Your SlideShare is downloading. ×
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
578
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. INTOLLERANZA AL LATTOSIO a cura del Prof. Giuseppe Di Fede, Medico Chirurgo, Direttore Sanitario di Imbio - Istituto di Medicina Biologica di Milano, Specialista in Nutrizione e Dietetica Clinica, Esperto in MedicinaGenetica e Preventiva, Ipertermia oncologica e Immunoterapia, Professore a. C. di Nutrigenomica, presso Università di Pavia, Università di Roma,Il latte è un componente fondamentale nella dieta dei paesi occidentali, ma la sua tollerabilità daparte dei diversi individui non è assoluta. Alcuni soggetti suscettibili, dopo l’introduzione di latte,lamentano in forme diverse la comparsa di sintomi addominali che scompaiono con l’astensionedall’assunzione dell’alimento stesso.L’intensità dei sintomi varia generalmente in funzione della quantità di latte assunto configurando ilquadro di Intolleranza al lattosio o deficit di lattasi, l’enzima che serve alla digestione dellattosio stesso.Il 70% della popolazione mondiale circa ne sarebbe interessato con un minimo nell’Europasettentrionale (prevalenza del 5% in Gran Bretagna) e un massimo del 100% in alcune isolatecomunità asiatiche. L’Italia si collocherebbe in una fascia di prevalenza compresa tra il 50% delleregioni settentrionali e il 70% della Sicilia.Fisiologicamente l’attività dell’enzima lattasi compare intorno all’ottava settimana di gestazioneper raggiungere il picco intorno alla 34a settimana. Si registra in seguito un progressivo calo conuna persistenza di funzione pienamente efficace solo nel 30% della popolazione mondiale.Nel corso della vita, quindi, l’individuo sarebbe destinato a perdere una parte di funzionalitàdell’enzima lattasi (80-90% la perdita di attività in Cina e Giappone entro i 3 o 4 anni mentre inInghilterra il calo si manifesterebbe intorno ai 18-20 anni) in modo direttamente influenzatodall’apporto di latticini nella dieta: più sono importanti nell’alimentazione quotidiana e più tardi, intermini di età, e meno frequentemente, in termini di prevalenza, si manifesterà il problema.Clinicamente il sospetto d’intolleranza al lattosio può essere posto in caso di presenza di uno opiù dei seguenti sintomi: 1. Dolore addominale 2. Diarrea 3. Nausea 4. Flatulenza 5. Crampi addominali 6. Gonfiori a. Variabili in funzione della concentrazione di lattosio presente nell’alimento introdotto b. Variabili in funzione della quantità di alimenti contenenti lattosio introdotti c. Variabili in funzione dell’attività di lattasi residua presente nel soggetto 7. Stitichezza Causata dal metano prodotto dalla fermentazione del lattosio ingerito
  • 2. Grazie alle nuove procedure diagnostiche - che si possono effettuare con uno spazzolinodedicato ai test genetici - la diagnosi di Intolleranza al Lattosio si può fare sin dai primigiorni di vita. La dieta seguirà le indicazioni del risultato genetico.Il risultato del test è utile sia per i bambini in fase di allattamento materno al seno sia innutrizione artificiale. I vantaggi del risultato si tramutano in benefici in termini di salute delbambino o del paziente riducendo in modo concreto momenti di malessere e colicheintestinali legate all’intolleranza al lattosio.

×