Your SlideShare is downloading. ×
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

L'evoluzione verso il web 2.0 e 3.0 e i nuovi processi di business

717

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
717
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. LEVOLUZIONE VERSO IL WEB 2.0 E 3.0E NUOVI PROCESSI DI BUSINESSCome le innovazioni del Web stanno profondamentemodificando alcuni processi aziendaliprof. Carlo Tasso - dott. Paolo OmeroUniversità di UdineinfoFACTORY srl - www.infofactory.it18 Dicembre 2007
  • 2. Contenuti del SeminarioParte 1 - Il nuovo Web• Dal Web 1 al Web 2.0• Elementi essenziali del Web 2.0• Information overload• Content based filtering e adaptive personalization• Verso il Web 3.0Parte 2 - Nuovi processi di business e nuovi modi di eseguire vecchiprocessi• Marketing online e Word of Mouth Marketing• Monitoraggio web automatizzato: Online Business Intelligence e ReputationManagement• Mass Knowledge Construction e Open Innovation• Nuovi strumenti e tecnologie ICT: Social Network Analysis, SentimentAnalysis, Information Extraction©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 3. Parte 1IL NUOVO WEB©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 4. L’EVOLUZIONE DEL WEB©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 5. L’EVOLUZIONE DEL WEB• 1990 – 2000 Web 1.0• 2000 – 2010 Web 2.0• 2010 – …. Web 3.0• …©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 6. L’evoluzione del Web©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 7. COS’E’ IL WEB 2.0?• Il termine denota uno stato di evoluzione del Web,caratterizzato da nuovi ingredienti, nuovi approcci, nuoviequilibri.©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 8. ©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 9. Principali caratteristiche dei siti Web 2.0• Contenuti forniti degli utenti, strumenti per la pubblicazioneagevole di contenuti e per la condivisione• Partecipazione attiva, collaborazione, bidirezionalità dellacomunicazione• Apertura e facilità di accesso• Reti sociali, community• Folksonimia (demonomia), tagging• Mass collaboration, intelligenza collettiva• Remixing di contenuti, syndication, mashup, aggregator• Web come piattaforma, infrastruttura orientata ai servizi• …©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 10. Applicazioni, strumenti e approcci tipici del Web 2.0• BLOG• WIKI• feed RSS• TAG CLOUD• AJAX, API, Web Service, XML, …• …• Contenuti gratuiti• Sistemi di Licenze (Creative Commons, … Opensource)• Modelli di Business (free, free-to-use-pay-for-service, …)©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 11. Alcuni siti WEB 2.0 molto popolari• WikipediA• flickr• MySpace• facebook• YouTube• LinkedIn• SecondLIFE• twitter• Innocentive• BoingBoing• LiveMocha• eBay• Skype• 43Things• NetVibes• chicagocrime• Del.icio.us• doggdot.us• Slashdot• upcoming• stumbleupon• ciao!• duespaghi.it• last-fm• current• BeppeGrillo• WeatherBonk• Digg• Technorati• BoardTracker• IceRocket• …©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 12. ©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 13. Dai produttori di informazione ai consumatori di Informazione (WEB 1.0)autori,produttori diinformazioneidee/concetti/eventidocumenti/doc. multimediali//audio-video/consumatoriintermediarioricercainvioWEBWEBsiti e portalisiti e portali©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 14. … nel Web 2.0 …..autore,produttori diinformazioneidee/concetti/eventi/opinionidocumenti/doc. multimediali//audio-video/intermediarioinvioWEB: siti, portali,WEB: siti, portali,blog, social networkblog, social networkutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoconsumatoreutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoricerca©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 15. … nel Web 2.0 …..autore,produttori diinformazioneidee/concetti/eventi/opinionidocumenti/doc. multimediali//audio-video/intermediarioinvioWEB: siti, portali,WEB: siti, portali,blog, social networkblog, social networkutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoconsumatoreutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoutente attivoricercaUser Generated Content©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 16. L’INFORMATION OVERLOAD• C’è troppa informazione disponibile in rete• Aumentano i problemi nella ricerca, nell’accesso, nell’invio… :• Non esistono efficaci strumenti di ricerca• Troppi errori di ricerca• Scarsa tempestività• I motori di ricerca hanno una precisione del 15-25% poichè sibasano su approcci assai ‘superficiali’ (parole chiave) e noneseguono un’analisi semantica dei documenti• Lo stato dell’arte corrente richiede strumenti innovativi e strumentispecifici per il Web 2.0©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 17. COME RISOLVERE IL PROBLEMA• Capire i concetti, e non solo riconoscere le parole chiave• Aggiungere contesto per disambiguare• Filtraggio Cognitivo:– Analisi concettuale del contenuto dei documenti– Meccanismi di rappresentazione della conoscenza– Filtraggio basato sui contenuti• Personalizzazione adattativa:– Profili individuali sugli interessi dell’utente– Tecniche di apprendimento automatico per la costruzioneautomatica dei profili di interesse©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 18. Cos’è il WEB 3.0?• Il Web 3.0 è la successiva evoluzione del Web, già ora in atto.• Gli strumenti del Web 3.0 saranno (alcuni lo sono già) in gradodi ‘capire’ automaticamente il significato dei contenuti e diragionare su di esso.• Il Web 3.0 non sarà più un semplice contenitore di parole/immagini/filmati, ma potrà essere visto come un contenitoredi concetti, una base di conoscenze• Il Web 3.0 sarà dotato di strumenti in grado di cercare conprecisione, mettere in relazione, capire ed estrarreinformazioni• Tutto ciò utilizzando tecniche di Intelligenza Artificiale©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 19. Parte 2Nuovi processi di businessenuovi modi di eseguire vecchi processi©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 20. Quali opportunità per le aziende?Quali nuovi strumenti ICT sono necessari?• E’ riconosciuto che gli utenti dei siti Web 2.0 (e piùgenericamente dei CGM e delle relative communityall’interno dei social network) giocano un ruolo di stakeholderad alto potenziale economico che va oltre al semplice ruolodi cliente di servizi, e si estende al diventare un canaledistributivo e di marketing virale, un indicatore di bisogni e unasset da valorizzare tramite comunicazione pubblicitariamirata [C.A. Carnevale Maffè, SDA Bocconi]• E’ chiaro però che la gestione dell’ascolto di questi ‘nuovistakeholder’ non può procedere con strumenti manuali e sugliattuali motori di ricerca (basati su parole chiave), ma ènecessario disporre degli strumenti innovativi del Web 3.0©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 21. Word of Mouth Marketing• Ogni cambiamento tecnologico ha provocato un saltonel paradigma di marketing: radio, televisione, [Noci2007],pay per click, CGM web 2.0.• <<Viviamo in un’epoca in cui il marketing tradizionale ègià morto ed è nato il nuovo marketing. Quello vecchio sibasava sui target, il nuovo sulle COMMUNITY. Ascoltarlesignifica imparare come costruire i prodotti e i servizi [..]>>F. Zendrini, responsabile comunicazione Gruppo Piaggio.[Digital PR 2005]• Oggi gli utenti si fidano delle opinioni degli altri utenti. Ilconsumatore ha un nuovo potere: influenzare le opinionied il comportamento di acquisto di altri.©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 22. ©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 23. ©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 24. Word of Mouth Marketing: utilizzare le community• per IMPARARE/CAPIRE:– sentiment sul proprio brand,– Ottenere comparazioni con concorrenti,– Identificare nuovi trend,– valutare gli effetti di una nuova campagna pubblicitaria,– capire la percezione degli utenti relativamente alla propria lineaprodotti/servizi,– conoscere meglio il proprio cliente.• per COMUNICARE/DIFFONDERE:– Stimolare le discussioni sul proprio brand– Veicolare messaggi dell’azienda attraverso le discussioni degli utenti– Intervenire in catene di informazione negativa– Supportare i propri clienti (rispondere a domande, fornire assistenzatecnica, risolvere problemi di clienti scontenti, ecc.)– Identificare gli opinion leader/influencer©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 25. Online Business Intelligence• Monitorare siti Web, riviste online, portalitematici, community, CGM, ecc. per:– Capire i movimenti dei concorrenti– Individuare rumors di interesse– Monitorare lo sviluppo di nuove tecnologie– Individuare violazioni della propria proprietàintellettuale– Identificare occasioni di finanziamento– Ecc.©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 26. Open Innovation• Il cliente può essere fonte di innovazione ed essere coinvoltonella progettazione, sviluppo e test del prodotto.• Ai processi di R&D dell’azienda collaborano utenti sparsi per ilmondo, fornendo idee (tecniche, pubblicitarie, …), valutandosoluzioni, collaborando allo sviluppo, alla progettazione,provando nuovi prodotti, …• ASCOLTARE/COINVOLGERE I CLIENTI!!©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 27. Casi di Successo• E’ emblematico il caso della Goldcorp Inc.: nel 2000/1 mise suWeb i suoi preziosi dati geologici e lanciò su Web una garaaperta a tutti per ricevere suggerimenti su dove si potevatrovare oro. Da 100 Milioni di $ passò ad un fatturato di 9Miliardi di $.Altri casi: BMW Customer Innovation, Nokia Beta Lab, Procter & Gamble©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 28. ©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 29. Strumenti e tecnologieCome utilizzare le informazioni online (es. conversazioni degli utenti) etrasformale in conoscenza utile per l’azienda?1. Tecnologie avanzate (Analisi semantica dei testi, intelligenza Artificiale, ecc.)2. Metodologia e Know How!©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 30. Prima spinoff ICT dell’Università di UdineLaboratorio di Intelligenza Artificialewww.infofactory.it
  • 31. Strumenti e tecnologieAnalisi delle sorgenti• Dove monitorare: tipologia delle sorgenti, credibilità, traffico,influenza,…• Identificazione manuale• Identificazione automatica (spider Web)©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 32. Strumenti e tecnologieScraping• Tecniche di web scraping (regular expression, xpath, ecc.)• Navigazione personalizzata• Estrazione automatica delle notizie©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 33. Strumenti e tecnologieSelezione/Filtraggio/estrazione• Tecniche di analisi semantica dei testi• Identificazione dei concetti e relazioni• Semantic annotation• Filtraggio personalizzato delle notizie• Superare l’approccio “parole chiave”• Sistemi di classificazione automatica• Sistemi di clustering• information extraction©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 34. Strumenti e tecnologieStatistiche• Pressione mediatica• Comparazione tra diversi argomenti di interesse (profili di ricerca)• Concetti più rilevanti• Es. Capire di che prodotto si parla di più, comparazione tra due brandconcorrenti, ecc.©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 35. Strumenti e tecnologieReportistica personalizzata sulle esigenze del cliente• Analisi manuale o automatica delle notizie• Sentiment Analysis• Social Network Analysis (capire la struttura del network,identificare diversi gruppi, identificare influencer,… )• Grafici personalizzati (es. posizionamento strategico, percezionebrand/prodotto, analisi comparative, ecc.)©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 36. Ringraziamenti• Agli studenti del corso ‘Personalizzazione dei contenuti Web’,che hanno contribuito ad analizzare il fenomeno Web 2.0:– Marco Amato– Viviana Murello– Francesco Rubert– Andrea Schiavinato©2007 - prof. Carlo Tasso - Paolo Omero - dicembre 2007 - www.infofactory.it
  • 37. CONTATTIProf. Carlo Tassocarlo.tasso@dimi.uniud.itDr. Paolo Omeroomero@infofactory.it

×