Sborlini psicosomatica infanzia

662 views
526 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
662
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sborlini psicosomatica infanzia

  1. 1. Clinica Psicologica e Psicopatologia Psicosomatica CORSO INTEGRATO DI PSICOLOGIA CLINICA Prof. Salvatore Sasso a.a.2005-2006 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CHIETI Per alcuni bambini mettere piede a scuola è una tragedia. I capricci però non c’entrano
  2. 2. La Psicosomatica in Età Evolutiva Lo sviluppo psicosomatico del bambino In coll con la Dott.ssa Irene Sborlini
  3. 3. Lo sviluppo psicosomatico del bambino: premesse b/o → complessità in via di organizzazione Senso → integrazione psicosomatica del Sè
  4. 4. Lo sviluppo psicosomatico del bambino: premesse J. Bowlby → Teoria dell’Attaccamento  Predisposizione innata alle RdA;  Funzione protettiva delle RdA;  Le RdA si organizzano per la fine del I°a
  5. 5. La relazione d’attaccamento  predisposizione biologica ereditaria  cultura delle cure maternali  comunicazione emotiva: elementi consci ed inconsci ↓ Risonanza affettiva
  6. 6. La relazione d’attaccamento La relazione tra madre e bambino è intesa come un vero e proprio sistema interattivo che regola sia il comportamento che la fisiologia del neonato
  7. 7. Lo sviluppo psicosomatico del bambino: premesse J. Bowlby → Modelli Operativi Interni  M. di sé;  M. dell’altro;  M. di sé con l’altro
  8. 8. Lo sviluppo psicosomatico del bambino: premesse Ainsworth → i Pattern di Attaccamento  Insicuro-evitante (A);  Sicuro (B);  Insicuro-ansioso resistente (C);  Disorientato/disorganizzato (D)
  9. 9. L’equilibrio psicosomatico nei bambini  Ruolo delle esperienze corporee  Ruolo delle esperienze affettive
  10. 10. Il ruolo delle Emozioni  Gli affetti sono ritenuti gli organizzatori centrali della vita psichica infantile  Nelle RdA gli scambi comunicativi sono prevalentemente a contenuto non verbale ed emotivo
  11. 11. Il ruolo delle Emozioni Trevarthen → interconnessione dominio emotivo/cognitivo Il b/o è capace di scambiare emozioni con la FdA,se questa è emotivamente disponibile,per poter riconoscerle e parlarne * * Importanza del transfert emotivo sullo sviluppo del linguaggio
  12. 12. Lo sviluppo emotivo Sroufe (1979) → Teoria della Differenziazione delle Emozioni  Sorriso endogeno al s. sociale del b/o:consapevolezza delle emozioni;  RdA:comunicazione intenzionale;  Processo di individuazione:sviluppo autocoscienza,stati interni emozionali,emozioni complesse
  13. 13. Lo sviluppo emotivo Izard (1978, 1991) → Lo Sviluppo Differenziale delle Emozioni Livelli di capacità esperenziale delle E.  L.sensorio-affettivo:per la comunicazione dei bisogni principali alla madre;  L.percettivo-aff:per discriminare la percezione di cose/persone;  L.cognitivo-aff:per lavorare in modalità simbolica e riconoscersi come agente
  14. 14. Lo sviluppo emotivo Campos et al.(1983) presuppongono, sin dalla nascita,l’esistenza della capacità di esprimere le emozioni già differenziata, e che l’esperienza di queste avvenga solo più tardi
  15. 15. Lo sviluppo emotivo Pribram (1980) distingue  La dimensione protocritica: esperienza emotiva come tensione diffusa o rilassamento;  La dimensione epicritica: localizzazione dell’emozione ed interpretazione
  16. 16. Lo sviluppo emotivo Bion sulla comprensione delle esperienze emotive: M riconosce le emozioni del b/o,gli attribuisce un’esperienza e gliela comunica,di rimando,attraverso una connotazione espressiva
  17. 17. Nascita biologica e psicologica M.Mahler → autismo fisiologico (prime sett) fase simbiotica (2m) f.individuazione (5-6m) f.sperimentazione (1-2a)* * - crisi del riavvicinamento - fase della costanza dell’oggetto - superamento tappe fisiologiche
  18. 18. La Fase Simbiotica  Gli oggetti sono percepiti come parte di sé →  Le sensazioni somatiche sopperiscono,in modo primitivo, all’assenza materna  Interiorizzazione dell’oggetto  Il bambino riesce a tollerare l’assenza della madre
  19. 19. La Fase Simbiotica: difficoltà di superamento  Gravi carenze affettivo/educative;  Malattie;  Separazioni traumatiche;  Perdita di un genitore
  20. 20. La Fase Simbiotica: mancato superamento Memoria → b/o riattiva le sensazioni Biologica corporee legate alla mancanza della madre ↓ Sviluppo di una predisposizione alla somatizzazione * * comportamento alterato di malattia (età adulta)
  21. 21. Lo squilibrio psicosomatico  Personalità della madre →  Temperamento b/o  Oggetti transizionali mancanti  Separazione aspetti affettivi/ percezioni somatiche  Costituzione di un falso Sé * * I piccoli adulti predisposti a problemi relazionali
  22. 22. I sintomi psicosomatici  Risultati di meccanismi di difesa primitivi  Segnali di una disfunzionalità all’interno della diade
  23. 23. La Psicosomatica in Età Evolutiva I disturbi psicosomatici pediatrici
  24. 24. I disturbi psicosomatici: premessa  Gli scompensi psicosomatici,e le relative modificazioni corporee, non implicano necessariamente condizioni di malattia  I processi fisiologici legati alle emozioni e agli stress sono,anzi, tendenzialmente reversibili e privi di gravi conseguenze patologiche
  25. 25. I disturbi psicosomatici: premessa  La patologia insorge come difesa vs:  situazioni ritenute troppo intense;  condizioni di stress prolungato;  Un ulteriore agente patogeno;  Rottura dell'equilibrio omeostatico
  26. 26. I disturbi psicosomatici pediatrici Difesa tipica del linguaggio pre- verbale e pre-simbolico vs Difficoltà all’interno del rapporto madre-bambino
  27. 27. I disturbi psicosomatici pediatrici La specificità dei disturbi comporta una tale complessità nell’individuare un’ipotetica correlazione fra questi e le tipologie di personalità che ne soffrano o potrebbero soffrire
  28. 28. I disturbi psicosomatici pediatrici Dalle ricerche sulla personalità delle madri e sulle caratteristiche degli ambienti familiari in cui la diade vive, non risulta affatto quanto tali fattori influiscano sui disturbi e,per giunta,se siano da considerarsi causa o conseguenza degli stessi
  29. 29. I disturbi psicosomatici pediatrici  Le cure materne ricoprono la funzione indispensabile di “Regolatore biologico e comportamentale”  Una madre sufficientemente buona fa sì che il suo bambino sviluppi una sana percezione di sé
  30. 30. L'integrazione psicosomatica D.Winnicott → preoccupazione materna primaria Se la madre attribuisce un significato emotivo alle necessità del figlio,offre la base per processi psicologici evoluti quali:  Capacità simbolica  Pensiero  Sogni
  31. 31. L'integrazione psicosomatica Anche la figura paterna, gli altri membri della famiglia e il contesto sociale contribuiscono,con la loro presenza attiva,a realizzare l’ambiente idoneo alla maturazione del rapporto M-b/o da fusionale ad autonomo e allo sviluppo di uno stile d’attaccamento
  32. 32. Classificazione cronologica dei disturbi più riscontrabili  Colica idiopatica (I° trimestre)  Ruminazione (I° trimestre)  Laringospasmi (II° trimestre)  Dermatite atopica (dal II° trimestre)  Anoressia nel lattante (I° anno)  Asma bronchiale (II° anno)  Enuresi (dai 4 anni)
  33. 33. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Ruesch (1948) → personalità infantile (difficoltà a separarsi dalla fig. materna)  Dipendenza e passività;  Conformismo sociale;  Ideali non raggiungibili;  Tendenza all’azione corporea;  Mancata corrispondenza tra l’espressione verbale/non e il vissuto emotivo
  34. 34. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Marty e M’Uzan → p. psicosomatica  Ipernormalità;  Adattamento conformista;  Pensiero operatorio ↓ Deficit dello sviluppo cognitivo del b/o
  35. 35. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia A causa di un difetto attribuito alle relazioni oggettuali tra madre e b/o, a quest’ultimo verrà a mancare uno sviluppo adeguato della capacità di elaborazione simbolica,tale da ridurre l’espressione emotiva esclusivamente a livello somatico
  36. 36. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Sifneos e Nemiah → alessitimia (mancanza di parole per le emozioni) tratto stabile di personalità che tende alla somatizzazione e al conseguente sviluppo di malattie
  37. 37. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia McLean → Modello di Alessitimia viene postulata una schizofisiologia fra corteccia cerebrale e sistema limbico in tutti i casi in cui si riscontri una difficoltà di riconoscimento delle emozioni
  38. 38. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Si tratta di una mancata integrazione fra la rappresentazione cognitiva della figura di attaccamento di riferimento e il correlato vissuto emotivo ↓ 2 opzioni:
  39. 39. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia 1. FdA incapace di comunicare le sue emozioni Viene proposto al bambino il modello operativo del caregiver di tipo prettamente cognitivo con una insufficiente attenzione al dominio emotivo della relazione
  40. 40. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia 2. bambino costretto a limitare l’espressione delle emozioni o a reprimere quelle ritenute scomode b/i con pattern insicuri (evitante,ansioso – resistente,disorganizzato)adotterebbero,per fini adattivi,strategie mentali che però compromettono la normale espressione emotiva
  41. 41. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Da numerose fonti emerge che:  L’A. è il risultato di un difetto della relazione d’attaccamento;  Può considerarsi un’aberrazione ereditaria di personalità;  Può manifestarsi come conseguenza secondaria di un trauma infantile
  42. 42. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia tratto di personalità con difetto di: • Riconoscimento; • Elaborazione; • Espressione delle emozioni → inibizione emotiva | continuum | anaffettività e anedonia
  43. 43. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Indicatori del DCPR (Diagnostic Criteria for use in Psychosomatic Research) L’A. può presentarsi associata a:  Disturbi dell’umore;  Fobia sociale;  Disturbi mentali organici
  44. 44. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Indicatori del DCPR:  Descrizione non appropriata delle emozioni;  Attenzione focalizzata sui dettagli piuttosto che sul vissuto emotivo;  Fantasia povera;  contenuto del pensiero associato a eventi del mondo esterno;
  45. 45. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Indicatori del DCPR:  Inconsapevolezza delle reazioni somatiche legate agli stati emotivi;  Manifestazione eccezionale ed estrema di comportamenti affettuosi
  46. 46. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia A. StrutturaleStrutturale di tipo pervasivo, legata al tratto di personalità A.A. SituazionaleSituazionale Legata alla inibizione della rabbia e/o di un comportamento assertivo
  47. 47. I disturbi più riscontrabili: l’Alessitimia Concludendo: lo stile di attaccamento è senz’altro da ritenere un fattore di rischio aspecifico per l’insorgenza dell’A. e la strutturazione di un modello operativo di sé tendenzialmente cognitivo
  48. 48. I disturbi più riscontrabili: l‘Ansia  Si stima,a livello mondiale,che il 10% dei bambini tra i 5 e i 10 anni,abbia esperito almeno una volta un episodio di panico  si presenta associata con altri problemi emotivi,non come stato d'animo,bensì come episodio patologico in termini clinici
  49. 49. I disturbi più riscontrabili: l‘Ansia Comportamento del bambino:  Aggressività,atteggiamento di sfida;  Ripiegamento su stesso,ritiro dal mondo per un lungo periodo;  Attraversamento di una fase regressiva e/o depressiva
  50. 50. I disturbi più riscontrabili: l‘Ansia  L'insorgenza dell'ansia è generalmente attribuita ad un atteggiamento inibitorio esibito dai genitori nei confronti dei propri figli  Ma oltre un'educazione troppo rigida, l'ansia sarebbe causata da una relazione difficile tra il b/o e i genitori e/o le altre figure di riferimento
  51. 51. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce La cefalea ad esordio precoce, prima dei 5-6 anni, è relativamente frequente (4-20% vs emicrania 1.4-3.2%) nonostante venga molto spesso sottovalutata come disturbo,che si presenta in modo subdolo e paucisintomatico
  52. 52. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce L’emicrania può esordire nel b/o nella "sindrome periodica dell'infanzia" con:  Dolori addominali ricorrenti;  Vomiti ciclici;  vertigine parossistica;  Febbre sine causa;  Dolori articolari
  53. 53. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce Il “mal di testa della prima infanzia”:  Dolore breve,se non brevissimo;  Localizzazione prevalentemente frontale- mediana o bilaterale;  descritto frequentemente come di tipo costrittivo-gravativo;  Assenza di aura;  sintomatologia cefalalgica meno intensa (risp a quella gastrointestinale)
  54. 54. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce  È ancora clinicamente difficile,in età evolutiva,distinguere tra la cefalea tensiva e l'emicrania;  molti ricercatori ritengono però che queste forme siano parte di un unico continuum di cefalea benigna e che differiscano soltanto in gravità.
  55. 55. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce CEFALEA TENSIVA (-) ↓ Emicrania con aura Emicrania senza aura ↓ EMICRANIA (+)
  56. 56. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce caratteristiche rilevanti per la diagnosi differenziale emicrania/cefalea tensiva  Occorrenza parossistica;  Periodicità;  Unilateralità;  Qualità pulsante del dolore;  Aura;  Aggravamento con l’attività fisica e sollievo al riposo;  Addominalgia,nausea,vomito  Familiarità positiva
  57. 57. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce  Per le cefalee non emicraniche la definizione è preda di revisioni classificatorie ormai innumerevoli  Di certo si può affermare che,in età evolutiva,il sintomo maggiormente frequente è la cefalea
  58. 58. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce Hockaday→ cefalee emicraniche tutte le cefalee ricorrenti parossistiche dell'infanzia,previo un ritorno al normale stato di salute, sia mentale che fisico,nell'intervallo fra gli attacchi
  59. 59. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce Sono state segnalate alcune caratteristiche caratteriologiche attribuibili al bambino emicranico:  Tristezza;  Vulnerabilità alla frustrazione e all'ansia;  Minore fiducia di base e ottimismo
  60. 60. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce Diversi studi mostrano come fattori psicologici siano importanti sin dalla prima infanzia, in quanto contribuiscono nel determinare l'insorgenza e il mantenimento della cefalea idiopatica.
  61. 61. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce Il bambino con una ridotta capacità di elaborazione mentale presenta spesso sintomi somatici strettamente connessi a situazioni di stress familiare e/o individuale
  62. 62. I disturbi più riscontrabili: la Cefalea Idiopatica Precoce es. di condizioni non favorevoli alla elaborazione,da parte del b/o,della propria reazione d’angoscia (espressa dal sintomo):  Depressione,specie se materna;  Genitori con rapporti conflittuali;  Separazione dei genitori
  63. 63. I disturbi più riscontrabili: le Dermatopatie Risultato di vissuti negativi legati ad eventi e/o dinamiche interpersonali con associate relative condotte negative D. infantili e adolescenziali:  Acne;  Alopacia areata;  Dermatite atopica;  Orticaria;  vitiligine
  64. 64. I disturbi più riscontrabili: le Dermatopatie Indicatori di disagio psicologico  Presenza di comportamenti estremi: condotte inadeguate; atteggiamenti rinunciatari; iper-adeguamenti
  65. 65. I disturbi più riscontrabili: le Dermatopatie Indicatori di disagio psicologico  Esistenza di un evento stressante specifico;  Permanenza di una condizione di stress diffuso
  66. 66. I disturbi più riscontrabili: le Dermatopatie Indicatori di disagio psicologico  Incoerenza manifesta tra le caratteristiche di sviluppo del soggetto con quelle tipiche della sua età,perché: regressive; non progressive (condizione di stallo); premature
  67. 67. I disturbi più riscontrabili: le Dermatopatie Indicatori di disagio psicologico  Presenza di rilevanti problemi in ambito relazionale e/o scolastico: nei rapporti interpersonali in genere; nelle interazioni coi coetanei; nell’adattamento sociale; nell’apprendimento e nel rendimento scolastico
  68. 68. I disturbi più riscontrabili: le Dermatopatie Indicatori di disagio psicologico  Messa in atto di atteggiamenti inadeguati rispetto alla malattia dermatologica: negazione del vissuto personale; accentuazione del vissuto personale; insorgenza di sensi di colpa; attribuzione,al disturbo,di altri significati
  69. 69. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola SCUOLA = ANSIA = EVITAMENTO EVITAMENTO (motivato dalla malattia) ↓ ANSIA RIDOTTA (rinforzo negativo)
  70. 70. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola  Il rifiuto,da parte dello studente,di andare a scuola,avendo associato a questa un’intenso stato ansiogeno  I disturbi correlati coinvolgono prevalentemente l’apparato gastrointestinale (nausea,vomito,diarrea,dolori di stomaco, mal di testa,disturbi del sonno)
  71. 71. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Kennedy (1965) → Classificazione Fobia tipo 1:  Primo episodio fobico;  Inizia di lunedì, dopo una malattia scoppiata il giovedì e il venerdì precedenti;  Compare in modalità acuta;  Prevalente tra b/i che frequentano le classi inferiori;
  72. 72. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Tipo 1:  Preoccupazione della morte;  Preoccupazione per la salute della madre (a ragione oppure no);  Buona comunicazione tra i genitori;  Genitori generalmente equilibrati;  P rivaleggia vs M per la conduzione fam;  I genitori comprendono facilmente la dinamica del disturbo
  73. 73. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Fobia tipo 2:  Non si tratta del I° episodio;  Inizia di lunedì, dopo una malattia anche leggera;  Compare in modo incipiente;  Prevalentemente fra studenti che frequentano classi superiori;  Non c’è preoccupazione per la morte;
  74. 74. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Tipo 2:  Non c’è preoccupazione particolare per la salute della madre;  Comunicazione tra genitori non buona;  M comportamento nevrotico e P con disturbo del carattere;  P con scarso interesse per la famiglia;  Genitori non collaborativi
  75. 75. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Eziologia → Approccio Psicodinamico - Johnson (1941): Fobia come ansia di separazione b/o-gen (si esclude la paura della scuola) - Waldfogel (1957): paura della scuola dovuta a proiezione dell’ansia dalle figure gen
  76. 76. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Eziologia → Approccio Comportamentale Dagli studi (inglesi anni 60-70) sulla valutazione delle assenze si evidenziano le caratteristiche distintive fra i soggetti fobici e gli studenti che “marinano la scuola”
  77. 77. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Sogg. Fobici: • M iperprotettiva; • D. alimentazione; • Nausea; • Dolori addominali; • D. del sonno; • ansia Sogg. che “marinano”: • Scarsa disciplina; • Attitudine alla menzogna; • Episodi di furto; • Attitudine ad allontanarsi da casa; • Comparizioni al TdM; • enuresi
  78. 78. I disturbi più riscontrabili: la Fobia della scuola Teoria dell’autenticità della fobia Loventhal e Sill (1964):  la fobia non compare all’inizio della scolarizzazione;  I b/i non sopportano la mancanza dei genitori in alcun contesto;fobia come reazione all’insuccesso scolastico in sogg. con una immagine irrealistica delle proprie capacità

×