• Save
23 giugno 2013: Intervento professor Federico Visconti (Università della Valle d'Aosta - Economia)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

23 giugno 2013: Intervento professor Federico Visconti (Università della Valle d'Aosta - Economia)

on

  • 376 views

Intervento del professor Federico Visconti (Università della Valle d'Aosta - Economia) alla Giornata dell'Economia della Camera di Commercio di Aosta

Intervento del professor Federico Visconti (Università della Valle d'Aosta - Economia) alla Giornata dell'Economia della Camera di Commercio di Aosta

Statistics

Views

Total Views
376
Views on SlideShare
340
Embed Views
36

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

5 Embeds 36

http://impresavda.blogspot.it 25
http://www.impresavda.blogspot.it 6
http://impresavda.blogspot.com 2
http://impresavda.blogspot.fr 2
http://impresavda.blogspot.ru 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

23 giugno 2013: Intervento professor Federico Visconti (Università della Valle d'Aosta - Economia) 23 giugno 2013: Intervento professor Federico Visconti (Università della Valle d'Aosta - Economia) Presentation Transcript

  • «L’evoluzione del sistema delle imprese»Giornata dell’economia 2013Aosta, 26 giugnoFederico Visconti
  • Le PMI nella “tempesta perfetta” della grandecrisi: tante nubi• gli spazi economici ed operativi si stanno contraendo, pur con intensità eforme differenziate di settore in settore;• c’è eccesso di capacità produttiva;• la tensione economica e la pressione finanziaria che si scaricano sulleimprese stanno provocando processi selettivi ……….. “fare impresa” è sempre più difficileLe motivazioni personali degli imprenditori “vacillano”2
  • Le PMI nella “tempesta perfetta” della grandecrisi: qualche squarcio di serenoIl tessuto tipico del Paese (piccole e medie imprese, familiari, spesso amatrice distrettuale) prova a rispondere, in particolare grazie allecomponenti più robuste del sistema, più aperte al cambiamento, piùorientate alla crescita, più innovative.Lo fa percorrendo alcune strade ….• esplorando nuovi mercati e spazi di crescita, in particolare a livello internazionale• arricchendo il sistema di prodotto/servizio• sviluppando capacità manageriali• intervenendo sull’assetto istituzionale e sui rapporti famiglia - impresa• rafforzando la collaborazione all’interno di reti e filiere produttive• …….3
  • Le PMI nella “tempesta perfetta” della grandecrisi: nuovi imprenditori e start-upperIl fattore imprenditoriale rimane vivo e dà vita a nuovi flussi diimprenditorialità: startupper, imprenditoria femminile, migrantiimprenditori, auto-impiego, “giovani imprese” …..Le nuove imprese nascono e prendono forma:• nel mondo del digitale, quello del web e dei social, dei new media edell’intrattenimento, del mobile e delle app, del multimedia edell’e.commerce;• dalla “contaminazione” tra settori tradizionali dell’economia etecnologia digitale;• ma anche in attività tradizionali, spesso di natura artigianale.4
  • Gli scenari evolutivi: da soli si rischia di piùGuardando avanti, la dimensione è destinata a contare sempre di più.Le piccole imprese devono crescere per:•aumentare il valore del prodotto offerto;•conseguire economie di scala;•proteggere e sviluppare la nicchia;•rafforzarsi lungo le filiere produttive e distributive;•negoziare le risorse finanziarie;•…….5
  • Gli scenari evolutivi: si può crescere insiemeSi può crescere in tante forme, attorno a leader forti o con formule aggregative.La crescita attraverso reti d’impresa presuppone (e impone):•una robusta visione strategica, un “progetto comune”, se opportunoformalizzato in un business plan;•un solido assetto organizzativo, con strumenti e meccanismi di funzionamentodella rete efficaci ed efficienti;•presupposti valoriali e culturali aperti alla collaborazione, nella pragmaticaconvinzione che dalla aggregazione e dal lavoro comune derivi un gioco asomma maggiore di zero per tutti gli attori coinvolti.6