LA MEMORIA DI LAVORO
ESECUTIVO
CENTRALE

CICLO
FONOLOGICO

TACCUINO VISUOSPAZIALE

1
DIFFICOLTA’ VISUO-SPAZIALI
Disturbo non verbale= disturbo caratterizzato da
abilità non verbali deficitarie (es. calcolo, ...
Disprassia costruttiva (es. disegno)
Bassa autostima
Difficoltà nelle relazioni interpersonali
EVOLUZIONE DEI DEFICIT VISU...
TASK ANALYSIS relativa alla COMPRENSIONE SPAZIALE
(Rigoni, Cornoldi, Alcetti, 1997)
LETTURA (decodifica)
COMPRENSIONE (les...
SINDROME NON VERBALE (Rourke, 1989)
1) deficit tattile-percettivi bilaterali o nell’emisoma sinistro
2) coordinazione visu...
ABILITA’ DEFICITARIE DI PROBLEM SOLVING
DIFFICOLTA’ AD INTEGRARE LE INFORMAZIONI
UTILIZZO INADATTO DEL FEEDBACK
DIFFICOLTA...
CONSIGLI PER IL TRATTAMENTO
Valutazione adeguata del comportamento del bambino
Individuazione delle abilità del bambino
1)...
8) monitoraggio dei progressi e dei limiti
9) rendere il bambino consapevole

MOTIVAZIONE

10) AUTOMATIZZAZIONE di alcuni ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Visuo spaziale

363 views
229 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
363
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Visuo spaziale

  1. 1. LA MEMORIA DI LAVORO ESECUTIVO CENTRALE CICLO FONOLOGICO TACCUINO VISUOSPAZIALE 1
  2. 2. DIFFICOLTA’ VISUO-SPAZIALI Disturbo non verbale= disturbo caratterizzato da abilità non verbali deficitarie (es. calcolo, orientamento spaziale) CARATTERISTICHE DISCREPANZA tra QI verbale e QI di performance Capacità della MLVS deficitaria Erronea stima delle relazioni spaziali tra gli oggetti in relazione al proprio corpo Disturbo prassico e di coordinazione visuo-motoria Difficoltà nel cogliere gli aspetti paralinguistici della comunicazione 2
  3. 3. Disprassia costruttiva (es. disegno) Bassa autostima Difficoltà nelle relazioni interpersonali EVOLUZIONE DEI DEFICIT VISUO-SPAZIALI (Rourke) 1) PERCEZIONE VISIVA E SPAZIALE 2) ATTENZIONE E MEMORIA 3) APPRENDIMENTI (es. calcolo, geometria, scienze) * LETTURA, COMPRENSIONE ADEGUATE 3
  4. 4. TASK ANALYSIS relativa alla COMPRENSIONE SPAZIALE (Rigoni, Cornoldi, Alcetti, 1997) LETTURA (decodifica) COMPRENSIONE (lessicale, sintattica, semantica) COMPRENSIONE rapporti topologici RAPPRESENTAZIONE in ML RIPRODUZIONE (abilità visuo-costruttive prassiche e grafiche) CONTROLLO MONITORAGGIO 4
  5. 5. SINDROME NON VERBALE (Rourke, 1989) 1) deficit tattile-percettivi bilaterali o nell’emisoma sinistro 2) coordinazione visuo-motoria deficitaria 3) abilità visuo-spaziali carenti (memoria e attenzione) 4) problemi in compiti cognitivi e sociali non verbali 5) buona memoria verbale meccanica (es. ripetizione) 6) difficoltà ad adattarsi a nuove situazioni 7) difficoltà in matematica 8) deficit nella percezione e nei giudizi sociali 9) ritardo nell’acquisizione del linguaggio 10) disturbi della sfera emotiva (?) 5
  6. 6. ABILITA’ DEFICITARIE DI PROBLEM SOLVING DIFFICOLTA’ AD INTEGRARE LE INFORMAZIONI UTILIZZO INADATTO DEL FEEDBACK DIFFICOLTA’ A VALUTARE SITUAZIONI NUOVE TENTATIVO DI UTILIZZARE STRATEGIE DI TIPO VERBALE COINVOLGIMENTO DELL’EMISFERO DESTRO (es. disegno casa) 6
  7. 7. CONSIGLI PER IL TRATTAMENTO Valutazione adeguata del comportamento del bambino Individuazione delle abilità del bambino 1) miglioramento delle abilità verbali 2) apprendimento comportamenti sociali (es. specchio) 3) autovalutazione realistica 4) miglioramento abilità di pianificazione (< frustrazione) 5) promuovere la socializzazione 6) promozione abilità visuo-spaziali (attenzione, memoria) 7) promozione di STRATEGIE (es. immaginazione) 7
  8. 8. 8) monitoraggio dei progressi e dei limiti 9) rendere il bambino consapevole MOTIVAZIONE 10) AUTOMATIZZAZIONE di alcuni processi di base 11) utilizzo di supporti esterni (es. calcolatrice, quadretti grandi, diversi colori) 12) attenzione per le situazioni extrascolastiche attività ludiche, uso del computer STRUMENTI per il trattam 8

×