Fondimpresa: Lo sviluppo delle competenze

579 views

Published on

Il 29 novembre il vicepresidente nazionale di Fondimpresa Bruno Vitali ha partecipato ad Aosta al Convegno sul tema «Lo sviluppo delle competenze. Il sistema Fondimpresa a confronto con il sistema di formazione continua francese e svizzero». Vi propongo le slides che illustrano il suo intervento e fanno il punto sulla situazione della formazione professionale finanziata attraverso i fondi professionali.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
579
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
53
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Fondimpresa: Lo sviluppo delle competenze

  1. 1. LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il sistema Fondimpresa a confronto con il sistema di formazione continua francese e svizzero 291113 - AOSTA - Palazzo Regionale a cura di Bruno Vitali, vicepresidente Fondimpresa
  2. 2. La Formazione in Italia il dato è ancora negativo pur con un progressivo miglioramento dal 2008 più formazione da parte delle imprese* (ruolo dei fondi interprofessionali) * Rapporto ISFOL
  3. 3. La Formazione in Italia Le fonti delle risorse: I soggetti: ! Governo centrale, Regioni ! Regioni, alcune Province Fondo Sociale Europeo Fondi Interprofessionali 0,30% delle retribuzioni (~65 €/anno a dipendente) Privati Privati
  4. 4. I FONDI INTERPROFESSIONALI, SVOLTA PER IL SISTEMA DELLA FORMAZIONE IN ITALIA L’ammontare finanziario mobilitato per la formazione continua dei lavoratori in Italia è stimabile in poco più di 5 miliardi di euro l’anno. ! Di questi, circa 1 miliardo viene messo a disposizione dal Fondo sociale europeo, dalle Leggi nazionali di sostegno (236/93 e 53/00) e dai Fondi paritetici interprofessionali. Questi ultimi rappresentano la metà di tali risorse. Fonte: rapporto Isfol 2012
  5. 5. La Formazione in Italia Accordi tra governo, regioni e parti sociali per promuovere sinergie tra i diversi organismi e fondi, pubblici e privati, comunitari, nazionali e regionali Obiettivo: promuovere occupabilità, migliori tutele, riqualificazione e reinserimento lavorativo Risultato: poche esperienze concrete, platea ristretta di soggetti coinvolti
  6. 6. NUMERI ad oggi sono 21 i fondi interprofessionali 11 sono di espressione confederale-confindustriale dei 10 restanti, 2 sono commissariati le dotazioni di cassa variano notevolmente tra loro In alcuni casi coprono solo il fabbisogno di funzionamento e una limitata operatività il 47% delle risorse fa capo a Fondimpresa
  7. 7. I FONDI CONFEDERALI (rapporto ISFOL 2012) Risorse 2004-settembre 2012 Fondimpresa For.te F.F.Artigianato Fapi F. Banche Fon.coop Fon.ter Fondoprof Fond.e.r Fonservizi For.agri 1675 646 235 182,5 167 152 MN € 128 44 27,5 12 5,4
  8. 8. COME FUNZIONA SONO LE IMPRESE E I LAVORATORI A VERSARE I SOLDI PER LA LORO FORMAZIONE Le imprese private e, dal 2009, le pubbliche e le ex esercenti pubblici servizi versano l'1,61% del monte salari come contributo obbligatorio contro la disoccupazione involontaria. ! Con la legge 845 del 1978, parte di questo contributo, il cosiddetto 0,30%, viene destinato alla formazione dei lavoratori. ! Con la legge 388/2000 le aziende possono scegliere di destinarlo a un fondo interprofessionale per la formazione continua. In caso di adesione lo 0,30 va comunque all'INPS che lo gira al fondo indicato dall’azienda. L'adesione è volontaria, gratuita e può essere attivata o disdetta in ogni momento. ! Ogni fondo riceve ogni anno risorse proporzionali al numero dei lavoratori occupati nelle imprese che lo hanno scelto e le impiega per finanziare la formazione delle medesime imprese.
  9. 9. COME FUNZIONA Conto Formazione 166,5 Conto Sistema 155,4 Gestione 4% Conto Sistema 26% Conto Formazione 70% 321,9 milioni € deliberati nel 2012 sui piani 166,5 sul Conto Formazione 155,4 sul Conto di Sistema
  10. 10. NUMERI 160.652 aziende iscritte (al 30/9/2013) 4.406.790 lavoratori (al 30/9/2013) 2,4% i costi di funzionamento nel 2012 (sul 4% consentito) 4,3 MN € di spesa formativa per addetto nel 2012
  11. 11. VOLUMI PIANI FINANZIATI Dal 2007 finanziati oltre 45 mila piani, per 2,5 milioni di lavoratori, per 1,5 miliardi di €. Quasi la metà spesi direttamente dalle imprese tramite il Conto Formazione
  12. 12. PERSONE IN FORMAZIONE 46% è over 45 36% ha un basso titolo di studio (elementari, medie, professionali) 27% sono donne* Più del 90% delle imprese che usano il fondo sono medio-piccole * media italiana inferiore al 25% (metà delle aziende aderenti al Fondo sono metalmeccaniche, a forte prevalenza maschile)
  13. 13. 13 20 246 MN DI € el n DALLA FORMAZIONE ALLA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA circa 100 milioni di € in meno nel 2013 a Fondimpresa consistenti tagli alle attività formative
  14. 14. AVVISI CHIUSI PER SUPERAMENTO RISORSE DISPONIBILI 2/2013, Internazionalizzazione - marzo 2013 3/2012, Cig - aprile 2013 2/2012, Pmi anche neoaderenti - aprile2013 2/2010, Mobilità - aprile 2013 4/2011, Contratti di rete - maggio 2013 1/2013 Sicurezza e Ambiente - luglio 2013
  15. 15. La formazione professionale ha davanti almeno TRE SFIDE
  16. 16. Fare della formazione parte concreta delle politiche attive del lavoro Non dirottando risorse dalla formazione agli ammortizzatori sociali Essi sono indispensabili ma parcheggiano le persone La formazione invece aiuta a trovare un nuovo lavoro o a mantenerlo
  17. 17. DALLA MOBILITÀ ALLA FORMAZIONE PER TROVARE NUOVO LAVORO: L ’AVVISO 2/2010 7500 lavoratori interessati dai piani di riqualificazione per ricollocazione nei piani finora conclusi il 55% dei lavoratori sono stati ricollocati, di cui il 50% a tempo indeterminato il 40% con contratti a termine il 10% in lavoro autonomo 35 anni l’età media dei ricollocati
  18. 18. 5.150 € è stato il costo medio, per partecipante, della ricollocazione al lavoro dei piani finora consuntivati sul bando 2/2010 un anno di Cassa Integrazione costa più del doppio e non offre opportunità
  19. 19. Dopo la crisi aumentare la quota per la formazione in Italia, con lo 0,3%, è la più bassa d’Europa es. in Francia: dallo 0,55% per le piccolissime imprese all‘1,6% per quelle sopra i 20 addetti (da 2 a 5 volte di più)
  20. 20. Riorganizzare i Fondi per aumentare la qualità formativa meno Fondi ma più grandi rendere contrattuale la quota destinata alla formazione
  21. 21. politiche attive del lavoro UNA SQUADRA SUL TERRITORIO? Confindustria Amministraz. locali Fondi € Interprofess. € Impresa con esuberi Formazione Scuola, Università Agenzie formative Agenzie interinali, outplacem. ORGANISMO BILATERALE LOCALE Cgil Cisl Uil Impresa che assume

×