• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Imgep - Percorso prevenzione donna
 

Imgep - Percorso prevenzione donna

on

  • 816 views

 

Statistics

Views

Total Views
816
Views on SlideShare
816
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
6
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Imgep - Percorso prevenzione donna   Imgep - Percorso prevenzione donna Presentation Transcript

    • Percorso prevenzione donna Milano, 15 novembre 2010
    • PERCORSO PREVENZIONE DONNA• Considerando che la donna nell’ età pre e post menopausa può andare incontro a problemi quali perdita precoce dei minerali ossei (osteopenia e osteoporosi), alterazione dell’equilibrio ormonale (con influenze sull’umore, capacità cognitive, metabolismo, libido), aumento della probabilità di sviluppare tumori al seno, invecchiamento cutaneo (macchie senili, riduzione dell’elasticità della pelle), modifiche strutturali dei capelli e altri ancora;• considerando inoltre che dopo i 40 anni si va comunque incontro a cambiamenti legati all’invecchiamento;• Imgep propone una serie di test dedicati al monitoraggio e prevenzione delle condizioni fisiche, metaboliche e ormonali del pianeta donna.
    • APPLICAZIONE DELLA GENETICA ALLA SALUTE FEMMINILE • OMOCISTEINA – Rischio cardiovascolare progressivamente crescente nella donna in post menopausa per il venir meno degli effetti protettivi degli estrogeni fino ad uguagliare quello maschile. L’ omocisteina è considerata fattore di rischio per l’ipertensione, per la trombosi e per il disturbo cardiovascolare in genere. • FATTORE V e FATTORE II – Influenzano la cascata della coagulazione e come tali potrebbero essere utili in caso di terapia estroprogestinica, stati trombotici, abortività ricorrente da soli o associati a MTHFR • RESISTENZA INSULINICA – Tendenza all’aumento ponderale con l’età ed in funzione dei cambiamenti ormonali con una relazione specifica all’ insulinoresistenza in sé ed associata alla sindrome dell’ovaio policistico • METABOLISMO DEI LIPIDI – Nelle dislipidemie soprattutto resistenti alla dieta ed interessanti la componente dei trigliceridi e delle LDL potrebbero suggerire la presenza di un fattore di rischio cardiovascolare indipendente da associare agli altri marcatori di rischio
    • APPLICAZIONE DELLA GENETICA ALLA SALUTE FEMMINILE• CELIACHIA – Come supporto diagnostico o di conferma o di esclusione a seconda del caso clinico. Le alterazioni metaboliche della celiachia si ripercuotono sul metabolismo minerale osseo, su una possibile anemia, sul trofismo degli annessi cutanei• OSTEOPOROSI – Accanto alla componente minerale fornisce indicazioni sulla matrice organica ossea• PALINGENESI – Valuta la predisposizione agli effetti dello stress ossidativo sulla cute e sull’ invecchiamento cutaneo• STRESS OSSIDATIVO – Fornisce indicazioni sulle vie enzimatiche dell’organismo che producono radicali o che ne ostacolano la formazione con un bilancio che rende idea di una suscettibilità alla produzione di radicali e danni ad essi correlati come le patologie cronico degenerative, infiammatorie e neoplastiche
    • APPLICAZIONE DELLA GENETICA ALLA SALUTE FEMMINILE • GENE & DIET – Infiammazione 1 fornisce informazioni sul rimaneggiamento osteoclastico con tendenza ad auto mantenimento e conseguente facilitazione del riassorbimento osseo (osteoporosi) – Infiammazione 2 tendenza al mantenimento degli stati infiammatori cronici (malattie reumatiche, malattie infiammatorie intestinali …) – Citocromo con influenza sul metabolismo degli xenobiotici e in particolare sul metabolismo degli estrogeni e conseguentemente sulle patologie estrogenocorrelate – Glutatione e Citocromo 1 e 2 stress OSSIDATIVO e invecchiamento in generale (cutaneo e del collagene) con un particolare riferimento agli aspetti nutrizionali e l’influenza in alcuni aspetti di detossificazione – Ipertensione che potrebbe rafforzare le indicazioni sul rischio cardiovascolare e in particolare sull’ipertensione arteriosa correlata al sodio – Pannello Sindrome metabolica rischio di sindrome metabolica nell’ovaio policistico e come conseguenza di stile di vita scorretto con i rischi di insulinoresistenza, ipertensione e ad essi correlati • TUMORE AL SENO – Rischio tumore al seno non famigliare
    • APPLICAZIONE DELLA DIAGNOSTICA SALIVARE ALLA SALUTEFEMMINILE • PROFILO ORMONI DONNA – Determinazione • Progesterone • 17-oh progesterone • estradiolo • Estriolo – relazione con i cambiamenti ormonali femminili propri del ciclo mestruale della gravidanza e della menopausa o indicatori di disfunzioni organiche che abbiano un substrato ormonale • PROFILO DELLO STRESS • Cortisolo • DHEA – Alterazioni dell’asse ipotalamo ipofisi surrene con le modificazioni al cortisolico correlabili allo stile di vita e a disfunzioni organiche. Verosimile gold standard per evitare la problematicità del prelievo cruento e la possibile modificazione soprattutto della cortisolemia indotta. Possibilità di gestione del prelievo pomeridiano con facilità – Trofismo degli annessi cutanei • IGA SECRETORIE – Correlazione con le infezioni delle vie aeree superiori
    • APPLICAZIONE DELLO STRESS OSSIDATIVO ALLA SALUTEFEMMINILE LO STRESS OSSIDATIVO E’ DIRETTAMENTE CORRELATO AI FENOMENI DI INVECCHIAMENTO GENERALE CON DANNI ALLE CELLULE, MODIFICAZIONI DELLA STRUTTURA DEI TESSUTI, INFLUENZA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE, CRONICODEGENERATIVE, NEOPLASTICHE• DROMS – Valutazione su sangue dello stress da radicali endogeni in generale e possibile correlazione con le patologie che trovano in essi un fattore eziopatogenetico (aterosclerosi, demenza, artropatie, malattie infiammatorie intestinali, invecchiamento cellulare, neoplasie …)• BAP – Valutazione su sangue della barriera antiossidante plasmatica ovvero della possibilità di far fronte ai radicali suggerendo la necessità di integrazione• MDA E 8-OH-DG – Su urine forniscono l’indicazione sul già avvenuto danno da stress radicalico con alterazione delle membrane cellulari per il primo e del DNA per il secondo.• DPPH – Su saliva fornisce l’equivalente del potenziale antiossidante plasmatico, ma sulla saliva, con cui correla ottimamente senza necessità di prelievo ematico
    • grazie