Laboratorio musica

SILSIS Sostegno
Anno accademico 2004-2005
I Semestre

Prof. Giovanni Mocchi
DEFINIZIONE DI H
•Minorazione fisica, psichica o sensoriale stabilizzata o progressiva
che causa difficoltà di apprendimen...
TIPOLOGIE DI HANDICAP
TIPOLOGIE DI HANDICAP

Ritardo mentale
Ritardo mentale

Sindromi organiche specifiche:
• Sindrome di...
Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione
Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione
glob...
Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione
Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione
glob...
Disturbi specifici di apprendimento scolastico
Disturbi specifici di apprendimento scolastico
Alterazioni della capacità d...
Disturbi del comportamento
Disturbi del comportamento
•Incontrollata iperattività
•Atteggiamenti oppositivi e provocatori
...
ASSI COMPORTAMENTALI
Parametri di riferimento

esempi di prestazioni osservabili
nell’ambito sonoro-musicale

•Cognitivo
...
ASSI COMPORTAMENTALI
Parametri di riferimento

esempi di prestazioni osservabili
nell’ambito sonoro-musicale

•Linguistic...
ASSI COMPORTAMENTALI
Parametri di riferimento

esempi di prestazioni osservabili
nell’ambito sonoro-musicale

•Motorio-pr...
ASSI COMPORTAMENTALI
Parametri di riferimento

esempi di prestazioni osservabili
nell’ambito sonoro-musicale

•Dell’auton...
La relazione: un circolo virtuoso
L’alunno si fa un’idea di sé in base al giudizio che crede
che gli altri abbiano di lui ...
Benenzon La nuova musicoterapia,
Phoenix, Roma 1997

MUSICOTERAPIA
Oggetto
intermediario
Energia comunicativa

terapeuta
I...
OBIETTIVI AFFETTIVI
•Superare frustrazioni, delusioni o forme di impaccio o inibizione relazionale
•Acquisire la necessari...
OBIETTIVI COGNITIVI
TECNICHE
•Task analysis  segmentazione dei compiti in microunità
•Modeling
 imitazione immediata
•Sh...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Sost.mocchi 1

90

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
90
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sost.mocchi 1

  1. 1. Laboratorio musica SILSIS Sostegno Anno accademico 2004-2005 I Semestre Prof. Giovanni Mocchi
  2. 2. DEFINIZIONE DI H •Minorazione fisica, psichica o sensoriale stabilizzata o progressiva che causa difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione 1. Ritardo mentale dovuto a sindromi organiche specifiche Difficoltà di apprendimento 2. Disturbi di apprendimento senza danni cerebrali o patologie L. Chiappetta Cajola, Handicap e Valutazione Anicia 1998
  3. 3. TIPOLOGIE DI HANDICAP TIPOLOGIE DI HANDICAP Ritardo mentale Ritardo mentale Sindromi organiche specifiche: • Sindrome di Down • Lesioni cerebrali Sviluppo intellettivo • inferiore alla media • deficit nel comportamento adattivo Difficoltà di: •Apprendimento •Sviluppo generale: •Autonomia •Comunicazione •Socializzazione
  4. 4. Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione globale dello sviluppo psichico globale dello sviluppo psichico Distorsione nello sviluppo di funzioni fondamentali: •Linguaggio, Attenzione, Percezione, Motricità, Capacità sociali, Rapporto con la realtà Autismo infantile Autismo infantile Bassa qualità di •Interazione sociale •Comunicazione verbale e non-verb. •Attività immaginativa Reazioni stereotipate Limiti di attività e interesse
  5. 5. Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione Disturbi generalizzati di sviluppo Sindrome da alterazione globale dello sviluppo psichico globale dello sviluppo psichico Disturbo generalizzato di sviluppo Disturbo generalizzato di sviluppo Disturbi relazionali e comunicativi (dopo il 3° anno di età) Sindrome di Rett Sindrome di Rett (dal 7° al 24° mese di vita) (dal 7° al 24° mese di vita) Sindrome disintegrativa Sindrome disintegrativa dell’infanzia dell’infanzia Perdita di capacità di linguaggio, manuali, accrescimento del cranio Isolamento, ansia, iperattività, impoverimento progressivo del limguaggio, disintegramento del comportamento
  6. 6. Disturbi specifici di apprendimento scolastico Disturbi specifici di apprendimento scolastico Alterazioni della capacità di apprendimento (fattori biologici?). Difficoltà di: •Lettura •Scrittura •Calcolo •Articolazione verbale •Linguaggio espressivo •Comprensione del linguagio •Coordinazione e funzione motoria
  7. 7. Disturbi del comportamento Disturbi del comportamento •Incontrollata iperattività •Atteggiamenti oppositivi e provocatori Disturbi da deficit di Disturbi da deficit di attenzione con iperattività attenzione con iperattività o sindromi ipercinetiche o sindromi ipercinetiche Disturbi della condotta Disturbi della condotta Disturbo oppositivo-provocatorio Disturbo oppositivo-provocatorio
  8. 8. ASSI COMPORTAMENTALI Parametri di riferimento esempi di prestazioni osservabili nell’ambito sonoro-musicale •Cognitivo •Sa disporre oggetti in ordine crescente •Sa compiere sequenze di gesti finalizzati al compito •Affettivo-relazionale •Il sé sa esprimere i propri gusti •L’autostima esprime spontaneamente opinioni e giudizi •Il rapporto con gli altri sa partecipare al lavoro della classe •La motivazione al rapporto accetta la collaborazione dei compagni •Comunicazionale (verbale e non-verbale) •Interazione comunicativa Interagisce in una improvvisazione a due Utilizza parole-gesti-espressioni vocali per comunicare
  9. 9. ASSI COMPORTAMENTALI Parametri di riferimento esempi di prestazioni osservabili nell’ambito sonoro-musicale •Linguistico •Livello fonologico sa articolare suoni vocalici •Livello morfologico sa pronunciare parole •Livellosintattico sa strutturare frasi corrette •Livello semantico sa comprendere il senso della comunicazione •Uso di linguaggi NV sa utilizzare le risorse prosodiche della voce utilizza gesti appropriati alla situazione com. •Sensoriale •Funzionalità uditiva, visiva, tattile •Livello di reattività allo stimolo reagisce a uno stimolo sonoro •Percezione dello spazio si muove ai comandi avanti-indietro •Strutturazione del tempo riconosce la sequenza strofa-ritornello
  10. 10. ASSI COMPORTAMENTALI Parametri di riferimento esempi di prestazioni osservabili nell’ambito sonoro-musicale •Motorio-prassico •Abilità grosso-motorie sa seguire i compagni che procedono in fila •Abilità fino-motorie sa pizzicare una corda/percuotere un tamburo •Acquisizione dello schema corporeo correla suoni a parti del corpo •Coordinazione oculomanuale •Precisione colpisce lo strumento nella posizione corretta/a tempo •Rapidità esegue con disinvoltura una sequenza ritmica •Sequenzialità esegue sequenze di gesti (su-giù-destra-sinistra) •Neuropsicologico •Memoria sa ripetere una sequenza di suoni su imitazione •Attenzione sa prestare attenzione per un tempo di… nell’ascolto •Spazio-tempo sa indicare, a gesti in alto-basso, suoni forti-deboli
  11. 11. ASSI COMPORTAMENTALI Parametri di riferimento esempi di prestazioni osservabili nell’ambito sonoro-musicale •Dell’autonomia •Individuale sa riporre gli strumenti al loro posto •Sociale sa riconoscere i segnali sonori della giornata sa attendere il proprio turno •Dell’apprendimento •Prelettura discriminare le vocali e le consonanti (metodo Bianchi) •Prescrittura riconoscere i suoni acuto-grave I-U •Dislessia sa distinguere i suoni simili (V-F, C-G) •Disgrafia sa scrivere le vocali con il linguaggio dei gesti
  12. 12. La relazione: un circolo virtuoso L’alunno si fa un’idea di sé in base al giudizio che crede che gli altri abbiano di lui (metacognizione) Dell’insegnante capta gli atteggiamenti ‘autentici’ non quelli manifestati. (Richter) ALUNNO Metacognizione positiva •Risposta emotiva e comportamentale altrettanto positiva DOCENTE •Atteggiamento ‘autentico’ positivo •Rinforzo circolare • di sé •dell’alunno I messaggi trasmessi con il non-verbale vanno in profondità più che quelli verbali
  13. 13. Benenzon La nuova musicoterapia, Phoenix, Roma 1997 MUSICOTERAPIA Oggetto intermediario Energia comunicativa terapeuta ISO <--Spazio della relazione--> paziente ISO Obiettivo comportamentele •permettere al paziente di creare i propri mezzi per l’autodifesa, al fine di modificare e contenere positivamente scariche pericolose per la sua integrità e la integrazione sociale.
  14. 14. OBIETTIVI AFFETTIVI •Superare frustrazioni, delusioni o forme di impaccio o inibizione relazionale •Acquisire la necessaria motivazione •Divenire partecipe e consapevole del compito che si sta svolgendo •Sentirsi gratificato nell’eseguirlo •‘risvegliare’ le funzioni motorie e le capacità senso-percettive •Sperimentare la dimensione affettiva nell’attività di apprendimento TECNICHE •Suggestoterapia •Sincrocinesi •Psicocontatto •Danza pressemica •Rilassamento      ascolto immaginativo, drammatizzazione danza ritmica imitativa e a schemi ascolto tattile danza nello spazio ascolto metaforico
  15. 15. OBIETTIVI COGNITIVI TECNICHE •Task analysis  segmentazione dei compiti in microunità •Modeling  imitazione immediata •Shaping  incremento dell’abilità •Chaining  scomposizione del compito in fasi sequenziali •Fading  diminuzione graduale dello stimolo ESEMPI SONORO-MUSICALI •Task analysis  procedura per ascoltare un CD musicale •Modeling  esecuzione strumentale per imitazione •Shaping  suonare con una, due mani, insieme, alternate •Chaining  leggere una successione di segni, uno per volta •Fading  tenere il tempo: prima insieme poi da solo
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×