Your SlideShare is downloading. ×
0
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Intolleranze Alimentari
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,420
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ISTITUTO DI MEDICINA BIOLOGICA Dir. San.: Dr Giuseppe Di FedeIntolleranze Alimentari Stato dell’Arte Dr Marcello Romeo Milano, 16 aprile 2010 1
  • 2. Reazioni Avverse agli AlimentiOgni risposta clinicamente anomalaattribuibile all’ingestione, al contattoo all’inalazione di alimenti. American Accademy of Allergy and Immunology 1995 2
  • 3. Reazioni avverse agli alimenti EPIDEMIOLOGIA• 2-2.5% popolazione adulta• 0.3-7.5 % al di sotto dei 2 aa• a 10 aa frequenza analoga a quella degliadulti 3
  • 4. Reazioni avverse agli alimenti EPIDEMIOLOGIA AlimentiCibi esotici Geneticamente modificati Allergeni Tecniche di“nascosti” produzione e conservazione 4
  • 5. Reazioni avverse agli alimenti Fattori favorenti 5
  • 6. Reazioni avverse agli alimenti Fattori Favorenti 6
  • 7. Reazioni avverse agli alimenti AllergeniGli Allergeni più frequentemente implicatisono rappresentati da:•Pesce (Paesi Scandinavi)•Arachidi ( USA)•Crostacei e Molluschi (Paesi Mediterranei)•Lumache (Portogallo)•Sedano (Svizzera)•Mela, pesca, kiwi, noci, arachidi, pomodori(Italia) 7
  • 8. 8
  • 9. Reazioni non tossiche 9
  • 10. Reazioni ImmunomediateALLERGIE ALIMENTARI 10
  • 11. Reazioni Non ImmunomediateINTOLLERANZE ALIMENTARI 11
  • 12. Intolleranze Alimentari• rappresentano la reazione cronica ad alimenti assuntifrequentemente• la manifestazione da esse determinata non è in strettarelazione al momento dell’assunzione (72 h)• i sintomi non sono proporzionali alla quantitàdell’alimento assunto, quindi non sono dose-dipendenti• sono frequenti cross-reazioni tra alimenti della stessafamiglia biologica 12
  • 13. Meccanismo FarmacologicoSostanze farmacologicamente attive presenti oaggiunti agli alimenti Caffeina Tiramina Istamina Salicilati Nitriti Solfiti Glutammati 13
  • 14. Meccanismo Idiosincrasico Additivi Conservanti Coloranti Emulsionanti Acidificanti Antiossidanti Contaminanti 14
  • 15. Intolleranze Alimentari SINTOMATOLOGIADISTURBI GASTROINTESTINALI• Nausea, vomito, stipsi, diarrea, malassorbimento,dolore addominaleDISTURBI DERMATOLOGICI• eczema, prurito, orticaria, psoriasi, acneDISTURBI RESPIRATORI• rinite, sinusite, asmaDISTURBI NEUROLOGICI• Cefalea, vertigini, ipereattività 15
  • 16. Diagnosi di intolleranza alimentare con ALCAT® test Antigen Leucocyte Cellular Antibody Test Cibi e Chimici Diagnosi di screening Praticabilità a tutti FDA approved techn. Lettura memoria Analisi computerizzata
  • 17. Metodica di Laboratorio• Il Test ALCAT è una metodica diagnostica“in vitro” eseguita su sangue intero.• La reazione con i singoli estratti alimentariin gel viene messa a confronto con aliquote disangue di controllo non esposte agli estrattialimentari.• Dopo la separazione della frazioneleucocitaria, ogni aliquota viene analizzata,conteggiata e misurata attraverso un sistemacomputerizzato che esprime graficamente lavariazione del numero e della dimensionecellulare. 17
  • 18. Metodica di Laboratorio• I grafici del Test, realizzati per singoloalimento, vengono sovrapposti al grafico dicontrollo permettendo la determinazione diclassi di positività in base a quanto il campionesi allontana dall’istogramma di controllo intermini di deviazione standard.• Studi clinici hanno dimostrato un buon livellodi correlazione con il test di provocazione oralea doppio cieco per gli estratti alimentari (83.4%)e di correlazione con gli additivi alimentari(96%). 18
  • 19. Risultato del TestLe modificazioni a carico dei granulocitineutrofili vengono quantificate mediantesettori di colore diverso a seconda dellagravità della reazione. Reazione negativa Reazione moderata Reazione grave Reazione estrema 19
  • 20. DOPO IL RISULTATO ALCAT Dieta personalizzata Dieta a rotazione degli alimenti Dieta bilanciata con alimenti alternativi a quelli risultati intolleranti
  • 21. •Precisione: Rappresenta la stima della riproducibilità delTestDiversi studi hanno rilevato una riproducibilità significativacon probabilità di ottenere un risultato della stessa entitàinferiore a 0.02•Sensibilità: Rappresenta la dose minima misurabile di unasostanza (96%)•Specificità: Rappresenta la capacità di dosareesclusivamente una determinata sostanza così da escludereinterferenze con sostanze simili (92%)I parametri di Precisione, Sensibilità e Specificitàconferiscono al Test Alcat il requisito più importanterappresentato dalla Affidabilità. 21
  • 22. • riproducibile(sensibilità, specificità, precisione) • riconosciuto dalla FDA • non è operatore-dipendente 22
  • 23. Protocollo di ricerca UniversitarioA putative correlation between ALCAT testingand obesity/overweight disorders: apreliminary clinical trial Prof. Pier Luigi PompeiAssociate Professor of Pharmacology, Pharmacotherapyand Sport Nutrition - Università di Camerino, Facoltàdi Medicina e Chirurgia
  • 24. Protocollo di Ricerca Universitario VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA DEL TEST ALCAT NELLA DIAGNOSI DELLEINTOLLERANZE ALIMENTARI IN PAZIENTIAFFETTI DA MANIFESTAZIONI CUTANEE e/o DISTURBI GASTROINTESTINALIProf.ssa Mosca, Università di Pavia, facoltà di Medicina e Chirurgia, Allergologia e Dermatologia 24
  • 25. 25
  • 26. 26
  • 27. 1) il Test ALCAT mostra chiari ed evidenti risultati validi, in quei soggetti con sintomi caratteristici di intolleranza alimentare o con patologie che potrebbero essere ad essa correlate come certe disbiosi intestinali, alterazioni della permeabilità della mucosa intestinale; (Strobel e Mowat)2) Una volta messo a dieta priva dell’alimento riscontrato intollerato, la reattività allergica o da intolleranza si riduce, modificando la clinica del paziente.3) La sintomatologia si riduce fino a scomparire in certi casi e in altri rimane in forma quiescente, se non si reintroduce l’alimento reattivo ( dieta a rotazione ) 27
  • 28. Grazie perl’attenzione 28

×