L‟editore oggi non deve più raggiungere un pubblico ma essere là dove la gente si aspetta di trovarloSocial TV – Una nuova esperienza TV 33
  34. 34. Social TV Dinamiche [1/2] Checkin - Durante lo spettacolo, è possibile collegarsi via web o cellulare e confermare all‟emittente che si sta seguendo la trasmissione ad una certa ora Rewarding - Possibilità di ricevere premi fisici o virtuali, di partecipare a eventi o concorsi Affiliazione - Lo spettatore assiduo e partecipe potrà raccogliere coupon digitali via mail, codici sconto sul cellulare e gadget fisici Social TV – Dinamiche [1/2] 34
  35. 35. Social TV Dinamiche [2/2]  L‟utente diventa parte attiva nella generazione dei contenuti  Enciclopedia della tv redatta dagli utenti  Aree virtuali per commentare news e programmi  Contenuti aggiuntivi  E‟ possibile creare stanze, scegliere film ed invitare gliIl prossimo step vedrà l‟integrazione dei nuovi amici in gruppi di visioneservizi nelle tv di nuova generazione, direttamenteconnesse a Internet Social TV – Dinamiche [2/2] 35
  36. 36. Social TV Nuove opportunità per il marketing: fidelizzazione La social TV fornisce un nuovo modo di avvicinare i potenziali utenti Relazioni basate sullaffinità, sulla condivisione del valore, sulla partecipazione e sullo scambio Le aziende che possono entrare in contatto con le preferenze personalizzate degli utenti Gli utenti sono coinvolti con approcci meno invasivi e interruttivi rispetto alle pubblicità televisive attuali L‟utente può partecipare ed offrire contenuti rilevanti e di valore, servizi e strumenti che coincidono con i propri interessi e necessità Social TV – Nuove opportunità per il Marketing: Fidelizzazione 36
  37. 37. Social TV Nuove opportunità per il marketing: Monitoraggio [1/2]  Aggregatore di dati sui programmi dai post pubblici  Facebook,Twitter,check-in di GetGlue e Miso  Classifiche settimanali di popolarità social Trendrr.tvSocial TV – Nuove opprtunità per il Marketing: Monitoraggio 37
  38. 38. Social TV Nuove opportunità per il marketing: Monitoraggio [2/2]  La social TV diviene uno strumento per monitorare il comportamento degli spettatori e loro preferenze  Comprendere le funzioni comportamentali degli spettatori è il primo passo per dominarle e indirizzarle a favore dei propri prodotti televisivi SentimentSocial TV – Nuove opprtunità per il Marketing: Monitoraggio 38
  39. 39. Social TV Case  Social network interamente dedicato alla visione  Permette di cercare il programma che si sta visionando nel database e di effettuare il check-in per guadagnare badges  Permette di trovare nuovi amici e condividere la propria dieta audiovisiva sui social networks MISO Permette di condividere i propri gusti, interessi e notizie relativamente a Film, Telefilm, Musica, giochi e Libri Permette di effettuare Check-in da diffondere sulla rete, e creare collegamenti con Facebook e Twitter GetGlue Social TV – Case 39
  40. 40. Social TV Alcune esperienze in Italia  Progetto di Beeweb per X2TV mettere in relazione la Tv con Internet  Lapp segnala diversi tipi di approfondimenti, contenuti speciali, giochi interattivi  Possibilità di votare, fare acquisti, condividere le opinioni con gli amici e approfondire concetti  Vivere la trasmissione in modo più coinvolgente ed emozionanteSocial TV – Alcune esperienze in Italia 40
  41. 41. Social TV Alcune esperienze in Italia Social King  Programma nato con lobiettivo di portare le star del Web in tv  Trainare il pubblico sui social per farlo votare e guidarlo sul sito Rai  Protagonisti tutti quei giovani artisti che grazie ad internet hanno potuto esprimersi e farsi conoscereSocial TV – Alcune esperienze in Italia 41
  42. 42. Social TV Alcune esperienze in Italia Frammenti.TV  Prima fiction investigativa interattiva in 12 puntate, che si trasforma in game grazie alla partecipazione diretta del pubblico  Il Wide Drama unisce web TV e Augmented Reality Game  Ogni telespettatore si trasformerà in investigatore e inizierà la sua personale ricerca degli indiziSocial TV – Alcune esperienze in Italia 42
  43. 43. Mobile TV Che cosa è ?La Mobile TV è un servizio di televisione offerto agli utenti delle reti ditelecomunicazioni cellulari attraverso alcuni specifici protocolli La Mobile TV viene diffusa grazie a due diversi tipi di tecnologie:  Un segnale TV digitale inviato in broadcast che usa apposite frequenze (in Italia DVB-H)  Trasmissione attraverso le reti mobili 3G, in modalità unicastMobile TV - Che cosa è ? 43
  44. 44. Mobile TV Problemi di distribuzione  La modalità Broadcast richiede di utilizzare frequenze in uno spettro già sovraffollato  La trasmissione Unicast è estremamente dispendiosa in termini di banda utilizzata, essendo un segnale punto-a-punto, e tende a saturare le reti 3G  Problemi con le tariffazioniMobile TV - Problemi di distribuzione 44
  45. 45. Mobile TV Il segnale DVB-H [1/2]  DVB-H, acronimo di Digital Video Broadcasting - Handheld  Standard del consorzio europeo DVB, ufficialmente supportato dalla Comunità Europea  Modalità di radiodiffusione terrestre studiata per trasmettere programmi TV, radio e contenuti multimediali ai dispositivi MobileMobile TV - Il segnale DVB-H [1/2] 45
  46. 46. Mobile TV Il segnale DVB-H [2/2]  In Italia il 2011 potrebbe segnare la fine del DVB-H  Poca diffusione di supporti hardware sui dispositivi  Elevato costo delle infrastrutture  Elevato costo dei servizi  Offerta limitata di contenuti dedicati  Contenuti nonSfruttare le strutture e le frequenze nel mercato rispecchiavano il targetdelle reti mobili che è in forte ascesa Mobile TV - Il segnale DVB-H [2/2] 46
  47. 47. Mobile TV Trend in Italia EB7  Crescita media annua6 del traffico dati mobile dal 2010 al 2015 +92%5  Diminuzione dei prezzi4 telefonia mobile tra 20093 e 2010 -24% (in UK -8%)2  Adozione della Flat Fee1  95% del territorio italiano è coperto da reti 3G (in0 2010 2011 2012 2013 2014 2015 UK 93%, in Germania 86%) Fonte: CISCOMobile TV - Trend in Italia 47
  48. 48. Mobile TV Nuove sfide: la nuova tecnologia Lte Passaggio alle reti di nuova generazione basate su tecnologia Lte Prestazioni comparabili a quelle delle reti fisse, garantendo inoltre un miglioramento significativo in termini di efficienza energetica La Long Term Evolution appare indispensabile per evitare il rischio di collasso delle reti 3G che risultano ormai sfruttate ai limiti del loro potenzialeMobile TV – Nuove sfide: la tecnologia Lte 48
  49. 49. Mobile TV Nuove opportunità  Rapida diffusione dei nuovi dispositivi mobile Internet Enabled  Funzioni sempre più distanti e differenti dalla telefonia vocale  Utilizzo delle reti 3GMobile TV – Nuove opportunità 49
  50. 50. Il web in Italia Smartphone  Soltanto l‟11% della popolazione italiana utilizza un dispositivo mobile per navigare sul web  Nel 2011 il numero di smartphone venduti dovrebbe superare il numero di telefoni tradizionaliL‟Italia è uno dei paesi con la più alta Fonte:OFCOMpenetrazione di dispositivi mobile di nuovagenerazione Mobile TV - Smartphone 50
  51. 51. Mobile TV Tablet  Il 2011 sarà l‟anno dei tablet  L‟iPad è e resta il prodotto più venduto della categoria  Nuovi tablet basati sul sistema operativo Android  Incremento utilizzo wifi grazie alla diffusione capillare degli hot-spotMobile TV - Tablet 51
  52. 52. Quale strategia per una distribuzione universale ?Quale strategia per un distribuzione universale ? 52 52
  53. 53. Quale strategia ? Multi-Channel TV  Flessibilità nella distribuzione dei contenuti  Riposizionamento dei contenuti in funzione delle PC esigenze e delle abitudini di consumo del target  Integrazione con sistemi di reporting avanzati Mobile  Sicurezza dei contenuti o DRM Social  Gestione di diversi Networks protocolli di distribuzioneQuale strategia ? – Multi Channel 53
  54. 54. Quale strategia ? Multi-Screen  Ottimizzazione dei video su ogni tipo di schermo  Limiti tecnologici dei diversi dispositivi  La distribuzione su iPhone e iPad non è sufficiente  Distribuzione verso dispositivi mobile Windows Phone, RIM AndroidQuale strategia ? – Multi-Screen 54
  55. 55. Quale strategia ? Universal Transcoding Web/ OTT TV MobileQuale strategia ? – Universal Transcoding 55
  56. 56. Quale strategia ? Multi ProtocolRTSPRealMp4 RTSP Web/ OTT TV Mobile 3gppRTMP Mp4FLV RealF4VMMSWMV HTTP AdaptiveHTTP Streaming Quale strategia ? – Multi Protocol 56
  57. 57. I Player Content Provider [1/2]  I fornitori di contenuti sperimenteranno forme di distribuzione alternative per proteggere il valore delle licenze acquistate  Nuovi segmenti di clientela  Nuovi accordi per la distribuzione di contenuti di alta qualità a basso costo  Nuovi canali (Mobile, OTT)  No Walled GardenI Player – Content Provider [1/2] 57
  58. 58. I Player Content Provider [2/2]  I Content Provider adesso hanno la possibilità di distribuire i propri contenuti anche in nicchie di mercato  Nuove opportunità di Business  Contenuti specifici per un target specifico Long Tail RevolutionI Player – Content Provider [2/2] 58
  59. 59. I Player Operatori Telco IPTV Subscription Content Freemium Aggregator New Advertising Revenues, PPV TELCO OTT TV Sub Sub PPV New Advertising Revenues, PPV Mobile TV SUBI Player – Operatori Telco 59
  60. 60. I Player Broadcaster Consolidamento canale TV tradizionale Smart TV Monitoring Catch Up Tv Subscription PPV OTT TV New Advertising revenuesBroadcaster Pay per View Subscription Mobile TV Advertising Revenues Fidelizzazione Engagement Social TV Advertising Monitoring I Player – Broacaster 60
  61. 61. I Player Advertiser25,00%  Le aziende propongono i propri servizi/prodotti20,00% attraverso più canali accanto a quelli tradizionali15,00%  Utente profilato  Maggiore contestualizzazione10,00%  Utilizzo diversi strumenti in funzione dei contesti5,00%  L‟azienda studia il modo migliore per far conoscere il0,00% prodotto Internet Cinema Tv Radio  Ritorno preciso Fonte: Nielsen dell‟investimento pubblicitario I Player – Advertiser 61
  62. 62. Gli altri Player Pubblica AmministrazioneAssemblee Università PA TV Sanità ed eventi e RicercaE-Democracy Training / E-LearningComunicazione internaI Player – Pubblica Amministrazione 62
  63. 63. Gli altri Player Aziende e OrgDAM On Demand Live / Webcast Aziende e Org Corporate TV Video Information Spettacoli News Musica Promotion Sport Training Showcase Engagement Meeting Promo / Viral Retention I Player – Aziende e Org 63
  64. 64. Interact e RealNetworks La catena del valore CMS Content DAMAggregator Digital TV Videoassemblea Encoding Video Server System IntegrationProduction Delivery Professional Services Viral Security Quality Assurance I/F Billing Live Webcast Interact e RealNetworks - La catena del valore 64
  65. 65. INTERACT SpA Via Angelo Bargoni, 78 00153 Roma www.interact.it www.streamcast.itGRAZIE sales@interact.it Grazie

×