Your SlideShare is downloading. ×
Riduzione ponderale con dietoterapia, attività fisica, integratori naturali e alcat test
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Riduzione ponderale con dietoterapia, attività fisica, integratori naturali e alcat test

550
views

Published on

L’aumento ponderale è uno dei problemi più sentiti di quest’ultimo periodo, non solo per la componente estetica, ma soprattutto per quella medico sanitaria. Dati preoccupanti circa l’aumento …

L’aumento ponderale è uno dei problemi più sentiti di quest’ultimo periodo, non solo per la componente estetica, ma soprattutto per quella medico sanitaria. Dati preoccupanti circa l’aumento vertiginoso dell’obesità, e comunque del sovrappeso in generale, hanno indotto i mass media e gli organismi sanitari a occuparsi sempre più del problema, organizzando campagne a favore della riduzione del peso e di un’alimentazione sempre più salutista e attenta. Giusto per fare un breve cenno statistico, a conferma dell’importante ruolo svolto dalla prevenzione, migliore arma contro il sovrappeso, la media nazionale, in Italia, sfiora il 25% di soggetti obesi e in sovrappeso (con punte di quasi il 40% in Campania e in Valle d’Aosta con circa il 15%). In Italia, solo il 53% della popolazione rientra nella fascia del normopeso.
Alla luce di quanto esposto e, vista l’affluenza presso i nostri ambulatori di pazienti in sovrappeso, abbiamo ritenuto opportuno verificare i risultati dell’azione congiunta di determinati interventi dietetici, attività fisica, e utilizzo d’integratori a base di sostanze naturali nell’indurre una riduzione ponderale in soggetti sovrappeso. Si tratta di dati iniziali che, se incoraggianti, dovranno essere confermati da controlli a lungo termine. Rientrano nell’indagine anche i test sulle intolleranze alimentari. Sono, infatti, numerosissimi ormai gli studi che confermano la stretta correlazione tra la presenza di un’intolleranza alimentare e il sovrappeso.

Published in: Health & Medicine

1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Io da qualche tempo uso degli integratori ma di questi nomi non ne ho sentito. Forse mi aiutate? Compro sempre qui quello che mi serve: www.vitamincenter.it/vendita-integratori.html
    Forse qualche integratore qui e quello che spiegate voi?
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
550
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Riduzione Ponderale con Dietoterapia, Attività Fisica, Integratori Naturali e Alcat TestStudio OsservazionaleDr. F. Lampugnani - Biologo Nutrizionista Specialista in FarmacologiaDr. A. Scardicchio - Ist. Medicina dello Sport BARIDr. V. Amendola - Ist. Medicina dello Sport BARIDr. M. Amendola - Ist. Medicina dello Sport BARIDr. D. Accettura - Ist. Medicina dello Sport BARIINTRODUZIONE:L’aumento ponderale è uno dei problemi piùsentiti di quest’ultimo periodo, non solo per la Esistono situazioni in cui l’organismo, purcomponente estetica, ma soprattutto per quella assumendo la giusta quantità di alimenti, èmedico sanitaria. Dati preoccupanti circa incapace di utilizzarli nel modo corretto. Sil’aumento vertiginoso dell’obesità, e comunque formano così delle scorie che ostacolano i normalidel sovrappeso in generale, hanno indotto i mass meccanismi metabolici, e generano unamedia e gli organismi sanitari a occuparsi sempre condizione che si manifesta spesso anche inpiù del problema, organizzando campagne a concomitanza di un’intolleranza alimentare. Talifavore della riduzione del peso e di situazioni infiammatorie possono peggiorare oun’alimentazione sempre più salutista e attenta. provocare ritenzione idrica, edemi o alterazioni delGiusto per fare un breve cenno statistico, a microcircolo. Migliorando lo stato infiammatorio diconferma dell’importante ruolo svolto dalla un’intolleranza alimentare miglioranoprevenzione, migliore arma contro il sovrappeso, notevolmente circonferenza corporea e peso. Unla media nazionale, in Italia, sfiora il 25% di recente studio ha confermato che il tessutosoggetti obesi e in sovrappeso (con punte di quasi adiposo dell’obeso è caratterizzatoil 40% in Campania e in Valle d’Aosta con circa il dall’infiltrazione di macrofagi, importante fonte15%). In Italia, solo il 53% della popolazione d’infiammazione del tessuto stesso. Grazie allarientra nella fascia del normopeso. pratica ambulatoriale quotidiana ho potutoAlla luce di quanto esposto e, vista l’affluenza verificare che, se in presenza di un’intolleranzapresso i nostri ambulatori di pazienti in alimentare, apportando le dovute modifiche allasovrappeso, abbiamo ritenuto opportuno verificare dieta e monitorando costantemente lai risultati dell’azione congiunta di determinati composizione corporea è possibile ottenere ottimiinterventi dietetici, attività fisica, e utilizzo risultati non solo nella riduzione ponderale, mad’integratori a base di sostanze naturali anche nel benessere psicofisico. Cito con piacerenell’indurre una riduzione ponderale in soggetti il test grazie che mi ha permesso di raggiungeresovrappeso. Si tratta di dati iniziali che, se importanti risultati nella diagnosi delle Intolleranzeincoraggianti, dovranno essere confermati da e nella messa appunto di un programmacontrolli a lungo termine. Rientrano nell’indagine nutrizionale adeguato. Si tratta di ALCAT, testanche i test sulle intolleranze alimentari. Sono, completamente computerizzato, con altainfatti, numerosissimi ormai gli studi che ripetitività (fondamentale in questo tipo di analisi),confermano la stretta correlazione tra la presenza approvato anche dall’FDA americana.di un’intolleranza alimentare e il sovrappeso. 1
  • 2. MATERIALI e METODI: dell’attività sportiva per l’utilizzo degli acidi grassi resi disponibili).Sono state utilizzate tre categorie di Integratori: Il Rododendro ha come costituenti principali: Flavonoidi, Antocianidine, Proantocianidine a 1) Con azione sulla mobilizzazione del tessuto elevata azione antiossidante. Tra le attività vanno adiposo. ricordate la riduzione del tasso di colesterolo e 2) Con azione nel ridurre l’assorbimento delle l’inibizione dell’assorbimento dei grassi, calorie in eccesso. soprattutto se associato alla Rodiola. 3) Con sostanze che mimano l’azione del Il Matè è una pianta diffusa in Brasile. I suoi testosterone, quindi di supporto per il principi attivi sono: Alcaloidi Purinici (xantine), consolidamento della Massa Magra. comprendenti caffeina, teobromina e tracce di teofillina. È utilizzata nel trattamento del sovrappeso poiché determina l’aumento dell’usoPer ovvi motivi di Privacy, saranno citati solo i dei lipidi come substrato ossidativo. Utile, graziecomponenti e la loro attività, omettendo i nomi alla presenza di xantine, sia per ridurre l’appetitocommerciali. sia per bruciare il grasso. Il Cromo Picolinato è un importante mineraleGarcinia 60%; Cassia Nomame; Rodiola; traccia, essenziale per il corpo umano.Rododendro; Matè; Cromo Picolinato L’eccessiva raffinazione degli alimenti ne riduce la presenza, giustificando l’integrazione per gli atleti.La Garcinia è una pianta diffusa nell’India La sua carenza porta a squilibri metabolici che causano sovrappeso, iperglicemia e diminuzioneCentro-Meridionale, di cui si utilizzano la della sensibilità all’insulina. Importante per glibuccia e i frutti. La sostanza principale è l’acido atleti perché favorisce l’utilizzo degliidrossicitrico, potente inibitore dell’enzima Citrato- aminoacidi, aumenta la resistenza alla fatica eLiasi, che trasforma i Carboidrati non consumati in contribuisce al mantenimento del peso corporeo.grassi, e limita quindi l’accumulo di calorie, sottoforma di grassi di deposito, nel tessuto adiposo Gymnema; Garcinia; Guggul; Gentianella;sottocutaneo (principali responsabili dell’aumento Banabadi peso corporeo).La Cassia è una pianta della tradizione La Gymnema è una pianta originaria dell’India efitoterapica orientale, ritenuta uno dei migliori del Pakistan. Sostanze attive sono gli Acidirimedi naturali per il controllo dei grassi e del Gimnemici, da secoli usati per ridurre la glicemiasovrappeso. Recenti studi l’hanno resa famosa la nel paziente diabetico. Si è notato, infatti, che ilsua significativa azione d’inibizione della Lipasi fitocomplesso utilizzato è in grado di abbassare laPancreatica. Utile rimedio soprattutto in caso di glicemia in maniera significativa, agendoalimentazione ricca di grassi. È stata inoltre sull’assorbimento del glucosio a livello intestinale,confermata l’utilità a fini energetici o di deposito, per azione di competizione verso la molecola divista la sua azione nel primo step del glucosio (alla quale è molto simile) sui recettorimetabolismo dei grassi alimentari per opera degli posti sui villi.enzimi. Sostanze note di questa pianta sono Garcinia (già descritta).alcuni polifenoli, in particolare la Luteolina. In Il Guggul è una resina dura, ricavata dallapresenza di estratto di Cassia si è riscontrata una Commiphora Mukul, pianta che cresce in India. Lariduzione dell’assorbimento dei grassi almeno del porzione attiva è rappresentata dai Gugulipidi. E’30%. stato dimostrato un effetto potente e costante nelLa Rodiola è una pianta tipica di ambienti ridurre i livelli di colesterolo totale, LDL, VLDL emontagnosi e freddi. Possiede numerosi principi trigliceridi, che non interferiscono sui livelli di HDL.attivi, e tra questi diversi acidi organici (ossalico, Durante l’assunzione della sostanza, si riducono icitrico, succinico, malico), oli essenziali, livelli di Lipoperossidi, (-34%). L’azionemonoterpeni, tannini ecc. Efficace nella cura della ipolipemizzante pare sia dovuta a unadepressione (tramite un meccanismo stimolazione dell’uptake e del metabolismo deiserotoninergico) e nel miglioramento delle lipidi da parte del fegato.performance sportive. Stimola, inoltre, l’attività La Gentianella ha un’azione colagoga edella Lipasi, che agisce idrolizzando il legame depurativa a livello ematico che riduce il tasso diestereo presente nella molecola dei trigliceridi e colesterolo.liberando acidi grassi che possono essere La Banaba (Lagerstroemia Speciosa) è unametabolizzati (importante l’abbinamento pianta tipica del Sud Est Asiatico, divenuta nota 2
  • 3. per l’attività ipoglicemizzante in vivo e in vitro del riduzione della massa tissutale attiva (ATM), checomposto presente nelle foglie, l’Acido conduce a un “deperimento”.Corosolico, al quale si attribuisce un’importanteattività insulino-simile, che favorisce il trasporto DISCUSSIONI e CONCLUSIONI:del glucosio all’interno delle cellule. Nell’ambito della nostra esperienza ambulatoriale,Tribulus; Maca; Ginseng; Muira-Puama anche se limitati a periodi di pochi mesi, abbiamo potuto valutare l’andamento del peso e deiIl Tribulus (Tribolo comune) è una pianta ormai parametri descritti su un campione di 20 pazienti,nota, per la presenza di saponine steroidee così suddivisi:(protodioscina) che, attraverso la secrezionedell’ormone luteizzante (LH) da parte dell’ipofisi, Azione sulla mobilizzazione del tessuto adiposoinducono la produzione del testosterone. A 8 Donne e 2 Uominidifferenza degli steroidi anabolizzanti, non si Azione di riduzione dell’assorbimento dellesopprime la produzione di testosterone endogeno. calorie in eccesso: 4 donne e 1 uomoLa Maca, pianta tipica dell’America centrale, è Azione simile testosterone: 5 uominiconosciutissima per la sua capacità di migliorarel’efficienza fisica e sessuale. Principi attivi sono gli I risultati appaiono molto incoraggianti. Degna diamminoacidi essenziali e non e gli acidi grassi nota l’azione combinata dei composti presenti nelpolinsaturi. preparato atto a ridurre l’assorbimento di calorieIl Ginseng, pianta conosciutissima nella cultura (Gimnema e Garcinia), nei pazienti in sovrappeso,orientale, ha come principi attivi i ginsenoidi ai che presentavano anche un aumento dellaquali sono state attribuite importanti proprietà resistenza all’insulina (valutata con dosaggiotonificanti, che migliorano lo stato fisico e diretto o con test genetico dell’Istituto IMGeP dipsichico dell’organismo. Milano) o familiarità e predisposizione al diabete. In questi pazienti la glicemia è sempre stata benLa Muira-Puama è una pianta conosciuta da controllata e si sono notati importanti riduzionimoltissimo tempo che, grazie alla presenza di della massa grassa. Positiva la riduzione del pesosostanze attive come il Sitosterolo e altri alcalodi, nel gruppo di pazienti, e molto apprezzate leha dimostrato di avere importanti caratteristiche azioni della Garcinia e della Cassia, utiletonificanti. quest’ultima per l’attività sulla lipasi pancreatica, (interferenza sul primo step di utilizzo dei lipidi).Fatta questa breve e doverosa descrizione delle Interessanti anche i risultati ottenuti nel gruppo disostanze, che insieme agli integratori, sono state pazienti - soprattutto se dediti ad attività fisicautilizzate a supporto dell’intervento dietetico e importante - in cui si è utilizzato un preparatodell’attività fisica, vediamo più da vicino i risultati contenente Tribulus che, a differenza degliottenuti con un’analisi Impedenziometrica, che si steroidi anabolizzanti, non sopprime la produzioneserve di uno strumento di ultima generazione. endogena di testosterone, ma al contrario laE’ stato utilizzato un analizzatore di Impedenza, incrementa. Questo è dovuto al fatto che gli“Imp DF 50” dell’Impedimed, per la steroidi inibiscono la secrezione di LH.determinazione della composizione corporea a 3compartimenti. Misurazione diretta e Allegate le tabelle con i risultati e gli indicatori divisualizzazione di resistenza, reattanza, monitoraggio: angolo di fase (marker situazioneimpedenza, angolo di fase. Fondamentale, è stata generale); massa tissutale attiva (ATM) in Kg e %la possibilità di poter stimare anche i (componente della massa magra ed espressionecompartimenti all’interno del valore della Massa fisica); massa magra in Kg. (FFM); massa grassaMagra (massa tissutale attiva (ATM), acqua in Kg e % (FM); acqua extracellulare (ECW);extracellulare (ECW) e acqua intracellulare acqua intracellulare (ICW); peso in Kg; età.(ICW)), al fine di una corretta programmazione Questo studio, ancora in fase preliminare, cidella nutrizione e del lavoro aerobico e isotonico. induce, dati i risultati sicuramente incoraggianti, aLa valutazione del valore dell’ATM contribuisce raccogliere una casistica più numerosa peranche a discriminare le diverse tipologie del confermare i risultati con uno studiosoggetto in sovrappeso o obeso, da “sano” a epidemiologico.“malnutrito”.Fondamentale, quando si parla di perdita di peso,è la differenziazione tra la riduzione di FM (massagrassa) che porta a un “dimagrimento” e la 3
  • 4. Tabelle Risultati NOME Fase ATM Atm% FFM FM FM% ECW ICW Peso ETA . TESTOST. S.G. 1 uomo 6,6 34,1 46,1 61,7 12,3 16,6 43,4 56,6 74 57 S.G. 2 7,1 36,3 49 63,4 10,6 14,3 41,2 58,8 74 F.C. 1 uomo 5,3 26 28,2 58,8 33,2 36 56 44 92 49 F.C. 2 5,4 27 30,6 58,8 29,7 33,6 53,2 46,8 88,5 A:C. 1 uomo 6,4 39,6 41,2 73,8 22,2 23,1 47,1 52,9 96 27 A.C. 2 6,6 40,4 41,7 74,5 22,5 23,2 46,5 53,5 97 F.A. 1 uomo 7,2 31,4 41,3 57 19 25 42,6 57,4 76 32 F.A. 2 6,9 34,2 46,2 60,9 13 17 42,4 57,6 74 G.B. 1 uomo 6,6 41,5 42,3 75,6 22,4 22,8 46,4 53,6 98 27 G.B. 2 7,1 41,5 45,7 73,6 17,4 19,1 43,7 56,3 91 . . METAB.GLUCOSIO . G.P. 1 uomo 6,2 25,9 33,6 52,2 24,8 32,2 47,3 52,7 77 59 G.P. 2 5,6 25,1 33,9 52,2 21,8 29,4 49,5 50,5 74 A.S. 1 donna 5,2 18,1 28,3 39,8 24,2 37,8 50,2 49,8 64 41 A.S. 2 5,2 18 31 39,1 18,9 32,5 49,1 50,9 58 B.B. 1 donna 5,4 23 27,8 48,4 30,7 41,3 50,6 49,4 82,5 23 B.B. 2 5,9 22,5 30,4 47,3 26,7 36 48,2 51,8 74 R.C. 1 donna 5,7 19 36,2 39,2 13,3 25,4 45,7 54,3 52,5 26 R.C. 2 5,8 21 40,3 41,7 10,3 19,8 45 55 52 E.G. 1 donna 5,1 21,5 34,2 44,5 18,5 29,4 49,8 50,2 63 46 E.G. 2 4,9 19,8 33,6 43,1 15,9 26,9 50,5 49,5 59 NOME Fase ATM Atm% FFM FM FM% ECW ICW Peso ETA . CATABOL. M.S. 1 donna 5,7 30,6 32,3 58,2 34,3 37,1 49,4 50,6 92,5 53 M.S. 2 donna 5,6 29,9 33 57,3 33,7 37 49 51 91 M.C. 1 donna 5,3 25,2 28,3 51,2 37,2 41,8 51,1 48,9 89 36 M.C. 2 donna 5,3 25,3 30,4 51,5 31,5 37,9 50,5 49,5 83 N.B. 1 donna 5,8 18,4 25,9 39,3 31,7 44,6 50,4 50 71 58 N.B. 2 donna 6,1 19,9 29,7 40,7 26,3 39,2 47 53 67 M.A. 1 donna 4 22 21,1 50,9 50,4 48,5 56,5 43,5 104 50 M.A. 1 donna 4,2 22,4 25,2 49 39 34,3 55,3 44,7 88 A.B. 1 donna 6,2 25,3 32 48,4 28,6 36,2 47,7 51,4 79 24 A.B. 2 donna 6,5 24,8 37,5 47 17,5 26,5 44,4 56 66 L.M. 1 uomo 5,7 30,7 40,3 59,7 16,3 21,4 48,2 51,8 76 64 L.M. 1 uomo 6 29,1 38,7 56,6 18,4 24,6 47,1 52,9 75 V.V. 1 donna 6,2 23,2 29,8 47,1 30,9 39,7 47,1 52,9 78 22 V.V. 2 donna 6,9 23,2 32,5 46,9 27,1 36,7 44,2 55,8 74 D.B. 1 uomo 7 31,1 32,6 60,6 34,9 36,5 48,1 51,9 95,5 33 D.B. 2 uomo 7,3 32,6 35,3 61,6 30,9 33,4 46,1 53,9 92,5 V.C. 1 donna 5,8 19,9 31,6 41,5 21,5 34,1 47,1 52,9 63 39 V.C. 2 donna 5,8 19,9 32,8 41,2 19,3 31,9 46,4 53,6 60 S.F. 1 donna 5,8 26,7 26,4 52,9 48,1 47,6 49,6 50,4 101 52 S.F. 2 donna 5,1 25,3 25,6 52,8 46 46,7 53 47 99 4